BRAND STRATEGY

On air il nuovo spot di Sofficini Findus ideato da GreyUnited. Pianifica ZenithOptimedia

- # # # #

campagna Sofficini Findus

Arriva in tv la nuova campagna di comunicazione Sofficini Findus che vedrà ancora una volta protagonista Carletto e i suoi Sofficini. L’idea è di GreyUnited, partner creativo e strategico di Findus, con una produzione tutta italiana per il mercato locale.

Carletto nelle vesti inedite di pittore, si prepara a sfoggiare tutto il suo estro e la sua vena artistica nel tentativo di rendere migliore un capolavoro dell’arte classica: niente meno che la Gioconda.

Lo spot, pianificato per la TV nel formato 30” e 15”, è il primo realizzato interamente da GreyUnited, avvalendosi della regia pluripremiata di Catxo. A questo si aaffianca anche un video destinato al web con taglio a 19” dove Carletto sarà protagonista in veste di Battitore d’asta.

Chief Creative Officer: Christopher Jones
Direttore Creativo Esecutivo: Roberto Battaglia
Chief Strategy Officer: Gaetano De Marco
Direttore Creativo Associato: Barbara Cicalini
Creative Planner: Carlo Muttoni
Copywriter: Paolo Moretti
Art Director: Filippo Solimena
CSD & International Business Leader: Irina Alverà
Account Supervisor: Elena Suardi
Account Executive: Francesca Levi
CDP: Filmaster
3D: Ubik
Regia: Catxo
Musica: Do you love me?
Pianificazione media: ZenithOptimedia

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Capitan findus presenta i nuovi pastellati e torna on air con Greyunited e Zenith

- # # # #

spot Findus

Findus torna in comunicazione con un altro episodio della saga del Capitano e del suo giovane equipaggio. E lo fa con un’idea originata da GreyUnited, avvalendosi di una produzione internazionale in collaborazione con Grey UK.

Dopo giorni di navigazione, per la giovane ciurma del Capitano, è tempo di fare rotta verso casa e riabbracciare i propri familiari. Un’occasione speciale per ritrovarsi a tavola, pronti a gustare i nuovi Pastellati.

È questa la creatività che sviluppa il concetto dello stare tutti insieme, valorizzato dal piacere di condividere un momento importante come quello del pasto. Chiude lo spot l’ormai celebre claim “Solo il meglio per i Capitani di domani”.

Realizzato nel formato 20” e pianificato su tutte le emittenti nazionali e online, lo spot è già on air da domenica 23 Aprile.

Chief Creative Officer: Christopher Jones
Direttore Creativo Associato: Barbara Cicalini
Copywriter: Paolo Moretti
Art Director: Daniele Dagrada
CSD & International Business Leader: Irina Alverà
Account Supervisor: Elena Suardi
Chief Strategy Officer: Gaetano De Marco
Creative Planner: Carlo Muttoni
CDP: Dark Energy London
La pianificazione media è curata da ZenithOptimedia

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Nutella lancia la nuova limited edition unica e speciale. Ogilvy firma la campagna integrata

- # # # # # #

Nutella

Nutella conosce così bene i suoi consumatori che dopo averli chiamati per nome, dopo aver portato i loro messaggi e dopo aver parlato il loro dialetto, ha voluto fare qualcosa in più: celebrarli uno a uno. Nasce così la nuova edizione speciale: milioni di vasetti tutti diversi, ognuno con un codice identificativo unico e una grafica irripetibile, realizzati grazie a una tecnologia innovativa che si basa sullo sviluppo grafico di un pattern da cui, grazie allo zoom e a tecniche di rotazione randomiche, si ottengono milioni di combinazioni diverse. Proprio come ognuno di noi: diversi, e per questo motivo unici.

A sostegno dell’iniziativa, una campagna firmata da Ogilvy che copre tutti i media in modo integrato. A partire dal formato 20” in tv su tutte le reti nazionali, che ritrae tanti personaggi comuni ma speciali. Perché, con le loro differenze, rendono il mondo più ricco e colorato. La colonna sonora, che è anche il claim della campagna, è “Come te non c’è nessuno”, il celebre brano di Rita Pavone, reinterpretato dalla cantautrice Lidia Schillaci.

 

 

È proprio il brano il fil rouge della campagna, che in radio viene dedicato direttamente agli ascoltatori dalla voce di Lidia. E sui social diventa una dedica da trasmettere a chi più amiamo: perché qui gli utenti, a loro volta, possono rivolgere un messaggio unico a qualcuno per loro speciale, creando su Facebook un video di 18 secondi personalizzato con le foto che raccontano il loro legame.

“Questa campagna ha esaltato le competenze di reale integrazione della nostra agenzia. Ogni media viene attivato nel rispetto della sua grammatica – dalla TV al video web, dalla radio a Facebook – grazie al lavoro di team specialistici, le cui professionalità verticali sono state orchestrate all’interno di un concept veramente unico, neanche a dirlo, come noi non c’è nessuno”, dichiara Paolo Iabichino, Chief Creative Officer di Ogilvy & Mather Italy (nella foto insieme alla “suo” vasetto di Nutella).

La pianificazione è a cura di ZenithOptimedia.

