AGENZIE

M’Over, il progetto di Cortina d’Ampezzo, affida a Mapo Studio la sua brand identity online e offline

- # # # # #

M’Over, un ambizioso progetto turistico e sportivo di Cortina d’Ampezzo, ha affidato a Mapo Studio il compito di creare la brand identity online e offline, e fornire gli strumenti di comunicazione utili a distinguersi nel mercato. Una coesione particolare tra design, fotografia e video che ha permesso a Mapo Studio di sintetizzare l’ampia offerta di M’Over e costruire uno storytelling efficace e d’impatto, restando fedeli all’unicità di valori e alla passione che contraddistinguono questa iniziativa.

“Cercavamo uno studio che riuscisse a valorizzare il nostro progetto” commenta Alberto Pivato, Socio e Direttore della struttura invernale di M’Over, “e in Mapo Studio abbiamo trovato un gruppo di persone che ha messo insieme novità e innovazione, rendendo chiaro il nostro messaggio: non siamo una solita scuola di sci, ma una realtà che vuole far vivere la montagna a 360°, in estate e in inverno”.

Kristian Ghedina & Deborah Compagnoni fra gli attori principali di questo bellissimo film, un nuovo modello per il rilancio del turismo ad alta quota. Oggi M’Over si sta preparando alla prossima stagione estiva, all’insegna sempre dell’innovazione dei servizi da proporre e della qualità dell’output.

Ma non basta. La prossima sfida sarà quella di strutturare M’Over come uno Exclusive Sport Provider nel mondo, dove i nostri clienti grazie al network che andremo a disegnare potranno trovare gli stessi standard d’eccellenza, gli stessi format didattici e le stesse emozionanti esperienze.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Here’s to us – Brindiamo a noi”: tre protagoniste d’eccezione celebrano il Baileys Shakerato

- # # # # #

Baileys si prepara all’arrivo dell’estate con Baileys Shakerato, una ricetta esclusiva per l’Italia raccontata attraverso uno storytelling a puntate da tre protagoniste eccellenti: le digital influencer Chiara Biasi e Patricia Manfield e la producer e DJ Natasha Slater.

Ispirandosi al claim ‘Here’s to us – Brindiamo a noi’, Baileys Shakerato diventa il filo conduttore di tre momenti di incontro, ciascuno caratterizzato dai valori di convivialità, amicizia e voglia di stare insieme, tipici del mondo Baileys. Dalla scelta della meta per le prossime vacanze estive a un pomeriggio passato ad ascoltare brani pop storici, passando per la preparazione di un fresco Baileys Shakerato, le protagoniste ci ricordano la bellezza semplice e appagante dell’amicizia e della convivialità.

articoli correlati

MEDIA

“Every story worth telling”: il progetto multimediale della Televisione Svizzera Italiana

- # # # # # #

The Italy Diaries è un progetto di giornalismo e storytelling multimediale che nasce con una serie di video che presentano storie italiane: persone, vicende umane, luoghi, professioni, sfide, tradizioni.  Un nuovo format il cui obiettivo è raccontare quello che ci sta intorno, scoprire l’insolito nell’ordinario, lasciandosi guidare sempre dalla curiosità e non legandosi necessariamente all’attualità. I primi video della serie sono diffusi dalla televisione nazionale svizzera RSI e sono visibili a tutti sul canale web tvsvizzera.it.

Lo slogan è “Every story worth telling” (“tutte le storie che meritano di essere raccontate”) e ognuno ha una storia che vale la pena di scoprire. Tra le storie già in onda quella di Gianni Mimmo, musicista jazz, discografico e artigiano, uno dei pochi riparatori e restauratori italiani di strumenti a fiato. C’è la storia di Eustachio D’Ercole, memoria storica dei Sassi di Matera, un tempo luogo di povertà e lotta quotidiana e oggi patrimonio mondiale Unesco. Carlo Alberto Redi, biologo dell’Università di Pavia e Accademico dei Lincei spiega che cosa è la creatività e l’irrequietezza che anima i ricercatori. Si va poi a Torino dove si racconta il lavoro umano dietro un grande evento come l’Ostensione della Sindone e a Lucca dove si incontra “il duellante” Andrea Bocconi schermidore da 54 anni.

Il web e le nuove strumentazioni danno la possibilità di poter realizzare documentari e reportage di qualità con grande facilità. La tecnologia è funzionale e maneggevole, la comunicazione può avvenire attraverso siti istituzionali o i social network. Questa possibilità può essere messa al servizio dello storytelling. The Italy Diaries nasce con l’ambizione di sperimentare queste possibilità.

