BRAND STRATEGY

Appuntamento dal 25 al 27 maggio a Milano con la 9° edizione del Wired Next Fest

- # # #

wired next fest 2018

Quali innovazioni ci attendono nel prossimo futuro? Quanto le nostre esistenze sono contaminate dalla tecnologia e dalla rete? Come stanno cambiando le nostre competenze e il mondo del lavoro? Come ci stiamo evolvendo e come continueremo a evolvere nel tempo? Di questi e molti altri aspetti si occuperà il Wired Next Fest 2018, che si svolgerà a Milano dal 25 al 27 maggio presso i Giardini Indro Montanelli, Corso Venezia 55. L’evento è stato ufficialmente presentato ieri a Milano durante la conferenza stampa dedicata.

Il WNF è il più importante festival italiano che celebra e racconta la scienza, la tecnologia, il business, la rete, la ricerca, l’innovazione sociale, la voglia di cambiamento e l’evoluzione, come elementi chiave per lo sviluppo economico, culturale e politico del nostro paese. Giunto alla nona edizione, il WNF ha l’obiettivo di stimolare un confronto attraverso interviste, panel, keynote, workshop, laboratori, exhibit, performance artistiche e concerti, grazie alla partecipazione di esperti e opinion leader di rilievo nazionale e internazionale. Tre le giornate che avranno luogo a Milano (a cui seguiranno poi in settembre le due di Firenze).

Contaminazione” sarà il focus dell’edizione milanese 2018 dal 25 al 27 maggio. Viviamo in un’epoca in cui assistiamo a una continua e costante ibridazione tra digitale e analogico, tra macchine e uomini, tra contenuti e nuove piattaforme media: uno scambio tra mondi che non ha mai un flusso unidirezionale, ma che è sempre a doppio senso. Il primo giorno del Wired Next Fest approfondirà il tema del Talento: le tecnologie digitali contaminano e impongono la ridefinizione delle competenze all’interno delle aziende e dei singoli sul mercato del lavoro, creando una contaminazione tra figure professionali che prima non si “parlavano” e che ora si fondono addirittura in una.

Anche quest’anno saranno moltissimi i nomi di opinion leader, artisti, scienziati, filosofi e politici, che hanno deciso di aderire al WNF 2018. Tra questi a Milano ci saranno l’attivista politica Chelsea Manning, che ha fatto scoppiare il caso Wikileaks e che per la prima volta interverrà in Europa, l’esperta mondiale di intelligenza artificiale Kate Crawford, l’avvocato fondatrice della Mozilla Foundation Mitchell Baker, in prima linea per garantire la neutralità delle rete, senza discriminazioni, Orit Kopel, tra le massime esperte di fake news e co-fondatrice di WikiTribune, piattaforma globale contro le fake news e la manipolazione delle informazioni realizzata insieme al fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, e ancora Raphael Gualazzi, Negramaro, Motta, Gemitaiz, The Jackal, l’immunologo di fama internazionale Alberto Mantovani, il fumettista Zerocalcare, lo chef Carlo Cracco, il giovane imprenditore guru del social fashion Riccardo Pozzoli, Roberto Viola, a capo della Direzione Generale per Comunicazione Digitale e Tecnologie della Commissione Europea a Bruxelles (DG-Connect), la scrittrice e compagna di dj Fabo Valeria Imbrogno, la modella, scrittrice e porno star Stoya e molti altri che saranno annunciati prossimamente.

Negli anni il Wired Next Fest è diventato un appuntamento di riferimento imperdibile per pubblico e partecipanti, al punto da far quintuplicare le presenze solamente negli ultimi 5 anni. Un festival a ingresso libero e gratuito che ha come obiettivo quello di avvicinare persone di tutte le età all’innovazione e alla tecnologia. Nel 2017 l’edizione milanese ha contato oltre 150 mila partecipanti, più di 850 mila utenti hanno preso parte al WNF via streaming e migliaia di studenti milanesi hanno seguito con curiosità e attenzione gli oltre 200 relatori che sono intervenuti. Per non parlare delle interazioni social che hanno visto il WNF in trend topic durante tutte le giornate del festival, le oltre 200k visualizzazioni su Instagram stories e le migliaia di contatti quotidiani sul profilo facebook ufficiale del festival, dati che confermano l’interesse da parte degli italiani a voler approfondire nuovi temi confrontandosi su passato presente e futuro.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Wired Next Fest, dopo Milano l’evento sbarca a Firenze il 30 settembre e il 1° ottobre