Credits
Chief Creative Officer: Paolo Iabichino, Giuseppe Mastromatteo
Group Head of Digital & Business Development: Michael Berger
Client Creative Director: Lavinia Francia
Copywriter Team: Carlotta Schoen, Laura Massei
Art Director Team: Andrea Guzzetti (Senior), Massimiliano Corradini, Vanessa Anfossi
Head of Planning: Alessia Vitali
Social Team: Nicola Pavan (Social Media Strategist), Beatrice Lopez (Community Manager)
Account Team: Daniele Bacigalupi (CSD), Simone Zanelli (Director), Gianpaolo Volpe Pasini
Senior Project Manager: Stella Stasi
Developer Team: Paolo Drovetti (Senior Front End Developer), Kushan Gunasinghe (Front End Developer), Francesco Vinci (Software Developer), Marco Crotta (System Administrator)
Producer Team: Francesca D’Agostino (Senior), Alessia Bagni
Casa di Produzione: Collateral

articoli correlati

BRAND STRATEGY

TBWA\Italia firma la nuova campagna istituzionale ENI

- # # # # # #

Eni - TBWA\Italia

TBWA\Italia firma la nuova campagna “Eni per l’Italia” che racconta come Eni immagini soluzioni, le progetti e poi le realizzi attraverso il lavoro concreto delle sue persone e delle loro mani, ogni giorno. Aggiungendo valore e ricchezza al Paese dove siamo nati.

Un messaggio istituzionale dedicato alle iniziative e agli impegni di Eni nel nostro Paese: valorizzare impianti tradizionali trasformandoli in bioraffinerie per produrre biocarburanti, produrre energia solare bonificando siti inutilizzabili, creare un centro di eccellenza per la formazione e la specializzazione di figure professionali Eni e investire nel progetto di Alternanza Scuola/Lavoro che vuole fornire ai giovani le competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando aula ed esperienze sul campo.

La campagna è composta da cinque soggetti TV 15″ e da quattro soggetti stampa e web. In ognuno, si racconta di come le idee di Eni hanno preso e prenderanno vita in Italia grazie al lavoro e all’impegno delle mani delle sue persone. Che, modellando la carta dei progetti, li trasformano in oggetti concreti, icone dell’argomento trattato: il sole per l’energia solare, un’auto per i biocarburanti, una maschera per la realtà virtuale e uno zaino per l’Alternanza Scuola/Lavoro.

 

CREDITS

Agenzia: TBWA\Italia
Chief Creative Officer: Nicola Lampugnani
Direttore Creativo: Gina Ridenti
Copywriter: Chicco Meomartini
Art Director: Elena Di Lernia
Direttore Clienti sede di Roma: Fabrizia Marchi
Account Director: Oscar Carcas Regnaud
Account: Silvia Scaldaferro
Digital Manager: Fabio Allemagna
Digital Projetc Manager: Giorgia Segalli
Senior web Designer: Chiara Villotta
Senior Flash Developer: Riccardo Sallusti
Flash Designer: Marco Dagnoni

Produzione Stampa: EG+ Worldwide
Creative Service Director: Valerio Minestra
Coordinatore traffico controllo produzione stampa: Loredana Zavaglia
Produzione stampa: Massimiliano Pignani

Produzione Cinema: EG+ Worldwide
Responsabile ufficio cinema: Antonello Filosa
Producer: Natascia Bruschetti e Silvia Congiu

Casa di Produzione tv: Fargo
Regia: Paolo Borgato e Tommaso Berté

Casa di Produzione stampa: Livello 6
Fotografo: Lorenzo Pesce

Centro media: ZenithOptimedia

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Da 10 anni uniti dalla stessa passione”: al via la campagna Eurobet

- # # #

eurobet

Dal 16 settembre Eurobet è in tv e sul web con la nuova campagna pubblicitariaDa 10 anni uniti dalla stessa passione”, firmata da Saatchi & Saatchi.
Lo spot è un racconto di quanti modi diversi esistono per giocare indirizzato a tutti gli scommettitori,  “a quelli della vecchia scuola e a quelli di una volta ogni tanto, ai giocatori che non se ne sono persa una e a quelli che la stanno ancora aspettando”. Esistono diversi modi di essere giocatori, stili unici e personali di vivere e interpretare le scommesse che Eurobet rende possibili dal 2006 grazie alla sua ricca, variegata e ampia offerta di scommesse sportive.

La campagna seguirà una pianificazione integrata, opera di ZenithOptimedia:  lo spot sarà presente su tutte le principali emittenti televisive nazionali e parallelamente avrà luogo il lancio sul web.
“Abbiamo voluto celebrare con il pubblico i 10 anni di presenza in Italia di Eurobet”, spiega afferma Alexis Grigoriadis, Online Marketing Director di Eurobet. “10 anni di crescita e di importanti traguardi in cui i giocatori sono sempre stati al centro dei nostri progetti, in cui abbiamo cercato di offrire loro un’esperienza di gioco sempre più completa, innovativa, coinvolgente, ma soprattutto sicura e responsabile”.
In occasione del decimo anniversario e del lancio della campagna televisiva, Eurobet ha deciso inoltre di presentare la sua nuova Corporate Identity. Elemento centrale della nuova veste grafica è il logo reinterpretato in chiave moderna e dinamica, ed in grado di esprimere al meglio i valori e le caratteristiche dell’azienda.
CREDITS:
AGENZIA: Saatchi & Saatchi
Executive Creative Director: Agostino Toscana
Creative Director: Alessandro Orlandi, Manuel Musilli
Art Director: Ignazio Morello
Copywriter: Leonardo Cotti
Junior Art Director (stampa e web) : Chiara Mezzalira
TV Producer: Manuela Fidenzi
Head of TV: Erica Lora-Lamia
Senior Digital Manager: Simone Roca
Account Team: Fausto Benedetto Tumbarello, Giuseppe Colasurdo, Annalisa Bronzi, Veronica Costantino
Strategic Planning Director: Lucas Conte
Casa di Produzione: Think Cattleya
Regia: Roberto “Saku” Cinardi
DOP: Giuseppe Favale
Editor: Marcello Saurino
Music and Sound Design: Guido Smider
Centro Media: ZenithOptimedia Group
Corporate Identity: Eurobet – Marketing

articoli correlati

AGENZIE

Blue 449 sempre più globale apre anche in Spagna

- # # # # #

Andras Vigh Blue 449

Col l’agenzia in Spagna, Blue 449, parte di ZenithOptimedia Group, ha aperto la sua settima sede dal lancio nel marzo dello scorso anno e dal  contestuale avvio delle attività in Regno Unito, Francia, Italia, Australia e Belgio.