The Italy Diaries è un progetto creato da Epoché, un’agenzia giornalistica culturale di Pavia e Fosphoro agenzia fotogiornalistica con sede in Svizzera.

articoli correlati

NUMBER

2015 Emerging Top Ten Trends di ZenithOptimedia: la personalizzazione al centro del consumer engagement

- # # # # # # # #

Le marche abbracceranno sempre più le nuove tecnologie per mettersi nelle condizioni di creare esperienze potenti e personalizzate per i consumatori. Questa è la previsione chiave di ZenithOptimedia nel suo ultimo report mondiale 2015 Emerging Top Ten Trends, focalizzato sui consumer insight. Nel suo studio globale, ZenithOptimedia ha preso in analisi il modo in cui le nuove tecnologie avranno un impatto sulla distribuzione, sui mezzi di comunicazione e sull’intrattenimento, oltre a investigare come i brand possano fare leva su queste innovazioni per personalizzare le esperienze del consumatore all’interno delle strategie di comunicazione.

Concentrandosi sul modo in cui i cambiamenti tecnologici cambieranno il comportamento dei millennial, l’agenzia ha considerato i nuovi tipi di esperienza personalizzata che le marche possono creare lungo il percorso di consumo, coinvolgendo più efficacemente il proprio pubblico. ZenithOptimedia ha estratto 10 tendenze emergenti a partire da queste esperienze alimentate dagli owned media.

L’esplosione del video: il branded content su richiesta – L’agenzia si aspetta che l’online video peserà per il 12% di tutti gli investimenti digitali nel 2015. Diversi consumatori stanno del tutto abbandonando la televisione tradizionale e i video online emergeranno come un’alternativa mainstream alla fruizione lineare della televisione. Più marche si faranno creatrici di contenuto, stipulando partnership con le celebrità del mondo online per creare contenuti video e realizzarli su misura rispetto a pubblici specifici.

Proximity marketing: i beacon illuminano la via – Il proximity marketing esiste già da diverso tempo ma ora è pronto a salire a un livello superiore con l’introduzione della tecnologia beacon – trasmettitori radio a bassa potenza che inviano agli smartphone degli utenti segnali Bluetooth con informazioni in tempo reale. I brand utilizzeranno sempre più questa tecnologia per fornire ai consumatori offerte e servizi rilevanti e per creare esperienze localizzate.

La fragranza del retail: il profumo del successo – Le marche più all’avanguardia stanno iniziando a sfruttare le novità nell’utilizzo di profumi e fragranze per modificare le sensazioni, potenziare le emozioni e creare esperienze per i consumatori nella distribuzione dei prodotti. Gli editori cominciano a sperimentare fragranze corrispondenti a capitoli specifici nei libri ed è stato creato Ophone, un dispositivo che permette di inviare fragranze come fossero messaggi.

La social personalisation: oltre i consigli degli amici – I consigli di amici e conoscenti sui social media aiutano da diversi anni le persone a scegliere fra marca e marca. A ogni modo, ZenithOptimedia ritiene che questo fenomeno balzerà in avanti quest’anno, dando vita alla social personalisation. Sostenute dai brand, le persone potranno avere maggiore controllo sulla creazione di liste dei desideri online personalizzate e sull’identificazione di persone cui rivolgersi per avere consigli.

Fatto su misura: la tecnologia spinge la personalizzazione – Quest’anno diventerà ancora più mainstream anche la tecnologia per la personalizzazione dei prodotti preferiti dai consumatori. Al Consumer Electronics Show 2015 è stata mostrata una vasta gamma di stampanti 3D a buon mercato che si potranno acquistare al dettaglio: è un fattore che cambierà veramente le regole del gioco, dando ai consumatori molto più controllo sul modo in cui entrano in relazione profonda con le marche e in cui personalizzano i prodotti.

Dall’immagine all’acquisto – Mentre l’attenzione al momento è focalizzata sulla crescita del video online, le innovazioni tecnologiche stanno trasformando le immagini online e il visual web in potenti mezzi per lo shopping personalizzato. I canali di vendita cominciano a essere costruiti con l’aspetto di siti di immagini e i brand investiranno in visual di maggiore qualità per coinvolgere i consumatori, come succede su Pinterest.

Fai “swipe” verso destra per comprare: le interfacce mobile a cavallo dei settori online – Su una strada aperta dalle applicazioni di incontri come Tinder, le interfacce che permettono all’utente di esprimere la propria preferenza scorrendo il dito verso destra su un touch screen stanno diventando così diffuse ed efficaci che sono state adottate anche da altri settori online, come la distribuzione nel mondo del fashion. La semplice funzionalità “mi piace” viene già utilizzata per aiutare le persone a creare liste dei desideri personalizzate e ZenithOptimedia ritiene che le interfacce mobile faranno da punto di scambio fra settori e generi di comunicazione durante il 2015.

