MEDIA

A WebAds la gestione in esclusiva dell’advertising solutions del servizio upday di Samsung

- # # # # #

WebAds concessionaria esclusiva per la pubblicità su upday

WebAds gestirà le advertising solutions del brand upday for Samsung, il servizio europeo di notizie in esclusiva per gli smartphone Samsung, sviluppato e gestito dal gruppo editoriale tedesco Axel Springer.

upday è disponibile in Italia dallo scorso marzo, e preinstallata sui dispositivi Samsung Galaxy. Forte di una redazione giornalistica che ogni giorno cura, seleziona e verifica le notizie, si compone di due sezioni: la Top News, curata dai redattori, e il feed personalizzato My News. Qui l’utente può leggere le notizie in base ai propri interessi: politica, economia, lifestyle, cultura, sport, motori e molto altro. Gli articoli, aggregati e mostrati secondo il comportamento e le scelte degli utenti, rimandano alle testate più autorevoli e conosciute.

Lanciato nel marzo 2016 in Germania, Francia, Polonia e Regno Unito, upday è uno dei maggiori servizi europei di notizie, consultato attualmente da oltre 9 milioni di utenti unici al mese, 1 milione di utenti attivi al giorno, che spendono ben 5 minuti in media per pagina.

WebAds, forte del suo posizionamento molto verticale su advertiser e agenzie, valorizzerà i prodotti pubblicitari, totalmente native e integrati nella struttura dell’app, pensati appositamente per non disturbare la navigazione mobile dell’utente. Le Full screen card sono parte integrante dell’esperienza native di upday e assicurano piena attenzione all’inserzionista perché appaiono a tutto schermo: non sono layers, non mostrano inserzioni piccolissime, o interruzioni o close button.

Le Sponsored Stories riprendono temi cari alla comunicazione del cliente, attraverso contenuti curati dalla redazione di professionisti di upday. Le possibilità di targeting sono molteplici, tra cui tipo di device e interessi.

“La peculiarità di questo progetto è nell’incontro tra tecnologia e vero giornalismo. Non algoritmi ma persone dietro la scelta dei contenuti proposti, e funzionalità nate e pensate per mobile. Siamo orgogliosi della partnership con upday e certi di introdurre sul mercato italiano prodotti advertising di assoluto valore per i nostri clienti”, ha commentato Constantijn Vereecken, Managing Director WebAds.

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Novità assoluta al Cinecittà World: la MSC Meraviglia è una delle nuove attrazioni

- # # # # # # #

MSC Meraviglia a Cinecittà World

Per la prima volta una nave da crociera sbarca in un parco di divertimenti. Si tratta di MSC Meraviglia, la nave da crociera più grande d’Europa, che oggi è stata “varata” a Cinecittà World, il primo parco italiano dedicato al cinema e alla tv. La nave, infatti, si è sdoppiata e – oltre a navigare per tutto l’anno nel Mediterraneo occidentale – diventa una delle 10 nuove attrazioni di Cinecittà World del 2017.

Oggi nel parco divertimenti è stato celebrato il varo di MSC Meraviglia in puro stile marinaro, come vuole la tradizione, con il taglio del nastro e la rituale bottiglia che è andata ad infrangersi sulla chiglia. “Grazie alla prua della nave che con un’altezza di 10 metri svetta tra le altre attrazioni del parco, MSC Meraviglia si farà notare da tutti i visitatori del parco tematico e siamo convinti che nessuno riuscirà a resistere alla curiosità di scoprire come mai c’è una nave da crociera in un parco di divertimenti. La tentazione spingerà quindi tutti quanti a “salire a bordo” di MSC Meraviglia e vivere l’esperienza immersiva del gioco 4D e dell’Augmented Mirror che si trovano all’interno dell’attrazione”, ha spiegato durante l’evento Leonardo Massa, Country Manager di MSC Crociere.

“Cinecittà e MSC Crociere sono due grandi marchi che diffondono da decenni lo stile Italiano nel mondo”, ha affermato l’Amministratore Delegato di Cinecittà World Stefano Cigarini. “Da quest’anno il nostro Parco regala ai propri ospiti 3 nuove attrazioni che usano la realtà virtuale per fare vivere loro esperienze uniche, come se si trovassero sul set di un film o… a bordo di una nave, ma senza lasciare la terraferma”. I visitatori, entrando nella prua della nuova attrazione si vedranno riflessi in un grande specchio, immersi in una riproduzione dettagliata della promenade interna della nave MSC Meraviglia, e potranno decidere se indossare i panni del Comandante della nave, dell’executive chef o di altri membri dell’equipaggio per scattarsi una foto da condividere sui propri canali social. Nel 4D Immersive Game 2 ospiti per volta, indossando i visori Samsung, si potranno cimentare in un gioco interattivo uno contro l’altro all’interno della nave.

“La novità assoluta di questo gioco è che per la prima volta i movimenti dei giocatori saranno tracciati e riprodotti all’interno dei visori. Di conseguenza, quindi, i visitatori saranno di fatto “teletrasportati” a bordo della nave MSC Meraviglia non solo visivamente ma anche fisicamente e sensorialmente, grazie alla ricostruzione dell’ambiente con tecniche CGI ma anche a ingombri reali posti fisicamente che rispecchiano quelli riprodotti nel visore”, ha sottolineato Andrea Guanci, Direttore Marketing di MSC Crociere e ideatore del progetto. “La nave reale, quella che è stata varata all’inizio di giugno per mano di Sophia Loren, è considerata una delle smart ship con un livello di novità tecnologiche che non ha eguali nel settore crocieristico. Abbiamo quindi voluto stupire i visitatori di questo parco attraverso la creazione di un gioco tecnologico altamente innovativo e unico nel suo genere dove i giocatori possono muoversi liberamente all’interno dell’ambiente virtuale, utilizzando supporti tecnologici di ultima generazione forniti dal nostro partner Samsung, in particolare il nuovissimo smartphone Samsung S8”.

articoli correlati

AZIENDE

Il Museo Teatrale alla Scala e Samsung lanciano un nuovo progetto di innovazione digitale

- # # # #

progetto di innovazione digitale del Museo Teatro Alla Scala

Il Museo Teatrale alla Scala in collaborazione con Samsung e a cura di ETT S.p.A ha realizzato un nuovo progetto digitale, nato dall’esigenza di spiegare ai visitatori provenienti da tutto il mondo lo straordinario patrimonio di storie in cui alla musica e al canto si intrecciano le arti, il costume e la storia stessa del nostro Paese.

