MEDIA

Nasce Torino Channel: la squadra piemontese protagonista 24 ore su 24 sul canale 234 di Sky

- # # # #

Torino Channel

Interviste esclusive ai protagonisti, collegamenti da bordo campo durante le partite, news in anteprima con quattro notiziari quotidiani, dirette durante la settimana dal centro di allenamento e dai ritiri della squadra, programmi di approfondimento e format originali: sbarca oggi su Sky al canale 234 Torino Channel.
Su “Torino Channel” andranno in onda le partite di campionato, in differita di 90 minuti, e gli highligts, in differita di 40 minuti; saranno inoltre trasmesse in esclusiva le conferenze stampa pre partita. Ampio spazio anche al Settore giovanile al quale il canale granata dedicherà finestre quotidiane, le sue telecamere seguiranno la preparazione della squadra sul campo; non mancheranno focus sulla Primavera e i match clou proposti settimanalmente. I notiziari e le dirette dei pre e post partita di Torino Channel andranno in onda dai tre studi approntati da LaPresse Spa, società produttrice del canale.
Volti femminili della tv granata due giornaliste dinamiche e appassionate: Ilenia Arnolfo, che vedremo nelle dirette dallo stadio e Barbara Pedrotti presentatrice, reporter e conduttrice già nota al pubblico sportivo; i quattro cronisti Eugenio Bertone, Manolo Chirico, Marco Ghironi e Stefano Ferrero completano la redazione di Torino Channel. In palinsesto su Torino Channel l’immancabile gloriosa storia granata, pluricampione d’Italia, con tutte le partite che le hanno dato lustro e gli approfondimenti ad essa legati.

articoli correlati

MEDIA

LEI, al via il 2017 con la nuova stagione di “Piccole donne Atlanta” e una novità assoluta

- # # # # #

LEI apre questo 2017 con due novità

LEI apre l’anno nuovo con due importanti novità: riparte infatti, dopo una fortunata prima stagione, “Piccole donne Atlanta”, mentre fa il suo esordio in italiano la serie “Bambini violenti, genitori disperati”.
Appuntamento il 15 gennaio sul network con “Bambini violenti, genitori disperati” (domenica alle 21.55), nel quale seguiremo le vicende della terapista Mandy Saligari che dovrà risolvere problemi relativi alla gestione di bambini indisciplinati e violenti, cercando di capire le cause del loro malessere e le dinamiche familiari che li influenzano. La dottoressa Saligari ha un’esperienza ventennale e chi si affida con fiducia ai suoi consigli ottiene in poco tempo risultati straordinari. Se i suoi i metodi possono sembrare troppo provocatori nei confronti dei genitori protagonisti, in realtà vedremo che il suo modo di fare li sprona ad esercitare al meglio il loro importante ruolo, aiutandoli a ristabilire l’armonia in famiglia. Nei tre episodi inediti vedremo l’alternarsi di storie di grande impatto: genitori stanchi e succubi dei propri bambini del tutto fuori controllo, ragazzi aggressivi, vicende di donne che affrontano ogni giorno la faticosa sfida di accudire e di educare tutte sole i propri figli, e molto altro ancora. Tutto questo però non spaventerà l’esperta terapista che tratterà ogni caso con attenzione e delicatezza e soprattutto non perderà mai la sua professionalità.
Il 16 gennaio, invece, riparte su Lei “Piccole donne Atlanta” (lunedì al venerdì alle 14.15) con una nuova stagione. Le nostre reginette “made in Atlanta”, stanno per tornare con tante nuove avventure e lo spirito dinamico e combattivo di sempre. Amanda, Andrea, Ashley, Bri, Tiffany ed Emily, con le loro forti personalità e le loro appassionanti vicende, sono pronte a catturare di nuovo la nostra attenzione. I nuovi 14 episodi sono come sempre carichi di emozioni e colpi di scena: non mancheranno infatti litigate, scenate di gelosia, sofferenze d’amore e preoccupazioni per figli e famiglia, né tantomeno divertimento e stupore.

articoli correlati

MEDIA

Sky Cinema si rinnova e amplia sempre di più la sua offerta con una prima visione al giorno

- # # # # # #

Sky Cinema si rinnova, con un'anteprima ogni giorno

Sky Cinema si rinnova e si arricchisce, con una veste grafica ancora più funzionale e moderna, e propone un’offerta cinematografica senza precedenti che porterà ancora più spesso sui canali le emozioni del grande cinema: i migliori blockbuster, il più bel cinema italiano, i film d’autore, l’azione, la suspance, la commedia, per una prima visione al giorno.
Ogni sera sui canali Sky Cinema sarà infatti trasmesso almeno un titolo inedito. Tra le prime visioni di novembre spicca l’arrivo del film vincitore di 3 premi Oscar nel 2016 Revenant – Redivivo, con cui Leonardo Di Caprio ha vinto la sua prima, attesissima, statuetta per una performance da attore protagonista estrema e anche fisicamente molto impegnativa. Il film, dramma selvaggio firmato Iñárritu, sarà in onda in prima tv lunedì 7 novembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno HD. Tra gli altri titoli del mese Risorto, originale hunting movie con Joseph Fiennes (in onda martedì 29 novembre) che racconta la resurrezione biblica da un nuovo punto di vista; quello di un non credente; i film con le attrici premi Oscar: Helen Mirren in Woman in Gold, (domenica 27 novembre) Charlize Theron in Dark Places – Nei luoghi oscuri (mercoledì 23 novembre) e il thriller con un sempre ipnotico Anthony Hopkins, Premonitions (domenica 13 novembre). Arriva anche la grande animazione, appuntamento perfetto per tutta la famiglia, come Il viaggio di Arlo, storia dell’insolita amicizia tra un dinosauro e un bambino firmata Disney Pixar, Ooops… Ho perso l’arca (venerdì 18 novembre) e ancora Antboy e l’alba di un nuovo eroe (venerdì 25 novembre).

