MEDIA 4 GOOD

Ricoh lancia con Alzheimer’s Research “Printed Memories” per salvare i ricordi dall”Alzheimer

- # # #

ricoh printed memories

Per ottimizzare l’invio di cartoline mediante il portale online “Printed Memories”, Ricoh ha sviluppato flussi di lavoro completamente automatizzati. Alla base di questi processi vi sono le soluzioni Ricoh per la stampa di produzione.

Sviluppato in partnership con Alzheimer’s Research, il portale “Printed Memories” dell’azienda permette di inviare cartoline personalizzate che possono aiutare i malati di Alzheimer a ricordare persone, eventi e luoghi della loro vita. È dimostrato che questa forma di terapia della reminiscenza può stimolare l’attività cerebrale, aiutando i malati ad interagire meglio con amici e parenti. Ovviamente il tool può essere utilizzato da chiunque voglia inviare cartoline personalizzate a parenti e amici, sostenendo così la ricerca su questa malattia. Per ogni invio, infatti, è richiesto un contributo di una sterlina che viene interamente devoluto ad Alzheimer’s Research.

Il processo di back end è stato pensato per garantire la massima efficienza e agevolare la user experience. La produzione delle cartoline è, infatti, completamente automatizzata – dalla ricezione dell’ordine alla stampa, all’invio cartaceo – e non richiede alcun intervento manuale. L’automazione è resa possibile da soluzioni software del gruppo per la gestione end-to-end dei processi produttivi.  Il portale e le funzionalità di personalizzazione hanno alla base MarcomCentral, mentre Ultimate Impostrip consente di eseguire l’impositioning di file Pdf pronti per la stampa. Ricoh Process Director ottimizza e automatizza i workflow, TotalFlow Production Manager definisce la programmazione dei lavori e, infine, la soluzione MIS (Management Information System) di Ricoh Avanti Slingshot gestisce la produzione e i processi.

Presso una struttura Ricoh situata a Telford (Regno Unito), ogni cartolina viene sottoposta a controllo e a ottimizzazione. La produzione avviene mediante la soluzione foglio singolo a colori Ricoh Pro TM C9110 e la nuova Ricoh ProTM C9210. Dopo di che, la cartolina viene approvata e preaffrancata per ridurre le spese postali. Eef de Ridder, Vice President, Commercial Printing of the Commercial & Industrial Printing Group, Ricoh Europe, commenta: “Siamo orgogliosi di sostenere Alzheimer’s Research. Il portale “Printed Memories”, anche grazie alla semplicità di utilizzo resa possibile dai workflow automatizzati, può dare un contributo importante al lavoro di ricerca svolto da Alzheimer’s Research”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Tutti i vincitori dell’Ottava Edizione del Premio Ricoh per i giovani artisti contamporanei

- # # # #

ricoh giovani artisti

Si è conclusa l’ottava edizione del “Premio Ricoh per giovani artisti contemporanei” con la premiazione dei vincitori che si è tenuta presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo, a Milano.
Nato nel 2010, il Premio è un progetto che coniuga arte contemporanea e Responsabilità Sociale ed è organizzato da Ricoh Italia con la collaborazione di Regione Lombardia e Mondadori Store e il patrocinio del Comune di Vimodrone. L’obiettivo del Premio è promuovere la cultura e dare ai giovani la possibilità di esprimere la propria creatività.

La giuria – presieduta da Giorgio Grasso, critico d’arte e curatore del Padiglione Armenia alla Biennale di Venezia 2017 – era composta da Davide Oriani (CEO di Ricoh Italia), Mirko Bianchi (Past President di Ricoh Italia), Francesco Riganti, Direttore Marketing Mondadori Retail, Rino Moffa (editore e Amministratore Unico di TVN), Sabrina Ravanelli (artista), Vincenzo Gornati, Direttore iniziative editoriali del Comune di Vimodrone, Alessandro Papini, Presidente del Gruppo di lavoro per la selezione di mostre, opere d’arte ed esposizioni culturali/informative per la valorizzazione delle sedi di Regione Lombardia.

