MEDIA 4 GOOD

Spencer & Lewis firma gli spot di “Estate Sicura”, la campagna di Croce Rossa Italiana

- # # # #

Croce Rossa Italiana

Per raccontare la sua “Estate SicuraCroce Rossa Italiana ha scelto la creatività di Spencer & Lewis, affidando all’agenzia la realizzazione di una miniserie di tre spot per la campagna estiva di comunicazione.

Tre brevi e divertenti pillole che vedono protagonisti un papà distratto, un secchione con spiccata attitudine al rimprovero e un OPSA (Operatore Polivalente per il Salvataggio in Acqua) della Croce Rossa Italiana che, di fronte alla disattenzione del papà e all’eccessivo nozionismo del ragazzo, spiega con semplicità le poche regole di comportamento che, in spiaggia, ci consentono di ascoltare meglio il nostro corpo evitando così serie conseguenze per la salute.

La campagna “Estate Sicura” è anche l’occasione per sottolineare l’impegno e la professionalità con le quali operano gli oltre 13mila OPSA della Croce Rossa Italiana, che proprio nel 2018 festeggiano i primi 25 anni di attività. Gli operatori, specializzati in assistenza, ricerca e soccorso in occasione di emergenze o calamità quali allagamenti e alluvioni, riescono in simili casi a raggiungere luoghi quasi inaccessibili per portare aiuto a chiunque si trovi in difficoltà come accaduto, per esempio, in occasione delle alluvioni di Genova del 2011 e 2014, quando furono moltissime le persone tratte in salvo.

Oltre agli spot, la campagna prevede anche il supporto del portale www.acqua.cri.it, la diffusione di un vademecum, l’organizzazione di eventi offline presso le strutture balneari convenzionate e l’ideazione grafica a cura di Spencer & Lewis di materiali di divulgazione come poster e pieghevoli.

I tre video affronteranno i temi della corretta alimentazione e digestione, della corretta esposizione al sole, e del saper riconoscere i segnali della fatica e i campanelli di allarme del nostro corpo, e saranno resi disponibili sul canale YouTube di Croce Rossa Italiana. Il primo è già online.

 

articoli correlati

AGENZIE

A Next Group, Spencer & Lewis e Open Solution la gara per il 70° Anniversario della Costituzione

- # # # # # #

gara per il 70° Anniversario della Costituzione

Il raggruppamento di imprese composto da Next Group, Spencer & Lewis e Open Solution Group si è aggiudicato la gara per la realizzazione del progetto “Il viaggio della Costituzione”, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e coordinato dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale, nell’ambito delle celebrazioni del 70° Anniversario della Costituzione della Repubblica Italiana.

“Il Viaggio della Costituzione” sarà un racconto sviluppato a più mani attraverso un suggestivo piano di storytelling. Next Group, agenzia leader nel mondo degli eventi, che ha sviluppato il concept, curerà l’organizzazione e seguirà la gestione della mostra itinerante e dei convegni durante un anno di tour. Spencer & Lewis, agenzia di PR e comunicazione integrata associata a PR HUB, si occuperà delle attività di ufficio stampa, Digital PR e gestione di sito e blog. Open Solution Group, specializzata nella realizzazione di strutture per esposizioni, convention e manifestazioni, sarà responsabile degli aspetti tecnici e logistici degli allestimenti.

Lo scopo è quello di coinvolgere tutti gli italiani e invitarli a partecipare a un’esperienza unica nel suo genere, che permetterà di cogliere e condividere l’attualità del pensiero che ha ispirato i Principi fondamentali della Carta Costituzionale. Proprio per questo, per la prima volta nella sua storia, uno dei tre testi originali della Costituzione toccherà 12 città italiane, in uno spazio espositivo aperto a tutti i cittadini. Ad ogni tappa è stato associato uno dei primi dodici articoli della Carta e un tema specifico che sarà il filo conduttore di incontri e dibattiti.

Un’occasione per stimolare il pensiero e la sensibilità dei visitatori sul testo che ci unisce e definisce diritti e doveri fondamentali; un’esperienza mirata a costruire un confronto vero sui temi cardine della nostra identità democratica.

