BRAND STRATEGY

Suzuki Italia, Clicking ADV e SdM Interactive Passion lanciano il concorso Suzuki Blind Match

- # # # # # #

Suzuki

Parte con l’attesissimo derby Torino – Juventus del 15 dicembre “Suzuki Blind Match” un concorso a premi che ripropone in chiave romantica l’incontro tra tifosi avversari grazie a un appuntamento al buio allo stadio. Ogni coppia potrà vincere biglietti esclusivi per le partite più attese del Campionato di Serie A. Ogni giorno tanti premi offerti da Suzuki Italia per tutti i partecipanti, con super premio finale alla “Coppia più bella”.

Ideato e sviluppato da Suzuki Italia, Clicking ADV e SdM Interactive Passion, il concorso nasce con l’intento di superare le barriere tra tifosi avversari ed è parte integrante di un progetto di comunicazione volto a enfatizzare il valore di sportività caro alla casa giapponese.

Suzuki, Main Sponsor del Torino F.C. dal 2013, propone infatti un’idea di calcio vissuto come occasione di incontro e socializzazione, provocatoriamente anche in chiave romantica: “Il calcio è di chi si ama”.

Per partecipare è sufficiente registrarsi sul sito SuzukiBlindMatch.it, creare il proprio profilo (che sarà visibile agli altri partecipanti) e selezionare i tifosi della squadra avversaria con cui si vorrebbe “fare coppia” allo stadio, secondo una procedura consolidata dalle app di Dating come Tinder.

Il match può essere fatto solo con tifosi di squadre avversarie, e per rendere tutto ancora più “piccante” e misterioso i vincitori scopriranno l’identità del partner-tifoso solo allo stadio, dove saranno ospiti di Suzuki in posti esclusivi (e potranno così vivere un’esperienza indimenticabile, almeno per 90 minuti…).

E se la coppia funziona? Se i componenti delle 10 coppie formate al buio dovessero continuare a frequentarsi anche dopo la partita, potranno vincere un romantico viaggio a Parigi per 2 persone.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

So Simple e Team Marathon lavorano insieme, perché “Torino is faster”

- # # # #

so simple

Challenge per l’autunno: comunicare Torino come meta ideale per i runners di tutta Italia.
È questa la sfida raccolta dalla Digital Agency So Simple, nell’ambito della nuova partnership siglata con Team Marathon, la società che organizza i più importanti eventi running torinesi – dalla Torino City Run alla Tutta Dritta, alla tradizionale Maratona di Torino fino alla No Smoking Run, la staffetta che Team Marathon organizza in collaborazione con la Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro di Candiolo.

So Simple è un’agenzia strategica e creativa nata a Torino nel 2010 come spin off del portale di annunci Bakeca.it (12 milioni di visitatori/mese). Grazie alla lungimiranza ed esperienza dei soci fondatori e dell’attuale management, si è rapidamente affermata posizionandosi come agenzia through the line. Un termine coniato per esprimere efficacemente la mission dell’agenzia: ottimizzare e armonizzare le iniziative di comunicazione tradizionale, l’unconventional marketing e le più attuali strategie di Digital Marketing.

Il successo dell’agenzia si basa soprattutto sulle persone e sul mix di competenze che caratterizza il suo Team, attualmente composto da 20 professionisti. La formula? Giovani talenti come l’influencer Martina Bellani (@martola__), founder della pagina “Brevi Storie Tristi” (300.000 fan) affiancati da Senior di grande esperienza nella comunicazione tradizionale e Digitale come Livio Marrese (General Manager) e Stefano Raviola (Digital Strategist e Creative Director).

La mission di So Simple, spiega Marrese: “È immediatamente intuibile dal nome: semplificare la vita al cliente, aiutandolo a districarsi fra i vari canali di comunicazione e a raggiungere efficacemente il target con azioni di comunicazione caratterizzate dalla misurabilità dei risultati”.

Un approccio che ha convinto pienamente Team Marathon, che promuoverà tutti i suoi prossimi eventi sotto l’insegna del claim “Torino is faster”. “Un concept che – dice Stefano Raviola – è stato coniato per valorizzare l’asset fondamentale di Team Maraton: la professionalità e la competenza nel tracciare e gestire percorsi di gara urbani la cui velocità e scorrevolezza sono unici nel panorama podistico Italiano”.

La prima collaborazione So Simple – Team Marathon risale al 2015 con l’ideazione e l’organizzazione della “Mirafiori Open Run”, un’originale corsa organizzata per il Mirafiori Motor Village con un suggestivo e unico passaggio sulla pista di collaudo delle vetture all’interno dello storico stabilimento FCA.

 

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Torino pioniera del 5G in Italia grazie a IGPDecaux e TIM

- # # # # #

Torino

Torino è sempre più una città smart e pioniera del 5G in Italia. Sono state infatti attivate oggi, nella centralissima via Garibaldi, 7 small cell, antenne radiomobili di nuova generazione, che consentiranno ulteriori sperimentazioni di applicazioni innovative nell’ambito del progetto “Torino 5G” e di realizzare nel contempo la copertura Wi-Fi, a uso gratuito, di tutta la strada.