TUTTO IL MEGLIO DEL CINEMA ITALIANO. E per chi ama il cinema italiano, Sky, che da sempre promuove e supporta il nostro cinema, ha in serbo il meglio della recente commedia italiana: in prima visione lunedì 21 novembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno HD l’ultimo film campione d’incassi con Checco Zalone, Quo Vado?, la commedia con protagonisti Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti, promessi e irrequieti sposi in Io che amo solo te (lunedì 28 novembre), il drammatico ed emozionante Gli ultimi saranno ultimi con Alessandro Gassmann e Paola Cortellesi (venerdì 25 novembre). In arrivo anche due straordinarie rivelazioni del nostro cinema dell’ultimo anno: Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese, premiato come miglior film agli ultimi David di Donatello e Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti con Claudio Santamaria e Luca Marinelli, che di David di Donatello ne ha portati a casa ben 7, ma si è soprattutto rivelato come uno dei film più geniali della recente generazione cinematografica, che ha fatto rinascere il film di genere con un prodotto originale, spiazzante e coraggioso.

LE SAGHE E LE COLLEZIONI CHE SONO RIMASTE NELLA STORIA. Dopo il successo dei tanti canali tematici che si sono dati il cambio sui canali cinema, l’11 novembre debutterà una nuova, imperdibile saga, che fa parte dell’immaginario cinematografico del grande pubblico: si accede Sky Cinema Rocky HD, canale interamente dedicato al pugile più famoso del cinema interpretato da Sylvester Stallone. Per la prima volta verranno proposti tutti e 7 i capitoli della saga, partendo dal primissimo Rocky, vincitore di tre premi Oscar nel 1977, tra cui miglior film e miglior regia, dove il giovane pugile ancora sconosciuto sfida il campione del mondo Apollo Creed (Carl Weathers); si passerà poi attraverso la rivincita contro lo stesso Apollo in Rocky II, il match contro Clubber Lang (Mr. T di A-Team) di Rocky III, l’incontro con il russo Ivan Drago (Dolph Lundgren) in Rocky IV, fino al ritorno sul ring nei panni di allenatore in Rocky V e all’ultimo scontro in Rocky Balboa. Lunedì 14 novembre, invece, alle 21.15 su Sky Cinema Uno HD e alle 21.45 su Sky Cinema Rocky HD andrà in onda in prima visione Creed – Nato per combattere, ultimo capitolo della saga, in cui a quarant’anni dal suo primo round e a dieci dall’ultimo capitolo, riprende il via l’epopea di Rocky Balboa, con Sylvester Stallone (vincitore del Golden Globe 2016 e candidato all’Oscar 2016 come miglior attore non protagonista) affiancato dal giovane Michael B. Jordan nei panni di Adonis Creed. Tra gli altri contenuti speciali in onda sul canale: una nuova puntata del format Sky Cinema Racconti di Cinema con Francesco Castelnuovo che narra la storia della saga di Rocky; il documentario Da Creed a Rocky, la leggenda continua, in cui Sylvester Stallone con Michael B. Jordan e gli altri membri del cast di Creed, raccontano l’intera storia di Rocky da chi l’ha vissuta all’interno, e il documentario Rocky – L’atomica di Reagan, incentrato su Rocky IV, il film di culto degli anni ’80, simbolo della cultura americana, dei suoi eroi e della svolta politica vissuta con l’arrivo al potere di Reagan dopo un decennio di crisi.

IL GRANDE CINEMA D’AUTORE. Da sempre Sky Cinema Cult HD propone gli appuntamenti con il grande cinema d’autore e  dal 5 novembre ogni sabato alle 21.00 si accenderà World Cinema, rassegna di imperdibili film stranieri provenienti dal tutto il mondo, presentati e premiati nei principali Festival. Tra i primi titoli in programmazione: In un mondo migliore, il dramma danese firmato da Susanne Bier che ha vinto l’Oscar come miglior film straniero nel 2011; Il giardino di limoni (il 12 novembre), l’acclamata opera sul conflitto tra Israele e Palestina, premiata al Festival di Berlino; sabato 19 novembre in prima visione MUSTANG, la delicata opera prima presentata al Festival di Cannes 2015 e candidata agli Oscar 2016 come Miglior film straniero.

I FILM DA GUARDARE IN FAMIGLIA. Il cinema da condividere, perfetto da guardare in famiglia, è su Sky Cinema con l’appuntamento Disney Cinemagic, ogni weekend su Sky Cinema Family HD. La grande animazione targata Disney: sabato 12 novembre il primo capitolo di  Red e Toby– NemiciAmici, di cui sabato 19 novembre andrà in onda il sequel Red e Toby 2 – NemiciAmici. Le feste saranno l’occasione per vedere (o rivedere) quei film che hanno fatto la storia della grande animazione family: la saga animata de Il re Leone, di Tarzan e di Pocahontas.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

I party del #StRappartyTour più divertenti e creativi di Tuborg diventano una mini serie TV

- # # # # #

I party del #StRappartyTour più divertenti e creativi di Tuborg diventano una mini serie TV

Le feste organizzate dagli Youtubers in occasione del Tuborg #StRappartyTour 2016 sono state un vero successo che è andato oltre il momento dell’evento vero e proprio. Tanto che, come annuncia il brand, sono diventate oramai una mini serie tv, in onda dal 6 al 26 novembre nella fascia pomeridiana di Italia 1, sotto forma di tre “pillole” settimanali perfette come antidoto a freddo e monotonia.
La mini serie, in onda alle ore 15:10 durante la serie cult The Big Bang Theory, racconterà le avventure degli Youtubers nell’organizzazione della festa perfetta dello #StRappartyTour 2016 di  Tuborg. Ad ogni youtubers è stata affidata l’organizzazione di una festa e ai The Show il ruolo dei soliti guastafeste. Ad aprire lo #StRappartyTour 2016 di Tuborg è stato Daniele doesn’t matter con la festa Hip Hop al Demodè Club a Bari. Claudio di Biagio ha organizzato la seconda tappa con
una festa a tema Flower Time ai Giardini del Monk di Roma. Il gran finale è stato degli Hmatt con un party in perfetto stile Anni ’90 all’Alcatraz di Milano. Ogni settimana, 3 pillole da 90” dedicate a uno dei tre eventi. Le pillole racconteranno i tre party che hanno registrato grandi numeri sia in termini di presenze (da 1.200 a 2.500 ospiti a serata) sia a livello di coinvolgimento social.
Da quest’ultimo punto di vista, le cifre sono impressionanti:
• 40 contenuti video messi online;
• 2,75 milioni di visualizzazioni;
• oltre 420.000 interazioni degli utenti sui canali Facebook, Twitter e Instagram.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Lindor da domani in tv con Leo Burnett London

- # # # # #

lindor

Dopo la campagna pubblicitaria televisiva dedicata a Excellence, Lindt torna in tv, da domani fino a Natale, con Lindor, il prodotto icona, nato oltre 60 anni fa dai Maîtres Chocolatiers Lindt.