Il progetto di innovazione digitale è stato sviluppato attraverso tre passi decisivi: la visita virtuale del Teatro in 360°; le nuove postazioni multimediali nelle sale e la creazione della nuova App.

  1. VR Experience: completa la visita al Museo esplorando il Teatro a 360°: a completamento della visita al Museo sarà possibile effettuare un’Esperienza di Realtà Virtuale con l’uso dei Samsung Gear VR dotati di Smartphone Galaxy S8 e cuffie per poter godere dei contenuti in realtà virtuale realizzati appositamente. In particolare, il video girato a 360°, disponibile in italiano e inglese, renderà il visitatore protagonista e lo accompagnerà in un viaggio unico alla scoperta dei luoghi segreti del Teatro accompagnato dalla prima ballerina Nicoletta Manni. Le postazioni saranno collocate nel foyer del Teatro.
  2. Postazioni multimediali nel Museo: Sono sette le nuove postazioni multimediali disponibili al Museo Teatro alla Scala. Un monitor a parete all’ingresso fornirà le principali informazioni (orari, costo del biglietto, visite guidate, etc.) mentre i restanti sei totem, con monitor touch e menù bilingue (italiano, inglese), sono dislocati all’interno di alcune sale del Museo (1-2-3-4-8) e al piano superiore del Museo. I totem introducono alle varie sale del Museo, alla storia del Teatro, ai luoghi scaligeri di Milano arricchiti da ulteriori contributi audio/video sulle opere.
  3. La nuova App del Museo Teatrale alla Scala sarà disponibile in anteprima su Play Store, la piattaforma Android. L’App è stata realizzata anche grazie al contributo di Regione Lombardia. Una volta selezionata una delle 7 lingue l’utente sarà immerso nelle atmosfere della Milano ottocentesca e del Teatro alla Scala, complice l’animazione del famoso dipinto di Angelo Inganni. All’interno dell’App saranno disponibili 6 percorsi: – Grand Tour, Le 9 muse, I tesori del Museo, Celebrities, La Scala e Milano: storie e itinerari e Su e giù per la Scala, dedicata ai bambini –  disponibili e forniti di una propria descrizione e di una mappa del Museo che indicherà le stanze in cui le opere sono esposte. A ogni opera è dedicata una scheda tecnica composta da titolo, autore, data di realizzazione e sala di collocazione all’interno del Museo, oltre a immagini e contribuiti audio/video aggiuntivi. In ogni momento l’utente potrà decidere se continuare il percorso intrapreso o accedere alla selezione delle opere o se passare alla modalità “visita libera”. L’applicazione, gratuita, sarà scaricabile e fruibile anche da casa, fatta eccezione per i contenuti aggiuntivi del percorso Grand Tour che si attiveranno durante la visita.

“Tre termini descrivono la missione delle istituzioni culturali: Innovazione, esposizione e valorizzazione. Oggi queste definizioni non bastano più e si sono aggiunte tre parole chiave: trasmissione, accessibilità e fruizione. A fronte di ciò, noi abbiamo la responsabilità non solo di custodire, ma anche di trasmettere in modo trasversale alle giovani generazioni la memoria e l’orgoglio delle nostre origini culturali per permettere loro di comprendere il presente e lavorare sul futuro dell’arte. Affinché questa trasmissione sia possibile ci siamo basati sulla necessità di trovare una giusta chiave narrativa con un linguaggio immediato per raccontare la storia del Teatro. Abbiamo sentito il dovere di rendere più accessibili queste informazioni e di abbattere le barriere che si contrapponevano fino a poco tempo fa tra il visitatore e le opere e abbiamo cercato di coinvolgere emotivamente trasferendo nella tecnologia utilizzata l’arte,” ha spiegato Donatella Brunazzi Direttore Operativo del Museo.

Il Museo Teatro Alla Scala è principalmente un salotto, un luogo colmo di storia, di emozioni, di racconti e l’intento del progetto è stato proprio quello di svelare ciò che il turista e il visitatore non conosce. L’innovazione digitale diventa lo strumento fondamentale per affrontare questa sfida perché permette ai visitatori una fruizione delle collezioni e delle informazioni in modo più immediato e completo. Il Museo ha messo in atto una strategia articolata che unisce l’innovazione tecnologica a nuove occasioni di approfondimento e condivisione per migliorare ulteriormente la qualità della visita.

“Missione di un Museo moderno non è solo salvaguardare e conservare un patrimonio artistico-culturale, ma valorizzarlo favorendone la fruibilità e migliorando la qualità dell’esperienza del visitatore. Esporre le opere non basta più: occorre accompagnare il visitatore in un percorso di approfondimento che è in primo luogo un percorso narrativo che rende accessibile il denso intreccio di storie che caratterizza il nostro Museo. L’innovazione digitale si aggiunge al moltiplicarsi delle attività ‘dal vivo’, dalle presentazioni di libri ai concerti e ai laboratori per bambini, in una strategia complessiva per rendere la visita al Museo un’esperienza indimenticabile”, ha aggiunto Donatella Brunazzi.

“La nostra missione è quella di portare i benefici del digitale ai diversi ambiti di applicazione e la partnership con il Teatro alla Scala di Milano testimonia il nostro impegno nel promuovere il ruolo della tecnologia come strumento utile per permettere un’esperienza di fruizione di contenuti artistici in modo diverso e più al passo con i tempi. Il trend del momento è l’esperienza di realtà virtuale, di cui siamo pionieri, e siamo convinti che le soluzioni sviluppate per il Museo Teatrale porteranno ulteriore valore a tutti i visitatori”, ha dichiarato Carlo Barlocco, Presidente di Samsung Electronics Italia.