I sensori smart: l’automazione diventa realtà – I sensori ci permettono di connetterci con un numero sempre più ampio di dispositivi attorno a noi e questa accresciuta connettività ci aiuta ad automatizzare le nostre vite. Mentre gran parte delle discussioni negli ultimi anni ha riguardato il potenziale del futuro, la realtà a buon mercato tramite sensori è stata sotto gli occhi di tutti al Consumer Electronics Show 2015. La connettività e l’automazione permetteranno alle marche di creare servizi online che accompagneranno il consumatore nei suoi spostamenti, spingendo la crescita dell’engagement personalizzato.

Brand storytelling: è la tecnologia a cambiare la trama – Le narrazioni di marca diventeranno di gran lunga più immersive grazie all’integrazione di diversi tipi di media, opzione resa possibile dalle nuove tecnologie d’interazione. I consumatori beneficeranno di contenuti integrati senza soluzione di continuità fra un dispositivo e l’altro, mentre le marche potranno sviluppare narrazioni migliori utilizzando contenuti confezionati con cura, che funzionano su molteplici piattaforme.

Geotainment: rendi social i luoghi intorno a te – Sempre più i millennial cercano interazioni coinvolgenti con l’ambiente e coi propri dintorni: le tecnologie di geolocalizzazione stanno subendo un processo di adattamento per rendere più agevoli queste interazioni. Le marche scopriranno nuove opportunità per utilizzare servizi di messaggistica location-based o per creare esperienze immersive basate sulla posizione dell’utente.

“I brand più determinati e convinti nel raggiungere il proprio scopo sono pronti a beneficiare di una vastità di tecnologie emergenti che consentiranno loro di creare esperienze più autentiche e preziose per i consumatori. Creare esperienze personalizzate che si intrecciano col percorso di consumo diventerà un fattore critico per le marche che cercano sostenibilità per il proprio ritorno sull’investimento”, ha commentato Linda Tan, Strategic Insights Director di ZenithOptimedia Worldwide.

Il report 2015 Emerging Top Ten Trends può essere letto cliccando qui

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Emotional storytelling nel nuovo sito web corporate di Autogrill. Il progetto è firmato dall’agenzia Message

- # # # # #

Autogrill si presenta agli utenti della rete con un nuovo volto. Una veste innovativa del sito corporate www.autogrill.com che riflette l’anima “Feeling good on the move” e l’eccellenza del Gruppo nel settore della ristorazione in viaggio. Il progetto aggrega le tendenze più avanzate nel mondo del web design internazionale e della comunicazione digitale, che pone al centro l’esperienza dell’utente. Storytelling, layout verticale, responsive design, infografiche, video e foto gallery costituiscono i principali strumenti utilizzati per rendere più interattiva e multimediale la navigazione.

Il nuovo stile editoriale integra contenuti informativi e narrativi, identificati in due percorsi di navigazione paralleli e messi in evidenza nella Home Page e nelle Front Page delle voci di menu di primo livello. Oltre alle sezioni istituzionali: Governance, Sostenibilità, Investitori, Media e People, sono presenti due nuove aree, Chi siamo e Our Way, dedicate alla descrizione del Gruppo e alle sue competenze distintive.

Il sito include, inoltre, un magazine “A small world” all’interno del quale, attraverso la tecnica narrativa dello storytelling, vengono raccontati il percorso di innovazione in atto e il nuovo approccio alla ristorazione nei canali del viaggio. Un insieme di storie raccolte in rubriche dedicate “Passione in movimento, Un mondo da vivere, Inventando il futuro, Dritti alla meta e Un’anima glocal” e rappresentative dei valori del Gruppo.

Il nuovo autogrill.com nasce con approccio “mobile first”, con un layout a scroll verticale e un’interfaccia completamente responsive, adattabile a tutti i device mobili.

Il progetto è stato sviluppato con il supporto dell’agenzia Message.

 

articoli correlati

MEDIA

Schmid Productions e Blinking City raccontano i gesti dei casari nel nuovo spot del Parmigiano Reggiano

- # # # # #

I gesti, la cura, la verità e l’attesa. Sono questi i valori usati nella nuova comunicazione televisiva del Parmigiano Reggiano, il formaggio italiano più conosciuto nel mondo. È uno spot pubblicitario ma sembra quasi un reportage. Per l’occasione, infatti, l’agenzia Tribe Communication si è rivolta ai registi Gianluca Giannone e Andrea Mignolo del collettivo artistico Blinking City, specializzato in storytelling emozionale.

La collaborazione è nata grazie a un film per il web realizzato in precedenza dai due registi e ripreso dai blogger di tutto il mondo. “Su Blinking City cerchiamo di raccontare quella bellezza spontanea che si trova nelle persone che vivono e lavorano ogni giorno con creatività e passione. Qualità che abbiamo ritrovato immediatamente nei casari del mondo del Parmigiano Reggiano. La loro dedizione è incredibile. Ogni giorno, 365 giorni l’anno, si prendono cura delle loro bimbe, come amabilmente chiamano le forme di Parmigiano Reggiano”, raccontano Gianluca Giannone e Andrea Mignolo.