Per la prima volta, il piccolo schermo è affiancato da un’importante presenza online a copertura dei target meno televisivi. La pianificazione televisiva prevede una campagna monoformato da 20 secondi sulle principali emittenti televisive italiane, quali Rai e Mediaset, oltre al Gruppo Cairo, Paramount Channel e Comedy Central e una selezione di canali Sky a target, quali Cielo, Tv8 e Sky Sat, nei programmi più visti della stagione come X Factor. Lo spot verrà veicolato, inoltre, sulla piattaforma Sky on demand. Il film tv dedicato a Lindor vuole raccontare l’esperienza unica da concedersi ogni qual volta lo si desideri e alla quale abbandonarsi completamente per gustare un momento di puro piacere: la morbidezza delle forme di Lindor e l’intensità del suo profumo si fondono in una boule dall’irresistibile scioglievolezza.

Lo spot è stato realizzato da Leo Burnett London, mentre la pianificazione è stata curata dal Gruppo Mario Mele & Partners, l’agenzia che gestisce anche le media relation, le digital PR e alcuni social media di Lindt in Italia.

articoli correlati

MEDIA

La campagna Discovery Italia per il lancio del nuovo format Ninja Warrior

- # # # # #

La campagna Discovery Italia per il lancio del nuovo format Ninja Warrior

É arrivato in Italia uno dei grandi fenomeni televisivi degli ultimi anni, Ninja Warrior Italia in onda in Prima TV dal 16 ottobre ogni domenica, alle 21:15 sul Nove. Quattro conduttori d’eccezione, Gabriele Corsi, Carolina Di Domenico, Massimiliano Rosolino e Federico Russo, guideranno i duecento aspiranti “ninja” nelle durissime prove che li attendono. Per il lancio di questa prima assoluta, Discovery Italia ha ideato una nuova coinvolgente campagna con un’importante declinazione outdoor, web e social, grandi eventi e partnership esclusive.

La campagna
Ninja Warrior è sul Nove! Continuano le campagne off air di Nove che seguono il consolidato key message con l’obiettivo di comunicare in modo chiaro e diretto al proprio pubblico il debutto dello show sulla rete neo-generalista di Discovery Italia.
Oltre a una significativa presenza sulla stampa che coinvolge le principali testate quotidiane e periodiche, la campagna prevede un’importante declinazione outdoor al via dal  30 settembre nelle città di Milano, Roma e Napoli, dove la creatività è presente nelle stazioni della metropolitana, sull’arredo urbano e sui mezzi di superficie brandizzati ad hoc. Dal 10 ottobre inoltre, sono partiti anche spot sulle principali emittenti radiofoniche italiane. Grande rilevanza anche al web con un presidio dei circuiti mobile con video preroll e una consistente pianficazione social.
Per coinvolgere e appassionare il pubblico attraverso modalità sempre nuove, Ninja Warrior Italia è stato anche presente alla Milan Games Week presso la Fiera Milano City dove, dal 14 al 16 ottore, tutti i presenti hanno avuto la possibilità di cimentarsi in un percorso ispirato allo show e allenarsi per diventare i Ninja Warrior del futuro.
Ad arricchire la campagna, due partnership esclusive: con Radio Deejay in veste di media partner e con il team di Rolling Stone Italia che commenterà live con il suo seguitissimo e irriverente #divanorolling alcune puntate dello show su Twitter.
La creatività della campagna off air è realizzata da Leo Burnett, mentre per radio e spot è ideata dal dipartimento Brand and Creative interno di Discovery Italia, pianifica MEC.
Ninja Warrior è un format internazionale, nato in Giappone ed esploso in America su Nbc, è reduce dal successo in Francia (TF1) e in Germania (RTL).
Ninja Warrior è una grande sfida a ostacoli in cui persone con la passione per lo sport affrontano difficili prove fisiche. Per superare gli ostacoli, che dalle qualificazioni alla finale cambiano diventando sempre più spietati, i concorrenti hanno bisogno di forza, resistenza, agilità e capacità di concentrazione.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Orogel torna protagonista dei palinsesti televisivi nazionali con Pubblisole

- # # # # #

Orogel

Dal mese di settembre Orogel, la prima azienda italiana nel settore dei vegetali freschi surgelati, torna protagonista dei palinsesti televisivi delle più importanti reti nazionali.

Il Gruppo cesenate è stato infatti sponsor unico della serata evento che Canale 5 ha dedicato a Laura Pausini martedì 6 settembre, che ha concluso il tour tutto sold out “Stadi 2016”, e durante il quale è stato trasmesso il concerto che la cantante ha tenuto lo scorso giugno allo stadio San Siro di Milano.

Dopo 12 anni, inoltre, Orogel torna protagonista, in qualità di sponsor ufficiale, anche a Miss Italia. L’8, 9 e 10 settembre, durante le serate finali di Jesolo, verrà anche eletta Miss Benessere Orogel 2016. A promuovere i principi di salute e bellezza accomunano Miss Italia e il Gruppo romagnolo, sarà Marco Bianchi, testimonial Orogel che, nel corso delle dirette televisive presenterà alcuni prodotti della linea Benessere, per i quali suggerirà anche delle gustose ricette, e i Mini Burger di verdure in tutte le loro varianti: da quelli di verdure con panatura croccante, a quelli di quinoa e semi di lino che soddisfano le esigenze di tutti i palati, anche quelle dei più piccoli. Il concorso di Miss Italia vedrà Orogel protagonista anche sul web, dove verranno attivate operazioni di engagement su tutte le principali piattaforme social.

A fianco di questi eventi esclusivi, una campagna pubblicitaria che dal 28 agosto a inizio ottobre vede il Benessere Orogel e i Mini Burger presenti sulle reti Mediaset e Mediaset Premium e sui canali La7 e La7D.

Infine nei primi giorni di ottobre ripartirà la campagna radiofonica accompagnata dalla campagna web e dalla stampa.

