AGENZIE

Triboo gestirà in esclusiva il database e il servizio di SMS Advertising per Wind Tre

- # # # # #

Triboo - net2b

Triboo annuncia di aver siglato con Wind Tre – tramite la propria controllata Triboo Data Analytics – il contratto per la gestione in esclusiva del servizio SMS advertising su tutto il territorio nazionale.

Grazie a questa concessione in esclusiva, il team di Triboo diventa rivenditore unico del più grande database TELCO italiano costituito esclusivamente da dati certificati, ovvero raccolti con consenso esplicito degli utenti, la cui identità è stata accertata dall’operatore al momento della sottoscrizione della SIM.

L’SMS advertising veicolato su smartphone, always on per definizione, si conferma uno strumento estremamente efficace in ambito direct marketing e consente ai brand di raggiungere il proprio target in qualsiasi momento, con un volume complessivo di reach equiparabile alla radio e alla TV.

Il servizio di SMS advertising di Wind Tre offerto da Triboo spazierà dalla scelta del target più adeguato in fase di pianificazione, alla creazione dei contenuti delle singole campagne, fino all’analisi dei risultati.

I contenuti verranno sviluppati insieme al cliente a seconda degli obiettivi di comunicazione: dal drive to store, all’accrescimento della brand awareness, dalla lead generation fino alla creazione di un piano di comunicazione continuativo. La modalità di pianificazione delle campagne è ampiamente flessibile e con tempistiche rapide.

Per il mercato retail lo strumento SMS si dimostra, ancora oggi, estremamente efficace in quanto consente di coinvolgere gli utenti che effettivamente risiedono nel territorio di riferimento, con una targetizzazione capillare. Queste strategie permettono ai brand di ottenere risultati consistenti e agli utenti di ricevere contenuti di reale interesse.

La misurazione dei risultati avviene sia a livello macro (risultati delle vendite nel week end, aumento delle prenotazioni, CPA finale migliore rispetto agli altri media) sia direttamente in store, grazie all’inserimento di call to action con scontistica fruibile nei punti vendita.

articoli correlati

MOBILE

Nasce PayPal Carica, la nuova app del brand e ePay dedicata alle ricariche telefoniche

- # # # # # #

Federico Zambelli Hosmer, PayPal

Una novità in casa PayPal e ePay, nata per le famiglie italiane e le loro urgenze telefoniche: nasce PayPal Carica, prodotto pensato in particolare per le famiglie con figli adolescenti, dove la richiesta di ricarica del credito telefonico assume spesso i toni dell’urgenza. PayPal Carica nasce per fare esattamente ciò che il suo nome indica: fornire la ricarica di credito telefonico alle SIM dei principali gestori di telefonia. Che in famiglia si utilizzi un solo operatore o si abbiano piani telefonici diversi con Vodafone, Wind Tre, Tim, per ogni diverso componenti del nucleo familiare, PayPal Carica è la soluzione che ogni genitore stava cercando.

La app mette fine all’utilizzo di servizi diversi e alle tempistiche aggiuntive fino ad oggi necessarie per ricaricare ogni singolo gestore di telefonia. Il processo è semplicissimo. Basta scaricare l’app, confermare i propri dati e si è pronti. Per acquistare ricariche sarà necessario avere un conto PayPal, mentre per richiederle basterà solo utilizzare l’app che invierà la richiesta a chi dovrà poi ricaricare. L’applicazione può essere collegata alla rubrica telefonica dello smartphone e consente non solo di richiedere la ricarica, ma anche di accettare le richieste di ricarica in un solo tap. La storia dello sviluppo di PayPal Carica nasce dall’osservazione dei dati per il mobile in Italia, mercato notoriamente composto per circa l’80% di Sim prepagate, con un’utenza attenta alle offerte promozionali e con un’elevata frequenza di cambiamento del gestore telefonico. Un mercato nel quale, di conseguenza, i genitori devono ricaricare i telefoni per tutti i componenti della famiglia almeno due, tre volte al mese tramite i siti o le singole app dei gestori di telefonia o, meno di frequente, le scratch card.

