MEDIA

SpeeD si aggiudica la raccolta in esclusiva della pubblicità dei quotidiani del Gruppo 366

- # # #

SpeeD - Gruppo 366

Dal primo gennaio 2019 SpeeD si occuperà della raccolta della pubblicità in Italia di tutti i quotidiani del Gruppo 366 (6 milioni di copie, 60 testate, 400 edizioni locali, 46 siti e 42 app), andando così a incrementare il già ricco portafoglio di testate locali gestite dalla concessionaria del Gruppo Monrif (il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno, Il Telegrafo, Corriere Bologna, Corriere Fiorentino, Libero e il canale TRC).

“SpeeD e 366 hanno in comune un business model che valorizza le peculiarità delle singole testate fortemente radicate nei territori”, ha dichiarato Sara Riffeser Monti, Presidente di SpeeD, “e le rende leader a livello nazionale. Sarà possibile offrire alla clientela una proposta fortemente integrata nelle sue componenti offline e online, capace di massimizzare la propria efficacia in termini di risultati di comunicazione. Ritengo che il mercato francese e quello italiano presentino moltissime affinità dal punto di vista sociale, economico e culturale. Abbiamo riscontrato grande entusiasmo e collaborazione nei Partner francesi, e siamo certi che questo accordo getterà le basi di una crescita reciproca. Siamo molto di più di una semplice concessionaria, vogliamo confermare sempre più, grazie alla nostra presenza capillare sul mercato, il nostro ruolo di punto di riferimento per i clienti, in grado di soddisfare le singole richieste di comunicazione attraverso una consulenza personalizzata e altamente efficace per il raggiungimento dei loro obiettivi, ora anche oltre confine”.

“366 cercava rappresentanti performanti per le sue offerte di stampa e digitali, su mercati al di fuori della Francia”, ha dichiarato Stéphane Delaporte, CEO di 366 (nella foto). “Dopo aver identificato un partner nel Regno Unito, siamo stati sedotti dall’approccio di SpeeD a rappresentarci in Italia. Ci aspettiamo molto da questa collaborazione con un paese vicino sia geograficamente sia culturalmente, e con segmenti di mercato ben identificati in Francia come la moda, l’automobile o il design”.

La partnership

366 è la concessionaria nazionale che raggruppa la Stampa quotidiana regionale francese attraverso tutti i suoi supporti – carta, web, mobile – in tutti i modi operazionali: programmatica, data, OPS. 366 rappresenta 60 testate che producono 400 edizioni locali, per un totale di 6 milioni di copie vendute, 46 siti e 42 app.

Una sola concessionaria, dunque, per commercializzare tutta l’offerta della stampa quotidiana regionale francese: per gli investitori il vantaggio di un solo interlocutore, una sola fattura, un solo giustificativo, un solo planning, ecc.. Ma anche l’innovativa offerta #POD (Presse Quotidienne Régionale On Demand), ovvero la possibilità di offrire per la prima volta ad agenzie ed inserzionisti l’acquisto di una campagna multi-locale o multi-città, sia su carta sia su web, utilizzando tutte le combinazioni possibili tra testate.

Le testate di 366 vanno ad aggiungersi al portafoglio di SpeeD, un vero e proprio “sistema di comunicazione” che spazia dalla carta all’online, dagli eventi al mondo social, coinvolgendo un target di utenza ampio e diversificato, un territorio costituito da regioni tra le più ricche d’Italia, le più interessanti dal punto di vista della pianificazione pubblicitaria, caratterizzate da altissimi livelli di reddito, sia familiare sia pro-capite, e da un’alta propensione al consumo.

articoli correlati

MEDIA

Calciatoribrutti.com affida a Good Move le gestione esclusiva della raccolta pubblicitaria

- # # #

calciatoribrutti.com e good move

Good Move, concessionaria di advertising online specializzata in programmatic fondata da Alessandro Mandelli e Massimo Vimini, è stata scelta da Calciatori Brutti, la community calcistica più grande e attiva d’Italia, come partner esclusivo per la raccolta pubblicitaria di Calciatoribrutti.com.

