AZIENDE

Volkswagen e DAZN diventano partner nel segno di PHD Media Italia

- # # # # #

dazn

DAZN Italia e Volkswagen Italia annunciano oggi l’inizio di una partnership strategica, che vedrà la piattaforma di streaming sportiva e il primo importatore automobilistico in Italia fianco a fianco per sviluppare, già a partire da questa settimana, nuove e originali iniziative di comunicazione dedicate agli appassionati di calcio. Il punto di partenza sarà un accordo commerciale, volto a creare una futura sinergia più ampia fondata su una visione di business comune alle due aziende.

La collaborazione, siglata grazie a PHD Media Italy, centro media di Volkswagen a livello mondiale, vedrà la presenza del brand e dei prodotti Volkswagen, in associazione agli eventi di Serie A trasmessi da DAZN a partire da oggi, cui si aggiungeranno anche quelle di Serie B a partire da venerdì 7 dicembre. Nel prossimo futuro i due partner lavoreranno a spot con soggetti inediti ed esclusivi dedicati alla piattaforma di streaming, con i quali raccontare la più grande passione degli italiani in una chiave innovativa e moderna.

Sia DAZN che Volkswagen pongono al centro delle proprie strategie le esigenze dei propri clienti, con i quali vogliono costruire e consolidare di giorno in giorno un rapporto di fiducia. Entrambe, nei rispettivi settori, si stanno rendendo protagoniste di un processo di cambiamento e di evoluzione a livello internazionale, supportato dalla tecnologia, in risposta a nuove necessità e modalità di consumo, con l’obiettivo di offrire servizi e prodotti innovativi di alta qualità.

“La partnership con Volkswagen Italia, la prima di questo tipo per DAZN a livello globale, è un segno della continua evoluzione del nostro servizio di streaming, che si lega da oggi a importanti brand che vogliono sostenere il grande calcio”, dichiara Veronica Diquattro, Executive Vice President Italy di DAZN

“Siamo orgogliosi della partnership con DAZN, che da questo weekend ci permetterà di essere gli unici a poter presentare tutto il grande calcio italiano”, commenta Fabio Di Giuseppe, Direttore Marketing Volkswagen Italia. “Sempre di più i nostri investimenti dimostrano che Volkswagen è il calcio. Puntare per primi su una piattaforma come DAZN sottolinea la nostra cultura votata alla sperimentazione delle nuove forme di comunicazione, sempre meno lineari, maggiormente personalizzate e orientate ai bisogni dei clienti”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Microsoft e Volkswagen insieme per lo sviluppo del Volkswagen Automotive Cloud

- # # # #

volkswagen cloud

Volkswagen e Microsoft collaboreranno in un’alleanza strategica per sviluppare il Volkswagen Automotive Cloud, uno dei più grandi cloud dell’industria automobilistica dedicato a tutti i servizi digitali e alle offerte di mobilità della Volkswagen. Accanto alla Microsoft, la Marca fa un passo decisivo nella sua trasformazione digitale in un fornitore di mobilità grazie a una flotta completamente integrata e all’ecosistema digitale Volkswagen We.

Dal 2020, ogni anno più di 5 milioni di nuove Volkswagen saranno completamente connesse e faranno parte dell’Internet of Things (IoT) nel cloud. La forte alleanza tra le due aziende porrà le basi per combinare l’eccezionale competenza nel cloud di Microsoft, con l’esperienza di Volkswagen e il suo ruolo di costruttore globale.

Insieme, le due aziende svilupperanno la base tecnologica per un cloud automobilistico industriale completo. In futuro, tutti i servizi di bordo per i veicoli della marca Volkswagen e la piattaforma cloud del Gruppo (la cosiddetta One Digital Platform, ODP) saranno realizzati sull’unica base tecnica di Microsoft Azure e di Azure IoT Edge.

Con il Volkswagen Automotive Cloud, la Volkswagen sarà in grado di ampliare l’offerta di servizi di mobilità e di fornire nuove soluzioni a bordo, grazie allo scambio sicuro di dati tra l’automobile e il cloud.

La Volkswagen aprirà un nuovo centro di sviluppo del cloud automotive in America Settentrionale, vicino al quartier generale della Microsoft. Per favorire la nuova trasformazione dell’industria automobilistica, la Microsoft offrirà supporto diretto alla Volkswagen nell’avviare il nuovo ufficio, tra cui aiuto per nuove assunzioni e per la gestione delle risorse umane, oltre a servizi di consulenza. Nel prossimo futuro, il personale crescerà fino a circa 300 ingegneri.

In aggiunta al fondamento tecnologico dell’alleanza, la Microsoft rende accessibili le sue competenze nel cloud affinché gli sviluppatori e gli ingegneri della Volkswagen possano imparare lo spirito di collaborazione e l’agilità propri della Microsoft, per poi trasferirle nell’organizzazione interna della Volkswagen.

Nei prossimi anni, le soluzioni sviluppate all’interno dell’alleanza strategica saranno sfruttate anche dalle altre Marche del Gruppo Volkswagen in tutte le regioni del mondo, andando a costituire le fondamenta di tutti i servizi al cliente. Queste soluzioni equipaggeranno sia la gamma elettrica Volkswagen ID., sia i modelli ad alimentazione tradizionale. In futuro, le auto della flotta Volkswagen diventeranno snodi mobili dell’Internet of Things interconnessi grazie a Microsoft Azure.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

PHD annuncia il lancio di Engine, business unit progettata per Volkswagen

- # # # #

engine

PHD, agenzia media, di comunicazione e marketing di Omnicom Media Group, annuncia oggi il lancio di Engine, unit specializzata, nata e progettata per il marchio automobilistico Volkswagen, al fine di valorizzare l’enorme mole di dati anonimi generati dai consumatori che cercano auto online.

