MEDIA

Teads e VICE Media: accordo per la distribuzione dei formati oustream Video e Viewable Display

- # # # # # #

Teads

Teads, The Global Media Platform, annuncia oggi la firma di un accordo annuale con VICE Media, che renderà la tech company partner unico dell’editore statunitense per la distribuzione dei formati outstream Video e Viewable Display per i brand del network di VICE. Con un focus orientato a costruire informazione in maniera sempre nuova e originale, che spinge il publisher ad essere sempre un passo avanti, VICE è leader nella produzione e distribuzione di contenuti di alta qualità apprezzati da centinaia di milioni di giovani ogni mese.

 

Teads offrirà a VICE la possibilità di rendere scalabile la propria inventory attraverso contenuti Video e Viewable display e massimizzare le opportunità di monetizzazione attraverso il lavoro parallelo della sua forza vendita e la domanda di Teads a livello mondiale.

 

Alex Payne, VP Global Programmatic Solutions di VICE Media, ha dichiarato: “VICE è entusiasta di avere la possibilità di lavorare accanto a Teads, che considero un partner strategico per la distribuzione di contenuti video di alta qualità, brand safe e nativi attraverso formati pubblicitari che si distinguono per le loro performance tutelando la user experience. Questo accordo si inserisce all’interno di un disegno di crescita globale al fine di supportare le nostre strategie e allinearci alle richieste dei partner che condividono la nostra presenza e business proposition a livello globale”.

 

Jim Daily, Global President di Teads dichiara: “Teads, in quanto una delle tech company del segmento dell’advertising che più sta influenzando le conversazioni e la cultura digitale attuale a livello globale, oggi annuncia il consolidamento della partnership esclusiva con VICE Media. I Millennial, più che altre generazioni, hanno l’esigenza sempre più consolidata di accedere a contenuti rilevanti per loro e ad esperienze di advertising conformi ai contesti in cui sono inserite. Grazie alla suite di prodotti di Teads, l’audience di VICE potrà fornire ai brand del suo network soluzioni di advertising appositamente sviluppate per adattarsi ai meccanismi di fruizione tipici dell’esperienza mobile. Oltre a offrire agli editori formati pubblicitari unici e innovativi, Teads permetterà ai publisher di accedere autonomamente a una piattaforma di full-stack advertising che li guiderà verso risultati di business significativi. Utilizzando Teads Publisher Suite (accessibile in versione BETA) l’editore avrà la possibilità, in maniera autonoma, di fare leva sui key tool proprietari della nostra società mantenendo la stessa efficienza con la quale viene supportato quotidianamente da Teads: report in real-time, analytics specifici per l’ottimizzazione delle campagne, utilizzo di Intelligenza Artificiale in ambito programmatic e ottimizzazione creativa basata sui risultati”.

 

Questi accordi segnano un ulteriore passo avanti nella costruzione di un ecosistema che raggruppa tutti i principali media brands nel mondo – la società francese raggiunge oggi una reach di 1.4 miliardi di utenti unici ogni mese in tutto il mondo. Teads, oltre a essere uno dei membri fondatori dello IAB Gold Standard, offre a brand e advertiser la possibilità di inserire i propri annunci pubblicitari all’interno degli ambienti editoriali premium e brand safe dei più importanti media brand dell’intero mercato.

articoli correlati

AZIENDE

Teads e Hearst Italia: accordo di esclusiva per l’intera inventory outstream

- # # # # #

Hearst Italia - Teads

Teads, The Global Media Platform, ha firmato un accordo annuale con Hearst Italia, che renderà la tech company partner unico della società per il territorio nazionale, affiancando la forza vendita dell’editore sul segmento outstream. Si tratta dei video pubblicitari che compaiono in modo autonomo all’interno dei testi degli articoli, senza essere inseriti in un flusso video (instream) dell’editore, come avviene invece nel caso di preroll o postroll, collocati all’inizio o alla fine di una clip.

Hearst – che pubblica Elle, Marie Claire, Esquire, Cosmopolitan, Elle Decor, Marie Claire Maison, Gente – adotterà i formati di Teads per guidare l’incremento delle revenue provenienti dai video pubblicitari e dal display advertising rispettando, al tempo stesso, l’esperienza di navigazione dei propri utenti.

 

Da qualche anno a questa parte, Hearst ha scelto di compiere investimenti massicci sul canale digitale con elle.it, marieclaire.it, cosmopolitan.it, elledecor.it, esquire.it tra i principali siti nel panorama web italiano. Nel 2017, con Hearst Digital, la struttura digitale per i brand del gruppo, ha rafforzato la strategia con content team dedicati al digitale, elevando la qualità dei suoi contenuti. Inoltre, la grande capacità di presidio del mondo fashion e luxury ha permesso la nascita di “Elle Network”, che vede la presenza di marchi di grande prestigio in partnership con Hearst Italia.

 

Corinna Marrone Lisignoli, Publisher Director di Teads Italia, ha dichiarato: “Poter annoverare tra i propri partner in esclusiva un Publisher del calibro di Hearst è un privilegio che solo pochi player al mondo hanno. Teads, negli ultimi 12 mesi, si è impegnata – da un lato – a costruire e consolidare un’offerta unica, capace di coprire differenti verticali grazie ad accordi con gli editori più prestigiosi di ogni segmento. Dall’altro, di mettere questi stessi editori nelle condizioni di essere più competitivi rispetto ai cosiddetti “Over The Top”, senza però trascurare la user experience. E questa sarà la nostra strategia anche per il 2019.”

