MOBILE

TheFork anche per capodanno aiuta a scegliere il ristorante in base alle proprie preferenze

- # # #

TheFork

Per Capodanno oggi è possibile non solo prenotare volo, alloggio e visite guidate online, ma anche i ristoranti grazie a TheFork, principale app di prenotazione online dei ristoranti attiva in 11 Paesi, con 40.000 insegne prenotabili in Italia, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Portogallo, Svezia, Danimarca, Svizzera, Belgio e Brasile, mentre opera in Australia come Dimmi.

Se si è a Parigi fatevi coccolare da La Scène Thélème, un ristorante vicinissimo all’Arc de Triomphe che vi sorprenderà con la qualità dei suoi piatti certificati dalla stella Michelin. A Bordeux, invece, l’ambiente de Le Baril de Sel è più familiare e la cucina tradizionale ma altrettanto gustosa. Se amate il mare d’inverno La Langouste di Nizza è un ristorante mediterraneo ottimale, ma il piatto forte è ovviamente l’aragosta. Gita in montagna? A Chamonix consigliatissimo La Remise.

Se amate, come tantissimi turisti internazionali, l’atmosfera unica e inconfondibile di Ginevra, perché non fare tappa al Fiskerbar dove la cucina di pesce è portata a livelli raffinatissimi? Se la vostra meta invece è il Belgio, non perdetevi il ristorante Brugmann: qui le materie prime di qualità diventano opere d’arte in piatti contemporanei e sfiziosi.

Per assaporare al meglio le atmosfere natalizie e più genericamente invernali non c’è nulla di meglio di un bel viaggetto nel Nord Europa. Cogliete dunque l’occasione di fare una scorpacciata di cucina danese casereccia al ristorante Karla di Copenhagen. Tappa a Stoccolma? Il Björk Bar Grill offre molti piatti, in particolare secondi alla griglia, e tante specialità di stagione.

Anche al volgere dell’anno, ammettetelo, cercate i climi più miti. Niente di meglio, allora, di una gita in Portogallo, ancora di meglio nella meravigliosa Porto: qui tappa obbligata al Champ’s Da Baixa Bristô, per un’ottima cucina dai sapori forti innaffiata da ottimo champagne. Se invece preferite la Spagna, c’è solo l’imbarazzo della scelta: a Barcellona, ad esempio, il Santa Rita Experience offre un ambiente giovane e contemporaneo; a Siviglia, invece, il ristorante Abades Triana vi lascerà senza fiato già con la sua vista.

articoli correlati

AZIENDE

TheFork, la prenotazione con Android si fa sempre più veloce grazie a Instant App

- # # # # #

Android TheFork

TheFork, in arrivo una nuova esperienza per la prenotazione digitale del ristorante: il gruppo ha lavorato direttamente con Google per fornire un’esperienza Android Instant App, attraverso cui il booking sarà sempre più smart e veloce. Se si ha già deciso in quale ristorante si desidera andare, è sufficiente aprire le mappe di Google e cliccare sulla funziona “trova un tavolo”. Da qui l’utente sarà indirizzato direttamente al calendario di prenotazione del ristorante e, in pochi clic, potrà effettuato la prenotazione con conferma immediata.

Non c’è bisogno dunque di scaricare l’applicazione in anticipo, pur godendo della sua velocità e precisione per l’azione che bisogna fare in quel momento, ovvero prenotare il ristorante: si tratta semplicemente di una prova generale prima di scaricare l’app. Permette di effettuare la prenotazione quando ne hai immediato bisogno. L’esperienza Android Instant App è stata annunciata nel corso dell’edizione 2017 di Google I/O, conferenza annuale per sviluppatori dove vengono presentate le novità legate ad applicazioni, sistemi operativi e dispositivi. Il team di TheFork ha partecipato all’evento.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

TheFork sceglie Jerry Calà come testimonial della nuova campagna. Al via #TheForkLibidine

- # # # # #

campagna TheFork

Prende il via la nuova campagna di comunicazione di TheFork. l’app per la prenotazione online dei ristoranti in Italia e nel mondo, che vede protagonista Jerry Calà, Claim della nuova campagna è l’hashtag #TheForkLibidine. 

