MEDIA

Raffaella Carrà e la nuova squadra di The Voice of Italy. Al via la nuova edizione dal 24 febbraio su Rai2

- # # # # # #

I 4 coach di The Voice of Italy 2016

Raffaella Carrà, Dolcenera, Emis Killa e Max Pezzali: ecco la nuova squadra di The Voice of Italy. Da mercoledì 24 febbraio in prima serata su Rai2, i quattro coach occuperanno le quattro poltrone rosse di “The Voice of Italy”. Quattordici puntate per tornare alla ricerca di talenti, partendo solo dalla voce. A condurre questa quarta edizione ci sarà ancora Federico Russo, mentre nei panni della V-Reporter sarà Angelina che mostrerà i retroscena e le curiosità, e interagirà con il pubblico da casa attraverso il sito ufficiale www.thevoiceofitaly.rai.it e i social network di “The Voice of Italy”. Il programma, inoltre, sarà seguito in diretta anche da Radio2 Rai con “The Voice of Radio2”.

Novità anche nello svolgimento delle quattro fasi della gara, durante la quale i talenti si esibiranno dal vivo con un’orchestra che eseguirà la grande musica italiana e internazionale. Le Blind Audition, le audizioni durante le quali i Coach non possono vedere il talento, passeranno da cinque a sei, mentre per le due Battle: i Coach dovranno scegliere tre componenti della propria squadra anziché due,  e solo uno accederà alla fase successiva. Anche in questa edizione, inoltre, sarà valida l’opzione Steal, grazie alla quale i cantanti eliminati da un Coach, potranno essere recuperati da un altro. Seguirà la fase dei due Knockout, durante la quale i talenti si sfideranno con il loro cavallo di battaglia. Si arriverà così alla parte finale e più attesa dello show con i quattro Live, che decreteranno il vincitore di “The Voice of Italy”.
“The Voice Of Italy” è un programma realizzato da Rai2 in collaborazione con Talpa Italia, negli studi del Centro di Produzione Tv Rai in via Mecenate a Milano.

“THE VOICE of Italy” è sempre più social, infatti si potrà interagire col programma su Facebook /thevoiceufficiale; Twitter @THEVOICE_ITALY con gli hashtag #tvoi e per le squadre #teamcarrà, #teamdolcenera, #teampezzali, #teamkilla; Instagram thevoice_italy; Vine @thevoice_italy.e Snapchat TVOI.
Il sito ufficiale thevoiceofitaly.rai.it offrirà al mondo della rete le dirette in streaming e un “second screen” condotto da Angelina sul web con i contenuti extra: curiosità sul programma, backstage e interviste esclusive.

Torna infine il gruppo d’ascolto più glam della radio. Tutti i mercoledì, dalle 21.00 alle 24.00, Carolina di Domenico e Pierluigi Ferrantini e Antonello Piroso, insieme ad un team selezionatissimo di blogger, critici musicali e addetti ai lavori, seguiranno le dirette televisive di The Voice of Italy dagli studi di Rai Radio2 in via Asiago, per commentare tutte le prove del programma, a partire dalle nuove blind auditions più seguite e attese. Tra gli ospiti, la influencer e DJ 2.0 Ema Stockolma e Federico Bernocchi, conduttore di Canicola, sempre su Radio2.

articoli correlati

MEDIA

RAI si apre al private deal con il nuovo spot di Findus pianificato da Havas Media

- # # # # # # #

RAI

Con la nuova campagna dedicata ai Bastoncini di Capitan Findus, per la prima volta i portali RAI ospiteranno il formato video box pianificato con una piattaforma programmatica in private deal. Si tratta di Affiperf, il pure player programmatico di Havas Group che conta 180 professionisti in 49 paesi. Affiperf è quindi la prima realtà con cui RAI avvia una collaborazione in private deal, utilizzando tra i formati display proposti una creatività video.

La nuova pianificazione sposata da Findus conferma l’attitudine dell’azienda leader in Italia del settore frozen food a saper cogliere le opportunità più innovative offerte dal mercato: in questo modo la tv diventa digital, ed il digital impara dalla tv. Grazie a questa attività gestita dal team di Havas Media attraverso l’utilizzo di Affiperf, Findus potrà godere di efficienza, precisione, ottimizzazione dei risultati.