Lo spot è stato girato interamente nei locali di un caseificio nella provincia di Parma. “Siamo stati accolti in una grande famiglia. La gente dei caseifici e del Consorzio è meravigliosa. D’altronde un formaggio come il Parmigiano Reggiano non può che nascere da persone così oneste e autentiche”, dichiara Luigi Schmid che con la sua Schmid Productions ha curato la realizzazione dello spot. “In questa produzione hanno preso parte tecnici di grande esperienza e talenti giovanissimi, il risultato è stato straordinario, una crew pronta e affiatata come raramente succede in pubblicità”, continua Schmid che con Blinking City si conferma attento scopritore di talenti.

Nello spot un effetto di slow-motion e lievi movimenti di macchina permettono allo spettatore di apprezzare i gesti compiuti quotidianamente dai casari: la copertura con il lino della forma, il passaggio nell’acqua salata, la messa a riposo sulla scalera. Solo alcuni dei tanti gesti esperti che uniti ai tempi lunghi della stagionatura (minimo dodici mesi, in media oltre ventiquattro) permettono alle forme di diventare Parmigiano Reggiano. Il tutto ripreso in modo autentico, senza inutili artifici, per raccontare nel modo più diretto possibile la verità del mondo del re dei formaggi.

Lo spot è in onda su tutte le principali reti televisive nazionali dal 30 novembre al 20 dicembre. La programmazione continuerà nel 2015 con un finale non natalizio.

CREDITS

Cliente: Consorzio del Parmigiano-Reggiano
Agenzia: Tribe Communication
C.d.p.: Schmid Productions
Regia: Gianluca Giannone e Andrea Mignolo (Blinking City)
Fotografia: Max Gatti
Postproduzione: Red-Line
Sound: Andrea Gabriele
Fotografo stampa: Gianluca Giannone

articoli correlati

BRAND STRATEGY

È online da oggi Journey, il magazine digitale di Coca-Cola Italia

- # # # # #

A soli due anni dal lancio americano, Journey – innovativo strumento di comunicazione online – sbarca in Italia portando con sé il carico di innovazione e forza narrativa che ne hanno fatto un modello a livello internazionale. Come il suo genitore stelle-e-strisce, che ha segnato un punto di svolta in tema di comunicazione digitale, con Journey Coca-Cola Italia vira da una comunicazione tradizionale a uno strumento più simile a un magazine digitale, un portale, ricco anche di informazioni, in cui il racconto – lo storytelling – è la nuova cifra della comunicazione. Il racconto dei brand, di come li vivono i consumatori, la condivisione delle infinite storie, tante italiane, che nascono intorno a un marchio così globale eppure così vicino a milioni di persone e con profonde radici anche nel nostro Paese.

Il segreto non sta solo nella misteriosa ricetta quanto nella “forza positiva” di una marca che, sin dalle prime bottiglie, è stata assimilata dalle culture di ogni angolo del globo. Come ci sia riuscita è parte della sua storia leggendaria. Come riesca oggi a coinvolgere, farsi amare e continuare a narrarsi è il risultato delle storie che nascono da e con una Coca-Cola. Queste storie sono il cuore di Journey e lo saranno nella sua versione italiana.

Non si tratta infatti di una semplice traduzione del sito americano, se non nelle sembianze e in alcune news, piuttosto di una declinazione che ne fa emergere il lato italiano: dal lavoro degli imbottigliatori e dei distributori, al collezionista di lattine entrato nel Guinness dei Primati, alle arance italiane, ingrediente fondamentale di Fanta, fino alla celebre campagna natalizia degli anni Settanta la cui colonna sonora canticchiamo ancora oggi. Insomma, Journey parla italiano meglio di quanto si creda e il viaggio diventa veramente una scoperta a bordo del sogno Coca-Cola.

Come la sua versione d’Oltreoceano anche quella nostrana non tralascia le informazioni sulle sue persone, sui progetti dell’azienda e i suoi marchi, ma questi saranno soprattutto spunti per i racconti che comporranno l’intera narrazione firmata Coca-Cola.

“Qui in Italia è ancora viva l’eco del lancio americano di Journey”, afferma Vittorio Cino, Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di Coca-Cola Italia “e oggi Coca-Cola Italia è orgogliosa di contribuire ad arricchire il grande racconto Coca-Cola con i propri contenuti e di condividerli attraverso Journey. Ogni settimana saranno pubblicati tre nuovi articoli tra contenuti italiani e internazionali. L’Italia è uno dei Paesi al mondo con la più alta brand love, come definiamo la passione per il brand, e questo ci spinge a dare più spazio possibile alle nostre storie, sia che provengano dall’azienda che dagli amanti del brand. La nostra ambizione è trasmettere positività e valorizzare sia i contenuti di respiro globale, sia quelli locali e penso ad esempio alla storia di Davide Andreani, il collezionista italiano da Guinness dei Primati. Le notizie italiane avranno anche un taglio istituzionale”, conclude Vittorio Cino, “come la partnership con Expo 2015 che ci offrirà numerosi spunti per raccontare le storie italiane che vogliamo condividere”.

