MEDIA

Teads sigla un accordo con Edidomus per la distribuzione del formato in-read sulle property del gruppo

- # # # #

Teads

Teads ha siglato un accordo con Editoriale Domus, grazie al quale gestirà gli spazi outstream tramite vendita diretta. Questo offrirà agli advertiser l’accesso a un inventory premium senza precedenti, così da innalzare la brand experience a livelli superiori e più prestigiosi in termini di awareness e performance, su tutti i dispositivi.

Editoriale Domus fu fondata nel 1929 a Milano da Gianni Mazzocchi che, con un intuito che gli permise di vedere ben oltre il suo tempo, fu capace di concepire e realizzare testate che hanno fatto la storia dell’industria editoriale italiana. L’editore, che oggi annovera tra i propri brand celebri periodici per appassionati, come Quattroruote, Il Cucchiaio d’Argento e Domus – adotterà i formati di Teads per incrementare le revenue provenienti dai video pubblicitari, ma non solo, nel pieno rispetto dell’esperienza di navigazione dei propri utenti. Teads sarà l’unico provider per l’erogazione di video outstream mediante il formato inRead, il quale viene posizionato nel cuore di un articolo. Questo formato, disponibile cross-screen, avvia la riproduzione solo quando in view rispetto all’utente. Un aspetto non trascurabile che garantisce un’alta viewability con la promessa di offrire agli utenti la possibilità di scegliere se guardare l’annuncio o continuare a leggere l’articolo.

Edidomus arricchisce il network premium di Teads, di cui fanno parte – tra gli altri – The Guardian, The Telegraph, Le Monde, Die Welt, ABC, O Globo, Nikkei in Giappone e molti altri.

Corinna Marrone Lisignoli, Publisher Director di Teads Italia (nella foto), ha commentato: “Edidomus è per noi un partner strategico perché è in grado di coprire i verticali automotive, design, lifestyle e food, con una serie di siti di assoluto riferimento per i buyer. La possibilità di pianificare su formati impattanti ma al tempo stesso rispettosi dell’utente riesce a coniugare le esigenze di questo Editore con quelle degli Advertiser, assicurando ai brand una maggiore “memorability” delle campagne grazie alla loro erogazione in un ambiente premium”.

“Teads è un partner commerciale e tecnologico per Editoriale Domus. Per la verticalità dei nostri brand, il contenuto di qualità si pone al centro del sistema di comunicazione a tutela del valore stesso della nostra inventory pubblicitaria. Ci siamo aperti alla collaborazione con Teads in quanto ci garantisce caratteristiche di alta valorizzazione dei nostri brand su investitori premium. Sul fronte tecnologico, ci consente di allargare l’offerta con nuovi formati performanti e integrati nella user experience”, afferma il Direttore Pubblicità di Editoriale Domus, Massimo Bergia.

articoli correlati

MEDIA

Teads: l’integrazione con Hawk rende mobili i premium publisher di tutto il mondo

- # # #

tabmo teads

Teads annuncia l’integrazione con Hawk, creative mobile DSP di TabMo, per video, display e native advertising.

L’integrazione consentirà a trading desk, agenzie e advertiser l’accesso a tutta l’inventory dei principali publisher premium su dispositivi mobili in tutto il mondo, attraverso la Mobile DSP di Hawk. Il marketplace premium di Teads include publisher del calibro di The Washington Post, Time Inc., The Atlantic, Forbes, Bonnier, Mashable, Slate, Newsweek, The Telegraph, Le Monde, Corriere della Sera, El Pais, El Universal, Nikkei e molti altri.

“Siamo entusiasti di poter portare l’inventory premium di Teads ad un pubblico ancora più vasto, grazie a questa integrazione”, commenta Lucio Mormile, Head of Programmatic di Teads Italia. “Sempre più advertiser sono alla ricerca di formati video che siano realmente cross-device, viewable, coinvolgenti e posizionati in ambienti editoriali premium, e insieme ad TabMo saremo in grado di soddisfare la crescente domanda grazie al video outstream”

Creata per essere una mobile DSP di ultima generazione per agenzie e advertiser, Hawk è una piattaforma di mobile programmatic in grado di organizzare sia l’intero processo d’acquisto sia l’emissione di campagne di mobile advertising su dispositivi mobili in tempo reale. Con uffici in tutto il mondo, la recente partnership rende accessibili agli utenti di Hawk nuove fonti di inventory in tutti i territori in cui Teads è presente.

“Siamo lieti di unire le nostre forze con Teads, consentendo ai nostri partner di utilizzare la nostra DSP autonomamente per avere accesso ad una maggiore quantità di video inventory premium in tutto il mondo”, conclude Hakim Metmer, Founder di TabMo. “Questo è un momento emozionante per TabMo, dal momento che ci stiamo anche lanciando sul mercato US con nuovi uffici a New York, Chicago e Los Angeles”.

articoli correlati

AZIENDE

Altice annuncia l’acquisizione di Teads. Il closing previsto a metà anno

- # #

altice

Altice N.V. annuncia oggi l’accordo per l’acquisizione di Teads, primo video advertising marketplace al mondo, con un bacino di utenza di oltre 1,2 miliardi di utenti unici, di cui 720 milioni su dispositivi mobili, il cui fatturato lordo è cresciuto del 44% nel 2016, fino a 187,4 milioni di Euro.

Fondata nel 2011, Teads è l’ideatrice della pubblicità video outstream: le soluzioni di native video advertising dell’azienda includono una serie di formati, come l’inRead, inseriti nel cuore di un contenuto editoriale, che si riproducono all’interno dell’articolo. Questo formato ha letteralmente cambiato le regole del gioco all’interno del mercato della pubblicità video online, creando livelli d’inventory premium senza precedenti.
I brand e le agenzie possono accedere a questa premium inventory, disponibile sia su desktop che su mobile, tramite programmatic o managed service.