Maurizio Bertoli, Chief Commercial Officer & Client MGNT di Havas Media Group (nella foto), commenta: “Il nostro approccio con la nostra Meta DSP Affiperf è sempre stato quello di cercare di essere innovativi e puntuali per permettere ai nostri clienti di erogare messaggi profilati e contestuali. La collaborazione con RAI ci permette ancora una volta di poter testare soluzioni nuove e continuare la nostra evoluzione nel programmatico”.

“Siamo molto contenti di partire anche con questa nuova avventura; abbiamo iniziato a lavorare già da qualche mese in open market e con Affiperf abbiamo avviato le pianificazioni in private deal completando la nostra offerta legata al mondo del programmatico”, aggiunge Francesco Barbarani, Vice President Sales Radio & Web di Rai pubblicità. “Un’ulteriore conferma di quanto sempre più i confini tra pianificazioni televisive e web si stiano annullando e di come la nostra realtà, grazie a tecnologie innovative e contenuti di qualità, possa soddisfare nuovi trend ed esigenze degli inserzionisti” conclude Barbarani.

articoli correlati

MEDIA

DHX Media stringe un accordo con la Rai per portare i Teletubbies su Rai YoYo

- # # # # #

DHX Media ha stretto un accordo per la serie Teletubbies con la Rai: l’accordo prevede l’acquisizione dei diritti televisivi da parte di Rai YoYo per le stagioni 1-14 dei Teletubbies e per i nuovi episodi (60 episodi da 12 minuti) che sono attualmente in produzione e che esordiranno sulla rete CBeebies del Regno Unito entro la fine dell’anno.

Josh Scherba, SVP Distribution di DHX Media, ha dichiarato: “Questo accordo con la Rai e le recenti acquisizioni avvenute negli Stati Uniti e in Francia sottolineano il notevole interesse globale per Teletubbies. Il fatto che le principali emittenti televisive siano desiderose di avere sia i nuovi episodi che la serie classica, conferma i Teletubbies come una property consolidata e longeva, ma pronta a conquistare e divertire una nuova generazione di fan”.
I Teletubbies, già icone televisive senza tempo, vengono re-interpretati per una nuova generazione con 60 nuovi episodi in uscita entro il 2015 sempre con gli amati protagonisti Tinky Winky, Dipsy, Laa-Laa e Po. La nuova generazione di Teletubbies divertirà ed educherà grazie alle piccole avventure e ai rituali giocosi dei protagonisti, in cui sarà possibile riconoscere molte caratteristiche della serie originale ma introdurrà anche nuovi, interessanti e sorprendenti sviluppi.
Il paesaggio dei Teletubbies verrà infatti sostituito e migliorato grazie a un ricco modello molto dettagliato, realizzato tramite tecnologia CGI, dove ci sarà libertà di applicare grande immaginazione creativa per le storie dei Teletubbies. Il meraviglioso nuovo mondo dei Teletubbies è creato apposta per i bambini in età prescolare, riflette il loro sviluppo e ne stimola l’apprendimento con contenuti attuali. Il fenomeno mondiale dei Teletubbies ha inizio nel marzo 1997 e diviene ben presto uno dei brand di maggior successo a livello mondiale di tutti i tempi; basti pensare che ha raggiunto più di un miliardo di bambini fino ad oggi e gli episodi originali sono in onda in più di 120 paesi in 45 lingue diverse. Inoltre è stata la prima property televisiva prescolare occidentale in onda sul canale cinese CCTV con un pubblico di 300 milioni di bambini.

articoli correlati

MEDIA

Rai: raccolta a 670 milioni del 2015. Sempre più leader negli ascolti

- # # # # # #

Numeri “euforici” quelli elencati dal vicedirettore generale Rai, Antonio Marano, alla serata di presentazione dei palinsesti (qui la programmazione della prossima stagione da settembre a giugno), alla presenza del direttore di Rai 1, Giancarlo Leone, di Rai 2, Angelo Teodoli, e di Rai3, Andrea Vianello.