Proprio l’idea di condivisione, che è alla base del progetto Journey, sarà valorizzata dall’uso dei social network. Questi diventeranno canali di diffusione delle storie Coca-Cola e catalizzatori di momenti ed emozioni di tutti coloro i quali abbiano una storia “Coca-Cola” da condividere. Attraverso i social network infatti si chiederà agli appassionati del brand di inviare fotografie, post, video, e tutto ciò che possa contribuire a raccontare le loro storie, grazie alle quali continuerà la grande “narrazione Coca-Cola”.

Con Journey Coca-Cola Italia offre un’ampia raccolta di informazioni che proporrà utilizzando lo storytelling come modalità espressiva, per avvicinare, coinvolgere, appassionare tutti i propri interlocutori.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Qualità Rossa protagonista del nuovo shooting fotografico commissionato da Lavazza a DigitasLBi. Scatti di Lorenzo Pesce

- # # # # # #

Il piacere del caffè nei volti e nei gesti di quattro famiglie italiane è il protagonista del nuovo shooting fotografico commissionato da Lavazza a DigitasLBi per Qualità Rossa, prodotto storico e di punta della casa torinese. Gli scatti, realizzati da Lorenzo Pesce, raccontano quattro momenti di vita domestica, nei quali una tazza di Qualità Rossa offre l’energia della ricarica e del risveglio, assieme alla soddisfazione del condividere questo piacere con coloro che ci sono vicini. L’energia del caffè si riflette nelle chiacchiere mattutine di tre giovani, al grande tavolo da cucina di una famiglia numerosa, nella pausa di una coppia alle prese con il trasloco e nell’abbraccio in salotto di due nonni.

Con uno stacco netto rispetto all’utilizzo diffuso di immagini standardizzate nelle attività di marketing online, Lavazza, DigitasLBi e Lorenzo Pesce hanno collaborato alla creazione di uno storytelling di forte carattere, dove la fotografia restituisce il rito quotidiano degli italiani con un registro improntato ad allegria, sincerità e carica, rispecchiando i valori del brand. Una prima selezione di foto è stata posta al centro della nuova comunicazione del prodotto su Lavazza.it, con la nuova pagina dedicata a Qualità Rossa, dove i ritratti delle famiglie accompagnano il racconto delle origini e delle caratteristiche della miscela.

“Questo progetto fotografico esprime l’autenticità, il piacere e la familiarità di Lavazza Qualità Rossa, prodotto icona di Lavazza, attraverso le generazioni” – spiega Maddalena Lembo, Advertising and Digital Marketing Manager di Lavazza – “così come la presenza del prodotto nel risveglio e nelle case delle famiglie italiane di oggi e di domani. Grazie al contributo di DigitasLBi e Lorenzo Pesce, è nata una rappresentazione di grande effetto sulla famiglia italiana e sul caffè”.

“Dal punto di vista creativo Qualità Rossa è un prodotto affascinante proprio perché può affermare qualcosa di assolutamente unico: è il caffè preferito dalle famiglie italiane, in tutta la loro meravigliosa varietà” – commenta Fabio Paracchini, Executive Creative Director DigitasLBi. “È un’idea al tempo stesso estremamente semplice eppure difficilissima da raccontare senza intaccarne la naturale credibilità, e Lorenzo era il fotografo perfetto per riuscirci”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Benetton è partner della serie web “Sguinzagliate” online su D.repubblica.it

- # # # # # #

Tre donne giovani e libere, i loro  simpatici cani, un guardaroba-identità firmato United Colors of Benetton: lo stile, pratico e quotidiano quanto chic e raffinato, del brand che ha colorato il mondo veste le tre protagoniste (e i loro allegri amici a quattro zampe) di Sguinzagliate, la serie web prodotta da 3Zero2, di cui United Colors of Benetton è partner, che sarà ospitata su D.repubblica.it, il sito del magazine femminile di Repubblica.

La partecipazione alla serie transmediale rappresenta una nuova tappa dello storytelling United Colors of Benetton che si esprime attraverso diversi linguaggi espressivi e su più piattaforme editoriali, in perfetta sintonia con l’identità libera e democratica del brand che identifica la donna di oggi.

La scelta di produrre contenuti per i soli media digitali è dovuta alla fase di vera e propria disruption che sta avvenendo del mondo dei media. L’intrattenimento audiovisivo rimane il prodotto per eccellenza in tutte le forme di comunicazione, e gli utenti della rete ne aumentano la fruizione grazie al miglioramento della connettività e allo sviluppo dei nuovi device. Per United Colors of Benetton questa collaborazione, oltre a rispondere a una continua volontà di innovazione,  è anche un omaggio alla donna, al suo ruolo di ispiratrice e protagonista sempre più importante del nostro tempo, per testimoniare l’impegno, l’energia, la libertà e – perché no? – il divertimento della vita coniugata al femminile.