L’incontro con la Carta Costituzionale rappresenta un’opportunità per dare valore alla conoscenza storica e al significato autentico dei Principi Fondamentali. Perché la firma dell’allora Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, 70 anni fa allontanò per sempre gli spettri della guerra ma soprattutto pose le basi per un futuro incentrato sui valori della democrazia e della libertà che appartengono a tutti noi.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

KleinRusso, Spencer & Lewis e IsayWeb realizzano #SmilingOnion per Operation Smile Italia Onlus

- # # # # #

#SmilingOnion

#SmilingOnion è la campagna ideata dalla creative community KleinRusso per Fondazione Operation Smile Italia Onlus, con il supporto dell’agenzia di Pubbliche Relazioni Spencer & Lewis e della digital agency IsayWeb.

L’iniziativa si pone lo scopo di sensibilizzare il pubblico sulle malformazioni al volto quali la labioschisi (più comunemente nota come labbro leporino), la palatoschisi e la labiopalatoschisi, patologie particolarmente diffuse nei Paesi più poveri del mondo, ma con diversi casi presenti anche in Italia, dove è attiva la Smile House di Milano.

#SmilingOnion è un’idea che nasce da una semplice verità: tagliare una cipolla stimola il pianto.
Acquistando una #SmilingOnion si può donare il sorriso a un bambino affetto da malformazioni al volto. Un concetto semplice e diretto che è esploso sui social network grazie al supporto di Ivan Zaytsev, unitosi attivamente alla causa di Operation Smile Italia Onlus lanciando la sfida su Facebook.

L’atleta ha condiviso un video che lo ritraeva durante il taglio della cipolla, ha coinvolto altri nomi del mondo dello spettacolo ed è stato protagonista del reveal ufficiale dell’operazione, in diretta su TGCOM24. In pochissimo tempo la voce si è sparsa e #SmilingOnion è diventata una sfida virale: da Francesco Totti a Carlo Verdone, da Alessandro Cattelan a Jovanotti, passando per Fiorello e tanti altri personaggi del mondo dello sport, della cultura, della musica e dello spettacolo. Ma la sfida non è aperta solo ai personaggi famosi; centinaia di utenti stanno iniziando a tagliare la cipolla per sostenere Operation Smile Italia Onlus.

Fabrizio Russo, fondatore della creative community KleinRusso, dichiara, “la Smiling Onion non è solo una campagna/evento, veicolo temporaneo di awareness per Operation Smile, ma è prima di tutto un simbolo diretto, facilmente riconoscibile e destinato a durare nel tempo, che li caratterizzerà nel presidio delle piazze e negli eventi di fundraising”.

Alessandra Corrias, Direttore Generale della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, coomenta, “Una campagna di sensibilizzazione per far conoscere l’attività di Operation Smile Italia Onlus sia in Italia che nel mondo, e la patologia che i nostri volontari medici curano, la labiopalatoschisi. Ogni 3 minuti nel mondo nasce un bambino con questa patologia, moltissimi di loro non hanno accesso alle cure chirurgiche di base. Nascere con una malformazione al volto – prosegue Corrias – significa avere problemi di suzione nei primi giorni di vita, di linguaggio nella fase della crescita e, nei casi più gravi, respiratori. Volevamo attirare l’attenzione su una triste situazione, puntando però sull’ironia e sulla positività, con questa intenzione è nata #SmilingOnion.”

Tutti i video pubblicati sono disponibili sul sito dedicato alla campagna su cui è possibile, inoltre, avere maggiori informazioni su come partecipare e contribuire alla causa acquistando una Smiling Onion con una donazione minima di 15 Euro. Il ricavato sarà destinato alla missione in Honduras, che si svolgerà dal 5 al 25 febbraio 2017, durante la quale Operation Smile si pone l’obiettivo di operare 130 pazienti, tra bambini e giovani adulti.

Per curare chi nasce con queste patologie, è necessario un intervento chirurgico che, nei casi di malformazioni meno gravi, dura circa 45 minuti. Dal 1982, anno della sua costituzione negli Stati Uniti, Operation Smile ha effettuato oltre 240.000 interventi chirurgici.