In virtù dell’accordo, Good Move gestirà l’intero bacino di formati display, video e native di Calciatoribrutti.com, in modalità sia Reservation sia Programmatic. Forte di 3,5 milioni di utenti unici e 5 milioni di pagine viste al mese, il sito web Calciatoribrutti.com deve il suo successo agli stessi valori che hanno fatto di Calciatori Brutti la community calcistica più grande e attiva d’Italia, capace di coinvolgere milioni di italiani online e offline con attività virali ed eventi sul territorio: la genuinità, fatta di linguaggio informale e ascolto della community; l’originalità, grazie in particolare alla capacità della redazione di scovare e produrre contenuti estremamente virali, e la vicinanza con il territorio , con l’attenzione al calcio di provincia e a tutto ciò che fa “spogliatoio”.

Agile da navigare e totalmente Responsive nel design, Calciatoribrutti.com divide i suoi contenuti nelle sezioni Articoli Ignoranti, Storie di Calcio, Vita da Calciatore, Malati di Calcio, Calcio e Soldi, Calcio e Arte, accanto a cui trovano spazio le sezioni Video e Gallery. La linea editoriale e i contenuti proposti fanno di Calciatoribrutti.com un canale di comunicazione efficace soprattutto per quei brand che cercano un target maschile e giovane, con una forte concentrazione sul segmento 18-35 anni. Con l’accordo con la community fondata nel 2012 da Daniele Roselli ed Enrico Modica, Good Move conferma la propria volontà di continuare la sua espansione integrando nel suo network di editori siti in grado di combinare numeri importanti e posizionamento su specifiche verticalità, per raccogliere le esigenze di comunicazione dei brand più importanti.

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: meglio delle aspettative i dati del mercato pubblicitario a maggio 2017

- # # # # #

Nielsen

Bene il mercato pubblicitario a maggio 2017, sia considerando tutti i primi cinque mesi del 2017 che il mese singolo. Come svela Nielsen, nel primo caso gli investimenti pubblicitari crescono dello 0,5% (qui il report sul quadrimestre) rispetto allo stesso periodo del 2016 (-1,9% se si esclude dalla raccolta web la stima del gruppo sul search e sul social); nel secondo caso il risultato rispetto allo scorso anno è del +2,7%, +1,3% senza search e social.

“A maggio il mercato è andato meglio delle aspettative e registra un segno positivo nei primi cinque mesi dell’anno nel suo perimetro totale. Nei prossimi due mesi verranno a mancare gli apporti degli eventi sportivi che hanno caratterizzato l’estate del 2016, ma la tendenza rimane positiva” spiega Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen. “Avremo due mesi di stallo fisiologico, dal momento che il mese di giugno 2016 aveva fatto registrare una crescita del 9,3% trainata dagli Europei di Calcio. Già con l’inizio dell’autunno, torneremo a rivedere numeri positivi: si consideri che nel 2016, il periodo settembre-dicembre aveva segnato una crescita dell’1,4%, a differenza di un quadrimestre precedente che cresceva in termini più robusti del 4,8%”.

Relativamente ai singoli mezzi, grazie a un singolo mese di maggio positivo (+1,2%), la tv chiude il periodo gennaio-maggio in sostanziale stabilità (-0,2%). L’andamento di quotidiani e periodici a maggio è differente: continuano a calare i primi (-7,3%), mentre i magazine registrano una performance timidamente positiva (+0,8%). La raccolta nel periodo cumulato rimane comunque negativa per entrambi: quotidiani a -10,3% e periodici a -6,1%. Continua il buon andamento della radio che, grazie a un singolo mese di maggio a +14,8%, chiude i cinque mesi con una crescita del 4,1%. Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising chiude in positivo del 7,4% (+0,6%, se si escludono il search e il social). Buoni segnali anche dalla GoTV (+2,8%) e dal transit (+0,7%), mentre continua il trend negativo di cinema (-14,4%), outdoor (-17,6%) e direct mail (-4,7%).

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 11 in crescita, con un apporto complessivo di circa 81 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti: alle performance positive di automobili (+4,9%), farmaceutici (+9,8%) e abitazione (+2,3%), si contrappongono i cali delle telecomunicazioni (-7,1%) e di media/editoria (-13,9%). Andamento molto positivo per tre settori (elettrodomestici, giochi/articoli scolastici e industria/edilizia/attività) che incrementano il loro fatturato rispettivamente del 50,4%, 44,7% e 47,9%, con un apporto complessivo di circa 32 milioni di euro.

