MEDIA

Tre nuovi formati per Quantum Native Solutions: arrivano Reveal, Mosaic e Parallaxe

- # # #

quantum native solutions

Quantum Native Solutions risponde alle esigenze di un settore che riconosce il native advertising come parte integrante delle strategie media. La piattaforma, che raccoglie più di 300 editori premium e oltre 500 milioni di impression mensili 100% viewable, introduce ora tre nuovi formati: Reveal, Mosaic e Parallaxe.

Reveal si compone di un’immagine interattiva che, in base al posizionamento del cursore, rivela la creatività nella sua interezza, incuriosendo lentamente l’utente. Grazie al nuovo formato Mosaic, invece, gli advertiser avranno la possibilità di inserire, proprio come tasselli di un mosaico, differenti creatività legate alla stessa tematica. Infine, grazie all’innovativa tecnologia del gruppo, Parallaxe offre una vera e propria esperienza di scoperta, perché solo quando l’utente scorre la pagina, visiona interamente la creatività, aumentando esponenzialmente l’engagement con il brand.

I contesti editoriali sono il luogo in cui i contenuti pubblicitari si combinano coerentemente ed armoniosamente sia a livello visivo sia contestuale. Da parte dell’utente si crea interesse e il livello di coinvolgimento risulta superiore rispetto alla pubblicità tradizionale.

“Il native è sempre più proiettato al futuro ed è fondamentale sviluppare nuovi formati che si adeguino alle direttive della Coalition for Better Ads per favorire gli utenti e siano al contempo efficaci in ottica adv. I nuovi formati introdotti quest’anno sono il risultato di una serie di studi legati a sottolineare l’identità e l’awareness dei brand dei nostri clienti con lo scopo di fidelizzarli al marchio. Quantum basa lo sviluppo dei nuovi formati sullo storytelling e sulla tecnologia ponendo al centro sempre l’utente. Raccontare una storia rappresenta un momento di condivisione di emozioni e i brand hanno compreso questa logica per trasmettere il loro messaggio, in questo caso ovviamente pubblicitario. Ciò che fa Quantum Native Solutions è offrire loro una varietà di formati in grado di adeguarsi ad ogni loro esigenza narrativa e di engagement” conclude Alessandro Ceratti, Head of Quantum Native Solutions Italia.

articoli correlati

AZIENDE

Quantum Native Solutions chiude il 2017 a +85%. Innovazione e tecnologia al centro della crescita

- # # # #

Quantum Native Solutions

Quantum Native Solutions, la prima piattaforma end-to-end europea di native advertising, cresce nel 2017 registrando un incremento del fatturato pari a +85% rispetto all’anno precedente. Questo sviluppo è indice del valore e della potenzialità del native advertising promosso da Quantum che raccoglie più di 300 editori premium e oltre 500 milioni di impression mensili.

La forte espansione di Quantum trova conferma anche nel prestigioso riconoscimento ricevuto dalla società a livello internazionale, in occasione degli European Business Awards. La sera del 19 marzo a Parigi la società ha ricevuto il premio The Germany Trade & Invest Award for International Expansion riservato alle realtà aziendali che hanno implementato strategie di sviluppo e di gestione di partnership parziali o di aziende sussidiarie al di fuori del proprio mercato di origine.

“La crescita esponenziale di Quantum sottolinea quanto il native advertising in programmatic sia effettivamente una soluzione win-win per editori e advertiser in totale rispetto della UX dell’utente. Creare, ottimizzare e portare a dei risultati è l’obiettivo del nostro team ed è per questo motivo che il network italiano di Quantum ha registrato nel 2017 oltre 3.5 milioni di utenti unici al giorno. Gli ottimi risultati raggiunti fino a oggi ci confermano quanto il mercato avesse bisogno di un ritorno alla qualità in ambito pubblicitario sia in termini di target sia in termini di formati e grazie alla nostra piattaforma, tutto ciò avviene automaticamente. Siamo certi che l’introduzione delle nostre nuove tecnologie proprietarie agevolerà sempre di più i nostri clienti e gli editori presenti nel nostro network”, commenta Carlo Poss, CEO di Quantum Native Solutions.