Engine, che sarà operativa a livello globale nel Q4 di quest’anno, garantirà a Volkswagen la possibilità di offrire contenuti rilevanti agli utenti durante il loro customer journey digitale che li porterà all’acquisto dell’auto.

Engine riunisce esperti delle agenzie di Omnicom Media Group – PHD, Annalect e Adylic – per supportare le technical operations, la costruzione delle audience, le creatività dinamiche e il reporting delle performance.

Questi team – ospitati in quattro hub regionali – supporteranno le brand locali Volkswagen e i team programmatic di PHD che gestiranno le campagne locali. Hub e team locali saranno focalizzati nell’incrementare l’efficacia e l’efficienza economica di tutti i KPI legato ai comportamenti digitali dei consumatori.

Dei test di Engine sono stati condotti da PHD in Italia, Francia e Spagna, evidenziando un aumento di efficacia ed efficienza del 30-300%.

Con sede in Londra, New York, Singapore e Miami, Engine garantirà l’eccellenza operativa per i mercati locali e offrirà una soluzione programmatic end-to-end che include la raccolta e la gestione dei dati, la creazione dell’audience, la creatività dinamica, activation e measurement.

“Oggi, nell’iter che porta all’acquisto di un’auto, la “vendita” è online mentre l’affare viene finalizzato in concessionaria. I consumatori cercano le auto online, generando così un’esplosione di dati che ci fornisce un’opportunità unica di offrire loro dei contenuti più pertinenti e coinvolgenti che rispondano ai loro bisogni in ogni fase del percorso di acquisto. Engine fornirà ai nostri team locali l’esperienza per massimizzare l’efficacia e l’efficienza dei dati a pagamento, portando le comunicazioni di marketing attraverso video online, display, search e social. In sostanza, ci consente di raggiungere rapidamente i risultati che abbiamo raggiunto in alcuni mercati”, ha commentato Oliver Maletz (nella foto), Global Head of Communications and Media VW-Brand.

Secondo le ricerche di Sophus, le visite alle concessionarie di automobili sono passate da 4,3 nel 2010 a solo 2 nel 2016. Infatti, il pubblico moderno oggi fa il test drive dal divano: l’88% degli utenti fa ricerche online, il 58% sul proprio smartphone e il 58% guarda i video online prima di mettere piede in una concessionaria (Google Gearshift Survey).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Volkswagen Group Italia Hackathon 2018: 24 ore per progettare il futuro

- # # #

Volkswagen H-ACK2018

Hackathon è un neologismo che nasce dalla fusione delle parole hacker e marathon, e si concretizza in una full immersion di 24 ore consecutive durante le quali ai partecipanti è richiesta la massima creatività e originalità. Una maratona non-stop ispirata a start-up tecnologiche e Design Thinking, organizzata da H-Farm, piattaforma di innovazione in grado di supportare la creazione di nuovi modelli di impresa e la trasformazione ed educazione di giovani e aziende in un’ottica digitale.

“La spinta che ha portato alla decisione di promuovere un H-Ack è stata quella di dare un’accelerazione al nostro processo di cambiamento, la volontà di rendere Volkswagen Group Italia sempre più competitiva e leader nel mercato italiano” ha dichiarato Massimo Nordio, Amministratore Delegato della consociata italiana del Gruppo Volkswagen.

Gli argomenti sui quali gli 80 Manager, divisi in squadre, si sono sfidati a inizio luglio sono stati una serie di processi innovativi per l’azienda, progetti concreti, che andavano dai nuovi servizi di mobilità al posizionamento dell’azienda in Italia, fino a nuovi concetti di vicinanza al cliente e cultura d’impresa. 24 ore di brainstorming, dibattiti e confronti intensi, idee e proposte espresse liberamente che si sono concluse con uno “scontro” finale, a seguito del quale una giuria interna ha decretato le migliori soluzioni per ogni ambito.

Nordio ha aggiunto: “C’è bisogno di idee forti e concretizzabili per allineare Volkswagen Group Italia alla profonda trasformazione che il Gruppo sta vivendo a livello mondiale, con il passaggio da costruttore di automobili a fornitore di servizi di mobilità sostenibile, e per adeguarla il più rapidamente possibile a tutti i cambiamenti che stanno interessando la società. Sono convinto che il nostro team di manager abbia fatto un ottimo lavoro e che questa modalità eccezionale di stimolazione della creatività abbia avuto un enorme successo”.

Le proposte vincenti selezionate al termine dell’Hackathon sono in corso di valutazione interna per definirne l’effettiva implementazione. “Si è trattata di un’esperienza assolutamente nuova per il nostro management, che si è messo in gioco in questa originale iniziativa, con un altissimo valore anche in termini di team building. C’è la volontà di concretizzare il frutto del lavoro dei colleghi e, visti i buoni risultati di questo primo H-Ack, aprire l’iniziativa anche ai collaboratori in futuro”, ha concluso ilDirettore delle Risorse Umane, Raffaella Ponticelli.

articoli correlati

AZIENDE

Volkswagen, Audi e Porsche: all’Aeroporto di Amburgo i primi test di parcheggio autonomo

- # # #

volkswagen

Il Gruppo Volkswagen sta attualmente sperimentando il parcheggio autonomo all’interno dell’Aeroporto di Amburgo: le vetture delle marche Volkswagen, Audi e Porsche si muovono autonomamente verso il posto libero con l’ausilio di una mappa dettagliata della struttura e, per orientarsi meglio, utilizzano marcatori visivi installati all’interno della stessa. Il vantaggio: consentire l’implementazione in qualsiasi tipologia di parcheggio. La funzione sarà disponibile per essere testata da un primo campione di Clienti in strutture multipiano selezionate all’inizio del prossimo decennio.