La creatività è firmata dall’agenzia Pubblisole.

articoli correlati

MEDIA

La5 presenta “Compagni di Viaggio”: Allianz partner del programma sugli avventuristi

- # # # # #

Allianz sponsor del programma di La5

Allianz Global Assistance sarà protagonista del nuovo programma televisivo di La5 “Compagni di viaggio – Siamo tutti avventuristi”: la puntata di lancio verrà trasmessa martedì 14 giugno alle ore 23.15 circa sul canale tematico Mediaset.

Su La5 un educational game nel quale quattro gruppi di avventuristi si cimenteranno su altrettanti emozionanti itinerari in Vietnam, Giappone, Brasile e Canada. In ognuna delle sei puntate previste, i membri degli equipaggi dovranno superare sfide e imprevisti di viaggio, grazie alle proprie doti e al loro spirito d’avventurista: il pubblico potrà così vivere, attraverso una serie di prove itineranti, le loro esperienze indimenticabili.

Nel corso dei rispettivi viaggi, le dinamiche relazionali all’interno dei gruppi verranno messe a dura prova a causa di inconvenienti che verranno sempre affrontati con il supporto di Allianz Global Assistance. Gli operatori della Centrale Operativa della compagnia assicurativa saranno infatti sempre pronti a fornire la massima assistenza agli avventuristi, in condizioni di difficoltà e spesso in luoghi remoti.

“Siamo molto orgogliosi di questo progetto, sviluppato in collaborazione con Publitalia Branded Entertainment e RTI con l’obiettivo di creare una diffusa cultura sull’importanza di tutelarsi dai rischi e dagli imprevisti quando si viaggia all’estero, mostrando come l’assistenza fornita da professionisti possa fare la differenza nel risolvere tempestivamente qualsiasi problema” afferma Paola Corna Pellegrini, Amministratore Delegato di Allianz Global Assistance. “Tra i protagonisti della trasmissione ci saranno infatti i nostri operatori che, 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno, forniscono assistenza ai viaggiatori. Professionisti con importanti competenze tecniche, ma soprattutto con grandi doti umane e relazionali: saper ascoltare e comprendere il bisogno di persone in difficoltà è il vero valore aggiunto di un’azienda leader come la nostra”.

Gli itinerari che del programma su La5 prevedono avventurosi spostamenti in Vietnam tra le città di Nha-Trang e Ho-Chi-Minh: oltre 600 km attraverso giungla, piantagioni di caffè, caucciù e frutta esotica, fino a calcare la particolare terra rossa che ricopre tutto il Vietnam del Sud. Ci si sposta poi in Giappone: partendo da Tokyo, si arriva nel quartiere di Asakusa che ospita una delle torri più alte del mondo. Passato il monte Fuji, ci si immerge nella spiritualità dei templi zen, si scoprono la cultura e le usanze alla base di una tradizione senza tempo, arrivando a Nagoya, quarta maggiore città del Giappone.
In Brasile, l’avventura parte da San Paolo, vero cuore pulsante industriale e commerciale del paese: 300 km attraverso campagne ricche di vegetazione e fauna selvatica fino a Paraty, cittadina dall’atmosfera magica, giungendo infine a Rio De Janeiro.
In Canada, dalle leggendarie Niagara Falls, si passa per Kingston e le sue Thousand Islands, fino ad arrivare ad Ottawa, la capitale, con il suo affascinante contrasto tra natura e frenesia urbana. Sul sito web compagnidiviaggio.mediaset.it si possono conoscere i membri dei team, visionare i casting e scoprire i dietro le quinte del programma. Inoltre, è possibile partecipare ad un concorso a premi dedicato al programma, che mette in palio 50 gift card Mediaworld da 100 euro più 1 premio di 1000 euro ad estrazione finale.
“Compagni di viaggio – Siamo tutti avventuristi” è un progetto di Lato C ideato da Dario Nuzzo scritto con Matteo Bruno Levati e realizzato grazie alla collaborazione di Publitalia Branded Entertainment, divisione dedicata al BE all’interno del Team Crossmedia Branded parte della Direzione Innovation con RTI e prodotta da Cinquantotto srl per conto di NONPANIC per Mediaset.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Maxibon torna in televisione, firma lo spot JWT Italia

- # # # # #

Maxibon torna in tv, firma JWT Italia

Maxibon è uno dei simboli dell’estate, delle vacanze e del divertimento italiano; ingredienti del nuovo spot in onda dal 5 giugno sulle principali emittenti nei formati 30” e 15” e on line dal 6 giugno sui canali digital per tutta estate. L’idea al centro della comunicazione è semplice: quale dei due lati del Maxibon merita il primo morso, granella o biscotto? A seconda della scelta si sviluppano due anime differenti che con il meccanismo dello split screen vengono messe a confronto fino ad arrivare al mix perfetto.

Agenzia: J. Walter Thompson Italia
Chief Creative Officer: Enrico Dorizza
Executive Creative Director: Daniela Radice
Art Director: Fabrizio Pozza
Copywriter: Francesco Muzzopappa
Account service: Ester Pampari, Silvia Balestreri
Producer: Marijana Vukomanovic
CDP: Mercurio
Executive Producer: Francesco Pistorio
Producer CDP: Alessandro Cavriani, Matilde Bonanni
Regia: Federico Cummins
DOP: Marc Miró
Music: “Gotta Go Home” di Farian / Huth / Huth / Jay , nuovo arrangiamento: Quiet, Please!
Centro Media: Mediacom

articoli correlati

MEDIA

Netflix inaugura Chelsea, il nuovo talk show globale

- # # # # #

Netflix lancia il nuovo talk show globale Chelsea

Nasce ufficialmente Chelsea, il nuovo talk show globale di Netflix che esordisce simultaneamente in oltre 190 paesi del mondo. Ed è anche il primo ad essere concepito per l’Internet TV, essendo disponibile per la visione in qualsiasi momento, ovunque e su qualsiasi dispositivo. Diversamente dai programmi della TV lineare, Netflix ha creato un spettacolo senza frontiere, né geografiche né di contenuto. Per Chelsea i team del gruppo hanno dovuto affrontare diverse sfide per eseguire al meglio un programma sui generis: tempi stretti di realizzazione e adattamento dell’interfaccia all’attualità degli episodi (pur lasciando piena libertà di scelta al consumatore), il tutto assicurando che il sarcasmo tagliente e audace di Chelsea non si perda nella traduzione. Ecco qui di seguito alcune di queste problematiche descritte dagli esperti del famoso network.