“Il Museo Teatrale alla Scala è il luogo in cui il Teatro custodisce la propria storia e la rende accessibile ai visitatori provenienti da tutto il mondo. Non a caso il Museo, con i suoi oltre 250.000 visitatori, è tra i più visti a Milano, e in particolare uno dei più apprezzati dal pubblico straniero. Gli strumenti di comunicazione che ci sono messi a disposizione dalle nuove tecnologie ci permettono di aggiungere agli spazi fisici del Museo uno spazio virtuale che consente di approfondire la visita ma anche di conoscere il nostro Museo a distanza. Per questo desidero ringraziare Samsung che ci è stata accanto in questa importante iniziativa, oltre al Partner Istituzionale JTI” che da anni supporta le attività del Museo”, ha dichiarato il Sovrintendente Alexander Pereira. 

“È un onore per noi aver contribuito alla realizzazione del progetto di innovazione digitale del Museo Teatrale alla Scala, è un’ulteriore conferma che il futuro della valorizzazione dei beni culturali del nostro Paese passa anche attraverso l’innovazione tecnologica. Il nostro obiettivo è quello di utilizzare, di volta in volta, le soluzioni adatte a rendere fruibile la cultura, valorizzandone l’aspetto narrativo, e restituendo al visitatore un’esperienza altamente immersiva, stimolante e unica”, ha concluso Giovanni Verreschi, Presidente e Amministratore Delegato di ETT S.p.A.

 

articoli correlati

MEDIA

Su Corriere.it arriva la nuova sezione “Le Storie 360”

- # # # #

Su Corriere.it “Le Storie 360”

Il canale 360 di Corriere Tv, attivo da inizio aprile, entra nel vivo con “Le Storie 360”. I video immersivi 360 permettono di trasmettere storie e notizie in modo rivoluzionario, proiettando il lettore dentro i fatti, al centro di una realtà coinvolgente e inedita.

Primo quotidiano italiano a dedicare un canale a questa tecnologia, che altre grandi testate nel mondo stanno esplorando, il Corriere della Sera, grazie a una partnership con Samsung, fornisce ai giornalisti la videocamera Samsung Gear 360, con la quale sono stati realizzati i quattro nuovi video che inaugurano “Le Storie 360”. Un nuovo contenuto sarà online ogni settimana.

Sono online da oggi: un servizio di Marta Serafini sulla vita quotidiana a Mosul Est che lentamente riconquista un pò di normalità, tra il mercato e una partita a biliardo, mentre nella parte ovest della città irachena ancora si combatte; otto mesi dentro la fabbrica occupata della ex Alstom di Sesto San Giovanni tra le storie e le rivendicazioni dei 50 operai che da settembre 2016 sono in presidio permanente, in un servizio di Laura De Feudis; la storia dell’invenzione italiana del drone tascabile per scattare foto e girare video aerei dal telefono, raccontata dal protagonista nella cornice del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano in un servizio di Federico Cella, che firma anche il pezzo alla scoperta di Aerogravity, il più grande simulatore di skydiving al mondo che grazie a un flusso d’aria costante fino a 350 chilometri all’ora fa volare le persone con un effetto ipnotico per chi guarda.

“Corriere 360” è accessibile da pc, tablet, smartphone e con i visori della realtà virtuale, dal sito e dalla app di Corriere CUP. Main sponsor del canale “Corriere 360” è Fastweb, technical partner è Samsung.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Samsung, Leo Burnett e Bedeschi film presentano The Impossible Talk per invitare i giovani a credere nei propri sogni

- # # # # # #

The Impossible Talk: nuova campagna Samsung

Samsung lancia una nuova campagna realizzata da Leo Burnett con la regia di Andrea Cecchi e la casa di produzione Bedeschifilm. Il tema centrale di The Impossible Talk è: imparare a credere in se stessi per realizzare i propri sogni.

Il video, anticipato da un teaser di venti secondi il 27 aprile sui canali social di Samsung, è stato girato in un college inglese e mostra l’incontro tra Michael Sanders, studente diciannovenne che dopo la maturità ha rinunciato al proprio sogno di diventare dottore per lavorare nell’azienda di suo padre, scegliendo il percorso più lineare, e sé stesso in età matura se avesse intrapreso la carriera di medico.

Obiettivo di Samsung è confermare il proprio impegno nell’educazione che si traduce nelle sue attività di responsabilità sociale e dimostrare che i sogni diventano realtà nel momento in cui iniziamo a credere in noi stessi.

Andrea Cecchi, regista da maggio in priority per il mercato italiano con la casa di produzione guidata da Giovanni Bedeschi, è stato scelto per questo progetto per la sua esperienza internazionale e il lungo periodo in cui ha vissuto in America, elementi ideali per l’impianto produttivo dal carattere cosmopolita che si voleva ottenere nel filmato.

“Abbiamo sempre avuto un debole per la cultura, perciò ci siamo subito appassionati a questo progetto che tocca un tema molto delicato e importante per i giovani di tutto il mondo. L’idea creativa è subito apparsa molto interessante. Naturalmente la scelta del cast ha investito un ruolo determinante, con la selezione tra tanti attori di uno che assomigliasse al ragazzo dell’esperimento, quarant’anni dopo. L’attore che abbiamo selezionato, David Loveland, è perfetto per l’incredibile somiglianza con il giovane e per il suo talento nella recitazione. Infine, la sintonia che si è creata da subito tra il nostro regista Andrea Cecchi e il direttore della fotografia Mik Allen ha permesso di realizzare una produzione di alto livello estetico di cui siamo molto soddisfatti”, ha piegato Giovanni Bedeschi, regista, produttore e fondatore della casa di produzione Bedeschifilm.

Credits:
Agenzia: Leo Burnett Italy
Cliente: Samsung Italia
Executive Creative Director: Francesco Bozza, Alessandro Antonini
Creative Director: Marco Viganò
Senior Art Director: Filippo Formentini, Cinzia Caccia
Senior Copy Writer: Maria Chiara Alegi
Brand Leader: Bruno Borsetto
Account Director: Carlotta Piccalunga
Account Executive: Francesca Ajelli
Agency Producer: Alessandra Caldi
Regia: Andrea Cecchi
DOP: Mik Allen
Casa di produzione: Bedeschifilm
Executive Producer: Giovanni Bedeschi
Producer: Giacomo Tabone Producer
Editor: Lorenzo Colugnati
Post Produzione: Francesco Rota
Direttore di Produzione: Mara Adina
Musica originale: Fabio Gargiulo per BKM Production

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Samsung: campagna mondiale di Leo Burnett e Turner Duckworth. Pianifica Starcom

- # # # # #

Samsung Electronics, insieme ai partner Leo Burnett e Turner Duckworth, ha attivato a livello mondiale una campagna di comunicazione integrata per il lancio del nuovo Samsung Galaxy S8, imperniata su film dal forte impatto emotivo, pensati per sottolineare la stretta correlazione tra il nuovo modello di punta dell’offerta Samsung in ambito mobile e le peculiarità insite in un brand che negli anni ha mostrato di saper coniugare innovazione tecnologica e capacità di rispondere alle esigenze dei consumatori.

