BRAND STRATEGY

Trussardi Uomo A/I 2016: Bitmama ne firma la veste digitale

- # # #

trussardi

L’esperienza in ambito fashion di Bitmama si sposa con l’approccio eclettico alla moda del brand Trussardi.
L’occasione è la presentazione della collezione Uomo autunno/inverno 2016-17 che ha avuto luogo oggi presso la Pinacoteca di Brera: uno spettacolo dove moda, arte e musica si fondono armoniosamente. Nessun modello, ma musicisti selezionati personalmente dalla designer e impegnati in una performance live che attraversa tutta la presentazione.

Trussardi ha chiesto a Bitmama di realizzare una piattaforma digitale che possa ospitare i contenuti esclusivi e trasmettere il flusso emozionale della presentazione realizzata in collaborazione con la Pinacoteca di Brera. È nato così trussardibrera.tumblr.com, un Tumblr in grado di accogliere i molteplici contenuti legati alla presentazione, dalle immagini alle tracks performate dagli artisti, dai contenuti social postati live dagli utenti ai visual realizzati ad hoc per rappresentare l’ispirazione della collezione.
Bitmama si è occupata della creatività di questo progetto, decisa in stretta collaborazione con il team Trussardi, e della sua implementazione, dalla supervisione degli shooting fotografici al caricamento live di immagini e video nel corso della serata.
Il risultato è stato un flusso di contenuti dalla struttura non lineare e “confusamente intelligente”, come è l’ispirazione del brand.

articoli correlati

MEDIA

Tumblr per il content marketing in chiave creativa

- #

Sono numerosi i brand e le aziende che utilizzano Tumblr per il proprio marketing, ma per decidere se sia una piattaforme strategica che possa funzionare per una determinata impresa/marca, devono essere presi in considerazione diversi elementi: partendo dall’esatta identificazione dei propri  obiettivi e del pubblico di destinazione.
Tumblr, infatti, non è uno strumento di marketing a sé stante. Anche se può essere considerato una piattaforma ibrida, è comunque consigliabile utilizzarlo in combinazione con altri social network. La presenza su Tumblr dovrebbe supportare l’intera strategia generale di content marketing e presentare un aspetto più rilassante e spensierato del brand.
Quanto invece al target, va sottolineato che Tumblr è utilizzato principalmente da utenti molto giovani. Se i millennial reppresentano per il brand un segmento importante da raggiungere e se si sta implementato una forte strategia di content marketing, in tal caso dedicare tempo ed energia creativa a Tumblr rappresenta una scelta non solo efficace, ma anche efficiente.

I dati pubblicati da GlobalWebIndex nel 2013 mostravano infatti che 34 milioni di utenti Internet contribuivano a Tumblr o lo utilizzavano ogni mese e di questi, circa la metà risultava avere un’età compresa tra i 16 e i 24 anni.

Dal 2013, infine, la base utenti di Tumblr è cresciuta in modo esponenziale, tanto che il sito ha addirittura superato Instagram come piattaforma social con la crescita più rapida nel 2014. La piattaforma ibrida ora vanta oltre 420 milioni di utenti con 206 milioni di blog registrati. Anche il tempo passato sulla piattaforma, è aumentato notevolmente e oggi in media si aggira intorno ai 28 minuti per visita.

QUI approfondimenti, case history e strumenti di pianificazione utilizzabili

articoli correlati

MEDIA

Tumblr: creatività senza limiti e utenti raddoppiati

- # # # #

Ogni giorno su Tumblr vengono pubblicati oltre 85 milioni di post; è la seconda piattaforma social per numero di membri con oltre 550 milioni di membri, una cifra quasi raddoppiata rispetto al 2014.

Numeri che hanno catturato l’interesse di numerosi brand locali e internazionali: Nescafé ha spostato proprio su questo social la sua intera presenza sul web, con l’obiettivo di coinvolgere gli amanti del caffè più giovani e incentivare le vendite online. Asda, a fine 2015 vi ha lanciato la sua prima campagna di content marketing puntando al target delle mamme blogger. In Italia, tanto per citare i più recenti, Farmaceutica Ciccarelli ha realizzato su Tumblr un magazine di beauty e benessere per parlare delle sue linee di prodotto e Ferrero ha scelto il content network per una campagna annuale di content marketing per comunicare il mondo Ferrero e aumentare la brand awareness di Ferrero Rocher.

