AGENZIE

ASSOCOM e UNICOM deliberano l’associazione a UNA Aziende della Comunicazione Unite

- # # # #

Si sono svolte nella giornata odierna le Assemblee Straordinarie di ASSOCOM e UNICOM, nel corso delle quali gli Associati hanno deliberato l’approvazione del progetto di fusione mediante incorporazione in UNA, Aziende della Comunicazione Unite, una nuova e innovativa realtà associativa nel mondo della comunicazione.

La fusione deliberata oggi diventerà effettiva una volta trascorsi i 60 giorni previsti per legge dal deposito del verbale.
A partire da tale data potrà essere convocata l’assemblea elettiva che nominerà il nuovo consiglio di UNA Aziende della Comunicazione Unite, all’interno del quale sarà individuato il Presidente. Fino alla data delle elezioni, le attività ordinarie di entrambe le associazioni saranno portate avanti dai membri dello Steering Commitee, già nominati come consiglieri pro-tempore di UNA.

 

Obiettivo di questo organismo è garantire continuità sui progetti già avviati, e soprattutto gestire le formalità che porteranno alle nuove elezioni, inclusa la definizione di una data per le stesse e le modalità e i tempi di raccolta delle candidature.

articoli correlati

AGENZIE

Assocom si espande nel retail e conferma il suo percorso verso UNA

- # # # #

emanuele nenna

Assocom, l’associazione di categoria che rappresenta e promuove le aziende di comunicazione, si conferma sempre più attenta ai nuovi protagonisti della comunicazione. Non fa eccezione il mondo retail e shopper marketing a cui l’Associazione apre le sue porte dopo il recente ingresso di due realtà leader nel settore come Incentive Promomedia srl e Trade.

Per consolidare l’interesse verso questo segmento di mercato si stanno studiando nuove azioni come, ad esempio, la creazione di un nuovo Hub dedicato – Retail Hub – che potrebbe aggiungersi al consolidato PR Hub e ai verticali aperti quest’anno: Media e Digital&Innovation.
Questo permetterebbe di continuare nel percorso di consolidamento delle competenze verticali e delle eccellenze presenti all’interno dell’Associazione.

Le due nuove realtà, Incentive Promomedia e Trade, si sono già poste l’obiettivo di formulare un contratto di settore e un sistema di misurazione indipendente della comunicazione dedicata al mondo retail.
Assocom si conferma, quindi, una realtà che estende in maniera progressiva i suoi confini per rappresentare l’odierno mercato della comunicazione. Il tutto si iscrive nella finalizzazione del progetto di fusione con Unicom che ha l’obiettivo di dare vita a una nuova, innovativa e unica realtà – UNA -che sappia rispondere alle nuove esigenze di un mercato sempre più ricco e in fermento.

Oltre ad Incentive Promomedia srl e Trade, nel corso degli ultimi mesi, l’Associazione ha infatti, registrato l’ingresso di altre tre realtà: Blink srl, Comunico srl e Don’t movie srl. Tutte le nuove associate hanno fin da subito colto il potenziale di questo nuovo importante capitolo dell’associazionismo italiano nel mondo della comunicazione e hanno dimostrato interesse a voler far parte del cambiamento.

“Se da un lato l’Associazione continua a crescere e a differenziarsi, dall’altra si dimostra pronta a valorizzare le singole verticalità: gli Hub sono la formula più funzionale, e ormai collaudata, per questo e hanno dimostrato di essere il mezzo ideale per mettere a fattor comune conoscenze e best practice in un mercato in continuo divenire e di cui noi vogliamo essere una fedele rappresentazione” dichiara Emanuele Nenna, Presidente di Assocom (nella foto). “Ampliare le competenze rappresentate e continuare a raccogliere adesioni in questo particolare momento ci permette di guardare a UNA con ancora più forza e determinazione per rappresentare, a tutti gli effetti, il meglio del mondo della comunicazione in Italia oggi”.

articoli correlati

AGENZIE

A gennaio nasce UNA, la newco risultato della fusione di Assocom e Unicom

- # # # #

assocom

Procede la strada intrapresa dalle due grandi associazioni italiane che rappresentano il mondo della comunicazione, AssoCom e Unicom, per dar vita al progetto di creare un’innovativa e unica realtà che sappia rispondere alle nuove esigenze di un mercato sempre più ricco e in fermento.

La fusione delle due realtà permetterà di fornire una reale e puntuale risposta a un mercato che lo richiede da tempo e troverà nella nuova associazione un reale punto di riferimento per accreditare e far crescere un comparto fortemente innovativo e che genera valore. L’intento di questa fusione è poter portare i temi della comunicazione ad un livello ancora superiore, dando voce alle grandi sigle quanto alle medie realtà, garantendo al contempo una forte capillarità territoriale.

Obiettivo ultimo quello di garantire rappresentatività all’intero comparto della comunicazione, dai centri media alle PR, passando per il mondo digitale, creativo e degli eventi. Alla base di tutto tre valori fondamentali: professionalità, serietà e qualità, condivisi tra le due associazioni e sui quali puntare in vista del nuovo progetto.

Un disegno ambizioso e di lungo percorso. A partire dalla definizione del nome che trova, ad oggi, in UNA – Associazione Aziende della Comunicazione Unite, un ampio riscontro. A lavorare sul progetto di fusione è stato nominato uno steering committee che si sta occupando della definizione dei dettagli di completamento del percorso di fusione.