Altice, dal canto suo, è leader di mercato in ambito analytics, grazie anche alla recente acquisizione di Audience Partners e vanta business pubblicitario internazionale, con entrate superiori a € 700milioni all’anno, oltre a disporre di un’ingente quantità di dati di prima parte, con circa 50 milioni di utenti unici, desktop e mobile, a livello globale (dei quali più di 30 milioni appartengono a US e Francia).
L’acquisizione permetterà di combinare gli asset strategici di Teads e Altice in maniera del tutto complementare, valorizzando le relazioni di Teads con 94 dei 100 principali advertiser su scala mondiale e le partnership con oltre 500 premium publisher a livello globale e 8000 publisher verticali, grazie alla piattaforma publisher digitale propietaria con la migliore reach globale. Teads apporterà inoltre il proprio entro di innovazione Ricerca & Sviluppo (Montpellier, Francia e New York, USA) con più di 100 ingegneri e programmatori, oltre al Management Team fortemente imprenditoriale e alla forza-vendita digitale.

Questa acquisizione è un altro elemento cruciale per la strategia di global advertising di Altice. Altice fornirà ai propri clienti soluzioni data-driven basate sulle audience, attraverso piattaforme multi-screen, come TV, digital, mobile e tablet. Inoltre, fornirà una piattaforma pubblicitaria aperta e intelligente all’industria dei media, ai programmatori e ai distributori di programmazioni video multicanale. Grazie anche alle sofisticate capacità di analisi del ritorno dell’investimento che fanno leva sui dati relativi agli utenti multiscreen, quest’acquisizione colloca Altice in una posizione privilegiata per far crescere su scala globale la propria piattaforma di advertising e per monetizzare meglio i dati derivanti dall’attività core nelle telecomunicazioni e nel business dei contenuti. Ancora più importante, Altice prevede che l’acquisizione apporterà immediati benefici commerciali e finanziari al proprio business in ambito pubblicitario; in particolare saranno resi disponibili a Teads dati di 1^ parte, per i mercati US e Francia

Sotto il profilo finanziario. l’acquisizione valuta Teads fino a €285 milioni al netto di cash free e debt free: la società ha mantenuto un EBITDA sempre positivo per 4 anni consecutivi. Considerato che Teads spende per le capex un valore nominale, l’acquisizione avrà un esito immediatamente accrescitivo per Altice in termini di flusso di cassa disponibile, prima di prendere in considerazione le sinergie previste e I benefici strategici della transazione.

Il prezzo d’acquisto della transazione è soggetto al raggiungimento degli obiettivi di revenue reale da parte di Teads nel 2017. Il 75% del prezzo di acquisizione sarà depositato alla chiusura dell’accordo. Il restante 25% di earn-out è soggetto alle prestazioni di Teads per quanto riguarda le revenue nel 2017 e diventerà esigibile ad inizio 2018.
Il senior management di Teads, che comprende l’Executive Chairman Pierre Chappaz (nella foto) e il Chief Executive Officer Bertrand Quesada, continuerà a guidare il business, acconsentendo a reinvestire una porzione significativa dei propri ricavi. Pierre Chappaz si unirà inoltre al Management Board di Altice, in qualità di responsabile di tutte le attività di advertising.

L’acquisizione è soggetta a una competition review, la chiusura dell’accordo è prevista per metà 2017.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Teads: molto efficaci i video ad per i marchi dei profumi

- # # #

teads

Teads, ideatrice della pubblicità video outstream e primo video advertising marketplace al mondo secondo la classifica di comScore, rivela in anteprima alcuni dati emersi dalla recentissima ricerca “The Millennial Fragrance Shopper”, realizzata in collaborazione con Global Web Index. Il report completo sarà distribuito nelle prossime settimane, ma una snack preview sarà concessa, in occasione della 4^ edizione di “Buonasera Signorina”, il consueto appuntamento annuale di Teads dedicato alle donne e per le donne.

Tanti i dati interessanti emersi dalla ricerca. In particolare, i video pubblicitari sono un formato molto efficace per i marchi di “Fragrancy”: il 36% dei millennial che acquistano profumi è più propenso a cercare il brand dopo aver visualizzato un annuncio video online e il 34% ammette che guardare annunci video fa sentire i consumatori più connessi con i loro brand preferiti. Il video advertising, tuttavia, non è responsabile solo di rafforzare la relazione con il brand, ma anche di guidare i consumatori all’azione: il 18% degli intervistati, infatti, utilizza i motori di ricerca dopo l’esposizione all’annuncio, il 17% si reca direttamente presso lo store, il 16% visita la pagina web del brand e il 12% clicca sulla pubblicità. Scegliere ed acquistare un profumo è, ancora oggi, un’esperienza prevalentemente fisica e fortemente ragionata: la maggior parte dei consumatori Millennial scopre il proprio profumo offline, curiosando all’interno degli store, e impiega una media di 3.6 settimane per portare a termine l’acquisto in UK, US, Francia e Germania.