In Spagna Blue 449 sarà guidata dal managing director Carlos Casado e sarà supportata da Adam Hemming, che assume il ruolo di general manager. Carlos Casado è entrato in ZenithOptimedia nel 2002 come new business manager ed è stato responsabile del lancio di Newcast, la divisione di ZenithOptimedia specializzata in branded content, in Spagna. Adam Hemming, invece, arriva da ZenithOptimedia Singapore, che ha guidato negli ultimi sei anni.

“Siamo di fronte a uno sviluppo entusiasmante della comunicazione sui media”, commenta Carlos Casado. “Blue 449 sarà un network dinamico e costruito su più hub, che trae beneficio da tutte le risorse di ZenithOptimedia Group e Publicis Groupe”.

Blue 449 Spagna avrà sede a Madrid, negli uffici di Zenith Media e Optimedia, e lavorerà a stretto contatto con tutte le unit specializzate di entrambe le società, con clienti globali come Clarins, Disneyland Paris, Puma, Polo Ralph Lauren e BASF.

Contando su 17 city hub entro la fine del suo primo anno di attività, Blue 449 collabora operativamente con gli altri brand di ZenithOptimedia, inclusi Performics, Newcast e Ninah, avvalendosi anche dell’accesso all’ampia gamma di servizi forniti da Publicis Groupe e VivaKi, il tutto all’interno di una nuova architettura per i clienti, chiamata “Open Source”.
“Il mondo non ha bisogno di un’altra agenzia media globale”, spiega Andras Vigh (nella foto), global CEO di Blue 449, “Ciò di cui ha bisogno è una nuova fonte d’energia per i clienti che vogliono rompere con le tradizioni. Blue 449 è la concretizzazione di mentalità e pensiero visionari, in grado di rivoluzionare radicalmente il mercato”.

Il modo di agire collaborativo e “Open Source” dà infatti forma anche alle relazioni di Blue 449 con i partner media e tecnologici, oltre ad influenzare l’approccio del network alla pianificazione e le sue risposte alle sfide dell’economia digitale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Disneyland Paris lancia la migliore offerta. Pianifica Zenith Optimedia

- # # #

Disneyland Paris - La migliore offerta

Disneyland Paris inizia il nuovo anno presentando al mercato italiano la migliore offerta per prenotare la stagione primavera-estate. Valida per arrivi dal 24 Marzo al 31 Ottobre 2016, la promozione prevede uno sconto fino al 25% sul pacchetto soggiorno (pernottamento in un albergo Disney + biglietti di ingresso + prima colazione) e volo con Air France, in più la mezza pensione è gratis e i bambini sotto i 7 anni non pagano.

La promozione è supportata da un’impattante campagna media, TV e web, fino al 7 febbraio. Gli spot video sono incentrati sul miglior momento per portare i bambini a Disneyland Paris, quando, nonostante stiano crescendo credono ancora nei sogni e nella fantasia. Le reti TV coinvolte sono principalmente Mediaset, SKY, Discovery e Cielo. La pianificazione web, display e video, è in modalità di programmatic rivolta principalmente al target famiglia.

La creatività è stata localizzata dall’agenzia HAVAS Worldwide Milano, mentre la pianificazione è stata curata da Zenith Optimedia.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

CES: una finestra sul consumer journey iperconnesso. Secondo ZenithOptimedia

- # # #

I miglioramenti nella tecnologia data-driven stanno ponendo le fondamenta per un consumer journey super-connesso, offrendo alle aziende nuove opportunità per creare esperienze di marca potenti e integrate, senza soluzione di continuità. È questo l’insight fondamentale che ZenithOptimedia ha distillato dal CES 2016 di Las Vegas, dove è stata presentata una molteplicità di nuove tecnologie. Nonostante la grande varietà in termini di dispositivi e funzioni, è emerso un unico filo conduttore: l’uso sofisticato dei dati per fornire utilità o intrattenimento ai consumatori. E molte delle tech company che sviluppano questi nuovi tipi di tecnologia si sono prese il giusto tempo per spiegare ai delegati come i propri prodotti e servizi si sono inseriti nell’ecosistema tecnologico emergente ad alta connettività.

L’Internet of Things promette numerosissimi nuovi punti di connessione fra i dati, in un sistema dove ogni piattaforma o applicazione tecnologica svolge il proprio ruolo nel creare un nuovo consumer journey ad alto tasso di connessione, costruito su esperienze coinvolgenti e funzionalità time-saving.

“Molti degli entusiasmanti prodotti tecnologici in mostra al CES quest’anno indicano che siamo all’inizio di una nuova era fatta di consumer experience altamente connesse, alimentate da dati e mosse dall’Internet of Things”, commenta Stefan Bardega (nella foto), Chief Digital Officer di ZenithOptimedia. In alcuni casi, aziende provenienti da settori diversi ora collaborano per sviluppare nuove tecnologie e far crescere la connettività. Tutto ciò è un’ottima notizia per le aziende che vogliono creare esperienze di marca potenti e capaci di generare ritorno sull’investimento.”

Questo nuovo percorso di consumo super-connesso comincia dal consumatore mobile: una schiera di nuovi dispositivi in mostra al CES è esattamente in grado di soddisfare i bisogni del mobile consumer. Ancora una volta, i dispositivi indossabili – che permettono di connettersi online e sono collegati ad altre piattaforme e dispositivi – sono stati onnipresenti al Consumer Electronics Show. Fatto degno di nota, Fossil ha annunciato che lancerà 100 dispositivi connessi quest’anno e, più in generale, molti dispositivi indossabili al CES erano incentrati su salute e benessere, come l’Honor Band Z1 di Huawei che aiuta l’utente a tenere traccia del proprio stile di fitness contando i passi e misurando il sonno di chi lo indossa.