“L’aggancio alla ripresa economica europea da parte dell’Italia, ancora in lieve difficoltà, soprattutto dal punto di vista occupazionale, sarà fondamentale per il mercato della comunicazione. Ugualmente, lo saranno probabilmente del medio termine anche le iniziative tattiche come il Tax Credit” conclude Dal Sasso. “I segnali di ottimismo in termini previsionali
emersi dalla recente Assemblea dell’UPA, insieme agli indicatori di cui riportiamo la consueta sintesi, ci consentono di confermare una chiusura d’anno in crescita, seppur contenuta. Si tratta di un risultato importante, considerate le condizioni strutturali di un anno privo di eventi mediatici rilevanti”.

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: nel primo quadrimestre raccolta stabile (-0,3%). Radio e web in crescita

- # # # #

nielsen

Nel primo quadrimestre 2017, il mercato degli investimenti pubblicitari chiude in calo dello 0,3% rispetto allo stesso periodo del 2016 (-2,9% se si esclude dal web la stima Nielsen sul search e sul social), ma nel singolo mese di aprile la raccolta perde il 2,8% (-6,4% senza search e social).

“Il mercato registra un sostanziale pareggio nel primo quadrimestre dell’anno: i prossimi due o tre mesi saranno probabilmente in “rosso” per motivi di pura stagionalità degli anni dispari, vista l’assenza di grandi eventi sportivi particolarmente mediatici”. spiega Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen. “Ci aspettiamo una ripresa nell’ultima parte dell’anno, quando il raffronto con il periodo degli Europei di calcio nel 2016 non condizionerà la raccolta pubblicitaria come nei mesi centrali”.

Relativamente ai singoli mezzi, la tv è in calo del -4,2% nel singolo mese e chiude il periodo gennaio–aprile con un leggero decremento (-0,6%). Sempre negativa la stampa: ad aprile i quotidiani e i periodici si attestano a -19,4% e -8,9%, portando la raccolta nel quadrimestre rispettivamente a – 11,2% e -8%. La buona performance della radio nel singolo mese (+3,5%) riporta l’andamento del mezzo in terreno positivo (+0,7%). Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising chiude in crescita del 7,3% (-1,4% se si escludono il search e il social). Chiudono il quadrimestre in trend negativo tutti gli altri mezzi: cinema (-16,1%), outdoor (-18,5%), GoTV (-2,4%), transit (-2,8%) e direct mail (-5,5%).

Per quanto riguarda infine i settori merceologici, se ne segnalano 11 in crescita, con un apporto complessivo di circa 55 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti: alle performance positive di automobili (+6,2%), farmaceutici (+10,2%) e abitazione (+2,2%), si contrappongono i cali delle telecomunicazioni (-11,6%), media/editoria (-13,4%) e del largo consumo (-4,3%) che riunisce insieme bevande, alimentari, gestione casa e toiletries.

“L’accelerazione dell’economia italiana, riportata dalla recente correzione al rialzo della stima preliminare sul PIL del primo trimestre (dallo 0,2 allo 0,4%), che migliora le stime governative, è confermata dall’Istat che riporta buoni segnali sia sui consumi interni che sull’occupazione. Attendiamo di vedere se e come questi segnali possano scaricarsi anche in parte sul mercato della pubblicità, a sostegno dei consumi”, conclude Dal Sasso. “Ci si muove ancora tra segnali contrastanti. La stagione delle elezioni in grandi Paesi d’Europa potrà consegnarci maggiori certezze per il 2018, ma crediamo che il 2017 rimarrà un anno di transizione: le nostre previsioni aggiornate a maggio ci mostrano una fine dell’anno con una crescita inferiore al 2%”.

articoli correlati

MEDIA

WebAds partner di Mytaste.it per la raccolta pubblicitaria cross device

- # # # # #

WebAds

WebAds e Mytaste.it, piattaforma social internazionale interamente dedicata al mondo della cucina, annunciano una partnership per la gestione degli spazi pubblicitari.