Della capacità di attirare inserzionisti, dell’importanza dello storytelling e del futuro dei social parla qui Michael Pennington, EMEA Sales Director di Tumblr.

Cliccare per approfondire

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Yahoo sviluppa un progetto di content marketing su Tumblr per Ciccarelli

- # # # # # #

Yahoo Tumblr

Con l’obiettivo di aumentare la brand awareness e la conoscenza delle diverse linee di prodotto presso i rispettivi target, Farmaceutici dott. Ciccarelli si è rivolta a Yahoo che ha sviluppato un progetto di content marketing live da metà ottobre su Tumblr.

“F come Famiglia”, questo il nome del progetto, verrà arricchito per un anno di contenuti testo e video, per raccontare il brand e i suoi valori a tutta la famiglia, con particolare focus sul target femminile dai 25 anni in su.

“Gli utenti troveranno su fcomefamiglia.tumblr.com, articoli di approfondimento e consigli relativi al mondo del benessere, della bellezza e su tutta la sfera del quotidiano: da come migliorare le relazioni con il partner e con i figli alla gestione della casa; dai consigli di viaggio all’organizzazione di una festa perfetta; dalle ricette ai suggerimenti per la valorizzazione di se stessi”, afferma Marco Marotta, Digital and Communication Strategist dell’azienda, che ha fortemente creduto nel progetto. “F come Famiglia ci permetterà di far conoscere alle nostre consumatrici i valori che da sempre fanno della Ciccarelli un’azienda competitiva sul mercato: la famiglia, il made in Italy e la tradizione farmaceutica con cui da oltre cinquant’anni studiamo e prepariamo i nostri prodotti”.

Un contenitore ricco di contenuti editoriali a cura di Yahoo, divisi in 4 sezioni (donna, mamma, sport, noi) per agevolare l’utente nella ricerca degli argomenti di interesse e per incrementare la vicinanza di marca con le diverse linee di prodotto.

Grande attenzione è stata data al formato video con interviste vox populi su temi correlati alle tematiche trattate e con i valori dei brand, ma anche video tutorial dedicati a Timodore in cui, ad esempio, viene spiegato come scegliere la scarpa giusta in ogni occasione: quale tipo di tacco, la scarpa da corsa più adatta rispetto alla conformazione del piede…

Completa il progetto una call to action con un test di personalità per scoprire il proprio profilo e ricevere un buono sconto da utilizzare per l’acquisto on line dei prodotti di Ciccarelli.

La comunicazione comprende tutte le soluzioni Adv di Yahoo e Tumblr con formati molto impattanti e soluzioni native, per dare visibilità e raggiungere gli obiettivi di comunicazione del progetto. I risultati parziali della campagna relativi ai primi tre mesi sono già molto positivi e confermano l’efficacia di soluzioni di Adv integrate che utilizzano la piattaforma Tumblr: l’engagement è risultato superiore all’ 1,2%, il 79% degli utenti che seguono il blog sono derivati da attività earned e l’obiettivo di visite del 2015 è stato superato del 163%.

“F come Famiglia” si basa sulla stretta collaborazione tra Yahoo e Farmaceutici Dottor Ciccarelli sia in fase di sviluppo che di produzione di contenuti e si avvale della forte e costante cooperazione tra tutti i team di lavoro. “Siamo molto contenti che Farmaceutici Dottor Ciccarelli ci abbia scelto come partner per un progetto di content marketing live per 12 mesi e siamo certi di poter conseguire e superare gli obiettivi di comunicazione prefissati”, commenta Lorenzo Montagna, AD di Yahoo Italia.

Farmaceutici dott. Ciccarelli è un’azienda italiana che da oltre 100 anni offre prodotti di parafarmacia, cosmesi e officinali che distribuisce in Italia e in 70 paesi in tutto il mondo. Le linee di prodotto comprendono Pasta del Capitano, Cera di Cupra, Timodore e L’Officinale del Dottor Ciccarelli acquistabili nei migliori supermercati, in farmacia, in store selezionati e sull’eCommerce.