Johann Jungwirth, Chief Digital Officer del Gruppo Volkswagen, afferma: “Il parcheggio autonomo può contribuire in modo significativo a rendere più comoda e meno stressante la mobilità per i nostri Clienti. Per questo intendiamo democratizzarlo, e far sì che questa tecnologia sia accessibile al maggior numero di persone possibile”. La funzione di parcheggio autonomo, presentata per la prima volta ad Amburgo, non è più una competenza esclusiva del reparto Ricerca: si trova infatti in una fase avanzata di sviluppo e sarà disponibile per i primi veicoli del Gruppo Volkswagen all’inizio del prossimo decennio.

In una fase preliminare questa tecnologia potrà essere utilizzata all’interno di determinate strutture e in condizioni di traffico limitato, ovvero in aree dedicate non accessibili alle persone. Il sistema di parcheggio autonomo sarà testato in modo approfondito prima di essere impiegato: migliaia di manovre saranno effettuate e analizzate in diversi luoghi in tutto il mondo; parallelamente, la sicurezza del sistema verrà verificata mediante simulazioni. Lo step successivo prevede l’impiego in condizioni di traffico misto: i veicoli in grado di parcheggiare autonomamente si muoveranno all’interno delle medesime aree dell’autosilo utilizzate dalle vetture con conducente. L’obiettivo è chiaro: far sì che le vetture in grado di parcheggiare da sole possano farlo anche nei posteggi pubblici, per esempio davanti a un supermercato.

Tutti i veicoli con funzione di parcheggio autonomo saranno equipaggiati con un sistema di rilevamento attivo dell’ambiente circostante, in grado di riconoscere oggetti e di reagire di conseguenza, per esempio evitandoli, rallentando o fermandosi. A tal fine i veicoli saranno dotati di un set di sensori che comprenderà, tra l’altro, sistemi basati su ultrasuoni, radar e telecamere. L’elaborazione dei dati sarà effettuata da un’unica centralina dell’auto. All’interno del parcheggio la vettura si muoverà autonomamente verso il posteggio libero a lei assegnato sulla base di dati cartografici. Una serie di marcatori visivi, installati all’interno della struttura, fungeranno da necessari punti di riferimento. La mobilità del futuro è un impegno comune: tre Marche del Gruppo Volkswagen, la Città di Amburgo e l’Aeroporto della città anseatica collaborano alla realizzazione del parcheggio autonomo

Uno dei test è attualmente in corso ad Amburgo: nell’ambito della partnership tra il Gruppo Volkswagen e la città anseatica, le marche Volkswagen, Audi e Porsche sperimentano il parcheggio autonomo presso l’aeroporto e fanno confluire il rispettivo know-how, al fine di accelerare l’implementazione della nuova funzione nella produzione di serie trasversalmente al Gruppo. Da un lato mettono a disposizione la rispettiva esperienza pluriennale maturata nello sviluppo di diverse funzioni di parcheggio, dall’altro riuniscono le proprie competenze attuali nell’ambito della guida autonoma. Non solo: in qualità di provider di mobilità del futuro, il Gruppo Volkswagen presenta un concept integrato che mette sistematicamente al centro il Cliente e le sue esigenze: il parcheggio autonomo è combinato con diversi servizi e fornisce una panoramica dell’offerta che ha come obiettivo rendere le operazioni più comodi e meno stressanti.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Live Nation e Volkswagen insieme per il Firenze Rocks Festival. T-Roc auto ufficiale dell’evento

- # # #

live nation e volkswagen per firenze rocks festival

Live Nation Italia e Volkswagen sono lieti di annunciare la nuova partnership per Firenze Rocks, uno dei più importanti festival musicali europei che si svolgerà a Firenze dal 14 al 17 giugno. Sarà infatti il T-Roc l’auto ufficiale della grande rassegna che ha trasformato la città fiorentina in una delle grandi capitali della live music.

La decisione presa dalla società automobilistica tedesca è quella di investire sul pubblico dei concerti e sul mondo del live, che negli ultimi anni è divenuto settore trainante dell’intera industria musicale. Affermazione di cui è un esempio perfetto l’edizione 2018 del Firenze Rocks, di cui sono stati già venduti oltre 190.000 biglietti. All’annuncio i numeri del web parlavano chiaro: il post fatto dai profili ufficiali del festival ha raggiunto in modo organico oltre 3 milioni di persone e l’app ufficiale ha ottenuto oltre 55.000 download solo nella prima settimana (seconda app di intrattenimento della settimana). Il cast è di primo livello: Foo Fighters, Guns N’ Roses, Iron Maiden e Ozzy Osbourne saliranno sul palco della Visarno Arena di Firenze (Parco delle Cascine) e saranno i protagonisti delle quattro giornate del festival, che si svolgerà dal 14 al 17 giugno 2018.

Volkswagen Firenze sarà presente in tutte le date del festival con uno stand dedicato al nuovo arrivo della casa, T-Roc. Inoltre, dal 28 febbraio, tutti i nuovi clienti di Volkswagen Firenze hanno l’opportunità di partecipare al Contest “Volkswagen Firenze ti porta a Firenze Rocks”, concorso nel quale è possibile vincere gli ormai introvabili biglietti di ingresso alle date delle esibizioni, e per pochissimi fortunati anche la VIP Experience, con i biglietti a fronte palco.

