MOBILE

Mobile World Congress: Teads lancia “in Read Vertical”, il nuovo formato video native verticale

- # # # # #

Teads - Mobile World Congress

Teads parteciperà anche quest’anno al Mobile World Congress. A partire dal 22 Febbraio, “casa Teads” sarà presente nella hall 8.1 presso lo stand 1B74 per dialogare con i principali player del mercato su come è possibile valorizzare il futuro delle strategie digital mobile di brand e publisher.

L’evento sarà l’occasione perfetta per introdurre un nuovo prodotto che andrà a impreziosire la suite delle soluzioni native di Teads: inRead Vertical, il formato video “letteralmente verticale” che sarà mostrato in anteprima mondiale, prima del suo rilascio ufficiale che avverrà nei prossimi mesi.

Il progetto nasce da un’analisi costante del mercato digitale e dei suoi attori. I comportamenti degli utenti, durante i loro meccanismi di navigazione online, sono stati alcuni degli aspetti meglio osservati negli ultimi mesi. Da queste analisi è emerso che i video sono i contenuti maggiormente visualizzati sugli smartphone per due motivi su tutti: immediatezza e praticità. A tal proposito Teads ha pensato di sviluppare un prodotto coerente con la struttura e il design degli smartphone.

inRead Vertical è una vera e propria rivoluzione per i direttori marketing che devono costruire l’esperienza di un brand dalla creatività dei contenuti al loro posizionamento, durante i meccanismi di distribuzione. Gli advertiser, grazie a Teads, avranno finalmente a disposizione un nuovo schermo per distribuire i loro messaggi pubblicitari, in maniera completamente coerente con il device entro cui sarà erogato.

“È la seconda edizione del Mobile World Congress a cui partecipiamo e sono davvero felice di confrontarmi, in questo contesto circa il futuro di Teads e della pubblicità video su mobile”, dichiara Todd Tran, Global Managing Director Mobile & Programmatic di Teads. “I contenuti pubblicitari stanno diventando sempre più presenti sui dispositivi mobile, in particolare le soluzioni video native sono state elette “miglior mezzo” per raccontare la storia di un brand in un’ottica multiscreen. Con la crescita di app come Meerkat e Snapchat, gli utenti si sentono sempre più in confidenza con i contenuti video, specialmente quando vengono posizionati in maniera coerente con il contesto. inRead Vertical, risponderà in maniera coerente all’architettura dei siti web su mobile, sviluppandosi verticalmente ed essendo parte continuativa dell’estetica dell’ambiente entro cui viene distribuito”.

Un altro importante tema che Teads affronterà nell’ambito del Mobile World Congress è quello degli Ad-Blocker, su cui recentemente è stato rilasciato uno studio internazionale che ha avuto grande risonanza sulla stampa internazionale. La possibilità di skippare sin dall’inizio gli Ad, infatti, è la chiave per coinvolgere gli utenti sui video mobile e prevenire l’utilizzo di Ab-blocker. Research Now, a riguardo, ha rivelato che l’84% degli utenti su scala globale, sarebbe disposto a riconsiderare l’installazione di un Ad-blocker, se gli annunci fornisse la possibilità di essere ignorati. Parlando di video, più della metà (52%) degli utenti globali ha dichiarato che il pre-roll è il formato video più invasivo. Questi sono alcuni dei principali presupposti con cui Teads parteciperà al MWC. Stay Tuned!

Al MWC saranno presenti Todd Tran, Global Managing Director Mobile & Programmatic; Santiago Oliete, Global Senior Vice President, Publishers; Gilles Moncaubeig, Senior Vice President Product e Antonella La Carpia, Marketing Director EMEA.

articoli correlati

MEDIA

Video native video ads e App install ads: i nuovi format di pubblicità di Yahoo

- # # # #

A poco più di un anno dal lancio del native advertising, Yahoo espande la propria offerta con i video native ad e i video app install ad, offrendo così al mercato della pubblicità on line la possibilità di combinare le potenzialità del video con quelle del native.

“Gli utenti amano interagire con i video su tutti i loro dispositivi e veicolare informazioni pubblicitarie tramite video, integrandosi con il contenuto editoriale di cui sta fruendo l’utente, rappresenta per i brand un’enorme opportunità”, spiega Davide Corcione, Head of Agency di Yahoo Italia. “In poco più di 12 mesi abbiamo riscontrato un crescente successo del native advertising sia come risultati sulle campagne sia come volumi di investimento da parte dei clienti, e il formato video contribuirà ad accrescere ulteriormente questo trend positivo”.

Con i native video ad, Yahoo unisce infatti due dei formati digitali che generano maggior interazione, in modo che il contenuto del brand abbia la stessa forza di un video e sia integrato nel modo più fluido nella homepage di Yahoo, nei suoi magazine digitali e nelle app, come accade tradizionalmente con tutto il suo native advertising.

Con i video app install ad, gli esperti di marketing e gli sviluppatori di app possono promuovere le loro app su Yahoo e migliaia di altre app su Yahoo Gemini. Le ricerche di Yahoo mostrano che i consumatori che scaricano le app dopo aver guardato un trailer utilizzano l’app con una frequenza maggiore del 40% e per un tempo superiore del 20% ogni volta, rispetto a quanto accade con le normali display install ads.

articoli correlati