MEDIA

Tutta la potenza del Digital Out of Home: l’esperienza di Clear Channel

- # # # # #

Screen dalla campagna svedese Apotek e Clear Channel

L’ambiente esterno, in particolare quello urbano, rappresenta, per eccellenza, il luogo deputato a ospitare la comunicazione “Live”, intesa come dialogo interattivo con il consumer. Un esempio che sta suscitando un grande interesse mediatico è stato offerto in questi giorni dalla multinazionale americana Clear Channel che ha lanciato in Svezia, per promuovere i diritti dei non fumatori, una geniale e originale campagna advertising antifumo, studiata ad hoc per il Digital Out Of Home e creata dall’agenzia creativa Åkestam Holst. A commissionarla è stata una nota casa farmaceutica svedese, l’Apotek Hjärtat.

A prima vista, l’impianto digitale pubblicitario appare come tanti altri, ma appena qualcuno si avvicina con una sigaretta accesa, accade qualcosa di inaspettato; l’immagine comincia a prendere vita e l’uomo nel video inizia a tossire rumorosamente vicino al fumatore che incredulo non comprende cosa stia accadendo. Pochi istanti dopo, il protagonista del video lancia lo spot con il seguente pay-off: “la nostra missione è quella di aiutarvi a vivere di più e meglio”. Il trucco c’è, ma non si vede. Accanto allo schermo digitale sono stati collocati dei speciali sensori in grado di cogliere l’odore delle sigarette e di far partire il video del ragazzo che tossisce.

Questo è un ulteriore caso di come la spettacolarizzazione della realtà virtuale sia diventata tangibile grazie anche al Digital Out Of Home, riconosciuto come la nuova frontiera della Comunicazione dove i brand comunicano con la gente attraverso delle innocue e intelligenti “trappole” interattive che hanno il potere di innalzare in modo considerevole il livello di engagement del consumer.

Anche la Business Unit italiana del Gruppo Clear Channel è avvezza a simili esperienze.
Di recente Clear Channel Italia ha realizzato, in collaborazione con Sky, un’operazione di Live Streaming che ha avuto come principale protagonista Mara Maionchi la quale, poco prima della puntata di XFactor, è apparsa sullo schermo (LCD 70”) dell’impianto digitale (digitotem) di Clear Channel in Corso Vittorio Emanuele II ed ha interagito con i passanti in quanto il digitotem era stato dotato di casse audio, webcam e microfono temporaneo. Va anche ricordata l’operazione, avvenuta lo giugno scorso, di Moncler Gamme Bleu che ha mandato live, per la prima volta, lo show della collezione Primavera-Estate 2017 su una ventina di digitotem di Clear Channel Italia, posizionati nel cuore di Milano. Ma, in assoluto, il primo live streaming di Clear Channel Italia è stata la trasmissione in diretta audio/video dell’evento di apertura della XXI Mostra Internazionale della Triennale di Milano sui centralissimi 15 schermi LCD 72”. La view experience è stata amplificata anche dall’opzione di client engagement (via QR Code), che ha consentito agli utenti di accedere ai contenuti interattivi anche su smartphone e tablet.

Paolo Dosi, Amministratore Delegato di Clear Channel Italia così commenta: “Sono tutti esempi di come il nostro mezzo si stia profondamente trasformando. Oramai è evidente che l’Out-Of-Home sta assumendo una valenza sempre più dinamica nel mondo della comunicazione grazie alle nuove tecnologie digitali che impattano fortemente sulla costruzione di innovative campagne pubblicitarie spingendo a creare per gli advertiser soluzioni di comunicazione sempre più tailor-made e fortemente orientate all’engagement, una parola quest’ultima che sentiamo ripetere spesso ma che nell’Out-Of-Home ha una connotazione più evidente rispetto a qualsiasi altro mezzo. I progetti digitali, che contemplano il “live streaming”, sono a tutti gli effetti delle nuove forme di comunicazione, molto impattanti ed efficaci in termini di visibilità, capaci di portare il consumatore sempre più a contatto ravvicinato con il Brand dandogli la possibilità di vivere azioni uniche, molto più gratificanti e, soprattutto, cucite ad hoc alle proprie esigenze. Ma affinché il processo di valorizzazione del “Live” possa davvero aver luogo è necessario che il Digitale cresca ancora nell’ambito dell’OOH o, meglio, trovi un suo vero e proprio consolidamento. Naturalmente progetti ambiziosi come questi hanno bisogno di una squadra forte e coesa per essere realizzati, pertanto ci tengo a dire che il successo ottenuto in questo ambito è stato conseguito grazie a una forte e sinergica collaborazione tra il nostro Digital team e i nostri Partner tecnologici, Imecon e Fabbrica Digitale”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Forsman & Bodenfors firma la campagna “The Organic Effect” per la catena svedese Coop

- # # # # #

“The Organic Effect” è l’ultima campagna lanciata dall’agenzia Forsman & Bodenfors per la catena svedese di supermercati Coop. La campagna – un vero e proprio esperimento – rivela cosa accade in proprio corpo quando si comincia a mangiare soltanto cibo biologico. Il test, che ha coinvolto una normale famiglia svedese, è stato condotto dallo Swedish Environmental Research Institute IVL e il film è stato prodotto dalla casa di produzione Acne Film.

Sin dagli anni ’80 Coop è stata pioniera in Svezia per il biologico, aiutando gli agricoltori a passare alla coltivazione bio, favorendo l’accessibilità del cibo biologico per i consumatori e spronando la politica a fare sempre di più per la produzione di cibo biologico. Tuttavia, si sa, quello che mangiamo proviene da tutto il mondo e quindi i risultati di questo esperimento riguardano tutti noi.