Mytaste.it si propone di rendere la cucina divertente e facile per i suoi 14 milioni di utenti globali, di cui +1,5 milioni solo in Italia, ogni mese. Grazie a un ricchissimo catalogo di ricette e suggerimenti di food blogger appassionati, cuochi casalinghi e professionisti condividono il loro know how e diffondono l’entusiasmo per la cucina. Su Mytaste.it l’utente può trovare ispirazione ricercando tra le migliaia di ricette ospitate nella piattaforma e cucinare seguendo passo per passo le semplici istruzioni. Inoltre, può salvare le ricette creando un vero e proprio ricettario online e condividere le proprie creazioni con amici e altri utenti.

WebAds gestirà in esclusiva la raccolta pubblicitaria cross device, valorizzando l’audience del sito grazie all’ampia offerta di formati display e rich media, video, native, combinate a soluzioni di Audience&Data e sfruttando l’ampia reach di Mytaste sui social. Inoltre, così come per tutti gli editori che scelgono WebAds come partner per la gestione degli spazi pubblicitari, implementerà la soluzione di header bidding gestendo l’inventory in modalità sia diretta che programmatica.

“Siamo felici di dare il benvenuto a Mytaste.it, un partner con cui lavoreremo su progetti molto interessanti”, commenta Luca Scarselletta, Product&Publisher Director di WebAds. “Questo nuovo ingresso testimonia il nostro effort nel creare un’offerta vertical che vada a raggiungere segmenti per noi nuovi, e le nostre ultime partnership sono appunto il frutto di questo lavoro”.

articoli correlati

MEDIA

WebAds scelta da ScuolaZoo come partner per la raccolta pubblicitaria

- # # #

WebAds per ScuolaZoo

ScuolaZoo sceglie WebAds per la gestione esclusiva delle advertising solutions del brand e di SOS Studenti. Grazie ad una community composta da oltre +3milioni di giovani i due brand sono uno spazio digitale ampiamente riconosciuto dal target Millennials e Generazione Z che WebAds valorizzerà come posizionamento e contenuti grazie ad una consolidata esperienza sul mercato digital. I due Brand intraprendono quindi un nuovo percorso inaugurato in occasione dei primi 10 anni di ScuolaZoo, percorso che li vedrà presenti sul mercato con un nuovo partner e un posizionamento diretto ed indipendente.

ScuolaZoo nasce come punto di riferimento per i Millennials di seconda tornata – i ragazzi nati fra il 1991 e il 2000 – ed ancora oggi continua ad essere il compagno di banco e il rappresentante di istituto per gli studenti della generazione successiva, cosiddetta Generazione Z – nati dopo il 2001. SOS Studenti è il sito che punta a risolvere i problemi della vita di tutti giorni con cui si confrontano gli studenti universitari, dalla gestione del risparmio alla ricerca della casa e del coinquilino, il tutto con una serie di trucchi, consigli e suggerimenti appositamente pensati per loro. WebAds implementerà la soluzione di header bidding per entrambi i siti, gestendo l’inventory sia in modalità diretta che programmatica, in ottica cross-device. All’offerta Display Standard si affiancheranno formati più originali ed innovativi quali Intescroller, Cornered Ad, InPicture, e un’interessante portfolio di formati Video. Sono tutti formati testati dalla concessionaria per valorizzare l’inventory del sito senza disturbare l’esperienza dell’utente. Inoltre, l’obiettivo di WebAds è di rafforzare il presidio dei due Brand presso clienti finali ed agenzie grazie a soluzioni di Native Advertsing tailor made, che supporteranno gli inserzionisti nella costruzione di un dialogo costante ed efficace sull’audience di riferimento.

“Siamo una realtà già affermata tra i nostri target di riferimento: i ragazzi delle scuole superiori, quelli che stanno per entrarci, così come gli universitari” commenta Paolo De Nadai, Fondatore e CEO di ScuolaZoo e OneDay Group. “Sono convinto che con WebAds diventeremo anche l’interlocutore di riferimento per tutti gli inserzionisti e clienti che vogliono comunicare con i Millennial e la Generazione Z italiana, in modo nativo o comunque sempre in linea con il tono di voce dei ragazzi”. “La forza di ScuolaZoo e SOS Studenti sta nel loro linguaggio e nei contenuti, che ne fanno i leader del segmento giovani’ commenta Constantijn Vereecken, Managing Director WebAds ‘Il nostro obiettivo è quello di accompagnare l’ambiziosa crescita commerciale dei due Brand, posizionandoli come partner privilegiati per la comunicazione sul target Millennials e Generazione Z’.