È questo il risultato dell’accordo siglato tra IGPDecaux e TIM, che è stato illustrato oggi alla presenza della Sindaca di Torino, Chiara Appendino e dell’Assessora all’Innovazione e Smart City, Paola Pisano.

L’intesa consente di ospitare, per la prima volta in Italia, all’interno degli impianti pubblicitari urbani di IGPDecaux, situati lungo via Garibaldi, diverse small cell di TIM in tecnologia 4.5G, propedeutiche allo sviluppo delle rete 5G, e hot spot dedicati al collegamento Wi-Fi che sarà messo a disposizione gratuitamente per gli oltre 8 milioni di persone che ogni anno frequentano la via.

Nel corso della presentazione è stata effettuata la prima dimostrazione dell’innovativo servizio di video streaming live 4K 360o in Virtual Reality che, grazie a una telecamera dedicata e alle potenzialità della rete mobile 4.5G (alta banda e bassa latenza), consente di trasportare il visitatore nel luogo ripreso dalla telecamera, permettendo la visita immersiva della scena e abilitando quindi nuovi scenari in ambito turistico, di pubblica sicurezza, di e-learning da remoto o di Industry 4.0.

Lo scenario applicativo

La virtual reality rappresenta uno degli ambiti applicativi che possono essere ulteriormente valorizzati dall’impiego delle reti 5G, sul cui sviluppo il Comune di Torino e TIM stanno collaborando a seguito dell’accordo siglato lo scorso marzo 2017. Si tratta di uno scenario applicativo che, già oggi, vede un grande impiego su molti settori.

Il potenziale indotto legato alle tecnologie di virtualizzazione può ampliare l’attrattività della città da parte di turisti, start up e studi creativi locali, rappresentando un importante veicolo per la comunicazione delle offerte culturali di un territorio, così come previsto anche all’interno del Piano Strategico del Turismo proposto da MIBAC.

Il progetto fa leva su 14 small cell complessive, di cui 7 già installate, collegate con 25 km di fibra utili alla fornitura del servizio WI-FI ed a tutti i servizi attivabili sulla rete mobile di TIM.

IGPDecaux ha progettato il posizionamento dei vari impianti pubblicitari nel rispetto dell’armonia dell’ambiente circostante e del contesto storico della via pedonale torinese; questo è stato fatto sia con particolare attenzione agli ingombri, sia provvedendo a ruotare in maniera ottimale (di 90°) gli impianti esistenti, per dar maggiore visibilità alle campagne istituzionali del Comune e ai messaggi pubblicitari.

Grazie a questo accordo i cittadini avranno inoltre un accesso semplificato e sicuro agli hot spot Wi-Fi e ai relativi servizi, grazie a tecnologie digitali innovative che permetteranno di offrire agli utenti esperienze sempre più orientate verso la smart city, accessibili da tutti in 1 click e con navigazione ed identità garantite da strumenti di cyber security.

“Non parliamo solo di tecnologia, ma di un’innovazione nel campo della connettività che permetterà nuove forme di comunicazione per la città e per i cittadini. Torino è una città di innovazione e la collaborazione con IGPDecaux e TIM fa parte di questo progetto, il 5G porterà nuove opportunità, competenze e servizi per il cittadino”, spiega Paola Pisano, Assessora all’Innovazione e Smart City della Città di Torino. “Il progetto di digitalizzazione e pedonalizzazione della città darà la possibilità ai cittadini di sfruttare al meglio la connettività di un’area e viverla attraverso un’esperienza innovativa e allo stesso tempo di riqualificazione. Crediamo sia importante ridare nuova vita ai luoghi della nostra città con un occhio alla tecnologia di oggi, questo nuovo servizio trasformerà l’idea di convivialità e riconsegnerà le vie alle persone che non dovranno più preoccuparsi se una macchina passa mentre stanno girando per i negozi. Immaginiamo questi luoghi come nuovi posti di incontro, dove sarà anche possibile vedere un film o leggere un libro online, un modo per stare insieme, come si faceva una volta quando ci si incontrava in piazza”.

“Oggi raggiungiamo un nuovo importante traguardo – commenta Attilio Somma, Responsabile Innovation di TIM – che conferma la capacità di TIM di essere leader nei processi di innovazione, con particolare attenzione allo sviluppo dei servizi digitali legati alla pubblica sicurezza, ai trasporti, al turismo e all’Industria 4.0 per le nuove Smart City. Con l’abilitazione delle nuove soluzioni mobili su via Garibaldi, confermiamo Torino prima città italiana in cui TIM ha sperimentato i servizi 5G traghettandola nel futuro dell’innovazione digitale”.

“Nel modello di business di IGPDecaux – dichiara Fabrizio du Chène de Vère, Amministratore Delegato IGPDecaux – il concetto di arredo urbano pubblicitario è basato sui principi dell’economia funzionale e dell’eco design per dare ai cittadini e alle società di trasporti servizi utili e sostenibili. Nelle proprie soluzioni di out of home e di digital out of home infatti IGPDecaux è da sempre attenta che queste si integrino armoniosamente nel contesto urbano per rendere le città sempre più accoglienti, piacevoli e confortevoli. Il progetto di Via Garibaldi risponde a questa mission”.

articoli correlati

MEDIA

Il compleanno di Grom a Torino sul tram speciale di IGPDecaux

- # # # #

grom

I festeggiamenti per i primi 15 anni della gelateria torinese arrivano per tre giorni nel capoluogo piemontese con un tram speciale, il #Grom15, dedicato al gelato realizzato “come una volta”.