Il progetto sul tavolo prevede che la newco possa essere operativa a partire da gennaio. La definizione della governance seguirà i tempi tecnici per indire nuove elezioni, che si terranno presumibilmente a primavera 2019, e fino a tale data a guidare sarà proprio lo steering committee. È anche allo studio una nuova modalità di contribuzione, proporzionale ai fatturati, che garantisca la massima equità per tutti gli associati.

“La comunicazione è un mercato in fortissimo fermento che, molto più di altri comparti, cresce e si trasforma con l’evolversi della società e dei suoi bisogni. Oggi questo mondo presenta peculiarità estremamente differenti da soli quindici anni fa e necessita pertanto di un punto di riferimento solido che possa comprenderne le esigenze e allo stesso tempo fornire risposte e supporti validi”, ha commentato Emanuele Nenna, Presidente di AssoCom. “Professionalità, serietà e qualità saranno i driver che ci muoveranno”.

“Il mercato cambia e come tale le associazioni che lo rappresentano e gli attori che ne prendono parte. In questo scenario in continua evoluzione si iscrive questo progetto di fusione”, ha concluso Alessandro Ubertis, Presidente di Unicom. “È molto sfidante essere parte attiva di un tale cambiamento e sono sicuro che questo processo, in fase ancora di crescita e definizione, porterà a cultura e arricchimento intellettuale a tutti gli associati”.

articoli correlati

AGENZIE

Unicom lancia uno spot radio sui valori della comunicazione. Firma Studiowiki, pianifica FMedia

- # # # # #

Alessandro Ubertis unicom

Nasce dalla collaborazione fra i copy Gaetano Ferrara di FMedia e Federico Alberto di Studiowiki la campagna in onda a giugno sulle principali emittenti radiofoniche nazionali e locali. FMedia si è infatti occupata per Unicom anche della pianificazione, ottenendo importanti collaborazioni con alcune fra le principali emittenti nazionali: RTL 102.5; Radio 101; Virgin Radio; Radio 105.

“Quest’anno la nostra associazione di categoria festeggia i suoi 40 anni di vita, e per celebrare questo importante anniversario ha deciso di realizzare una campagna sui valori della comunicazione e sull’importanza della pubblicità”, dichiara Alessandro Ubertis, Presidente Unicom (nella foto).

Lo spot radio, che sarà supportato da alcuni spazi display sulle principali testate online di settore, personifica la pubblicità, raccontandocela come una musa capace di ispirare e stupire le nostre azioni quotidiane.

“L’intera operazione è stata resa possibile dalla collaborazione con le emittenti radiofoniche nazionali e locali, che hanno deciso di aderire gratuitamente alla campagna, concedendo spazi in omaggio. Siamo felici che anche le concessionarie si siano sentite parte di questa campagna, spiega il consigliere Unicom Salvo Ferrara, Ceo FMedia”.

Lo spot è stato interpretato da Olivia Manescalchi (doppiatrice e voce di Olivia Pope della serie Scandal in onda su Fox Life), che ha prestato la sua voce nello stabilimento di doppiaggio Videodelta di Torino.

“Un grazie particolare va all’interessamento del Festival del doppiaggio Voci nell’Ombra e alla sua organizzatrice Tiziana Voarino, che ha permesso di trovare Olivia e la sua bellissima voce”, aggiunge Federico Alberto consigliere Unicom e copy di Studiowiki.

Importante da segnalare la collaborazione con il compositore e musicista Andrea Fedeli, storico autore delle musiche di Overland, che ha curato il sound design originale dello spot.

La campagna sarà anche in onda sulle emittenti radiofoniche a copertura regionale e locale: Radio Cannelli, Radio Studio+, Radio 60 70 80, Ciccioriccio, Grp, Radio Arancia Network, Radio Velluto Senigallia, Radio Conero, Radio Sportiva, Veronica My Radio, Radio Manila, Radio Fantastica, Radio Italia Uno, Radio Torino, Radio Kiss Kiss Italia, Radio Ibiza, Radio Napoli, RDF 102.7, Lady Radio, Radio Mitology ’70 ‘80, Radio NumberOne, Radio Italia anni ’60 Lombardia, Radio NUmerOne Dance, Radio 1.000Note, Radio Nostalgia, Radio Punto Zero, Radio Sintony, Radio Veronica One, Radio Selene, Radio Veronica Classic, Radio Reporter Torino, Radio Lombardia, Radio Subasio, Radio Fano.

Crediti spot
Cliente: Unicom Italia
Soggetto: Campagna istituzionale
Agenzia creativa: Studiowiki
Media Planning: FMedia
Copy: Gaetano Ferrara e Federico Alberto
Voce: Olivia Manescalchi (doppiatrice e voce di Olivia Pope della serie Scandal in onda su Fox Life)
Musica: Andrea Fedeli (autore delle musiche di Overland)
Studio produzione: Stabilimento di doppiaggio Videodelta – Torino

articoli correlati

AGENZIE

Obiettivo Unicom: un’Associazione aperta al mondo

- # #

unicom

Si è svolta ieri a Milano, presso la Cascina Nascosta, l’Assemblea Annuale degli associati Unicom: momento di discussione e confronto, e di esecuzione delle normali disposizioni statutarie.

