AZIENDE

Mosaicoon lancia la campagna web per “Digital Inside”, il corso di formazione di Unioncamere

- # # # # #

Far breccia nel mondo lavorativo grazie alle competenze digitali: Mosaicoon presenta questa opportunità con “Digital Inside”, la campagna online realizzata per Unioncamere – l’ente che riunisce e rappresenta il Sistema camerale italiano. L’obiettivo è quello di promuovere il corso di formazione “Digital Marketing: Strumenti e Metodi per lo sviluppo del Business” che prevede un tirocinio di tre mesi in azienda per i giovani.
Nel video i protagonisti sono gli stessi destinatari della campagna, cioè i giovani under 35 neolaureati e neodiplomati. “Conosci da sempre le basi del Digital Marketing, scopri come usarle nel mondo del lavoro”: questo è il concept del video dove un gruppo di ragazzi trascorrono insieme una giornata d’estate.
Come nella vita di tutti i giorni i protagonisti si divertono e utilizzano in modo del tutto naturale molte delle competenze adottate anche nel Marketing Digitale come storytelling, fundraising, social network activities, custom relationship management e direct mail. Grazie al corso di formazione i giovani potranno quindi perfezionare queste digital skills e indirizzarle su un percorso professionale ad hoc, che si concretizza tramite un’esperienza lavorativa di tre mesi in un’azienda del network di Unioncamere.
L’iniziativa è promossa da Unioncamere, con la collaborazione dell’Istituto Guglielmo Tagliacarne, fondazione italiana per la promozione della cultura economica, e Si.Camera, società di servizi interna a Unioncamere.
Mosaicoon ha curato l’intera campagna attraverso la realizzazione di un video creativo, supportato da attività di Video Seeding e promozione su Facebook, Google, siti, blog e social profiles in target.

articoli correlati

AZIENDE

Il processo di digitalizzazione nelle PMI italiane grazie a Microsoft e Unioncamere

- # # # # # # #

L’avvento della forza digital è stato devastante e, volenti o nolenti ogni media, ogni ente, ogni individuo, salve rarissime eccezioni, ha dovuto “crescere”, evolvere e adeguarsi a nuovi modi di comunicare in nome di sua maestà, Miss Technology. Ecco perché Microsoft Italia e Unioncamere stanno realizzando un progetto volto a supportare le PMI italiane attraverso un programma di formazione sulle nuove tecnologie. Nelle prossime settimane verranno svelati gli aspetti salienti dell’iniziativa, nonché gli attori che ne faranno parte.

 

“L’accordo si pone l’obiettivo di contribuire alla riduzione del gap digitale tra le diverse aree del Paese e tra le diverse tipologie d’impresa, diffondendo la cultura dell’innovazione digitale e la crescita della consapevolezza dei vantaggi in termini commerciali derivanti da un maggior utilizzo dei servizi digitali avanzati”, sottolinea il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. “Le nostre Pmi, infatti, hanno accumulato un forte ritardo rispetto agli altri partner europei. Basti pensare che l’Istat ha evidenziato che nel 2012 soltanto il 6,2% delle imprese sopra i 10 addetti ha  venduto on-line, l’uso dell’e-banking ha riguardato solo il 29%, mentre si ferma al 32% la quota di imprese che hanno compiuto completamente on-line alcune procedure amministrative. Queste percentuali sono destinate a contrarsi se si prende in considerazione le piccole e micro che costituiscono il 95% del nostro tessuto produttivo. Gli ampli margini di crescita nell’utilizzo dei servizi digitali spinge quindi con particolare intensità sulla necessità di offrire un contributo specifico sul tema dell’alfabetizzazione digitale”.
L’Amministratore Delegato di Microsoft Italia, Carlo Purassanta  ha aggiunto che “Gli studi internazionali dimostrano che investimenti in innovazione e competitività sono strettamente correlati, pertanto è fondamentale promuovere la diffusione delle tecnologie digitali in Italia per contribuire al rilancio del Paese. Con questo nuovo progetto, in collaborazione con un partner di prim’ordine come Unioncamere, ci proponiamo proprio di fare sistema con molteplici attori pubblici e privati per supportare la digitalizzazione di tutte quelle PMI che rappresentano il motore del tessuto economico italiano”.

 

Torino, Napoli, Roma, Bari, Padova, Bologna e Milano sono le prima città coinvolte in questo processo di digitalizzazione che proseguirà, comunque, per tutto il 2014 sfruttando anche la piattaforma digitale (digitalipercrescere.it) per accompagnare le PMI in questo difficile quanto necessario processo di innovazione.

articoli correlati

AGENZIE

Al Gruppo icat il premio Unioncamere per lo sviluppo economico

- # # #

Il Gruppo icat è stato premiato da Unioncamere per l’impegno costante in progetti sempre nuovi e di ampio respiro, dove alla creazione di strategie di comunicazione per i clienti, si aggiungono la progettazione e realizzazione di attività culturali e di iniziative sociali per il territorio. Ma anche l’installazione di impianti e tecnologie volti a razionalizzare la propria struttura e assorbire nuove unità lavorative.

Nella stessa occasione sono state premiate le eccellenze venete che si sono distinte nel 2012 per aver dato il loro contributo allo sviluppo economico della regione. Tra queste alcuni nomi illustri dell’imprenditoria veneta come De Longhi Spa e la Fondazione Arena di Verona.

 

Tra le iniziative dell’agenzia di particolare rilievo la mostra ″Venetkens. Viaggio nella terra dei Veneti antichi”, a Palazzo della Ragione fino al 17 novembre, e della quale ha curato l’allestimento e ideato il concept creativo e architettonico.
Si è occupata anche di alcuni progetti a ricaduta sociale, come Amico dell’Ambiente: un’idea nata nel 2007 per la raccolta e il riciclaggio della plastica, e con la quale ha dato un contributo concreto e socialmente utile all’ambiente. Ma le motivazioni che le hanno valso il prestigioso premio sono anche di carattere innovativo: la sede di Gruppo icat, infatti, si trova all’interno di un complesso che ha chiamato ‘Hi‐Life’, certificato dalla Comunità Europea come edificio sostenibile, dotato delle più avanzate tecnologie per il risparmio energetico, il comfort e la sicurezza. Inoltre, l’agenzia si è distinta per essere tra le poche nel settore della comunicazione ad aver adottato in Italia la metodologia Lean Service, mirata a ridisegnare la gestione interna, eliminando gli sprechi e ottimizzando i costi, per offrire ai clienti un servizio migliore e più competitivo.
″Siamo orgogliosi e pienamente soddisfatti di questo premio ‐ ha commentato Massimo Arcolin, direttore generale Gruppo icat ‐ i risultati ottenuti fino a oggi sono il frutto di un intenso lavoro di squadra e di un impegno costante, per affermare i valori di innovazione e qualità in cui abbiamo sempre creduto″.

articoli correlati