Il progetto creativo, a cura delle Creative Solutions di IGPDecaux prevede la decorazione del tram #Grom15 che circolerà nelle vie di Torino dal 18 al 20 maggio.

Il primo giorno della campagna sarà dedicato a giornalisti e influencer con una festa sul tram #Grom15; nei due giorni a seguire il tram, attraversando le vie principali del centro storico torinese da piazza Castello a piazza Carlina, con il supporto di un performer e di una hostess, coinvolgerà i passanti nel corso delle tre fermate, invitandoli a salire sul tram e a degustare il gelato e i prodotti del brand di gelati più famoso in Italia.

Quello delle Creative Solutions di IGPDecaux è il primo tram speciale realizzato a Torino, la città che Grom vuole ringraziare per i 15, golosi anni passati insieme.

Il progetto è stato realizzato da IGPDecaux in collaborazione con l’agenzia Grumble Creative, il centro media Mindshare, l’agenzia di relazioni pubbliche e communications marketing Edelman Italia, l’agenzia WPP specializzata nella pianificazione OOH Kinetic, l’agenzia grafica Vitamina e l’agenzia MRM McCann.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Parte da Torino il Tour “Vieni a sentire!” di Signia, firmato Modo Promotion

- # # #

modo promotion signia

Ha preso il via da Torino e toccherà tutta la Penisola il tour “Vieni a sentire!” di Signia: una vera e propria campagna di sensibilizzazione sui problemi dell’udito, promossa da uno dei principali brand di apparecchi acustici.

L’iniziativa è itinerante con 14 tappe sulle piazze di 12 città dove, grazie a supporto del Medium Truck di Modo Promotion sarà possibile, per chi lo desidera, sottoporsi gratuitamente a una visita audiometrica.

Per il tour Vieni a sentire!, infatti, Modo Promotion ha allestito il Medium Truck come un vero e proprio studio mobile per visite specialistiche, con pareti fonoassorbenti al fine di garantire un ambiente adatto ai test acustici. L’area open del Medium Truck, invece, è dedicata a info point, dove esperti e professionisti sono a disposizione del pubblico per fornire informazioni e consulenza sulle cause e i sui rischi che portano alla perdita dell’udito, ma anche sui corretti comportamenti da adottare per una buona prevenzione del problema.

La personalizzazione grafica esterna del Medium Truck, sempre a cura di Modo Promotion, contribuisce a garantire al tour una grande visibilità sia durante i momenti di sosta nelle piazze, sia nelle fasi di trasferimento da una città all’altra, ampliando l’effetto comunicativo della campagna di prevenzione.

Modo Promotion ha anche curato la logistica, l’individuazione delle piazze in accordo con Signia, la gestione dei permessi per l’occupazione del suolo pubblico, la fornitura del driver e del personale tecnico per le operazioni di allestimento e di-allestimento, con il servizio “chiavi in mano” garantito dall’azienda torinese.

Dopo Torino (tappa zero) e Treviso, il tour di Signia prosegue per Reggio Emilia (16 e 17 maggio), Cesena (19 e 20 maggio), Teramo (22 maggio), Montesilvano (23 maggio), Lecce (26 e 27 maggio), Roma (3 e 4 giugno), Genova (6 e 7 giugno), di nuovo Torino (9 e 10 giugno), Como (11 giugno), Cernobbio (12 giugno) e Brescia (13 e 14 giugno).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Inagurata oggi a Torino la Nuvola Lavazza, nuovo quartier generale dell’azienda

- # # # #

nuvola lavazza

Da oggi c’è una Nuvola speciale, di oltre 30 mila metri quadrati, che produce idee e lavoro, cibo e cultura. È una Nuvola spalancata sul mondo, che ha il sapore deciso del caffè italiano e quella capacità, tipica delle nuvole, di far viaggiare l’immaginazione e di guardare lontano. Verso più di 90 Paesi in tutti i continenti. Verso il futuro.
È la Nuvola Lavazza: molto di più della nuova sede dell’azienda che nei primi anni del Novecento ha inventato l’arte della miscela e si è fatta portavoce dell’autentico caffè italiano nel mondo: uffici all’avanguardia, studiati per il benessere dei dipendenti e con il massimo rispetto dell’ambiente; ristorante d’autore, simbolo di una nuova filosofia di condivisione allegra e informale dei cibi, di una nuova visione della cucina italiana contemporanea. Ed è anche un museo che accompagna i visitatori alla scoperta dell’universo del caffè, dei suoi rituali e della storia di successo di Lavazza nel mondo della comunicazione.
Non solo: Nuvola è una piazza aperta alla città, è la possibilità di ammirare i resti di un’antica basilica paleocristiana all’interno dell’area archeologica, è un grande spazio eventi per ospitare dibattiti, congressi, appuntamenti culturali, musicali e artistici. È un bistrot pensato per i dipendenti, ma aperto alla cittadinanza ed è, infine, la sede dello IAAD, l’Istituto d’Arte Applicata e Design con i suoi oltre 700 giovani creativi.