 

Giacomo Moletto, CEO Hearst Italia e Western Europe (nella foto), ha commentato: “La collaborazione con Teads ci sta a cuore per due ragioni: dal punto di vista degli utenti garantisce un’esperienza di qualità sugli smartphone, fornendo contenuti pubblicitari che arricchiscono la navigazione e l’ingaggio; da quello degli inserzionisti offre un contesto di fruizione sicuro, all’altezza delle loro aspettative, con certificazione di viewability, la metrica digitale standard per misurare il tasso di effettiva visualizzabilità di un annuncio. Una soluzione vincente per le nostre testate e per i marchi degli investitori”.

articoli correlati

MOBILE

Warner Bros sceglie il nuovo formato inRead Scroller Vertical di Teads per il lancio del film “Il Testimone Invisibile”

- # # # #

Teads - Warner Bros

Warner Bros punta sulla combinazione di interattività e creatività di Teads Studio e adotta il nuovo formato inRead Scroller Vertical, per lanciare l’uscita nelle sale del nuovo film “Il Testimone Invisibile”, prevista per il 13 Dicembre.

La campagna, gestita da Mediacom Roma e online dal 10 Dicembre al 16 Dicembre, sarà distribuita nelle inventory dei premium publisher partner di Teads. La strategia ha previsto lo sviluppo di due creatività differenti che vantano protagonisti d’eccezione come Miriam Leone e Riccardo Scamarcio.

Il formato scelto per la pianificazione, inRead Scroller Vertical, è l’ultimo dei formati interattivi che compongono la suite inRead Viewable Display. inRead Scroller ottimizza le creatività statiche e anima le pubblicità display facendo leva sulla naturale interazione degli utenti su mobile, lo scrolling. Questo formato, infatti, prevede che inizialmente venga mostrata solo una porzione della creatività, ma quando l’utente continua a scorrere la pagina, verrà resa visibile un’ulteriore parte di essa.

Il formato è adesso disponibile nella versione Vertical, dove le dimensioni coprono l’intera porzione di schermo visibile su mobile. La combinazione univoca della funzionalità interattive di inRead Scroller con le dimensioni della versione Vertical permettono alla creatività di catturare facilmente l’attenzione del consumatore, specialmente su mobile, quando è concentrato nella lettura di un articolo editoriale.

articoli correlati

AZIENDE

Teads e Adform: partnership per l’offerta programmatic outstream premium

- # # # #

Teads - Adform

Teads, The Global Media Platform, ha annunciato oggi la partnership di esclusiva siglata con Adform, una delle più importanti piattaforme tecnologiche indipendenti del mercato dell’advertising.

Teads sarà da oggi integrata direttamente con la piattaforma di programmatic buying di Adform, tra le più affidabili dell’intero segmento. Questa integrazione consentirà alle agenzie e ai brand che collaborano con Adform di avere accesso all’inventory outstream, scalabile e di qualità di Teads, attraverso un marketplace esclusivo (PMP) che comprende i più prestigiosi publisher del mondo: BBC, Apple News, Bild, Business Insider, Clarin, Corriere.it, El Mundo, El Pais, Spiegel, Forbes, Fortune, Gannett, L’express, Les Echos, Cosmopolitan, Gioia, The Business Times, Times, Vanity Fair e molti altri.

Data la capillare diffusione dei formati di outstream video advertising in Europa, che raggiunge ormai il 54,1% della spesa sul digitale, risulta necessario ampliare l’offerta disponibile anche via programmatic buying. L’accordo di integrazione tra Teads e Adform va incontro a questa esigenza rendendo disponibile a buyers di Europa, Nord America, MENA e APAC nuove inventory.

“Siamo lieti di estendere la scalabilità dell’inventory premium di Teads grazie a questo importante accordo. Attraverso l’integrazione diretta dell’inventory di Teads in Adform, una delle più importanti piattaforme di acquisto in RTB, gli advertiser e le agenzie avranno accesso al network dei più prestigiosi publisher al mondo. In questo modo, potranno avere la garanzia che i loro annunci vengano distribuiti all’interno di ambienti viewable e brand-safe”, ha affermato Hugues Templier, EMEA Programmatic Business Development Director at Teads.tv (nella foto).

“Siamo davvero entusiasti di aver finalizzato questo accordo di diretta integrazione con la piattaforma di Teads che, siamo sicuri, conferirà maggior prestigio alla nostra offerta e supporterà i nostri clienti nell’obiettivo di creare nuove opportunità per distribuire pubblicità ad alto impatto comunicativo in contesti di qualità. Teads è stata in grado in questi anni di rafforzare la sua offerta scalabile con una inventory di alta qualità e di distinguersi nel mercato soprattutto per i suoi formati video, che costituiscono ormai una delle forze che trainano il mercato dell’advertising. Per questi motivi, siamo certi che trarremo ampi benefici da questa partnership”, ha dichiarato Rick Jones, SVP Global Revenue Development at Adform.

articoli correlati

AZIENDE

Teads annuncia la nomina di Federico Benincasa a Product Senior Vice President

- # # # # # #

benincasa

Teads, The Global Media Platform, annuncia che Federico Benincasa è il nuovo Product Senior Vice President. Dopo aver lasciato la carica di vicepresidente della divisione prodotti di Freewheel, Federico si unisce oggi al leadership team della tech company per contribuire a sviluppare soluzioni innovative per i publisher di tutto il mondo.

Federico, inoltre, guiderà Teads nel continuo lavoro di valorizzazione dei suoi Premium Publisher attraverso il lancio di una soluzione di advertising full stack che sfrutterà tutte le risorse tecnologiche proprietarie della società e l’ineguagliabile expertise nel supporto agli advertiser.