Nato nel 2017 in una delle città d’arte più internazionali e belle del mondo, Firenze Rocks si configura come uno dei festival più importanti a livello europeo, non solo per il grande cast ma anche per l’affluenza prevista. E’ già partita la corsa alla prenotazione delle camere negli alberghi di Firenze, che vedrà convogliare nelle date del festival un altissimo numero di spettatori provenienti da tutte le zone d’Italia e dall’estero: lo scorso anno il 10% del pubblico è arrivato a Firenze da nove dei più importanti mercati europei. La concomitanza del Pitti Immagine Uomo, inoltre, contribuisce quest’anno a fare di Firenze la capitale europea della musica e dell’immagine.

Caratteristica che accumuna ormai tutti i festival internazionali, sarà la presenza in loco di numerose attività sviluppate insieme ai brand partner della nuova edizione, che avranno la funzione di intrattenere il pubblico prima e dopo gli show e tra un cambio palco e l’altro. Firenze Rocks sarà una grande festa, un’occasione di ‘raduno’ e di comunicazione, oltre a mettere in scena i concerti di alcuni fra gli artisti più amati e seguiti a livello mondiale. Il Festival è prodotto e organizzato da Live Nation Italia, che ne curerà anche le partneship commerciali.

Live Nation Italia è la principale agenzia di organizzazione di eventi e concerti nel nostro Paese. E’ parte di Live Nation Entertainment, l’azienda più grande del mondo nell’organizzazione di spettacoli dal vivo ed e-commerce, composta da quattro società leader di mercato: Ticketmaster, Live Nation Concerts, Front Line Management Group e Live Nation Network. Produce più di 29,000 spettacoli all’anno per oltre 3,200 artisti a livello mondiale, e oltre 120 festival in oltre 40 paesi, raggiungendo 200 milioni di fan ogni anno, attraverso gli eventi musicali e le piattaforme digitali di Live Nation.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Al via sui canali del network VICE la nuova campagna digitale Volkswagen con Winnie Harlow

- # # # # # #

Winnie Harlow

In collaborazione con la società editoriale VICE, la Volkswagen ha sviluppato un’emozionante campagna internazionale di marketing che vede la partecipazione della modella Winnie Harlow. La ventiduenne canadese soffre di una rara malattia che provoca macchie depigmentate sulla sua pelle. Da bambina, veniva spesso derisa ma ora è diventata una modella apprezzata in tutto il mondo. Nella nuova campagna della Volkswagen, una personalità inconfondibile incontra un’auto inconfondibile: Winnie Harlow incontra la T-Roc.

Da oggi, video e immagini della campagna sono presenti sui canali del network VICE. In una seconda fase, il contenuto sarà diffuso attraverso i canali social della marca Volkswagen a partire dal 21 febbraio.

 


“Winnie Harlow incarna alla perfezione lo spirito della T-Roc: fiducia in se stessi e volontà di affermarsi. La nostra campagna è basata su una narrazione autentica e un’ampia gamma di formati pubblicitari innovativi, con l’obiettivo di raggiungere un pubblico nuovo. Offriamo un’immagine più coraggiosa e sicura che grazie ai nostri modelli trasmette un’impressione nuova”, dice Mirja Schneider, Responsabile dei Contenuti Web e della Comunicazione Digitale della marca Volkswagen.

La campagna si basa su un video di 72 secondi in cui Winnie Harlow presenta la sua insolita biografia. Nel video, le caratteristiche distintive della T-Roc – unicità e sicurezza – dialogano con la personalità della modella ventiduenne, facendole vivere agli spettatori.

Insieme a VIRTUE, l’agenzia creativa di VICE, la Volkswagen ha creato una campagna social autentica ed emozionante, indirizzata a un pubblico giovane. Un’iniziativa che, grazie alle personalità uniche della T-Roc e di Winnie Harlow, invita ad avere il coraggio di essere diversi.

articoli correlati

AZIENDE

Gruppo Roncaglia analizza la prospect experience di Volkswagen Veicoli Commerciali

- # # # #

Roncaglia

Volkswagen Veicoli Commerciali avvia con il Gruppo Roncaglia una collaborazione triennale per ricerche sulla prospect experience. Il progetto, realizzato dalla Roncaglia Digital Marketing coadiuvata dagli specialisti del Gruppo in ricerche di mercato, analizzerà l’esperienza vissuta dal potenziale cliente che ha richiesto un preventivo per un veicolo commerciale Volkswagen, sia recandosi presso un dealer del brand o anche senza passare fisicamente alla concessionaria.

Verrà valutato il grado di soddisfazione del prospect a seguito dell’esperienza vissuta e sarà effettuata una successiva analisi per approfondire le motivazioni che hanno portato al non acquisto, o all’acquisto di un brand diverso, da parte di coloro che hanno richiesto un preventivo.

Il Gruppo Roncaglia produrrà inoltre in modo sistematico dei report per il business, fornendo analisi dettagliate, contenenti insights, trend e dati rilevanti per permettere al brand di definire azioni mirate per incrementare la conversione dei preventivi in contratti.

Il Gruppo Roncaglia ha messo a punto una specifica metodologia di ricerca, portata avanti negli anni con altri brand automotive e non. La durata del progetto per Volkswagen Veicoli Commerciali permetterà di monitorare su un triennio comportamenti e attitudini dei clienti.

“Siamo molto soddisfatti dell’ampliamento della nostra collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali, per cui già svolgiamo attività CRM e social”, afferma Camilla Roncaglia, azionista del Gruppo. “Il nuovo incarico di monitoraggio prospect experience sottolinea ancora una volta l’importanza crescente che questa tipologia di ricerca sta assumendo nell’ambito delle strategie di comunicazione legate a risultati aziendali”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Gruppo Roncaglia firma il “We Love California 2017”, raduno degli amanti del van Volkswagen

- # # #

Volkswagen California

Un viaggio nella fantasia e in una passione senza epoche: è quello che hanno vissuto i tantissimi partecipanti a “We Love California 2017”, il raduno degli appassionati del Volkswagen California e dei veicoli camperizzati Volkswagen che si è svolto lo scorso 30 settembre a Cavallino-Treporti (Venezia). A ideare l’intero concept dell’evento, realizzato in stile circense con funamboli e acrobati, concerti e laboratori per grandi e bambini, il Gruppo Roncaglia, che ha anche curato la gestione digital e l’amplificazione social del raduno.