 

CREDITS CREATIVI:

Chief Innovation Officer: Sandro Volpe

Innovation Director and Creative Manager: Antonio Fatini

Creative Director: Pietro Mandelli

Art Director: Simone Macciocchi Salerni

Copywriter: Eleonora Sofi

Project Manager: Elettra Filardo

Digital Strategist: Ralph Di Segni

Pr & Media Relations Strategist: Aurelio Calamuneri

articoli correlati

AGENZIE

A Spencer & Lewis le PR e le digital PR di Sony Computer Entertainment Italia

- # # # # #

Spencer & Lewis supporterà Sony Computer Entertainment Italia (SCE Italia) nelle attività di PR e Digital PR e nelle relazioni con stampa e influencer. L’Agenzia di Comunicazione guidata da Giorgio Giordani e Massimo Romano – rispettivamente Presidente e CEO dell’azienda – si è infatti aggiudicata la gara indetta da SCE Italia per l’affidamento delle attività di pubbliche relazioni da aprile 2016 a marzo 2017.

Spencer & Lewis diventa, dunque, partner strategico e creativo per lo sviluppo delle attività di comunicazione del brand in Italia ampliando la sua expertise nell’universo del gaming: “Siamo orgogliosi di poter lavorare al fianco di una realtà come SCE Italia, player dinamico di un mercato in cui l’innovazione e l’aspetto esperienziale rappresentano i principali asset mediatici – spiega Massimo Romano, CEO di Spencer & Lewis – Metteremo a servizio di SCE Italia la nostra professionalità con grande entusiasmo al fine di consolidare in maniera sempre crescente la sua leadership culturale.”

“I risultati ottenuti finora con PlayStation 4 (PS4™) sono entusiasmanti e siamo certi che questo 2016 sarà foriero di importanti novità per il pubblico – dichiara Goncalo Fialho, Direttore Marketing di SCE Italia – Spencer & Lewis si è dimostrata una realtà molto vicina alle nostre esigenze e ha proposto brillanti idee di comunicazione che, siamo certi, ci aiuteranno a garantire un consolidamento del brand presso stampa e pubblici di riferimento.”

SCE è leader indiscusso del settore videoludico. Nel corso della sua storia, ha completamente rivoluzionato il concetto di intrattenimento diventando, sin dal lancio di PlayStation nel 1994, sinonimo di categoria. SCE Italia, in particolare, si occupa della distribuzione, del marketing e della commercializzazione sul territorio italiano di hardware e software per le piattaforme PlayStation.

articoli correlati

AGENZIE

Lewis: nuovi servizi e nuovo brand

- # # #

chris lewis ceo

Lewis, agenzia di comunicazione globale, ri-lancia il proprio brand includendo servizi di marketing completi. L’agenzia supporterà il cliente lungo l’intero processo di marketing, dalla fase di lead a quella finale. Un ulteriore passo dell’evoluzione del brand in grado di rispondere a qualsiasi tipo di esigenza, che si è potuto concretizzare a seguito di investimenti e di una crescita significativa nell’offerta digital, ricerca e advertising.
Lewis svela anche una nuova identità visual, che meglio riflette questo cambiamento. L’agenzia archivia la sigla “PR” che era presente nel nome, diventando soltanto Lewis, come recita il nuovo sito web dell’agenzia http://www.teamlewis.com/it . Il dominio “teamlewis” incarna perfettamente la cultura dell’agenzia: un team che abbraccia diversi Paesi e che opera in diverse practice.

L’offerta marketing di Lewis è il risultato dell’integrazione di DMG, acquisita da Lewis nel 2013. DMG, con sede a Boston, ha contribuito a creare una combinazione unica di competenze marketing e PR. Il suo staff, sotto la guida di Doug Broad, SVP, si è integrato con il team di Lewis Boston. Lisa Paglia, SVP, è responsabile dell’erogazione dei servizi marketing in USA, Europa e Asia Pacifico. I fondatori di DMG, Eric Davies e Andy Murphy ricoprono attualmente ruoli chiave nella nuova agenzia.
“Oggi siamo in grado di offrire un servizio completo e professionale grazie ai nostri uffici di proprietà presenti in tutto il mondo”, conferma Chris Lewis, CEO dell’agenzia (nella foto). “Il fatto di aver aggiunto nuovi servizi e aver aperto nuove sedi nei luoghi che ci hanno segnalato i nostri clienti rappresenta sicuramente un valore aggiunto per loro e dimostra la nostra elevata attenzione e flessibilità. La nostra nuova brand identity rispecchia questo più ampio respiro. È l’espressione della nostra idea: un nuovo tipo di agenzia progettata sulla comunicazione del futuro, che fonde obiettivi globali ed esperienza con uno spirito imprenditoriale e uno stile non convenzionale. Crediamo che questa formula sia ciò che i brand più importanti ricercheranno nei prossimi cinque anni”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Torino invasa da cornici fotografiche: è la guerrilla firmata Somersby

