MEDIA 4 GOOD

Pubblicità Progresso, al via l’esperimento contro il Blue Whale: nasce Social Whale

- # # # # # # #

Pubblicità progresso

Non solo posti bui e scuri, ma anche vettori di valori positivi. I social possono aiutare i ragazzi a crescere, non solo buttarli giù dando vita a fenomeni spaventosi come il Blue Whale. Social Whale è il nome del nuovo esperimento sociale condotto da Pubblicità Progresso, che si pone la sfida di andare a sconfiggere questi nuovi fenomeni proprio sul terreno dove hanno vita più facile, ovvero i social network.

Per questa campagna il riferimento a Blue Whale, gioco dell’orrore che spinge giovani users dei social network a superare una serie di prove estreme, è evidente, ma il fine è completamente opposto: il progetto costituisce una risposta alla macabra sfida al suicidio, si propone di trasmettere difatti valori positivi, farli condividere ai più giovani tramite il meccanismo della gamification e far riscoprire l’importanza di messaggi sociali e di piccoli gesti che ognuno di noi può compiere per rendere il mondo un posto migliore, anche attraverso un semplice sorriso. L’iniziativa, riproponendo il funzionamento del gioco estremo Blue Whale, prevede che, a partire dal 31 luglio e per tutto il mese di agosto 2017 sulla pagina Facebook di Pubblicità Progresso, verranno proposte 31 azioni con una card, una al giorno, che inviterà i partecipanti a svolgere la prova durante la giornata e a condividerla sul proprio profilo Facebook o Instagram, impostando l’opzione privacy pubblica così da rendere visibile il post sulla propria bacheca utilizzando l’hashtag #SocialWhale, obbligatorio per partecipare al contest quotidiano.

Pubblicità Progresso intende coinvolgere nell’esperimento sociale il numero più alto possibile di users dei social network al di sopra dei 14 anni di età, che ogni giorno potranno partecipavi volontariamente svolgendo semplici azioni che hanno un’utilità sociale o che sono atte a procurare a se stessi e al proprio prossimo un sorriso diventando così Smiler, coloro che diffondendo un sorriso lanceranno un messaggio di coesione. Già dal primo giorno si chiederà ai partecipanti di farsi portatori di sorriso, scattandosi un selfie sorridente o buffo e condividendolo, diventando protagonista della Social Whale. Altri esempio di azioni proposte saranno per esempio disegnare uno smile su un post-it e attaccarlo nel primo posto che viene in mente o comportarsi in maniera sostenibile, preferire la doccia al bagno in vasca risparmiando acqua e cronometrandosi.

Al termine di ogni giornata e in seguito ad un’accurata selezione a cura di un team dedicato, sulla pagina Facebook di Pubblicità Progresso verrà pubblicato il post più rappresentativo della giornata. La ricerca del contenuto più rappresentativo del giorno avverrà tramite il filtraggio dell’hashtag #SocialWhale, all’interno dei canali Facebook e Instagram. Al fine di promuovere il progetto, parteciperà attivamente anche un gruppo di influencer che aiuteranno Pubblicità Progresso nella diffusione dell’iniziativa sociale e faranno parte della giuria che individuerà i 5 contenuti più meritevoli che verranno esposti in occasione dell’annuale Festival della Comunicazione Sociale la cui giornata conclusiva si svolgerà il 28 novembre del 2017 presso il Salone d’Onore della Triennale di Milano.

articoli correlati

AZIENDE

Pubblicità Progresso: al via su tv, stampa e web la seconda fase della campagna “CiRiesco”. Firma Key Adv, pianifica InMediaTo

- # # # # # #

campagna di Pubblicità Progresso

Al via la programmazione televisiva della seconda fase della campagna di Pubblicità Progresso a favore della sostenibilità. La prima mostrava un bimbo che cresceva in età fino a diventare uomo e padre ogni volta che metteva in atto un comportamento responsabile.

Nel secondo spot si è scelto di cambiare codice, promuovendo un linguaggio che privilegia i target più giovani, parlando comunque ai cittadini nel loro complesso.

La narrazione è incentrata sulla “CiRiesco Squad”, un team-action originale ed esilarante composto da 4 personaggi che incarnano i valori della campagna: si tratta di un gruppo di pronto intervento che si materializza ogniqualvolta si verifichino comportamenti scorretti.