3 episodi dove un gruppo di amici e due coppie sono alla ricerca del ristorante giusto: dal locale per passare una serata con gli amici senza spendere una fortuna, al ristorante esclusivo per fare colpo sulla partner. Per fortuna Jerry Calà, in veste di protettore delle serate al top, ha la soluzione su misura per tutte le situazioni.

La campagna prevede diversi formati per televisione e web. In rete saranno diffuse anche delle clip con i consigli di Jerry Calà per una serata top al ristorante. Gli spot e le pillole sono state realizzate dalla casa di produzione Perigeo Associati, con l’autore televisivo Alessandro Mannucci, il regista Chris Myhre e il direttore della fotografia Umberto Ottaviani.

Almir Ambeskovic, Country Manager TheFork Italia spiega, “TheFork è l’app indispensabile per cercare ispirazione e prenotare il ristorante come dimostra la sua crescita. Anche la conoscenza del marchio è aumentata notevolmente su un target molto ampio. Ecco perché abbiamo trovato in Jerry Calà un testimonial ideale, capace di accrescere ulteriormente la brand awarness di TheFork”.

Raquel Bravo, Marketing Manager TheFork Italia aggiunge, “Su TheFork è possibile trovare migliaia di esperienze gastronomiche per tutti i gusti e le tasche: si va dai ristoranti scontati a quelli recensiti dalle guide. Ciò ne fa la soluzione perfetta per chi ama la buona cucina, uno dei principali piaceri della vita. Chi meglio di Jerry Calà poteva incarnare questa idea? Ecco dunque che è nato #TheForkLibidine, claim che ha lanciato proprio lui durante le riprese!”.

 

 

articoli correlati

AZIENDE

Un 2016 di consolidamento per TheFork, tra crescita mondiale, investimenti e innovazione

- # # # # #

TheFork, il 2016 è un anno di consolidamento

Il 2016 è stato per TheFork un anno di consolidamento, durante il quale l’azienda ha rafforzato la propria posizione sul mercato, pur continuando a cogliere le opportunità di sviluppo più rilevanti attraverso alcuni investimenti strategici. In particolare, TheFork, attiva in Italia da febbraio 2015,  si è affacciata al mercato asiatico attraverso un importante investimento di minoranza in Eatigo, piattaforma leader nello yield management e nella prenotazione online dei ristoranti in Thailandia e a Singapore. TheFork ha inoltre acquisito Couverts, secondo player olandese nel mercato del booking online dei ristoranti e Sneat, giovane applicazione francese che permette di prenotare, anche last minute, un tavolo nei locali più richiesti di Parigi. Questi nuovi acquisti rafforzano lo posizione di TheFork quale prima piattaforma nel mercato del booking online dei ristoranti con circa sei milioni di opinioni  e 40.000 ristoranti Partner a livello globale. Anche in Italia, TheFork ha consolidato il suo network composto da 8.000 ristoranti distribuiti su tutto il territorio italiano ed è stata scelta dal 14% dei Top Chef[1] nazionali. Sempre in Italia la piattaforma ha più che triplicato le prenotazioni anno su anno. Questa fase di consolidamento segue la forte espansione internazionale del 2015. Già presente in Francia, Svizzera, Belgio e Spagna, lo scorso anno TheFork ha lanciato il proprio servizio nei Paesi Bassi attraverso l’acquisizione di Iens, in Italia con l’acquisizione di restOpolis e MyTable, in Portogallo, Brasile, Turchia, Svezia e Danimarca e in Australia, con l’acquisizione della piattaforma di booking online Dimmi.