“Si allarga il vantaggio del gruppo, in termini di ascolti, sul concorrente più prossimo: in media viaggiamo su un +4 punti percentuali”, ha sottolineato Marano, “e sono targati Rai (Rai 1 – ha precisato Leone) 17 dei 20 programmi più visti della scorsa stagione. Nel contempo, una conferma dell’impegno di rinnovamento arriva dall’abbassamento di circa quattro anni dell’età media degli spettatori complessivi dell’emittente”.
“Risultati che sono stati raggiunti”, ha continuato Marano, “anche grazie alla crescita dei canali tematici , che ormai pesano per il 6,5% in daytime, sfiorando il 7% in prime time, e ci hanno consentito di raggiungere quei target (kids, culturale, aficionados della serialità, ecc) a cui prima era difficile proporre spazi dedicati.
Dopo aver rivendicato orgogliosamente che, in Europa, Rai è l’emittente pubblica che “offre di più al costo più basso”, Marano ha tracciato le linee di sviluppo, indicando “nella tematizzazione, nella targetizzazione e nei nuove device il futuro dell’offerta televisiva”.
Risultati positivi anche quelli presentati, o meglio previsti, da Rai Pubblicità, presente all’incontro con il presidente Giuseppe Pasciucco e l’AD Fabrizio Piscopo. Confermato che “i risultati del lavoro già fatto si vedono, ora la sfida è il consolidamento”, il Presidente ha lasciato spazio a Piscopo, che non ha nascosto il proprio ottimismo.
“Febbraio è stato il mese “nero”, ha spiegato Piscopo, “ma i dati macroeconomici facevano già intravedere un’inversione di rotta, puntualmente avvenuta con il +1% di aprile, il +9% di maggio e l’overbooking di giugno e delle prime due settimane di luglio”.
“Un contesto”, ha proseguito, “che ci ha consentito di allentare l’aggressività commerciale e di sostenere maggiormente il prezzo degli spazi. In quest’ottica va visto anche il “letargo” di Carosello Reloaded, uno strumento prezioso nella fase di crisi degli investimenti, ma eccessivamente costoso quando la domanda si rafforza”.
“Abbiamo fissato l’obiettivo di raccolta a fine anno in una forchetta compresa tra il 665 e i 675 milioni”, ha concluso Piscopo, “Prevediamo quindi chiudere il 2015 in sostanziale pareggio o in leggera crescita, che però diventa un robusto +4-5% di fatturato se depuriamo il bilancio 2014 dall’effetto dei Mondiali in Brasile, che da soli valevano una sessantina abbondante di milioni”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Arriva Mofy, la nuova collezione Gabel ispirata a agli omonimi libri e dedicata ai più piccoli

- # # # # #

La qualità della filiera produttiva di Gabel è stata scelta da Rai per realizzare la nuova e coloratissima collezione tessile tutta dedicata al cartone animato Mofy. Ispirata alle famose serie di libri dell’illustratore giapponese Aki Kondo, Mofy è la prima serie d’animazione italo-giapponese prodotta interamente in Italia da Rai Fiction secondo l’originale tecnica di animazione realizzata con il cotone ed è principalmente diretta al pubblico prescolare.

Con questa divertente collezione Gabel racconta ai bimbi le avventure vissute da Mofy e dai suoi amici, che compongono tutti insieme il colorato disegno della gamma Friends’ club.
La nuova collezione di Gabel narra anche i momenti della crescita della coniglietta MOFY, che acquista fiducia in sé stessa attraversando meravigliosi paesaggi di cotone alla scoperta di Moon, la simpatica luna brillante, dell’arcobaleno Rainbow e Puff, un viaggio tra sentimenti ed emozioni. Insieme a Friend’s club Moon, Rainbow e Puff sono i mood che compongono l’intera collezione dedicata a Mofy.

Il mondo di Mofy è magico, fatto di paesaggi di cotone immersi in un atmosfera di tramonti e colori che vengono perfettamente riprodotti dal punto di vista grafico da Gabel, che interpreta questo universo attraverso una serie di prodotti di altissima qualità realizzati interamente in puro cotone certificato Oeko-tex presso gli stabilimenti italiani del Gruppo. I coloratissimi disegni vengono proposti su lenzuola, copripiumini e trapunte declinati nelle diverse misure per lettino con sponde e letto singolo. Non solo completi letto, Mofy è anche la protagonista delle linee di accappatoi e asciugamani per il bagno caratterizzati da un’attenzione particolare alla sicurezza del prodotto che è certificato a livello igienico e realizzato con tessuti di ottima qualità, traspiranti e capaci di assicurare ai bambini un benessere termico corretto e salutare.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

De Rica torna on air sulle reti RAI. La campagna adv è firmata TBWA\Italia

- # # # # #

Da domenica 22 febbraio il marchio De Rica torna on air sulle reti RAI con la campagna caratterizzata dallo storico claim associato al marchio “Su De Rica Non si può!”. La campagna sarà on air fino a Pasqua.