L’automobile, inoltre, diventerà una piattaforma sempre più importante in questo nuovo connected consumer journey. Diverse hi-tech connected car sono state svelate alla mostra di quest’anno. Volkswagen, ad esempio, ha presentato due concept car del futuro, connesse e totalmente elettriche: e-Golf Touch e il minivan Budd-e, che permetteranno al guidatore di avere informazioni quali la presenza di visitatori di fronte a casa o la quantità di cibo in frigorifero.
BMW, dal canto suo, con il sistema Open Mobility Cloud concettualizza una vera e propria visione dell’auto nell’Internet of Things. La nuova tecnologia di BMW è la prova di come l’automobile possa essere integrata fluidamente rispetto ad una connected home, permettendo al guidatore di controllare, ad esempio, l’illuminazione, il riscaldamento e gli elettrodomestici dall’interno dell’abitacolo.
Oltre ad esporre alcune delle sue nuove concept car alimentate a idrogeno, invece, al CES Toyota ha anche annunciato che sta rafforzano i propri sforzi sul Toyota Research Institute per sviluppare un’intelligenza artificiale che aiuti le auto a comunicare l’una con l’altra al di fuori dell’interazione umana.
Mercedes-Benz, infine, ha svelato il suo nuovissimo controllo con sensori al volante, Touch Pad, che permette al conducente di azionale senza sforzo le opzioni a menù su due schermi ad alta definizione.

La “casa connessa” rappresenta infine una parte centrale nell’internet delle cose e svolgerà un ruolo chiave nelle esperienze integrate che le marche potranno offrire ai consumatori. Al Consumer Electronics Show sono stati messi in mostra numerosi nuovi elettrodomestici “smart and connected”, come il nuovo frigorifero Family Hub di Samsung e la nuova lavasciuga smart di Whirlpool, che integra le funzionalità di shopping Amazon Dash e permette di gestire le scorte in modo facile e automatizzato. Grazie allo sviluppo dell’internet delle cose, la casa è diventata un nuovo terreno di battaglia per i brand: i dati raccolti a partire dai nostri acquisti domestici e dalle nostre conversazioni coi dispositivi avranno lo stesso valore dei dati raccolti da Internet. Solo per fare un esempio, Nest (sistema di Google per la smart home) e la sua piattaforma di comunicazione fra dispositivi Weave ora sono in diretta concorrenza con Amazon e la sua piattaforma Alexa per il controllo dei dispositivi.
Sempre in tema di connected home, verosimilmente l’annuncio più importante e più discusso al CES di quest’anno è venuto da Netflix, che raggiungerà 130 nazioni con il proprio servizio di streaming e lo renderà disponibile in tutto il mondo. Si tratta di un grande passo per Netflix, che sembra avviato a diventare il servizio di Internet TV dominante a livello globale.

Fattore critico per il successo dei brand in questo percorso di consumo sempre più connesso, infine, sarà la disponibilità di funzioni per il pagamento in grado di soddisfare al meglio i bisogni del mobile consumer: il pagamento in mobilità svolgerà un ruolo fondamentale nel convertire esperienze fluide per il consumatore in vendite per le aziende. Samsung, infatti, quest’anno ha fatto del CES il palco da cui annunciare che la funzione Samsung Pay (attualmente disponibile in Corea del Sud e Stati Uniti), sarà lanciata in Australia, Singapore e Brasile, mentre Coin (fornitore di soluzioni per lo smart payment) e Mastercard faranno fronte comune per aiutare le aziende ad integrare il pagamento mobile nei dispositivi indossabili.

 

articoli correlati

NUMBER

Mobile advertising a 118 miliardi di dollari in tre anni. Nel 2018 internet supererà la tv

- # # #

Nel 2018 il mobile advertising peserà per il 50,2% su tutta la pubblicità internet: a rivelarlo è ZenithOptimedia con l’ultima edizione del report Advertising Expenditure Forecasts. Il mobile advertising, infatti, varrà 118 miliardi di dollari statunitensi nel 2018, in crescita rispetto ai 50 miliardi di dollari del 2015, e raccoglierà più investimenti di tutti gli altri mezzi eccezion fatta per la televisione (che totalizzerà 215 miliardi di dollari USA nel 2018, in ascesa rispetto ai 206 miliardi di dollari di quest’anno).

Al mobile advertising, inoltre, si riconduce la crescita pubblicitaria globale quasi nella sua interezza e ZenithOptimedia prevede che questo canale crescerà ad un tasso medio annuo del 32% fra il 2015 e il 2018, raggiungendo quota 87% su tutti i nuovi investimenti pubblicitari globali in questo periodo.

Sorpasso in vista anche per il Programmatic, che già quest’anno varrà per la prima volta più della metà degli investimenti digital display (53%) e aumenterà la propria quota al 60% nel 2016. Il programmatic advertising – ricorda ZenithOptimedia – è cresciuto fino a dominare il mercato digital display in pochi anni: nel 2012 pesava solo il 12% dell’investimento in display, con un tasso medio di incremento del 100% l’anno. ZenithOptimedia si attende che il programmatic advertising crescerà di un ulteriore 34% nel 2016 e di un 26% nel 2017, punto in cui due terzi della pubblicità display globale saranno gestiti in programmatic.

