BRAND STRATEGY

Panini, per la prima volta un fumetto nello spazio: Paolo Nespoli va in orbita con Rat-Man

- # # # # # # #

Panini, fumetto spaziale Nespoli

Un fumetto nello spazio. Paolo Nespoli, famoso astronauta, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), porterà con sé due diverse pubblicazione della Panini: il prossimo venerdì 28 luglio decollerà la navicella russa “Soyuz MS-05”, con a bordo l’astronauta italiana, il volume “C’è Spazio per Tutti”, ancora in fase di realizzazione, e poi l’albo “La Stazione”, che contiene un estratto in anteprima dal volume e una serie di approfondimenti sulle attività spaziali. Si tratterà a tutti gli effetti del primo fumetto ad andare in orbita. Nespoli potrà leggerlo durante la sua permanenza nello spazio e anche mostrarlo agli altri astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

 

“E’ un onore aver realizzato un fumetto che avrà il grande privilegio di volare in orbita a bordo della Stazione Spaziale Internazionale”, ha dichiarato Leo Ortolani, disegnatore del volume. “Per creare questa storia a fumetti ho dovuto studiare molto, capire come si va e come si vive nello spazio. Prezioso è stato il contributo di Paolo Nespoli che, insieme a Rat-Man, sarà il protagonista di questa avventura. Il mondo delle imprese spaziali è davvero appassionante e sono lieto di aver dato il mio piccolo contributo per diffonderlo tra le nuove generazioni”.

 

“Siamo onorati di pubblicare un fumetto destinato, oltre a far volare la fantasia, anche a volare davvero nello spazio”, ha sottolineato Marco M. Lupoi, direttore Publishing della Panini. “Crediamo molto in questo progetto editoriale, realizzato grazie alla collaborazione con ASI e ESA, che pone una pietra miliare nella storia mondiale del fumetto. In futuro, chissà, durante missioni spaziali di lunga durata, di voli sulla Luna o su Marte, anche gli astronauti potranno dilettarsi nei momenti di relax leggendo il proprio fumetto preferito. E magari sarà un fumetto edito dalla Panini”.

 

Il fumetto spaziale di Rat-Man andrà in orbita nel bagaglio personale di Paolo Nespoli. Innanzitutto l’astronauta avrà con sé l’albetto “C’è Spazio per Tutti – La Stazione / Preview” (formato 16×21 cm, spillato, 32 pagine), realizzato dalla Panini per presentare in anticipo i contenuti dell’opera e contenente anche una serie di approfondimenti sulla genesi del progetto, su cosa sono ASI e ESA e sulla missione “Vita”. Inoltre, Nespoli porterà nello spazio anche la copertina del volume “C’è Spazio per Tutti” (che, nella versione definitiva, avrà un formato 19,8×28,8 cm e una foliazione di 264 pagine), che Leo Ortolani sta ancora disegnando e che sarà presentato ufficialmente in occasione della prossima edizione di “Lucca Comics & Games”, il festival internazionale del fumetto che si svolgerà a Lucca dall’1 al 5 novembre 2017.

articoli correlati

MEDIA

Com’è fatto l’ufficio perfetto? Copernico risponde con il suo ultimo ebook

- # # # # #

Tecnologia, aumento della domanda di flessibilità e organizzazione del lavoro hanno fortemente cambiato il modo di lavorare, tanto che l’ufficio tradizionale, oggi, non risponde più del tutto alle esigenze delle persone. Qual è, quindi, l’ufficio perfetto? Non esiste una soluzione univoca. Gli ideatori di Copernico, l’innovation hub che apre le porte a fine gennaio nell’omonima via milanese, hanno per questo prodotto l’e-book “Creare valore in una nuova dimensione. Come lo spazio di lavoro influenza la produttività” che raccoglie consigli e dritte per aiutare a trovare la soluzione più congeniale alle necessità delle diverse aziende, ma anche delle start-up. Si tratta di una mini guida, basata su ricerche scientifiche di spessore internazionale, che illustra come le performance lavorative sono sempre più facilitate e migliorate dalla comunicazione e collaborazione tra dipendenti, attività che aumentano la condivisione di conoscenza, e come gli ambienti di lavoro devono essere facilitatori di incontri e networking.
L’ufficio oggi deve sempre più supportare le diverse attività e di conseguenza i diversi bisogni che le persone hanno durante la giornata. Non si tratta solo di facilitare la comunicazione, ma anche di offrire privacy, concentrazione, nonché spazi per il confronto e ambienti dove alimentare la creatività. Il tutto condito da comfort e benessere per le persone.
Formalità, informalità, pubblico e privato, concentrazione e networking. È possibile trovare la soluzione ideale o che un unico spazio risponda a queste richieste? Sembrerebbe di sì. A far da ispiratori le grandi multinazionali. Non solo Google e Facebook hanno investito nelle riconfigurazione degli spazi lavorativi e nel “lavorare divertendosi”. HomeAway ha costruito nel quartier generale di Austin, ha costruito un tetto in miniatura con un’amaca per rilassarsi e lavorare; HubSpot mette a disposizione dei dipendenti un frigorifero pieno di birra e snack, come anche un calcetto; Oracle sostiene che le idee migliori si sviluppino sul campo da gioco ed ha costruito un campo da basket e uno da pallavolo, mentre Ogilvy & Mather ha una palestra all’avanguardia.
A volte le soluzioni possono essere più semplici, come spostare le scrivanie, basta però individuare l’esigenza che si vuole soddisfare.
L’e-book “Creare valore in una nuova dimensione. Come lo spazio di lavoro influenza la produttività” può essere scaricato gratuitamente, previa registrazione a questo link.

articoli correlati