“I tester ricoprono un ruolo cruciale all’interno del processo decisionale”, commenta Antonella La Carpia, EMEA Marketing Director di Teads (nella foto). “Il 30% dei Millennial prova un campione prima di acquistare un profumo e il 38% dichiara di essere disponibile a condividere i propri dati personali in cambio di un sample. Questo offre agli advertiser l’opportunità di pianificare strategie di CRM basate su una pubblicità più interattiva e personalizzata. Anche quest’anno “Buonasera Signorina” sarà un appuntamento ricco di novità. Due ricerche saranno distribuite in esclusiva, con l’obiettivo di supportare i nostri partner a interpretare meglio l’evoluzione dell’ecosistema digitale italiano e internazionale. L’hashtag della serata sarà #outstreamwomen e non vediamo l’ora di capire come le altre nostre colleghe marketer vorranno interpretare il loro ruolo nel mondo dei media digitali.”

articoli correlati

AGENZIE

Teads: Marc Zander è il nuovo Global VP client partnerships. Proviene da Mars Chocolate

- # # #

Teads

Marc Zander lascia la carica Global Media Director in Mars Chocolate, per unirsi al commercial leadership team di Teads rivestendo la carica di Global vice-president client partnerships. Zander contribuirà a guidare le strategie di business, sempre più orientate a rendere fortemente strategico il dialogo con gli advertiser al fine di soddisfare le loro esigenze, grazie ai formati video sempre viewable e user-friendly di Teads.

Con la nomina di Zander, Teads offrirà un servizio che consentirà ai clienti di aver un dialogo integrato e collaborativo tra brand, advertiser, i loro centri media e le agenzie creative. Il ruolo strategico di Zander avrà come missione principale quella di sostenere gli obiettivi di business dei clienti, sfruttando le soluzioni tecnologiche altamente personalizzabili di Teads e gli strumenti di misurazione volti a massimizzare i risultati sui singoli investimenti in ambito video advertising outstream.

Grazie al ruolo di veterano conquistato dopo 25 anni di carriera nell’industria pubblicitaria, oggi Zander può vantare un’ampia esperienza in campo media e marketing, coltivata nelle principali company di FMCG, all’interno di numerosi settori. Ha lavorato per oltre 5 anni con Mars Chocolate, dove ha sviluppato profonde competenze nella realizzazione di strategie media e di branding vincenti, sempre focalizzate su: efficacia, efficienza e crescita delle vendite.

Prima di Mars, Zander ha ottenuto ruoli chiave in alcune delle più grandi compagnie mondiali come Kimberly-Clark, Nestlè e Swatch. Si è laureato presso l’Università di Loughborough con un diploma in Business Administration e parla fluentemente il francese.

 

articoli correlati

NUMBER

Neuro Marketing: meglio i contesti editoriali che i social feed. I dati svelati da Teads

- # # # # #

Meglio i contesti editoriali che i social feed: i risultati della ricerca Teads sul neuro marketing

I contesti editoriali premium sono maggiormente ingaggianti per gli utenti, grazie a contenuti altamente memorabili e di grande impatto. A svelarlo è Teads, che ha annunciato i risultati di una ricerca svolta in collaborazione con Neuro-Insight, la cui anteprima nazionale verrà presentata a “CERTAMENTE”, lo stimato convegno di Neuro Marketing firmato Ottosunove e BrainSigns. Analizzando una serie di articoli provenienti dalla rete di premium publisher partner di Teads, tra cui Time Inc., Condé Nast, Forbes e The Atlantic, Teads ha scoperto che il valore unico dei contesti editoriali premium risiede nella capacità di veicolare il contenuto con grande efficacia: in questi ambienti, infatti, i contenuti risultano il 16% più rilevanti per la persona e, di conseguenza, più coinvolgenti, rispetto a quelli collocati nei social feed.

Ecco le principali evidenze emerse dalla ricerca
Gli ambienti premium veicolano un’esperienza intensa, che produce un potente impatto sulla memoria: per l’emisfero sinistro del cervello, razionale e e orientato ai dettagli, i contesti editoriali premium producono un impatto del 19% più forte sulla memoria. Per l’emisfero destro, che rappresenta la parte di cervello legata alle emozioni, gli ambienti premium producono un impatto sulla memoria dell’8% più elevato.
I contesti editoriali premium aiutano le pubblicità ad essere più memorabili: gli annunci video all’interno di contesti editoriali premium ottengono risultati migliori rispetto ad 8 pubblicità online su 10, il cui impatto è stato misurato grazie ad una metrica chiave in ambito neuro-scientifico, la codifica della memoria.
I contesti editoriali premium aiutano, inoltre, a creare picchi di memorabilità che influenzano il comportamento dei consumatori: I picchi di memoria descrivono il più alto livello raggiunto dalla mente nella memorizzazione dei dettagli (strettamente connessa con il comportamento d’acquisto). Gli annunci video di Teads registrano il 15% di picchi di memoria in più, producendo un’influenza rilevante sull’intenzione d’acquisto.
I contesti editoriali premium permettono di ampliare l’efficacia della pubblicità: I contenuti pubblicitari attivano diversi Neuro-Stati che, quando allineati, producono una maggiore efficacia. Gli ambienti premium hanno raggiunto un Neuro-Stato equilibrato; questo indica che l’attività del cervello è stata equamente attivata nell’emisfero destro e sinistro, ampliando l’efficacia delle creatività video all’interno di contesti editoriali premium.
I social feeds sono soggetti ad uno slittamento verso l’emisfero destro del cervello: I social feed attivano un Neuro-Stato che è leggermente sbilanciato verso l’emisfero destro, associato alla parte emozionale-globalizzante del cervello. Questo significa che l’efficacia delle creatività video all’interno dei social feed è (seppur leggermente) inferiore rispetto a quando i Neuro-Stati sono allineati.
La giusta strategia creativa può esercitare una grande spinta sulla memoria a lungo termine: Le creatività hanno il potere di amplificare i punti di forza appartenenti sia agli ambienti premium che ai social feed. Lo studio condotto da Teads ha scoperto che quegli annunci in cui compare un individuo sono estremamente performanti negli ambienti premium, mentre le pubblicità più articolate e movimentate rendono al meglio sui social. Infine, l’esposizione immediata al brand, spesso percepita come un modo per generare un forte effetto di branding, può avere risultati contrastanti sulla codifica della memoria.