“Nel 2017 abbiamo festeggiato i nostri primi 40 anni. Oggi sono ancor più consapevole”, sottolinea Alessandro Ubertis, Presidente dell’Associazione, “di come il ruolo di un’associazione debba essere quello di rappresentare, tutelare e supportare gli interessi dei suoi associati. Per assolvere a questo compito il lavoro svolto dal Consiglio Direttivo è stata ed è condizione fondamentale che mi permette di affermare che oggi Unicom si presenta sul mercato come associazione strutturata, solida, capace di traghettare i propri aderenti verso un mercato sempre più competitivo, dinamico e dai confini incerti”.

Dando uno sguardo alle attività dell’anno, in occasione del 40esimo, Davide Arduini, Consigliere, ha contributo con la sua struttura (Acqua Group) al restyling del logo e alla realizzazione della campagna pubblicitaria dedicata. La nuova immagine, progettata sulla base delle indicazioni emerse dal piano di marketing strategico elaborato da Federico Rossi, ha l’ambizione di posizionare Unicom come una finestra aperta sul mondo delle imprese di comunicazione, un’associazione aperta al dialogo con i propri associati, pronta a sostenere i loro progetti e le loro ambizioni. In questa direzione si muove anche la campagna che, con la headline “Tu, per noi, sei Unicom.”, sottolinea il ruolo di protagonista che ogni singolo ha all’interno dell’associazione.

La nuova immagine creativa ha fatto da sfondo all’edizione 2017 del Premio Unicom “L’Italia che comunica”, ideato a suo tempo da Pietro Saitta, attuale socio, e gestito e organizzato nelle ultime due edizioni da Salvo Ferrara, Consigliere-professionista nel settore degli eventi. Nato con l’obiettivo di riconoscere le eccellenze delle agenzie di comunicazione italiane, il Premio si articola in dieci categorie merceologiche, 5 premi speciali e un Premio assoluto capaci di rappresentare la totalità delle professioni presenti in Associazione e nel mercato della comunicazione in generale. In tal senso l’iniziativa è da sempre aperta sia agli associati che ad agenzie esterne nell’ottica di dare visibilità all’intero comparto.

Immagine, campagna e notizie afferenti il mondo della comunicazione e di Unicom nello specifico, sono stati oggetto di un’intensa campagna di comunicazione gestita e monitorata dal Tavolo Comunicazione che vede il coinvolgimento dei Vice Presidenti Federico Rossi di Sintesi Comunicazione (Venezia) per il copywriting e il content providing, Maria Grazia Persico di Mgp & Partners (Milano) per l’ufficio stampa, e dei consiglieri Davide Arduini di Acqua Group (Milano) per la direzione creativa; Salvo Ferrara di FMedia (Milano) per gli eventi; Francesco Mazzo di Bamakò (Lecce) che, attraverso la sua agenzia e insieme a Alberto Gaiga di Intesys (Verona) e Alberto Acito di Ideama (Matera) si sono occupati, il primo dello sviluppo del nuovo sito web, i secondi della collaborazione alla stesura del piano della digital strategy: piano che ha ricompreso anche le attività di programmatic advertising messe in campo grazie al servizio Ad Grants di Google e le attività di social management. Queste ultime affidate nella gestione quotidiana di Federico Alberto di Studiowiki (Savona), che svolge anche la funzione di coordinatore del tavolo della comunicazione.

Importanti i risultati conseguiti: una nuova identità, declinata su tutti i media owned dell’associazione, una forte spinta agli eventi per i festeggiamenti del quarantesimo, il nuovo sito.
Inoltre, da 5 anni, Unicom offre al mercato il lavoro dell’OPCC (Osservatorio Permanente sul Cambiamento della Comunicazione). Coordinato dalla nascita da Roberto Amarotto (Creativa Comunicazione), già Vice Presidente, oggi Consigliere, l’Osservatorio ha come obiettivo sostanziale “l’analisi del presente per programmare il futuro”. Grazie alla collaborazione di 16 tutor, 15 Membri del Comitato Scientifico, 5 Membri del Comitato di Coordinamento e una base d’analisi costituita da un panel di 2000 consumatori (panel base delle ricerche condotte da EMGAcqua), l’OPCC è in grado di fornire strumenti informativi e strategici sui trend del mondo della comunicazione

Stabiliti i criteri razionali di valutazione, Unicom promuove e definisce le più efficienti modalità di collaborazione tra le agenzie associate e il mercato. Questa è la delega che il Consiglio Direttivo ha affidato a Loris Zanelli, insieme con quella di formalizzare sinergie e partnership con alcuni primari enti e player del comparto, per rendere le agenzie associate sempre più competitive. Sono già circa cinquanta le convenzioni e le partnership stipulate con autorevoli esponenti del mondo della comunicazione, tra le quali figurano Cairo Editore, Eco della Stampa, Colt, Web Marketing Festival e il Premio Eletto Prodotto dell’Anno. Nella sua qualità di coordinatore nazionale Zanelli ha consolidato le attività dei Delegati Territoriali, che oggi dispongono di un manuale operativo nel quale sono analiticamente descritte le procedure utili per generare valore all’interno delle agenzie associate, in ottica collegiale.

L’apertura alla partecipazione di tutte le agenzie presenti e il doveroso coinvolgimento in ottica di resilienza e apertura al cambiamento è il focus della delega attribuita a Michele Cornetto, membro permanente del Consiglio Direttivo. Un articolato percorso formativo e d’ingaggio di ogni risorsa presente all’interno delle agenzie è la condizione fondamentale per poter portare l’Associazione verso l’assunzione di un ruolo più centrale e competitivo nel mondo della comunicazione.