Ciascun protagonista ha tratti semplici, ma immediati: il leader inventore e mente del gruppo Doc SaveNature, la “bella” del team, dai tratti femminili ben delineati, Janet Green, la sportiva, energetica e super attiva Angy Energy e, infine, l’aitante, forzuto, parte “fisica” della squadra Jay Re-cycle.

Lo spot rimanda sempre al sito, che diventa il punto di riferimento dell’intera squadra e quartier generale “virtuale” del gruppo. L’intera comunicazione, infatti, è gestita come campagna integrata ed ogni media avrà come finalità la call to action al sito.

Lo sviluppo social vedrà la creazione di veri e propri “meme”, citazioni ed interventi dei personaggi che, in modo ironico e coinvolgente, indurranno i cittadini ad essere più responsabili, anche per il nostro presente e soprattutto per il nostro futuro.

In termini di linguaggio, lo spot richiama apertamente i canoni narrativi dei telefilm americani tipo N.C.I.S. e simili. Autore dei comportamenti scorretti è sempre lo stesso personaggio che, in un crescendo comico, viene letteralmente “travolto” dalla squadra. L’idea di comunicazione è quella di parlare il linguaggio fumettistico dei supereroi, e per questo lo spot è arricchito di elementi sonori che rievocano un codice quasi cartoon.

Dell’intero progetto creativo si occupano (come sempre a titolo gratuito) l’agenzia Key Adv (Acqua Group), mentre lo spot è stato prodotto dalla casa di produzione Gothacom con la regia di Paolo Lobbia.

La campagna tv sarà programmata durante l’estate da Rai, Mediaset, La 7, S.Marino TV, Discovery Channel, Sky, mentre Facebook fornirà l’adeguato supporto per la diffusione sul web. Previste come di consueto anche Radio e stampa.

In autunno inoltrato sono previste iniziative ad hoc per le scuole elementari in collaborazione con Cittadinanzattiva, nelle quali i bambini saranno chiamati a giocare interpretando i ruoli della Ciriesco Squad.

CREDITI
Agenzia: Key Adv (Acqua Group)
Creative Director: Luca Negretti e Massimo Del Monaco
Art Director: Sara Ballarini, Roberto Ferrario, Fabrizio Frasca
Copywriter: Veronica Maggi
Account Director: Andrea Casneda
Account Executive: Alice Usai
Casa di produzione e Post – produzione: Gothacom
Attore Protagonista: Emanuele Fortunati
Cast: Serena Olmi, Elisabetta Martucci, Marco Di Palma, Roberto Tarsi
Regista: Paolo Lobbia
DOP: Marcello Merletto
Make Up artist/Hair Stylist: Stefania Visentin
Teatro di posa: M8 Studios
Studio di registrazione: Gigasound
Speaker: Ivano Pellizzoni
Luci e macchine da presa: AMG International
Centro Media “InMediaTo” Sandra Grifoni, Alice La Rosa

Fotografia e post-produzione: Sara Ballarini
Studio di produzione pubblicitaria: Fabiofonia
Speaker: Daniele Campanari, Alessia Ieluzzi, Mario Loreti, Paola Pucci e Claudio Popolizio
Sito Web CiRiesco.it:
Realizzazione a cura di E-motion Web, Enrico Parizzi, Alessandra Siano.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Pubblicità Progresso: al via la nuova campagna sull’importanza dei comportamenti sostenibili

- # #

la campagna ciriesco.it

L’improvvisa emergenza legata prima alla siccità e poi ai diluvi accende i riflettori sulle responsabilità nell’impiego delle risorse a nostra disposizione. È quanto evidenziato dalla campagna a favore dei comportamenti sostenibili promossa da Pubblicità Progresso, perché insegna ai cittadini buone pratiche che tutti possono (e dovrebbero) mettere in atto, al fine di poter vivere senza problemi con le risorse disponibili.

Non a caso, il primo degli otto temi di sostenibilità su cui punta la campagna riguarda l’acqua, con i buoni consigli, gli esempi di buone pratiche e le news con le innovazioni sull’argomento.