We Love California 2017 si è dimostrato un vero e proprio successo, sia in termini di partecipazione all’evento on site, sia sul piano social: nel corso dell’amplificazione live del raduno sono state oltre 100.000 le persone raggiunte in sole 12 ore. La creazione di un owners group ufficiale è stata sancita dalla consegna del “Passaporto”, un documento numerato dove registrare le mete raggiunte, che è stato consegnato ai 200 equipaggi presenti all’evento 2017, entrati così nella grande famiglia “We Love California”, da timbrare ad ogni partecipazione ad un raduno ufficiale Volkswagen Veicoli Commerciali.

“E’ stato un progetto a tutto tondo” spiega Camilla Roncaglia, azionista del Gruppo, “digital, social, CRM, sono confluiti in un evento stimolante, che ha attivato una community unita dalla stessa passione per l’avventura e per i veicoli camperizzati Volkswagen. Siamo contenti che anche Volkswagen Veicoli Commerciali, affidandoci questo incarico, ci abbia dato fiducia su un terreno che rappresenta una specializzazione del nostro Gruppo, l’amplificazione social degli eventi dei grandi brand è infatti per noi un punto di forza, che ci consente di raggiungere un pubblico vasto e con un altro livello di coinvolgimento”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Volkswagen è “Official Mobility Partner of UEFA National Team Football”

- # # # # #

UEFA

Dal 2018 – e per la durata di 4 anni – la Volkswagen sarà partner della UEFA, l’Unione delle associazioni calcistiche europee, proseguendo così la sua lunga tradizione calcistica. Con un contratto di quattro anni come “Official Mobility Partner of UEFA National Team Football”, la marca supporterà anche i Campionati Europei UEFA 2020, che per la prima volta si terranno in 13 Nazioni per celebrare i 60 anni della competizione. Il coinvolgimento nello sport più popolare al mondo sarà una vetrina ideale per presentare l’arrivo sul mercato della I.D., il volto della nuova gamma elettrica Volkswagen a partire dal 2020.

Il Presidente della marca Volkswagen Herbert Diess ha commentato: “Nessun altro sport come il calcio riesce a riunire così tante persone. Inoltre, gli Europei UEFA 2020 che si giocheranno in tutto il Continente sono un progetto fantastico. Il nostro auspicio è di contribuire a costruire ponti tra tutte le Nazioni e tutti i tifosi con la nostra mobilità e la creatività che ci contraddistingue”.

Il Direttore Marketing UEFA Guy-Laurent Epstein mostra la sua soddisfazione per la partnership con la Volkswagen: “Siamo orgogliosi di avere accanto un marchio europeo così importante e appassionato di calcio. Questo è ancora più vero vista la sfida che ci attente: i Campionati UEFA EURO 2020™ richiederanno un grande sforzo sul fronte della mobilità. C’è un’idea grandiosa e un concetto innovativo dietro questo torneo e siamo davvero felici di avere il supporto della Volkswagen”.

La marca Volkswagen ha legami forti con il calcio, in particolare con quello europeo. Dal 2019, la partnership con la Federazione calcistica tedesca (DFB) si aggiungerà a quelle già esistenti con le associazioni di Francia (FFF) e Svizzera (ASF/SFV). In Italia, la Volkswagen è stata partner tecnico della Nazionale campione del mondo 2006 in Germania.

Il maggiore impegno nel calcio ha il fine di supportare la strategia per il futuro della marca. “La Volkswagen e il calcio sono una coppia perfetta. Quest’ultimo è giocato praticamente in tutte le Nazioni ed è inclusivo, proprio come le nostre auto. In tal senso, questo sport ci offre un’opportunità perfetta per far conoscere la nostra nuova direzione. In gergo calcistico, nei prossimi anni la Volkswagen giocherà all’attacco: stiamo portando avanti la più grande offensiva di prodotto nella storia della nostra azienda, in termini di modelli e di e-mobility”, ha dichiarato Diess.

L’impegno della Volkswagen nelle massime competizioni calcistiche non si limita ai Campionati UEFA EURO 2020™. La partnership con la UEFA, infatti, include anche i Campionati UEFA femminili, UEFA Under 21 e Futsal EURO, oltre alle finali della nuova UEFA Nations League, che debutterà nel 2019. La Volkswagen sarà coinvolta anche nelle fasi di qualificazione all’Europeo UEFA 2020. Come “Official Mobility Partner of UEFA National Team Football”, la Volkswagen godrà di un esteso pacchetto di diritti, tra cui diritti pubblicitari e promozionali, diritti digitali, biglietti e hospitality. Durante la vigenza del contratto, saranno giocate in totale circa 500 partite.