Ma non vi è Associazione virtuosa senza una situazione patrimoniale e contabile ineccepibile nella fattispecie curata da Erica Lo Buglio, Vice Presidente e un sistema di lavoro suddiviso in Tavoli tematici attribuiti per delega, ovvero: Servizi a convenzioni (Loris Zanelli), Eventi (Salvo Ferrara), Cultura (Roberto Amarotto), Comunicazione (Federico Alberto), identità e immagine (Davide Arduini).

“In ottica collegiale, conclude Ubertis, “ci poniamo ogni giorno l’obiettivo di essere punto di riferimento per l’azienda associata, per il comparto in cui operiamo e per i contesti collaterali che ci ruotano attorno consci di come il “fare rete” debba essere un messaggio veicolato a livello istituzionale prima ancora di costituire un utile suggerimento alla propria base associativi per poter essere – tutti i giorni – competitivi e resilienti”.

articoli correlati

AGENZIE

Assemblea Assocom: 97 agenzie associate. Prosegue il cammino di fusione con Unicom.

- # #

assocom

Chiusura di bilancio a +60.000 Euro (contro i 35.000 stimati in sede previsionale), e le dimissioni di Andrea Cornelli dal Consiglio Direttivo, in seguito alla sua uscita – prevista per fine dicembre – da Ketchum PR, sostituito dal primo dei non-eletti, Massimo Romano di Spencer&Lewis.
E poi l’avvio di due nuovi Hub, quello Media e quello Digital & Innovation, oltre alla formalizzazione del PR Hub già esistente, ma in forma un po’ “anarchica”. I soci sono arrivati a 97, con le ultime due agenzia iscritte proprio ieri, Dude e Agrelli & Basta.
Queste, in estrema sintesi, l’Assemblea annuale di Assocom, tenutasi ieri nel pomeriggio a Milano.

“In realtà abbiamo posto le basi per molto altro”, ha dichiarato a latere dell’assemblea il presidente di Assocom Emanuele Nenna, “ partire dalla conferma della nostra partecipazione a IF! Italians Festival e alla volontà di ripensare il nostro evento “Comunicare Domani”, per farne uno degli appuntamenti centrali del calendario della comunicazione, che coinvolga l’intera industry, agenzie e clienti”.

Un altro fronte su cui c’è molto impegno e quello dell’attività di formazione, che si svilupperà su tre linee guida principali. “La prima è quella del Now & How to, che pone l’accento sull’attualità del mercato e delle cose da fare”, ha aggiunto Nenna, “ma con un accento nuovo. Penso al corso di formazione negoziale tenuto a da Gianrico Carofiglio, o al Big Digital Game, in cui andremo “a casa” dei big dell’industria digitale per essere aggiornati da loro. Abbiamo già fissato i primi incontri con Google e Facebook”.
L’altro tema è relativo ai Master (già attivi quelli con il Politecnico di Milano e l’Università Cattolica, mentre a gennaio prenderà il via quello sviluppato con l’Università IULM) e “penso alla revisione dei Curricula, un po’ come la Portfolio Night per il creativi, ma allargata a tutte le professioni della comunicazione”.

Ultimo tema, rivolto al mercato e alle aziende clienti, è quello ispirazionale e culturale mirato a portare il valore della comunicazione sul territorio.
“A questo proposito è stata confermata la gara di sci, il 3-4 Marzo a Courmayeur: dell’organizzazione se ne sta occupando Simone De Martini di Integer”, ha chiosato Nenna, confermando a primavera l’uscita del “libro bianco” sulla gare, frutto del lavoro congiunto con UPA e Unicom.
“A proposito di quest’ultima associazione”, ha concluso Nenna. “confermo che da parte mia e del presidente di Unicom, Alessandro Ubertis, vi è la volontà di arrivare a una fusione tra le due associazioni, nell’ottica di aumentarne l’efficacia e l’efficienza, e di avere una più compiuta rappresentanza della industry nei confronti con le istituzioni. Dall’assemblea ho avuto il via libera: il mio obbiettivo è quello di una vera fusione, non una federazione, per evitate duplicazioni delle infrastrutture. Ovviamente molti aspetti devono essere definiti, dalla struttura del voto (capitario in Unicom) a quella delle quote associative, ai rapporti dimensioni di alcune strutture coinvolte, al pericolo di una eccessiva diluizione della rappresentatività, ma sono personalmente convinto che questa strada vada seguita fino in fondo”.

articoli correlati

AGENZIE

“Unicom: il futuro fa quaranta” e festeggia il quarantennale a Gardaland

- # # # #

unicom associazione

Lo scorso 15 settembre, grazie all’organizzazione di Salvo Ferrara – CEO di FMedia e Consigliere Unicom con delega agli eventi, Unicom ha festeggiato i suoi primi 40 anni, all’insegna della comunicazione e della fantasia, nel favoloso contesto di Gardaland, con un convegno dal titolo “Unicom: il futuro fa quaranta“, i cui contenuti sono stati strutturati dall’OPCCOsservatorio Permanente sui cambiamenti della Comunicazione, coordinato da Roberto Amarotto.