L’obiettivo dell’azienda è quello di rinforzare nel consumatore i valori della marca, facendo leva sulla sua storicità e italianità, e rilanciare al tempo stesso la gamma dei prodotti, il cui packaging esalta la qualità, i valori, il sapore e la genuinità.

La campagna è tutta giocata su immagini d’effetto in cui il pomodoro, attraverso l’innovativa tecnica del SuperScope, appare sulla scena e diventa protagonista assoluto. Una vera e propria “esplosione” di prodotto che su un fondo bianco mostra quanto Provvista Sugo sia appetitosa, densa e invitante, enfatizzando così l’unicità del prodotto su cui “non si può … fare confusione!”

La campagna adv è firmata TBWA\Italia.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Torna sulla Rai Mr. Polpetta, protagonista del nuovo spot Amica Natura

- # # # # #

La vetrina è senza dubbio quella delle grandi occasioni: “Gli unici secondi che battono i primi”, il divertente spot Amica Natura di Alcass spa, torna in Rai con una programmazione d´eccezione. Il 20s, tratto dallo spot televisivo che nei mesi scorsi ha conquistato le case di tutti gli italiani, torna sulla rete ammiraglia e andrà in onda sia nell’anteprima sia nel break finale in primissima fascia al termine di quello che è stato l´appuntamento televisivo più atteso di questa fine 2014; I dieci comandamenti di Roberto Benigni. Una visibilità importante, dunque, che la società RAI ha riservato a pochi marchi selezionati e che conferma, ancora una volta, quanta importanza ricopra la comunicazione all´interno delle strategie di Alcass spa, azienda italiana solida e dal volto contemporaneo.
Questa sera Mr. Polpetta sfreccerà nel gusto per vincere, ancora una volta e sempre senza eguali, la quotidiana corsa verso piatti ricchi di sapore, nutrienti e veloci da preparare ricordando a tutti come sia semplice coniugare buone abitudini a tavola e velocità di preparazione. Alcass spa con le sue linee Amica Natura, Amica Bio Natura e Amica Natura Veggie da sempre è il miglior alleato in cucina di donne e uomini che non vogliono rinunciare al sapore e alla genuinità di piatti veloci da preparare e dal gusto tipicamente italiano. Mettetevi comodi, dunque, e gustatevi il programma in compagnia di Mr. Polpetta!

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air il nuovo spot Pompea dedicato alla nuova linea “Happy Body System”

- # # # # #

Pompea lancia, attraverso una campagna pubblicitaria in onda sulle reti Rai, dal 18 novembre al 6 dicembre 2014, la nuova linea “Happy Body System”.
Uno spot emozionale, della durata di 20 secondi, che racconta le proprietà dei nuovi prodotti Pompea, evocando i benefici che i collant apportano a chi li indossa: una incredibile sensazione di benessere, la stessa di un light massage manuale.
Ambientato in un’atmosfera volutamente domestica, lo spot, attraverso un linguaggio ironico e quotidiano, accosta il piacere avvolgente di un massaggio professionale al benessere percepibile attraverso la tecnologia “Happy Body System”. La musica è allegra e identificativa. Si respira positività e relax.
In controtendenza con i principali competitor, si è scelto di non avere un testimonial per lasciare che la creatività racconti con semplicità e chiarezza la promessa di prodotto. Un ritorno in comunicazione che vuole essere il primo passo di un rilancio sostanziale del brand.
Il lancio del prodotto, così come la campagna di comunicazione, segnano l’inizio di una nuova era di sviluppo dell’Azienda e di riposizionamento del brand. L’obiettivo prioritario è divenire simbolo di un benessere autentico che si coniuga con moda e quotidianità.
La nuova linea “Happy Body System”, suddivisa in velati e coprenti, garantisce il massimo comfort ed esercitando una leggera compressione alla caviglia agisce sulla microcircolazione cutanea, garantendo gambe più e leggere e riposate.
Parte della collezione collant è realizzata con nuovi filati ad alto contenuto tecnologico, e contrasta gli inestetismi della cellulite.

articoli correlati

AGENZIE

Sassoli de Bianchi (UPA): chiusura anno in pareggio. Ripensare la Rai. Urge banda larga.

- # # # # # # #

In attesa dell’assemblea UPA (Utenti Pubblicità Associati) che si sta svolgendo in questo momento al Teatro Strehler di Milano, il presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi ha approfittato stamani di un incontro con la stampa per porre in primo piano alcuni dei temi di attualità.