“Se in passato abbiamo incentrato le nostre attività di comunicazione sulle peculiarità dei nostri prodotti, per il lancio di un dispositivo tanto innovativo quanto il nuovo Galaxy S8 abbiamo voluto puntare sulle emozioni, perché lo smartphone oggi è più importante che mai per tutti noi, un compagno fondamentale nella vita di tutti i giorni”, ha dichiarato Alicia Lubrani, Head of Consumer Marketing Communications di Samsung Electronics Italia. “Con la nostra nuova campagna volevamo legarci all’aspetto emozionale della tecnologia, spiegare come sia in grado di aiutarci a raggiungere piccoli e grandi obiettivi, e a superare sfide all’apparenza impossibili come poteva sembrare quella di realizzare uno smartphone senza confini o che introducesse funzionalità innovative come lo sblocco con il riconoscimento dell’iride per la protezione dei dati”.

In Italia, Samsung sarà on air dal 23 aprile con spot che coinvolgeranno le principali emittenti televisive, con un focus particolare sugli eventi sportivi. L’azienda presidierà inoltre quotidiani, periodici e radio, attivando anche una importante campagna di comunicazione outdoor in oltre 20 città italiane. Inoltre, dopo una prima fase legata all’evento di lancio e ai preorder, sarà on-air anche la campagna dedicata a testate online e proseguiranno le attività sui social media dell’azienda. La pianificazione della campagna è affidata al centro media Starcom.

La comunicazione sarà estremamente impattante e multimediale: il film “Breaking Out” segue da sabato 23 aprile i molto apprezzati “The Ostrich” e “This is a Phone”, svelati durante l’evento di lancio del Galaxy S8, Samsung Unpacked, che si è tenuto a New York, Londra e Milano il 29 marzo. Oltre a questi brevi film, Samsung sta anche realizzando diverse attivazioni in ambito digital, social e outdoor in tutto il mondo, come “Whale” e “Astronaut”, oltre ad un film dedicato all’ecosistema Samsung mobile per Gear VR e Gear 360.

Il lavoro di Leo Burnett Worldwide e Turner Duckworth riesce a raccontare la filosofia alla base dei prodotti Samsung, che oggi come ieri sfidano le categorie tradizionali. Il video “Breaking Out” realizzato da Leo Burnett Chicago e Sydney, in particolare, esalta il rivoluzionario Infinity Display del Samsung Galaxy S8 facendo leva sul concetto di libertà dai confini di un telefono tradizionale.

articoli correlati

AZIENDE

Mirabilandia e Samsung: insieme per il lancio VR di Master Thai un’esperienza virtuale a 360°

- # # # #

Mirabilandia partnership Samsung

Nell’anno di celebrazione del suo 25° compleanno, Mirabilandia annuncia con orgoglio di aver siglato una partnership d’eccezione con Samsung.

L’occasione è il lancio dell’esperienza VR di Master Thai. Per la stagione 2017, infatti, Master Thai, il roller coaster a binario doppio, non regalerà solo le emozioni del percorso a inseguimento, ma anche la straordinaria e immersiva esperienza della realtà virtuale. Sarà una vera innovazione quella di Master Thai: una combinazione di tecnologia VR e animazione 3D.

Salendo a bordo, basterà indossare gli appositi visori Samsung Gear VR: l’esperienza virtuale a 360° è assicurata e coinvolgente. Con un campo visivo ampio e immagini estremamente naturali, ci si troverà in un attimo catapultati nella selvaggia giungla della Tailandia, fra avventure, tempi perduti, inseguimenti e trappole da cui scappare.

La collaborazione tra Mirabilandia e Samsung prevedrà un’attività di comunicazione integrata, attraverso i diversi canali di comunicazione delle aziende. Anche la sede milanese di Samsung, il Samsung District, sarà impegnata in una serie di attività rivolte a tutti i visitatori per far conoscere loro l’esperienza VR da vivere al parco ravennate.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Samsung e Leo Burnett presentano Samsung Wemogee, una chat app basta su emoji per comunicare attraverso le immagini

- # # # # # # #

Wemogee

Samsung Electronics Italia e Leo Burnett Italia presentano Samsung Wemogee, la prima app gratuita di instant messaging pensata per permettere ai pazienti colpiti da afasia, e in generale a tutte le persone affette da disturbi legati alla comunicazione verbale di esprimere idee, attività ed emozioni, con i propri familiari e amici. La nuova app sarà disponibile a partire dal 28 aprile 2017 su Google Play Store per tutti i dispositivi Android (smartphone e tablet), AppStore per device iOS e Galaxy Apps di Samsung.

Samsung Wemogee va a colmare un gap espressivo che affligge gli oltre 3 milioni di persone nel mondo (200.000 solo in Italia) che soffrono di afasia, una patologia molto complessa, che comporta la perdita della capacità di comporre o comprendere il linguaggio. Si tratta di un disturbo acquisito, dovuto a lesioni dell’area di Broca e dell’area di Wernicke, le parti del cervello deputate alla progettazione, all’ideazione e all’espressione linguistica. Le cause più frequenti sono di tipo traumatico, emorragico o ischemico (basti pensare che ben il 30% delle persone colpite da ictus cerebrali sviluppano una forma di afasia). Questo disturbo ha gravi conseguenze sulla vita del paziente e delle persone che gli sono più vicine. Dato che il linguaggio è lo strumento più importante per poter comunicare, l’afasia può comportare la perdita della rete sociale e pesanti frustrazioni da un punto di vista emotivo.