Il convegno, aperto dal Presidente dell’Associazione Alessandro Ubertis e condotto da Simona Regina, giornalista scientifica, ha visto protagonisti della tavola rotonda sugli scenari della comunicazione nei prossimi 40 anni Aldo Maria Vigevani – AD Gardaland Resort, Mauro Lupi, Direttore Strategico DigitalBreak, Giorgio Manfredi, CEO di Rumbletumbleweed, Matteo Concas General Manager Italy di N26 Group e Giuseppe Tipaldo, Docente di Social Media Analysis & Big Data all’Università di Torino.

 

Al termine della tavola rotonda l’Istituto GPF, nella persona di Luca Morvilli, CEO di Qubit e Consigliere Unicom, ha illustrato l’evoluzione dei comportamenti di consumo.
La giornata si è chiusa con la presentazione della nuova immagine coordinata dell’Associazione e della campagna “Tu sei Unicom” realizzata da Acqua Group.
Nella parte riservata del sito (Comunicazioni alle Associate) sono disponibili le slide presentate nel corso della tavola rotonda.

articoli correlati

AGENZIE

Il primo Netcomm Digital Camp: dal 27 al 29 settembre a Lecce alla scoperta dell’eCommerce

- # # # # # #

netcomm

In un contesto in cui la crisi economica fa il paio con quella del commercio tradizionale, la chiave del successo competitivo è creare un’esperienza di unified commerce, dove online, offline e i diversi device si mescolano in un nuovo ecosistema esperienziale.

Tutti temi che verranno affrontati dal 27 al 29 settembre dai principali top player del settore digital e dell’e-commerce durante il primo Netcomm Digital Camp, che si svolgerà presso l’Acaya Golf Resort in provincia di Lecce: un evento formativo che vedrà la partecipazione di aziende come GooglePaypal e Vente-Privée, è promosso da Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano) in collaborazione con Unicom (Unione Nazionale Imprese di Comunicazione) e con il supporto delle agenzie di comunicazione Bamakò e Gruppo icat.

Una tre giorni riservata a imprenditori, responsabili marketing, e-commerce e business manager, ma anche professionisti che per la prima volta vogliano accostarsi al mondo dell’online con gli strumenti giusti, diventando capaci di sviluppare ambiziosi obiettivi di business.
E-commerce project, key performance indicators, e-commerce marketing, native advertising, branded content, reale time bidding, ottimizzazione dei risultati di vendita, analisi dei marketplace e scelta delle piattaforme idonee ai mercati esteri saranno alcuni dei temi trattati durante i workshop intensivi a numero chiuso del 27 e 28 settembre, a cura di Giulio Finzi (Segretario generale Netcomm) e Mario Bagliani (Senior partner Netcomm Services).

Un altro importante appuntamento del Camp sarà il convegno gratuito del 29 settembre con i principali player del digital: in un contesto in continua evoluzione, dove le nuove tecnologie si affacciano incessantemente al mercato e gli scenari competitivi sono sempre più complessi e indefiniti, il punto di riferimento resta sempre e solo il cliente finale. Un interessante dibattito a cui prenderanno parte alcuni protagonisti del mondo online italiano e internazionale, accompagnati da testimonianze e casi di successo di imprese italiane che racconteranno la loro esperienza nei mercati digitali italiani e di tutto il mondo-

Tra i relatori:
Roberto Liscia, Presidente Netcomm
Simone Zucca, Digital Sales & Marketing Google
Valentina Visconti, Country Manager Italia Vente Privée e Privalia
Federico Zambelli Hosmer, General Manager Italy PayPal
Samuele Fraternali, Research Analyst, Osservatori Digital Innovation Politecnico di Milano
Mario Bagliani, Senior partner Netcomm Services
Giulio Finzi, Segretario generale Netcomm
Alessandro Ubertis, Presidente Unicom
Alessandro Bocca, Head of e-commerce & global acceptance services Banca Sella
Dirk Pinamonti, Head of e-commerce CartaSi Gruppo ICBPI
Claudio Capovilla, Presidente Gruppo icat
Francesco Mazzo, Membro del Consiglio Direttivo di Unicom e CEO Bamakò Italia
Gabriele Filieri, digital strategist e SEO specialist Bamakò Italia
Paolo Manocchi, formatore comportamentale e Life Coach.

“Le competenze digitali sono un fattore strategico per lo sviluppo delle imprese e per l’evoluzione del sistema Italia”, commenta Roberto Liscia, Presidente Netcomm. “Le aziende italiane non possono vincere la partita della competitività internazionale se non iniziano un percorso di trasformazione digitale, di politiche legate all’innovazione e quindi alla formazione delle persone. Diventa quindi oggi fondamentale sviluppare all’interno delle aziende conoscenze e competenze specialistiche per affrontare le innumerevoli sfide digitali. Ed è proprio questo uno degli obiettivi del nostro Camp”.
“Da sempre l’Associazione che ho l’onore di presiedere promuove la cultura della comunicazione digitale nelle sue molteplici sfaccettature. Per questo riteniamo la formazione e l’informazione del personale delle imprese appartenenti ad Unicom (e non solo) un dovere, oltre che un tassello fondamentale per i professionisti del settore”, conferma Alessandro Ubertis, Presidente Unicom . “Già in passato abbiamo collaborato con Netcomm per dare vita ad eventi di spessore, come il primo Netcomm Digital Camp, a cui tra pochi giorni prenderemo parte. Sarà un momento importante per confrontarci sulle sfide dell’e-commerce e sul futuro della comunicazione”.