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: a gennaio 2017 raccolta piatta. Previsioni sull’anno moderatamente ottimistiche

- # # # #

media nielsen

Secondo quanto reso noto oggi da Nielsen. il mercato degli investimenti pubblicitari nel mese di gennaio chiude in calo dell’1,6% rispetto allo stesso mese del 2016, pari a circa 6,9 milioni in meno. Se si aggiungesse anche la stima sulla porzione di web attualmente non monitorata (principalmente search e social), il mercato chiuderebbe il mese di gennaio in pari (+0,4%).

“Il mercato a gennaio è stato tendenzialmente piatto, come ci si poteva aspettare”, conferma infatti Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen. “Storicamente il primo mese è poco rappresentativo per una previsione sull’anno. Considerando che il 2016 è stato un anno a due velocità, con un primo semestre a +5,2% e un secondo a +2%, possiamo prevedere una prima parte del 2017 meno dinamica rispetto alla seconda”.

Relativamente ai singoli mezzi, la TV chiude il mese con un decremento dello 0,5%. Quotidiani e periodici iniziano l’anno rispettivamente con un calo del 13,2% e dell’1,5%. Gli investimenti sul mezzo radio crescono invece del 3,9%. Internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato in dettaglio, raccoglie il 3,6 in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Sulla base delle stime Nielsen sul digitale in generale (aggiungendo dunque la porzione di mercato non monitorata in dettaglio) la raccolta dell’intero panorama del web advertising è in crescita del 7,1%. In trend negativo il cinema (‐5,4%), l’outdoor (-28,5%), la goTV (‐8,3%) e il transit (‐4,5%). In terreno positivo il direct mail (4,4%). Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 10 in crescita, con un apporto complessivo di circa 18 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti: alle performance positive di alimentari (+4,1%), automobili (+3,9%) e farmaceutici (+15,9%) si contrappongono i cali delle telecomunicazioni (‐19,5%), media/editoria (‐5,0%) e distribuzione (‐7,9%). Abitazione (+11,4) e tempo libero (+7,7%), infine, sono tra i settori che contribuiscono alla crescita. “Aspettiamo di vedere i dati consolidati del primo trimestre per valutare la tendenza del 2017”, conclude Dal Sasso. “Il fatto che la stessa BCE abbia rialzato di un decimale di punto le previsioni di crescita dell’Eurozona e che veda scongiurata la minaccia deflazionistica ci fa guardare al 2017 con moderata fiducia”.

articoli correlati

MEDIA

RCS MediaGroup gestirà la raccolta pubblicitaria de La Stampa e LaStampa.it

- # # # # #

Dal 1° febbraio sarà la concessionaria pubblicitaria di RCS MediaGroup guidata da Raimondo Zanaboni a gestire la raccolta pubblicitaria nazionale su stampa e on-line per il quotidiano La Stampa e del portale LaStampa.it. La raccolta della pubblicità locale rimarrà fuori dal perimetro dell’accordo commerciale e sotto il diretto controllo della struttura commerciale di Publikompass. La raccolta pubblicitaria nazionale per i due mezzi, nel 2012, è stata pari a circa 30 milioni di Euro.

 

L’accordo con Editrice La Stampa si aggiunge al contratto firmato nel giugno 2013 con Poligrafici Editoriale – editore dei quotidiani del gruppo Monrif (QN, Il Giorno, Il Resto del Carlino e La Nazione) – la cui raccolta pubblicitaria nazionale è stata affidata dal 1° settembre 2013 alla rete commerciale della concessionaria RCS, ed al recente accordo per la gestione in esclusiva dal 1° gennaio 2014 della raccolta nazionale su carta e web de Gazzetta del Sud, La Gazzetta del Mezzogiorno, Giornale di Sicilia e La Sicilia. La concessionaria guidata da Zanaboni potrà quindi consolidare la raccolta pubblicitaria con quella per i quotidiani storicamente gestiti dal Gruppo RCS (Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport e L’Unione Sarda).