Frutto di un investimento complessivo di oltre 120 milioni di euro, la Nuvola Lavazza incarna i valori e gli
oltre 120 anni di storia dell’azienda. Il progetto, firmato dall’architetto Cino Zucchi, dà un volto nuovo al quartiere Aurora ed è pensato per ispirare le persone, mettere in circolo energie e attivare il dialogo, offrendo esperienze di condivisione culturale, sociale, di gusto e di business. Nuvola Lavazza mette in mostra “radici future”: è, infatti, un ecosistema di luoghi che prende forza dal passato, energia dal dialogo e guarda oltre, ispirato dalla continua necessità di innovazione.

“La Nuvola Lavazza contiene la nostra memoria e il nostro futuro”, dichiara Alberto Lavazza, Presidente del Gruppo. “Ha le radici ben salde nella città e nel quartiere Aurora, storicamente teatro del nostro sviluppo industriale, ma è allo stesso tempo un complesso all’avanguardia in grado di dialogare con tutto il mondo. Così ci piace pensare che Nuvola Lavazza abbia radici future, perché siamo convinti che il futuro possa maturare bene solo se le radici sono profonde”.

“Abbiamo voluto che Nuvola Lavazza fosse molto di più del quartier generale efficiente e innovativo di un’impresa moderna e aperta alla contemporaneità”, spiega il Vice Presidente Giuseppe Lavazza. “È un grande portale che mette in relazione la nostra azienda, la città dove siamo nati e gli oltre 90 Paesi in cui Lavazza opera. Proprio a Torino e nel quartiere Aurora abbiamo deciso di continuare a crescere: per questo motivo Nuvola è anche l’espressione della nostra determinazione a voler essere sempre di più portatori di innovazione, sviluppo e prosperità all’interno delle comunità e dei luoghi con cui entriamo in contatto”.

L’attenzione massima alla sostenibilità”, aggiunge Marco Lavazza, Vice Presidente dell’azienda ha permesso ai nostri uffici di ottenere il livello Platinum, il più alto in assoluto, della certificazione LEED, il sistema che valuta l’eccellenza energetico-ambientale delle costruzioni. Così Nuvola Lavazza è stata riconosciuta come uno degli edifici più eco-sostenibili del mondo”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

InTesta firma il nuovo logo e la nuova brand indentity del Musei Reali di Torino

- # # #

musei

L’eccezionale patrimonio artistico e culturale dei Musei Reali di Torino si presenta finalmente riunito in un percorso museale unico. Il progetto di rebranding è stato affidato dalla Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistico e Culturale a InTesta, società specializzata nel branding e graphic design del Gruppo Armando Testa, che firma il nuovo logo e le linee guida dell’identity.

“Il marchio di un brand”, racconta Antonella Testa, direttore artistico del progetto, “è una magnifica opera di sintesi. In pochi tratti precisi deve saper delineare e restituire la visione più completa di quello che il brand vuole raccontare di sé di più intimo e profondo. Un logo non racconta solo il nome, ma racchiude una filosofia”.

La sfida del nuovo marchio è raccontare una storia di istituzionalità e di contemporaneità, in linea con i più importanti poli museali internazionali come l’Hermitage, il Metropolitan, il Louvre, Versailles.

I caratteri tipografici utilizzati, in nero, il colore classico per eccellenza, sono impreziositi da una goccia, sintesi di contemporaneità e storicità. Il colore scelto è l’oro: l’arte regale riesce, così, a interagire con il design contemporaneo in un morbido abbraccio di forme, che parlano con il linguaggio dell’eleganza. La nuova veste grafica verrà proiettata venerdì 7 alle ore 21, direttamente sulla facciata di Palazzo Reale in un evento aperto alla cittadinanza, con un video realizzato ad hoc sempre da Intesta, in occasione della Notte Bianca della città.

L’evento sarà un’opportunità unica per coinvolgere i torinesi, e far conoscere la nuova identità dei Musei e valorizzare il grande patrimonio culturale della città sabauda, che si colloca, così, al fianco degli altri grandi poli museali internazionali.
Un countdown visivo, a partire dalle ore 20.00, accoglierà i cittadini e li accompagnerà fino al momento clou dell’evento: la presentazione della nuova immagine dei Musei Reali. Non solo un ampliamento e riorganizzazione dell’offerta, ma anche un’esperienza museale di nuova concezione, legata ad una strategia identitaria che vede in primis l’effettiva valorizzazione e potenziamento del patrimonio esistente, per un coinvolgimento e riconoscimento sempre più forte da parte dei cittadini stessi.

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Zanasi, Ferretti e Adrià insieme per il futuro ristorante Condividere by Lavazza

- # # # # # # # #

condividere

Condividere by Lavazza è il nome del ristorante che sorgerà all’interno della nuova sede centrale dell’azienda (nella foto il rendering), nel cuore di Torino, simbolo di una città che vuole essere protagonista dell’alta cucina, oltre che capitale del caffè italiano.
Condividere, nel rispetto della propria etimologia (dal latino cum e dividere, dividere con gli altri) è l’espressione innanzitutto di una nuova filosofia del gusto, di una nuova modalità di consumo del cibo ispirata alla condivisione informale dei piatti d’autore.
Voluto da Lavazza e studiato insieme a Ferran Adrià, il ristorante avrà una scenografia da Oscar, disegnata da Dante Ferretti, mentre la cucina e la gestione del ristorante saranno curate da Federico Zanasi, un giovane e brillante chef italiano.
“Studiare. Conoscere.