Elio Clemente Agostoni, Direttore del Dipartimento Neuroscienze presso l’Ospedale Niguarda di Milano, che ha seguito da vicino tutte le varie fasi di sviluppo scientifico di Samsung Wemogee, afferma: “Nel tradizionale trattamento dei disturbi del linguaggio, le immagini e i gesti hanno un ruolo fondamentale perché oltrepassano la barriera della verbalità. In questo senso, Samsung Wemogee rappresenta una vera e propria nuova metodologia di comunicazione. L’inserimento di risposte suggerite, di fronte a determinate domande, rappresenta un modello di interazione semplice, che agevola l’utilizzo da parte del paziente afasico limitando le sue possibilità di scelta e di conseguenza le possibilità di errore”.

Dotata di una interfaccia semplice e intuitiva, Samsung Wemogee funziona come una sorta di traduttore testo-emoji e viceversa. Il vocabolario dell’app, sviluppato in collaborazione con Francesca Polini, Dottoressa Logopedista e Docente presso l’Università degli Studi di Milano, comprende una library di più di 140 frasi relative ai bisogni primari così come alla sfera affettiva con le frasi prevedibilmente più utili per le comunicazioni dei pazienti afasici; queste frasi sono state tradotte in sequenze logiche di emoji e suddivise in 6 macro categorie di riferimento (vita quotidiana; mangiare e bere; sentimenti; aiuto, attività ludico-ricreative, ricorrenze e celebrazioni); le persone afasiche sceglieranno ciò che vogliono comunicare tra un panel di opzioni visive, inviando la sequenza di emoji selezionata al destinatario non afasico. La persona non afasica riceve il messaggio in forma testuale e potrà rispondere utilizzando parole scritte; allo stesso modo, il paziente afasico riceverà la comunicazione in forma di emoji.

“I pazienti afasici comprendono gli emoji perché rappresentano tutti gli aspetti delle emozioni. Il gesto, il disegno e tutta la mimica è perfettamente conservata in comprensione e spesso anche nella produzione. A questo fine è utile che ci sia un elenco ben definito di frasi, che devono essere riferite ai bisogni più immediati in modo che il paziente sia facilitato e che il supporto sia di aiuto alla comunicazione e che non mandi il paziente in uno stato di frustrazione”, aggiunge Francesca Polini.

Il Dottor Giuseppe Sciarrone, Consulente Neurochirurgo presso l’ospedale Humanitas Gavazzeni di Milano, che ha contribuito con la sua consulenza allo sviluppo di Samsung Wemogee, conferma che “Il paziente afasico viene depauperato di tutta una serie di aspetti che riguardano non solo la sussistenza, ma anche la sfera affettiva. Questo naturalmente fa scaturire anche nelle persone che gli sono accanto una sorta di frustrazione e di impotenza, che porta il soggetto a chiudersi sempre di più in sé stesso. Samsung Wemogee è un’app estremamente innovativa perché attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva consente all’afasico, di non sollecitare in maniera eccessiva la rete ideativa del suo cervello, offrendo al tempo stesso la possibilità di avere un’interazione quasi fluente con le persone che lo circondano”.

Samsung Wemogee non è solo una chat di messaging a distanza: questa app, infatti, può essere anche strumento di training in situazioni di compresenza, a supporto delle tradizionali metodologie di riabilitazione, grazie alla funzione display che permette di visualizzare su un unico dispositivo la frase selezionata, sia in forma emoji, sia in forma testuale.

 

 

“Abbiamo creduto fortemente nel progetto Samsung Wemogee fin dalle prime fasi di sviluppo, e l’approvazione da parte dei nostri partner sulla reale efficienza dell’app per tutte le persone afasiche, ha rafforzato ancora di più in noi la convinzione sulla sua effettiva utilità sociale. Con questo progetto confermiamo la nostra vocazione nel mettere a disposizione della società tutto il nostro know-how tecnologico, perché la responsabilità sociale è uno dei valori cardine di Samsung, sia in Italia che a livello globale, e siamo coscienti di quanto la tecnologia possa essere un potente strumento di emancipazione e inclusione sociale”, commenta Mario Levratto, Head of Marketing & External Relations di Samsung Electronics Italia.

“Samsung Wemogee è un progetto che segna uno spartiacque nella relazione tra agenzia di pubblicità e cliente e che ci ha coinvolto sia professionalmente che emotivamente. Abbiamo la sensazione di aver contribuito a fare qualcosa di davvero grande”, afferma Francesco Bozza Direttore Creativo Esecutivo di Leo Burnett Italia.

Credits
Agenzia: Leo Burnett Italia
Executive Creative Directors: Francesco Bozza, Alessandro Antonini
Creative Director: Nicoletta Zanterino
Innovation Director / Head of art: Mattia Montanari
Art director / Creative technologist: Stefano Knoll
Copywriter: Nicoletta Zanterino
UX Designer: Mattia Montanari, Stefano Knoll
Project Manager: Andrea Castiglioni
Brand Leader: Bruno Borsetto
Account Director: Carlotta Piccaluga
Account Executive: Francesca Ajelli
Producer: Alessandra Caldi
Developers: 3×1010
Production Company: Basement HeadQuarter
Executive Producer: Francesco Crespi
Regista: Vittorio Bonaffini

Musica Originale: Fabio Gargiulo per Bkm Production

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Samsung, uno spot a tema Brexit lancia le nuove lavatrici AddWash; firma Brand Portal

- # # # # #

Samsung

È Brand Portal a firmare, in collaborazione con Zero, una nuova campagna per lanciare l’innovativa gamma di lavatrici AddWash di Samsung. La comunicazione punta tutto sulla caratteristica che rende questo elettrodomestico davvero unico e rivoluzionario: il doppio oblò, che permette di aggiungere capi o detergenti in qualsiasi momento del lavaggio, in pochi secondi. Quindi, finalmente, addio calzini spaiati. La campagna parte proprio da questo insight e si sviluppa in più soggetti, con visual forti e ironici, che estremizzano la possibilità per qualunque capo di potersi riunire. Anche per quelli che in realtà non potrebbero mai stare insieme. Il soggetto di lancio, con protagonisti un calzino inglese e uno europeo, uscirà in stampa e affissioni dal 4 aprile.