“Intenzione di questa campagna è cercare di diffondere ovunque la cultura dei comportamenti virtuosi, dimostrando che è utile metterli in pratica non solo per una responsabilità verso il pianeta e la natura, ma anche per il preciso tornaconto che ognuno di noi può trarne per sé, per le proprie tasche, per il futuro dei propri figli.
Mai come in questo caso può essere dimostrata la validità di una nuova definizione di consumatori, che è consum-autori: cittadini che non intendono rinunciare ad un buon stile di vita ma che si comportano in modo tale da permettere a tutti di utilizzare al meglio le risorse naturali lasciando alle future generazioni un ambiente almeno non peggiore di quello che hanno trovato”, ha spiegato Alberto Contri, Presidente di Pubblicità Progresso.

La Fondazione Pubblicità Progresso mette a disposizione dei media che intendano coinvolgersi in questa azione di Responsabilità Sociale, i contenuti relativi al tema dell’acqua perchè vengano divulgati, oltre che una selezione delle più creative e interessanti campagne sociali del mondo sul tema dell’acqua

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Pubblicità Progresso: al via la nuova campagna biennale sulla sostenibilità firmata Key ADV

- # # # # # # # # # #

Pubblicità Progresso

È stata presentata questa mattina giovedì presso la Sala Camino del Circolo della Stampa a Milano la nuova campagna sociale di Pubblicità Progresso“, firmata dall’agenzia KeyADV, parte di Acqua Group. Un progetto di comunicazione integrata che intende ricordare a ciascuno di noi che “Basta poco per far crescere il tuo futuro, un gesto dopo l’altro”.

Da sempre le campagne di Pubblicità Progresso mirano a raggiungere risultati concreti grazie all’uso integrato di media tradizionali e nuovi. La nuova campagna biennale “Sostenibilità, Sobrietà, Solidarietà”, intende far capire ai cittadini che i gesti di quotidiana attenzione a un corretto uso delle risorse fanno crescere il singolo come persona, gli consentono non indifferenti risparmi, lo gratificano come cittadino dedito al consumo sostenibile.

La campagna sui media tradizionali invita a visitare il sito ciriesco.it, in cui si danno i consigli giusti per riuscire ad applicare senza difficoltà i comportamenti sostenibili e si mostrano le case history di successo con i buoni risultati nei seguenti campi: acqua, energia, aria, cibo, rifiuti, abitare, mobilità, salute.

“Con la nuova campagna desideriamo porre l’attenzione sui comportamenti virtuosi che un cittadino responsabile dovrebbe tenere per garantire un futuro migliore a chi verrà dopo di lui. Su CiRiesco.it chiunque può reperire informazioni e consigli pratici per adottare uno stile di vita sano, dalla gestione delle risorse idriche a quelle energetiche, passando da altri temi come cibo, mobilità e rifiuti, dichiara Alberto Contri, Presidente della Fondazione Pubblicità Progresso. “È da molti anni che vengono diffusi allarmi sulla scarsità di risorse a disposizione dell’uomo, ma è difficile che a questi allarmi faccia seguito l’adozione di modi di vivere più illuminati. Con CiRiesco.it, auspichiamo di poter aiutare i cittadini, non solo a diventare consapevoli sul problema che è ormai sotto i nostri occhi, bensì intendiamo farlo fornendo informazioni utili a tradurre in fatti questa consapevolezza”.

Nello spot si vede un simpatico bimbo dai capelli rossi che cresce di qualche anno ogni volta che compie un gesto virtuoso, spegnendo la luce, chiudendo il rubinetto che gocciola, facendo la raccolta differenziata, preferendo la bici all’auto. Alla fine lo speaker dice” Basta poco per far crescere il tuo futuro, un gesto dopo l’altro. Vai su ciriesco.it”.

Oltre ai principali consigli per i più diversi comportamenti a favore della sostenibilità, sul sito si trovano una quantità di informazioni ulteriori, news, segnalazioni di eventi e iniziative, che verranno rilanciate grazie ad un sistematico impiego dei social media.

La campagna di comunicazione è stata curata dall’agenzia KeyADV e prodotta dalla Bedeschi Film con la regia di Claudio Gallinella, mentre il posizionamento è stato affidato al centro media Inmediato e Ipsos curerà i sondaggi. Il sito web CiRiesco.it è stato realizzato da E-Motion Web, mentre ha collaborato ai contenuti Goldmann & Partners. Havas PR Milan ha collaborato in qualità di ufficio stampa.