“Raccontare il passato è fondamentale per comprendere il futuro e deve essere chiaro che noi ora mangiamo e condividiamo innanzitutto conoscenza”, è così che Ferran Adrià – filosofo del cibo e guru della gastronomia internazionale con la sua Fondazione elBulli – descrive il nuovo progetto di Lavazza. “L’idea di “Condividere” nasce dall’amicizia che mi lega da anni alla famiglia Lavazza. Per questo, nel momento in cui mi è stato chiesto di collaborare alla ricerca e alla selezione dello chef a cui affidare l’incarico e la gestione del ristorante, ho messo subito la mia consulenza al loro servizio, puntando a trovare una persona che sposasse in pieno il nostro amore per il gusto. E, insieme, abbiamo riconosciuto in Federico Zanasi la persona giusta, adatta a condurre quest’avventura, a guidare il ristorante con carisma e abilità”.

“La nostra relazione con Ferran Adrià , fatta di ricerca e innovazione, è solida e proficua fin dal 2000, anno del nostro primo incontro a Torino”, conferma Giuseppe Lavazza, Vice Presidente dell’azienda. “Dopo 17 anni eccoci ancora insieme con la voglia di stupirci a vicenda e progettare un’idea di ristorazione che dà vita un format innovativo per un ristorante tanto democratico quanto unico nel suo genere, che ci permetterà di scrivere altre pagine fatte tutte di eccellenti sapori e che verranno dopo quelle che ci hanno visto inaugurare, nel 2000, una particolare tendenza, quella del Coffee Design, grazie alla quale il caffè è stato introdotto una volta per tutte e con tutti gli onori nel mondo dell’alta gastronomia. Ora è il momento di portare a Torino una proposta capace di dare un ulteriore contributo al già ricco panorama gastronomico del nostro territorio e della nostra città”.

Cinquecento metri quadri di gusto ed esperienza: Condividere animerà la “Cattedrale”, ex centrale Enel all’interno del nuovo headquarter Lavazza. A portare avanti la cucina e a guidare la squadra del nuovo ristorante sarà Federico Zanasi. Caparbio e determinato, classe 1975, Zanasi è stato dal 2012 chef del ristorante dell’Hotel Principe delle Nevi di Cervinia. Nel suo curriculum si evidenziano i nove anni con Moreno Cedroni e, nel 2011, il riconoscimento come migliore Sous Chef dell’Anno. “Tutto nasce da uno studio sistematico delle materie prime italiane, dal racconto della loro origine, dalla spiegazione della loro storia e dalla loro evoluzione: questa è la base dell’esperienza gastronomica di “Condividere”, conclude Zanasi. “Si tratta di una vera Food Democracy in cui si ambisce a creare un ambiente piacevole e di condivisione informale che faccia sentire tutti a proprio agio”.
A firmare l’allestimento degli spazi, come già accennato, è Dante Ferretti, scenografo da Oscar plurimo, braccio creativo e amico di Pasolini, Fellini e Scorsese. Il suo modo di interpretare questo spazio onirico, che mette in primo piano il tempo come vero valore del XXI secolo, è sontuoso, ma al tempo stesso urbano e colorato, in perfetta armonia con la filosofia della cucina di Zanasi.

articoli correlati

AZIENDE

La Costarica Caffè Calendario 2017, 12 scatti per raccontare 115 anni di tradizione Torinese

- # # # # #

La Costarica Caffè Calendario 2017

L’arrivo del nuovo anno e i 115 anni dalla fondazione sono due momenti importanti  da festeggiare per La Costarica Caffè. Per l’occasione annuncia l’uscita de La Costarica Caffè Calendario 2017, che promuove il rito della pausa caffè nell’ambiente di lavoro e a casa, come al bar. È questo il filo conduttore dei 12 scatti, più la copertina che racconta la storia di una passione che, dal 1902 e guardando sempre al futuro, ha portato l’azienda a diventare “il caffè di Torino”.

Il calendario sarà disponibile presso i bar La Costarica Caffè dal 12 dicembre in anteprima esclusiva solo per aziende e per possessori di partita IVA.

Crediti:

La Costarica Caffè via Aosta 21, Venaria Reale (TO)
Daniela Giorgianni Make-Up Artist For Fashion and Avertising
L’Antico Pasticcione via Roma 35, Castel Madama (Rm)
Valentina Bellotto per Studio Fotografico Emagine viale dell’Unione 11/13, Guidonia (Rm)

articoli correlati

AZIENDE

Intesa SanPaolo seleziona talenti neolaureati con il Recruiting Game di Logotel

- # # # #

recriuting intesa sanpaolo

Engagement e gamification per scoprire giovani talenti: ecco il progetto con cui Logotel ha supportato Intesa Sanpaolo in tre inedite sessioni di selezione che hanno visto sfidarsi squadre di laureati in diversi corsi tra cui economia, scienze della comunicazione, ingegneria gestionale, matematica, informatica, fisica, telecomunicazioni per aggiudicare oltre 15 proposte di lavoro a tempo indeterminato e 40 offerte di stage in Banca.