Realizzata da 3Zero2, la serie racconta le avventure quotidiane di tre giovani donne urbane che si incontrano nell’area riservata ai cani di un parco cittadino. Ilaria è una trentenne giornalista di successo che porta a spasso un jack russel espressivo e divertente, Judelaw. Giulia è una bellissima studentessa universitaria che trova sicurezza nel rapporto con il labrador Vaniglia. Monica, una sofisticata ultratrentenne  che aspira alla maternità e intanto coccola il saggio bastardino Tancredi. L’intreccio delle loro storie di vita quotidiana – lavoro e sentimenti, gioie e preoccupazioni, successi e insuccessi piccoli e grandi – sono raccontate con stile rapido e ironico, anche attraverso il punto di vista dei tre cani che “commentano” i fatti con molta saggezza e senso dell’umorismo.

Gli episodi della serie, circa 7 minuti ciascuno, saranno on line su D.repubblica.it a partire dall’8 ottobre. Sguinzagliate sarà visibile anche sull’apposito portale sguinzagliate.it, dove l’interazione con l’utente sarà esplosa in numerosi sketch, dialoghi e altre iniziative, soprattutto legate al mondo degli amanti dei cani. Saranno mostrati anche i “dietro le quinte” della serie così come li vede Marta la Stylist, un personaggio ironico e puntuale che parla direttamente al pubblico, racconta aneddoti e mostra video che esplorano il mondo del format, con l‘obiettivo di aumentare il traffico sui canali social e l’interesse globale del pubblico.

articoli correlati

AGENZIE

Arscolor Interactive firma il Video Storytelling per il Mascarpone Optimus di Newlat

- # # #

La digital agency Arscolor Interactive ha realizzato la campagna online che sarà online sino al 16 dicembre per il Mascarpone Optimus della Newlat. La strategia prevede l’impiego di un testimonial d’eccezione: lo Chef Loli Linguanotto, inventore del tiramisù, che invita i navigatori a partecipare ad un concorso online attraverso la condivisione delle proprie ricette a base di mascarpone.

Arscolor Interactive si è occupata sia della creatività che della realizzazione dei mezzi a supporto della campagna:
– il video di Loli Linguanotto:
– il sito internet dedicato al prodotto;
– la brand page Facebook;
– la stesura di un piano editoriale;
– lo sviluppo di un concorso per stimolare l’engagement e la partecipazione del pubblico.

Maria Cristina Vezzani, marketing manager di Newlat ha dichiarato: “Competenza tecnica e professionalità insieme a vivacità  e disponibilità sono le caratteristiche che abbiamo apprezzato in Arscolor Interactive. Per il nostro primo progetto digital, era necessaria la garanzia di un sistema web che non creasse problemi , seguito in ogni dettaglio con efficienza ed efficacia  e che ci permettesse di valutare i risultati per intraprendere “la via digital” con tranquillità e implementare  tanti altri progetti”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Wrong ADV e MY PR firmano la nuova operazione speciale per i Post-it Super Sticky di 3M. Produzione a cura di Movie & Arts

- # # # # # # # #

Parte oggi la nuova comunicazione  dei  foglietti adesivi Post-it Super Sticky, #4EverSticky, ideata da Wrong ADV insieme a MY PR; un’operazione speciale che punta a promuovere gli elementi distintivi di questo prodotto: super adesività, resistenza e versatilità.

#4EverSticky è partita dall’idea di trovare qualcosa che nella vita sia veramente duraturo, resistente alle avversità e capace di adattarsi ai cambiamenti, così come lo sono i nuovi foglietti riposizionabili Post-it Super Sticky. E chi può esprimere meglio questi valori se non le coppie di una certa età, sposate da almeno 40 anni, che hanno saputo rimanere “attaccate” superando indenni cambiamenti e crisi, sempre continuando ad amarsi?

I segreti svelati da queste simpatiche e longeve coppie per mantenere vivo il proprio matrimonio sono stati poi raccolti in 7 video postati sui canali Facebook e YouTube del marchio Post-it Italia: da un semplice “non addormentarsi senza aver fatto pace” a “non smettere mai di corteggiarsi”, #4EverSticky mette a disposizione più di 30 consigli indispensabili per costruire un legame duraturo.

Il marchio Post-it non si è limitato a raccogliere questi consigli, ma ha scelto di condividerli con tutti, soprattutto con chi si accinge a compiere “il grande passo”, attraverso un decalogo creato appositamente con i “comandamenti” da seguire per restare attaccati tutta la vita e conservare a lungo, intatto e ricco di soddisfazioni, il proprio rapporto sentimentale. Gli sposi che hanno deciso di convolare a nozze a Milano il 20 settembre, giornata dell’Unità Nazionale, hanno anche ricevuto un omaggio speciale: un dispenser a forma di cuore pieno di foglietti Post-it Super Sticky, timbrati con i consigli delle coppie inossidabili che si sono sposate più di 40 anni fa.