- # # # # # #

I Love Torino: è la romantica dichiarazione riportata su centinaia di cornici che lo scorso weekend hanno invaso la città della Mole. Posizionate strategicamente in corrispondenza dei panorami più suggestivi, le installazioni hanno dato modo a tutti i torinesi di riscoprire gli affascinanti scorci cittadini approfittando di una nuova, originale prospettiva. Nell’epoca di Instagram e del selfie, questo speciale attack metropolitano ha voluto mettere in mostra una Torino senza filtri, per rendere la città sabauda un’autentica cartolina in 3D da fare ammirare a tutti.

La firma sulle cornici è quella di Somersby, marchio del gruppo Carlsberg che dallo scorso aprile ha scoperto lo spirito di aggregazione e di appartenenza dei torinesi e lo ha ribattezzato con l’hashtag #Torinitudine, diventato in poco tempo un movimento – con un suo Manifesto – che ha coinvolto migliaia di utenti e amanti della città piemontese.

Somersby è da poco in Italia per presentare Somersby Apple Original, un drink frizzante a base di succo di mela. Per lanciare il nuovo prodotto, l’azienda ha scelto di partire esclusivamente da Torino, con il desiderio di celebrare la capitale storica dell’aperitivo, emblema di convivialità e condivisione nonché parte integrante della Torinitudine. Non a caso, infatti, le cornici sono apparse in serata, in pieno orario da aperitivo, momento di incontro e partecipazione per migliaia di persone che escono di casa per iniziare il weekend con quello che, a Torino, è un rito con oltre due secoli di vita.

Oltre alle cornici, il Parco del Valentino, Piazza Emanuele Filiberto e i principali punti di incontro di Torino si sono trasformati in “giardini di mele” grazie a centinaia di flyer a forma di mela che hanno reso ancora più sorprendenti i luoghi storici della città. Sul retro delle mele, l’invito a partecipare alla Giornata della Torinitudine, in programma domani 2 luglio, quando il Borgo Medievale diventerà teatro dell’orgoglio torinese e ospiterà un cartellone di iniziative e spettacoli per celebrare l’identità artistica, culturale ed enogastronomica della città sabauda.

L’intera campagna è stata ideata da Spencer & Lewis.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Carosello 3.0: la moda dei reality strizza l’occhio all’adv, l’Italia investe nel brand entertainment

- # # # # # #

Fino alla fine degli anni ’80 dettava regole e orientava le scelte del pubblico. Nel decennio successivo era il marchio a dominare su tutto. Poi si è passati alla centralità del consumatore. La comunicazione pubblicitaria cambia e si reiventa, proprio come le mode. E nell’era della crisi economica e creativa dello spot, attinge dal baule dei ricordi e torna a raccontare storie alla maniera del vecchio Carosello.
Se Calimero, nel 1954, riuniva grandi e piccini attorno all’unica tv di casa, il nuovo Branded Entertainment punta a costruire cortometraggi, talent e web series attorno ad un unico marchio, con lo scopo di far rivivere quel legame intimo con lo spettatore/consumatore, chiave di volta per una comunicazione più efficace ed impattante.
Con il 20% all’attivo nel settore degli investimenti in adv e previsioni di crescita esponenziale entro la fine del 2014, il contenuto sponsorizzato si fa strada anche sul piccolo schermo italiano con format di successo come La Casa degli Assi (PokerStars), Un giorno per me – Missione Giovinezza (Pantene), The Apprentice o RDS Academy. È in questa direzione che puntano anche i player USA: gli investimenti per il Branded Content sono aumentati dell’8%, con una spesa di 1,86 milioni di dollari nel 2013 rispetto a 1,73 milioni dell’anno precedente (fonte: ContentWise).
Dalla soap opera allo spot, andata e ritorno.