Grazie a più di 20 anni nel settore dell’industria dell’adtech, Federico Benincasa ha acquisito un’eccellente competenza riconosciuta sia negli Stati Uniti che in Europa. Nelle sue esperienze più recenti, Federico ha guidato il team di sviluppo prodotto per la video SSP di StickyAds, acquisita da Freewheel, dove è diventato Product SVP per l’intera suite Digital Video di Freewheel.

“Teads ha costruito delle relazioni molto solide e forti con gli advertiser e tutti gli operatori che guidano la domanda”, ha dichiarato Federico Benincasa, “acquisendo expertise uniche nel mercato soprattutto rispetto a come guidare, distribuire e valorizzare al massimo del loro potenziale i KPI degli advertiser, lungo tutto il funnel. Questa competenza pluriennale è stata racchiusa in un’unica soluzione full-stack di advertising che fa leva su tecnologie di Intelligenza Artificiale proprietarie, che Teads è ora pronta a condividere con i suoi editori”.

Gilles Moncaubeig, Chief Product Officer di Teads, ha aggiunto: “La nuova Teads Publisher Suite ha lo scopo di fornire agli editori, per la loro vendita diretta, la possibilità di sfruttare in maniera autonoma gli strumenti di intelligence esclusivi della nostra società mantenendo la stessa efficienza con la quale sono supportati quotidianamente da Teads. Ciò include l’utilizzo di tutti i nostri asset tecnologici, dall’abilitazione alla vendita a “Completed View” o “Viewable Guaranteed” basata su algoritmi di Intelligenza Artificiale, fino all’accesso alla piattaforma di ottimizzazione creativa delle campagne, Teads Studio. Sono davvero entusiasta che Federico si unisca a Teads con l’obiettivo di guidare il lancio di questo nuovo progetto”.

Teads distribuirà la Teads Publisher Suite a editori selezionati in tutto il mondo a partire dall’inizio del 2019

articoli correlati

COMMERCE

“Digital Holidays 2018”: Teads allinea propensione agli acquisti e device usati

- # # # #

digital holidays

Teads ha diffuso “Digital Holidays 2018“, il primo report che fornisce agli advertiser dati dettagliati e guidelines sul comportamento d’acquisto dei consumatori durante il periodo delle festività. Il report, frutto di uno studio sul comportamento degli utenti online, mette in luce tre importanti aspetti utili per costruire una strategia di media branding che parta dall’unione sinergica di timing, predisposizione all’acquisto del consumatore tipo e device preferenziale.

Conoscere le proprie audience, allineare le strategie di comunicazione e stimolare il consumatore nel momento più adatto lungo ogni fase del percorso d’acquisto è fondamentale per strutturare una strategia di media planning cost-effective. Tra i numerosi risultati della ricerca, quello che riguarda il timing è il più interessante. Grazie alla definizione di una timeline degli acquisti digitali, è emerso che la potenza di un piano media spesso risulta parziale, terminando prima che il suo naturale corso si esaurisca. Sono stati individuati 10 momenti chiave che si estendono da inizio Novembre fino alla metà di Gennaio e identificato 4 personas: Early Edward, Festive Felicity, Late Lucy e Indulgent Ian. Ogni persona rappresenta un comportamento d’acquisto differente, tra coloro che si informano con largo anticipo sui propri publisher preferiti, coloro che attendono l’ultimo minuto per acquistare, fino ad arrivare ai cosiddetti “late consumer” troppo spesso ignorati nelle strategie di brand. Gli acquisti last minute rappresentano, infatti, il 30% degli acquisti effettuati nel periodo preso in esame, mentre nel mese di Gennaio la ricerca online addirittura triplica per quanto riguarda gli acquisiti in ambito Lusso, Automotive e Tech.

Il periodo delle festività è un momento di assoluta importanza, sia per i consumatori, a caccia di offerte e suggerimenti, sia per i brand, le cui scelte di business devono essere strategicamente indirizzate e correttamente targettizzate. Il mobile, come mostra la ricerca, è il device principe degli acquisti natalizi. Mai come in questo periodo la percentuale di acquisti sul canale digitale è governata dal mobile, device preferito dai consumatori prima, dopo e durante lo shopping. È al 64%, infatti, il tasso di acquisti effettuati dai dispositivi mobili prima di Natale, ma questo dato diventa ancora più significativo se si considera che l’80% dichiara non solo di utilizzare il cellulare durante il processo di acquisto in-store ma anche di venirne influenzati.

L’ultimo tra i dati più significativi del report riguarda il fatto che, soprattutto nel periodo precedente al Natale, i consumatori sono inseriti in continuazione in un flow di esposizione e input di acquisto che può generare in loro pressione e frenesia. Il 76% di loro dichiara, infatti di cambiare spesso idea su che brand/retailer scegliere dopo aver cercato informazioni online. È necessario, quindi, costruire esperienze di advertising interattive e qualitative su misura per l’utente e per il meccanismo di fruizione mobile facendo risaltare il brand nel rumore caratteristico di questo periodo dell’anno, particolarmente florido di offerte. Qualità, scalabilità e creatività sono le parole chiave per catturare l’attenzione dell’utente e vincere su ogni livello del funnel.