L’accordo con Editrice La Stampa contribuirà quindi a rafforzare la leadership del network pubblicitario guidato dalla concessionaria del Gruppo RCS, sia quanto a contatti netti generati sia sul target adulti (10.902.000) e sul target uomini (7.355.000, fonte Audipress 2013/2) sia sul fronte diffusionale: le copie complessive dei quotidiani che comporranno il network toccheranno infatti 1.354.193 copie (fonte Ads, ottobre 2013) e gli utenti unici nel giorno medio di Corriere.it, Gazzetta.it, LaStampa.it e i siti dei brand recentemente entrati in portafoglio raggiungeranno 1.738.140 utenti (fonte Audiweb ottobre 2013).

“L’accordo con Editrice La Stampa conferma la leadership che la concessionaria pubblicitaria di RCS ha raggiunto nel settore quotidiani in Italia, – ha commentato Raimondo Zanaboni, Direttore Generale Pubblicità del Gruppo RCS – interpretando nel modo migliore i processi di concentrazione in corso nel nostro Paese, così come in molti altri paesi europei. Il nostro Gruppo consolida ulteriormente la propria rilevanza per gli investitori pubblicitari, mettendo a disposizione una piattaforma commerciale off-line e on-line senza pari”.

articoli correlati

AGENZIE

Philips affida a smartclip l’esclusiva dell’advertising del portale delle SmartTV

- # # # # #

 

Sarà smartclip a gestire la pubblicità in tutto l’ecosistema Smart TV Philips, inclusa l’home page del portale e relative sub-pages nei mercati dell’Europa occidentale e in Russia.

“Crediamo che la partnership con smartclip ci avvicinerà alle realtà internazionali che si occupano di pubblicità permettendo alla nostra piattaforma Smart TV di portare valore aggiunto ai brand” ha dichiarato Albert Mombarg, Head of Smart TV di TP Vision, che aggiunge “siamo convinti che i vantaggi delle Connected TV – che consentono di programmare sessioni di intrattenimento personalizzate – cambieranno il modo in cui i consumatori guardano la TV, riducendo il tempo speso per la tradizionale TV lineare a favore di contenuti on demand”.

smartclip continua così ad ampliare la propria esperienza e competenza nell’advertising per le Connected TV. Con questa nuova partnership gli inserzionisti potranno raggiungere le proprie audience di riferimento sui modelli di Connected TV che si stanno rapidamente affermando sul mercato.

Jean-Pierre Fumagalli, CEO di smartclip ha così commentato “Siamo lieti di poter collaborare con TP Vision per questo accordo internazionale. Questa partnership ci permette di ampliare significativamente il nostro inventario e darà agli inserzionisti la possibilità di raggiungere, con notevoli risultati di reach, i propri target di riferimento sulle Connected TV grazie alle diverse opzioni di contenuti disponibili e alle funzionalità della piattaforma stessa”.

articoli correlati

MEDIA

A tg|adv la raccolta esclusiva del web-condominio Paper Project. Obiettivo 400mila contatti unici

- # # # # # # #

Un blog corale, 55 blogger già selezionati naturalmente dalla rete per un unico progetto. Questo, in sintesi Paper Project che è stato presentato oggi alla stampa dalla fondatrice Chiara Fornari con Paola Toia e Alberto Gugliada, ad di tg|adv, che gestisce in esclusiva la raccolta pubblicitaria. A un mese dalla messa on line sono già 100mila i contatti unici. E per il primo anno l’obiettivo è quadruplicarli. Si spazia dal Lifestyle al Food, passando per il Counseling e il gettonatissimo Do it yourself, senza trascurare Musica, Cultura, Green e un punto di vista nuova sul Sesso.