- # # # #

wired next fest, digitale, tecnologia, evento

Il Wired Next Fest torna a Firenze per il secondo anno consecutivo dopo il successo dell’edizione milanese dello scorso maggio. Il 30 settembre e il 1° ottobre 2017 il festival dedicato all’innovazione animerà Palazzo Vecchio. Il tema di quest’anno sarà “i Confini”: mentre ci sono leader e movimenti che chiedono costantemente il ripristino di barriere, le tecnologie digitali ne abbattono parecchie, offrendo gli strumenti per disegnare le nuove frontiere di tutta la società contemporanea.

“Viviamo un tempo in cui la rete cancella le distanze, ma dove l’essere umano è ancora capace di erigere muri”, dice Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia. “Un’epoca scandita da personalità che hanno saputo vedere oltre, visionari che hanno tracciato nuovi percorsi, innovatori che hanno rotto le regole semplicemente affrontando da nuove angolazioni problemi ritenuti insormontabili. Perché non esiste innovazione e rivoluzione senza il superamento dei limiti personali e sociali. Un mondo in rapida trasformazione in cui molti confini sono ancora da tracciare, alcuni da superare, altri da spostare”. Il tema dei Confini sarà esplorato anche all’interno del prossimo numero di Wired – recentemente eletto “Magazine dell’anno” agli SPD Awards di New York – in edicola a fine settembre.

Saranno gli ospiti italiani e stranieri, professionisti di diversi campi, a confrontarsi sul tema del Wired NExt Fest, offrendo spunti e riflessioni in diversi campi: dalla tecnologia all’arte, dalla musica alla scienza, dal cinema all’economia, dallo Spazio alla politica. Venerdì 29 settembre, nel pomeriggio, ci sarà un’anticipazione del festival con protagonista il compositore e pianista Stefano Bollani. Ad aprire invece i lavori sabato 30 settembre la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. Oltre a talk, performance artistiche, laboratori, exhibit, stampa 3D, realtà virtuale, ci sarà una serata musicale unica sabato 30 settembre nel cuore di Palazzo Vecchio, il Salone dei Cinquecento. Tutti i talk potranno essere seguiti in streaming su Wired.it e su Facebook.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Wired Next Fest torna a Firenze il 30 settembre e il 1° ottobre

- # # #

Wired Next Fest a Firenze

Il Wired Next Fest torna a Firenze per il secondo anno consecutivo. Il 30 settembre e il 1° ottobre il festival italiano dedicato all’innovazione animerà Palazzo Vecchio e trasformerà per due giorni Firenze nella capitale del cambiamento.

Mentre a Milano si è parlato di Identità, a Firenze il festival si svilupperà attorno al tema Confini. Un tema che sarà esplorato in tutte le sue forme anche all’interno del giornale in edicola a settembre. Confini in ambito tecnologico, artistico, politico, economico, culturale e social attraverso la presenza di personaggi di rilievo nel panorama internazionale.

“Viviamo un tempo in cui la rete cancella le distanze, ma dove l’essere umano è ancora capace di erigere muri. Un’epoca scandita da personalità che hanno saputo vedere oltre, visionari che hanno tracciato nuovi percorsi, innovatori che hanno rotto le regole semplicemente affrontando da nuove angolazioni problemi ritenuti insormontabili. Perché non esiste innovazione e rivoluzione senza il superamento dei limiti personali e sociali. Un mondo in rapida trasformazione in cui molti confini sono ancora da tracciare, alcuni da superare, altri da spostare”, ha spiegato Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

I dati dell’evento di Milano, che si è tenuto ai Giardini Indro Montanelli, raccontano un’edizione da record: oltre 150.000 presenze totali (830.000 in video-streaming) e due concerti serali che hanno richiamato diverse decine di migliaia di persone. L’anno scorso sono state oltre 188.000 le presenze registrate complessivamente tra Milano e Firenze. I numeri sono stati rilevanti anche in ambito digitale: 1 milione di utenti hanno seguito il festival sul sito di Wired.it e sulla pagina Facebook di Wired Italia con 4 milioni di pagine sfogliate.