Due giorni, 4 business case, 75 neolaureati in ingegneria: ecco “Make It Real – Il futuro è nelle tue mani”, l’iniziativa progettata dai dipartimenti Human Resources, Information Technology e Big Data Lab di Intesa Sanpaolo insieme alla service design company Logotel.

A Torino, nel grattacielo di Intesa Sanpaolo progettato da Renzo Piano, venerdì 21 e sabato 22 ottobre si sono riuniti giovani neolaureati del Politecnico di Torino che, divisi in squadre da 5 ciascuna, si sono sfidati nella risoluzione di business case proposti dall’IT Department e dal Big Data Lab sui temi Big Data, Blockchain, Cognitive Computing e Data Science.

Logotel, lavorando a stretto contatto con il management di Intesa Sanpaolo, dall’HR alle linee tecniche coinvolte, ha co-progettato l’experience dell’evento, i contenuti, i materiali di comunicazione e di supporto all’iniziativa e le meccaniche di gamification che hanno dato vita alla competizione tra gli studenti, ingaggiati dal Politecnico di Torino tramite locandine e sito. Giudici tecnici, HR assessor, tutor di Intesa Sanpaolo e la squadra Logotel hanno accompagnato i ragazzi nelle sfide parziali che hanno definito la classifica di gara. Una presentazione finale ha portato alla proclamazione dei vincitori: per loro, 10 proposte di lavoro a tempo indeterminato e 15 offerte di inserimento in stage con lettera di impegno siglata all’istante. Tutti gli studenti hanno ricevuto attestato di partecipazione.

Come sottolinea Matteo Camurani, Project Manager di Logotel che ha seguito con il team Logotel i Recruiting Game, “iniziative di questo tipo progettate e gestite insieme a Intesa Sanpaolo sono un’occasione insolita e motivante che i giovani neolaureati hanno per dimostrare tutto il loro valore e, per noi di Logotel, di conoscere sempre meglio i Millennial e le nuove generazioni che si affacciano al mondo del lavoro e chiedono alle aziende nostre Clienti di progettare sempre di più nuove esperienze e nuovi servizi coinvolgenti, ingaggianti e motivanti”.

Il primo Recruiting Game è stato organizzato da Logotel e Intesa Sanpaolo a maggio 2016 in collaborazione con il Politecnico di Torino, poi l’iniziativa si è ripetuta il 7 e 8 ottobre con l’Università degli Studi di Torino e la terza edizione si è tenuta il 21 e 22 ottobre proprio con Make It Real, nuovamente con il Politecnico di Torino.

I primi ragazzi assunti da Intesa Sanpaolo con questa metodologia sono al lavoro da più di 5 mesi, dopo essersi distinti nei Recruiting Game per preparazione, competenze tecniche, capacità relazionali e di teamwork.

“I Recruiting contest – commenta Roberto Cascella, Responsabile Gestione e Selezione del Personale di Intesa Sanpaolo – rappresentano per noi un nuovo modo di fare selezione, confermando come, nell’area delle human resources come in tante altre, la Banca adotti stabilmente quell’approccio di innovazione che ne è ormai diventato un tratto caratterizzante. Logotel ci ha supportati nella definizione e gestione di questo programma, contribuendone al pieno successo.”

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Audi e Torino Club To Club, partner all’insegna della musica d’avanguardia

- # # # #

audi club to club

In occasione della sedicesima edizione di Club To Club, il più importante Festival italiano di musica d’avanguardia e nuovo pop, Audi, che è main partner della manifestazione, sarà presente a Torino fino al 6 novembre con la Q2, la nuova nata della famiglia Q.

Audi è per la prima volta a fianco di questa manifestazione che, dopo il grande successo dello scorso anno con oltre 50 artisti provenienti da tutto il mondo, si ripresenta nel capoluogo piemontese con nomi e performance di fama internazionale.

Espressione automobilistica d’avanguardia, la Audi Q2 è il nuovo crossover-coupé dei quattro anelli, un modello non categorizzabile in un segmento specifico e dunque #untaggable. Il SUV premium compatto della Casa dei quattro anelli è protagonista nelle location d’eccellenza della manifestazione, come la Reggia di Venaria e il Lingotto.