Innovazione e tecnologia

Quantum Native Solutions ha sviluppato una nuova SSP proprietaria in grado di soddisfare l’aumento della domanda da parte degli inserzionisti, migliorare i ricavi di entrambi i player e garantire agli editori un rendimento più alto dall’assegnazione delle impression. L’innovativa SSP è integrata con tutte le principali DSP in grado di ottimizzare il raggiungimento del proprio target di rifermento in RTB.

Un’altra grande novità di Quantum per il 2018 riguarda lo sviluppo di un header bidder proprietario. L’header bidder è una nuova tecnologia sviluppata dal provider ad uso dell’editore in grado di attivare più aste contemporaneamente, verificare in tempo reale le offerte da parte dei partecipanti e infine assegnare l’impression al miglior offerente. I vantaggi dell’introduzione dell’header bidder, motore della competizione tra differenti SSP, sono molteplici soprattutto per gli editori i quali posso massimizzare il rendimento di uno slot a favore della concorrenza in quanto essa stessa è generata dalla competizione tra advertiser.

Native in-feed e nuovi formati: Cinémagraph e Native Carousel

Quantum è il primo network in Europa ad aver introdotto il native in-feed, pubblicità che si inseriscono in maniera discreta all’interno di un contenuto editoriale poiché si allineano perfettamente all’interfaccia del sito. Inoltre, l’engagement prodotto dalle impression di questa tipologia di native advertising, core business di Quantum, si registra in CPM e quindi sulle effettive visualizzazione dell’inserzione da parte degli utenti. Rielaborando la concezione dell’immagine e del video attraverso due nuove modalità di erogazione, Quantum Native Solutions ricerca e struttura i formati adv non sulla semplice esposizione del prodotto, bensì lo colloca e lo declina – anche visivamente – all’interno di un sito editoriale in maniera non invasiva attraverso lo storytelling.

A questo proposito Quantum introduce due nuovi formati: il Cinémagraph, che apre il mondo native alla GIF la quale è accompagnata, secondo lo stile di Quantum, da un testo evocativo. Il secondo è il Native Carousel che si visualizza nel contesto editoriale come slide show con all’interno immagini relative al prodotto, raccolte in una gallery. Aspetto importante e non invasivo è il fatto che è proprio l’utente a decidere se visualizzare a scorrimento tutte le immagini presenti.

“Le novità tecnologiche che abbiamo introdotto quest’anno sono per noi un profondo valore aggiunto e siamo certi che i nostri clienti potranno realizzare progetti altamente performanti. Gli editori conservano qualità editoriale in favore di spazi pubblicitari non invasivi per i lettori, mentre i brand hanno la reale opportunità di scegliere i formati più adatti per il loro target integrando l’adv con i contenuti del sito. Grazie alle nuove componenti, header bidder e SSP proprietari, e all’integrazione con tutte le principali DSP, cerchiamo di migliorare i business dei nostri editori. Inoltre, grazie all’header bidder di Quantum, la compravendita degli spazi diviene equa fra tutti i player e aumenta il livello di trasparenza nel mercato”, conclude Alessandro Ceratti Head of Quantum Native Solutions Italia.

articoli correlati

MEDIA

Quantum Native Solutions presenta il Barometro 2017 del programmatic native adv

- # # # #

Quantum

Quantum Native Solutions, marketplace europeo di native advertising, ha analizzato un campione di 200 brand che hanno acquistato impression native tramite programmatic sul marketplace di Quantum e ha realizzato un barometro per comprendere quali sono i settori che hanno creduto maggiormente in questo formato e quali hanno aumentato il livello di investimento nel 2017.

In Italia, il native advertising è in crescita (+27% vs 2016) come dimostrano anche i recenti dati IAB. In particolare, considerando solo le componenti di Recommendation Widget e In-feed Unit (social network esclusi), il valore economico del native è pari a circa 40 milioni di euro.

Analizzando le diverse tipologie di buying presenti all’interno del Barometro di Quantum Native Solutions, si evince che il 69% dei brand acquista attraverso Insertion Order, ma il 27% procede attraverso il programmatic. Quest’ultimo vale circa 400 milioni di euro e rappresenta oltre il 15% del totale del mercato dell’Internet Advertising italiano che a oggi vale 2,65 miliardi di euro.