 

Tradurre lo humour su scala globale
Tracy Wright, direttore responsabile delle attività operative per i contenuti, Netflix
“Puoi dire quello che vuoi, è Netflix!” – Chelsea Handler
Sì è vero, Chelsea può dire qualsiasi cosa su Netflix. Qualsiasi cosa. Chiarito questo, come facciamo ad essere sicuri che quello che dice venga compreso nel mondo senza essere travisato? E in più come facciamo a offrire una traduzione di alta qualità in sole 12 ore?
In primo luogo, abbiamo dovuto trovare eccellenti traduttori in grado di comprendere una comicità americana provocatoria e piena di oscenità e tradurla in un’altra lingua, mantenendo il tono e la rilevanza culturale richiesti. Abbiamo setacciato oltre 5000 linguisti per giungere ai circa 200 traduttori scelti per le 20 lingue in cui Chelsea viene offerto. La prova comprendeva la sotto titolatura di clip da Uganda Be Kidding Me di Chelsea, Orange is the New Black e House of Cards, così abbiamo potuto valutare come interpretavano nelle rispettive lingue le volgarità, lo slang, i termini politici tipici degli Stati Uniti e le espressioni idiomatiche, tipo “ha la pellaccia dura come una bistecca da due dollari”.
In secondo luogo, a causa dei tempi stretti di consegna delle traduzioni in 20 lingue entro le 12 ore concesse, dovevamo strutturare un flusso di lavoro che ci consentisse di creare e condividere un copione master in inglese utilizzabile da tutti i traduttori, dalla Mecca in Arabia Saudita fino a San Paolo in Brasile. Abbiamo deciso di affidarci a una tecnologia di respeaking per creare una trascrizione dal vivo del dialogo che poi viene sottoposta a editing e convertita in un copione master in lingua inglese, una volta finalizzato l’episodio. Il copione viene distribuito la sera stessa per essere tradotto e ci viene riconsegnato la mattina successiva.
Infine, per ogni lingua ci sono degli esperti che curano lo streaming live dell’episodio durante la registrazione, così possono identificare per i traduttori le frasi difficili e i riferimenti alla cultura locale a personaggi pubblici. Lo scopo è quello di fornire informazioni ai linguisti nel modo più rapido possibile per permettere loro di avviare in anticipo eventuali ricerche e incrementare l’efficienza. Riferimenti a frasi e termini come “Edumacate Me”, DMV, Xanax, Snapchat, Huggie Jeans e giochi di parole quali “Chelsea Grammar” e “anyways” non sono comprensibili a livello globale, per cui sottolinearli nel copione assicura che i traduttori ricevano abbastanza contesto per fornire la traduzione più rilevante con l’impatto desiderato.
Chelsea è il primo talk show a esordire simultaneamente nel mondo in 20 lingue. Siamo convinti che queste innovazioni nell’ambito della localizzazione permetteranno a Chelsea di trovare nuovi spettatori ovunque e siamo pronti ad affrontare le sfide linguistiche che sicuramente non mancheranno.

 

Creare un’esperienza intuitiva
Jennifer Nieva, direttore responsabile dell’innovazione del prodotto, Netflix
Mentre Chelsea e il suo team adattavano il talk show alle modalità dello streaming, il team di innovazione del prodotto di Netflix lavorava per adattare l’esperienza degli abbonati a un talk show, una novità per tutti in questo contesto. Mentre ripensavamo lo stile dell’interfaccia su TV, tablet, laptop e smartphone, ci chiedevamo e chiedevamo anche agli stessi abbonati in che modo avrebbero voluto vedere lo show? Vorranno vedere immediatamente l’episodio di cui hanno sentito parlare dagli amici? Vorranno vedere l’episodio più recente a fine giornata? O vorranno vedersi due settimane di episodi uno dietro l’altro? Nonostante le domande e i dubbi, eravamo certi che incentrando i nostri sforzi sulla creazione di un’esperienza intuitiva avremmo facilitato una fruizione personalizzata per ogni tipo di spettatore.
Durante la fase di concezione iniziale abbiamo rilevato due serie di aspettative convergenti, quelle riguardanti la visione dei talk show in generale, e quelle specifiche riguardanti la visione delle serie di Netflix. Nel mondo dei talk show l’attualità di un episodio è molto importante. Il pubblico è interessato a quello che un ospite interessante dirà quella sera e, se impossibilitato ad assistere alla trasmissione dal vivo, vuole reperire velocemente l’episodio più recente o quello di cui tutti parlano. Si tratta di una nuova sfida per Netflix, in quanto gli abbonati sono abituati a iniziare dal primo episodio, cioè dall’inizio di una storia. Sanno che in qualsiasi momento possono risalire al primo episodio di una serie e spesso amano vedere diversi episodi uno dietro l’altro. Guardare un programma serializzato su Netflix è paragonabile a leggere un romanzo dal primo capitolo fino alla fine. Per un talk show la situazione è più simile a quando si dà una scorsa a una rivista e ci si ferma a leggere l’articolo che ha catturato l’attenzione.
Per evidenziare gli episodi più recenti, abbiamo invertito l’ordine di presentazione, posizionando quello più recente in cima all’elenco. Dopo la visione dell’episodio più recente, suggeriamo quello precedente e così via. Tuttavia, se un abbonato decide di guardare il programma dal primo episodio, consentiamo una visione-maratona di Chelsea nella direzione opposta. In poche parole, se ti piace il programma, ti aiuteremo a continuare a guardarlo, indipendentemente dal punto in cui vuoi iniziare.
Abbiamo anche deciso di evitare di mettere in risalto la numerazione degli episodi. I numeri degli episodi suggeriscono un ordinamento rigido, ma non c’è un ordine giusto per guardare Chelsea, solo l’ordine preferito da chi guarda. Nei nostri test, spostando di lato i numeri degli episodi, erano più in evidenza gli ospiti, gli argomenti e l’aspetto concettuale di ogni show e gli spettatori sceglievano quelli che risultavano più interessanti per loro.
Un’altra sfida per il nostro team: comunicare in modo chiaro e accattivante agli abbonati quanto sia recente ogni episodio. Per i talk show, programmi strettamente legati a eventi e problematiche sociali di attualità, è imperativo comunicare chiaramente agli abbonati quali episodi siano nuovi di zecca e quando arriveranno quelli futuri (ogni mercoledì, giovedì e venerdì, per tutto l’anno). Anche se molti abbonati scopriranno e apprezzeranno gli episodi di Chelsea per settimane o mesi dopo la prima trasmissione, sicuramente ce ne saranno altri che divoreranno ogni episodio non appena disponibile. Non sappiamo ancora quanto l’attualità e l’ordine degli episodi influenzerà gli abbonati interessati a Chelsea, ma abbiamo ideato un’esperienza utente che unisce le consuetudini degli spettatori di talk show tradizionali alle abitudini specifiche degli abbonati di Netflix, per creare quello che per noi sarà un modo intuitivo, facile e completamente nuovo di guardare un talk show.