Nonostante al momento la televisione sia il mezzo pubblicitario dominante, con una quota del 38% sul totale investimenti pubblicitari globali, intenr si appresta a superarla- Secondo le previsioni dell’agenzia media, la quota della televisione ha raggiunto il picco col 39,7% del 2012; oggi vale intono al 37,7% e cadrà al 34,8% entro il 2018.
L’audiovisual advertising nel suo insieme (televisione e online video) sta guadagnando quota nella display advertising. La televisione offre capacità senza eguali nel costruire copertura, mentre l’online video offre possibilità di effettuare un targeting estremamente preciso e di personalizzare i messaggi di marketing – entrambi i mezzi sono strumenti potenti per costruire brand awareness. ZenithOptimedia stima che l’audiovisual advertising peserà per il 48,4% del display advertising nel 2015, in crescita dal 44,1% nel 2010, e si attende che la sua quota raggiungerà il 48,9% nel 2018.
Quanto alle cifre complessiva, la ricerca evidenzia che il mercato pubblicitario globale è stabile dal 2011, crescendo all’incirca a un tasso del 4-5% l’anno e ci si aspetta che questa crescita stabile continuerà almeno fino al 2018. Il 2016 sarà un anno relativamente forte, con una crescita del 4,7% negli investimenti pubblicitari globali, in salita dal 3,9% del 2015. Il 2016 è un anno legato a eventi quadriennali e la spesa pubblicitaria verrà fatta crescere dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, dalle olimpiadi estive e dai campionati europei di calcio.

articoli correlati

AGENZIE

Va online il sito rinnovato completamente di ZenithOptimedia

- # # # #

Da oggi è on line, all’indirizzo www.zenithoptimediagroup.it, la versione completamente rinnovata del sito internet in italiano di ZenithOptimedia, la Live ROI Agency, per il suo approccio rigoroso e oggettivo al miglioramento dell’efficacia degli investimenti di marketing, ottimizzando così, ai propri clienti, il ritorno sull’investimento in comunicazione.
ZenithOptimedia, guidata da Vittorio Bonori (nella foto), terza agenzia media in Italia, quella cresciuta maggiormente negli ultimi 10 anni, è da 25 anni è il riferimento a livello mondiale per i dati, le informazioni e le analisi di tutto ciò che accade nel mondo dei media, e quindi fonte primaria di conoscenza e di interpretazione del settore per l’universo delle aziende, della comunità finanziaria, del mondo istituzionale e delle imprese che operano nella comunicazione.

Il nuovo sito italiano, rinnovato nella veste grafica e nei contenuti, è accessibile da computer e da dispositivi mobili grazie al suo sviluppo responsive e riconferma la leadership di ZenithOptimedia in termini di conoscenza del mercato, di interpretazione dei trend e di expertise sui media.
Il sito fornisce in forma gratuita a tutti gli operatori del mercato, alla stampa e al pubblico una vastissima quantità di informazioni e dati, corredate da interpretazioni e analisi di elevato livello professionale e rappresenta il punto di contatto online sempre disponibile per tutti gli stakeholder esterni all’agenzia. Una particolare attenzione è dedicata alla digital economy; contesto nel quale ZenithOptimedia intende giocare un ruolo di rilievo nel supportare le aziende che si propongono di adottare una strategia digitale come fattore abilitante per la conquista di nuovi territori di crescita.

Il sito informa anche sulla visione e sull’identità dell’agenzia, sui servizi che offre al mercato e sul suo processo di lavoro Live ROI; si articola in una serie di sezioni dedicate a temi specifici, tra cui una selezione accurata di case history, nelle quali Methods&Apps proprietari e l’approccio strategico Owned First trovano applicazione concreta nel generare valore per i clienti.
Per offrire un aggiornamento costante è inoltre disponibile la sezione “Notizie e novità”, in cui è possibile trovare tutte le news più significative sull’agenzia, così come gli insight provenienti dalle numerose ricerche effettuate in Italia e all’estero.
Oltre alla amplissima parte pubblica, infine, il sito www.zenithoptimediagroup.it comprenderà in futuro anche una sezione accessibile tramite password e riservata ai clienti dell’agenzia, che potranno beneficiare di approfondimenti e di servizi informativi e interpretativi ad hoc.

articoli correlati

AZIENDE

ZenithOptimedia annuncia l’acquisizione dell’agenzia di performance marketing Frubis

- # # # # #

ZenithOptimedia, parte di Publicis Groupe , ha acquisito Frubis, una delle principali agenzie di performance marketing in America latina. Un nuovo passo quindi nel programma di investimenti in performance marketing da parte del gruppo già iniziato con la recente acquisizione di FirstClick in Australia.
Frubis entrerà a far parte di Performics, il performance marketing network globale di ZenithOptimedia. L’agenzia sarà guidata Germán Rinaldi, attuale Managing Director di Frubis, e dal team dirigenziale di Santiago Lombardi, Joaquín Muro, Agustín Rinaldi e Mauricio Heck.

Frubis ha a Buenos Aires i propri quartieri generali, nei quali lavorano più di 60 specialisti del performance marketing, espandendosi poi nel 2012 in Colombia, dove ha aperto una sede a Bogotá. Frubis offre ai brand un ampio ventaglio di servizi di performance marketing, fra cui display advertising, social media, ottimizzazione per i motori di ricerca, search engine marketing, programmatic buying, analytics, gestione dati e pianificazione. Frubis lavora con numerosi clienti di rilievo in America Latina quali, ad esempio, AIG, BBVA, Falabella, Direct TV, Merck Sharpe & Dohme, MetLife e Sodimac.

Germán Rinaldi, CEO di Frubis, ha dichiarato: “Frubis ha goduto di una notevole crescita fin dal suo lancio ed è con grande piacere che adesso raggiungiamo lo stadio successivo nello sviluppo dell’agenzia entrando in Performics Worldwide. Diventando parte di un tale network globale di tutto rispetto e con una squadra notevole di specialisti potremo accedere agli strumenti e alle competenze di Performics, come anche porteremo beneficio ai nostri clienti riapplicando le best practice internazionali del network.”