Rimandando a un prossimo post il report sull’assemblea, si evidenziano qui gli spunti di riflessione proposti da Sassoli di Bianchi, che ha ricordato sin dall’inizio come “l’innovazione rappresenti la via d’uscita dai problemi del Paese. Occorre rompere il passo abituale per cercare strade nuove. Serve un pensiero laterale”.

Esprimendo un ottimismo controllato ma non di facciata, il Presidente UPA ha sottolineato come il tasso di fiducia tra gli italiani sia agli stessi livelli del 2010 (“l’ultimo anno in cui il media spending è cresciuto”) e vede la chiusura del mercato pubblicitario nel 2014 in pareggio, dopo un primo semestre che segna -2%. “Personalmente mi impegnerò a far si che il pareggio diventi un +1%, un piccolo ma importante segnale che il mercato ha invertito il suo andamento, tant’è che ci attendiamo un +2% l’anno prossimo e un +3% nel 2016”.

Sassoli è poi tornato su altri temi già ripetutamente toccati in passato, ma sui quali “oggi si riscontra una maggior sensibilità governativa”. A partire dalla defiscalizzazione degli investimenti sulle piattaforme di e-Commerce, “già inserita del DL sulla Pubblica Amministrazione ed eliminato solo in quanto non coerente con le finalità del Decreto stesso”, mentre ancora latitano risposte concrete alla richiesta di un Tax Credit per gli investimenti incrementali in comunicazione. Ascolto hanno trovato anche le proposte UPA sulla RAI, “che deve essere affidata a manager e a una Fondazione che rappresenti efficacemente gli interessi di chi paga il canone tramite un Consiglio di Indirizzo”, con abolizione della Commissione di Vigilanza, una rete senza pubblicità e il ritorno del servizio pubblico a “una funzione educativa” focalizzata sugli skill di base, quale la conoscenza dell’inglese e l’educazione alla tecnologia delle fasce di età più elevate. Quanto alla banda larga “che ci vede all’89° posto nel mondo per velocità di trasferimento dati, “le aziende di Tlc nostre associate sono impegnate sin d’ora su tale fronte, ma il Governo non sembra ritenerla una priorita, nei fatti”.

Più legati al comparto della comunicazione i temi delle Audi, dove il “buco” di Audiradio “penalizza un media importante come la radio”, mentre Auditel “dovrebbe dare una maggior rappresentanza alle aziende spender (che oggi esprimono 12 consiglieri  su 22), anche a vantaggio dei broadcaster stessi, che così si scrollerebbero di dosso l’annosa accusa di conflitto di interesse”. “Le ricerche sono fondamentali per noi investitori”, ha aggiunto Sassoli, “e in Italia abbiamo uno strumento unico al mondo nel suo genere, Eurisko Media Monitor, che mette in relazione la comunicazione i consumi”.

Netta la posizione su centri media e RTB:  “il Real Time Bidding li trasforma in broker. Cosa a cui noi siamo decisamente contrari, anche se l’evoluzione tecnologica e del mercato spinge in tale direzione”. Sassoli rivendica anche la “battaglia” sui diritti di negoziazione: un elemento di chiarezza e trasparenza, fermo restando il principio che i CM debbano essere remunerati adeguatamente.

Non è mancato infine un cenno al rapporto con AssoCom: “un interlocutore importante, di cui auspico un ricompattamento e con cui collaboriamo con soddisfazione, come dimostra anche la nostra proposta di organizzare congiuntamente un MasterClass per rafforzare professionalità e ruolo di Account e Planner, due figure indispensabili nello sviluppo di una proficua relazione di business tra azienda e agenzia”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Presentato a Milano il Festival della Comunicazione di Camogli

- # # # # # #

Lo storico (e ormai – come annunciato – prossimo alla dismissione) Centro di Produzione Rai di Corso Sempione a Milano ha ospitato stamattina la presentazione della prima edizione del Festival della Comunicazione di Camogli. La manifestazione, che si svolgerà da venerdì 12 a domenica 14 settembre 2014 nella cittadina ligure, è ideata e diretta da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer e promossa da Comune di Camogli, Regione Liguria, Encyclomedia Publishers in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, l’Ente Parco di Portofino e l’Area marina protetta.