Per quanto riguarda i settori che stanno investendo maggiormente nel programmatic native, sul gradino più alto del podio svetta il comparto dell’Automotive, seguito dal Food & Beverage e dal Finance. Al contrario, nelle ultime posizioni della top 10 dei maggiori investitori in Programmatic Native si attestano l’eCommerce, la GDO e l’Energia.

Il settore energetico, invece, si trova al secondo posto in termini di crescita dell’investimento in programmatic native rispetto al 2016, pari al +430%, battuto solamente dalla Tecnologia che, nell’arco di un solo anno, ha aumentato i propri investimenti del +535%. Il mercato delle TELCO, invece, ha accresciuto i propri investimenti solo dell’+8% rispetto al settore dell’Automotive che si attesta in terza posizione con +271% vs 2016, mentre il Travel e il Fashion hanno registrato una crescita pari al +200% nell’arco del 2017.

“Considerando il crescente peso che il native sta acquisendo nel mercato dell’internet advertising italiano e internazionale, è fondamentale che tutti i player coinvolti, dagli editori ai brand, amplino ulteriormente le proprie competenze in merito perché, come si evince anche dai risultati del nostro barometro, le realtà che sono sempre al passo con le innovazioni hanno già compreso le concrete opportunità del native”, commenta Alessandro Ceratti, Head of Quantum Italia. “Quantum offre la possibilità ai brand di veicolare il proprio messaggio pubblicitario attraverso diverse soluzioni fra cui il content e soprattutto i video, formato che sta trainando il mercato del digital advertising italiano. Grazie a Quantum è possibile integrare perfettamente i video e tutti gli altri formati desiderati all’interno del look&feel dell’editore, offrendo all’utente un’esperienza completa e soprattutto rispettosa in termini di user experience”, conclude Ceratti.

articoli correlati

AZIENDE

OPQ conferma il network premium di Quantum Native Solutions per il 2018

- # # #

Quantum Native Solutions

Quantum Native Solutions, il primo marketplace europeo di native in-feed, rinnova la partnership per il 2018 con OPQ, concessionaria di proprietà dei gruppi editoriali lombardi Editoriale Bresciana e Sesaab, per alcune fra le principali testate locali lombarde.

Il rinnovo dell’accordo tra Quantum e la concessionaria riguarda Laprovinciadisondrio.it, Laprovinciadicomo.it, Laprovinciadilecco.it, Ecodibergamo.it, Giornalebrescia.it e Ilcittadino.it.

Grazie a questa nuova collaborazione che proseguirà per tutto l’arco del 2018, i brand avranno l’opportunità di realizzare campagne native in feed attraverso formati e contenuti personalizzabili e perfettamente integrabili con i look&feel dei siti di OPQ.

“Come concessionaria stiamo proseguendo il nostro percorso verso una tipologia di advertising focalizzato su una corretta user experience. In particolare, i nostri lettori – digitali o cartacei – sono il nostro vero valore e desideriamo offrire loro non solo contenuti sempre aggiornati e distintivi, ma anche pubblicità di qualità attraverso formati integrati che non ostacolino la lettura. Siamo dunque lieti di poterci avvalere della professionalità e qualità tecnologica offerta da Quantum”, commenta Laura Airaghi, Direttore Marketing di OPQ.

Il network di OPQ registra mensilmente 5 milioni di utenti unici e, a seguito dell’ingresso nel marketplace di Quantum, in soli sei mesi ha registrato oltre 20 milioni di impression native 100% viewable. Grazie a questa rinnovata partnership, Quantum Native Solutions continua a rafforzare la propria inventory premium, offrendo ai brand la possibilità di proporre contenuti video, gallery e testi impattanti e in target con l’audience di riferimento più efficienti in termini di performance.

“Come primo marketplace europeo di native advertising, Quantum ha una mission ben precisa: creare soluzioni a supporto degli inserzionisti e dei publisher che tutelino la user experience e la brand safety. Per questo motivo siamo entusiasti della rinnovata fiducia di OPQ, certi che da questa collaborazione sinergica i brand possano continuare a trarre un reale valore aggiunto in termini di contenuto e di posizionamento”, commenta Alessandro Ceratti, Head of Quantum Native Solutions Italia (nella foto).

articoli correlati

MEDIA

Tutte le properties digitali di Sky Italia nel network di Quantum Native Solutions

- # # # #

Quantum Native Solutions

Quantum Native Solutions, il primo marketplace europeo di native advertising distribuito anche in programmatic, annuncia l’ingresso di tutte le properties digitali di Sky Italia all’interno del proprio network, ampliando così il portfolio di inventory per le sue soluzioni di native advertising.