“Con Samsung condividiamo da sempre l’obiettivo dell’eccellenza. E siamo felici di poter collaborare al lancio di un prodotto davvero innovativo” commenta Francesco De Guido, Amministratore Delegato dell’agenzia.
“I progetti più belli sono quelli in cui, nel cercare ingressi creativi originali, riusciamo anche a divertirtici.” aggiunge Marco Gucciardi, Direttore Creativo Esecutivo di Brand Portal “e lavorare su un prodotto come questo aiuta di sicuro”.
“Siamo orgogliosi di avere clienti come Samsung, che ti permettono di osare” conclude Paolo Torchetti , fondatore e principale azionista di Brand Portal “e in un mercato così affollato, è fondamentale farsi notare, sia per i brand, che per le agenzie”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Diesel inaugura a Milano il negozio del futuro con le tecnologie di Samsung e H-Farm

- # # # #

Diesel

Diesel ha inaugurato a Milano il suo nuovo concept store Diesel Planet di piazza San Babila con l’integrazione delle innovative tecnologie per il retail di Samsung e delle soluzioni avanzate del partner H-Farm. È il primo punto vendita Diesel in cui viene rinnovato non solo l’ambiente dedicato allo shopping, ma il modo stesso in cui il consumatore interagisce con il prodotto e il personale.

Da oggi, grazie alle tecnologie Samsung evolve il ruolo degli assistenti alla vendita dello store Diesel, che possono ora diventare dei veri e propri “personal stylist” guidando il cliente nello shopping del denim con il supporto dei nuovi smartphone Samsung Galaxy A5 e delle soluzioni Samsung Smart Signage, grazie ai quali sarà possibile, attraverso una app dedicata, gestire i pagamenti in mobilità da qualunque luogo all’interno del punto vendita, abilitare funzioni avanzate di CRM, rendere eccellente e interattiva la selling ceremony: gli smartphone Samsung saranno collegati in rete con i monitor in negozio, e dal device il commesso potrà selezionare e inviare contenuti extra da mostrare al cliente durante le fasi di vendita.

Inoltre, grazie alle soluzioni del partner H-Farm, i diversi touch-point del nuovo store Diesel accompagnano l’esperienza di acquisto arricchendola di contenuti interattivi relativi alle informazioni sul prodotto. Il consumatore può accedere in tempo reale allo storytelling creato per i prodotti di suo interesse, raccontati attraverso fitting room 2.0 e tavoli da lavoro di nuova generazione i quali, tramite l’ausilio di tecnologie digitali d’avanguardia, sono capaci di riconoscere autonomamente i capi ad essi avvicinati.

“In Samsung Italia siamo orgogliosi di questa nuova collaborazione con Diesel, e siamo certi che i nostri smartphone Galaxy A5 e gli altri nostri prodotti utilizzati costituiranno un elemento strategico per le attività in store del nostro partner. Le nuove tecnologie per il retail sono un valido alleato nei punti di vendita di qualsiasi settore merceologico, in particolare in quei contesti in cui il rapporto con la clientela può generare un aumento delle vendite. E il nostro portfolio di soluzioni per il retail include una gamma completa di prodotti e tecnologie pensate per favorire la collaborazione e la condivisione, nell’ottica di un migliore coinvolgimenti dei clienti e di una maggiore produttività del personale sul punto vendita”, ha dichiarato Antonio La Rosa, Head of B2B di Samsung Electronics Italia.

articoli correlati

AZIENDE

Nasce la partnership tra Samsung Italia e AppForGood. Insieme per l’industry 4.0

- # # # # #

collaborazione Samsung AppForGood

Samsung Electronics Italia annuncia la collaborazione con AppForGood per guidare la realizzazione della digital transformation in Italia attraverso lo sviluppo di soluzioni professionali e progetti IoT.

Nel contesto del programma Industry 4.0, che vedrà quest’anno un forte impegno da parte di istituzioni e aziende nell’attuare la rivoluzione digitale, Samsung prosegue il suo percorso strategico nel mondo b2b per consolidare il proprio ruolo di partner verso la business community italiana, e contribuire alla digitalizzazione del nostro paese. La scelta di stringere questa collaborazione con AppForGood, nota Digital Campany con competenze di sviluppo software, marketing, creatività e comunicazione, nasce infatti dalla volontà dell’azienda di mettere a disposizione di clienti e partner una gamma di soluzioni di eccellenza che integra piattaforme, hardware e software e offre benefici in termini di ottimizzazione delle risorse, competitività del business e impatto sulla crescita.

Antonio Bosio, Product and Solutions Director di Samsung Electronics Italia afferma, “L’eccellenza dei prodotti e delle soluzioni Samsung trova da sempre valore nei partner che collaborano con noi dal punto di vista tecnico e commerciale, completando perfettamente la nostra offerta. Grazie a partnership con aziende di valore come AppForGood riusciamo infatti a supportare progetti anche molto complessi con grande professionalità, velocità e flessibilità ed è per questo che la collaborazione con AppForGood è strategica poiché ci consente di abilitare i nostri clienti al mondo IoT e di supportare verso un utilizzo delle tecnologie digitali evoluto ed efficace per il business”

Giuseppe Mola, CEO AppForGood spiega, “AppForGood grazie alla sempre più stretta collaborazione con Samsung è in grado di operare su un ampio spettro di soluzioni, portando sul mercato competenze che spaziano dalle soluzioni in ambito sicurezza basate sulla piattaforma Samsung Knox, allo sviluppo di progetti per dispositivi mobile e wearable, fino all’integrazione con qualsiasi tipo di sensore grazie ad una soluzione end-to-end basata su Samsung ARTIK. Quello che contraddistingue la nostra azienda è infatti la capacità di integrare tra loro questi mondi grazie all’esperienza ed alle competenze maturate sulle tecnologie di interconnessione”.