“Diventa sempre più importante conoscere i consumatori per allineare le proprie strategie non solo alle caratteristiche demografiche del target”, commenta Dario Caiazzo, Managing Director di Teads Italia, “ma soprattutto al comportamento e alle preferenze d’acquisto che delineano il momento in cui viene erogata una campagna. L’obiettivo di questo report è fornire precisi insights sulle audience durante le festività natalizie, periodo davvero ricco di momenti chiave per l’acquisto e aiutare i brand a distribuire il giusto annuncio al consumatore più adatto, nel momento perfetto”.

articoli correlati

NUMBER

GDPR: solo il 5% degli utenti europei rifiuta i cookies. Il report di Teads

- # # # #

Teads

Teads inaugura oggi un report settimanale che racconta lo stato di allineamento dei publisher europei alle nuove direttive del General Data Protection Regulation (GDPR).

Questo barometro di Teads fa riferimento agli editori che lavorano sulla piattaforma e può essere considerato ampiamente rappresentativo del mercato europeo poiché riflette i due terzi dei 300 editori mondiali della classifica di comScore.

I risultati più significativi sono stati raggruppati ed elencati di seguito:

● Il 63% del traffico degli editori europei passa attraverso una piattaforma di gestione del consenso (CMP) che permette agli utenti di esprimere la propria preferenza e agli editori di adeguarsi alla normativa in vigore.
● Il 50% degli utenti di Internet di tutta Europa ha accettato o rifiutato il consenso all’utilizzo dei cookie con l’obiettivo di generare advertising targettizzato.
● Ben il 95% di questi utenti ha espresso il proprio consenso al raccoglimento di dati, contro un significativamente basso 5% che, invece, lo ha rifiutato.
● Teads è al lavoro per guidare i publisher Europei che ancora non hanno provveduto all’implementazione della Consent Management Platform nel processo di allineamento alla nuova legge.

Secondo quanto registrato da Teads, il 63% del traffico dei publisher di tutta Europa passa attraverso una piattaforma (CMP) che permette agli utenti di accettare o rifiutare l’utilizzo dei cookie ai fini di profilazione. La Spagna guida il processo di adozione della CMP con un tasso di implementazione dell’82.83%, l’Paesi Bassi si posiziona subito dopo con un 82.82%, mentre Francia e UK registrano rispettivamente il 71.08% e il 67.93% di presenza.

Quando si tratta di fornire il proprio consenso all’utilizzo dei cookie per ricevere pubblicità più personalizzate, solo una piccola percentuale di utenti rifiuta. Questo dato è notevolmente significativo, soprattutto se si considera tutto ciò che si è detto nella industry riguardo al tema privacy. La percentuale di rifiuto del consenso si aggira attorno al 5% in tutta Europa con un tasso di poco più alto in Inghilterra (7%) ed è, invece, più bassa, in Francia (4%), Paesi Bassi (3%), Spagna e Italia (2%). I dati riguardanti la situazione in Germania non sono disponibili poiché la maggior parte dei publisher tedeschi non risponde alla normativa sul consenso dell’utente ma fa ricorso al cosiddetto “legittimo interesse” per erogare pubblicità personalizzate.

Questi dati rappresentano la percentuale di adozione delle CMP all’interno della piattaforma Teads che vanta una reach superiore all’85% raggiungendo oltre 1,2 miliardi di utenti unici nei principali mercati Europei. Proprio per questo motivo, i dati riflettono in maniera altamente significativa lo stato attuale dell’ecosistema media in Europa.

“L’adozione diffusa del Consent Management Framework di IAB da parte dell’industry ha permesso di soddisfare tutti i requisiti richiesti dal GDPR in tempi record. Il nostro lavoro è da tempo focalizzato a indirizzare gli editori verso l’implementazione delle piattaforme di gestione del consenso per procedere ancora più velocemente verso questa direzione”, commenta Pierre Chappaz, Founder & Executive Chairman di Teads (nella foto).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Teads a IAB Forum con un workshop. Nel pomeriggio del 12 novembre

- # # #

caiazzo

Teads, The Global Media Platform, dal 12 al 13 Novembre sarà tra i protagonisti di Iab Forum 2018, l’evento annuale dedicato al digital advertising che ogni anno riunisce i principali attori del mercato italiano.

Il 12 Novembre, Teads racconterà al pubblico i più recenti trend in ambito programmatic, creatività e utilizzo di sistemi basati sull’AI. A riguardo, è in programma un workshop dal titolo “THE HUMAN SIDE OF PROGRAMMATIC – Programmatic Video & Display Adv: come coesistono strategie data driven e creatività?”. L’idea nasce da una ricerca dal titolo “The Power of Interactivity”, condotta nell’Aprile 2018 da Ipsos, che rivela un dato essenziale su tutti: due terzi dell’efficacia di un piano media destinato ai canali digitali è dato dalla qualità del contenuto creativo. In tal senso, lo sviluppo di asset dinamici e interattivi impatta sulla brand favorability, producendo una crescita del 300%.

L’appuntamento sarà ospitato nella Sala Amber 6 dalle ore 15:00 con la speciale partecipazione di Giulia Chantal Lisot, Senior Media Strategy & Planning Specialist di Yoox che, attraverso la sua esperienza diretta, racconterà come hanno costruito strategie in-target, attraverso un accurato utilizzo dei dati, per la distribuzione e l’ottimizzazione degli asset creativi.

Dario Caiazzo, il Managing Director di Teads Italia, modererà un confronto diretto tra il pubblico e il brand protagonista di questo workshop, snocciolando i key learnings appresi durante le fasi di analisi dei KPI delle campagne, che oggi consentono di capire come automatizzare l’utilizzo tattico dei dati per aumentare l’impatto di un contenuto pubblicitario video o display.