La presenza di Audi all’evento arriva a naturale completamento di un percorso iniziato lo scorso aprile durante la Milano Design Week all’Audi City Lab di Torre Velasca, il laboratorio di idee in cui designer, sociologi e artisti hanno dato la loro visione della società moderna. E fra le diverse sfaccettature che compongono la visione del futuro che Audi sta immaginando con innovatori contemporanei, non poteva mancare il mondo della musica, con la sua energia propulsiva e la sua continua tensione tra il presente e i nuovi linguaggi del futuro.

articoli correlati

AZIENDE

Al via da domani a Torino la settima edizione di Italian Tattoo Artists

- # # # # #

Parte domani a Torino la settima edizione di Italian Tattoo Artists

Al via domani a Torino la settima edizione di Italian Tattoo Artists (16-18 settembre, Palavela), una delle kermesse dedicate al mondo dei tatuaggi più importanti e famose d’Italia. Campagna affissioni, web strategy e partnership di prestigio per questa manifestazione che richiama ogni anno migliaia di visitatori da tutta Italia.
Aggressiva la strategia di comunicazione sul web, che diventa multicanale: oltre all’attività sui social network, la manifestazione si è affidata ad Unidigita per la realizzazione del video promo, diventato virale su Facebook con oltre 80.000 visualizzazioni e migliaia di condivisioni, e dell’Aftermovie, che racconta le scorse edizioni della kermesse.
La campagna affissione, statica e dinamica, è firmata dal tatuatore Antonio Cocilovo. Pianificazione a cura del cliente.
Si rinnova per il secondo anno consecutivo la partnership con Mirafiori Motor Village, il più grande flagship di proprietà del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles, che esporrà nella zona outdoor del Palavela i modelli della gamma Jeep accanto a un’ampia proposta di merchandising e accessori del marchio americano. Tra le attrazioni da non perdere una Jeep Wrangler tatuata: 3 grandi nomi del tattoo (Luca Folini detto il Brujo, Antonio Cocilovo e Web-MC) hanno interpretato il fuoristrada in stile chicano.

Novità di questa edizione la partnership con THE TIPS, l’App per dispositivi mobili che ogni giorno consiglia eventi a Torino divisi per categorie: aperitif, dinner, after dinner, nightlife, clubbing, culture e special. Il progetto nasce dall’esperienza di Prince, società leader nell’entertainment a Torino. Media partner della convention Virgin Radio che curerà il djset dell’evento con incursioni live in radio. L’evento potrà essere interamente seguito in diretta streaming sulla pagina Facebook Moto da Strada, per permettere anche a chi non potrà essere presente al Palavela di seguire la convention live.
Italian Tattoo Artists. Oltre 300 tatuatori tra i più prestigiosi maestri italiani, maestri tatuatori stranieri di fama internazionale in arrivo in esclusiva da tutto il mondo,  musica, contest, street art, mostre, show, concerti, esposizioni, cultura e prevenzione. Per tutta la durata della manifestazione sarà disponibile uno spazio di incontro con i dermatologi per uno screening della pelle gratuito.

articoli correlati

AGENZIE

A Torino il secondo appuntamento di Assocom Events

- # # # # # # #

ace

Giovedì scorso, 7 luglio, a Torino ha avuto luogo il secondo evento del progetto ACE – Assocom Events, pensato da Assocom per le agenzie sul territorio come occasione di confronto con imprenditori, artisti, scrittori sui temi della qualità della comunicazione e dell’innovazione. Il Progetto è infatti uno dei modi con cui ASSOCOM si mette al servizio degli associati, facendoli incontrare e conoscere sempre meglio, per consolidare relazioni e creare opportunità di business. Ospitata dalla Scuola Holden, si è così svolta una lezione di narrazione, affidata ad Antonio Ferrara, scrittore e illustratore italiano due volte premio Andersen.
“Ricordo, esperienza, speranza: sono le tre cose che una storia deve regalare a chi l’ascolta”, ha spiegato quest’ultimo. “La scrittura è distacco e tenerezza, immedesimazione nel personaggio e capacità di vederlo da fuori. Si tratta di essere costantemente lucidi e incantati. Coi piedi per terra e la testa tra le nuvole”. Tutti suggerimenti che la letteratura offre alla comunicazione pubblicitaria: il ruolo dei creativi e dei copy in fondo è molto vicino a quello dello scrittore che con le parole inventa e costruisce un mondo reale ma soprattutto crea empatia e relazioni, coinvolge, fa vivere un’esperienza.

Come nel caso della Union Pacific che nel 1862, ricevuto l’incarico di costruire la prima grande ferrovia degli Stati Uniti, assoldò abili narratori perché andassero nei saloon a raccontare della terra magnifica, fertile e accogliente che era lì, proprio a 80 miglia, direzione ovest. E questo perché le locomotive a vapore avevano un’autonomia di 80 miglia, miglio più, miglio meno, e quindi ogni 80 miglia, in mezzo alla sterminata e deserta prateria, era necessario poter contare su una stazione ferroviaria e dunque su una città. La Union Pacific aveva inventato il marketing.

“Vedere la comunicazione e la creatività da una prospettiva differente, attraverso l’incontro con personaggi come Antonio Ferrara, è uno degli obiettivi che ci siamo posti con ACE, Assocom Events”, ha aggiunto Mauro Miglioranzi, consigliere ASSOCOM e ideatore del progetto. “Il senso di questi eventi è quindi ispirarci, alimentare la qualità del nostro lavoro. Per farlo è importante rimanere ancorati, centrati, con i piedi ben fissi per terra: ma la testa deve volare tra le nuvole, essere aperta, cercare nuove contaminazioni, nuovi punti di vista. È questo che permette di volare sempre più in alto, sia a livello emozionale sia a livello razionale. Ovvero sia in termini di business sia in termini di passione e entusiasmo”.