Massimo Del Monaco e Luca Negretti, direttori creativi di Key Adv, illustrano obiettivi, opportunità e concept della campagna. “Gli obiettivi sono sostanzialmente tre: convincere i cittadini che il futuro delle risorse ambientali è nelle loro mani e in quelle dei loro figli, ricordare loro l’urgenza di adottare buone pratiche in relazione a temi quali acqua, energie rinnovabili, raccolta differenziata, mezzi di trasporto sostenibili, spreco alimentare e uso di tecnologie innovative, e infine, coinvolgere le imprese. L’opportunità, in termini di comunicazione, è stata identificata da Key Adv nel concetto di “crescita felice” di Francesco Morace: una visione del mondo sostenibile, un modello di sviluppo che è prima di tutto un nuovo modo di pensare e di creare prospettive positive che siano in grado di accettare i problemi attuali e di affrontarli con una visione biologica – non si può chiedere a un bambino o a una pianta di decrescere, si deve accettare la sfida della crescita e lo si deve fare in modo felice e sostenibile. Relativamente al concetto di comunicazione, la campagna di Key Adv racconterà la storia di un dono: quello di un futuro migliore”.

L’obiettivo è ambizioso. Come afferma Massimo Del Monaco, con questo progetto “Vogliamo orientare i valori e i comportamenti dei singoli e della società rispetto alla sostenibilità educando a riconoscere come doni la quantità di cose che quotidianamente facciamo, utilizziamo e consumiamo. Il dono è un gesto che parte da chi lo compie e va oltre, al suo esterno, diventa un momento di felicità e costruisce un legame con chi lo riceve, diventando una “contagiosa” pratica da ripetere. Donare i valori e i comportamenti virtuosi richiede tempo, impegno, pazienza, energia, coinvolgimento. Ma, nell’istante in cui questo tipo di dono viene interiorizzato e diventa quotidianità, allora genera il cambiamento e quindi la crescita e il progresso. Vogliamo fare di tutti i piccoli doni di felicità quotidiana un circolo virtuoso di atteggiamenti e comportamenti in cui il singolo è al centro di un progetto di crescita positiva per l’intera collettività, in un processo di partecipazione attiva al cambiamento”.

La campagna pro-bono, dal titolo “CiRiesco”, sarà declinata su stampa, affissione, radio, tv e web.

CREDITS

Agenzia: KeyADV (Acqua Group)
Creative Director: Luca Negretti e Massimo Del Monaco
Copywriter: Veronica Maggi
Art Director: Sara Ballarini, Roberto Ferrario, Gianluca Paradiso
Account Director: Andrea Casneda
Account Executive: Alice Usai

Casa di produzione: Bedeschi Film
Produttore: Giovanni Bedeschi
Regista: Claudio Gallinella
Aiuto regista: Alberto Poli
Executive Producer: Emanuela Murelli
D.O.P.: Andrea Rainoldi
Direttore di produzione: Lorenzo Calzeroni
Operatore: Amir Andalib
Trucco: Daniela Patella
Stylist: Chiara Luna Mauri
Montatore: Francesca Castellari
Post produzione TV: Bedeschifilm
Post Attori: Simone Zini, Alessandro Ferrigno, Leonardo Bolledi, Nicolas Ferrarese, Giovanni Cassani
Fotografia: Luca Maresca
Post-produzione: Sara Ballarini

Fabiofonia: studio di produzione pubblicitaria
Speaker: Giulia Taddei, Alessandra Prandi, Mario Loreti, Vittorio Lupari, Antonio Amoruso

Centro Media “Inmediato”: Sandra Grifoni, Luisella Bolla
Istituto di Ricerche “Ipsos”: Anna Luciano

Sito Web CiRiesco.it
Realizzazione a cura di E-motion Web, Enrico Parizzi, Alessandra Siano;
Testi Temi e Consigli a cura di Goldamnn & Partners – Arch. Isabella Goldmann

articoli correlati

AGENZIE

Capovilla rappresenta Unicom nel CdA di Pubblicità Progresso

- # # # # #

capovilla

Il presidente di Gruppo icat, Claudio Capovilla, che entra a far parte del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Pubblicità Progresso come rappresentante di Unicom.
Capovilla ha una lunga esperienza all’interno delle associazioni e degli organismi di settore nel mondo della comunicazione italiana: già vicepresidente Unicom fino al 2015, di cui è stato rappresentante delegato per il Triveneto e coordinatore nazionale di tutti i delegati regionali, ha fatto parte anche del Consiglio di Amministrazione di Audipress.