L’impegno verso il mondo professionale ha recentemente visto la disponibilità di nuove soluzioni come la piattaforma ARTIK, una combinazione Integrata di Moduli, Cloud ed Ecosistema con caratteristiche uniche ed abilitanti allo sviluppo di prodotti e servizi sicuri ed interoperabili in ambito IoT. In questo contesto sono inoltre evolute le applicazioni del mondo della realtà virtuale e wearable nelle diverse Industry, andando a svolgere ruoli assolutamente centrali e strategici in modo economico ed efficiente. Infine tutti i dispositivi appoggiano su Samsung KNOX, una piattaforma di sicurezza che garantisce l’inviolabilità dei device e delle soluzioni e la possibilità di implementare con facilità anche le configurazioni più complesse.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Starcom Italia porta in montagna Samsung per il lancio del nuovo smartwatch Gear S3

- # # # # #

Starcom firma la nuova campagna Samsung dedicata al nuovo Gear S3

Nasce Gear S3, il nuovo smartwatch di casa Samsung, device che rilancia l’azienda coreana nella categoria dei wearable.
Ispirato all’arte dell’orologeria e alla tradizione, Gear S3 racchiude in sé innovazione ed eleganza: l’aspetto di un classico orologio unito alle funzionalità avanzate di un moderno Smartwatch. Disponibile nelle due versioni frontier e classic, Samsung Gear S3 è il complemento ideale al proprio stile, perfetto per comunicare, affidabile per tutte le attività outdoor e personalizzabile in base al look.
Per il lancio del nuovo prodotto, Starcom Italia, agenzia media global di Samsung Electronics, ha progettato una campagna cross-mediale che prevede l’integrazione di più canali: TV, stampa, digital e OOH. Quest’ultimo è il mezzo principe, con una copertura temporale significativa da dicembre fino ad aprile che, in alcuni casi si protrae fino a novembre, nell’ottica di aumentare il più possibile la frequenza. Una campagna diversa dal solito, che ha come location protagonista la montagna, e che tocca le più rinomate e prestigiose località sciistiche italiane: Courmayeur, Bormio, Livigno, Champoluc e Gressoney e i comprensori di Sestriere e Madonna di Campiglio. Il piano è sviluppato sfruttando oltre ai tradizionali spazi sulle piste da sci anche i wrapping (decorazioni/pellicolature) degli impianti di risalita. Copertura e impatto sono garantiti da più di 300 spazi di diversi formati. L’attività, rivolta ad un target prettamente maschile e sportivo, risponde anche all’esigenza commerciale di posizionare l’accessorio presso i rivenditori delle location selezionate, legandosi alle specificità del mercato e del territorio. L’attività più “innovativa” coinvolge la località di Courmayeur dove, per la prima volta, è stata realizzata una vera e propria domination con la creazione di nuovi impianti in partnership con il comune e all’interno delle iniziative di riqualificazione territoriale seguita dall’amministrazione comunale. In questo caso, per garantire al cliente il presidio del territorio e la massima copertura,  sono stati utilizzati diversi formati: parking exit brandizzate, pannelli a presidio del Welcome building in Piazzale Montebianco, street barriers a copertura dei principali accessi al centro della città, totem bifacciali digitali per un totale di 40 schermi distribuiti nelle aree strategiche e centrali della località e 2 scritte di benvenuto su legno, brandizzate Samsung posizionate rispettivamente sul welcome building e sul landmark. Per contestualizzare il prodotto, sono stati realizzati anche una serie di formati video custom, dal mood particolarmente emotivo e di grande impatto visivo che sono stati poi declinati sia su siti verticali selezionati e social networks che sugli impianti di OOH digitali.

articoli correlati

MEDIA

Samsung è la prima azienda italiana ad adottare il formato inRead 360° di Teads

- # # # # #

Samsung

Per il lancio della sua Gear 360, la rivoluzionaria videocamera panoramica che permette di girare video a 360°, Samsung ha scelto di essere la prima azienda italiana ad adottare la novità della suite inRead di Teads, il formato inRead 360°.

Questa partnership ha permesso di valorizzare al massimo il lavoro di entrambi i player, puntando sul perfetto connubio tra una creatività, un formato e, senza dubbio, un prodotto, che rispondono con la massima efficacia al picco di interesse degli utenti verso le esperienze immersive ed interattive.

Se il 2016 è l’anno in cui la Realtà Virtuale è finalmente riuscita a fare breccia nel mercato, Samsung Gear 360 ha alzato l’asticella per tutti i prodotti con ambizioni VR. Proponendosi come una sfera completa di due lenti alle estremità, la camera è splash proof, resistente alla polvere e offre quattro diverse modalità di utilizzo: fotocamera, videocamera, timelapse e loop. Fedele a se stesso, il colosso coreano è però voluto andare oltre la sola qualità e ha creato un vero e proprio trend attorno al prodotto: dalla crasi di “round” e “selfie” è così nato un nuovo fenomeno, quello dei “#roundie”, introdotti con il video “Samsung Gear 360. Party da Roundie”.

L’annuncio diffuso con l’inRead 360° di Teads, riprende tema e protagonisti di questa creatività, arricchendoli dell’elemento interattivo. inRead 360°, infatti, è il formato outstream che, ricalcando le logiche della realtà virtuale, mira alla realizzazione di un’esperienza immersiva e coinvolgente, dalla quale sia i publisher che i brand possono trarre enormi benefici. Entrambi avranno infatti l’occasione di valorizzare la qualità dei propri contenuti e dei propri prodotti, con un formato ad alto tasso di engagement, che lascia all’utente il pieno controllo dell’esperienza, permettendogli di interagire con la creatività e di visualizzare l’annuncio da diverse angolazioni, muovendo il proprio dispositivo mobile o trascinando l’annuncio su desktop. Viewable by design, il formato parte quando è perfettamente visibile sullo schermo e va in pausa quando è visibile per meno del 50%.

“Samsung, che guida l’innovazione in Italia e nel mondo con dispositivi capaci di rivoluzionare le esperienze delle persone, rendendole sempre più immersive, ha accolto con entusiasmo la partnership con Teads per esplorare nuovi formati, portando così la tecnologia 360° alla portata di tutti. Il nostro percorso in comunicazione è cominciato con la campagna “Molto più che Olimpiadi. Vivi Rio 2016 a 360°” sviluppata per le ultime Olimpiadi di Rio 2016, e successivamente grazie anche al supporto dei nuovi formati di Teads, Samsung si è fatta ambasciatore di una vera e propria missione, per far vivere e rendere accessibile a tutti l’emozione dei contenuti immersivi a 360”, commenta Alicia Lubrani, Head of Consumer Marketing Communications Samsung Italia.