Michael Kahn, CEO di Performics Worldwide, ha commentato: “Frubis si è costruita una reputazione invidiabile in America Latina grazie alla sua considerevole esperienza sulle piattaforme digitali e alla sua gamma di soluzioni per il digital marketing. L’Argentina è un mercato chiave per il nostro gruppo di agenzie e siamo entusiasti di aver reso Frubis parte del network globale Performics, che si sta continuando ad espandere sia attraverso la crescita organica, sia attraverso acquisizioni fondamentali in tutto il mondo.”

L’America Latina, infatti, è uno dei mercati pubblicitari a più alta crescita in tutto il mondo ed è una regione chiave per la crescita di ZenithOptimedia Group, il quale prevede che gli investimenti pubblicitari in America Latina cresceranno dell’8,5% nel 2016, ben oltre il tasso di crescita globale (5,0%) e due volte il tasso dell’America del Nord. Seppur meno avanzato rispetto ad alcuni mercati già sviluppati, inoltre, il digital advertising sta crescendo rapidamente in America Latina, con una previsione di spesa pubblicitaria digitale in crescita del 27,2% per il 2016, al di sopra del 15,2% del totale mondo.

articoli correlati

AGENZIE

Blue 449 vince l’incarico media per la campagna globale corporate image di BASF

- # # #

A seguito di una gara cui hanno preso parte quattro agenzie, Blue 449 è la nuova agenzia media che gestirà la campagna globale di corporate image di BASF. Si tratta della prima vittoria globale per Blue 449, la Open Source Media Agency lanciata da ZenithOptimedia nel corso del 2015.

L’incarico, effettivo dal primo ottobre, vedrà Blue 449 gestire tutte le attività di comunicazione sui mezzi paid in un totale di 18 mercati. L’attività darà supporto all’evoluzione della campagna “We Are Chemistry”, iniziata nel 2010, e vedrà Blue 449 fornire un intero ventaglio di servizi integrati sui paid media secondo il suo approccio Open Source.

BASF è il più grande produttore chimico al mondo e ha la propria sede generale a Ludwigshafen, in Germania. Il gruppo BASF include società sussidiarie e joint venture in più di 80 paesi, operando in sei siti di produzione integrati e altri 390 siti di produzione in Europa, Asia, Australia, nelle Americhe e in Africa, con clienti in oltre 200 paesi e fornendo prodotti a una gran varietà di settori.

Anja Herb, Direttore Brand Strategy & Implementation di BASF, ha dichiarato: “Il modo di lavorare di Blue 449 combacia con la nostra ambizione di allineare con maggior precisione le nostre decisioni media e le nostre decisioni di business, guardando al futuro e stabilendo un nuovo modo di lavorare basato sul talento, la tecnologia e la trasparenza. La proposta di Blue 449 è unica e si distingue per il suo nuovo approccio alle sfide che il settore della comunicazione affronta al giorno d’oggi”.

James Shoreland, Global Managing Director di Blue 449 (nella foto), ha commentato: “Siamo di fronte ad un incarico significativo e simbolico perché incarna i cambiamenti che stanno avendo luogo in entrambi i nostri settori. L’industria chimica guarda al contempo le possibilità e le sfide tipiche di un’era di trasparenza e disponibilità d’informazione senza precedenti. Il nostro modo di lavorare innovativo e Open Source, d’altro lato, è perfetto per affrontare queste sfide e creare vantaggio competitivo per BASF.”

articoli correlati

AGENZIE

ZenithOptimedia cresce nel performance marketing con FirstClick Consulting Australia

- # # # # #

ZenithOptimedia acquisisce FirstClick Consulting, agenzia indipendente di performance marketing, leader nel mercato australiano.

FirstClick diventerà parte di Performics Worldwide, il performance marketing network globale di ZenithOptimedia. L’agenzia FirstClick cambierà marchio passando a quello di Performics Australia e manterrà la propria squadra di dirigenti attuali, guidata dalla CEO Grace Chu che entrerà a far parte del Global Executive Leadership Team di Performics.

Investire in soluzioni di performance marketing sviluppando il network Performics rappresenta una leva strategica di crescita fondamentale per ZenithOptimedia Group. I performance media (che includono canali misurabili e biddable come il paid search, il programmatic display e il paid social), infatti, hanno registrato uno sviluppo considerevole su scala globale negli ultimi anni, con una crescita prevista del 19,1% a livello globale entro il 2015 (fonte eMarketer).

Fondata nel 2005 e con quartier generale a Sydney, FirstClick fornisce ai clienti di tutta l’Australia un’estesa gamma di servizi basati sul digital performance marketing, fra cui search engine marketing, ottimizzazione per i motori di ricerca, programmatic buying, social marketing, marketing analytics e ottimizzazione del tasso di conversione. Negli ultimi dieci anni, inoltre, FirstClick si è imposta come leader di mercato e ha costruito un ragguardevole portafoglio clienti ad alto valore.

Grace Chu, CEO di FirstClick, ha commentato: “Siamo molto entusiasti di far parte di Performics Worldwide e di ZenithOptimedia Group. I nostri clienti e il nostro staff trarranno beneficio dalle idee applicate in tutto il mondo, dalle best practice condivise e dalle competenze che porta con sé l’entrare a far parte di un network riconosciuto e premiato internazionalmente. Questo testimonia anche come la squadra di FirstClick sia riconosciuta nel ruolo di leader in un contesto internazionale”.

Michael Kahn, CEO di Performics Worldwide (nella foto), ha dichiarato: “Siamo stati davvero colpiti dalla qualità dell’offerta di FirstClick e i risultati che fornisce ai propri clienti sono ben al di sopra degli standard globali. La combinazione di Performics, leader globale nel performance marketing, con FirstClick, leader di mercato in Australia, offrirà ai clienti una miscela di best practice globali e forte conoscenza locale. Siamo sicuri che insieme ci sapremo posizionare ottimamente per sostenere la crescita delle opportunità digitali in Australia”.