Grazie a questa partnership, i brand avranno la possibilità di mostrare contenuti attraverso video, gallery e testi altamente targetizzabili e realizzare campagne native anche in programmatic su tutti i siti del network di Sky Italia: Sky.it, SkyTG24, Sky Sport, Sky Cinema, Sky Atlantic, Sky Uno, Sky Mag e Sky Arte con formati pubblicitari invasivi, totalmente personalizzabili e perfettamente integrabili con i diversi look&feel.

In particolare, i formati native in-feed erogati attraverso il marketplace di Quantum, che ad oggi registra 18 milioni di utenti deduplicati al mese (fonte Audiweb View) e 450 milioni di impression native 100% viewable mensili, sono acquistabili via insertion order o anche in programmatic. Infatti, tutta l’inventory native di Quantum Native Solutions è acquistabile anche in RTB essendo integrata con tutte le principali DSP internazionali.

“L’ingresso di Sky Italia nel nostro network rappresenta un passo importante nella nostra strategia innanzitutto perché avere la fiducia di un editore così prestigioso non può che entusiasmarci e in secondo luogo perché grazie a questa collaborazione i brand italiani avranno la possibilità di veicolare le loro campagne nel modo più efficace, rilevante e coinvolgente possibile”, commenta Alessandro Ceratti, Head of Quantum Native Solutions Italia (nella foto). “Infatti, Sky propone quotidianamente tantissimi contenuti ad alto valore aggiunto, colpendo un’audience molto vasta e proprio per questo permette diversi gradi di targetizzazione e personalizzazione dei messaggi e dei formati acquistabili anche in programmatic”.

articoli correlati

MOBILE

Suzuki prima a scegliere Prism, il nuovo formato native fullscreen di Quantum Native Solutions

- # # # # #

prism

Allo scopo di rispondere alla crescente richiesta del mercato di nuove soluzioni pubblicitarie sempre più performanti e adatte all’user experience da mobile, Quantum Native Solutions, il primo marketplace europeo di native advertising distribuito anche in programmatic, lancia Prism, un formato adv capace di creare una profonda connessione tra publisher, advertiser e utente finale. Il contenuto viene, infatti, visualizzato attraverso una narrazione che offre un’esperienza interattiva, un mix di testi, immagini, video e link per raccontare la storia e il messaggio del brand senza ostacolare la navigazione dell’utente.

Grazie alla sinergica collaborazione tra Quantum Native Solutions e Brand Portal, Suzuki è stato il primo brand a scegliere di utilizzare il formato Suzuki prima a scegliere Prism, il nuovo formato native fullscreen di Quantum Native Solutions nella campagna promozionale per raccontare il modello Ignis in modo originale e coinvolgente.

“Eravamo alla ricerca di un formato unico nel suo genere in grado di coinvolgere gli utenti mobile senza essere troppo invasivo e Prism è stata la risposta” commenta infatti Francesco De Guido, Amministratore Delegato di Brand Portal. “Attraverso questo formato native in-feed di Quantum siamo riusciti a veicolare il messaggio su un numero elevato di editori in target, integrandoci alla perfezione con il look&feel dei siti così da apportare un valore aggiunto alla user experience degli utenti. I risultati sono stati più che positivi sia in termini di visualizzazione del video che di visite al nostro sito”.

“Un brand innovativo come Suzuki, che ha sempre avuto una particolare attenzione nei confronti della tecnologia, ha compreso l’importanza di scegliere una soluzione pubblicitaria in grado di coinvolgere totalmente i mobile surfers”, aggiunge Alessandro Ceratti, Head of Quantum Native Solutions Italia. Se il formato native è tra i più apprezzati dagli advertiser e dagli utenti, Prism ne è l’evoluzione: una soluzione innovativa che, attraverso un microsito web sviluppato in ottica native, è in grado di creare storie multimediali chiaramente orientate ad incentivare l’interazione con gli utenti. In particolare, solo con un “tap” viene mostrata una pagina in cui all’interno trovano spazio un video, una gallery di immagini e una call to action, il tutto creato fianco a fianco con il brand e 100% custom made”.

articoli correlati