“Sono molto onorato dell’incarico che mi è stato dato: una nuova opportunità di crescita, ma soprattutto un importante riconoscimento”, è il commento di Capovilla, “perché la Fondazione rappresenta un esempio positivo, a livello internazionale. È l’espressione migliore di un’Italia formata da professionisti della comunicazione che cooperano per la diffusione di una cultura ispirata ai valori profondi dell’etica e in grado di sensibilizzare la società civile su temi importanti per i cittadini e il Paese. Per questo sono entusiasta e onorato di rappresentare Unicom, con un ruolo di così grande responsabilità all’interno di un’istituzione storica della comunicazione italiana”.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Stefano D’Orazio protagonista della nuova campagna di sensibilizzazione AIDO

- # # # # # #

Dal 30 agosto parte su stampa, radio e tv la nuova campagna d’informazione e sensibilizzazione di AIDO – Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule – di cui Stefano D’Orazio è testimonial. La campagna, per il suo alto contenuto sociale, ha ottenuto il patrocinio di Pubblicità Progresso.

Il nuovo spot sarà in onda sulle reti del gruppo Mediaset a partire da fine agosto e in seguito sui canali Rai, radio e Tv private. La regia e il soggetto sono di Fausto Brizzi, regista di film di grande successo come Notte prima degli esami, Ex, Maschi contro femmine – solo per citarne alcuni – che ha collaborato con entusiasmo a sostegno di AIDO.

Il 3 e 4 ottobre si rinnova l’appuntamento con la giornata nazionale Un Anthurium per l’informazione: in più di 1.500 piazze italiane i volontari AIDO distribuiranno materiale informativo e offriranno piantine di Anthurium per la ricerca sui trapianti.

Stefano D’Orazio continua nel suo impegno di testimonial per la nuova campagna giunta alla quattordicesima edizione, al fine di fornire un contributo mirato e corretto alla divulgazione dei grandi progressi fatti dalla ricerca e sull’importanza della donazione organi.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Al via la seconda fase della campagna Pubblicità Progresso contro la discriminazione

- # # # # # # # # #

Oggi è stata presentata a Milano la seconda fase della campagna di Pubblicità Progresso a favore della parità di genere “Punto su di te” che sarà pianificata durante il periodo estivo, dedicata alla discriminazione in ambito lavorativo. In Italia il divario salariale tra uomo e donna  arriva a raggiungere punte del 30%,  mentre 1 donna su 4 abbandona il lavoro dopo il primo figlio. Se la prima fase della campagna sollevava il problema della discriminazione sessuale, nella seconda fase viene denunciato un atteggiamento altrettanto discriminatorio riguardo alla retribuzione da parte di head hunter e datori di lavoro.
Sia lo spot che il video che la campagna stampa utilizzano una creatività brillante, semplice ed efficace per ricordare che bisogna dare al lavoro delle donne il suo giusto valore.
Lo spot è stato girato durante alcuni colloqui di lavoro, attraverso le telecamere nascoste tipiche delle inchieste televisive.
L’attrice coinvolta nel progetto si è presentata ai colloqui interpretando il ruolo di una donna e poi, accuratamente truccata, quello di un uomo. Entrambi interessati alla posizione offerta, con lo stesso background di studi e di esperienze, ma di sesso diverso.
Interrogati su formazione ed esperienza lavorativa pregressa, i due candidati hanno dato le stesse risposte. Al momento di chiarire le aspettative economiche però, nonostante fossero la stessa persona e avessero proposto la medesima cifra, il selezionatore si è dichiarato disponibile ad accettare la richiesta di retribuzione del candidato uomo, trovando invece eccessiva la richiesta della donna.
Lo sguardo sorpreso e irritato della donna, che da solo vale l’intero film, sottolinea con rimarchevole evidenza l’ingiustizia che le donne subiscono frequentemente in ambito professionale.
Chiaro e diretto il messaggio finale: “Essere una donna è ancora un mestiere complicato. Diamogli il giusto valore.”.
Nella campagna stampa, invece, una donna tiene in mano una banconota da 10 euro, che riporta però la cifra 7. Con un linguaggio creativo memorabile viene fatta rilevare la discriminazione salariale che le donne subiscono, che arriva fino al 30%.