Il brand ha avvertito la necessità di una soluzione unica dalla quale gestire il credito telefonico in modo semplice e assicurare in ogni momento a se stessi, ai propri figli, ad altri familiari la ricarica di cui si ha bisogno per restare sempre connessi. Prima di PayPal Carica, infatti, non esisteva una soluzione unica e l’utilizzo di app diverse, una per ogni gestore, rischiava di rendere più complesse le operazioni di ricarica, per non parlare del rischio di non riuscire a tenere sotto controllo la spesa complessiva.
“Superfluo ribadire l’importanza del ruolo assunto oggi dagli smartphone” ha dichiarato Federico Zambelli Hosmer, General Manager Italia di PayPal; “sono una presenza costante nella nostra vita, il vero ‘personal computer’, e un modo ormai irrinunciabile per restare sempre connessi. PayPal Carica aggiunge a questo strumento essenziale del nostro quotidiano una funzione pratica e importante per tutti gli utenti e per le famiglie italiane in particolare. Grazie a PayPal Carica diventa semplice rispondere alle richieste di ricarica dei nostri figli e restare sempre in contatto con loro, senza perdere il controllo su quanto ci costi complessivamente la telefonia per tutta la famiglia”.

“PayPal Carica è un’ulteriore espressione della volontà di PayPal di semplificare la gestione del denaro ed effettuare acquisti online in totale sicurezza. Il nostro obiettivo consiste nel contribuire a colmare il gap digitale che ancora distanzia l’Italia dagli altri paesi europei, in particolare nell’area dell’eCommerce, e far sì che sempre più italiani utilizzino PayPal almeno una volta al giorno. Per pagare biglietti aerei, far la spesa, acquistare prodotti e servizi in rete e, con PayPal Carica, avere uno strumento in più per ricaricare il nostro credito telefonico o quello dei nostri figli”. Ha concluso Zambelli Hosmer.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Vodafone Italia lancia la nuova campagna dedicata ai giovani “Care 4 Your Future”

- # # # # #

Vodafone lancia lo spot per la campagna "Care 4 Your Future"

Vodafone Italia lancia il nuovo spot per la campagna “Care 4 Your Future”, comunicazione per l’inserimento lavorativo di 200 giovani apprendisti nei Competence Center di Milano, Bologna, Pisa, Padova e Catania.
Il programma di apprendistato, indirizzato a ragazzi neodiplomati o laureati tra i 18 e i 29 anni, con durata di tre anni, mira a integrare la consolidata esperienza degli attuali esperti del servizio clienti con la sensibilità verso la cultura digitale dei giovani.
I giovani apprendisti saranno inseriti in aree di lavoro strategiche per i Competence Center del gruppo come il digital e social care, la convergenza tra connettività mobile, fissa e contenuti e il mondo dei servizi integrati per le imprese. Ambiti in continua evoluzione che richiedono competenze sempre più avanzate e specializzate. Con la trasformazione delle modalità di interazione con i clienti, cambiano anche le competenze degli operatori: basti pensare che oggi 3 interazioni su 4 dei 70 milioni di interazioni mensili con i clienti avviene attraverso i canali digitali, con circa la metà di queste provenienti da App My Vodafone e da m-site e 840mila dai canali social.
Vodafone, che ogni anno eroga complessivamente oltre 62.000 giornate di formazione, assicurerà ai ragazzi una formazione continua e professionalizzante, con una particolare attenzione allo sviluppo delle competenze digitali, di vendita e, in generale, al miglioramento dell’esperienza dei clienti. Un modo, questo, per anticipare le esigenze dei clienti e l’evoluzione del mercato.
Vodafone ha circa 7.000 dipendenti in Italia, di cui 2.500 operano nel mondo dell’assistenza ai clienti in 8 Competence Center su tutto il territorio nazionale.
“Care 4 Your Future” si inserisce nel quadro più ampio dell’iniziativa ‘We CARE’, il programma lanciato a ottobre 2015 che intende rafforzare e valorizzare il rapporto di fiducia con i clienti, attraverso una serie di azioni concrete –  come le iniziative Soddisfatti o Rimborsati sulla rete 4G e sui Servizi Digitali o le giornate di navigazione gratuita – negli ambiti della connettività, della trasparenza, del riconoscimento della fedeltà, e della accessibilità del servizio.
Con “Care 4 Your Future” Vodafone realizza un ulteriore programma dedicato ai giovani, che si aggiunge al “Vodafone Internship Program”, l’iniziativa che prevede l’inserimento annuale di circa 80 studenti in azienda, e  il  “Vodafone Discover Program”, per il reclutamento e l’assunzione di 100 giovani neolaureati nelle aree più strategiche di Vodafone.
In occasione del lancio dell’iniziativa è stata realizzata una campagna pubblicitaria che sarà on air a partire dal 17 maggio sui principali siti di recruiting online e social network.