Il Wired Next Fest di Firenze si propone quindi di essere un luogo reale e virtuale di incontro e confronto, senza confini, attraverso talk e performance artistiche con ingresso gratuito e su registrazione che avverrà sul sito.

Hashtag ufficiale: #wnf17
Diretto da Federico Ferrazza
A cura di Omar Schillaci, Emiliano Audisio
Wired Next Fest è realizzato con il Patrocinio del Comune di Firenze
Tutto il Festival è organizzato in collaborazione con Audi
Main Partner: BNL – Gruppo BNP Paribas, Enel, Huawei, Nastro Azzurro, Sky
Partner Istituzionale: Regione Puglia, Puglia Sviluppo
Official Timekeeper: Tag Heuer
Partner Scientifico: AIRC
Event Supporter: Audible, Elmec, IED – Istituto Europeo di Design, SIAE, SixthContinent, Yougenio
Official Radio: RDS
Partner Tecnico: Verso
Exhibit & Design Production: Piano B

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Appuntamento il 26, 27 e 28 maggio con il quinto Wired Next Fest

- # # # # #

Wired Next Fest

Il 26, 27 e 28 maggio 2017 si terrà a Milano per il quinto anno consecutivo il Wired Next Fest, importante evento milanese dedicato alla cultura dell’innovazione, organizzato da Wired Italia. La seconda tappa si svolgerà a Firenze i prossimi 30 settembre e 1 ottobre. Talk, performance artistiche, workshop, attività per i bambini e tantissime esperienze per toccare con mano alcune delle tecnologie più avveniristiche.

 

L’edizione 2017 sarà dedicata al tema dell’Identità. L’identità degli individui, delle aziende, dei governi che, grazie all’innovazione tecnologica, sta vivendo un processo di radicale trasformazione. In particolare, l’ubiquità e la grande quantità di informazioni generate dal digitale sono alla base di questo cambiamento. Al Wired Next Fest ci si interrogherà sugli effetti di questa evoluzione. Confini sarà invece il tema dell’edizione fiorentina.  Un appuntamento da non perdere: un’edizione ricca di contenuti e novità, un regalo che Wired fa alla città di Milano e che come per le precedenti edizioni sarà a ingresso libero e gratuito. “Oggi si discute molto di post verità e di fake news, la cui esistenza nascerebbe con il web. Ma è questo stesso dibattito una bufala. I fatti “alternativi” sono sempre esistiti e non siamo nell’epoca della post verità, bensì della post identità. Intelligenze artificiali, genetica, social media e altre innovazioni ridefiniscono ogni giorno i nostri tratti, quelli dei leader politici e delle aziende che devono adattarsi a un mercato in rapida trasformazione. Cambiamenti che ci impongono la domanda: chi siamo davvero? Per questo abbiamo dedicato il Wired Next Fest al tema dell’Identità”, spiega Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

 

Tanti gli ospiti della tappa milanese: Buzz Aldrin, il secondo uomo ad aver camminato sulla Luna che parlerà del futuro dello Spazio e delle sfide che ci attendono; le Pussy Riot, il collettivo di artiste e femministe russe anti-Putin che interverranno su democrazia, diritti e libertà di espressione. E ancora: Ryan Merkley, Ceo di Creative Commons, l’organizzazione per la condivisione e l’utilizzo pubblico delle opere dell’ingegno umano. Ci sarà poi Jerry Kaplan, computer scientist, imprenditore ed esperto di Intelligenza Artificiale che parlerà del rapporto tra lavoro e ricchezza nell’era dell’A.I. Alain Deneault, filosofo e scrittore canadese, approfondirà il tema della “mediocrazia”, ovvero, “della presa del potere da parte dei mediocri e l’instaurazione globale del loro regime”. Tra gli ospiti anche Abdalaziz Alhamza, portavoce di Raqqa is Being Slaughtered Silently (RBSS), collettivo di citizen journalist che a Raqqa – quartier generale e capitale dello Stato Islamico – sfida il regime dell’ISIS. Michael Gazzaniga, dell’Università della California, uno dei più autorevoli esperti al mondo nel campo delle neuroscienze descriverà poi le basi biologiche dell’identità e della coscienza. Ci sarà Mario Bellini, architetto e designer: tra i suoi progetti più famosi si ricorda il primo personal computer al mondo, la P101 di Olivetti;  Gabriele Mainetti, regista de Lo chiamavano Jeeg Robot, recentemente distribuito anche negli Usa. Sul palco del Wired Next Fest anche Sydney Sibilia, con cui ci si confronterà sulla rinascita del cinema di genere italiano, Nino Frassica insieme a Maccio Capatonda, padre e figlio di una comicità italiana creativa, originale e dalla forte identità e Gabriella Coleman, antropologa digitale, una delle più apprezzate e ascoltate studiose al mondo di Anonymous e cultura hacker. Non mancheranno nemmeno le voci delle nuove generazioni, artisti e influencer come: Beatrice Vendramin, Michele Bravi, Claudio Di Biagio, Paolo Stella, Eleonora Carisi e gli youtuber Signor Franz e Marcello Ascani.