Nuove integrazioni tecnologiche e partnership  
L’anno che si avvia alla conclusione è stato segnato da importanti Partnership. A livello internazionale, è stata  significativa l’integrazione di TheFork con Apple Maps, che ha permesso agli utenti di prenotare un tavolo direttamente dall’applicazione. Grazie al software iOS 10, gli utilizzatori di iPhone e iPad possono oggi facilmente scoprire e prenotare oltre 40.000 ristoranti in Europa e Sud America. In Italia, Gambero Rosso, ha incluso all’interno della propria offerta digitale, il servizio di prenotazione di TheFork come Partner esclusivo nella propria app. I ristoranti presenti nella Guida “Ristoranti d’Italia 2017” che fanno attualmente parte del network di TheFork saranno dunque prenotabili anche tramite l’applicazione “Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso” disponibile per iOs e Android. Queste Partnership sono un’ulteriore dimostrazione del successo del servizio mobile di TheFork. Con circa 6 milioni di download, l’applicazione ha portato più del 57 % delle prenotazioni del 2016 a livello globale, mentre a livello italiano ad arrivare via mobile è stato l’77% dei booking.  Il 2016 è segnato anche dalla collaborazione con la Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi, l’associazione della ristorazione, dell’intrattenimento e del turismo che rappresenta oltre 360mila imprese per un milione circa di addetti e un valore aggiunto di oltre 38 miliardi di euro1.  Tale collaborazione si è sviluppata attraverso la stesura di un focus della collana Le Bussole dedicato alle Prenotazioni on line al ristorante e la realizzazione di un roadshow sul territorio italiano che ha coinvolto Fipe, TheFork e TripAdvisor. Gli incontri, che si sono svolti a Roma, Milano, Bologna, Genova, Torino, Padova, Venezia e Firenze, hanno approfondito i temi delle recensioni e prenotazioni on line dei ristoranti e continueranno anche all’inizio del 2017 nell’ottica di fornire agli operatori dei pubblici esercizi gli strumenti idonei e un’adeguata preparazione per incrementare il business e consolidare il rapporto con la clientela attraverso le tecnologie digitali”.

TheFork, un decennio di innovazione e dinamismo per una community in continua crescita 
TheFork festeggia nel 2017 il suo decimo compleanno. Fondata nel 2007 a Parigi da professionisti ed esperti di digitale e horeca, TheFork continua a dare il suo contributo al settore della ristorazione. Per le strutture, fornisce il software TheFork Manager, che consente di ottimizzare le prenotazioni e le operazioni, migliorando così i livelli di servizio e i ricavi. L’agenda digitale delle prenotazioni introdotta da TheFork permette di applicare al settore ristorativo i principi dello Yield Management, utilizzati con successo nel settore turistico. Questo sistema consente al ristorante di variare i prezzi a seconda delle disponibilità al fine di raggiungere sempre il massimo tasso di riempimento del locale. Per gli utenti, TheFork si sta affermando come strumento di riferimento per cercare e prenotare un ristorante. L’obiettivo principale del 2017 a livello internazionale è proseguire in questa direzione, continuando a migliorare l’offerta e l’esperienza utente attraverso nuove funzionalità sia per gli utenti sia per i ristoranti.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

TheFork.it lancia #TheForkSummer, un’estate di prenotazioni “scontate”

- # # # # # # #

Dalle città d’arte alle località di villeggiatura: l’estate arriva in tavola con TheFork.it. La piattaforma per la prenotazione online dei ristoranti di TripAdvisor lancia #TheForkSummer, un’iniziativa che permetterà di prenotare pranzi e cene a prezzi agevolati in decine di ristoranti italiani a luglio, agosto e settembre.