“Il 65% della crescita delle vendite sul canale digitale è guidato dalla creatività”, dichiara Caiazzo. “Grazie al lavoro della nostra divisione Teads Studio, siamo in grado di potenziare l’esperienza creativa di un brand per massimizzare i risultati di qualsiasi campagna fino a incidere in maniera considerevole sul ROI. Il programmatic e la capacità di apprendere delle tecnologie di Intelligenza Artificiale consentono di ottimizzare la resa di una campagna nella diffusione di un messaggio pubblicitario, al fine di raggiungere il giusto consumatore nel momento esatto e nel contesto più adatto. Mediante l’unione sinergica di meccanismi di machine learning e ad-unit di qualità, è possibile raggiungere livelli di precisione e accuratezza verso i quali solo una macchina è in grado di spingersi, ampliando così lo spettro di potenzialità squisitamente umane”.

 

articoli correlati

AZIENDE

Teads annuncia il nuovo posizionamento “The Global Media Platform”: un ‘audience di più di 1.2 miliardi di consumatori

- # # # # #

Teads

La crescita di Teads è stata da sempre alimentata dall’obiettivo di creare una piattaforma integrata in grado di raccogliere e valorizzare i più importanti publisher al mondo, per costituire una reale alternativa per l’ecosistema pubblicitario su scala globale.

Al fine di chiarire il proprio posizionamento sul mercato, Teads annuncia oggi l’ampliamento della propria vision societaria e adotta la nuova qualifica di “Global Media Platform”. Questo annuncio riflette lo spirito di continua innovazione dell’azienda, che oggi comunica l’evoluzione della propria offerta, da semplice distribuzione di video advertising, a una gamma ancora più ampia di soluzioni pubblicitarie lungo tutto il funnel, per i più prestigiosi publisher e advertiser del mondo.

Nel settembre 2017, Teads lancia la suite di prodotti Viewable Display, che rappresenta ora quasi il 20% delle revenue annuali della società. A giugno 2018, Teads inaugura un modello d’acquisto rivoluzionario basato sulla performance, aiutando gli advertiser nell’acquisire nuovi visitatori sulle proprie properties online. L’offerta a performance è stata già adottata da molti dei più importanti brand del settore automotive, retail, fashion, lusso, FMCG, CPG, tecnologia e molti altri.

Bertrand Quesada, CEO di Teads dichiara “La nostra vision è quella di costruire una piattaforma integrata in grado di raccogliere i più importanti publisher al mondo, creando un’alternativa valida a Google e Facebook tramite la distribuzione di advertising di qualità a un’audience di più di 1.2 miliardi di consumatori su una piattaforma brand safe e trasparente. La Global Media Platform è il frutto dell’impegno di Teads nel garantire risultati concreti per i brand, migliori opportunità di monetizzazione per i publisher e una migliore esperienza pubblicitaria per i consumatori.

La vision di Teads

Grazie alle integrazioni dirette di centinaia di editori premium a livello mondiale, Teads è in grado di raggiungere un’audience deduplicata di circa 1.2 miliardi di utenti al mese. Nelle ultime settimane, Teads ha firmato numerose partnership in esclusiva, tra cui quelle con Apple News, BBC e The Economist. Come risultato, la reach in molti paesi eguaglia o addirittura supera quella di Youtube o Facebook. La vision di Teads, in quanto Global Media Platform che raccoglie e valorizza i più importanti publisher al mondo, si basa su quattro principi chiave, fondamentali per fornire soluzioni alle più grandi sfide del mercato:

1. Punto di accesso unico ai più prestigiosi publisher al mondo – Permettendo l’accesso all’inventory di alta qualità su scala globale da un’unica piattaforma, Teads garantisce ai propri clienti efficienza operativa, scalabilità e affidabilità nelle transazioni dirette e in programmatic. Allo stesso modo, Teads è focalizzata sul fornire le migliori tecnologie d’avanguardia e nuove opportunità di monetizzazione ai publisher con i quali collabora.

2. Creatività pubblicitarie che guidano l’attenzione, nel rispetto della user experience – L’esperienza degli utenti su mobile sta dettando nuove regole creative che possono rivelarsi sfidanti per il mercato poiché impongono maggiore coinvolgimento attivo. Data la grande importanza della qualità nello sviluppo della creatività, Teads da molto tempo mette a disposizione delle agenzie e dei brand un potente strumento tecnologico, Teads Studio, per ottimizzare e rendere scalabili gli asset creativi, in accordo con le nuove dinamiche di fruizione interattive.

3. Soluzioni di monetizzazione & di advertising su misura, per soddisfare gli obiettivi lungo tutto il funnel –  Con una suite di prodotti full-funnel, Teads offre ai publisher nuove opportunità di monetizzazione e ai brand soluzioni di advertising in grado di soddisfare una vasta gamma di obiettivi di business. Lo scopo è di fornire soluzioni di precision marketing lungo ogni step del funnel d’acquisto, all’interno di contenuti brand-safe e prodotti professionalmente.

4. Risultati garantiti, supportati dall’AI & dai dati – Sempre più spesso i marketer si trovano costretti ad affrontare pressioni per dimostrare di aver raggiunto risultati concreti, in base alla spesa sui media digitali. Come modello d’acquisto, il CPM ha fallito nel fornire affidabilità per coloro che investono. Grazie ai significativi investimenti sull’AI/machine learning e alle enormi potenzialità nei dati sviluppate negli ultimi 3 anni, Teads permette ai brand e le agenzie di investire sulla base di risultati garantiti, come viewability, completed views, engagement, delivery in-target, traffico incrementale al sito e, recentemente, anche conversioni.