 

Una delle novità più importanti di questa edizione è la prima giornata del festival, realizzata in collaborazione con Audi e interamente dedicata all’Intelligenza Artificiale. Saranno tanti gli esperti che ci racconteranno cosa aspettarsi nel prossimo futuro grazie allo sviluppo dell’A.I. Esponenti di primo piano di alcune delle più importanti realtà imprenditoriali internazionali, impegnate nella ricerca e sviluppo dell’Intelligenza Artificiale, si alterneranno sul palco. Emmanuel Mogenet, direttore di Google Research Europe di Zurigo, il centro di ricerca di Google su A.I. e Machine Learning; Antoine Bordes, Research Lead presso il Facebook Artificial Intelligence Research; Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, interverrà invece per parlare del rapporto tra big data e agricoltura e di come le tecnologie di intelligenza artificiale possano aiutare la filiera agroalimentare ad affrontare le sfide che i cambiamenti climatici e l’aumento demografico impongono alla società, alla politica e al mondo imprenditoriale; Eran Shir, Ceo di Nexar, startup per metà americana e per metà israeliana che sta sviluppando un sistema di controllo del traffico basato su algoritmi che oltre a migliorare la sicurezza della guida possa favorire e regolare la diffusione dei primi veicoli a guida autonoma; Yael Citro, vicepresidente di Twiggle, azienda che utilizza l’A.I. per comprendere il linguaggio verbale e migliorare e rendere più semplice e immediata l’esperienza dell’e-commerce; Massimo Rosso, direttore ICT di Rai, e moltissimi altri.

 

“Tre giorni vissuti nel segno dell’innovazione tecnologica, dalla più semplice alla più complessa, ormai parte integrante del nostro quotidiano e capace di trasformare il modo di vivere, lavorare e percepire il mondo. Un mondo che è tanto più vero quanto è condiviso e vissuto attraverso la rete, rete che dobbiamo padroneggiare ma da cui dobbiamo, anche, imparare a difenderci come nel caso delle fake news e della post verità, riconoscendo l’attendibilità delle fonti e dei fatti. Wired Next Fest è la vetrina internazionale dove il grande pubblico può toccare con mano i traguardi raggiunti dall’innovazione e le opportunità che le nuove tecnologie possono offrire in termini di conoscenza e sviluppo futuro”, commenta l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio, Cristina Tajani.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Wired Next Fest sbarca a Firenze: appuntamento il 17 e 18 settembre con la Bellezza

- # # # # # #

Il Wired Next Fest sbarca a Firenze: appuntamento il 17 e 18 settembre con la Bellezza

Dopo quattro edizioni, quattro eventi annuali tenuti a Milano, per la prima volta nella sua storia il Wired Next Fest sbarca a Firenze: Wired ha deciso di approdare anche nel capoluogo toscano con l’importante evento dedicato alla comunicazione e all’innovazione il 17 e 18 settembre, dopo il consueto appuntamento annuale milanene, in cui l’ultima edizione è riuscita a totalizzare ben 128mila presenze totali.