L’obiettivo della campagna è quello di sensibilizzare e ottenere la partecipazione attiva di tutti, in modo che la professionalità delle donne venga riconosciuta e valorizzata in termini di maggiore rispetto, stima e opportunità.
Creatività a cura di Y&R Italia sotto la direzione creativa esecutiva  di Vicky Gitto. Produzione degli audiovisivi a cura di Bedeschi Film, regia di Claudio Gallinella.

Per l’occasione il portale www.puntosudite.it, che vedrà in questa fase una particolare collaborazione con ValoreD, ha subito un totale restyling: grafica a cura di Angelini Graphic Design e implementazione a cura di E-Motion Web, gruppo Real Time.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Pubblicità Progresso lancia #womaninjob, la campagna a favore della parità di genere

- # # # # # #

“La Festa della donna, come tutti gli altri appuntamenti di questo genere, è un’occasione utile per far riflettere su questioni importanti. Ma espone anche al rischio di troppa, inutile e fastidiosa retorica”. È quanto afferma Alberto Contri, Presidente di Pubblicità Progresso, nel ricordare l’impegno della fondazione nel portare avanti – per il secondo anno – la campagna a favore della parità di genere. E che lancia #womaninjob, un’iniziativa legata alla campagna Puntosudite che – grazie all’apposita sezione sul sito puntosudite.it e pubblicitaprogresso.org – raccoglie dati, ricerche, testimonianze e riflessioni sul tema della parità di genere e – in particolare – sull’uguaglianza del salario tra uomo e donna e sulle difficoltà cui le lavoratrici, ancor oggi, devono far fronte per affermarsi sul piano professionale.

Oltre ai dati di scenario, esito di ricerche aggiornate a livello europeo, vi si trovano brevi riflessioni di donne di successo che nella loro professione hanno incontrato problemi o trovato soluzioni (Claudia Gerini, attrice – Laura Bononcini responsabile relazioni esterne di Facebook, Federica Di Stolfo, manager dello spettacolo). Fra queste, anche un’intervista a Christine Lagarde, direttrice del FMI, e gli appelli lanciati durante la notte degli Oscar da Patricia Arquette, migliore attrice non protagonista, e di Reese Whiterspoon.

Nell’apposita sezione di #womaninjob trovano spazio anche alcune playlist dei più interessanti spot sociali – dedicati alla parità di genere – tratti dalla mediateca internazionale di Pubblicità Progresso, ma anche quelli realizzati da imprese che, nella loro attività di Responsabilità Sociale, hanno deciso di affrontare queste tematiche.

“Ponendoci contro ogni vuota retorica – continua Contri – presentiamo anche alcuni spot commerciali, che stigmatizzano con ironia lo sguardo che spesso gli uomini posano sulle donne, con momenti di inversione creativa che fanno riflettere e non solo sorridere. Più che a festeggiare, quindi, invitiamo a partecipare ad un lavoro concreto, condividendo e diffondendo #womaninjob. Perché sempre di lavoro stiamo parlando: sia che si tratti di salario, sia che si tratti di conciliazione dei tempi tra cura della famiglia e professione”.