“Sono veramente poche le piattaforme in grado di garantire una reach di massa, mantenendo un’alta qualità su scala globale. Proprio per questo motivo, Teads è diventato un partner strategico per MediaCom e per molti dei nostri clienti più importanti”, dichiara Stephen Allan, Global CEO di Mediacom, WPP agency.

“La partnership con Teads permetterà ai nostri partner, attraverso tecnologie e formati innovativi, di coinvolgere maggiormente le audience che rappresentano The Economist, composte da persone altamente curiose, attente e interessate”, ha affermato Nicolas Sennegon, Executive Vice President e Chief Commercial Officer di The Economist Group.

Parte oggi  la nuova campagna online e su carta stampata per comunicare al mercato che “I migliori publisher lavorano con Teads”.

articoli correlati

AZIENDE

Teads annuncia la partnership con The Economist Group per l’advertising oustream

- # # # #

pierre chappaz

Teads, la Global Media Platform,annuncia oggi la partnership esclusiva siglata a livello globale con The Economist Group per la distribuzione di pubblicità outstream, video e viewable display, su tutti i media brand del gruppo editoriale.

Grazie all’audience globale in costante crescita e alla prestigiosa reputazione per le analisi accurate con cui tratta qualsiasi avvenimento di attualità, The Economist è tra i portali di informazione online più riconosciuti e letti in tutto il mondo, in grado di raggiungere un’audience di oltre 1.4 milioni di utenti nel settore business, tra senior executive e decision maker.

La Global Media Platform di Teads consentirà a The Economist di raggiungere la massima scalabilità della propria inventory outstream, sia video che viewable display, ed incrementare la monetizzazione di questi formati grazie alla propria forza vendita e alla domanda di Teads, proveniente da oltre 40 Paesi in tutto il mondo.

Nicolas Sennegon, Executive Vice President e Chief Commercial Officer di The Economist Group, ha affermato: “Quest’anno sarà ricordato a tutti gli effetti come una pietra miliare per la storia di The Economist Group, con il 175esimo anniversario del giornale e la nostra audience in costante crescita a livello mondiale. Questa partnership consentirà agli advertiser che lavorano con noi di coinvolgere ulteriormente gli utenti grazie alle tecnologie innovative e ai formati interattivi che Teads ci mette a disposizione.”

“In quanto uno dei media brand più rispettati al mondo, siamo lieti di consolidare la nostra relazione con The Economist Group”, aggiunge Pierre Chappaz (nella foto), Co-Founder e Executive Chairman di Teads. “I decision maker e gli influencer che abitualmente leggono The Economist meritano un’esperienza pubblicitaria il più sofisticata possibile, come quella che offre la nostra Global Media Platform.”

Questa partnership ricalca perfettamente la mission di Teads nel lavorare con i più prestigiosi media brand al mondo – a Luglio la società ha annunciato la partnership con la BBC e oggi raggiunge 1,2 miliardi di persone in tutto il mondo. Per brand e advertiser, Teads fornisce l’accesso ad ambienti di qualità e brand safe che comprendono i più prestigiosi media brand, inoltre è membro del Gold Standard di IAB

articoli correlati

MEDIA

Teads: accordo globale con BBC.com per i formati outstream

- # # # # #

BBC.com - Teads

Teads annuncia la partnership con BBC.com per l’erogazione dei formati outstream in tutto il mondo. BBC.com distribuisce notizie e analisi approfondite in tempo reale, 24 ore su 24 ed è in grado di raggiungere più di 95 milioni di navigatori unici mensili fuori dal Regno Unito. La piattaforma end-to-end di Teads potenzierà la scalabilità dell’inventory video di BBC.com, la quale affiderà la monetizzazione della pubblicità video outstream sia alla propria forza vendita sia alla domanda di Teads.

“È per noi motivo di orgoglio lavorare con uno dei più prestigiosi media brand al mondo e aver stretto questo accordo a livello globale”, ha commentato Emily Brewer, Head of Publishing UK di Teads (nella foto).

Grazie a questa global partnership, Teads continua nel suo percorso di creazione della più vasta rete di publisher d’eccellenza – in grado di raggiungere 1,2 miliardi di utenti unici mensili in tutto il mondo. Teads, oltre ad essere membro del Gold Standard di IAB, fornisce a brand e advertiser scalabilità all’interno di ambienti di qualità e brand-safe, attraverso numerose collaborazioni con i gruppi editoriali più conosciuti a livello globale.

Ciò che distingue Teads sul mercato è il continuo approccio d’innovazione nella pubblicità video e display – il cui esempio più recente è inRead AR, il primo formato che integra feature di realtà aumentata all’interno di annunci outstream. Questa particolare attenzione al lato creativo, attraverso nuovi asset tecnologici, non solo assicura un maggiore coinvolgimento dell’utente nell’esperienza pubblicitaria, ma rappresenta anche un importante strumento strategico per brand e advertiser nella valorizzazione delle creatività.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Teads lancia il Luxury Brand Innovation Summit in partnership con vente-privee Group

- # # # #

Teads

Teads annuncia il suo primo Luxury Brand Innovation Summit, esclusivo appuntamento con l’innovazione per il settore del lusso che trasversalmente coinvolgerà tutte le principali industry di questo comparto. L’evento è in programma per il 28 Giugno e sarà ospitato presso gli uffici milanesi di Teads Italia, in Via Tortona 37.

