COMMERCE

Transactionale porta in Spagna il proprio modello di eCommerce win-win per tutti

- # # #

transactionale spagna

Obiettivo: rivoluzionare il digital marketing. Questo è il traguardo che Transactionale si propone di tagliare con il recente sbarco in Spagna, dove il programma di accelerazione di EGI Booster lo ha visto raggiungere il primo posto, con l’azienda pronta a conquistare anche gli eCommerce Manager spagnoli.

Il sistema rivoluzionario di Transactionale permette infatti agli eCommerce di acquisire nuovi contatti, premiare la propria customer base ed allo stesso tempo monetizzare. Attraverso un meccanismo dalla estrema semplicità. Tutto inizia con un cliente che acquista in un eCommerce (publisher) del Network Transactionale. Poi, insieme alla conferma d’ordine riceve delle offerte a lui dedicate di altri membri del network (advertiser): in tale modo si ha un classico modello win-win, con il cliente premiato con offerte interessanti, l’advertiser che acquisisce un contatto, e il publisher che monetizza.

Il nuovo team spagnolo, giovane e dinamico (nella foto), guidato dalla CEO Marianna Chillau, sta iniziando ad incontrare Marketing Manager di importanti eCommerce spagnoli interessati al servizio offerto da Transactionale.
Con l’ingresso nel mercato spagnolo Transactionale compie il suo primo passo verso l’internazionalizzazione.

articoli correlati

MOBILE

Arriva in Italia Chad2Win: l’app che ti paga per chattare

- # # # # # # # #

Chad2Win è la prima applicazione mobile di instant messaging che permette agli utenti di guadagnare soldi in cambio di pubblicità durante le loro chat. Sviluppata in Spagna – dove è stata lanciata lo scorso gennaio – l’app è progettata come una potente piattaforma di comunicazione poiché coniuga la necessità dei brand di connettersi con il proprio pubblico in modo non intrusivo, tramite smartphone, e la volontà degli utenti di accettare pubblicità in cambio di qualche beneficio.

Il meccanismo è semplice: scaricando l’applicazione si ha a disposizione un servizio di messaggeria istantanea (IM) gratuita. La novità di Chad2Win è che quando si chatta appare un banner nella parte superiore della schermata, che cliccandoci sopra dà la possibilità di visualizzare uno spot pubblicitario senza che questo interferisca con la sessione di chat. La semplice trasmissione dello spot permette di guadagnare perché circa il 30% degli investimenti pubblicitari vengono ridistribuiti tra gli utenti. Il pagamento viene effettuato tramite Paypal o conto corrente bancario. Il sistema offre anche la possibilità di destinare un importo specifico a un’organizzazione no-profit.

“Chad2Win rappresenta la terza generazione di messaggistica  mobile, dopo gli SMS a pagamento e le chat gratuite e si posiziona sul mercato come l’applicazione win-win con cui vincono tutti”, spiega Guillermo Cardona, Direttore Generale Chad2Win Italia. “A meno di 9 mesi dal lancio spagnolo l’app presenta già oltre 300.000 utenti ed è utilizzata come forma di promozione da grandi brand come: Ferrero, Freixenet, Henkel, Lidl, Mango, Nutrexpa, Panasonic, Schweppes, Unilever, Volkswagen, Zurich Insurance. Ad agosto abbiamo raggiunto un fatturato di 600mila euro di cui 150mila sono stati ridistribuiti agli utenti”.

Anche in Italia marchi importanti hanno già scelto Chad2Win: Che Banca, EMP Italia, Solvay e Tenderly.

Inizialmente disponibile per iPhone e dispositivi Android, il download è gratuito e incorpora i tratti caratteristici di questo tipo di applicazioni: calendario, segnalibri, contatti di rubrica, configurazione, lista di controllo, la possibilità di invitare altri contatti, le opzioni per la condivisione social e per allegare immagini e video.

Ha aderito al lancio anche l’ACU (Associazione Consumatori Utenti). Il suo Presidente Gianni Cavinato, ha dichiarato: “È nostro dovere, in quanto associazione rivolta alla tutela degli utenti-consumatori, essere presenti per il lancio italiano di questa nuova piattaforma di comunicazione. La nostra funzione è quella di aggiungere un ulteriore elemento di trasparenza e contribuire alla valorizzazione di questo meccanismo innovativo che riconosce ai consumatori un ruolo attivo rispetto ai brand”.

articoli correlati