articoli correlati

AZIENDE

Novità Audiens: big data degli operatori telco al servizio dei brand

- # # # # # #

Il mercato del mobile advertising è uno dei segmenti a maggiore crescita e con importanti potenzialità. Con l’avvento del mobile internet le strategie di comunicazione hanno subito profondi cambiamenti e gli operatori si sono trovati a dover offrire servizi aggiuntivi rispetto ai classici voce e SMS per mantenere quote di mercato, creando al contempo interessanti opportunità di business.
È in questo contesto che si inserisce Audiens, start-up del Gruppo Digitouch, sviluppata da Marko Maras, professionista con oltre 15 anni di esperienza nel mondo internet, una forte specializzazione e comprovate esperienze industriali come il successo e il consolidamento di Onebip.com in 70 Paesi.
L’idea di Audiens è davvero innovativa: si tratta di una piattaforma di gestione dati unica al mondo (Data Management Platform – DMP) che consente di profilare il traffico mobile gestendo le informazioni – socio-demografiche e comportamentali – degli operatori nel totale rispetto della privacy, basandosi quindi su un approccio completamente differente rispetto alle tradizionali realtà oggi disponibili sul mercato.
Audiens è una soluzione totalmente svincolata dalle logiche cookie-based ed è in grado di offrire dati affidabili in quanto provenienti direttamente dal database degli operatori telefonici. Altre leve fondamentali che caratterizzano il servizio fornito da Audiens sono la velocità di elaborazione dei dati (pochi millisecondi), la facilità di integrazione (attraverso SDK, Javascript o API) e la disponibilità di un pannello di controllo online che consente – ai brand come agli investitori – di analizzare il profilo della propria base utenza in maniera semplice ed immediata. Questo permette di targetizzare le campagne con massima granularità e raggiungere, con messaggi specifici, gli utenti che navigano in mobilità ottimizzando il ritorno sull’investimento.
Un progetto importante che permetterà ai carrier di monetizzare i loro Big Data, un patrimonio finora decisamente poco esplorato, nonché un percorso molto innovativo che hanno già iniziato a perseguire alcuni colossi americani – come Verizon e Sprint – e che rappresenta un’enorme opportunità di business per i brand e gli investitori che saranno in grado di sviluppare campagne ad hoc ad alto tasso di conversione. Il mercato è in forte crescita e si stima nel 2016 varrà 9,6 miliardi di dollari a livello globale. In Italia la partenza è prevista per l’inizio del 2015.
“Audiens consente agli editori e ai loro inserzionisti pubblicitari di utilizzare i dati in possesso degli operatori telefonici in maniera semplice e nel pieno rispetto della normativa sulla privacy” afferma Maras. “Il mobile profiling è una grande opportunità sia per le Telco, in quanto rappresenta una nuova linea di business, sia per i brand che avranno la certezza di veicolare il proprio messaggio al target corretto” spiega Maras.
“È in corso un’evoluzione profonda nel modo di comunicare ai consumatori online. Dal nostro Osservatorio emerge che la capacità di pianificare campagne data-driven rappresenta un trend importante per il futuro della pubblicità online. Il mercato mobile continua a crescere e, anche se si prevede una fase di assestamento, non è destinato ad arrestarsi. Poter contare su strumenti volti a far leva su questo canale è un sicuro valore aggiunto per le aziende” prosegue Andrea Rangone, Responsabile degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano.

articoli correlati