Credits
Client: Coop
Agency: Forsman&Bodenfors
Art Director: Johan Eghammer, Johanna Hofman-Bang
Copywriter: Johan Olivero
Account Manager: Lena Grundström, Patrik Danroth
Account Director: Anders Härneman
Designer: Viktor Brittsjö
Agency Producer: Åsa Hammar
Planner: Amelie Sandström, My Troedsson
Digital Producer: Helena Wård

Production: ACNE Production
Director: Marcus Svanberg
Producer: Kristofer Larsson
DOP: Anders Jedenfors
Offliine Editor: Henning Mark
Post Production: Shortcut Stockholm
Sound: Plop Produktion

Video distrubution: Be On
Jenny Canborn
Renée Vennberg
Carl-Christian Dyrssen
Maria Molsa

articoli correlati

MOBILE

Widespace, il mobile advertising diventa premium e sbarca in Italia

- # # # # #

Nata in Svezia nel 2007 dall’intuizione di Patrik Fagerlund e Henric Ehrenblad, i due co-fondatori, Widespace ha conquistato diversi mercati europei stabilendo la sua presenza in nove Paesi – Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Uk, Francia, Olanda, Germania e Italia – raggiungendo 66 milioni di utenti unici mensili e il 35% di reach sul totale della popolazione dotata di smartphone.

Con un fatturato di 16 milioni di euro nel 2013 e un tasso di crescita del 200% Widespace punta sul mercato italiano e apre i suoi uffici a Milano al 6° piano di Piazza IV Novembre. La peculiarità del network consiste nel mettere in relazione editori e inserzionisti premium sfruttando l’innovazione tecnologica con una specifica attenzione al cambiamento del comportamento dei consumatori. L’azienda scandinava ha già stretto accordi con diversi partner tra cui Editoriale Domus, Gruppo Finelco, Piemme Online e WebSystem.

“Nonostante la multitudine di player in Italia – spiega Patrik Fagerlund (nella foto), co-fondatore e AD di Widespace – bisogna essere capaci di interpretare nel modo corretto il mobile che rappresenta una grande opportunità a livello di business. La forte espansione dei device e le abitudini di consumo del mobile sono molto simili in tutto il mondo e Widespace riesce a mutuare ottime case history da country a country, grazie alla capacità di proporre format premium e flessibili. Uno schermo piccolo ma potente quello dei device che secondo gli ultimi dati di IAB Europe e IHS, nel 2013, ha registrato una crescita di spesa nel mercato del mobile adv del 128,5% nei Paesi dell’Europa occidentale, Italia inclusa.

“Lavoriamo su campagne di brand a cpm puntando alla qualità – spiega Filippo Gramigna, Head of Partnerships di Widespace Italia – e non su cpc. I nostri format riescono a offrire al mercato un’esperienza molto premiante per il racconto del brand all’interno del piccolo ma influente schermo in mano a ognuno di noi”.

Widespace offre formati pubblicitari innovativi e garantisce il raggiungimento di un’ampia reach grazie a un network di editori di qualità. Attraverso un algoritmo proprietario, l’annuncio pubblicitario viene indirizzato dove genera maggior impatto e CTR garantendo una distribuzione mirata e controllata degli annunci in grado di raggiungere, al momento giusto, l’audience più interessata a uno specifico messaggio pubblicitario. Soluzioni facili ed efficaci all’insegna della trasparenza con campagne non invasive come quella online sul m-site del Sole24Ore – che propone il formato 3D Swipe Cube e consente di avere da 2 a 12 facciate disponibili senza distrurbare l’esperienza sul sito.

“Con la nostra tecnologia all’avanguardia, i formati innovativi sviluppati appositamente per dispositivi mobile e una reach in forte espansione, siamo in grado di offrire nuove opportunità di comunicazione ai brand italiani. La chiave è raggiungere il loro target attraverso un network di editori di grande qualità e proporre strategie dedicate ai brand che muovono i primi passi in questo nuovo canale di comunicazione”, aggiunge Nicolò Palestino, Head of Sales Widespace Italia. La varietà di formati offre un sistema di filtraggio per gli editori a organizzare campagne che migliorano l’esperienza dell’utente. Numerose opzioni di targeting compresa l’ubicazione geografica, età, sesso, sistema operativo, dispositivo, giorno e ora. Strumenti di amministrazione che consentono agli editori di monitorare il traffico in tempo reale e di follow-up utili e agli inserzionisti per gestire le campagne pubblicitarie.

“Il veloce sviluppo che l’ecosistema digitale ha avuto in Italia negli ultimi anni e l’ampia diffusione di dispositivi mobile creano un’ottima base per il lancio di Widespace e lo sviluppo della nostra attività commerciale”, conclude Alberto Spinelli, Senior Advisor Widespace Italia. Fanno parte del network di Widespace app e m-site di intrattenimento, sport, finanza, lifestyle e news degli editori più riconosciuti, nonché alcune tra le stazioni radio più importanti. In tutta Europa Widespace collabora con i più grandi gruppi editoriali tra cui spiccano nomi come Le Monde, Le Nouvel Observateur, The Independent, Evening Standard, The Weather Channel, Runtastic, MTV, Expressen, e molti altri ancora. In Italia Widespace ha accordi con alcuni più importanti partner editoriali nel cui portafoglio ricordiamo alcune prestigiose testate: Il Sole 24 Ore, Sky, Radio 105, Quattroruote e Il Messaggero.

 

di Fiorella Cipolletta

articoli correlati