 

Linea diretta: dallo studio al tuo dispositivo in meno di 3 ore
David Ronca, direttore responsabile delle tecnologie di codifica, Netflix
Vinod Viswanathan, direttore responsabile del cloud engineering multimediale, Netflix
Appena qualche anno fa la realizzazione di una codifica ~60 (compressione video per la distribuzione su Internet) per un titolo di 1 ora richiedeva diversi giorni, senza contare i frequenti errori della codifica stessa. I lunghi ritardi e l’imprevedibilità del sistema rendevano difficile la gestione dei progetti, creando difficoltà aggiuntive nel caso di programmi con licenza a partire dal giorno successivo alla trasmissione, dato che avevamo appena 24 ore per l’esordio su Netflix. In fase di attivazione del nostro flusso di lavoro a codifica parallela, alla fine del 2012, avevamo ridotto il tempo di registrazione e codifica fino a circa 7 ore. Questo miglioramento delle prestazioni è stato messo alla prova per la prima volta con la quinta stagione di Breaking Bad, dove abbiamo avuto l’opportunità di far uscire ogni episodio nel Regno Unito il giorno successivo rispetto all’esordio negli Stati Uniti. Dai tempi dell’attivazione iniziale, abbiamo ridotto il tempo richiesto da questo processo fino a circa 2,5 ore.
Arriva Chelsea.
La sfida posta da Chelsea era quella di ridurre il tempo di registrazione e codifica fino a circa 30 minuti, con appena 15 minuti per controllare ogni sorgente e circa 15 minuti per codificare tutti gli stream audio e video richiesti dalla produzione. Per realizzare codifiche di 30 minuti, coordiniamo i processi di codifica su migliaia di dispositivi sul cloud di Amazon, dove viene eseguito l’ingente flusso di lavoro parallelo. Il contenuto viene suddiviso in blocchi da 30 secondi e ogni blocco viene elaborato in parallelo. Il recente lavoro del team di engineering multimediale, volto a sfruttare i server AWS meno sovraccarichi durante le ore non di punta, ci consente di raggiungere in maniera efficiente la velocità operativa richiesta dallo show. Completate le codifiche dei file, l’infrastruttura di distribuzione del contenuto si accerta che vengano diffusi globalmente attraverso la rete Netflix Open Connect in meno di 2 ore. Questi processi aggiornati hanno permesso a Netflix di cambiare il modo in cui i contenuti innovativi raggiungono un’audience globale, sempre con una qualità video eccellente.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Discovery Italia rinnova l’immagine di DMAX. Al via la campagna multisoggetto

- # # # # # #

Discovery

Discovery Italia presenta il nuovo DMAX (canale 52) e la nuova immagine del canale in tutte le sue declinazioni: on air, off air e online. Per presentare al pubblico la nuova veste grafica – a partire dal 2 maggio – Discovery Italia ha ideato una campagna di comunicazione a 360 gradi che ha incluso, oltre alle iniziative on air, numerosi eventi sul territorio e un’attività di guerriglia marketing ideata per coinvolgere i principali centri media. Una speciale programmazione, inoltre, segnerà il nuovo corso del canale anche dal punto di vista dei contenuti, con produzioni originali esclusive, nuovi titoli e grandi ritorni.

La nuova veste grafica di DMAX, realizzata dal dipartimento di Brand & Creative di Discovery Italia con lo studio di design FloPicco, è stata ideata con l’intento di raccontare il brand in modo più energico, ironico e coinvolgente. Nuovi colori per il logo (oltre al paprika – che resta il colore dominante – le sue varianti saranno blu, verde oliva e bianco), nuove texture e grandi animazioni tipografiche: il linguaggio di DMAX è ad alto impatto visivo. Il logo e gli elementi grafici “irrompono” letteralmente sulla scena, catturando il telespettatore. Il jingle di canale è stato rivisto e adattato. Nuovi saranno anche gli ident che andranno ad enfatizzare i generi principali del canale (avventura, motori, entertainment, pesca e auction).

Per lanciare il nuovo look del canale, il team Brand & Creative di Discovery Italia ha tradotto on air il claim della campagna -“In ogni uomo c’è un maschio DMAX” – che mira al coinvolgimento del telespettatore, qualunque siano le sue passioni, con una campagna multisoggetto on air dal 2 maggio in cross promotion sui canali free to air del portfolio Discovery, prodotta con Fargo Film. La creatività dei 3 soggetti racconta in modo irriverente e coinvolgente tre dei generi che caratterizzano l’anima del canale: avventura, motori e game show.

Il nuovo DMAX sarà comunicato off air attraverso una campagna stampa, affissioni e una speciale iniziativa: il DMAX Casting Tour, un evento itinerante in giro per l’Italia per cercare il vero maschio DMAX. La campagna stampa coinvolge i maggiori quotidiani e settimanali ed è declinata su vari soggetti con copy-ad in grafica, realizzati ad hoc sulla base delle linee editoriali delle diverse testate su cui verranno pubblicati. Inoltre, la città di Milano accoglierà una maxi affissione dedicata al pubblico maschile più giovane appassionato di movida.

La promozione del nuovo DMAX continuerà anche durante l’estate. A giugno, infatti, verrà lanciato un casting online sul sito dmax.it per trovare il “vero maschio DMAX”. E per regalare ai propri fan un’esperienza unica all’insegna dell’intrattenimento, i casting toccheranno la città di Monza e le spiaggie della Romagna, del Salento e di Napoli, con la partecipazione straordinaria di Chef Rubio.