In un video finale, è stato poi riassunto lo storytelling dell’intera operazione. La produzione è stata curata da Movie & Arts, con la regia di Pierluigi Ferrandini, vincitore, tra l’altro, del Premio della Giuria allo “Holly Shorts Film Festival” di Hollywood con il corto “Oroverde”.

articoli correlati

AZIENDE

Ideali Way: uno storytelling che parte dall’interno

- # # # # # # # # # # #

“Lo storytelling viene troppo spesso visto come prerogativa della comunicazione esterna di un brand; noi in realtà abbiamo cominciato al contrario: partendo dalla comunicazione interna ed arrivando a quella esterna” racconta Carlo Maffeo, Strategic Planner di Ideali Way (nella foto)  brand experience agency. “Potremmo dire che la nostra storia è stata battezzata dallo storytelling e dal brand entertainment a esso legato. Ideali Way infatti nacque come incentive house specializzata nel Team Engaging; settore fortemente legato alla necessità di inventare storie che possano proiettare la formazione in ambiti diversi dalla routine aziendale, mirando al coinvolgimento e all’ascolto in modi nuovi ed originali”. Una filosofia aziendale che, però, non è rimasta confinata alla comunicazione interna, come svela Roberta Stazi, Account Manager del gruppo. “Lavorando con grandi marchi abbiamo poi “alzato il tiro”, allargando il nostro core business al mondo degli eventi corporate di grandi dimensioni. Molti potrebbero faticare a trovare un nesso tra il mondo MICE e il Brand Storytelling. In realtà noi abbiamo sempre dato ai nostri eventi un’impronta fortemente comunicativa e creativa, puntando sempre a creare contenitori di emozioni che riuscissero a creare engaging. E chi ci ha scelto in questi anni lo ha fatto sapendolo e puntando proprio a questo nostro tratto distintivo”.
Sulle prospettive odierne del gruppo prosegue Carlo Maffeo. “Sviluppando un importante know-how con clienti esigenti, negli ultimi anni abbiamo deciso di fare un ulteriore passo, fortemente strategico in questo mercato: allargarci al campo della comunicazione integrata e della pubblicità Btl. Quando lavoriamo su progetti di comunicazione esterna, raccontare storie coinvolgenti e coerenti con il prodotto è spesso essenziale: l’idea è quella di creare un rapporto più passionale, in cui il fan della marca smette di sentirsi consumatore”. “In un periodo troppo spesso vincolato allo spettro della crisi” conclude Roberta Stazi, “è interessante notare come alcuni dei progetti più audaci a cui stiamo lavorando siano legati a start up. Nel campo dell’automotive, ad esempio, confrontandoci con il lancio di un nuovo marchio stiamo realizzando un contest tra giovani designer per coinvolgerli all’interno di un piccolo “reality workshop”,  attraverso cui legare l’anima del prodotto alle loro storie e al loro lavoro. Un’altra sfida recente ed affascinante è quella offertaci da un magazine di fashion e tendenza che ci ha contattato per dirigerne il marketing strategico. E già vediamo in esso uno splendido contenitore di storie (non chiamiamoli articoli) in cui far entrare i lettori, e splendide sinergie per coinvolgere in modi più originali del consueto anche gli stessi inserzionisti (non chiamiamoli spazi pubblicitari)”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il mondo di Poste Italiane allarga i confini della propria comunicazione aprendosi ai nuovi linguaggi digitali

- # #

Impegnato da alcuni anni a valorizzare le opportunità offerte dai social media, il Gruppo Poste Italiane avvia un nuovo percorso di comunicazione, più digital e responsive, all’insegna della tecnologia, dell’interattività e della condivisione. Una “rivoluzione” nei modi e nel linguaggio per comunicare con uno stile immediato e divertente i servizi creati per tablet e smartphone.

Attraverso un progetto di  storytelling l’azienda promuove le soluzioni che più rispondono alle nuove abitudini e ai nuovi stili di vita e che fanno della semplificazione e dell’integrazione i loro punti di forza.

articoli correlati

AZIENDE

Twitter presenta la squadra italiana. Ippolito: “non chiamateci second screen”

- # # # # # # #

Salvatore Ippolito (@salippo), Country Director per l’Italia, Livia Iacolare (@liviacolare), Responsabile delle Media Partnership e Matteo Girardi (@mymatteo), Account Lead: è questa la squadra italiana di Twitter che ha incontrato la stampa questa mattina al Boscolo Hotel di Milano per presentare una panoramica delle attività svolte in Italia in tema di partnership e opportunità di advertising.