La campagna è stata erogata sui principali editori della rete di publisher premium di Teads, sia in versione desktop che in versione mobile. Rivolta a un target Millenials e Giovani Adulti, la campagna ha risposto in maniera brillante alle aspettative e agli obiettivi dell’azienda. Lato desktop, ha generato un CTR dell’1,45% ed una view rate del 69,5%; lato mobile, il CTR è stato dell’1,47% e la view rate del 67,29%.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Violenza domestica: Telefono Rosa, Samsung e Leo Burnett in aiuto delle vittime

- # # # #

violenza

Dopo aver concluso il periodo d’accoglienza nei centri anti-violenza, molte donne si trovano in grosse difficoltà economiche, senza un lavoro e con una famiglia da mantenere. Ecco perché molte di loro tornano a casa dal proprio compagno aguzzino.

Women Run The Show è la prima campagna di comunicazione firmata da Samsung e Leo Burnett, in collaborazione con il Telefono Rosa, contro la violenza domestica, che ha permesso a 10 donne vittime di riconquistare la propria indipendenza.

Samsung ha offerto loro dei corsi di formazione professionale in linea con le loro passioni, e l’opportunità unica di pensare, realizzare ed interpretare il nuovo spot del Telefono Rosa che vanta la co-regia d’eccezione di Maria Sole Tognazzi.

Words è, infatti, il primo spot firmato Telefono Rosa pensato, realizzato e interpretato da donne che hanno subìto violenza domestica. Per la prima volta, il messaggio sociale nascosto dietro lo spot viene lanciato dalle vittime in persona.

 

 

40” in cui 10 donne interpretano loro stesse nelle situazioni più quotidiane e comuni, parlano tra loro creando una ripetizione di labbra in movimento. Le donne ridono, sono felici, si intuisce che per una donna parlare è un gesto quotidiano e indispensabile.

“È proprio quando non parlano che dovresti ascoltarle”: un messaggio sociale forte, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare tutti a riconoscere i segnali che una donna vittima di violenza domestica mostra in pubblico, perché riconoscere il problema è il primo passo per aiutarle.

articoli correlati

AZIENDE

Samsung festeggia 25 anni in Italia generando 1,3 miliardi di impatto economico

- # # # #

samsung

I 25 anni di Samsung in Italia hanno dato vita a un incontro, tenutosi questa mattina presso il Samsung District di Milano, che è diventato l’occasione per raccontare la storia e le prossime sfide di questa azienda da sempre alfiere dell’innovazione.
Dal 1991, anno del suo ingresso in Italia, Samsung ha avuto un ruolo sempre più rilevante sul territorio nazionale, e si è impegnata a offrire agli italiani le migliori tecnologie per far vivere appieno le proprie passioni, per facilitare la loro professione e per migliorare la qualità della loro vita. Parte integrante della missione del Gruppo è stata quella di portate i benefici del digitale al più ampio pubblico possibile e in tutti i principali ambiti socio-economici, quali istruzione, lavoro, business, economia, arte, servizi pubblici, attraverso progetti innovativi orientati soprattutto a sviluppare fin nei più giovani le competenze digitali necessarie a sfruttare al massimo le potenzialità delle nuove tecnologie.

“Siamo onorati di celebrare questo anniversario insieme a tutti coloro che hanno lavorato con noi, permettendoci di arrivare fino a qui: istituzioni, associazioni, partner, clienti e cittadini. Oggi siamo una grande azienda in Italia, che ha lanciato in questi 25 anni milioni di prodotti rivoluzionari, contribuendo all’evoluzione digitale del Paese”, ha ricordato Carlo Barlocco, presidente di Samsung Electronics Italia (nella foto). “Solo nel 2015, Samsung ha venduto in Italia oltre 17 milioni di prodotti, in media più di 47.000 al giorno, quasi 2.000 all’ora e 33 al minuto. Ma dietro questi numeri, c’è sempre stata la volontà di generare valore sul territorio e promuovere lo sviluppo e il progresso a livello locale”.

L’Italia è infatti un mercato strategico per la società, tra i primi paesi in Europa per performance. Una ricerca condotta dall’Università Bocconi, in riferimento al sistema economico italiano, e considerando le risorse complessive distribuite allo Stato, alle famiglie e alle imprese, mostra che Samsung ha generato in Italia un valore pari a 1.328 milioni di Euro nel solo 2015, pari allo 0,08% del PIL italiano. Un impatto che nel tempo ha mostrato una crescita tendenziale, tanto che negli ultimi dieci anni è raddoppiato. Se si considera invece il fatturato della società nel Paese, Samsung si colloca al 52° posto tra tutte le società italiane, generando un valore che equivale allo 0,2% del PIL italiano.
Dati che confermano l’importanza di Samsung e il ruolo strategico dell’innovazione per sostenere il rilancio economico del Paese e per assicurare un futuro migliore per tutti.
Uno sguardo al futuro è stato invece offerto dall’intervento da Carlo Ratti, docente e ricercatore al MIT, che ha delineato le macro-tendenze del digitale per i prossimi anni, dove la tecnologia sarà sempre più pervasiva in ogni aspetto della nostra vita, e che ha immaginato il ruolo che l’Italia potrà ricoprire nei nuovi scenari dell’innovazione. Un futuro in cui Samsung si prefigge di partecipare in modo sempre più significativo lanciando soluzioni e dispositivi sempre più evoluti e semplici da usare, facendo leva su un ecosistema di prodotti potenziato, continuando a promuovere la cultura digitale e collaborando in modo ancora più stretto con gli stakeholder dell’innovazione, con l’obiettivo di festeggiare tra 25 anni le nozze d’oro con il Paese.
Con un fatturato di circa 3 miliardi di euro nel 2015 e una crescita media annua tra il 1992-2015 del 30%, consolidati grazie alla leadership raggiunta nei mercati storici in cui opera – smartphone, TV ed elettrodomestici – e alla crescita in nuovi segmenti quali il B2B e il medicale, Samsung rappresenta oggi un brand di successo e una realtà strategica per l’economia italiana, generando il 25% del valore del settore dell’elettronica di consumo.

articoli correlati