AZIENDE

I consigli antispreco di Comieco “vestono” i buoni pasto Edenred

- # # # # # #

Ticket Restaurant Edenred

Edenred, inventore del Ticket Restaurant, e Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, hanno sottoscritto una partnership per la realizzazione di speciali copertine di buoni pasto con dei consigli “antispreco”. Il progetto mira a sensibilizzare oltre un milione di lavoratori titolari dei benefit Edenred a una cultura dell’alimentazione sostenibile, della corretta differenziazione dei rifiuti e della lotta allo spreco delle risorse.

I beneficiari dei Ticket Restaurant potranno, infatti, leggere sulle cover dei blocchetti di buoni pasto delle pillole informative curate da Comieco con alcuni semplici consigli per evitare gli sprechi: ad esempio richiedendo ai ristoratori una family bag per portare a casa gli alimenti non consumati.

Stando ai dati 2016 dell’Osservatorio Nazionale Waste Watcher di Last Minute Market, società spin-off dell’Università di Bologna, in Italia ogni anno vengono sprecati circa 16 miliardi di euro di cibo, praticamente l’1% del prodotto interno lordo.

“Le buone politiche di riduzione”, spiega Sabrina Citterio, Responsabile Corporate Social Responsibility di Edenred Italia, “devono interessare innanzitutto i privati cittadini perché la maggior parte dello spreco avviene nelle mura domestiche ma coinvolgere anche il mondo della pausa pranzo fuori ufficio che accomuna 2,5 milioni di lavoratori italiani. Come Edenred da tempo siamo impegnati su questo fronte attraverso partnership con associazioni no profit per la destinazione delle eccedenze alimentari e progetti innovativi come quello che ha previsto la distribuzione di 2500 doggy bag a oltre 1000 ristoranti sul territorio nazionale”.

La cultura dello spreco può essere contrastata agendo proprio sui piccoli comportamenti quotidiani, e tra questi la raccolta differenziata è uno dei principali strumenti a disposizione di ognuno di noi. Non tutti i rifiuti sono inutili, infatti. Carta e cartone, così come tutti i rifiuti che si possono differenziare correttamente, sono preziose risorse da non sprecare e fare una buona raccolta differenziata è un gesto semplice che fa bene all’ambiente e di grande senso civico.

“Attraverso una incisiva politica di prevenzione e sviluppo della raccolta differenziata di imballaggi cellulosici immessi al consumo che Comieco persegue da oltre 30 anni, è stato possibile ottenere risultati molto importanti”, dichiara Eleonora Finetto, Responsabile Comunicazione di Comieco. “Oggi, 8 imballaggi cellulosici su 10 nel nostro Paese vengono riciclati e nel 2015 ogni italiano in media ha raccolto in modo differenziato circa 51,5 kg di carta e cartone. Sono risultati importanti ma si può fare ancora molto per migliorare la raccolta e intercettare le circa 900.000 tonnellate di carta e cartone che ancora finiscono nell’indifferenziato”.

Le speciali copertine saranno distribuite a circa un milione di beneficiari Edenred a gennaio e aprile.

articoli correlati

AZIENDE

Campagna IIAS: con i surgelati riduci gli sprechi, aiuti l’ambiente e risparmi

- # # #

L’Istituto Italiano Alimenti Surgelati in collaborazione con le più rappresentative aziende del settore lancia una campagna informativa sul contenimento degli sprechi alimentari domestici grazie a un maggior utilizzo di prodotti surgelati.

Oltre il 30% della produzione complessiva di cibo destinato al consumo umano, viene oggi sprecata; nella sola Europa tale quantità ammonta a 89 milioni di tonnellate, ovvero 18 kg procapite. L’Italia rappresenta circa il 10% con 8.8 milioni di tonnellate di cibo sprecato all’anno, ciò vuol dire 27 kg di cibo procapite per una perdita economica di 454 euro all’anno per famiglia.

Gli sprechi alimentari avvengono in tutta la filiera del cibo, ma in massima parte in quella del consumo domestico (42% dello spreco totale in Europa). Da molteplici indagini si evince che l’uso dei surgelati può contribuire al contenimento degli sprechi e, di conseguenza, a un marcato risparmio familiare.

I motivi sono semplici:
– la lunga durata di conservazione dei surgelati permette al consumatore di utilizzare gli alimenti prima che si deteriorino;
– un maggior controllo nelle porzioni o quantità: si utilizza solo ciò di cui si ha effettivamente bisogno;
– la quantità acquistata corrisponde a quella edibile: niente sbucciature, spinature, lavaggi etc.

Di conseguenza si mangia tutto ciò che si acquista.

Un ateneo britannico, la Sheffield Hallam University, ha di recente condotto una serie di approfondite indagini in merito agli scarti alimentari; gli studiosi hanno dimostrato che il consumo domestico di prodotti surgelati, rispetto agli analoghi a temperatura sopra lo zero, può abbattere del 47% gli sprechi, generando ovviamente un grande risparmio familiare. Tra giugno e luglio apparirà su una selezionata serie di testate periodiche la campagna caratterizzata dallo slogan “Blocca lo spreco” e dall’immagine di una responsabile d’acquisto “ghiacciata” nell’atto di gettare nella pattumiera resti alimentari.

Info su www.istitutosurgelati.it

articoli correlati