Jen Wong, Chief Operating Officer & President of Digital di Time Inc. ha affermato: “I nostri partner cercano continuamente soluzioni per allocare i propri budget. Questo studio dimostra ancora una volta l’efficacia e il coinvolgimento che il video advertising è in grado di creare in ambienti editoriali premium. L’advertising all’interno di contenuti di qualità è un win-win per quei partner che cercano il più alto ROI possibile”. “Questo studio conferma ciò che Teads ha sostenuto per lungo tempo: la pubblicità all’interno di ambienti premium è la soluzione più efficace per gli advertiser, essendo in grado di toccare un alto numero di metriche di performance chiave.” ha affermato Rebecca Mahony, CMO di Teads. “Gli studi Neuro-scientifici stanno davvero andando oltre i limiti della attuale misurazione degli effetti che la pubblicità esercita sui consumatori. Inoltre, offrono un’opportunità unica, scavando in profondità per esplorare gli elementi e i contesti che circondano un annuncio. Siamo entusisti di constatare che i risultati della nostra ricerca abbiano confermato che gli ambienti premium aiutano il video advertising a primeggiare”.

articoli correlati

AZIENDE

Teads: 200 milioni di dollari di ricavi nel 2016 (+39%) grazie a Mobile e Programmatic

- # # # # # #

Teads

Teads, ideatore della pubblicità video outstream e primo video advertising marketplace al mondo (dati comScore Gennaio 2017), ha annunciato i risultati da record conseguiti nel 2016, con revenue che raggiungono la vetta dei 200 milioni di dollari, costituendo una crescita organica del +39% rispetto al 2015. In Europa, la compagnia con headquarter a Lussemburgo ha registrato una crescita del 45%, conseguendo un margine operativo lordo positivo per il quarto anno consecutivo.

“Il 2016 è stato l’anno in cui l’Outstream è diventato Mainstream. Il formato video Outstream, di cui siamo pionieri in Europa a partire dal 2012, è stato adottato dalla maggior parte dei publisher più prestigiosi a livello globale, come Time Inc., CondeNast, The Washington Post, Business Insider, e le loro controparti europee, compresi The Daily Mail, The Telegraph, Trinity Mirror, Der Spiegel, Axel Springer, Le Monde, Le Figaro e molti altri. Il suo potenziale è maggiore del Pre-Roll, dato che ha creato un’opportunità di monetizzazione del traffico Mobile dei Publisher senza precedenti, ha affermato Bertrand Quesada, CEO di Teads (nella foto a sinistra).

Grazie alla disponibilità della tecnologia video inRead in tutti gli ambienti web su mobile, inclusi Google AMP e Instant Article di Facebook, Teads raggiunge 1.2 miliardi di visitatori unici al mese, di cui 720 milioni su Mobile. Secondo comScore, la global reach di Teads è superiore a quella di AOL, Adapt.tv, Yahoo, Brightroll, Adobe Tubemogul e Bertelsman SpotX; in molti paesi, compresi gli Stati Uniti, la sua reach potenziale sarebbe anche maggiore rispetto a Youtube e Facebook.

“L’Outstream è un game changer nel mondo programmatic, poichè fornisce qualità scalabile. Teads, a livello globale, offre l’inventory di maggiore qualità ai programmatic buyer e questo sta alimentando la crescita esponenziale delle nostre revenue in Programmatic”, ha dichiarato Pierre Chappaz, Executive Chairman di Teads (nella foto a destra).

 

articoli correlati

AZIENDE

Il 2016 di Teads è un anno di crescita e innovazione. +200% sul programmatic tra Q1 e Q3

- # # # #

Teads anno di successo

Teads, nel 2016, ha realizzato un processo di crescita e innovazione nel mercato dei video outstream. Inoltre ha avuto un’evidente crescita delle revenue in programmatic, che hanno conquistato un +200% tra Q1 e Q3 di quest’anno.

Guardando alle modalità di acquisto utilizzate dai clienti Teads, che come noto hanno la possibilità di acquistare video outstream tramite le due alternative di private marketplace o di open exchange, nel Q3 del 2016, il private marketplace ha costituito il 76% delle transazioni in programmatic di Teads, conquistando la fiducia di molti premium publisher mondiali. In termini di device, la delivery in Italia è stata del 54% su mobile, superando quella di 46% su desktop. I buyer hanno potuto accedere all’inventory in programmatic di Teads attraverso quasi tutte le maggiori DSP, inclusi: Google DBM, The Trade Desk, MediaMath, Bidswitch, TubeMogul, Videology, Turn, AppNexus and AOL (Adap.tv). L’offerta programmatic di Teads, inoltre, può vantare considerevoli successi lato vendita, connettendo i programmatic buyer con inventory provenienti da publisher del calibro di Time Inc., Condé Nast, Slate, Forbes, Tronc, Spiegel, El Pais, Le Monde, RCS MediaGroup, Mediamond, Italiaonline, Nikkei, The Independent e The Telegraph, attraverso private marketplace e/o open exchange in più di 30 paesi.