L’obiettivo è dare slancio al settore della ristorazione durante i mesi estivi e fornire sia ai turisti sia a chi resta in città nuove idee per trascorrere una serata all’insegna dei sapori.
Nel dettaglio sarà possibile trovare online proposte riguardanti città d’arte come Milano, Roma, Firenze, Torino o Bologna. Per chi preferisce concedersi una pausa dalla città, assaggiando le tipicità del nostro territorio, non mancano idee presso le località fuoriporta quali Viareggio, Bellagio o Ostia Antica.

Secondo il recente report “TripBarometer Viaggiatori Connessi” di TripAdvisor, l’uso di dispositivi mobili è in aumento durante tutte le fasi di viaggio. Tra i risultati chiave spicca il fatto che l’Italia sia al secondo posto in Europa per la percentuale di Viaggiatori Connessi (49%), subito dopo la Spagna (52%) e seguita da Russia e Regno Unito (entrambi 44%), Germania (38%) e Francia (28% ). Il 45% dei Viaggiatori Connessi usa di solito gli smartphone per prenotare le attività per il viaggio e  quasi tre quarti dei viaggiatori (72%) lo utilizza per cercare ristoranti durante la vacanza.

“Il booking online, ormai strumento principe utilizzato per organizzare le proprie vacanze, sta affermandosi sempre più come un canale per la prenotazione di altre attività connesse al tempo libero”, spiega Almir Ambeskovic, Country Manager per l’Italia di TheFork. “I turisti e gli amanti della buona tavola cercano esperienze sempre più adatte alle proprie esigenze e la possibilità di prenotare online e selezionare tutti i criteri per renderle tali è considerata come un valore aggiunto. Notiamo ad esempio una crescente ricerca di ristoranti con caratteristiche particolari come la cucina vegetariana o quella gluten free. In quest’ottica, con #TheForkSummer abbiamo voluto offrire uno strumento in più che alla possibilità accurata di ricerca normalmente offerta da TheFork, aggiunge prezzi convenienti (con sconti dal 40 al 50% alla cassa) e vere e proprie idee per spaziare dalle tipicità locali alle cucine più particolari”.

articoli correlati

AZIENDE

Tripadvisor scommette sulla ristorazione italiana e acquisisce restOpolis e MyTable.it. Sbarca in Italia TheFork

- # # # # # # # # #

TheFork, la piattaforma internazionale per la prenotazione online e mobile di ristoranti, arriva in Italia a seguito dell’acquisizione e dell’integrazione di restOpolis e MyTable.it da parte di TripAdvisor. TheFork, insieme a lafourchette, nome con il quale la piattaforma è conosciuta in Francia, è già leader nel settore delle prenotazioni online di ristoranti in Francia, Spagna (eltenedor), Belgio e Svizzera con un network di oltre 20.000 ristoranti partner in Europa. Il marchio opera anche in inglese come TheFork.com. Con un network congiunto di oltre 5.000 ristoranti prenotabili in Italia, l’integrazione di MyTable.it e restOpolis posiziona oggi TheFork come market leader nell’e-booking di ristoranti in Italia. La piattaforma è diretta dal management team de lafourchette, acquisita da TripAdvisor a maggio 2014.

A partire da oggi, quindi, gli utenti italiani possono prenotare un tavolo al ristorante in modo facile e veloce sul sito www.TheFork.it, attraverso l’applicazione TheFork per Apple e Android o direttamente dal sito TripAdvisor. L’ampio network di ristoranti, in continua crescita, include ogni tipo di cucina e chef pluripremiati come Paul Bocuse, Ferran Adrià, i fratelli Roca, Chicco Cerea, Martin Berasategui e Alain Ducasse.

TheFork permette ai clienti di scegliere il ristorante in base alla zona, ai prezzi, alle disponibilità, al tipo di cucina e alle recensioni degli utenti. È anche possibile vedere i menù dei ristoranti e approfittare di offerte speciali, come menù a prezzo fisso e sconti fino al 50%. Con la prenotazione online, gli sconti sono applicati automaticamente alla cassa, eliminando l’esigenza di dover presentare un coupon al ristorante. La piattaforma permette anche agli utenti di controllare la disponibilità in tempo reale, visualizzare orari e ristoranti alternativi e guadagnare punti fedeltà che danno diritto a ulteriori sconti.

