MEDIA 4 GOOD

World Food Programme e Ogilvy Italia lanciano una campagna per accrescere la notorietà dell’app ShareTheMeal

- # # # # #

ShareTheMeal

Il 21 aprile, l’Agenzia dell’ONU World Food Programme (WFP) ha lanciato una nuova campagna che vuole mostrare come ogni persona con uno smartphone abbia il potere di cambiare la vita di un bambino bisognoso. Bastano uno smartphone e 40 centesimi per sfamare un bambino per un giorno con un semplice click sull’app ShareTheMeal.

In occasione del World Creativity and Innovation Day, centinaia di monete finte da 40 centesimi sono state distribuite a influencer e giornalisti in vari paesi europei. Quella che poteva sembrare una vera moneta era in realtà un esperimento sociale, con l’obiettivo di studiare la reazione delle persone di fronte alla moneta, il cui conio in realtà non esiste. Lanciata dal WFP, la principale organizzazione umanitaria impegnata a combattere la fame nel mondo, con il supporto di Ogilvy Italia, la campagna ha lo scopo di mostrare quanto sia semplice aiutare un bambino vulnerabile.

Oltre alla campagna online, decine di persone sono state interpellate nel centro di Milano per una loro reazione alla “notizia”. C’è stato chi ha detto “con 40 centesimi posso magari comprarmi delle caramelle o una baguette” o anche “non avrei mai potuto immaginare di poter sfamare un bambino per un giorno con così poco”.

“Nel mondo, ci sono circa 20 volte più smartphone che bambini affamati. ShareTheMeal è nata proprio per questo motivo: combattere la fame tramite l’innovazione. Ogni giorno, passiamo ore utilizzando lo smartphone, perciò fare del bene è più facile che mai: basta un click e 40 centesimi”, ha commentato Massimiliano Costa, Direttore di ShareTheMeal.

La moneta da 40 centesimi è stata una specie di provocazione, ideata per esortare le persone a chiedersi: “Cosa faresti con 40 centesimi?”. ShareTheMeal ha fornito una possibile risposta, che si spera diventi sempre più diffusa: sfamare un bambino per un giorno tramite un click su una app.

L’app ShareTheMeal è uno strumento di raccolta fondi su cellulare che consente ai propri utenti di sfamare un bambino per un giorno tramite un semplice tocco sullo smartphone e con soli 40 centesimi di euro. Dal suo lancio due anni fa, più di un milione di persone si sono unite alla comuntà globale. Gli utenti hanno condiviso oltre 22 milioni di pasti con migliaia di bambini affamati, per sostenere il WFP nelle emergenze alimentari più critiche tra le quali lo Yemen, la Siria e il Sud Sudan. L’app è stata premiata nel 2017 con il Social Impact Award ai Google Play Awards.

articoli correlati

AZIENDE

La fame non è un gioco: OgilvyOne e ShareTheMeal insieme per il World Food Day

- # # # # # # #

La fame non è un gioco: OgilvyOne e ShareTheMeal insieme per il World Food Day

Una bambina che gioca in giardino e si diverte a creare piatti di fantasia con sabbia, sassolini e terriccio. Chi non ha mai giocato a “la cucina”? Se per alcuni di noi questo è un gioco, per tanti intorno al mondo è l’unica realtà. Perché oggi sono più di 100.000.000 i bambini che soffrono la fame.

E proprio questa è l’idea alla base del video che OgilvyOne ha ideato per massimizzare la sensibilizzazione ad una delle emergenze più gravi dei nostri giorni e per supportare ShareTheMeal, l’app del World Food Programme che invita ad un uso intelligente della tecnologia. Permette infatti di donare con un semplice tap sul proprio smartphone: con 40 centesimi è possibile sfamare un bambino denutrito per un giorno.

La campagna internazionale viene distribuita sui social in tutto il mondo in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, domenica 16 ottobre: con questo video, tutti siamo invitati a prendere parte alla battaglia contro la fame nel mondo.

In quest’occasione anche Apple e Google hanno offerto il loro supporto mettendo in evidenza l’app sui loro store digitali.
“Siamo particolarmente fieri di poter supportare questo progetto in un’occasione importante come quella del World Food Day” dice Paolo Iabichino, Chief Creative Officer di Ogilvy & Mather Italy, “e di sostenere ideali che coinvolgono proprio tutti, come quello della lotta alla fame nel mondo”.

CREDITS
Chief Creative Officer: Paolo Iabichino, Giuseppe Mastromatteo
Copywriter Team: Lavinia Francia (senior), Carlotta Schoen
Art Director Team: Andrea Guzzetti (senior), Massimiliano Corradini

Produzione: Mustard
Producer: Adam Ulrich
Director: Jan Houdek
Cinematographer: Giulio De Blasio
Post produzione: Inglourious Mustards
Attrice: Sara Houdkova

Music and Sound Design: Gadi Sassoon

articoli correlati