La giuria ha decretato:
• Vincitore assoluto: Daniele Di Girolamo con l’opera “Più in alto nel cielo, più profondo nel cuore”
• Vincitore per la sezione pittura-disegno-grafica: Veronica Liverani con il video “Solitudini sconosciute”
• Vincitore per la sezione scultura-installazione: Andisheh Bagherzadeh con l’opera “Unanime”
• Vincitore per la sezione fotografia-video, digital art: Graziana Conte con il dittico di fotografie “Piovra” e “Paguro”
• Vincitore per la sezione Pop Art: Rubens Fogacci con l’opera “Ritratto di Mina”

Agli artisti è stato chiesto di esprimere, attraverso le loro opere, i valori Ricoh così riassumibili: “Lo sforzo verso l’innovazione, che semplifica la vita e il lavoro, salvaguardando nel contempo l’ambiente e in generale i principi della responsabilità sociale d’impresa”.

 

Le cinque opere vincitrici entrano a far parte della collezione d’arte Ricoh, nata nel 2010 con la prima ediziona e allestita presso la sede di Vimodrone (Milano).

articoli correlati

TECH & INNOVATION

IBM e Ricoh lanciano le lavagne interattive dotate di tecnologia cognitiva Watson

- # # # # #

Ricoh

Il futuro del posto di lavoro inizia oggi: IBM e Ricoh rivoluzionano le sale riunioni con il lancio di una nuova lavagna interattiva basata sulle tecnologie vocali e cognitive di IBM Watson. Questa soluzione supporta attivamente i partecipanti ai meeting dal momento che è in grado di rispondere a comandi vocali, prendere appunti, annotare attività e tradurre i contenuti in diverse lingue.

Intelligent Workplace Solution integra IBM Watson IoT e le lavagne interattive Ricoh per trasformare le modalità con cui i team si riuniscono e collaborano grazie a funzionalità intuitive a cui è possibile accedere mediante comandi vocali. Watson diventa quindi un partecipante attivo alle riunioni utilizzando strumenti analitici che in tempo reale guidano la riunione e aiutano a collaborare in modo più efficace per prendere decisioni più rapidamente.

Ricoh integrerà questa soluzione nell’ambito della propria offerta di soluzioni e servizi che aiutano le aziende a migliorare la collaborazione e la produttività. Allo stesso modo, IBM prevede per il futuro il lancio di nuove funzionalità avanzate e “smart” a supporto dei meeting.

“Il nostro obiettivo – afferma Hidetsugu Nonaka, Corporate Senior Vice President di Ricoh Company – è fornire alle aziende e ai dipendenti strumenti efficaci e intelligenti per automatizzare i processi amministrativi, consentendo alle persone di concentrarsi sullo sviluppo di idee che portino valore al business. Collaborando con IBM abbiamo creato Intelligent Workplace Solution rivoluzionando il modo di gestire i meeting. Anziché fungere da semplice schermo, la lavagna interattiva basata su Watson partecipa attivamente alle riunioni, prendendo appunti su quanto viene detto e sulle attività da svolgere e connettendo team geograficamente distribuiti. Questa soluzione è destinata a diventare un elemento fondamentale dei meeting di oggi e di domani”.

Harriet Green, General Manager di Watson IoT, spiega: “La collaborazione tra i dipendenti è alla base del successo di tutte le aziende. La sfida è riuscire ad avvicinare team di diverse sedi e consentire loro di aumentare la produttività. Grazie alle tecnologie Watson IoT, le lavagne interattive Ricoh non guidano solo le riunioni, ma stimolano lo scambio aperto di idee per facilitare il lavoro di squadra”.

IBM installerà oltre 80 lavagne Ricoh nella nuova sede centrale Watson IoT di Monaco, in Germania. Ciò consentirà ai team di sviluppo dei prodotti IBM di Monaco di condurre riunioni efficaci con colleghi, partner e clienti in altri Paesi come Giappone, Brasile o USA.

articoli correlati

AZIENDE

DMA Italia: annunciati i vincitori del contest The Call for The Call for Entry

- # # # # # #

DMA Italia

DMA Italia, Association for Direct and Data-Driven Marketing, annuncia i vincitori di The Call for The Call for Entry, il contest dedicato ai giovani creativi che l’associazione ha lanciato lo scorso febbraio per l’ideazione della campagna a sostegno dei prossimi DMA Awards Italia.