La campagna per il nuovo DMAX ha esordito già negli ultimi giorni di aprile, con una speciale attività di guerriglia marketing ideata per coinvolgere i principali centri media. Dal 20 al 29 aprile sono stati distribuiti ai dipendenti dei centri media dei buoni assaggio con la possibilità di scegliere fra alcuni piatti associati ai nuovi titoli in programmazione su DMAX. I partecipanti sono stati invitati a collegarsi a un sito internet creato ad hoc, indicare la propria preferenza e a ritirare l’assaggio selezionato presso il chiosco brandizzato DMAX, allestito per l’occasione.

articoli correlati

MEDIA

Eccezionale Veramente, al via il 17 marzo su La7 il primo talent show dedicato alla comicità

- # # # # #

Parte il 17 marzo il nuovo talent Eccezionale Veramente

Parte giovedì 17 marzo Eccezionale Veramente, il primo talent interamente dedicato alla comicità; il programma andrà in onda in prima serata su La7.
Dopo una prima fase di casting (con oltre 1.000 partecipanti provinati) che ha toccato le principali città italiane, una giuria eccezionale presieduta da Diego Abatantuono, Paolo Ruffini, Selvaggia Lucarelli, e con la conduzione di Gabriele Cirilli, andrà alla ricerca del nuovo volto della comicità italiana. Gli aspiranti comici che hanno superato le selezioni approderanno all’ultima fase della sfida che, al termine delle dodici puntate, ne decreterà il vincitore.
Accanto alla giuria ci sarà ogni sera un ospite d’eccezione, un vero e proprio quarto giurato, che avrà il difficile compito di contribuire a valutare il talento comico dei concorrenti e la possibilità di ripescare un escluso ad ogni puntata. Tra loro personalità del mondo della comicità e del cinema, dello sport e dell’imprenditoria come Renato Pozzetto, Massimo Boldi, Raul Cremona e Gabriele Salvatores, Oscar Farinetti e Gianni Rivera, solo per citarne alcuni.

Le Selezioni. Nelle prime otto puntate si svolgono le selezioni nelle quali i comici si sfidano con performance della durata di tre minuti. I giurati, che non partecipano ai casting e alle prove, scoprono i concorrenti per la prima volta durante l’esibizione.

Le Semifinali. Chi passa alla fase successiva si sfiderà nelle tre puntate di semifinali fino ad approdare alla finalissima.

La Finalissima. Nella serata finale sarà battaglia, fino all’ultimo sketch e all’ultima risata. La giuria valuterà la verve comica e le doti umoristiche dei concorrenti, con uno sguardo anche alle loro qualità umane e caratteriali, per decretare così il nuovo volto della comicità italiana che otterrà un contratto con Colorado Film per il cinema e la tv del valore di 100.000 euro.
Eccezionale Veramente è il primo talent interamente dedicato alla comicità e un grande racconto televisivo dove gli aspiranti comici sono i veri protagonisti.
Eccezionale Veramente sarà presente anche su La7.it, youtube, smartphone e social network, dove sarà possibile rivedere le puntate integrali, le esibizioni dei comici in gara, i giudizi più divertenti e taglienti della giuria, del quarto giudice, e le esilaranti presentazioni di Gabriele Cirilli, insieme alle clip esclusive dal backstage e alle classifiche delle puntate, per restare sempre aggiornati sull’andamento della gara.
L’app di Eccezionale Veramente per smartphone Android e Iphone sarà disponibile su AppStore e Google Play. Il programma vivrà anche sui social network grazie alla pagina Facebook ed al profilo Twitter.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Sector lancia la campagna No Limits Passion

- # # # # # #

Sector lancia la campagna No Limits Passion

Sector dà ufficialmente il via alla nuova campagna stampa e televisiva No Limits SS ’16, che cattura la tenacia di una donna e di un uomo che affrontano con il surf un mare ostile, che richiama a sé solo chi vive di passione vera, pura, chi sa esprimersi senza limiti: è la passione che travolge tutto trasformando l’energia di luoghi, momenti e situazioni in forza positiva. Passione No Limits che scorre nelle vene di chi sa essere inarrestabile come di chi sa fermarsi ad ascoltare i propri desideri, l’immaginazione e trasformare l’istinto in azione e poi in scelta.
Sector No Limits Passion è anche la storia di un uomo e di una donna immortalati in due nuove immagini che parlano al primo sguardo. Lei stringe a sé il proprio cavallo sommerso dal fango, alla ricerca di quell’unica sponda che potrà metterlo in salvo. Lui ha quello sguardo deciso e fiero di chi ha appena affrontato il mare, dominando le emozioni. Non c’è possibilità di resistere -per entrambi- alla passione.
La campagna worldwide, che vede protagonista la collezione 120 Lady nella duplice variante solo tempo con quadrante sunray rosa e multifunzione insieme ai cronografi da uomo della collezione 720, sarà presente su TV, stampa, web e nei social network del brand: Facebook, Twitter, Instagram, Youtube e Google+.