 

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Yahoo Tech: 10 previsioni tecnologiche per il 2016

- # # # #

yahoo tech

A rischio la posizione “messianica” di Apple nella tech culture globale? La realtà aumentata vincerà la sfida con la realtà virtuale? L’intelligenza artificiale entrerà in azienda con ruoli manageriali? E a quando una “Uber” degli amici?
Difficile fare previsioni a distanza di 12 mesi in un comparto così dinamico e mutevole, nei suoi prodotti e nelle sue applicazioni, come quello dell’hi-tech.
Yahoo Tech ha deciso di correre il rischio della smentita a posteriori, e si sbilancia “scommettendo” su 10 avvenimenti tecnologici previsti per il 2016. Alcuni sono più che probabili, come il nuovo Watch da Cupertino o il rafforzamento del dominio social di Facebook, altri sono invece un po’ più azzardati, quale ad esempio la diffusione di una difesa controaerea verso i sempre più diffusi droni.
Only time will tell: per il momento l’elenco completo delle previsioni di Yahoo Tech è qui.

articoli correlati

MEDIA

Tumblr: l’home page di Internet nel 2015

- # # # #

tumblr

Ragazzi aiutatemi“. Anzi, più esattamente: “Guys help me“. Sono state queste le parole che hanno scatenato uno dei maggiori “fenomeni virali” del web per il 2015. Quello di “The Dress“, incentrato sul dubbio esistenziale: “Questo vestito è bianco e oro, oppure blu e nero?”. 73 milioni di pagine viste, 550 tweet al minuto nel periodo di punta. E tutto era nato da un blogger sconosciuto, che aveva postato il proprio appello su Tumblr. Anche se poi era stato rieccheggiato dai social e dei siti di mezzo mondo, a partire da BuzzFeed.
Un percorso che non rappresenta certo un’eccezione. Dati alla mano, questo è invece proprio il nuovo “Viral Circle“, secondo la definizione di Neetzan Zimmerman, che vede i contenuti di Tumbr conquistare tutto il web, passando magari per Buzzfeed, Twitter, o Facebook.
Ne è conferma il lavoro di ricerca firmato da Pricenomics, che analizzando tutte le “storie” pubblicate su Buzzfeed, ha scoperto appunto che il creative network Tumblr ne è la fonte principale, davanti a YouTube, Reddit e Imgur, ribadendo quindi la propria mission.

Qui per approfondire l’argomento.

articoli correlati

AZIENDE

Yahoo Messenger: online la nuova release

- # # # # #

È online da qualche giorno la nuova versione di Yahoo Messenger per mobile, per Web e dentro a Yahoo Mail, una versione che rende sempre più facile e veloce condividere e richiamare messaggi, foto e GIF animate. Costruito su una nuova e avanzata piattaforma, è in grado di capire le relazioni che esistono tra i contatti in modo che sia semplice e rapido aggiungere persone ai gruppi di conversazione.

Il nuovo Yahoo Messenger ha un look and feel innovativo, vivace e raffinato. Quando si apre, appaiono subito le persone di propria cono scenza, così come tutte le conversazioni. Quando un utente inizia una conversazione, Yahoo Messenger suggerisce le persone da aggiungere basandosi su quelle con cui l’utente comunica di più
“Yahoo Messenger è uno dei nostri principali prodotti ma era tempo di ripensarlo e di reinvestire”, conferma Jeff Bonforte, Senior Vice President of communication products and engineering presso Yahoo. “Lo spazio della messaggistica è aumentato a dismisura, le persone vogliono modi per comunicare immediati e facili. Il nuovo Yahoo Messenger è stato progettato innanzi tutto per rispondere a queste esigenze, e questo è solo l’inizio”.

Supportato dalla piattaforma di Flickr, inoltre, Yahoo Messenger può inviare istantaneamente centinaia di immagini grazie a un semplice tool di upload. Le foto che vengono condivise vengono mostrate in un drawer da scorrere orizzontalmente in modo da poter essere visualizzate nel contesto della conversazione, senza interromperne il flusso.  Così in una qualsiasi conversazione di Yahoo Messenger è facile cercare e trovare la GIF perfetta da inviare: infatti, grazie al collegamento con Tumblr, nel box del messaggio cc’è un bottone che apre la ricerca di GIF e mostra una selezione di quelle più di tendenza su tale piattaforma social.

Prosegue qui…

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Raccontare i brand con il content marketing: ecco Tumblr, il network del branded content

- # # # # #

Tumblr un social network? Assolutamente no. “Tumblr non è un social network, ma un content network. Il suo cardine sono i contenuti” tiene a sottolineare infatti Sandro Marchetti, CEO di Iaki, uno dei quattro manager che hanno partecipato questa mattina alla conferenza Yahoo dedicata al suo content network, Tumblr. Alla sede italiana del gruppo si sono infatti avvicendati dapprima Lorenzo Montagna, Amministratore Delegato di Yahoo Italia; poi Paola Patrini, Reseach Lead IT/EMEA del gruppo; Ivan Commisso, Tumblr Specialist; e infine proprio Sandro Marchetti.