Pioniera del Branded Entertainment, la soap opera americana – sorella maggiore dell’italiano Carosello – serie o mini-drama pensata per le casalinghe, prodotta o sponsorizzata da aziende di detersivi e saponi. Una su tutte, la soap Sentieri di P&G che dal 25 gennaio 1937 conta più di 15.000 puntate.
Dopo circa mezzo secolo di strapotere, il fiume d’oro degli investimenti pubblicitari televisivi ha iniziato a cambiare direzione e morfologia, in concomitanza con le aspettative dei telespettatori 3.0.
“Negli ultimi anni coloro i quali hanno ricercato un coinvolgimento di tipo emotivo con i clienti, investendo in contenuti brandizzati, hanno ottenuto un considerevole vantaggio competitivo sulla concorrenza – spiega Massimo Romano, Media Hunter e A.D. di Spencer & Lewis – Ne è un esempio il format ibrido ‘La Casa degli Assi’, a metà tra Branded Entertainment e talent show, realizzato da PokerStars e prodotto da Magnolia. Dalla seconda serata di Italia2, il reality di poker sportivo è balzato in replica sull’ammiraglia Italia1 appassionando un numero sempre maggiore di neofiti di questa disciplina”.
Uno studio condotto da 2BResearch-Demoskopea per l’OBE – il primo Osservatorio del Branded Entertainment – dimostra quanto i nuovi contenuti sponsorizzati rappresentino un plus-valore per il consumatore stesso e un’ottima opportunità per il brand. Il 50% degli intervistati ammette: “Mi fa venire voglia di provare il prodotto”, “Mi ha avvicinato alla marca” e “Ha cambiato il mio approccio al brand”.

Raccontare il marchio attraverso una storia.

Pur non essendo mai in primo piano, nel BE il marchio viene raccontato attraverso tutti i suoi valori, i suoi stili tipici e iconici risultando immediatamente riconoscibile. Tutto questo imprimendo nello spettatore la sensazione che i contenuti siano stati pensati e realizzati dalla società per arricchire la sua esperienza e non per invitarlo esplicitamente all’uso o all’acquisto di un prodotto.
Oltre al fortunato “La Casa degli Assi”, un altro format sponsorizzato attualmente in onda su SkyUnoHD è l’adventure reality “Calzedonia Ocean Girls”, in cui il nome del brand è presente già nel titolo. Lo stesso vale per “RDS Academy”, talent per aspiranti speaker radiofonici prodotto in collaborazione con Vanity Fair; lo show  si è concluso il 7 luglio con la vittoria della varazzina Giuditta Arecco, che ha battuto in finale il trentenne barese Stefano Mastrolitti: “Il tratto distintivo di RDS Academy è stato proprio la crossmedialità, tradotta nel tentativo di riavvicinare i giovani alla radio attraverso un talent – continua Massimo Romano – Grazie al format, che ha portato gli spettatori alla scoperta delle dinamiche pure del mezzo radiofonico, la stessa emittente RDS è riuscita a riposizionarsi, guadagnando in termini di ascolti e di immagine.”
Prima di approdare in tv, il Branded Entertainment ha stregato anche il grande schermo. La rivista Esquire ha ribattezzato il film “Gli Stagisti” il nirvana del product placement, una pubblicità a chiarissime lettere per il colosso Google sotto forma di commedia. Il gemello italiano potrebbe forse essere Benvenuti al Nord che, con una marcia in più rispetto al capitolo precedente Benvenuti al Sud, intreccia avventure e disavventure dei protagonisti nella realtà di Poste Italiane.
Dimenticatevi l’era dello spot a metà programma: è il format stesso a diventare pubblicità, il talent brandizzato ha la meglio e i consigli per gli acquisti diventano reality.

 