Wired Next Fest è uno dei più importanti appuntamenti italiani dedicato all’innovazione. Celebra e racconta la scienza, la tecnologia, il business, il web, la voglia di cambiamento e l’eccellenza come elementi chiave per lo sviluppo economico, culturale e sociale del nostro Paese. Quest’anno l’evento si propone di trasformare per due giorni Firenze nella capitale dell’innovazione e favorire un vero e proprio Rinascimento Digitale, della città e dei singoli individui. Il tema scelto è la Bellezza. Non solo artistica ed estetica ma come elemento culturale, come motore del cambiamento. Nel proprio passato, la città ha visto e conosciuto straordinari innovatori che hanno reso Firenze la meta del turismo italiano e mondiale. Tecnologia, rete, ricerca scientifica e industria dell’entertainment offrono la possibilità di fare un ulteriore passo in avanti, di vivere un Rinascimento Digitale, e sociale.

Un ritorno al futuro reso possibile dal racconto di esperienze locali e globali, ospiti d’eccezione, workshop e momenti di festa e intrattenimento. Ospite d’eccezione, il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi che sabato mattina interverrà sul palco principale del Salone dei Cinquecento per parlare del futuro dell’Italia. “Il digitale è il linguaggio del XXI secolo. E la bellezza del nostro Paese, del suo patrimonio artistico e naturale e la qualità dei suoi prodotti sono i beni più preziosi che abbiamo.

Il Wired Next Fest di Firenze ha l’obiettivo di far parlare questi due mondi. Perché è solo da una corretta contaminazione che passa il futuro dell’Italia. Firenze, per il suo passato e presente di inventori e artisti di assoluta rilevanza, è la città perfetta per ospitarci e affrontare questi temi”, dichiara il direttore di Wired Italia Federico Ferrazza.

Tra i tanti ospiti presenti al Wired Next Fest di Firenze ci saranno: Dario Nardella, Sindaco di Firenze, che tratterà il tema delle smart city; Evgenij Morozov, scrittore e teorico dei nuovi media; Scott Fahlman, informatico e creatore delle Emoticon; Paolo Barberis, responsabile dell’agenda digitale del Governo e consigliere per l’innovazione del Presidente del Consiglio; Alice Rawsthorn, designer, scrittrice ed editorialista del NYTimes; Massimo Bottura, il migliore chef del mondo del 2016 secondo la classifica dei “50 Best Restaurant”; Luca Parmitano, astronauta, dalle missioni spaziali al centro di ricerca nelle profondità marine; Lorenzo Thione, il padre di Bing; Torrick Ablack alias TOXIC, uno dei mostri sacri del graffitismo che ha fatto vibrare la New York degli anni ’80; Antonio Campo Dall’Orto, direttore generale della Rai; Monica Cirinnà, senatrice italiana e prima firmataria del disegno di legge che riconosce anche in Italia le unioni civili tra persone dello stesso sesso; Pierfrancesco Favino, attore e direttore artistico della Scuola di formazione del mestiere dell’attore-L’Oltrarno; Joe Bastianich, personaggio televisivo e imprenditore statunitense; Jan Fabre, artista, coreografo, regista teatrale e scenografo belga; e Oliviero Toscani, fotografo.

Wired Next Fest cercherà anche di dare il proprio contributo alle popolazioni colpite dal recente sisma che ha interessato il centro Italia, attraverso un’informazione seria, il più precisa possibile, che aiuti a comprendere la situazione e a diffondere notizie utili, cercando di raccontare i motivi scientifici di questa tragedia. Ci saranno infatti momenti di confronto con istituzioni nazionali e locali e esperti quali il sismologo Alessandro Amato, per provare ad affrontare il tema della prevenzione con la messa  in sicurezza delle strutture. L’evento è organizzato in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Firenze, che ha fortemente voluto il Wired Next Fest nella propria città.