Il festival, che si propone come appuntamento annuale di riflessione e confronto sul tema della comunicazione intesa nella sua accezione ampia di “trasmissione di messaggi”, sarà inaugurato dalla lectio magistralis di Umberto Eco, forte sostenitore del progetto. In programma conferenze, workshop, spettacoli, escursioni e mostre – tutti gratuiti e aperti al pubblico – e oltre 60 ospiti tra i quali giornalisti, blogger, social media editor, scrittori, editori, semiologi, filosofi. Gli interventi si articoleranno in tre grandi aree tematiche: Comunicazione come linguaggio, segno, racconto, messaggio; Comunicazione come informazione, network, social media; Comunicazione come distribuzione e condivisione di saperi, risorse, sogni, cultura. Tra i relatori: lo scrittore Corrado Augias, l’enigmista e saggista Stefano Bartezzaghi, il giornalista Mario Calabresi, l’ex magistrato Gherardo Colombo, il sociologo Nando Dalla Chiesa, lo scrittore Andrea De Carlo, l’esperto di comunicazione televisiva Carlo Freccero, lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari, l’esperta di comunicazione e creatività Annamaria Testa.

Il pubblico del web potrà seguire gratuitamente il festival grazie a Dialoghi con la rete, una piattaforma multimediale e multicanale che permetterà di connettersi live oppure on demand agli eventi. Ogni giorno, inoltre, l’innovativo canale di video streaming LIVEon4G Tim proporrà approfondimenti e interviste ai protagonisti della manifestazione. Main sponsor del Festival sono Intesa Sanpaolo e Telecom Italia. I media partner sono Rai, Wired, La Repubblica, Mentelocale.it e Blue Liguria. L’AD della Rai Luigi Gubitosi, presente all’incontro, ha sottolineato il valore di informazione e intrattenimento del Festival: “un progetto che racchiude idee interessanti con un cast straordinario, proprio come un programma televisivo”. “Tutti i giornalisti della Rai dovrebbero parteciparvi”, ha concluso scherzando.

 

articoli correlati

MEDIA

Rai Pubblicità, 76 milioni la raccolta dei Mondiali. Arriva Francesco Barbarani a capo di Radio e Web

- # # # # # #

La domanda era scontata. E infatti Fabrizio Piscopo, AD di Rai Pubblicità (nella foto), non si scompone: “L’eliminazione dell’Italia dai Mondiali non avrà impatto sulla raccolta pubblicitaria. Sia perché ormai resta pochissimo ancora da collocare, sia soprattutto perchè il nostro piano commerciale prevedeva l’Italia solo nelle eliminatorie. Intendiamoci, come tifosi avremmo voluto la Nazionale in finale, ma come uomini di mercato abbiamo preferito un pizzico di prudenza. Va poi considerato che il calcio è ormai uno spettacolo davvero globale, che le migliori partite spesso si giocano all’estero e che anche in Brasile abbiamo avuto incontri avvincenti come Brasile-Camerun che hanno registrato nove milioni di spettatori”.

I numeri confermano: finora, sui Mondiali, sono stati raccolti 76 milioni di euro, contro i 62 milioni dell’edizione precedente e i 54 di quella del 2006, coinvolgendo circa 230 clienti, dei quali 130 in esclusiva. “Abbiamo fatto il record. Come per Sanremo: ormai ci siamo abituati”, scherza Piscopo, che stima una chiusura del primo semestre “con un segno più abbonadate”, mentre i canali tematici mettono a segno un incremento che “sfiora le due cifre”. Radio e web performano meglio del mercato, mentre il cinema conferma il trend negativo “ma stiamo continuando il progetto, per ora ancora in fase embrionale, di costruire con UciCinema, Moviemedia e The Space, un’offerta unificata per questo mezzo”.

Tra i formati televisivi, continua Piscopo: “Carosello, che riprenderà la seconda/terza settimana di Settembre, conferma il format attuale con le ministorie inframmezzanti agli spot, molto gradito sia dal pubblico sia agli inserzionisti, che possono usare così i loro spot “normali” pur avvantaggiandosi del traino fidelizzante dello storytelling. Abbiamo inoltre perfezionato la tecnologia del second screen, che quindi proporremo con forza al mercato. Per il cinema invece introduciamo “Proxee“: gli spettatori, entrando nella sale, vedranno sul loro smartphone un preroll di 15/30 secondi, con in cambio la possibilità di vincere un ingresso gratuito”.