“In meno di sei mesi non solo abbiamo reinventato il video advertising, rilasciando una suite di prodotti outstream, ma abbiamo rafforzato il fattore “Teadstyle” che da sempre è alla base del successo di quest’azienda. Dal dipartimento commerciale al marketing, dal fiance al publishing team fino all’ad-operation e al programmatic, voglio ringraziare sentitamente il team di Teads Italia, perché è prima di tutto la passione di queste persone che mi hanno consentito di portare l’azienda ad un livello superiore. Da solo sarebbe stato impossibile.Solo in italia abbiamo erogato quasi 1000 campagne, il segmento entro cui operiamo pesa già oltre il 30% dell’intero video adv e le previsioni guardano già al 50%. Dal mio punto di vista qualsiasi strategia video è quella giusta se coordinata correttamente con i KPI che ci si aspetta e con gli obiettivi sul tanto agognato ROI. Dario Caiazzo, Managing director di Teads italia.

“Teads è il leader indiscusso nel programmatic outstream, come dimostra la recente crescita nei nostri numeri, e siamo felici di accogliere la domanda di video inventory premium acquistabili in programmatic at scale”, afferma Lucio Mormile, Head of programmatic Italia. “Non vediamo l’ora di proseguire, anche il prossimo anno, con la traiettoria di crescita che abbiamo intrapreso e di lavorare a stretto contatto con i nostri clienti, per massimizzare l’impatto delle loro campagne a qualsiasi livello.”

“Sono molto soddisfatto di quella che è oggi la percezione, da parte del mercato, della qualità del nostro posizionamento. È ormai sdoganata la complementarietà dell’utilizzo dello standard outstream da parte dei clienti e dei centri media all’interno della propria videostrategy.” Massimo Di Gennaro, Sales Director di Teads Italia

Corinna Marrone Lisignoli, Publisher Director di Teads Italia ha dichiarato, “Tra i successi che si possono annoverare in particolare lato publisher, abbiamo l’implementazione di nuovi formati (Vertical, inRead Top, Square) sui siti di tutti i nostri principali editori e il miglioramento delle performance con il conseguente incremento delle revenue dei nostri partner. Sono stati rinsaldati anche i rapporti con i top publisher, tra cui possiamo citare con orgoglio RCS MediaGroup – gestito in esclusiva – Mediamond, Italiaonline, Viacom e molti altri. Per il 2017 abbiamo intenzione di proseguire su questa strada pensando anche a nuove forme di “esclusiva” per i nostri partner lato programmatic”

“Nel corso degli anni la piattaforma Teads ha subito numerosi aggiornamenti che oggi consentono di poter ottimizzare la delivery delle campagne per massimizzare i KPI del cliente, grazie all’introduzione del buying engine, un algoritmo studiato apposta per valutare in tempo reale, impression per impression, quale campagna servire. C’è stato anche un notevole sviluppo lato programmatic, integrando sempre più DSP per poter garantire l’acquisto diretto dall’inventario Teads a tutti i trading desk”. Giulio Giacometti Ceroni, Head of Ad Operations di Teads Italia.

Teads vanta un dipartimento ricerca sviluppo caratterizzato da 100 risorse che include ingegneri, analisti. Grazie a questa risorsa il dipartimento Marketing e Insights ha costante accesso a visioni privilegiate che quest’anno ci hanno consentito di rilasciare alcune tra le più significative ricerche che hanno caratterizzato il mercato del video advertising outstream. Mobile è stata la parola d’ordine del 2016. Sostenibilità, interattività e intelligenza artificiale, premium experience le parole chiave del 2017. Stay Tuned.” Antonella La Carpia Direttore Marketing EMEA di Teads.

articoli correlati

MEDIA

Anche Asics sceglie il formato inRead 360° di Teads

- # # # # #

asics

Per il video di lancio delle rivoluzionarie Chameleoid Mesh, le scarpe in grado di variare il colore della loro tomaia a seconda dell’angolo di visualizzazione, Asics ha scelto il formato inRead Vertical 360° Effect di Teads.

Federico Veneroni, Direttore Marketing & Comunicazione, commenta: “Asics, da sempre è attenta all’innovazione tecnologia sia per quanto riguarda la costante introduzione di nuovi prodotti sia dal punto di vista digital media. Asics sceglie come partner Teads attraverso il formato 360° inRead Vertical, per rafforzare la brand experience dell’utente con il video Asicstiger Chameloid Mesh made in Japan”.

Nessun formato, meglio di inRead Vertical 360° Effect, poteva infatti valorizzare il video della campagna, incarnazione di una così rara combinazione di valori e qualità: una creatività psichedelica, potente, dominata da un dinamismo dirompente e rivestita di un manto futuristico. inRead Vertical 360°, una delle ultime novità della suite inRead, nasce dall’azione di Teads Studio, che permette di trasformare le creatività landscape pensate per tv e desktop in formati mobile dinamici con un effetto interattivo a 360°. Andando più nel dettaglio, il formato consente di sfruttare al meglio la verticalità dello schermo dell’utente, mostrando una porzione di video landscape con un orientamento verticale. Inclinando e muovendo il proprio smartphone, gli utenti riusciranno però a disvelare la creatività landscape nella sua interezza, potendo godere, allo stesso tempo, di un’esperienza verticale piena, immersiva e interattiva.

Il lancio della campagna, avvenuto lunedì 14 novembre, è stato pianificato da Starcom Italia.

articoli correlati

MEDIA

Samsung è la prima azienda italiana ad adottare il formato inRead 360° di Teads

- # # # # #

Samsung

Per il lancio della sua Gear 360, la rivoluzionaria videocamera panoramica che permette di girare video a 360°, Samsung ha scelto di essere la prima azienda italiana ad adottare la novità della suite inRead di Teads, il formato inRead 360°.