Per maggiori informazioni o per iscriversi al Camp visitare il sito www.netcommdigitalcamp.it o scrivere a info@netcommdigitalcamp.it

articoli correlati

AZIENDE

A settembre il primo Netcomm Digital Camp, l’evento dell’anno per la formazione digitale

- # # # # # #

Netcomm

Sono aperte le iscrizioni al primo Netcomm Digital Camp, l’evento formativo dell’anno sul mondo digitale organizzato da Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano) e Unicom (Unione Nazionale Imprese di Comunicazione) in collaborazione con le agenzie di comunicazione Bamakò e Gruppo icat.

Una tre giorni che vedrà la partecipazione di top player del settore come Google, Paypal e Vente-Privée, dal 27 al 29 settembre presso la suggestiva location salentina dell’Acaya Golf Resort.

Un evento riservato a imprenditori, responsabili marketing, eCommerce e business manager, ma anche professionisti che per la prima volta vogliono accostarsi al mercato del digital con gli strumenti giusti, raggiungendo online ambiziosi obiettivi di business.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: www.netcommdigitalcamp.it

articoli correlati

MEDIA

Presentato questa mattina a Milano il “Libro Bianco sulla Comunicazione Digitale”

- # # # # # #

libro bianco

È stato presentato alla stampa questa mattina, nello spazio Officina 22 a Milano il “Libro Bianco sulla comunicazione digitale“. Otto associazioni – Assocom, Fcp, Fedoweb, Fieg, Iab, Netcomm, Unicom e Upa – hanno dato vita, con uno sforzo di intesa, a una pubblicazione che vuole essere una concreta risposta alla diffusa richiesta di certezze, chiarezza e fiducia nel mondo digitale. Un impegno fatto di comune accordo sulla comunicazione digitale che affronta molte questioni complesse.
Le otto associazioni sintetizzano un universo composito, in rappresentanza di advertiser, agenzie creative e media, concessionarie, publisher, società di ad tech e merchant, in una parola il mondo della comunicazione.
Si è prodotto un vademecum utile: una mappa di regole generali destinata a tutta la industry che verrà aggiornata costantemente per rispondere alle evoluzioni tecnologiche e di mercato.
Il Libro Bianco tratta di sei argomenti (il settimo sulla trasparenza dell’uso dei dati personali verrà edito successivamente ed è legato alle nuove regole sulla privacy a livello europeo di futura entrata in vigore): viewability sia come regole (misuratori certi terzi indipendenti, report standard per facilitare la lettura dei dati) che come criteri; trasparenza della filiera in particolare del programmatic, in quanto più recente e complessa, che ingloba competenze media, tecnologia e gestione dati fino alla trasparenza dei flussi finanziari; user experience attraverso la misurazione condivisa degli ad blocker e alle motivazioni che portano a questo fenomeno, porgendo un occhio di attenzione nel rispetto verso i cittadini/utenti internet; ad fraud e brand safety/brand policy perché la lotta alle frodi e ai finanziamenti illeciti attraverso la pubblicità deve diventare la norma. Infine gli investimenti pubblicitari, per offrire una sintesi e un punto di riferimento per chi investe e per disporre di informazioni attendibili e corrette.
Il Libro Bianco è un parere autorevole, dove i fatti diventano regole in quanto sono condivisi i fini e i principi. Sono linee guida come un manuale operativo in grado di indicare strade virtuose.

Nel corso dell’incontro con la stampa i presidenti delle associazioni hanno conversato con il giornalista Daniele Manca sui diversi temi che il Libro Bianco ha scandagliato.
Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente di Upa, ha ricordato i cardini dell’iniziativa, lanciata un anno fa e ha riportato come questo risultato sia stato raggiunto, per la prima volta al mondo, con la condivisione dei diversi attori della filiera. La complessità del sistema richiede trasparenza e il Libro Bianco vuole essere una risposta. Il testo verrà messo a disposizione anche in lingua inglese per una divulgazione internazionale.
Emanuele Nenna, presidente di Assocom, ha descritto il valore della trasparenza della filiera all’interno di un processo, quello digitale, che accanto ad indubbie opportunità presenta anche crescenti complessità non solo tecnologiche; nello specifico ha inoltre evidenziato come proprio la trasparenza possa diventare un valore anche economico.
Roberto Liscia, presidente di Netcomm, ha ricordato come la comunicazione digitale sia un asset chiave per la costruzione di una relazione efficace tra azienda e clienti, soprattutto nel settore dell’e-commerce dove i contenuti e lo storytelling rivestono un ruolo fondamentale. Tanto più la comunicazione digitale sarà in grado di rispondere a obiettivi di trasparenza e misurabilità, quanto più i canali digitali, di comunicazione e di vendita, potranno svilupparsi.
Carlo Noseda, presidente di IAB Italia, ha sottolineato come il digitale rappresenti oggi una grande opportunità di sviluppo per il nostro Paese. Tuttavia, perché il mercato e l’intero ecosistema possano crescere in modo sano e virtuoso è necessario che le istituzioni contribuiscano a creare le condizioni necessarie. Investimenti, infrastrutture all’avanguardia e una cornice normativa, concepita sì per regolamentare il settore con la massima trasparenza, ma in grado di sostenere le aziende che vi operano sono le tre principali leve che Noseda ha indicato per una crescita organica che crei valore.
Massimo Martellini e Giorgio Galantis, presidenti di FCP e FCP-Assointernet, sono intervenuti in qualità di rappresentanti delle Concessionarie di pubblicità. Hanno rispettivamente affrontato il tema degli investimenti pubblicitari e della loro ridistribuzione su un numero sempre maggiore di mezzi, e i temi legati alla misurazione della viewability, metrica che non sempre riesce a garantire omogeneità di risultati tra le diverse società di misurazione. L’argomento è approfondito anche nell’ambito del Libro Bianco.
Alessandro Ubertis, presidente di Unicom, ha preso in esame il rapporto tra creatività e tecnologia. Libero sfogo alla creatività e eccessivo peso in termini di bites come si conciliano?
Giancarlo Vergori, presidente di Fedoweb, ha ricordato l’impegno che l’Associazione e gli editori aderenti hanno posto nella stesura del Libro Bianco al tema della brand safety e brand policy, sottolineando le garanzie che gli editori (in grado di definire e controllare i propri contenuti) possono offrire agli investitori e ai loro brand.
Ha concluso la serie di interventi Maurizio Costa, presidente di Fieg, che ha affrontato il tema attuale del ruolo di internet per il funzionamento della democrazia: il Libro Bianco ha incluso il tema delle fake news, il confine tra informazione corretta e informazione ingannevole e come gli editori possono contribuire a mantenere un livello di qualità al sistema.