Novità anche per la struttura di Rai Pubblicità, struttura “ridotta all’osso” ribadisce Piscopo: “sei direzioni commerciali e un marketing unico, centralizzato”, oltre ovviamente al Presidente, all’AD e alle funzioni di staff”. “La rete commerciale invece cresce del 20%”, conclude Piscopo, che annuncia l’arrivo di Francesco Barbarani da .Fox, “un amico di vecchia data, con cui ho lavorato più volte in passato”, che andrà a dirigere la riunificata divisione Radio & Web.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

La Rai a Milano, appuntamento al Grattacielo Pirelli con la fondazione Paolo Grassi

- # # #

Qual è il rapporto tra la Rai e Milano? Un’annosa questione che ritorna d’attualità, in vista dell’imminente appuntamento internazionale di Expo 2015. La Fondazione Paolo Grassi di Milano con il Convegno nazionale “La Rai e Milano“ in programma venerdì 6 giugno al Grattacielo Pirelli – dalle ore 9.30 alle 18.30 – rilancia la discussione sui temi caldi legati all’autonomia e al coinvolgimento della città nelle produzioni della Tv di Stato.

Il valore del sistema culturale e creativo di Milano, in rapporto alla produzione audio televisiva e l’Expo 2015, durante il quale Milano sarà il centro di un dibattito globale di economia, scienze, società e sviluppo sono gli argomenti attorno ai quali sono stati invitati a discutere rappresentanti politici, operatori del settore, intellettuali, membri del management Rai e del gotha creativo milanese. Le domande sono semplici: è possibile sciogliere le riserve su una nuova autonomia di Rai Milano? Come si intende affrontare la sfida mediatica di Expo 2015 del prossimo futuro? La Rai e Milano sono pronte a condividere risorse finanziarie e creative?

Interverranno: Davide Rampello – Presidente della Fondazione Paolo Grassi, Stefano Rolando – Università IULM, Carlo Tognoli già Sindaco di Milano e parlamentare, Luigi Mattucci – già direttore RAI e presidente Raisat, Riccardo Puglisi e Peppino Ortoleva, Università di Pavia e Torino; Giovanna Maggioni – Direttore Generale UPA, Fiorenzo Grassi Teatro Elfo Puccini, Franco Iseppi – Touring Club, Giangiacomo Schiavi – Vicedirettore Corriere delle Sera, Roberto Serafini, Responsabile Centro Produzione RAI Milano, Antonio Pilati – consigliere Rai, Fabio Pizzul- consigliere PD, Sergio Escobar – direttore del Piccolo di Milano, Piero Bassetti – presidente Globus e Locus, Don Davide Milani, responsabile della Comunicazione Diocesi Milano, Giovanni Azzone – Rettore del Politecnico di Milano, Armando Branchini Vice Presidente Fondazione Altagamma, Paolo Gentiloni – Parlamentare PD, Paolo Romani capo gruppo FI al Senato.

Chiudono l’intensa giornata di discussione. aperta al pubblico, Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, Presidente Consiglio Regione Lombardia, Giuliano Pisapia (Sindaco di Milano) e Luigi Gubitosi (Direttore Generale Rai).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

La grappa Mazzetti d’Altavilla debutta in tv con Alcos Comunicazione

- # # # # # #

La sesta generazione dei Mazzetti d’Altavilla dopo 160 anni ha deciso di presidiare anche il mercato della regalistica di Natale (che incide per oltre il 25% del fatturato del settore) con una strategia di comunicazione globale che comprende il debutto del primissimo spot tv del brand, associato a una campagna Stampa e attività di Temporary Store, Guerrilla marketing, Google Adw, Facebook Ads, Ufficio Stampa e PR. A firmare la creatività dello spot è l’agenzia Alcos Comunicazione che ne gestisce anche l’attività di ufficio stampa e PR coordinandosi con il Resp. Ufficio Stampa interno di Mazzetti d’Altavilla, Claudio Galletto.

 

“Era una sfida notevole riuscire a condensare in soli 10“ tutta l’essenza e i valori di un Brand che produce da oltre 160 anni ben 16 tipi diversi di grappe d’alta qualità dalle migliori vinacce (monocultivar) di singolo vitigno, tutte piemontesi – afferma Claudia Mazzetti, Responsabile Commerciale & Marketing Mazzetti d’Altavilla che prosegue – per questo motivo abbiamo deciso di trattare il prodotto con un approccio diverso, originale e innovativo in grado di esprimere tutta l’eccellenza della nostra tradizione e della nostra passione per i distillati.”