articoli correlati

AGENZIE

Pubblicità Progresso contro il “mainstreaming di genere”. Nasce puntosudite.it

- # # # # # #

È online Puntosudite.it, il portale – realizzato nei suoi aspetti di struttura da Isobar – nato come supporto e naturale evoluzione della campagna sociale contro le discriminazioni di genere creata da Young & Rubicam per Pubblicità Progresso.
Oltre a informazioni e materiali relativi alla campagna e all’Associazione, sul  portale sono presenti ma anche strumenti di servizio. La sezione “Trova”, ad esempio, ospita un motore di ricerca dedicato, che aiuta l’utente a trovare iniziative, centri di accoglienza e supporto sul proprio territorio, mentre la sezione “Conosci” fornisce un elenco di siti che la rete offre come supporto alle necessità delle donne; l’elenco viene aggiornato settimanalmente per garantire informazioni sempre aggiornate e fresche.
Inoltre il sito punta a  stimolare il pubblico a una partecipazione attiva per la promozione di un vero cambiamento culturale: tramite la sezione “Intervieni”, l’utente è invitato a segnalare una pubblicità scorretta allo IAP oppure a indicare siti, blog, progetti e iniziative coerenti con la promozione della parità di genere. Inoltre, il sito offre anche visibilità sugli strumenti che alcune piattaforme Internet mettono a disposizione per consentire agli utenti di segnalare eventuali contenuti che siano in violazione delle loro policy, nella fattispecie YouTube e Google+. Un news feed, aggiornato quotidianamente e presente in tutte le pagine, segnala i link agli articoli online e agli approfondimenti cartacei più interessanti.
Grazie a un aggregatore social è possibile seguire tutti gli aggiornamenti del profilo Twitter @pubbliprogresso relativi al tema della lotta contro la discriminazione di genere.
“Siamo onorati di aver contribuito a questo progetto sociale così importante” ha dichiarato Layla Pavone Managing Director di Isobar. “Puntosudite.it è un portale di servizio, ricco e completo, in grado di dare aiuto concreto e fornire strumenti efficaci per contribuire attivamente al cambiamento culturale. Crediamo che il ruolo della comunicazione sia fondamentale in questo senso e ci siamo messi a disposizione di Pubblicità Progresso perché sentiamo di avere anche una funzione di grande responsabilità sociale e siamo convinti che le nostre competenze nel digitale possano essere utili nel supportare anche da questo punto di vista la crescita del nostro sistema Paese”.
Sul portale fa perno la nuova campagna promossa dalla Fondazione Pubblicità Progresso e firmata da Young&Rubicam Group, tutta sul tema del gender mainstreaming, per la valorizzazione del ruolo della donna nella società.
“Il progetto”, precisa Alberto Contri, presidente di Pubblità Progresso, “è stato particolarmente sollecitato dalle tre donne che siedono nel CdA (Giovanna Maggioni, Upa; Rossella Sobrero, Assocom; e Donatella Consolandi, Unicom) Tecnicamente la possiamo definire una campagna di “mainstreaming di genere”, cioè nell’interesse di tutta la società, donne e uomini compresi”.

articoli correlati

MOBILE

Pubblicità Progresso: al via la nuova campagna sul “gender mainstreaming”. Firma Y&R

- # # #

In questa settimana prende ufficialmente il via la nuova campagna promossa dalla Fondazione Pubblicità Progresso, firmata da Young&Rubicam Group, sul tema del gender mainstreaming, per la valorizzazione del ruolo della donna nella società. Partono immediatamente cinema, stampa, web e TV (canali Mediaset). A seguire Rai, Sky, altre reti TV, radio e manifesti. È stato anche lanciato il concorso tra gli autori Siae per una canzone sulla parità di genere. Con il prosieguo della campagna saranno accentuale le attività sui social e le iniziative di marketing sociale non convenzionale. Perno dell’iniziativa è il portale  www.puntosudite.it. La campagne si pone diversi obiettivi: primamariamente quelli invitare le donne ad accrescere la propria autostima e gli gli uomini a valorizzare il punto di vista femminile. Ad essi si aggiunge la volontà di rendere visibile la discriminazione di genere, come primo passo per eliminarla, e di superare i pregiudizi nei confronti delle donne

“Modificare stereotipi e combattere pregiudizi sul fronte parità non è un lavoro semplice, per questo abbiamo dato vita ad una campagna di durata biennale che impiega tutti i mezzi, incluse le grandi opportunità dei social media. Partiamo da una comunicazione classica (spot tv, radio, stampa, cinema e affissioni) con un meccanismo creativo che sottolineerà il fatto che negare la discriminazione delle donne è già una parte del problema”, dichiara Alberto Contri, presidente di Pubblicità Progresso. “Tutto rimanda ad un portale che verrà sempre più arricchito nel tempo anche grazie alle segnalazioni dei cittadini, per contenere, suddivise per argomenti, progetti e attività volte a dare un contributo concreto al miglioramento della condizione della donna: attraverso lo stesso vengono indicati riferimenti di servizi utili per la gestione di problematiche familiari e lavorative legate all’universo femminile, vengono promosse iniziative di aiuto alle madri che lavorano, ci sono indicazioni sui centri anti-violenza e su molte iniziative di sensibilizzazione (spettacoli teatrali, libri, blog, portali tematici, convegni, eccetera): un utile repertorio di tutte le attività che possono essere di aiuto a riequilibrare la parità con sostegni concreti. Inoltre, attraverso il portale è possibile chiedere direttamente all’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria la rimozione di campagne lesive dell’immagine della donna. Lo stesso impegno c’è anche da parte di Google per i contenuti su YouTube”. “Il progetto – conclude Alberto Contri – è stato particolarmente sollecitato dalle tre donne che siedono nel CdA di Pubblicità Progresso (Giovanna Maggioni, Upa; Rossella Sobrero, Assocom;  Donatella Consolandi, Unicom) Tecnicamente la possiamo definire una campagna di “mainstreaming di genere”, cioè nell’interesse di tutta la società, donne e uomini compresi. Ci siamo dati due anni perché a cambiare i pregiudizi ci vuole tempo, ma si può accellerare se i mass media interverrano riprendendo ove possibile la tematica e non ospitando semplicemente la campagna negli spazi pubblicitari”.