Wired Next Fest è realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze e in collaborazione con Audi.
Main Partner: BNL – Gruppo BNP Paribas, Enel, Ferrovie dello Stato Italiane, Herno, Huawei, Lavazza, Urban Up-Unipol Projects Cities
Official Time Keeper: TAG Heuer
Beauty Partner: BioNike
Event Supporter: GroupM, Subito.it, WPP
Radio Ufficiale: Radio 105
Media Partner: Lucky Red
Food Partner: Fashion Foodballer
Thanks to: Scuola Holden

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Wired Next Fest torna a Milano e approda a Firenze

- # #

Wired Next Fest

Wired Next Fest torna a Milano per il quarto anno consecutivo dal 27 al 29 maggio. Dopo il successo della scorsa edizione, che ha registrato nelle tre giornate un’affluenza di oltre 108 mila persone, il festival dell’innovazione organizzato da Wired Italia quest’anno raddoppia l’appuntamento. Dopo la tappa milanese, che si terrà come sempre ai Giardini Indro Montanelli, nel 2016 il Wired Next Fest approda a Firenze il 17 e il 18 settembre, all’interno di Palazzo Vecchio.

Il Wired Next Fest, a ingresso libero e gratuito, è un luna park dove è possibile vivere l’innovazione nella scienza, nella tecnologia, nell’economia, nella politica, nell’intrattenimento, nella cultura. Più di 150 relatori, concerti, performance artistiche, laboratori di stampa 3D, droni, videogame, film, documentari, maratone di coding e workshop per tutte le età.

I temi scelti per le due città sono: il Tempo a Milano e la Bellezza a Firenze.

Il Tempo è la quarta dimensione. Il suo significato sta mutando rapidamente grazie alle innovazioni (non solo digitali) degli ultimi anni: si pensi agli studi scientifici sulla longevità umana, se non addirittura sull’immortalità. Oppure a come è scandita la nostra giornata: i momenti che dedichiamo a lavoro, socialità, informazione, intrattenimento si fondono continuamente per via delle nostre vite sempre connesse a internet.

A Firenze, invece, andrà in scena un mondo più bello grazie all’innovazione: dal design degli oggetti tecnologici fino alla ricerca di un pianeta più sostenibile e migliore grazie, per esempio, alle motorizzazioni elettriche o a tutte le applicazioni della Internet delle Cose. Design, sostenibilità, digitale, arte e cultura sono le parole chiave del secondo appuntamento del Wired Next Fest. Tutte, infatti, sono contenute in un insieme più grande, quello della Bellezza, non solo artistica ed estetica, ma intesa come elemento culturale e motore del cambiamento.

Hashtag ufficiale: #WNF16

articoli correlati

MEDIA

Wired: da magazine a “bookazine”

- # # # #

Wired cover

Il “sistema Wired” si arricchisce della nuova versione cartacea disponibile da domani 4 dicembre: un concept completamente rinnovato in grado non solo di informare ma soprattutto di orientare e ispirare sui temi dell’innovazione, raccontandone l’impatto sulla vita quotidiana e sul mondo contemporaneo.

Per questo, il nuovo direttore Federico Ferrazza ha riunito i protagonisti, a livello internazionale, della rivoluzione tecnologica in corso. Saranno loro le nuove firme di Wired Italia. Nel numero di dicembre compariranno, tra gli altri, personaggi del calibro di Melinda Gates, Reid Hoffman, Wim Wenders, Chris Anderson, Roberto Cingolani, Michael Najjar, Alice Rawsthorn, Don Antonio Spadaro, Carlo Ancelotti.

Ogni nuovo numero di Wired sarà monografico – il primo è dedicato al 2016 e alle innovazioni che vedranno la luce il prossimo anno e che cambieranno radicalmente la nostra vita – e sarà in grado di approfondire i grandi temi della modernità. Una complessità di contenuti che ha determinato un nuovo format: non più un semplice magazine, ma un ibrido con la struttura e le caratteristiche di un libro. Un “bookazine” capace di conservare l’autorevolezza e la capacità comunicativa propri di Wired Italia e di introdurre elementi di approfondimento e di analisi.

“La ricetta di Wired è quella di essere credibili, rilevanti e sorprendenti allo stesso tempo. Per far nascere il nuovo Wired di carta, abbiamo quindi realizzato un’opera di ingegneria genetica, ibridando il format e l’impatto visivo di un magazine con quello del prodotto cartaceo di maggior successo di sempre: il libro. Il risultato è un prodotto che rompe gli schemi del passato. Che non solo racconta l’innovazione ma ambisce a essere innovativo; che nel format non sarà mai uguale al numero precedente; che è contemporaneo anche se analogico; che non ha intenzione di inseguire i tempi, i linguaggi e la quantità delle informazioni online ma che, anzi, completa l’offerta di Wired fatta di digitale ed eventi”, commenta Federico Ferrazza, Direttore di Wired Italia.