articoli correlati

AZIENDE

Unicom compie 40 anni e celebra il proprio anniversario a Gardaland

- # # # # #

Unicom Celebra 40 Anni

Unicom da 40 anni rappresenta oltre 100 imprese di comunicazione a capitale italiano diffuse su tutto il territorio nazionale.

Per festeggiare questo traguardo l’associazione ha deciso di organizzare due giorni all’insegna del divertimento nel magico contesto di Gardaland, il 15 e il 16 settembre 2017.
Il 15 settembre vede l’organizzazione di un convegno presso Gardaland Hotel, cui seguirà un aperitivo e la cena di gala durante la quale ci sarà la Premiazione Special guest che si chiuderà con uno show finale.
Il 16 settembre i partecipanti sono invitati al Gardaland Park per la visita al Sea Life, il nuovo Acquario di Gardaland.

“Sono onorato della costante fiducia che le imprese hanno in Unicom e contento di festeggiare i suoi 40 anni in una cornice come quella di Gardaland. D’altronde non poteva essere scelta location più adeguata per festeggiare Unicom all’insegna del divertimento”, ha dichiarato Salvo Ferrara, Consigliere Unicom con delega agli eventi.

“40 anni non si inventano. 40 anni è l’arco di tempo durante il quale Unicom ha accompagnato le imprese di comunicazione italiana nel loro nascere, evolvere e nella loro maturazione. La testimonianza del suo valore è nella resilienza delle imprese associate e nella loro capacità oggi di vedere il futuro della professione con etica, visione e creatività. L’associazione ha dimostrato di essere un ottimo collante tra le imprese e, soprattutto, tra le persone che sono il vero patrimonio di quest’associazione che compie 40 anni ma non li sente”, ha spiegato Alessandro Ubertis, Presidente Unicom.

articoli correlati

AZIENDE

Unicom presenta il Piano Formativo per il 2017-2018

- # #

Unicom

È stato presentato oggi a Milano presso la Sala Duomo dell’Excelsior Hotel Gallia il Piano Formativo Unicom per il 2017 e il 2018.

“Siamo un’Associazione di categoria che considera la formazione pilastro portante dei servizi offerti, elemento distintivo sul mercato e fattore competitivo per costruire relazioni durature con gli stakeholder di riferimento, dichiara Alessandro Ubertis, Presidente UNICOM.

Il Piano è articolato in 9 aree tematiche, rispettivamente:
1. marketing e comunicazione
2. branding
3. creatività
4. universo digital
5. comunicazione nei vari settori merceologici
6. consulenza
7. motivazione e coaching
8. comunicazione politica
9. governance

“I temi proposti sono frutto di un matching realizzato con i principali player e sull’offerta in materia presente a livello nazionale. I docenti – sostiene Maria Grazia Persico, Consigliere Unicom con delega alla formazione e responsabile del Piano formativo – sono stati selezionati per esperienza, competenza e reputation negli ambiti di riferimento. Per alcuni argomenti ci si è avvalsi del contributo di primari enti formativi sul territorio (alla data, Accademia di PNL e IED) e, per garantire completezza all’offerta, sono stati siglati accordi di partnership con realtà quali l’European House Ambrosetti”.

Obiettivo di Unicom è costituire – nel breve – un punto di riferimento per coloro che necessitano e cercano formazione di qualità, frutto di un ascolto attento alle esigenze della base associativa e di un confronto costante tra domanda e offerta nell’ottica di tarare bene quello che non serve al mercato. “In questo modo siamo certi che la soluzione sarà win win per entrambi”, conclude Alessandro Ubertis.

Per informazioni: formazione@unicomitalia.org

articoli correlati

AGENZIE

Unicom presenta UP, l’associazione dei professionisti della comunicazione

- # # # # #

up

Giovedì 17 novembre alle 11, presso la Sala Magenta dell’Hotel Grand Visconti Palace di Milano, Unicom presenterà UP, l’associazione dei professionisti della comunicazione.
Un’associazione che nasce per raccogliere attorno ad un progetto tutti quei professionisti che a vario titolo lavorano in comunicazione: dipendenti e collaboratori di agenzie e studi, freelance, responsabili comunicazione delle aziende. La presentazione della nuova associazione vedrà come attori Alessandro Ubertis, presidente Unicom, Diego Illetterati, consigliere nazionale Unicom e Renato Sarli, responsabile del progetto.Trattandosi di un progetto promosso da un’Associazione di respiro nazionale, Il lancio di UP prevede nell’immediato altri due momenti.