Due ore e mezzo di full immersion, in cui saranno passati in rassegna i principali trend che stanno definendo un nuovo presente per la pubblicità online e come è possibile raggiungere solo KPI qualitativi. Tra i main topic dell’appuntamento emergono: un focus sulla crescita dell’offerta video e uno su come sta cambiando il modo di fare display advertising, grazie a modalità distributive in-text. Nello specifico, sarà rivelato attraverso quali tecnologie è possibile rendere scalabili asset creativi e come questi ultimi possono essere resi immersivi e interattivi, all’interno di ambienti editoriali di qualità.

Interattività e creatività saranno i due principali messaggi chiave per spiegare come costruire un’esperienza di branding online anche attraverso un uso intelligente dei dati. In tal senso, verranno mostrati esempi concreti su come trasformare un video o un formato display in un’esperienza memorabile e rilevante per il singolo utente, al momento giusto e nel contesto giusto, grazie anche all’intelligenza artificiale. Regole e tecniche per una comunicazione sempre visibile, sempre brand safe e tutelata da frodi online saranno tra i key learnings in agenda per quanto riguarda anche il tema della Clean Advertising.

Dario Caiazzo, MD di Teads Italia: “Costruzione della conoscenza e formazione sono due aspetti fondamentali per definire una relazione di fiducia con i nostri partner e clienti. Chi lavora con noi, deve conoscere le tecnologie che adoperiamo per capire come si può sfruttarle al meglio, per interpretare l’intera offerta del mercato. Ancora una volta apriremo le porte dei nostri uffici, questa volta per ospitare un’intera delegazione di brand del lusso, con l’obiettivo di raccontare non solo l’offerta di Teads ma in che direzione sta andando il mercato del digital e quali sono gli strumenti per valorizzare gli investimenti in termini di ROI, attraverso un approccio trasparente, cosciente e brand safe.”

Eliana Salvi, Industry Director Lusso di Teads Italia: “Abbiamo previsto anche la presentazione esclusiva dei risultati tra le nostre più recenti ricerche: in primis “The power of silent” un’analisi che indaga sull’importanza di un utilizzo strategico della presenza o non presenza dell’audio durante la distribuzione di una campagna pubblicitaria video su Internet. Infine, andremo a raccontare il recente report di “In News We Trust”, uno studio metodologico per comprendere come gli utenti online selezionano i singoli avamposti digitali sulla base della credibilità e dell’attendibilità che rappresentano, durante il percorso di fruizione dei contenuti di news in rete.”

Vente-privee Group, chiuderà i lavori con la sua visione dell’entertainment shopping online nel Luxury, attraverso una proposta di valore che pone al centro le esigenze del settore Lusso coniugando il posizionamento del brand con l’esperienza di acquisto esclusiva.

L’evento si concluderà con un aperitivo di networking organizzato sulla terrazza degli uffici di Teads e che permetterà di approfondire le tematiche emerse nel corso dell’appuntamento. Sorseggiando un calice di vino sarà possibile confrontarsi e scambiarsi stimolanti punti di vista sul futuro del digital advertising, anche alla luce delle evoluzioni tecnologiche in termini di AI e automazione dei processi.

L’AGENDA COMPLETA

17:00 | DARIO CAIAZZO & MASSIMO DI GENNARO
Introduzione al Luxury Summit e al Marketplace di Teads

17:20 | ANTONELLA LA CARPIA & LORENZO AGAPITO
Overview del mercato Digital & Trend del settore Luxury

17:40 | DONATELLA URRAI
Teads Studio & Creative Playbook

18:10 | ELIANA SALVI & MASSIMO DI GENNARO
Products Suite in Review & Luxury Studio Demo

18:40 | ANDREA DA VENEZIA
Digital Luxury & Entertaninment Shopping

19:00 | Conclusioni e Quiz Interattivo

19:20 | Aperitivo di networking durante il quale si potrà discutere “one to one” e approfondire le tematiche emerse durante l’appuntamento.

articoli correlati

MOBILE

Teads presenta il nuovo formato inRead AR: la Realtà Aumentata al servizio dei brand

- # # # #

inreadar

Teads, ideatrice della pubblicità video outstream e primo video advertising marketplace al mondo, ha presentato oggi al pubblico la prima versione dimostrativa del suo nuovo formato inRead AR, lanciato durante il Cannes Lion Innovation Festival tramite due demo create per Burger King e per Ray Ban.

inRead AR sarà disponibile attraverso Teads Studio nelle prossime settimane e consentirà ai brand di far leva sulla potenza della realtà aumentata (AR) per creare annunci altamente ingaggianti e interattivi. Il formato permette agli utenti di interagire con un annuncio in realtà aumentata, per esempio, nel caso di Ray Ban, “indossando” un nuovo paio di occhiali da sole. Non è necessario scaricare un’app: tutta l’interattività prende vita all’interno dell’ad unit di inRead AR, su browser mobile o desktop.

Rayban VR Demo from Teads on Vimeo.

L’integrazione della realtà aumentata è resa possibile grazie alla partnership con DeepAR, un team di ingegneri, ricercatori provenienti dal MIT, 3D designer con precedenti esperienze in Candy Crush e Dreamworks. Grazie a questa partnership, i designer e il dipartimento creativo interno di Teads potranno utilizzare la realtà aumentata di DeepAR con l’SDK di face-tracking per valorizzare l’esperienza pubblicitaria.