Il Responsabile delle Vendite Volkswagen Jürgen Stackmann ha commentato: “La nostra partnership con le competizioni UEFA tra squadre nazionali è una svolta, che si coniuga in maniera ideale con l’inizio delle vendite della nuova I.D.: l’impegno nel calcio della marca Volkswagen darà visibilità al lancio della nuova generazione di veicoli elettrici altamente innovativi, generando un interesse positivo non solo in Europa, ma anche oltre”. Gli Europei UEFA 2020, in particolare, offrono grandi opportunità. Come ha spiegato Stackmann: “Coinvolgeremo tutti i mercati europei e i circa 3.000 concessionari della nostra marca presenti nel Continente. I riflettori, però, saranno puntati soprattutto sui tifosi e quindi sui nostri Clienti. Vogliamo presentare loro delle soluzioni di mobilità davvero attraenti”.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Uomini e robot lavorano fianco a fianco: nello Smart Production Lab di Volkswagen è già futuro

- # # # # # # #

Volkswagen

Fino ad oggi il settore dell’automotive ha giovato tantissimo dell’innovazione e delle nuove tecnologie, con robot sempre più avanzanti a fare in pochi minuti quel che operai specializzati fino a pochi anni fa realizzavano in ore. L’assunto fondamentale, soprattutto per la sicurezza, è che esseri umani e macchine non possano oggi lavorare contemporaneamente. Non però allo Smart Production Lab di Volkswagen, azienda tra le più innovative nel proprio settore, che sta lavorando in maniera sempre più importante alla fabbrica 4.0. A Wolfsburg, sede dell’azienda, uomini e robot lavorano già oggi fianco a fianco, grazie allo sviluppo di Wolfgang Hackemberg e Johannes Teiwes, che hanno costruito questi futuristici macchinari assieme agli esperti del centro tedesco di Ricerca per l’Intelligenza Artificiale (DFKI).

Hackenberg si avvicina al robot. La macchina rallenta immediatamente e allontana le braccia cercando di continuare a lavorare. “Il robot percepisce che mi sto avvicinando e ne tiene conto” afferma Hackenberg. “Questo è il prerequisito fondamentale per l’interazione intelligente uomo-macchina”. È un requisito essenziale per un tipo di cooperazione completamente nuova fra esseri umani e robot. Hackenberg, 36 anni, ha un dottorato in Ingegneria. Nello stabilimento Volkswagen a Wolfsburg è a capo dello Smart Production Lab, uno dei cinque centri creativi del Gruppo in ambito IT. Gli altri si trovano a Berlino, Monaco e San Francisco. In questi laboratori gli esperti stanno lavorando al futuro digitale del Gruppo Volkswagen in una atmosfera da start-up. In stretta collaborazione con istituti di ricerca e partner tecnologici, stanno sviluppando nuove soluzioni in ambiti come l’Industria 4.0, big data, nuove soluzioni di mobilità, realtà virtuale, connettività e Internet delle cose.

Nello Smart Production Lab di Wolfsburg, il focus principale è sulla fabbrica intelligente. Nello stabilimento digitalizzato del futuro, macchinari e attrezzature, robot, merci e prodotti saranno connessi gli uni agli altri. Le persone e i robot non lavoreranno più su un componente uno a fianco all’altro o uno dopo l’altro ma allo stesso tempo, cooperando. “Finora è stato necessario garantire una separazione fisica tra le fasi produttive e gli spazi di lavoro di persone e robot” spiega Hackenberg. “Questa non è vera cooperazione”. Le cose sono diverse nello Smart Production Lab. “Abbiamo integrato un robot brevettato e sensori utilizzando un software in modo tale che persone e robot possano lavorare nello stesso spazio senza rischi e addirittura interagendo. Per la prima volta, siamo stati in grado di realizzare una cooperazione diretta fra uomini e robot”.

Nello sviluppo di questo sistema, gli esperti dello Smart Production Lab della Volkswagen hanno lavorato fianco a fianco con gli scienziati del Robotics Innovation Center, che fa parte del Centro tedesco di Ricerca per l’Intelligenza Artificiale (DFKI) di Brema. Il DFKI è uno degli istituti leader a livello mondiale per la ricerca sull’intelligenza artificiale. Gli esperti Volkswagen e quelli del Centro collaborano intensamente da anni in molti ambiti. Di recente, il Gruppo ha anche acquisito una quota nel rinomato istituto di ricerca e grazie a ciò può beneficiare di un fondamentale trasferimento di know-how da questa istituzione di massimo livello dando slancio, fra le altre cose, alla digitalizzazione dei propri stabilimenti. Uno dei primi risultati di questa collaborazione è l’utilizzo di un software che rende possibile la cooperazione diretta fra uomo e robot, che può essere utilizzato anche con robot industriali e per aree di lavoro completamente diversi.

Il segreto del robot intelligente non va ricercato nelle sue braccia o nelle sue benne prensili, ma piuttosto sotto il piano di lavoro, dove Hackenberg e il suo team hanno installato l’unità informatica. Qui il sistema ROCK processa gesti e cenni delle mani, calcola tutte le sequenze dei movimenti delle persone, che vengono registrati da dei sensori attorno all’area di lavoro del robot, e ne valuta i risultati. Un cenno della mano di Hackenberg è sufficiente per fermare il robot. Un altro gesto e la macchina riprende il proprio lavoro, oppure gli passa componenti o attrezzi. Appena Hackenberg si avvicina all’area di lavoro del robot, senza fare alcun gesto, la macchina riduce automaticamente la sua velocità ed evita il contatto.

Qual è il fine di questa innovazione? La “Fabbrica 4.0” non sarà senza persone, la manodopera umana sarà ancora necessaria. “Vogliamo che i robot subentrino per i compiti più faticosi o ergonomicamente complicati” afferma Hackenberg. L’obiettivo è sviluppare una fabbrica del futuro nella quale le persone abbiano compiti complessi che richiedano un alto livello di specializzazione, creatività e capacità di problem solving. Le persone si concentreranno sulla creazione di valore aggiunto, sulle singole messe a punto e sulla gestione della qualità. Dall’altro lato, i robot con sensori integrati e nuovi concept per la sicurezza si occuperanno di lavori ergonomicamente difficili e fisicamente faticosi.

articoli correlati

MOBILE

Volkswagen sceglie il formato GhostOver di Smartclip per promuovere la nuova Tiguan

- # # # # # #

smartclip - GhostOver

La nuova Tiguan, SUV di casa Volkswagen, è oggetto di una articolata campagna pubblicitaria che ha coinvolto smartclip, società tecnologica leader per soluzioni di video advertising per ogni tipo di device digitale attraverso SmartX Platform. All’interno della pianificazione media messa a punto da Mediacom, smartclip si è infatti occupata della distribuzione della nuova campagna per mobile facendo leva sul nuovo formato GhostOver, la soluzione pubblicitaria basata su annunci a sfondo trasparente sviluppata da ArenaDaemon.

