BRAND STRATEGY

Campagna dinamica OOH per il Museo del Teatro alla Scala. Creatività LoRo

- # # # # #

La Scala di Milano è come la città: in continua evoluzione. Anche dal punto di vista architettonico. Come lo skyline di Milano si è evoluto fino a fornire una nuova immagine della città, così anche il Teatro si è recentemente modificato e ingrandito; la “fabbrica” non è ancora terminata, e prevede un ulteriore allargamento.

Per raccontare tutto questo, il Museo del Teatro alla Scala ha organizzato una mostra intitolata La magnifica Fabbrica di Milano – Da Piermarini a Botta, 240 anni del Teatro alla Scala . che apre il 4 dicembre presso la sede del Museo, adiacente al Teatro.
Per presentare l’evento e insieme lo spirito di cambiamento che lo ispira sta girando per la città un
tram che presenta l’iniziativa con il significativo titolo “Monumento in Movimento”, cercando di riassumere graficamente i secoli che separano i due grandi architetti che hanno dato alla Scala il suo volto.

L’agenzia LoRo, che per il secondo anno si occupa della comunicazione per il Teatro, firma anche questa campagna, realizzata dai titolari e direttori creativi Roberto Scotti e Lorenzo Zordan; art director Andrea Chirizzi, direttore cliente Sonia Rocchi.

articoli correlati

MEDIA

Su RAI 5 parte la nuova stagione di Ubiq in collaborazione con Userfarm

- # # # # #

Cosa significa fare teatro oggi? Quanti linguaggi espressivi, protagonisti, punti di vista si nascondono dietro a una performance di tendenza? A rispondere ci pensa la nuova stagione di “Ubiq”, in onda su Rai 5 a partire dal 19 maggio con dieci puntate in seconda serata dedicate al teatro.

Ogni puntata raccoglierà quattro storie di teatro puntando il focus su coloro che sul palcoscenico mostrano la realtà da un altro punto di vista. Parallelamente, le telecamere di Ubiq andranno dietro le quinte per mostrarci le interviste ad attori, performer e drammaturghi sulla loro esperienza artistica e professionale. Le puntate sono infatti realizzate con la collaborazione della fitta rete di videomaker di userfarm.com, che raccoglie 35mila professionisti dell’obiettivo sparsi in tutto il mondo. A fare da corollario, i racconti di Virgilio Villoresi con i suoi video magici e poetici.

Si comincia lunedì 19 maggio alle 22.45 con “Muri” di Vanni Gandolfo. “My Dream” è lo spettacolo della China Disabled People’s Performing Art Troupe, compagnia teatrale interamente composta da persone con disabilità. “The Multicultural Voice” è invece la performance di una compagnia islandese nata con lo scopo di promuovere l’integrazione degli immigrati mentre il “Festival Cabanyal Intim”, terza storia di teatro e impegno sociale, è nato a Valencia come forma di protesta contro la demolizione di palazzi storici del quartiere Cabanyal. Chiude il quartetto il “Teatro Ciego” di Buenos Aires, che va in scena nella più completa oscurità per regalare agli spettatori un’esperienza sensoriale e artistica fuori dal comune.

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Tiscali e il Teatro Stabile della Sardegna in scena con un innovativo progetto teatrale

