MOBILE

Mission Bambini lancia la nuova app anti spreco “Eco dal frigo”

- # # # # #

La Fondazione Mission Bambini lancia la app Eco dal frigo

Niente sprechi, niente ingredienti rimasti inutilizzati, niente reperti di chissà quale era geologica rimasti lì nel frigorifero. La Fondazione Mission Bambini lancia “Eco dal frigo“, la nuova applicazione gratuita e disponibile su qualsiasi dispositivo dotato di connessione scaricabile dal sito ecodalfrigo.it. E’ stata realizzata dalla Fondazione Mission Bambini per dare a tutti uno strumento utile ad evitare sprechi alimentari.
“Solo una persona su tre controlla il frigo almeno una volta a settimana” spiega Lucia Pizzini, Responsabile Digital di Mission Bambini. “È facile così che prodotti freschi come frutta, verdura e carne vadano sprecati”. Si stima che ogni famiglia arrivi a buttare in media ogni anno 49 kg di cibo, per un valore commerciale di oltre 300 euro. “Basterebbe controllare il proprio frigorifero e la dispensa una volta la settimana, per ridurre sensibilmente lo spreco alimentare in ogni famiglia. La nostra applicazione fornisce in tempo reale una serie di ricette antispreco: anche se gli ingredienti a nostra disposizione sono pochi, sicuramente c’è un modo creativo e gustoso per cucinarli e quindi non sprecarli”.
L’applicazione Ecodalfrigo.it usa infatti l’approccio delle ricette al contrario: selezionando uno o due ingredienti, l’APP restituisce subito un elenco di ricette da provare. Spaghetti piccanti al pangrattato e acciughe o polpette di melanzane per non sprecare il pane raffermo, riso al salto per reinventare il risotto avanzato, gateau alla napoletana per rivitalizzare il sacco di patate, tortini al cioccolato o biancomangiare con i corn-flakes dimenticati in dispensa… sono solo alcuni degli appetitosi spunti che fornisce l’app.
L’applicazione Eco dal frigo è nata nell’ambito di un progetto più ampio di contrasto alla fame, realizzato da Mission Bambini in Uganda e Italia grazie anche al contributo del Bando “Nutrire il pianeta 2014” promosso congiuntamente in occasione di EXPO 2015 da Regione Lombardia, Comune di Milano e Fondazione Cariplo.
Mission Bambini ringrazia inoltre: Il Club del Fornello, un’associazione senza scopo di lucro di cuoche non professioniste che hanno donato la maggior parte delle ricette alla base dell’app; Chiara Maci, la più amata food blogger italiana, per i consigli e le segnalazioni offerte a sostegno di Eco dal frigo; lo chef 2 stelle Michelin Ciccio Sultano e Lisa Casali per aver segnalato il progetto e i blog Peri & the kitchen, Verobiologico, Laura e le sue ricette, Chef Paolino, Mamma Ilaria, Cosa mangia Camilla, KeVitaFarelamamma, I sapori di Eleonora e Mamma ho fame che hanno adottato una o più ricette anti-spreco inserite nell’app; Tim, Radio 105 e tutte le persone che ci hanno sostenuto sulla piattaforma di crowdfunding “With You We Do”.
La web app Eco dal frigo è stata realizzata – a partire dal naming e dal segno grafico – in collaborazione con l’agenzia Zero – starting ideas e implementata tecnologicamente da Meda36.
Se anche tu vuoi una risposta semplice e immediata alla domanda “E oggi cosa preparo?”, scopri su ecodalfrigo.it tanti gustosi piatti da preparare con gli alimenti che hai in casa e seguici sui social su #ecodalfrigo.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Ferrarelle celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua con la campagna “D’acquà a là”

- # # # # #

Ferrarelle presenta "D'acquà a là", progetto per la sostenibilità ambientale

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua Ferrarelle presenta un importante progetto dedicato alla responsabilità ambientale, valore da sempre prioritario per il marchio, scegliendo i bambini come destinatari di un messaggio semplice e diretto che arriva al contempo all’attenzione di tutti: l’acqua è un bene prezioso che va rispettato.

Questo messaggio prende vita grazie ad Emiliano Ponzi, uno degli illustratori più sofisticati della sua generazione: dalla sua penna nascono le illustrazioni di “D’acquà a là, un viaggio nella parte blu del Pianeta”, libro con cui Ferrarelle dà il suo contributo per celebrare questa Giornata. Il libro è tutto colorato, ad eccezione delle parti destinate all’acqua, e rappresenta per immagini tutti quei comportamenti virtuosi e anti-spreco che ognuno di noi può mettere in pratica nel suo quotidiano. Il libro è inoltre corredato da un pennarello azzurro: il pennarello ha una quantità di colore limitata, come lo è l’acqua del Pianeta, e insufficiente a colorare le parti bianche dell’intero libro. Ed è proprio quando il bambino rimarrà senza colore che sarà portato a riflettere su un utilizzo consapevole della risorsa acqua.

“Il tema ambientale è da sempre di fondamentale importanza per la nostra azienda, che adotta ogni giorno attente politiche di sostenibilità, nella consapevolezza di dover essere riconoscente a Madre Natura, senza cui non esisterebbe e soprattutto non si originerebbe la peculiare effervescenza naturale di Ferrarelle. Proprio per questo ci sentiamo in dovere di veicolare un messaggio di riflessione su un uso consapevole di un bene così prezioso” afferma Michele Pontecorvo Ricciardi, Responsabile Comunicazione e CSR dell’azienda. “Iniziative di sensibilizzazione come queste rappresentano il valore concreto che l’azienda può aggiungere all’acqua che imbottiglia, dono prezioso e perfetto della natura.”

Per promuovere e diffondere questo progetto è stato inoltre realizzato un web video che porta la firma dell’agenzia Havas Worldwide Milan con la direzione creativa di Laura Trovalusci e Dario Villa e direzione creativa esecutiva di Giovanni Porro, di un regista d’eccezione, Luca Lucini, e della Casa di Produzione The Family srl, le cui telecamere hanno ripreso una classe di prima elementare scelta per sperimentare dal vivo l’esperienza proposta dal libro. Durante una normale giornata a scuola i bambini, allievi dell’Istituto Vittorio Colonna di Milano, insieme alla loro maestra, hanno giocato con D’acquà a là scoprendo il valore dell’acqua e il rispetto per questa risorsa naturale così limitata. La clip è pubblicata sui social network della marca e diffusa corredata dall’hashtag #ferrarellewaterday per diventare un contenuto virale.

articoli correlati