Il nuovo “bookazine” andrà oltre l’edicola. I lettori lo troveranno anche presso shop online, concept store e librerie di culto. Un libro a tutti gli effetti, una caratura cartacea più preziosa e, come sempre, una cura attenta per il design e la grafica, che forniscono anche a livello percettivo la sensazione di un prodotto di grande valore.

Molte le novità commerciali, con spazi più impattanti, inserti e tagli di carta differenti per cogliere opportunità di comunicazione come branded content e native advertising. Un prodotto unico nel panorama italiano che racchiude qualità editoriale, information design, immagini spettacolari e soluzioni cartotecniche originali.

L’edizione cartacea diventa dunque un “luogo” di pensiero e di comprensione di una società che sta cambiando a una velocità mai vista prima, integrandosi perfettamente nel “sistema Wired” centrato sul digitale. Il sito Wired.it, ha visto negli ultimi mesi un consolidamento del traffico a 5 milioni di utenti unici mensili e 27 milioni di pagine viste. Ottimi risultati anche per il mobile che supera il 50% del traffico complessivo e per la componente di video che conta oltre 5 milioni di video views.

Anche il digitale si amplia: i temi monografici della versione stampata saranno integrati in canali corrispettivi, con lo scopo di interagire e informare la social base del brand che conta a oggi circa 1 milione di utenti. Inoltre, i lettori potranno rimanere sempre aggiornati sui loro argomenti preferiti con le Buzzword, sezioni del sito con relativi profili social suddivisi per tematiche: le prime saranno Wired Bufale, Wired Zoo, Wired Food, Wired Sounds, Wired Popcorn (per gli appassionati delle serie tv) e Wired Sports.

Il “sistema Wired” si completa con importanti manifestazioni sul territorio rivolte al grande pubblico: è il caso di Wired Next Fest, il festival dell’innovazione voluto e creato dal brand Condé Nast nel 2013 a Milano, che lo scorso maggio ha riscosso il record di 108.500 presenze totali durante le tre giornate. Il Fest unisce momenti di dibattito sui temi legati alla cultura digitale e all’attualità a una parte di entertainment musicale, per un pubblico da 0 a 99 anni. Numerosi i personaggi che hanno calcato il palco della manifestazione: da Roberto Saviano a Edward Snowden, da Shirin Ebadi a Gianni Morandi, e ancora dai Subsonica a Max Pezzali, da Gino Strada a Marracash, da Zerocalcare a Frank Matano, insieme ai tre concerti serali di Giorgio Moroder, Saint Motel e Neneh Cherry. Nel 2016 il Wired Next Fest raddoppia l’appuntamento: a maggio a Milano e a settembre per la prima volta approderà anche a Firenze.

Accanto al Wired Next Fest, tanti saranno gli eventi che si susseguiranno nel corso del 2016, tutti con l’obiettivo di avvicinare sempre più il grande pubblico al brand ed entrare così in contatto diretto con personaggi e aziende che ogni giorno contribuiscono all’innovazione italiana e internazionale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Successo e boom di contatti per BNL Live! the Dialogue Show di BNL e Draftfcb

- # # # # #

8 Milioni di visualizzazioni su YouTube, oltre 30 milioni di impression, 42 ore di contenuti video in HD che hanno generato 39mila ore di playback on line. Questi i numeri da capogiro del BNL Live! the Dialogue Show,  l’evento di Comunicazione Mainstream 3.0  realizzato da BNL e Draftfcb.

 

Un esperimento di successo nella cornice del Wired Next Fest, il meeting italiano dedicato all’innovazione, all’eccellenza, alla ricerca e alle nuove tecnologie. Per l’occasione la banca ha costruito un vero e proprio palinsesto di infotainment ed educational che ha coinvolto il pubblico attraverso una narrazione interattiva dei contenuti che hanno preso forma nel corso dei nove talk show trasmessi in streaming HD sulla home page di YouTube.