- # # # # #

Va in scena “Il digitale per un teatro senza confini”, progetto realizzato da Tiscali e Il Teatro Stabile della Sardegna, la più importante  organizzazione teatrale dell’isola. Un progetto innovativo che partendo dalla platea come luogo fisico della vision e  dell’espressione del gusto del pubblico, la estende in più ambienti digital interconnessi  grazie alle piattaforme di streaming, alle community web e ai social network, in una  strategia di diffusione spazio-temporale multipla. Forti delle rispettive competenze, Tiscali e Teatro Stabile della Sardegna realizzano un progetto di comunicazione e di digitalizzazione dell’archivio e degli eventi basato su  un sistema innovativo, democratico ed economicamente sostenibile in cui il pubblico è  al centro della visione progettuale. Tre le sue direttrici:    la cComunicazione con tiscali.it, il portale di Tiscali per diffondere le informazioni su  spettacoli ed eventi, creare partecipazione attiva delle persone, raccogliere feedback,  progettare insieme nuovi format; la digitalizzazione con istella.it, il motore di ricerca del web italiano per valorizzare il  patrimonio del teatro, preservarne la conservazione, agevolare la condivisione e la  conoscenza; e gli eventi con streamago.tv, per diffondere eventi in digitale, allargare il bacino d’utenza,  agevolare la connessione e la cooperazione tra diverse strutture teatrali. “Il progetto nasce dall’esigenza dello Stabile di allargare il bacino d’utenza del pubblico  teatrale andando ad abbattere i confini fisici della platea del Teatro Massimo tramite un  sistema di comunicazione che crea consapevolezza, condivisione e partecipazione  nell’offerta culturale” afferma Paola Masala, Responsabile Comunicazione del  Teatro di Sardegna. “Grazie all’incontro con Tiscali abbiamo la consapevolezza di  aver creato un esempio di buona pratica replicabile e auspicabile su tutto il territorio  nazionale”. “Si tratta di un progetto che nasce dall’ incontro di due realtà radicate nel territorio e  dalla condivisione delle rispettive competenze” afferma Marco Agosti, Direttore del  portale Tiscali. “Un progetto che grazie a un sistema di comunicazione integrata  disegna un nuovo format di interazione con un pubblico per noi nuovo, quello teatrale,  e crea consapevolezza, condivisione e partecipazione dei giovani nell’offerta culturale”. “Il digitale per un teatro senza confini” è stato presentato a Milano sabato 8 marzo,  presso la Scuola Paolo Grassi, in occasione della decima edizione delle Buone  Pratiche del Teatro – la manifestazione considerata come gli “Stati generali del Teatro  italiano” – un simposio per avanzare riflessioni sullo stato del teatro nel 2014.  Promosso dall’Associazione ATeatro il focus dell’appuntamento di quest’anno si è  incentrato sulle strategie del rinnovamento, e “Il digitale per un teatro senza  confini” di Teatro Stabile della Sardegna e Tiscali è stato scelto per rappresentare una  buona pratica in perfetta linea con gli argomenti trattati

articoli correlati

BRAND STRATEGY

A Melismelis la guerrilla per il nuovo programma di Sky Arte HD dedicato al teatro

- # # # #

Melismelis ha curato l’ideazione, la progettazione e l’esecuzione delle iniziative legate al lancio di “Atto Unico”, nuovo programma di Sky Arte HD dedicato al teatro. In occasione della nascita di questo format, l’agenzia si è occupata della realizzazione dell’attività di guerrilla, presso l’Elfo Puccini di Milano e il Palladium di Roma. Porta la firma di Melismelis anche la creatività dei materiali promozionali distribuiti a ridosso dell’evento.

“Atto Unico”, in onda da sabato 16 febbraio, è il nuovo programma di Sky Arte HD (canale 130 e 400 di Sky), che vede alcuni tra i più affermati attori italiani esibirsi in un monologo teatrale di pochi minuti. E proprio per rappresentare al meglio l’essenza del nuovo format, Melismelis ha deciso di realizzare una attività “unconventional” incentrata sul teatro e sulla recitazione. Mimetizzati nel pubblico in attesa dell’inizio dello spettacolo teatrale, due giovani attori, provenienti dalle principali scuole di recitazione italiane, hanno messo in scena il loro “atto unico” nei foyer dei due teatri, tra lo stupore e gli applausi degli spettatori. La performance è stata rappresentata mercoledì 13 febbraio a Milano al Teatro Elfo Puccini e venerdì 15 a Roma presso il Teatro Palladium.

articoli correlati