“L’Italia è leader nel settore della ristorazione in Europa sia in termini qualitativi sia in termini quantitativi: è impossibile trovare altrove una varietà gastronomica paragonabile alla nostra”, ha affermato Almir Ambeskovic, Country Manager, TheFork Italia. “Il nostro obiettivo è aiutare gli italiani a cercare e trovare esperienze culinarie eccezionali, comunicando al meglio il nostro immenso patrimonio gastronomico attraverso la rete, principale canale utilizzato oggi dai consumatori per informarsi e prenotare. Mi aspetto che gli italiani rispondano a questa scommessa con la forchetta tra i denti…”.

TheFork si configura come uno strumento in grado di dare nuovo slancio al settore della ristorazione. Grazie alle dinamiche della tecnologia online di TheFork, i ristoranti possono costruire e accrescere la fedeltà dei propri clienti e ottimizzare il tasso di prenotazioni. TheFork offre ai ristoranti italiani l’esposizione a milioni di visitatori unici al mese attraverso le pagine dedicate ai ristoranti italiani di TripAdvisor e, al contempo, mette a loro disposizione soluzioni di software gestionali per aiutarli a massimizzare il business online grazie a prenotazioni flessibili, sconti e strumenti per la gestione dei dati.

“Se il digitale è il futuro, ogni ristorante dovrebbe avere un sito efficace e ben posizionato nei motori di ricerca, un’app mobile e un sistema di prenotazione online”, ha commentato Sonia Re, Direttore Generale APCI, Associazione Professionale Cuochi Italiani. “Oggi per un cuoco non è più sufficiente saper “solo” cucinare; egli deve saper fare l’imprenditore e, soprattutto, comunicare. La soluzione è questa piattaforma, perché permette di gestire le prenotazioni, di sfruttare il passaparola digitale, di offrire un servizio oggi imprescindibile ai potenziali clienti. Per questo abbiamo abbracciato la piattaforma, certi che farne parte permetterà di sensibilizzare e formare gli operatori del settore all’impiego di nuovi strumenti di marketing e prenotazione, tutelando e qualificando, nel contempo, il loro lavoro”.

“La piattaforma è senz’altro valida perché offre una modalità operativa utile: sia ai ristoratori, che hanno un riferimento certo della prenotazione, sia ai consumatori. Questa nuova piattaforma è un’espressione di quella che dovrebbe essere una corretta collaborazione tra i grandi gestori di questi strumenti e tutti gli stakeholder, a cominciare dai ristoratori”, ha concluso Lino Enrico Stoppani, Vice Presidente Confcommercio Milano e Presidente FIPE Confcommercio.

L’azienda non ha reso note le cifre dell’operazione. Sappiamo però che sono 5000 i ristoranti italiani presenti oggi sulla piattaforma e circa 300 milioni di euro il ricavo incrementale generato nel 2014. “Il nostro obiettivo è raggiungere i 7.500 ristoratori entro la fine dell’anno, ma sappiamo che possiamo fare molto di più”, conclude Ambeskovic. “Proprio per questo il nostro team italiano – attualmente composto da alcune decine di persone – è destinato a crescere, anche per poter fornire l’assistenza one to one che è la nostra cifra distintiva”.

Tante le iniziative di comunicazione previste in occasione di Expo Milano, primo fra tutti il progetto “Network del gusto” che vedrà TheFork coinvolta in prima linea assieme all’APCI. Sicuramente un bel banco di prova per la piattaforma che ambisce a doventare l’applicazione di riferimento per gli amanti della buona cucina e per i proprietari dei ristoranti italiani.

articoli correlati