Ian Perrin, CEO di ZenithOptimedia Australia, ha commentato: “Vogliamo indiscutibilmente arrivare a proporre la migliore offerta in assoluto per il performance marketing in Australia e l’aver portato FirstClick nel nostro gruppo rappresenta un passo enorme in questa direzione. Grace e il suo team sono professionisti di prim’ordine e probabilmente anche i digital performance thinker di maggior talento in Australia. La squadra di FirstClick darà un enorme contributo alla nostra organizzazione e non vediamo l’ora di dar loro il benvenuto nella nostra famiglia”.

articoli correlati

NUMBER

ZenithOptimedia: entro il 2018 il mobile web supererà quello degli altri dispositivi nel loro insieme

- # # # # #

Crescita mercato digitale

Sta per arrivare il momento in cui internet vivrà principalmente di mobile: per la precisione, è il 2018 l’anno della svolta, secondo quanto rivelato da ZenithOptimedia con il suo report The Mobile Imperative, il nuovo studio globale condotto dall’agenzia insieme a GlobalWebIndex. Entro tre anni, infatti, l’accesso a internet da mobile supererà quello di tutti gli altri dispositivi nel loro insieme, per una totale dominanza di smartphone&co.

Utilizzando un panel GWI di 200.000 utenti internet, la ricerca ha evidenziato che, entro tre anni, i giovani fra i 16 e i 24 anni d’età che vivono in 34 dei più importanti mercati pubblicitari mondiali passeranno la maggior parte del proprio tempo su internet a partire da dispositivi mobili, senza distinzione di luogo. Alcuni paesi, come il Messico e l’Arabia Saudita, hanno già toccato questo “picco mobile”. È il Brasile il primo mercato pubblicitario nella top 10 dei paesi che raggiungeranno questo punto di svolta e, entro il 2016, la sua popolazione di persone fra i 16 e i 24 anni accederà al web principalmente tramite mobile. Anche la Corea del sud e l’Argentina raggiungeranno il “picco mobile” l’anno prossimo, mentre Cina e Giappone (il secondo e terzo mercato pubblicitario mondiale secondo il report Advertising Expenditure Forecast September 2015 di ZenithOptimedia) arriveranno al punto di sorpasso nel 2017. Stati Uniti e Germania (primo e quinto fra i mercati mondiali), invece, varcheranno la soglia nel 2018, seguiti nel 2019 dal Regno Unito (il quarto più grande mercato).

Nello studio The Mobile Imperative di ZenithOptimedia, presentato al dmexco 2015, l’agenzia media e GlobalWebIndex rivelano che, nei 34 mercati analizzati, le persone fra i 16 e i 24 anni d’età rappresentano il 41% degli utenti Mobile First (definiti come le persone che accedono a internet da dispositivi mobili almeno per il 90% del tempo). Un ulteriore 31% di utenti Mobile First si colloca, invece, nella fascia d’età fra i 25 e i 34 anni. I mercati con la più alta penetrazione attuale di utenti Mobile First si trovano nel medio oriente (Arabia Saudita con l’11% ed Emirati Arabi Uniti con l’8%) e in Scandinavia (Svezia, 8%). Non sorprende, inoltre, che il 63% dei Mobile First User viva in aree urbane. Gli utenti Mobile First spendono una quantità notevole di tempo su mobile web, in media 3,59 ore al giorno, e il 23% di loro ha dichiarato di aver comprato un prodotto tramite dispositivo mobile nell’ultimo mese. Per i Mobile First User, l’attività di mobile web più diffusa è l’utilizzo di servizi per i social network, che totalizza una diffusione del 44% in questo gruppo di utenti. A stretto giro seguono le previsioni del tempo (38%) e la visualizzazione di video online (22%) – con implicazioni significative per gli inserzionisti che investono in programmi di contenuto.

ZenithOptimedia e GWI hanno anche scoperto che i cambiamenti nel comportamento mobile avranno un impatto significativo sulle ricerche online, elemento che è stato fra le leve fondamentali nella internet economy – leva che è valsa 140 miliardi di dollari USA nello scorso anno secondo uno studio di eMarketer. L’agenzia media sottolinea che l’uso dei motori di ricerca fra tutti gli utenti internet è sceso di sei punti percentuali fra il primo trimestre 2014 e il primo trimestre 2015, dal 55% al 49%. Il cambiamento è ancora più marcato per le persone fra i 16 e i 24 anni, con una caduta di 10 punti percentuali, dal 53% al 43%. Questa tendenza è sostenuta principalmente dall’aumento nell’utilizzo delle applicazioni. Il comportamento sui mezzi di comunicazione in mobilità, infatti, sempre più si basa sulle app, che rappresentano l’86% del tempo speso su mobile secondo Flurry (fornitore di soluzioni per il mobile advertising) e che generano effetti profondi sull’utilizzo dei mobile browser. Lo studio nota anche la crescita della social discovery: i primi otto siti di social networking hanno generato più del 30% del traffico ai siti internet nello scorso anno – in crescita rispetto al 22% dell’anno precedente, fonte Buzzfeed.

articoli correlati

NUMBER

Pubblicità, nel 2016 il mobile sorpasserà i quotidiani: le previsioni di ZenithOptimedia

- # # # # #

Avverrà nel corso dell’anno prossimo l’atteso sorpasso: le ultime previsioni del report Advertising Expenditure Forecasts di ZenithOptimedia sostengono, infatti, che nel 2016 il mobile supererà i quotidiani in termini di investimenti pubblicitari, pesando per un 12,4% della spesa pubblicitaria globale contro l’11,9%. Secondo l’agenzia media il mobile internet sarà il terzo più grande mezzo pubblicitario, alle spalle di televisione e desktop internet. La pubblicità su dispositivi mobili crescerà del 38% nel 2016, raggiungendo i 71 miliardi di dollari USA, mentre quella su quotidiani si contrarrà del 4%, scendendo a 68 miliardi di dollari statunitensi. Il mobile advertising resta la forza propulsiva che spinge la crescita dell’intero mercato pubblicitario, contribuendo per l’83% ai nuovi investimenti pubblicitari fra il 2014 e il 2017.