 

255 milioni di utenti attivi mensilmente, 1 miliardo di tweet ogni due giorni, il 76% dei followers che accede tramite mobile: sono questi i numeri di Twitter. “Amiamo definirci una piattaforma live, public e conversational”, commenta Salvatore Ippolito (nella foto). “E su questa piattaforma è possibile fare pubblicità in modo assolutamente organico e in real time”. Su Twitter i momenti diventano storie e le storie si trasformano in conversazioni. È probabilmente per questo che Twitter vive un rapporto speciale con la televisione, estendendone e ampliandone la capacità narrativa fino a trasformarla in un’opportunità di business. “Si parla spesso di second screen, commenta Ippolito, ma nel caso di grandi eventi televisivi – ad esempio i prossimi mondiali di calcio – siamo al preludio del primary screen”.

 

A questo proposito vale la pena ricordare l’imminente arrivo, anche in Italia, di Nielsen Twitter Tv Ratings, il primo strumento in grado di misurare trasversalmente i Tweet legati a ciascun programma TV e la loro audience effettiva che consentirà a broadcaster, agenzie e inserzionisti di sviluppare di conseguenza le proprie strategie commerciali.

 

Il 66% degli utenti segue un brand su Twitter, il 54% dei followers ha visitato il sito di questo brand. Due dati che esprimono tutta la potenzialità di un media in grado di coinvolgere “the right consumer in the right moment”. “La piattaforma è un “live media” sul quale si può intervenire in tempo reale attraverso tre strumenti principali”, spiega Matteo Girardi. “Il primo strumento è il promoted tweet, il classico 140 caratteri, targettizzato con foto; il secondo è il promoted account, utilizzato dalle aziende con lo scopo di ottenere un maggiore numero di users, identificati per preferenze, scelte di consumo e stili di vita; il terzo è il promoted trend, cioè la possibilità per i brand di rimanere tra i topic trend del momento anche dopo il refresh (che avviene normalmente ogni 15 minuti)”.

 

Abbiamo detto che Twitter è in grado di potenziare il racconto televisivo. Immaginiamo cosa può essere in grado di fare durante i prossimi Mondiali di Calcio, l’evento mediatico più importante in assoluto per i brand. “Durante le partite di calcio ogni attimo è un’opportunità per entrare in contatto con i propri consumatori, nel momento per loro più “emozionale”, continua Matteo Girardi. “Twitter offre la possibilità ai brand di targettizzare i momenti, invece dei mercati”.

 

Il ruolo di “evangelizzare” i brand sulle reali potenzialità di Twitter spetta al team Media Partnership guidato da Livia Iacolare che offre ai partner supporto a 360 gradi e consulenza creativa a titolo gratuito, operando nelle aree Tv, Musica, sport, governo e news. “Siamo la parte “buona” di Twitter”, scherza Livia Iacolare. “Il nostro obiettivo è fare in modo che i nostri partner abbiamo la miglior esperienza possibile sulla nostra piattaforma. Perché Twitter è molto di più di 140 caratteri…”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Coloreria Italiana fa educational advertising in partnership con RCS

- # # # # #

Il concetto è elementare e, forse proprio per questo, di grande efficacia: conquistare nuovi clienti e consolidare quelli acquisiti attraverso una campagna di comunicazione che punta a convincere attraverso l’insegnamento. A chi ancora non usa i prodotti Coloreria Italiana se ne descriveranno i pregi in modo diretto e intuitivo mentre a chi li conosce già saranno forniti spunti creativi per rinnovare il guardaroba e i tessuti della casa in modo facile ed economico.

Due macro-target, un canale di promozione privilegiato: il web. Ogni settimana sarà caricato sul sito internet www.coloreria.it un nuovo video (8 in totale) all’interno del quale utenti diversi racconteranno la propria esperienza con i prodotti Coloreria. Settimanale sarà anche il “consiglio dell’esperto”, mentre quotidiani saranno i “suggerimenti d’uso”.

Tutti i contenuti, incluse le lezioni in .pdf con procedure e grafiche esplicative, saranno diffusi attraverso il circuito web del media partner RCS. Sono previsti più di 270 milioni di contatti attraverso il web advertising, l’invio di DEM a 500 mila destinatari profilati, la promozione attraverso i social network (a partire da facebook) e una campagna con google adwords, nei mesi di maggio, giugno e luglio 2014.

Alla campagna online si aggiungono le azioni di in store promotion che riproporranno su diversi clienti della GD e DO la felice esperienza del 2013, con isole promozionali personalizzate dedicate a Coloreria.

Due modi diversi e complementari per raggiungere la clientela: il primo si baserà su forme di comunicazione digitale incentrate sui principi dell’educational advertising e dello storytelling, mentre il secondo punterà a conquistare il pubblico attraverso la presenza sul punto vendita e il contatto diretto. Un mix nella timeline della comunicazione per una strategia media che sappia parlare a tutti i potenziali fan dei prodotti Coloreria.

articoli correlati