 

Un vero e proprio programma tv in diretta, allestito in uno studio televisivo ricavato all’interno di un dome gonfiabile nel cuore di Milano, presso i giardini “Indro Montanelli”: 21 ore di diretta attraverso 3 giorni dedicati a dibattiti e incontri attorno ai content-asset di BNL e ai macro temi dell’attualità. Si è discusso dell’attuale scenario economico nazionale e internazionale, di imprese e di start-up, di innovazione, di sport, di cinema, di nuove tecnologie nel settore bancario, di famiglia, di sociale, di università e di educazione finanziaria.

 

Andrea Pezzi, Cristiana Capotondi e Claudia Gerini sono stati i conduttori dei dialogue show, nel corso dei quali hanno avuto modo di incontrare più di 30 ospiti. Fabio Gallia, l’Amministratore Delegato di BNL, ha aperto le 3 giornate inaugurando il palinsesto del BNL Live!.

“Nell’anno in cui BNL celebra un secolo di attività, abbiamo scelto il dialogo come elemento centrale per la presenza di BNL al Wired Next Fest attraverso la realizzazione di BNL Live!, dando forma al primo Dialogue show di BNL, novità assoluta per una banca. Si tratta di un format originale e innovativo, concepito sulla forma dei Talk Show dove conduttori, ospiti, testimonial e pubblico dialogano insieme” ha commentato . Lucia Leva Direttore Comunicazione BNL Gruppo BNP Paribas.

 

Draftfcb, oltre all’ideazione del format, ha curato l’intera realizzazione televisiva della diretta: la creazione del palinsesto, le redazioni autorali e organizzative, lo studio di regia, la progettazione scenografica e l’allestimento di uno studio televisivo di alto livello impiegando oltre 80 persone.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

A Milano fa tappa l’innovazione con la prima edizione di Wired Next Fest

- # # # # # #

Dal 30 maggio al primo giugno si svolgerà la prima edizione di Wired Next Fest, il futuro secondo il mensile Condè Nast, che avrà come palcoscenico i giardini di Palestro, nel cuore di Milano. Con l’obiettivo di coinvolgere soprattutto coloro che generalmente sono meno ossessionati dalle nuove tecnologie, trasmettendone una visione più semplice e naturale, la kermesse si apre alla città anche grazie al patrocinio del Comune di Milano, diventando parte degli Expo Days 2013.

Per promuove l’iniziativa è stata lanciata una campagna integrata (on air in tv, in particolare su Fox e National Geographic, sulle testate del Gruppo, affissioni, in metropolitana e sul web) firmata dalla Factory 27, con la direzione creativa di David Moretti. “Dopo il lancio della rivista in Italia, è il secondo investimento in comunicazione più importante” ha dichiarato a Today Pubblicità Italia Matteo Gabba, marketing director della testata edita da Condé Nast. Rigorosamente gratuito e aperto a tutti, Wired Next Fest è concepito e diretto da Carlo Antonelli, alla guida del brand e del mensile, ed è prodotto da Codice-Idee per la cultura. In calendario fino al primo giungo ci saranno incontri, lectio magistralis, conferenze, reading, dibattiti, workshop, confronti fra grandi aziende e startup, fra professionisti e studenti e ricercatori. La ‘tre giorni’ dedicata all’innovazione si inserisce all’interno del cartellone degli Expo Days 2013 e “sarà, quindi, un’ottima occasione per conoscere e toccare con mano gli sforzi e i successi del progresso tecnologico del nostro tempo”, ha detto l’assessore alla Cultura di Milano, Filippo Del Corno.

Oltre ai numerosissimi ospiti (da iCub all’esperto di media digitali Bruce Sterling, allo scrittore italiano Niccolo Ammaniti, al politico e giurista Stefano Rodotà, al regista Dario Argento e molti altri), saranno presenti in qualità di sponsor Bnl Gruppo BNP Paribas, Gdf Suez, Vodafone Italia e Bmw. Quest’ultima presenta BMW i, brand nato dalla casa automobilistaca tedesca con un solo obiettivo: la mobilità del futuro. In antemprima nazionale il brand tedesco presenterà la nuovissima BMW i8 Concept, anticipando inoltre l’uscita mondiale della BMW i3, la town car elettrica del brand, che promette di essere la risposta a tutte le domande sulla mobilità sostenibile nelle città.

articoli correlati