Questa partnership ha permesso di valorizzare al massimo il lavoro di entrambi i player, puntando sul perfetto connubio tra una creatività, un formato e, senza dubbio, un prodotto, che rispondono con la massima efficacia al picco di interesse degli utenti verso le esperienze immersive ed interattive.

Se il 2016 è l’anno in cui la Realtà Virtuale è finalmente riuscita a fare breccia nel mercato, Samsung Gear 360 ha alzato l’asticella per tutti i prodotti con ambizioni VR. Proponendosi come una sfera completa di due lenti alle estremità, la camera è splash proof, resistente alla polvere e offre quattro diverse modalità di utilizzo: fotocamera, videocamera, timelapse e loop. Fedele a se stesso, il colosso coreano è però voluto andare oltre la sola qualità e ha creato un vero e proprio trend attorno al prodotto: dalla crasi di “round” e “selfie” è così nato un nuovo fenomeno, quello dei “#roundie”, introdotti con il video “Samsung Gear 360. Party da Roundie”.

L’annuncio diffuso con l’inRead 360° di Teads, riprende tema e protagonisti di questa creatività, arricchendoli dell’elemento interattivo. inRead 360°, infatti, è il formato outstream che, ricalcando le logiche della realtà virtuale, mira alla realizzazione di un’esperienza immersiva e coinvolgente, dalla quale sia i publisher che i brand possono trarre enormi benefici. Entrambi avranno infatti l’occasione di valorizzare la qualità dei propri contenuti e dei propri prodotti, con un formato ad alto tasso di engagement, che lascia all’utente il pieno controllo dell’esperienza, permettendogli di interagire con la creatività e di visualizzare l’annuncio da diverse angolazioni, muovendo il proprio dispositivo mobile o trascinando l’annuncio su desktop. Viewable by design, il formato parte quando è perfettamente visibile sullo schermo e va in pausa quando è visibile per meno del 50%.

“Samsung, che guida l’innovazione in Italia e nel mondo con dispositivi capaci di rivoluzionare le esperienze delle persone, rendendole sempre più immersive, ha accolto con entusiasmo la partnership con Teads per esplorare nuovi formati, portando così la tecnologia 360° alla portata di tutti. Il nostro percorso in comunicazione è cominciato con la campagna “Molto più che Olimpiadi. Vivi Rio 2016 a 360°” sviluppata per le ultime Olimpiadi di Rio 2016, e successivamente grazie anche al supporto dei nuovi formati di Teads, Samsung si è fatta ambasciatore di una vera e propria missione, per far vivere e rendere accessibile a tutti l’emozione dei contenuti immersivi a 360”, commenta Alicia Lubrani, Head of Consumer Marketing Communications Samsung Italia.

La campagna è stata erogata sui principali editori della rete di publisher premium di Teads, sia in versione desktop che in versione mobile. Rivolta a un target Millenials e Giovani Adulti, la campagna ha risposto in maniera brillante alle aspettative e agli obiettivi dell’azienda. Lato desktop, ha generato un CTR dell’1,45% ed una view rate del 69,5%; lato mobile, il CTR è stato dell’1,47% e la view rate del 67,29%.

articoli correlati

MEDIA

Con Teads i video landscape diventano verticali e a 360°

- # # # # # #

teads

Teads, ideatore della pubblicità video outstream e primo video advertising marketplace al mondo secondo la classifica di comScore, è lieta di annunciare oggi un’innovazione particolarmente rilevante per lo scenario dei video verticali, che permette agli advertiser di tutto il mondo di trasformare le creatività landscape in loro possesso in video verticali con effetto 360° e di distribuirle all’interno di contesti editoriali premium.

Teads permetterà infatti di modificare le creatività landscape pre-esistenti, affinché possano adattarsi a formati video verticali perfettamente compatibili con i sistemi operativi Android e iOS. Le creatività così “zoommate” saranno più larghe dello schermo del telefono, ma sarà possibile esplorarle nella loro interezza come accade con i video 360° (qui la demo). Questa nuova funzione è completamente gratuita per tutti i clienti Teads e sarà accessibile anche a tutti i premium publisher che utilizzano l’Ad server di Teads o la sua SSP.

Con la diffusione sempre più pervasiva di Snapchat, infatti,  i consumatori si sono abituati a fruire video verticali che si adattano in modo naturale alle dimensioni del loro smartphone. Questo ha aperto una nuova sfida per gli advertiser, poiché distribuire video verticali richiede uno sforzo aggiuntivo, in termini di denaro e di risorse, che consiste nel produrre creatività nuove, appositamente realizzate per gli schermi verticali.

“Teads affianca gli advertiser nelle sfide si trovano ad affrontare in un mondo che sta velocemente diventando mobile-first”, spiega Bertrand Quesada, CEO di Teads (nella foto). “Ci sforziamo, come abbiamo sempre fatto, di garantire che i nostri clienti siano sempre un passo avanti rispetto agli ultimi trend del mercato, mentre raggiungono le loro audience in ambienti premium con formati video innovativi. Siamo molto entusiasti di portare questo progresso all’interno dell’industry e di anticipare che avrà un effetto straordinario sulla capacità dei nostri clienti di raggiungere gli utenti sui loro dispositivi mobile”.

Infatti, secondo un recente studio commissionato da Teads, se comparato alle creatività TV riproposte su mobile, l’ad recall sui video verticali è 2.9 volte superiore e gli utenti esposti ad un video vertical sono il 39% più propensi ad avere un’opinione favorevole del brand che ha rilasciato l’annuncio pubblicitario.