Il formato native, di nuova concezione, consiste in una creatività che appare in sovraimpressione sul contenuto e si muove sullo spazio dello schermo, e, contemporaneamente, permette all’utente di continuare la lettura, abbinando un forte impatto a una user experience di qualità. L’uso di Ghostover ha permesso alla campagna, durata due settimane, di offrire agli utenti che hanno interagito con il messaggio pubblicitario, un’esperienza fluida e senza interruzioni.

“Per presentare la Nuova Tiguan abbiamo voluto proporre a Volkswagen una pianificazione ad altissimo impatto ed emotivamente coinvolgente con un’originale forma di comunicazione in grado di trasmettere ai consumatori nuove emozioni e suscitare in loro curiosità senza mai essere intrusiva”, afferma Luca Di Cesare, Managing Director Italia di smartclip (nella foto).

Secondo le ultime rilevazioni Nielsen, l’automotive è il secondo mercato in Italia in investimenti pubblicitari; il web marketing rappresenta il terzo mezzo del settore e nei primi 7 mesi dell’anno ha registrato una crescita del 15% rispetto allo scorso anno, con una quota del 6,6% dedicata al digital advertising (escludendo search e social).

articoli correlati

MEDIA

Volkswagen lancia su WhatsApp il nuovo servizio informativo per tutti i fan del rally

- # # # # #

Volkswagen lancia su WhatsApp il nuovo servizio informativo per tutti i fan del rally

Volkswagen lancia un innovativo servizio informativo via WhatsApp per tutti i fan del FIA World Rally Championship (WRC). Il servizio push, attivo anche su Insta e Telegram, assicura ai fan del Motorsport un continuo aggiornamento sulle prove con notizie, risultati, foto, video e file audio contenenti estratti di interviste. WhatsApp può vantare oggi più di un miliardo di utenti e tramite questa piattaforma vengono inviati ogni giorno più di 40 miliardi di messaggi. A giugno il brand aveva introdotto il servizio esclusivamente per i media ottenendo risultati molto positivi.

Con questa seconda fase, viene ora offerta anche ai fan la possibilità di iscriversi a questo servizio informativo via WhatsApp e Telegram. Grazie all’adattamento automatico a tutti i comuni dispositivi, è possibile iscriversi al servizio anche tramite la pagina web di Volkswagen Motorsport, ottimizzata per gli smartphone. La ricezione dei messaggi può essere controllata direttamente dall’app tramite un semplice comando: inviando un messaggio con le parole chiave “Start” oppure “Stop” è possibile avviare oppure interrompere la ricezione degli aggiornamenti. Gli utenti rimangono sempre anonimi nelle mailing list e allo stesso tempo hanno la possibilità di contattare direttamente il team Volkswagen Motorsport tramite la funzione di chat individuale.

 

Filo diretto con i campioni del mondo – un utente su dieci chatta con il team

Oltre all’aggiornamento estremamente veloce via messaggio, una delle caratteristiche peculiari del servizio è la chat diretta che permette a giornalisti e fan di rivolgersi direttamente al team. Tutte le conversazioni rimangono anonime e, diversamente da altri social network come Twitter e Facebook, avvengono in privato piuttosto che in pubblico, permettendo un maggiore coinvolgimento dell’utente. Finora, un utente su dieci ha sfruttato questa opportunità.

 

Libertà di scelta – tre mailing list liberamente combinabili

I fan possono combinare a loro piacimento le tre mailing list disponibili: “Essential”, “Emotional” e “Additional”. La lista “Essential” fornisce un breve riassunto e la classifica generale alla fine di ogni prova speciale del WRC, oltre a statistiche di interesse e a stralci di intervista ai piloti Sébastien Ogier, Jari-Matti Latvala e Andreas Mikkelsen. La lista “Emotional” invia foto e video direttamente sullo smartphone e la “Additional” fornisce informazioni su articoli e notizie interessanti sul mondo del WRC. Ogni utente può configurare il servizio di informazioni a proprio piacimento e modificarlo in qualsiasi momento.

 

Tradizione di innovazione per Volkswagen Motorsport

Volkswagen Motorsport è uno dei primi a fornire un servizio diretto di informazioni via WhatsApp e Telegram nel mondo dello sport. Volkswagen Motorsport vanta una lunga tradizione di innovazione: è stato infatti uno dei primi costruttori a offrire un’app dedicata per smartphone e un sito web ottimizzato per vari dispositivi.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Audi e Young DIgitals insieme per comunicare sul web la nuova Audi_OOOO_rama

- # # # # # #

Audi e Young DIgitals insieme per comunicare sul web la nuova Audi_OOOO_ramaAudi e Young DIgitals insieme per comunicare sul web la nuova Audi_OOOO_ramaAudi e Young DIgitals insieme per comunicare sul web la nuova Audi_OOOO_rama

Per il secondo anno consecutivo Young Digitals affiancherà You Events nella comunicazione digitale di Audi_OOOO_rama, il progetto internazionale di Audi AG che lega la casa automobilistica al mondo della musica, celebrato in questi giorni in a Borgo Egnazia (BR), in concomitanza con il Locus Festival, di cui Audi Italia è sponsor dal 2015.