articoli correlati

NUMBER

eCommerce: i player scommettono sulla TV. Ricerca di Media Italia

- # # # # # # # #

eCommerce ricerca

Non mancano certamente le ricerche sull’eCommerce, un comparto che vede l’Italia ancora indietro rispetto ai “primi della classe” europei benché in deciso recupero del terreno perso.
Pur con tale handicap, tuttavia, la spesa degli italiani nell’eCommerce ha raggiunto nel 2015 circa i 16,6 miliardi di Euro, in crescita del 16% sull’anno precedente. Un fatturato tutt’altro che trascurabile, quello generato dai 17,7 milioni di italiani acquirenti online (oltre la metà di chi accede a internet) , benché rappresenti solo il 3,5% del totale retail nazionale, contro il 10% delle media europea.
Proprio a questo settore dalle dinamiche espansive anche in una fase di contrazione dei consumi, Media Italia – l’agenzia media del Gruppo Armando Testa – ha dedicato una ricerca ad hoc, “Media for eCommerce” focalizzata a indagare il ruolo della comunicazione per i player del commercio elettronico, presentata questa mattina nella sede milanese dell’agenzia.
“I dati mostrano che quello dell’eCommerce è di fatto un “nuovo” mercato per gli operatori della comunicazione”, ha esordito Valentino Cagnetta (nella foto), Ceo di Media Italia. “Soprattutto in fase di lancio, la notorietà è un fattore molto importante per far compiere ai potenziali clienti il primo passo nel percorso che porterà all’eventuale acquisto dei loro prodotti e servizi. La comunicazione pubblicitaria, pertanto, gioca un ruolo determinante”.
I numeri dello spending confermano tale ruolo, mostrano gli investimenti dei player dell’eCommerce in crescita mentre il totale mercato si è decisamente contratto negli ultimi anni.
“Elaborando i dati Nielsen“, ha aggiunto il Research Director Roberto Roseano, “stimiamo che gli investimenti media delle aziende che operano nel settore hanno sfiorato i 250 miliardi nel 2015, con un 4/5 % di aumento sull’anno precedente”.
Un elemento che emerge dalla ricerca è il peso dominante della televisione all’interno del media mix degli operatori di eCommerce.
“Pur tenendo conto che la rilevazione Nielsen sottostima gli investimenti sul web”, ha confermato Roseano, “per quasi tutte le classi di prodotto dell’eCommerce la televisione risulta essere il mezzo dominante, assorbendo oltre il 50% del budget pubblicitario”.
Sono in particolare i top spender delle principali classi di prodotto ad avere un riparto dello spending che vede la Tv fare la parte del leone. Le primi cinque aziende dello Shopping online, ad esempio, valgono il 65% dell’investimento e vedono la televisione al 72%.
Concentrazione e utilizzo della tv sembrano un regola per tutti comparti merceologici. Nel Turismo, che vede ai primi posti per lo spending Trivago, Kajak ed Expedia, la tv pesa l’83% per i Top 5; nei Comparatori/Broker – dove dominano Subito.it e Segugio.it – i primi cinque investono il 90% dei budget in tv. Ovviamente ci sono anche eccezioni, come la Banche, per le quali – relativamente solo alla comunicazione di servizi/offerte online – la tv cuba il 34% a fonte del 53% del web.
Lo studio di Media Italia analizza anche i ritorni sull’investimento, per lo meno a livello macro, mettendo in relazione le campagne pubblicitarie con le visite ai siti. Ciò è stato fatto incrociando i dati settimanali di investimento e pressione pubblicitaria di numerose brand di eCommerce con le query disponibili su Google Trends.
Tutti i casi esaminati evidenziano una costante: ogni volta che c’è un flight TV le ricerche settimanali su Google crescono in modo significativo. In generale si nota che un investimento regolare in comunicazione si traduce in un progressivo aumento della baseline delle ricerche anche in assenza di investimenti media.
“Abbiamo rilevato” ha confermato Roseano, “che vi è una forte correlazione – superiore in media all’80%, ma che in alcuni casi sfiora il 100 – tra la dimensione del picco di ricerche e i GRPs applicati sul target televisivo”.
Ma studio di Media Italia ha dimostrato anche che non è sufficiente essere in TV per ottenere automaticamente risultati positivi.
“Per massimizzare i risultati”, ha commentato infatti Cagnetta, “sono necessari tre fattori. Innanzitutto una gestione intelligente delle leve del TV Planning, ovvero la corretta scelta delle reti, delle fasce orarie, dei programmi, dei giorni della settimana e del secondaggio degli spot. Serve poi una creatività adeguata ai prodotti di direct response, ovvero che stimoli la visita al sito. Indispensabile infine è un’analisi attenta dei dati di risposta, con continuo fine tuning del media planning o del messaggio”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Fuel Your Passion”: la nuova brand identity di Eurosport

- # # # # #

Eurosport invita gli appassionati di sport di tutto il mondo ad “Alimentare la propria passione”, svelando una nuova, rivoluzionaria, brand identity, che segna l’inizio di un nuovo emozionante capitolo dell’emittente sportiva di proprietà del gruppo Discovery.

La nuova identità, che sarà proposta on air a partire da domani, venerdì 13 novembre 2015, sarà sostenuta dallo slogan “Fuel Your Passion” e verrà supportata dalla campagna #sharemypassion sui social network, che incoraggerà i fan a condividere contenuti che esprimano quanto sono disposti a fare, per dimostrare la loro devozione per singoli atleti, squadre o discipline sportive.

Riconoscibile, caratterizzata da forti tratti distintivi, la nuova identità proietterà Eurosport nel 21° secolo, pur riconoscendo con orgoglio l’eredità in termini di innovazione ed expertise, parte del DNA di Eurosport da oltre 25 anni.

Sotto il controllo del gruppo Discovery, Eurosport ha vissuto un anno di cambiamento, simboleggiato dall’acquisizione dei diritti dei Giochi Olimpici in Europa, parte di un più ampio impegno a lungo termine volto ad offrire indimenticabili esperienze di sport e a coinvolgere, in ogni luogo, in qualsiasi momento e su qualsiasi dispositivo, i fan di tutte le età.

Peter Hutton, Chief Executive Officer di Eurosport racconta: “Eurosport si è imposto saldamente come brand riconosciuto per gli sport in diretta e, sotto la proprietà di Discovery, abbiamo potenziato la nostra crescita e “alimentato” il brand per avvicinarlo ai fan. Il lancio della nuova brand identity è un altro grande passo in avanti per rendere Eurosport la destinazione preferita per gli appassionati di sport in tutto il mondo. Il nostro slogan “Fuel Your Passion”, che pone i fan al primo posto, esprime al meglio quello che è stato un anno di trasformazione per Eurosport. Ci siamo assicurati diritti premium per gli appassionati sportivi in ogni mercato, che ci permetteranno di condividere delle esperienze live imperdibili, provenienti dai tornei del Grande Slam di tennis, dagli eventi più importanti degli sport invernali, da tutte le più grandi corse di ciclismo e, ovviamente, saremo la casa dei Giochi Olimpici in Europa dal 2018 al 2024. Abbiamo potenziato la produzione per raccontare grandi storie di sport in maniera più innovativa, riuscendo a totalizzare numeri da record per i principali eventi nel corso del 2015. Oggi siamo entusiasti di racchiudere tutto ciò in una identità e in un linguaggio completamente nuovi, alimentando la passione dei tifosi per lo sport”.

Antonio Ruiz, VP Marketing & Franchise Management di Eurosport, aggiunge: “Il rebrand di Eurosport fa seguito a un’ampia ricerca su tutti i mercati, volta a capire la percezione del brand e a permettere alla società di ridefinire i propri valori. Eurosport ha ora una personalità ancora più definita e dei visual innovativi, per infondere energia e coinvolgere i fan. Gli appassionati e gli atleti vivono la propria passione per gli sport in maniera straordinaria. Eurosport ora alimenta questa passione e celebra la loro devozione, ambizione, dedizione, sacrificio, follia e gioia”.

articoli correlati