 

articoli correlati

AGENZIE

Teads annuncia l’acquisizione di Brainient: ottimizzazione creativa di video interattivi

- # # #

brainient

Teads, primo video advertising marketplace al mondo, acquisisce Brainient, società inglese specializzata in tecnologie creative dinamiche per video e mobile.

Le tecnologie interattive e la Dynamic Creative Optimization (DCO) hanno lo scopo di associare in real-time il contenuto dell’annuncio pubblicitario al giusto profilo dell’utente, tenendo in considerazione dati socio-demografici, localizzazione, tipologia di schermo utilizzato, ora, condizioni metereologiche e ogni altro tipo di dato contestuale. In tal modo le pubblicità interattive e dinamiche diventano molto più coinvolgenti per i consumatori e, di conseguenza, permettono agli advertiser di raggiungere risultati migliori.

Brainient ha sviluppato uno strumento creativo che permette ai brand, alle agenzie e ai publisher di arricchire i propri video con elementi interattivi e di ottimizzare il contenuto in modo da individuare il giusto profilo e le preferenze dell’utente, integrando dati di prima e terza parte e utilizzandoli per personalizzare gli annunci in real-time.

Con questa acquisizione, Teads offrirà un accesso integrato a Brainient a tutti i buyer del suo mercato, ottimizzando il processo di creazione e distribuzione di pubblicità video su larga scala per i propri clienti.

Brainient sarà re-brandizzata con il nome di Teads Studio e si comporterà come una business unit indipendente all’interno di Teads. Emi Gal, founder & CEO di Brainient si unirà a Teads in qualità di CEO di Teads Studio, trasferendosi a New York.

I video interattivi sono il futuro dell’internet advertising, poiché fanno leva sulla natura interattiva insita nel digital per coinvolgere gli utenti nell’esperienza pubblicitaria. Teads Studio permetterà ai team creativi e ai team media di arricchire i propri video di elementi interattivi, ad esempio attraverso messaggi che invitano a testare o acquistare un prodotto, a visitare un punto vendita o semplicemente a condividere l’annuncio sui social media. Teads Studio permetterà ai brand di personalizzare questa interattività utilizzando ogni tipo di dato, proveniente da ogni fonte possibile.

Esempi più avanzati includono la possibilità di offrire al consumatore un test-drive per l’ultimo modello di un’auto, di visitare la concessionaria più vicina, di inserire nell’annuncio un video form per ricevere un preventivo su un finanziamento o di visualizzare versioni differenti dell’annuncio pubblicitario in base alle condizioni metereologiche e altro ancora.

articoli correlati

AZIENDE

Teads lancia inRead 360, il primo formato pubblicitaria outstream per video a 360 gradi

- # # # # #

Teads lancia inRead 360

Teads è lieta di annunciare inRead 360, l’ultimo formato che completa la suite inRead. In anteprima mondiale, il prodotto offre un’esperienza di video advertising outstream interattiva ed immersiva a 360 gradi, ricalcando le logiche della realtà virtuale (VR).

Gli advertiser potranno trarre grandi benefici da questo nuovo formato video a 360 °, che colloca gli utenti al centro dell’esperienza pubblicitaria. Al contempo, i publisher avranno l’opportunità di erogare video a 360° per coinvolgere maggiormente i lettori ed valorizzare la qualità dei propri contenuti. inRead 360 di Teads lascia all’utente il pieno controllo dell’esperienza grazie all’interazione con la creatività che permette di visualizzare l’annuncio da diverse angolazioni, muovendo il proprio dispositivo o trascinando l’annuncio su desktop.

Il formato inRead 360 dell’azienda è disponibile per qualsiasi dispositivo (desktop, smartphone e tablet, in-app incluso). Viewable by design, il formato parte quando è perfettamente visibile sullo schermo e va in pausa quando è visibile per meno del 50%. L’aumento d’interesse degli utenti verso le esperienze immersive, viene illustrato perfettamente dal picco della domanda che si è verificato per la VR. Dalle stime, infatti, ci si aspetta una vendita a livello globale di oltre12.2 milioni di dispositivi di VR nel 2016 e, secondo eMarketer, il 64% dei proprietari di uno smartphone potrebbe voler acquistare online un dispositivo di VR.

Bertrand Quesada, CEO di Teads, ha dichiarato: “inRead 360 consolida il nostro posizionamento come leader tra le piattaforme video in programmatic per soluzioni di video advertising outstream cross-screen. È un altro esempio dell’innovazione che Teads sta portando all’interno di questo settore, oltre che un’ulteriore dimostrazione di ciò in cui crediamo, cioè l’importanza di un’esperienza pubblicitaria che sia coinvolgente per gli utenti in ogni momento.” Quesada ha continuato: “I video a 360° offrono ai brand un’opportunità senza precedenti per valorizzare la creatività di un contenuto pubblicitario e per aprire la porta della realtà virtuale. In questo senso siamo felici di essere in prima linea per quanto riguarda l’innovazione e lo sviluppo.”

inRead 360 è disponibile all’interno della suite inRead e può essere erogata su tutti i publisher premium mondiali come ad esempio The Washington Post, Forbes, Mashable, Slate, The Telegraph, The Guardian, Le Monde, Die Welt, Corriere della Sera, Nikkei e molti altri. Teads si conferma il primo video advertising marketplace al mondo con una reach mensile di 1.2 miliardi di visitatori unici.

articoli correlati

AZIENDE

teads & videology: partnership per la pubblicità video outstream in programmatic

- # # # # # #

Teads - Videology

Teads, ideatore della pubblicità video outstream e primo video advertising marketplace al mondo, oggi annuncia la partnership con Videology, società leader nella fornitura di software per “converged” TV e video advertising online. La partnership sarà operativa in tutti i paesi della regione EMEA, all’interno dei quali Videology offrirà l’accesso all’inventory video premium di Teads.