L’agenzia di comunicazione di Michele Polico, Guido Ghedin e Marco Pezzano, curerà nei prossimi mesi la produzione di contenuti testuali, fotografici e video e la gestione degli strumenti digital in italiano, inglese e tedesco, attraverso un team di copy, fotografi e social media manager, coordinati dal direttore creativo Paolo Orsacchini e dal key account Alberto Canazza.

Attraverso i canali di Audi Global, immagini e video verranno veicolati in tutto il mondo per comunicare il connubio tra la casa automobilistica e la musica, anche attraverso le testimonianze di artisti, produttori, innovatori dell’industria musicale che in questi giorni si sono ritrovati nel “simposio” di Audi_OOOO_rama: tra gli altri, Richie Hawtin, The Orb, Midge Ure.

“Explore the future(s) of music”, questo il claim del format di eventi ideati da Audi per definire gli scenari futuri della musica, fa quest’anno tappa in un’esclusiva località pugliese e sceglie di legarsi, in questa edizione satellite, al tema della connettività, da sempre al centro delle attenzioni della casa di Ingolstadt.

“È un grande piacere, per noi, lavorare ancora con You Events e con la Content Factory di Audi AG su questo progetto, decisamente unico nel suo genere, capace di abbracciare automotive, musica e tecnologia”, afferma Guido Ghedin, Managing Partner di Young Digitals – Il nostro studio creativo, in questi giorni presente all’evento, sta producendo moltissimi contenuti in lingue diverse, che poi verranno diffusi e declinati in tutto il mondo attraverso una moltitudine di piattaforme digital”.

Il progetto Audi_OOOO_rama è una delle collaborazioni di Young Digitals con il gruppo Volkswagen. L’agenzia, infatti, segue anche il brand Lamborghini in Cina attraverso una consulenza strategia e operativa nel mercato orientale.

articoli correlati

AZIENDE

Auto connesse, al via l’accordo tra Volkswagen e LG per una nuova piattaforma

- # # # # #

Volkswagen e LG stringono un nuovo accordo per le auto connesse

Il gruppo Volkswagen e LG Electronics hanno firmato un protocollo d’intesa per la ricerca e lo sviluppo congiunto di una piattaforma di servizi per l’auto connessa di nuova generazione. In futuro, le due Aziende lavoreranno insieme sulla Cross-Over-Platform Volkswagen, volta a migliorare la connettività del veicolo e la facilità d’utilizzo. Utilizzando la più avanzata tecnologia cloud, offrirà ai conducenti un accesso digitale continuo a molte funzioni, come i servizi “smart home” e quelli basati sulla localizzazione.

 

Nei prossimi anni, le Aziende si concentreranno sullo sviluppo di:

-tecnologie che riuniscano le funzionalità di auto connessa e smart home, in modo che i conducenti siano in grado, dal veicolo, di gestire e monitorare dispositivi intelligenti nelle proprie abitazioni come luci, sistemi d’allarme ed elettrodomestici;

-un centro di notifiche, che possa consegnare messaggi in modo intuitivo e sicuro, e fornire suggerimenti al conducente in tempo reale;

-una tecnologia di infotainment di nuova generazione per le vetture connesse.

 

In rappresentanza di LG Electronics erano presenti alla firma dell’accordo, avvenuta presso la sede del Gruppo Volkswagen, Richard Choi, Responsabile del Cloud Center LG, e Lee Sang-yong, Responsabile del Vehicle Infotainment System Research Lab di LG. Per Volkswagen, Thomas Form, Responsabile Electronics and Vehicle Research, e Robert Kattner, Responsabile Vehicle Information System, entrambi della Divisione Ricerca del Gruppo.

“Volkswagen sta portando avanti la digitalizzazione dei propri brand. Il focus è sempre sui nostri Clienti. Per loro, comfort, sicurezza ed efficienza energetica giocano un ruolo centrale. LG è un partner forte e affidabile nell’implementazione di nuove funzioni e uno dei motori dell’innovazione per quanto riguarda la connettività domestica. Siamo entusiasti di lavorare con LG e di sviluppare in futuro soluzioni smart home semplici e facili da utilizzare per i Clienti integrate nei sistemi dei nostri veicoli” ha dichiarato Form.

“LG Electronics e Volkswagen si uniscono per sviluppare una piattaforma innovativa per l’auto connessa, che permetta un’ampia integrazione con servizi smart home e l’adozione di tecnologie di connettività IoT aperte” ha affermato Richard Choi. “Siamo convinti che la competenza di LG nell’ambito delle tecnologie smart e la leadership di Volkswagen nel settore automobilistico rivoluzioneranno il modo in cui i conducenti interagiscono con i propri veicoli”.

Questo accordo è una conferma della pluriennale collaborazione tra LG e Volkswagen. LG è stata una delle prime Aziende di elettronica a impegnarsi nell’industria automobilistica. Ha fornito prodotti audiovisivi per i veicoli dal 2007, guadagnandosi una solida reputazione per affidabilità e innovazione tecnologica.

Nel marzo del 2015 Italdesign Giugiaro, controllata di Volkswagen AG, in occasione del Salone di Ginevra ha svelato la propria concept car GEA, con sette componenti chiave forniti proprio da LG Electronics, inclusi il display olografico, lo smart watch connesso, le luci posteriori e la telecamera posteriore. A luglio LG è stata selezionata da Volkswagen come fornitore elettronico strategico e Azienda partner nel programma FAST (Future Automotive Supply Tracks). Al CES di quest’anno, le due Aziende hanno attirato una grande attenzione presentando un sistema smart home che può essere controllato a distanza, dal veicolo.

articoli correlati