Per provare a passare dalla suggestione delle parole alla concretezza delle cose e delle emozioni, gli ospiti di ACE hanno potuto pèrovare un autentico viaggio tra le nuvole, a bordo della mongolfiera più grande del mondo ed in compagnia di Matthieu de Montgolfier, responabile di ILFAC – TBS ITALY e discendente dei fratelli inventori nel 1873 del pallone aerostatico.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Bakeca e Paratissima in bilico tra ordine e caos

- # # #

Si svolgerà sino all’8 novembre l’undicesima edizione di Paratissima a Torino Esposizioni. Bakeca ha coinvolto i visitatori della kermesse artistica per esprimere la loro personale “visione” di Ordine o Caos, tema ufficiale dell’edizione 2015.
In tanti hanno accettato la sfida e approfittano di questo “angolo del pensiero libero” realizzato dallo storico portale di annunci online Bakeca.it.

Le pulsioni creative di tutti, artisti e non, prendono così forma su coloratissimi messaggi e i disegni più originali e significativi saranno premiati da Bakeca.it all’interno di un contest mini-art con fantastici premi.

articoli correlati

AGENZIE

Il sindaco Fassino inaugura oggi a Torino la scultura-omaggio ad Armando Testa

- # # # # # #

“Volevo riuscire a rappresentare visivamente una sfera e mezza. Così, eliminando qualsiasi concessione al pittoricismo, disegnai una sfera e mezza aerografata a tutto volume”; con queste parole Armando Testa, l’autore dell’opera battezzata “Sintesi 59“, descriveva il proprio lavoro che oggi è diventato scultura al centro della rotonda di piazza XVIII Dicembre a Torino: un’omaggio che la città sabauda fa a uno dei suoi figli più creativi, artista, pubblicitario, imprenditore.
“Se mio padre fosse vivo oggi”, ricorda non senza emozione il figlio Marco Testa, presidente dell’omonimo gruppo di comunicazione, “sarebbe probabilmente il primo a esserne sorpreso. Lui si definiva “povero ma moderno”, a sottolineare come l’idea creativa fosse slegata dalla materialità, avesse una vita propria, un divenire di cui si conosceva il punto di partenza, ma non quello di arrivo”.
Da vero “visualizzatore globale” (la definizione è di Gillo Dorfles), Armando Testa, infatti, fece di Sintesi 59 il simbolo di una celebre campagna di comunicazione, oggi esposta in vari musei del mondo, per il liquore Punt e Mes.
“Il mio compito è stato quello di trasformare l’idea in una realtà tridimensionale”, aggiunge l’architetto Benedetto Camerana. “Abbiamo privilegiato una dimensione “media” (la sfera ha un diametro di 320 cm e la semisfera di base ne è l’esatta la metà) e un materiale, l’acciaio verniciato, che ci sembra esprima perfettamente il gusto dell’epoca in cui l’opera è stata concepita. Abbiamo scelto il nero, benchè il quadro originale contenesse diverse sfumature, perché ci pare il colore giusto per il luogo dove è installata. La finitura opaca ma semiflettente, inoltre, la trasforma in una sorta di enorme fish eye che riflette l’ambiente circostante”.
Quando al posizionamento dell’opera, il sindaco di Torino, Piero Fassino, dopo aver ringraziato il Gruppo Testa “per il dono del simbolo importante di un grande creativo figlio di questa città”, precisa che “c’è un nesso tra il luogo scelto e la storia di Torino. Piazza XVIII Dicembre, proprio di fronte al vecchio fabbricato della stazione di Porta Susa, alla fine della prospettiva ottocentesca di via Cernaia e ai piedi del palazzo della Rai, è un’area chiave della trasformazione di Torino. Qui si sta realizzando il secondo centro direzionale che, insieme a un terzo al Lingotto e – un po’ più avanti – al quarto in progetto nella zona nord, trasformerà Torino in una città policentrica, contemporanea”.
“La genesi di Sintesi 59 è anche testimonianza di come il divenire concettuale e di rielaborazione creativa di Armando Testa fluisse ininterrotto, per cristallizzarsi di colpo in opere definitiva”, sottolinea la vedova Gemma De Angelis Testa. “Durante un suo viaggio di lavoro a New York, Armando vide nella vetrina di un negozio una bambola giapponese, composta da due semisfere. Fu questo spunto che, al suo ritorno in Italia, gli fece recuperare un abbozzo pittorico rimasto a lungo chiuso in un cassetto. La scultura nacque infatti da tale visione, quella di una sfera sospesa sopra una mezza sfera”.
“Mio padre è sempre stato un precursore. Le sue grandi intuizioni sopravvivono e guardano al futuro”, conclude Marco Testa. “Per questo oggi il modo migliore per ricordarlo è fare di questo monumento di acciaio un segnale di futuro. Abbiamo pertanto lanciato un contest dedicato ai giovani creativi. Il vincitore si aggiudicherà uno stage di un mese nei nostri nuovi uffici di Los Angeles”. Gli uffici dello sbarco oltre Oceano, dopo una lunga gestazione, che rappresenta per il gruppo Testa un ulteriore, tangibile segnale di futuro.

articoli correlati