Con la campagna “I tuoi risultati ti hanno già premiato”, Francesca Marra e Marco Bertoletti entrambi di We Are Social, sono la coppia art+copy che meglio ha saputo interpretare il brief assegnato: convincere agenzie e aziende attive nei settori del direct e data-driven marketing a iscrivere le proprie campagne ai DMA Awards Italia, esplicitando l’importanza del ruolo dei dati per la creazione di engagement e della misurabilità dei risultati, perni fondamentali che caratterizzano il premio fin dalla sua nascita quattro anni fa. La campagna sarà on air da metà marzo, in concomitanza con l’apertura delle iscrizioni agli Awards.

Francesca a Marco si sono aggiudicati la partecipazione alla DMA Conference di Los Angeles il prossimo Ottobre 2016: voli, albergo e pass per 5 giorni di exhibition, seminari, workshop dove imparare, divertirsi, e portare a casa un po’ di cultura della creatività Data Driven. L’iniziativa è supportata da DepositPhotos e Ricoh che, con il loro prezioso contributo, hanno affiancato DMA Italia con entusiasmo, credendo nell’importanza di valorizzare i futuri protagonisti della comunicazione e accompagnandoli nel loro percorso di crescita, formazione e visibilità.

“Questa iniziativa non sarebbe stata possibile senza la collaborazione di ADCI e AssoCom che ci hanno aiutato a farla conoscere nelle agenzie e senza DepositPhotos e Ricoh, che credono nel valore del sostegno alle nuove generazioni”, racconta Marco Rosso, Presidente di DM Group e Componente del Consiglio Direttivo di DMA delegato ai DMA Awards Italia. “Le mie congratulazioni vanno ai giovani vincitori e a tutti i ragazzi che partecipando si sono messi in gioco. E i miei ringraziamenti vanno ai miei colleghi che ci hanno aiutato nelle valutazioni delle campagna: Sergio Muller, Marzia Curone, Paolo Iabichino, Massimiliano Longo. Mi auguro che le agenzie italiane ci aiutino a fare dell’edizione 2016 una edizione speciale di questo premio, che anche quest’anno conferma il suo legame con gli ECHO Awards statunitensi”.

I due vincitori riceveranno il riconoscimento durante la premiazione dei DMA Awards Italia, il 30 giugno. In quella occasione saranno inoltre premiati con uno speciale riconoscimento anche i secondi classificati Jacob Salmona Arcari e Giulia Mandalà (A-Tono) con la campagna “Engagement”, insieme ai terzi classificati Lorenza Soddu e Cristina Siccardi (Asterisco) con la campagna “Hai generato engagement e puoi misurarlo?”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ricoh moltiplica l’arte con “il quinto elemento” e tre artisti emergenti

- # # # # # #

Quando ci si rivolge ai creativi è importante parlare il linguaggio della creatività. Ricoh Pro C7100X offre infatti agli art director nuove opportunità per tradurre in immagini l’idea creativa, mediante la quinta stazione colore che consente di aggiungere ai quattro tradizionali colori della stampa un “quinto elemento”: il bianco/trasparente.

Per mostrarne le potenzialità nel mondo dell’advertising e della comunicazione visiva Ricoh ha promosso il Premio “Il quinto elemento. Ricoh moltiplica l’arte”, coinvolgendo tre artisti emergenti – Marco Abisso, Chiara Martino e Stefany Sabino – chiamati a ideare un’opera di “arte moltiplicata” che valorizzi le opportunità date dal “quinto elemento”. La giuria è composta dal Presidente Lorenzo Marini, uno dei più apprezzati creativi italiani e affermato pittore, Rino Moffa, editore di TVN Media Group, Giuliano Grittini, artista e fotografo, e Corrado Musmeci, Presidente di Fontegrafica.

La premiazione avverrà nella seconda metà di settembre. Dopo di che le più autorevoli agenzie di advertising e di comunicazione riceveranno una copia dell’opera vincitrice, riprodotta in un numero limitato di esemplari. Si tratta quindi di un’autentica dimostrazione di arte moltiplicata che consentirà di apprezzare a pieno le soluzioni creative di Ricoh Pro C7100X.

articoli correlati