MOBILE

È arrivata la prima app italiana che mette in chiaro le istituzioni italiane: ecco GovUp di Sec

- # # # # # #

SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali lancia GovUp, la prima applicazione per smartphone che mette a disposizione, in modo semplice e ordinato, le schede personali e i contatti dei membri di Governo, Parlamento, Giunte e Consigli regionali.

La app, disponibile gratuitamente da oggi sugli store iPhone e Android, raccoglie 1980 schede di rappresentanti di 110 istituzioni italiane, 67 sedi istituzionali, 1632 profili facebook 1413 account twitter.

“L’idea di GovUp” dichiara Luca De Simoni, Partner e Director Area Lobbying e Public Affairs di SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali, “va nella duplice direzione di rendere quanto più accessibile il contatto con i decisori e quanto più partecipato il processo di policy-making. Grazie alla sua lunga esperienza nelle attività di public affairs, SEC intende offrire uno strumento in grado di facilitare tutti coloro che hanno la necessità di entrare in contatto con le istituzioni, in maniera più veloce e pratica”.

GovUp permetterà di avere a portata di mano indirizzi, telefoni, email, profili social e altre informazioni dirette e verificate ordinata per istituzione di appartenenza, in particolare Presidenza del Consiglio e Ministeri (per il Governo); Camera, Senato, Commissioni e Gruppi Parlamentari (per il Parlamento) e Presidenza delle Regioni, Giunte e Consigli Regionali, Commissioni consiliari (per le Regioni).

Questo tipo di informazioni, solitamente nascoste tra siti di difficile utilizzo e database spesso obsoleti, saranno disponibili sulla nuova app e costantemente aggiornate, per permettere agli utenti finali di essere a conoscenza in tempo reale di eventuali variazioni e i cambiamenti all’interno di tutte le istituzioni nazionali.

Attraverso le stringhe di ricerca o attraverso il menù, sarà possibile individuare in modo immediato il contatto specifico del parlamentare, l’indirizzo dell’istituzione di interesse nonché consultare le liste dei rappresentanti.
A ogni membro delle istituzioni è infatti associata una scheda che contiene i recapiti, l’indirizzo degli uffici di diretta collaborazione, i ruoli istituzionali ricoperti, le Commissioni, Gruppo parlamentare o consiliare e Partito di appartenenza, i link a canali social media, il sito web personale e una scheda personale delle attività svolte e in corso di svolgimento.

“GovUp” afferma Cesare Valli, Amministratore Delegato di SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali, “completa l’offerta del Gruppo SEC dopo che Cambre, la società del Gruppo con sede a Bruxelles, ha lanciato EUssentials, una app gratuita che raccoglie i nomi, indirizzi, contatti, social media dei membri del Parlamento Europeo, commissioni, delegazioni e raggruppamenti, il calendario dell’attività parlamentare, la mappa dei palazzi istituzionali e delle rappresentanze permanenti”.

Contestualmente alla pubblicazione di GovUp, SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali ha diffuso il primo #GovUpReport, l’analisi dei profili social dei rappresentanti delle istituzioni italiane. Su un campione di oltre 2000 rappresentanti di Governo, Parlamento, Giunte e Consigli regionali, risulta che il 77% ha un profilo su un social network. La piattaforma preferita è Facebook, scelta dall’82% dei rappresentanti nelle istituzioni, mentre Twitter si ferma al 71%.

Analizzata anche la situazione dei gruppi parlamentari: i membri del Movimento Cinque Stelle hanno la più significativa presenza sia su Facebook che su Twitter, sia alla Camera che al Senato; Forza Italia invece si classifica sempre nelle ultime posizioni. La Lega Nord predilige Facebook sia alla Camera che al Senato, mentre non è molto attiva su Twitter. Il Partito Democratico conta percentuali considerevoli, anche in ragione della numerosità dei gruppi: il 78% alla Camera e l’84% al Senato aggiorna i propri elettori via Facebook, il 75% alla Camera e il 76% al Senato cinguettano su Twitter.

Stilata anche la classifica dei Presidenti di Regione più “social”: vince Debora Serracchiani del Friuli Venezia-Giulia per Follower su Twitter, mentre Nicola Zingaretti è il più popolare su Facebook. Sono invece Michele Emiliano, e Stefano Bonaccini il primo e il secondo per numero di tweet: molto più pigro il Presidente del Piemonte Sergio Chiamparino, che chiude la classifica.

Per quanto riguarda i consigli regionali, i più attivi su Facebook sono, nell’ordine, l’Abruzzo, il Veneto e la Liguria, mentre chiudono la classifica Basilicata, Sicilia, Molise e Valle d’Aosta. I consiglieri più attivi su Twitter sono quelli della Provincia Autonoma di Bolzano, del Veneto e dell’Umbria; i meno attivi quelli della Regione Lazio che chiudono la classifica.

articoli correlati

AGENZIE

La forza di cinque partner al servizio delle imprese per affrontare Expo 2015

- # # # # #

MCI, una delle società leader a livello globale nella creazione e gestione di grandi eventi, ha dato vita a un Consorzio per affrontare la sfida dell’Esposizione Universale (EXPO) di Milano del 2015, rispondendo alle esigenze di comunicazione dei Paesi e delle imprese partecipanti che si confronteranno sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

Della gestione dei contenuti alla progettazione e costruzione dei padiglioni, dalla creazione di eventi e alla comunicazione al pubblico, il Consorzio raggruppa aziende che coprono l’insieme di queste specializzazioni. Infatti, oltre a MCI, con i suoi 48 uffici in 23 Paesi del mondo, fanno parte del Consorzio Nussli, azienda svizzera che si occuperà della progettazione e costruzione dei padiglioni, oltre alla realizzazione degli allestimenti interni, e Dorier, azienda svizzera specializzata in tecniche per il suono, video e luci. Completano il vantaglio delle competenze i due business partner BRC Imagination Arts, specializzata nella produzione di eventi con un forte contenuto esperienziale e di entertainment, e SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali, una delle principali società italiane di comunicazione d’impresa presente anche all’estero, che si occuperà della comunicazione dei soggetti che si affideranno al Consorzio per la loro presenza ad Expo Milano 2015.

“Il Consorzio rappresenta una grande opportunità per i Paesi e le grandi aziende che stanno pensando ad una presenza in EXPO”, spiega Sophie Deletraz, responsabile di MCI per il progetto EXPO. “Qui, infatti, troveranno un unico interlocutore con un’esperienza internazionale in grado di realizzare “chiavi in mano” i loro progetti o di partecipare nella costruzione di parti di essi”.

Nel complesso, i partner del Consorzio hanno al loro attivo importanti casi di successo, quali i padiglioni Usa e Japn gas all’Esposizione Internazionale di Aichi (Giappone) nel 2005, il padiglione Omega ai Giochi Olimpici 2008 di Pechino, e – all’Esposizione Universale di Shanghai nel 2010 – i padiglioni di Germania, Svizzera, Singapore, Liechtenstein, Canada, USA e altri per grandi imprese come China Mobile, China Telecom, SAIC-General Motors. Questi solo per citare i maggiori impegni, senza dimeniticare la presenza operativa alle Olimpiadi invernali di Vancouver del 2010, al  BMW Guggenheim Lab a New York nel 2011, all’Expo tematica di Yeosu in Corea del Sud 2012, a cui si aggiungono  molti altri grandi eventi per grandi gruppi internazionali come Disney, Nespresso e Korean Airline.

 

articoli correlati