La prima a intervenire dopo l’apertura dei lavori da parte dell’AD di Yahoo è stata Paola Patrini. “Stiamo osservando in questi anni come il branded content stia subendo un cambiamento radicale nel panorama della fruizione dei contenuti. Stiamo infatti passando da un vecchio mondo, in cui io utente devo cercare i contenuti situati in silos ben definiti (se cerco musica, andrò ad esempio su Spotify, se cerco un video visiterò YouTube), un vecchio mondo in cui la pubblicità è disrupted e rompe il flusso dei contenuti; a un nuovo mondo in cui sono i contenuti a trovare noi, in cui i device portano un flusso costante di informazioni, in cui la pubblicità si inserisce in maniera più armonica”. Proprio in questo contesto si inserisce Tumblr, piattaforma nata proprio per i contenuti, di marca e non. “Cos’è il content marketing?” chiede quindi Ivan Commisso. “È tutta quella serie di contenuti che mi colpiscono alla testa e al cuore. E questa non è una cosa recente: si parte dal 1900 dalla Guida Michelin, si passa ai primi anni del secolo con le soap radio e, molto più recentemente, agli spot televisivi Red Bull, per arrivare al web oggi, che però, rispetto a tutti gli altri esempi, utilizza un linguaggio da pari a pari, e parla all’utente non dall’alto verso il basso, ma dallo stesso piano. Un esempio è Tumblr: su questa piattaforma si possono postare qualsiasi tipologia di contenuti, con una grafica assolutamente personale, e questo vale per tutti, mettendo sullo stesso piano utente e azienda. Si crea in questo modo un ambiente raggiungibile da chiunque, per tutto il potenziale virale possibile”.

“Nel mondo ci sono più di 255 milioni di blog per 45 milioni di post al giorno” prosegue il Tumblr Specialist. “L’Italia si difende più che bene, con 2,8 milioni di blog per 48mila post giornalieri. Gli utenti italiani sono composti per il 55% di donne e per il 45% da uomini; questa è una tendenza non confermata a livello mondiale, quindi è possibile che con la crescita di Tumblr gli utenti della piattaforma si portino ad un punto di equilibrio. Per quanto riguarda l’audience, quasi un utente su due (il 48%) è un under 34; il 65% si connette da mobile, per una app che di media viene aperta 7 volte al giorno; infine, 6 utenti su 10 in generale entrano almeno 3 volte a settimana. Il 95% degli utenti che segue i brand li raccomanda ad altri, mentre l’80% degli utenti condivide i contenuti anche su altre piattaforme”. Ricordando come Tumblr non sia un vero e proprio social network, nonostante il pensiero comune, Sandro Marchetti sottolinea come un social sia, infatti, “un ambiente di relazioni fra persone, che mira principalmente mettere in contatto individui; un social punta meno a far scoprire l’utente prodotti e aziende, perchè in questi casi inserirebbero come degli intrusi all’interno del flusso”.

“Qui il tema centrale non è quanti siano gli utenti” prosegue il manager; “Tumblr è un sistema di contenuti, è storicamente è un sistema che ha attratto i creativi, un sistema che punta quindi alla qualità del messaggio; in questo senso è indicativo il fatto che ben un terzo dei contenuti su Tumblr viene ribloggato a distanza di 30 giorni o più. Il messaggio non perde di forza dopo poche ore, come accade per gli altri grandi social. Con questo non vogliamo dire di non usare anche le più famosi piattaforme sociali: incoraggiamo spesso ad usare Facebook e gli social, per una comunicazione più completa. Tumblr in questo senso rimane un modo diverso per veicolare il messaggio; e proprio per la longevità dei contenuti, questa funge quasi da memoria storica del gruppo”. Ivan Commisso conclude dando 5 consigli per comunicare al meglio su Tumblr. “Primo, falle vedere le cose; mostra immagine, non raccontare. Secondo, sii semplice ed immediato. Usa poi i materiali che hai: spesso negli archivi delle aziende si nascondono delle vere e proprie miniere d’oro tra foto e video. Quarto, esplora nuovi formati: per promuovere, ad esempio, The Walking Dead, sono state usate delle gif al posto dei classici trailer. Infine, dai linfa ai tuoi contenuti video, sii creativo”.

 

Fonte immagine: sjpl.org

articoli correlati