Intervento di Massimo Romano, Media Hunter e AD di Spencer & Lewis

articoli correlati

AGENZIE

Spencer & Lewis firma la campagna antirazzismo di Barbara Abadio

- # # # # #

Spencer & Lewis ha deciso di firmare la campagna elettorale di Barbara Abadio, ventitreenne ”donna, nera e protestante“, candidata come sindaco di Porcia, in provincia di Pordenone. L’agenzia curerà le attività di pubbliche relazioni, media relations e ufficio stampa sui media nazionali a sostegno della giovane di origini ghanesi in corsa con Sel.
La presentazione della sua lista – a fine dello scorso luglio – ha destato contrarietà e tante polemiche nell’opinione pubblica. Sulla sua bacheca di Facebook piovono offese e minacce, immagini di oranghi e gommoni perchè le sue origini non si sposano con lo stereotipo dell’italianità. La sua candidatura non ha convinto neanche il Pd (che le ha rifiutato le primarie) perchè il colore della sua pelle è risultato provocatorio.
“A stupirci è stato il coraggio di Barbara, forte e determinata, pronta a sfidare il pregiudizio con il sorriso. E’ stato proprio il suo sorriso la chiave di volta della campagna – spiegano i responsabili di Spencer & Lewis –  Abbiamo scelto di rispondere agli attacchi xenofobi nel modo che meglio si confà a questo triste spaccato. Usando con ironia il bellissimo colore che porta addosso, il nero, come un punto di forza per veicolare i suoi contenuti. Tagliare i costi della politica? ‘Il nero snellisce’. Maggiore trasparenza? ‘Nero su bianco’. No al lavoro irregolare? ‘Fuori i neri’. “
A pochi giorni dal lancio della campagna arriva anche il battesimo mediatico per Barbara Ababio. La sua storia appassiona i media nazionali e fa il giro del web, fino ad arrivare allo scrittore ed editorialista Roberto Saviano, che dalla sua pagina Facebook si schiera in suo favore. Offese, insulti e minacce cedono improvvisamente il passo a migliaia di messaggi, post e commenti – tra cui quello di Cécile Kyenge, Ministro dell’Integrazione del Governo Letta – di affetto, speranza e sostegno.
“Il messaggio graffiante legato a questa campagna ha l’unico scopo, come sottolineato più volte dalla stessa Barbara, di rimarcare il diritto di tutti i cittadini a partecipare alla vita politica del loro Paese a prescindere dal colore della pelle – concludono i responsabili di Spencer & Lewis”.

articoli correlati

AZIENDE

A Spencer & Lewis le PR dell’agenzia di viaggi online Tripsta

- # # #

Il portale Tripsta sceglie la Spencer & Lewis per le attività di pubbliche relazioni, ufficio stampa e digital pr. Sbarcato nel mercato italiano da appena un anno, Tripsta opera in 16 Paesi del mondo (entro giugno il numero salirà a 18 con Portogallo e Repubblica Ceca) ed è tra le prime 10 agenzie di viaggio online nel Sud est Europa.

 

Un portale dedicato al turismo sicuro e facile da usare. Attraverso il Froud system, infatti, viene garantita la massima sicurezza per le prenotazioni e le transazioni online. Il team di Tripsta.it, composto da 140 dipendenti (in netta e costante crescita) con un’età media di 27 anni, mette al primo posto l’ascolto e il dialogo con gli utenti.

 

Grazie al sistema Best Price Mix, Tripsta è in grado di offrire proposte vantaggiose e diversificate creando combinazioni di volo al prezzo più basso disponibile sul mercato. Il portale mette a disposizione offerte speciali per destinazione in base al periodo dell’anno e un servizio di noleggio auto. Le tariffe convenienti e la ricchezza dei risultati di ricerca, in termini di rotte e mezzi, sono i punti di forza dell’offerta di Tripsta.

 

“Vogliamo tessere una relazione diretta e di piena fiducia con i nostri clienti – spiega Philipp Brinkmann, cofondatore e Ceo di Tripsta – per questo curiamo con attenzione il customer relationship management non solo offline, ma anche online sulle nostre pagine social. Vogliamo stare al fianco del cliente e rispondere alle sue esigenze, prima, durante e dopo la prenotazione. Un ascolto proattivo volto a disegnare e migliorare costantemente il nostro sito per offrire la migliore esperienza di prenotazione di viaggio online”.

Prosegue così anche in Italia il percorso di crescita dell’agenzia di viaggi online. Gli uffici di Tripsta, già presenti ad Atene e Bucarest, a settembre 2013 apriranno anche a San Paolo in Brasile, prima tappa dell’espansione in tutto il Sud America.

“L’obiettivo è quello di raggiungere anche in Italia la brand awareness che Tripsta ormai detiene nel resto del mondo – spiegano i responsabili della Spencer & Lewis – Per questo, ci serviremo sia della comunicazione più convenzionale, attraverso il supporto dell’ufficio stampa e delle media relations, sia dell’unconventional avvalendoci dell’esperienza maturata nel settore delle digital pr e degli eventi”.

 

articoli correlati