“La realtà aumentata è entrata a far parte dell’immaginario comune grazie ad app come Pokemon Go, che ha portato le persone ad avere sempre più familiarità con questa tecnologia”, spiega Bertrand Cocallemen (nella foto), Global Creative Director di Teads Studio. “inRead AR offrirà ai brand l’opportunità di interagire con i consumatori in modo molto più profondo e più personale, questo rende la pubblicità ancor più emozionante.

“Ora più che mai, la pubblicità ha la necessità di colpire e sorprendere i consumatori”. ribadisce Emi Gal, CEO di Teads Studio & CMO di Teads. “Questo formato permette ai brand di interagire con l’utente in modo creativo e ludico, creando esperienze divertenti e memorabili che producono risultati”.

articoli correlati

MEDIA

Teads True Visits: intelligenza artificiale per promuovere le visite ai siti

- # # #

true visits

Teads, la global tech company celebre per le sue soluzioni innovative di branding, annuncia oggi la sua prima offerta Performance, Teads True Visits. La nuova offerta farà leva sulle potenzialità dell’Intelligenza Artificiale di Teads per identificare e attrarre nuovi visitatori ai siti web degli advertiser.

I brand che acquistano click spesso rimangono delusi nel vedere che, sul totale dei click acquistati, il 50% in media non raggiunge il caricamento completo della landing page. Inoltre, gli utenti che ritornano sulla pagina non vengono distinti dai nuovi visitatori: infatti, se lo stesso utente clicca nuovamente, il costo viene addebitato più volte. Con True Visits, Teads introduce un modello d’acquisto rivoluzionario: il Cost Per Incremental Visitor (CPiV). I brand non pagano per i click ma solo per i nuovi visitatori, escludendo così coloro che hanno visitato il sito web in precedenza. Teads, quindi, addebita solamente una visita per ogni singolo utente, durante la campagna.

Le campagne di True Visits sono erogate esclusivamente sull’ Inventory Premium di Teads, che comprende due terzi dei 300 principali publisher secondo la classifica comScore.

“Teads ha costruito la sua forte reputazione sul modello d’acquisto CPCV (Cost per Completed View), diventato riferimento primario per le campagne video”, sottolinea Bertrand Quesada (nella foto), CEO di Teads. “Adotteremo lo stesso approccio rivoluzionario per le campagne Performance: gli advertiser non dovranno pagare per i click, ma solo per i visitatori reali!”

Teads raggiunge ogni mese un bacino di 1,2 miliardi di visitatori unici, di cui 800 milioni da mobile. Secondo comScore, la reach globale di Teads supera quella di Oath, Adap.tv, Brightroll, Tubemogul di Adobe e SpotX di Bertelsman. In molti paesi, inclusi gli Stati Uniti, la reach potenziale della società (ovvero la reach mensile deduplicata dei suoi publisher) è superiore a quella di Facebook.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Creatività e interattività: i messaggi chiave di Teads a interact 2018

- # # # #

Teads

Teads anche quest’anno è tra i main partner di Interact Milano 2018. Il congresso annuale torna nella sua prima edizione milanese organizzato da IAB Europe in collaborazione con IAB Italia.

“Teads è in prima linea a parlare di nuovi trend e svelerà – in anteprima mondiale – i risultati di una ricerca su creatività e interattività. L’abbiamo condotta in oltre 6 paesi in tutto il mondo. L’obiettivo è cercare di capire come conquistare l’attenzione dell’utente in maniera non intrusiva, ma coinvolgente e a presentarla sarà proprio la nostra VP Research. Interact è anche l’occasione per ufficializzare che stiamo lavorando negli ambienti OTT televisivi. In Italia, dobbiamo ancora attendere per avere un’offerta concreta, tuttavia presenteremo delle case history internazionali significative al fine di intravedere gli sviluppi nel futuro prossimo”, ha dichiarato Dario Caiazzo, Managing Director di Teads Italia.

Nella prima giornata, Imran Khan, Vice President Global Strategic Development, ha partecipato al Panel intitolato “Programmatic Video: unlocking the power of automation” che ha visto i principali leader europei del settore confrontarsi sul tema del programmatic buying la cui diffusione, soprattutto nel display advertising, ha fatto emergere nuovi scenari e tendenze. Come l’automazione dei processi di media buying possa essere strategicamente direzionata al fine di sfruttarne l’effettivo potenziale, è stato il tema principale dell’appuntamento del 23 maggio.

Il 24 maggio, invece, l’Interact Milano 2018 ospita un Key Note “Creativity & Interactivity: the perfect match to win the user attention” interamente firmato Teads, durante il quale, Caroline Hugonenc, VP Research, traccerà le guidelines per combinare perfettamente tecnologie e dati al fine di conquistare l’attenzione degli utenti specialmente su mobile.

Durante le due giornate di sessioni e workshop saranno trattati tutti i trend topic del momento e le sfide dell’advertising industry: innovazione tecnologica, video, programmatic, content creation, brand safety. Si parlerà anche del GDPR, il Regolamento europeo che sta per cambiare le modalità di raccolta e trattamento dei dati personali dei cittadini europei, e di e-Privacy, il Regolamento relativo alla tutela e protezione dei dati personali degli utenti, la cui deadline è stata fissata proprio il giorno dopo la conclusione dell’evento. Teads, in tal senso, è in prima linea per sottolineare l’impegno attivo e consapevole nella definizione di un approccio intelligente su tutte le strategie data-driven e sarà disponibile per interviste per approfondire l’argomento.

Key Note | 24 Maggio, 13:40 – 14:00 | Plenary
di Caroline Hugonenc VP Research di Teads
Title: Creativity & Interactivity: the perfect match to win the user attention.

articoli correlati