Nel pomeriggio di giovedì 17 si svolgerà un seminario dal titolo “Il diritto d’autore: due facce della medesima medaglia”, condotto dall’avvocato Fiammetta Malagoli, che affronterà il duplice tema dell’utilizzo dei materiali scaricati dalla rete e della tutela della propria opera creativa.
Il giorno seguente, venerdì 18, Renato Sarli e Diego Illetterati partiranno per un breve giro d’Italia, tre UP-eritivi per incontrare i colleghi per un primo confronto sulle attività associative. La prima tappa, venerdì 18 alle 12 a Firenze, alle 18 a Roma, e si concluderà sabato 19 a Matera, dove nel pomeriggio è in programma un convegno Unicom sul marketing turistico.

“Con la nascita di Up – sottolineano Diego Illetterati e Renato Sarli – vogliamo essere motori e promotori di un dialogo continuo e costante tra i professionisti della comunicazione, siano essi strutture aziendali o persone fisiche. Il limite giuridico rischia di compromettere la nascita di sinergie e complementarietà fondamentali per riuscire ad essere sempre più competitivi in un mondo in costante mutamento”.

articoli correlati

AGENZIE

Capovilla rappresenta Unicom nel CdA di Pubblicità Progresso

- # # # # #

capovilla

Il presidente di Gruppo icat, Claudio Capovilla, che entra a far parte del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Pubblicità Progresso come rappresentante di Unicom.
Capovilla ha una lunga esperienza all’interno delle associazioni e degli organismi di settore nel mondo della comunicazione italiana: già vicepresidente Unicom fino al 2015, di cui è stato rappresentante delegato per il Triveneto e coordinatore nazionale di tutti i delegati regionali, ha fatto parte anche del Consiglio di Amministrazione di Audipress.

“Sono molto onorato dell’incarico che mi è stato dato: una nuova opportunità di crescita, ma soprattutto un importante riconoscimento”, è il commento di Capovilla, “perché la Fondazione rappresenta un esempio positivo, a livello internazionale. È l’espressione migliore di un’Italia formata da professionisti della comunicazione che cooperano per la diffusione di una cultura ispirata ai valori profondi dell’etica e in grado di sensibilizzare la società civile su temi importanti per i cittadini e il Paese. Per questo sono entusiasta e onorato di rappresentare Unicom, con un ruolo di così grande responsabilità all’interno di un’istituzione storica della comunicazione italiana”.

articoli correlati

AGENZIE

UniCom: Alessandro Ubertis è il nuovo presidente

- # # # #

Alessandro Ubertis unicom

Le imprese di comunicazione aderenti ad Unicom, l’Associazione presieduta da Donatella Consolandi, si sono riunite a Milano presso la “casa dell’energia e dell’ambiente” – Fondazione AEM, per l’assemblea generale cha ha visto il rinnovamento delle cariche associative.

Nonostante il periodo particolarmente critico sia per il mondo associativo che per il settore della comunicazione, la Presidenza, unitamente ad un gruppo di consiglieri, conclude orgogliosa un mandato di grandi soddisfazioni. Il triennio appeno concluso consegna infatti un’Associazione unita e capace di raggiungere grandi risultati.
Diversi consiglieri uscenti si sono ricandidati per il prossimo triennio, in un’ottica di continuità, per portare la loro memoria storica, mentre nuovi associati propongono la loro candidatura per porsi al servizio dell’Associazione portando nuove professionalità ed esperienze che possono contribuire a far crescere Unicom proiettandola verso un futuro ricco di ambiziosi traguardi.

L’Assemblea, che non ha previsto parte pubblica, aveva all’ordine del giorno i consueti adempimenti statutari: la relazione di fine mandato del presidente Donatella Consolandi, l’approvazione dei bilanci consuntivo 2015 e preventivo 2016 e le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali (Consiglio Direttivo, Collegio Revisori dei Conti, Collegio dei Probiviri) per il triennio 2016/2019.

Al termine delle votazioni sono stati eletti:

Per il Consiglio Direttivo sono risultati eletti (in ordine alfabetico):
Acito Alberto
Alberto Federico
Amarotto Roberto
Arduini Davide
Bovoli Gianluca
Ferrara Salvo
Gaiga Alberto
Illetterati Diego
Lo Buglio Erica
Mazzo Francesco
Persico Maria Grazia
Rossi Federico
Ubertis Alessandro
Zanelli Loris
Zattarin Federico

Per il Collegio dei Probiviri sono risultati eletti (in ordine alfabetico):
Lupo Andrea
Matina Gerlando
Tolomei Luciano

Per il Collegio dei revisori dei Conti sono risultati eletti (in ordine alfabetico):
De Bortoli Andrea
Incarbona Giuseppe
Rossi Paolo

Il Consiglio Direttivo, riunito al termine delle elezioni ha eletto Presidente Alessandro Ubertis (nella foto) che si è riservato di procedere alla nomina dei vicepresidenti ed alla composizione del comitato di presidenza nel corso del prossimo consiglio fissato per il 22 febbraio.

articoli correlati