 

“Abbiamo deciso di affidarci ad una giovane casa di produzione di Londra – dichiara Dedi Salmeri, CEO ALCOS Comunicazione – per dare una nota di freschezza e originalità allo spot, puntando sul fascino e l’eleganza di una donna misteriosa che ci introduce nella magica atmosfera dell’antica distilleria di proprietà di Mazzetti d’Altavilla e che comunica il nobile valore del distillato, con il claim finale: L’Arte della Grappa”. Parte integrante dello spot è la colonna sonora basata sul brano “Secret Tears” adattamento ad hoc dell’ aria lirica “Una furtiva lagrima” di G. Donizetti, traccia d’apertura dell’album di esordio di Letizia Gambi “Introducing Letizia Gambi” prodotto da Lenny White (plurivincitore Grammy Awards e storico batterista di Miles Davis) e registrato a New York con artisti del calibro di Chick Corea, Ron Carter e Gato Barbieri. Lo spot è pianificato per tutto il mese di dicembre sulle piattaforme SKY (SKY Cinema, FOX, FOX Crime) RAI DDT (RAI NEWS 24, RAI 4, RAI 5, RAI Sport, RAI Storia, RAI Movie) e su DISCOVERY, REAL TIME, FOCUS, GIALLO e DMAX.

 

CREDITS SPOT
Creatività: ALCOS Comunicazione – www.alcoscomunicazione.com
Casa di produzione: Mr. Fox Video Production – www.mrfoxvideoproduction.com
Regia: Francesca Costa; Editing: Alessandro Dordoni;
Musica: “Secret Tears” (Una Furtiva Lagrima) – Letizia Gambi – www.letiziagambi.com

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air il nuovo spot di For a Smile Onlus, per migliorare la qualità di vita dei bambini

- # # # # #

On air il nuovo spot di For a Smile Onlus, organizzazione che da anni si pone l’obiettivo di migliorare la qualità di vita dei bambini di tutto il mondo, soddisfacendo le loro necessità di acqua, cibo, salute e sviluppo attraverso la raccolta fondi e la sensibilizzazione dell’opinione pubblica. La voce di Fabrizio Frizzi (noto conduttore RAI, sempre attento alle tematiche sociali) racconta nello spot l’operato umanitario di For a Smile Onlus in aiuto all’infanzia in difficoltà nel mondo, nella nuova campagna di comunicazione sociale in onda sulle reti Rai / Tv RadioWeb dal 10 al 24 Novembre’13.
Uno spot che fa «vivere» le immagini dei progetti realizzati, attraverso i sorrisi dei bambini. Così le bambine di strada di Kinshasa, le mamme e i neonati di Chaaria, gli orfani dell’Eritrea ed Etiopia oggi possono iniziare a vedere un mondo nuovo, fatto di luce, colori e speranza.
In soli 7 anni di attività For a Smile Onlus ha sviluppato 25 progetti umanitari di cooperazione Internazionale e Nazionale in Rep. Democratica del Congo, Kenya, Benin, Eritrea, Etiopia, Congo Belga, Kosovo, Haiti, Brasile, Afghanistan, Sri Lanka, India, Israele e molti altri.
Pur svolgendo le proprie opere di solidarietà all’estero, For a Smile Onlus supporta anche interventi sul territorio nazionale: a Milano, con il sostegno al reparto diabetologia infantile dell’Ospedale San Raffaele, e a Torino, al Reparto Oncoematologia pediatrica dell’OIRM (Ospedale Infantile Regina Margherita), primo centro italiano specializzato nella prevenzione, diagnosi e cura delle patologie infantili più complesse e rare, tra cui diversi tipi di tumore; “Case di Accoglienza per mamme e bambini” del Gruppo Volontariato Vincenziano guidato da Suor Angela Pozzoli, dove più di 1.000 donne-mamme all’anno vengono seguite individualmente per affrontare le situazioni drammatiche e d’emergenza legate a salute, cibo, casa e lavoro che in quest’ultimo periodo vedono una crescita esponenziale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Io non rinuncio a Crai”, Nadler Niuco firma il ritorno in comunicazione del gruppo

- # # # # #

Per festeggiare i 40 anni del gruppo, Crai torna in comunicazione con una campagna multisoggetto realizzata dall’agenzia Nadler Niuco che sarà trasmessa dai principali canali televisivi della piattaforma digitale terrestre e di quella satellitare: da Rai a Mediaset e LA7, fino a SKY.

Puntando sul claim istituzionale “Io non rinuncio a Crai”, lo spot alterna diversi soggetti in più flights di programmazione fino a fine novembre.

articoli correlati