 

Un vero e proprio web-condominio che sfrutta a pieno le potenzialità delle reti sociali per una navigazione che punta a conquistare e fidelizzare lettori che cercano una marcia in più nei vari post che si legano a topic. Gugliada non ha dubbi, Paper Project rappresenta ‘la novità più importante del primo semestre dell’anno per la concessionaria’, una novità per smuovere il periodo nero degli investimenti pubblicitari, dove si tende a confondere spesso l’efficienza della spesa con l’efficacia della comunicazione, tendendo a spendere sempre meno, senza tener nella giusta luce i risultati e dimenticando ogni strategia. Il progetto si rivolge a un target femminile ma offre una visione completa, coinvolgendo fior fiore di blogger anche dell’altra metà del cielo nel ‘giusto mix in cui la sincerità non sbraca’. Lo presenta così la Founder e responsabile editoriale Chiara Fornari, sottolineando le quotidiane difficoltà di coordinare tutto il condominio, limando i post per uniformarne lo stile, preservando l’unicità dei contributi.

 

“Abbiamo subito creduto nel potenziale d’innovazione di questo Paper Project – aggiung Gugliada – questo progetto corale è il luogo dove le aziende vogliono essere, il luogo digitale dove incontrare i propri influencer, dove incontrare nuove platee e dove sondare nuovi orizzonti di comunicazione di prodotto. Il tutto – conclude Gugliada – tenendo sempre alta l’asticella della qualità, sia tecnica sia editoriale, una peculiarità che fa di Paper Project il nuovo luogo dove esserci, la piazza digitale sempre gremita dove raccontare il proprio business”.

 

“Paper in un certo senso – continua Chiara – rompe la regola dell’anonimato, degli pseudonimi, tipica del web, riportando in prima linea la persona con il suo nome, le sue convinzioni, le sue passioni e la sua personale idea di informazione… tutto cio che poi guida, da sempre, il desiderio di essere blogger”. E per gli investitori puntare su questi influencer rappresenta un’occasione inedita con possibilità di accompagnare il lettore con formati ad hoc, che vanno al di là dei soliti leader-board. Come è già successo con l’area dedicata al fashion che ha coinvolto un noto brand del lusso, una catena alberghiera presentando in una cornice esclusiva borse e capi d’abbigliamento.

articoli correlati

MEDIA

Radio Italia Tv: pronto il rilancio del canale. Da gennaio la raccolta pubblicitaria affidata a PRS Mediagroup

- # # # # # #

Editore e Presidente Radio Italia

A partire da gennaio 2013 Radio Italia Tv entrerà a pieno titolo a far parte dei mezzi di proprietà di Radio Italia S.p.A.. La raccolta pubblicitaria del canale musicale visibile al 70 del DTT, sarà affidata a PRS Mediagroup, in accordo con la A. Manzoni S.p.A., concessionaria di riferimento di Radio Italia. Una decisione che coincide con una strategia di rilancio e potenziamento del canale mirata ad arricchire e rinnovare l’offerta della tv musicale del gruppo con nuovi contenuti, appuntamenti e produzioni esclusive.

In concomitanza con la fine della programmazione di Video Italia su SKY, canale 712, entreranno a far parte del palinsesto di Radio Italia Tv: la “Classifica Italiana” (lun-ven alle 12:00; sab-dom alle 11:00), il “Disco Italia” (lun-dom alla mezz’ora di ogni ora dispari), lo “Spazio Interviste” curato dalla giornalista musicale Paola Gallo (in diretta alle 16 dall’Auditorium con il pubblico) e “RadioItaliaLive”, il music talk dedicato alle performance live dei più grandi artisti italiani: ogni giovedì alle 21:00, dal 17 gennaio, in contemporanea con Radio Italia (replica alle ore 3 del venerdì mattina).

Radio Italia, intanto, si appresta a chiudere l’anno del suo trentennale con un fatturato in linea con il 2011. Mario Volanti (nella foto), Editore e Presidente, commenta: “Guardo con fiducia a un futuro di crescita a due cifre: andremo a chiudere il 2012 con un risultato di gruppo pari a 30 milioni circa, molto vicino a quello dello scorso anno. Un risultato sicuramente positivo – se pensiamo alla crisi del settore – così come positivo è l’incremento dei nostri ascolti, certificati da Eurisko Radio Monitor, che prevediamo in crescita di oltre il 30% rispetto ai dati Audiradio coi quali la nostra concessionaria si è presentata al mercato nel 2012”.

articoli correlati