La pubblicità su internet supererà quella televisiva nel 2018, mentre la stampa continuerà a diminuire
Il desktop internet advertising continuerà a crescere, ma perderà parte della propria quota di mercato per la prima volta quest’anno, in discesa dal 19,8% sulla spesa pubblicitaria mondiale nel 2014 al 19,4% nel 2015 – ZenithOptimedia prevede che entro il 2017 la pubblicità su internet per dispositivi desktop varrà il 19,1% degli investimenti mondiali in pubblicità. Nel frattempo, la quota globale del mobile internet advertising crescerà dal 5,7% del 2014 al 15,0% nel 2017. Nel complesso, la pubblicità su internet peserà per il 34,0% degli investimenti mondiali nel 2017, leggermente meno del 35,9% che deterrà la televisione. La distanza in quota di mercato fra i due mezzi di assottiglierà dai 13,3 punti percentuali nel 2014 agli 1,9 nel 2017. Con questo tasso di crescita, dunque, la pubblicità su internet supererà quella televisiva nel 2018.
La spesa pubblicitaria sulla stampa, invece, continuerà a diminuire in quasi tutto il mondo, come già sta succedendo dal 2008. ZenithOptimedia prevede che gli investimenti pubblicitari sui quotidiani diminuiranno mediamente del 4,9% all’anno fino al 2017, mentre quelli relativi alle testate periodiche diminuiranno del 3,2% l’anno. La somma della quota complessiva dei mezzi a stampa sul mercato pubblicitario mondiale è scesa drasticamente dal 39,4% del 2007 al 19,6% di quest’anno e, secondo le previsioni di ZenithOptimedia, diminuirà ulteriormente fino a toccare il 16,7% nel 2017.

La spesa pubblicitaria mondiale crescerà del 4,0% nel 2015
ZenithOptimedia prevede che gli investimenti pubblicitari globali cresceranno nel 2015 del 4,0%, raggiungendo i 554 miliardi di dollari statunitensi e questa crescita accelererà nel 2016 con un tasso del 5,0%, spinta dalle olimpiadi estive del 2016 a Rio e dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. In seguito gli investimenti rallenteranno lievemente per via dell’assenza di questi eventi, crescendo comunque del 4,4% nel 2017.

I mercati maturi guideranno la crescita pubblicitaria per la prima volta in nove anni
Con questa nuova edizione del proprio report sugli investimenti pubblicitari, ZenithOptimedia ha rivisto al ribasso le proprie previsioni di crescita pubblicitaria, riducendole di 0,2 punti percentuali rispetto alla previsione realizzata lo scorso giugno. In tutto il mondo, infatti, si è assistito ad una decelerazione su ampia scala, poiché inserzionisti hanno ridotto le proprie aspettative rispetto alla crescita economica mondiale. Con il Brasile e la Russia in recessione e la Cina in rallentamento, il mondo non può più fare affidamento sui mercati emergenti per dettare il passo della crescita economica. ZenithOptimedia prevede dunque che quest’anno i mercati maturi (che l’agenzia identifica in Nord America, Europa Occidentale e Giappone) contribuiranno alla crescita della spesa pubblicitaria mondiale in misura maggiore rispetto ai mercati emergenti (tutti gli altri) – fatto che si verificherà per la prima volta dal 2006. L’agenzia, ad ogni modo, ritiene che si tratti di un’eccezione temporanea – i mercati emergenti torneranno ad apportare un contributo fondamentale alla crescita del mercato pubblicitario nel 2016 e che vedranno aumentare la propria quota di mercato dal 37,4% nel 2015 al 38,8% nel 2017.
La Cina rallenta ma cresce comunque due volte più rapidamente del mondo nel suo complesso
Il mercato pubblicitario cinese non è stato fondamentalmente influenzato dalle turbolenze del mercato azionario nazionale, ma l’economia in rallentamento e le preoccupazioni sulla potenziale crescita futura hanno spinto gli inserzionisti a ridurre leggermente i propri investimenti. ZenithOptimedia prevede che la crescita pubblicitaria in Cina scenderà dal 10,5% del 2014 al 7,8% del 2015 – un tasso di crescita che è comunque il doppio rispetto a quello del mercato pubblicitario mondiale e che rende la Cina il tredicesimo mercato pubblicitario per tasso di crescita rispetto agli 81 coperti dal report Advertising Expenditure Forecasts.

Il basso prezzo del petrolio pesa sui grandi produttori
Mentre è un fattore favorevole per l’economia globale nel suo complesso (ma anche per il mercato pubblicitario), il basso prezzo del petrolio sta comprimendo l’attività proprio dei grandi produttori di questo bene. ZenithOptimedia prevede per quest’anno diminuzioni a doppia cifra nella spesa pubblicitaria di Azerbaigian, Nigeria ed Emirati Arabi Uniti, come anche un declino del 7-8% in Kuwait e Arabia Saudita. In Russia il problema dei bassi prezzi del petrolio è stato esacerbato dalle sanzioni internazionali, che porteranno nel 2015 a una perdita stimata del 14,1% per questo mercato pubblicitario.

“La tecnologia mobile sta trasformando rapidamente il modo in cui i consumatori di tutto il mondo vivono le proprie vite e sta avendo un effetto dirompente sui modelli di business in tutti i settori” ha dichiarato Steve King, CEO di ZenithOptimedia Worldwide. “Ora siamo testimoni del più rapido spostamento di budget pubblicitari della storia, dato che inserzionisti e agenzie vogliono essere presenti il prima possibile nel modo di vivere mobile sposato dai consumatori”.

articoli correlati