Secondo comScore, Teads è la prima piattaforma video SSP a livello globale, con una reach dell’audience di 820 milioni di visitatori unici. Questo permette agli advertiser di avere accesso all’inventory dei Publisher di Teads (come ad esempuo Le Monde, Les Echos, Reuters, Die Welt, Vogue, Nzz, Le Temps, Forbes, Washington Post, El Pais, El Mundo, Nikkei, Asahi, Sankei, CNN, Euronews, Corriere della Sera, The Guardian, Telegraph, Business Insider e molti altri) attraverso la piattaforma di Videology.

“Siamo felici di accelerare la nostra partnership con Videology, una piattaforma video leader per molti brand e agenzie. Siamo inoltre onorati di essere stati posizionati al primo posto della classifica di comScore, come primo ecosistema di video Ad ma, siamo convinti che sia comunque ugualmente importante evidenziare il nostro portfolio di publisher premium e i nostri formati video, opt-in per l’utente. In più, il nostro inventario video è, ora, per il 50% mobile, il che significa che possiamo offrire una distribuzione realmente cross-screen. Crediamo che gli advertiser non cerchino solamente la reach, ma soprattutto una garanzia di qualità e il rispetto per gli utenti, che si può ottenere utilizzando formati skippabili”, commenta Todd Tran, Global SVP, Mobile and Programmatic, Teads (nella foto).

“Sono felice di annunciare la nostra partnership con Teads, che porterà qualità nella nostra offerta video outstream cross-screen. Videology continuerà ad ampliare e diversificare l’accesso alla propria inventory su tutto il territorio europeo e questa partnership porterà qualità nei contesti e formati nativi outstream”, afferma Jana Eisenstein, Managing Director Director EMEA, Videology.

articoli correlati

NUMBER

Teads: contenuti editoriali di qualità per l’engagement tra utente e mobile adv

- #

Teads Eye Tracking

Grazie a una tecnologia eye-tracking, Teads pubblica nuovi insight che dimostrano come una pubblicità, distribuita all’interno di contenuti editoriali premium, aumenti l’intento d’acquisto dei consumatori del 27%.
Lo studio ha rivelato che quando gli utenti navigano su siti editoriali di qualità rallentano la velocità di scroll poiché la concentrazione è più elevata durante il percorso di lettura degli articoli. Una condizione perfetta che far leva sul livello d’attenzione durante i meccanismi di erogazione degli annunci.
L’industry deve quindi adottare un approccio più user-friendly e inserirsi in maniera sostenibile nei percorsi di navigazione online degli utenti.

Con l’utilizzo della tecnologia di eye tracking su mobile, Teads ha esposto più di 115 partecipanti a diversi annunci video, direttamente dai loro smartphone, per determinarne la percezione e le reazioni all’esposizione agli annunci in diversi ambienti web. Alla sessione di eye tracking è poi seguita un’intervista per ottenere ulteriori importanti KPI circa l’efficacia degli annunci. Per vedere lo svolgimento della sessione, clicca qui.

I risultati ottenuti da Teads grazie alla tecnologia di eye tracking mostrano come, un ambiente premium e la rilevanza di un annuncio, siano elementi fondamentali per una corretta distribuzione del messaggio pubblicitario. Gli utenti che navigano siti web di publisher premium sono molto più coinvolti e in una condizione di maggiore attenzione durante la lettura delle news, generando un terreno perfetto per gli advertiser che devono presentare i propri messaggi di branding.

Alcuni highlights:
• La velocità di scroll conta: gli utenti scrollano il 50% in più nel Feed dei Social Network riducendo, così, il coinvolgimento con i contenuti pubblicitari. Sui siti web di publisher premium, invece, si muovono lentamente, scrollano meno e leggono i contenuti con più attenzione. Così, un video, inserito all’interno di una navigazione lenta e attenta, ha più chance di attrarre l’attenzione rispetto ad uno caricato in un ambiente come quello del Feed dei Social Network.
• Gli ambienti web impattano sull’audience: quasi 9 utenti su 10 hanno guardato un annuncio video In-Article all’interno di contenuti editoriali premium, contro 6 utenti su 10 nel caso di articoli all’interno del Feed dei Social Network.
• Tempo di permanenza su un video: gli utenti guardano il 24% più a lungo un annuncio video In-Article rispetto alla pubblicità inserita nel Feed dei Social Network.
• Il tempo di lettura porta a un aumento del coinvolgimento: i consumatori che navigano siti web di publisher premium occupano l’80% del tempo in lettura, contro il 65% degli utenti che navigano all’interno del Feed dei Social Network.
• Gli annunci nativi, garantiscono un recall maggiore sui millennial: le nuove generazioni sono cresciute con i media digitali e quindi meno sorprese dagli annunci nativi e hanno una capacità cognitiva più precisa nel processare contenuti paralleli in rapida successione. I millennial sono predisposti il doppio, rispetto agli over 40, nel ricordare un annuncio nativo dopo l’esposizione.

“Con l’ascesa del mobile, ci sono infiniti ambienti in cui inserire i contenuti degli advertiser, con il fine di raggiungere la propria audience in target; questo ci porta, inevitabilmente, a chiederci quale di questi sia più efficace per il coinvolgimento degli utenti.” ha dichiarato Bertrand Quesada, CEO di Teads. “Lo studio dimostra che i siti web di publisher editoriali premium sono l’ambiente migliore a garantire maggiore attenzione da parte dell’utente, rispetto all’erogazione di un formato di video adv.”

articoli correlati