 

Credits

Agenzia Young & Rubicam Group

EVP – Executive Creative Director Vicky Gitto

Copywriters Giovanbattista Oneto, Carmen Balestrieri

Art directors Davide Breghelli, Cinzia Caccia, Giulia Papetti

Casa di produzione spot  50”- 30”- 2x 15” ComboCut films

Regista Alessandro Palminiello

Executive producer Alvise Barbaro

Musica Quiet Please – Ferdinando Arnò

Casa di produzione  radio 30” Eccetera Executive

Producer Josè Bagnarelli

Fotografia Hyperactive Studio – Mauro Turatti, Mattia Giani

Agenzia PR eventi Burson-Marsteller

Centri Media Havas Media Group, MediaClub, Kinetic

Istituto Ricerche Istituto Piepoli

Spazi affissione prima fase IGPDecaux, Maxima, Ipas

Stampa poster Sprint Production, GPP Industrie Grafiche

Portale ideazione e struttura Isobar

Portale contenuti Mimesi

Concorso musicale Mario Lavezzi

Speakers spot radio Cinzia Massironi, Samanta Cornaviera, Matteo Zanotti

Cast foto Carlotta Brambilla, Lisa Fuxcer, Cinzia Galimberti, Anna Yan Karini, Anna Racano, Tiziana Wake

Comunicato radio concorso musicale Postatomic

Speaker comunicato radio concorso musicale Lucia Angella, Gabriele Marchingiglio

 

articoli correlati

AGENZIE

LL&L/Life, Longari & Loman firma il nuovo spot AID “I segni della Dislessia”

- # # # # # # #

L’AID Associazione Italiana Dislessia ha presentato a Roma lo spot “I segni della Dislessia” prima iniziativa della campagna di sensibilizzazione al tema della Dislessia, nell’ambito della nuova strategia di comunicazione multicanale.

La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento che può comportare difficoltà di lettura, scrittura e calcolo. I bambini dislessici, se non riconosciuti precocemente e aiutati, possono provare di disagio e isolamento. Con loro le famiglie. Al contrario, se aiutati e supportati i bambini dislessici possono compensare le proprie difficoltà e avere uno sviluppo armonioso e sereno. Lo spot, che ha già ricevuto il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso, si pone l’obiettivo di fornire gli strumenti per riconoscere precocemente i segni della dislessia, evitare l’isolamento e la perdita di autostima, e supportare precocemente i bambini dislessici e le loro famiglie. Target della comunicazione e sensibilizzazione sono i genitori e gli insegnanti inconsapevoli che trovandosi ogni giorno a stretto contatto con i bambini hanno per primi il compito di riconoscere i bambini dislessici e far sì che possano usufruire del supporto che AID offre sul territorio con le sue 93 sedi in Italia.

Il tono scelto è rassicurante. Il messaggio è semplice e basilare: i bambini dislessici possono essere riconosciuti e aiutati. AID può aiutarli in 93 sedi in Italia. L’idea creativa sviluppata ritrae dei bambini che coltivano i propri talenti e le proprie passioni: la scrittura, il disegno, la scienza. Proprio come altri personaggi celebri notoriamente dislessici: Picasso, Steve Jobs, Einstein. Spesso il riferimento ai cosiddetti “dislessici famosi” è stato utilizzato per attrarre l’attenzione sul tema della dislessia. La scelta è andata invece in una direzione diversa, probabilmente più originale: dietro ogni adulto che si realizza nella vita c’è un bambino che coltivava passioni e che segue e realizza i propri sogni. Perciò è stato scelto di rappresentare bambini, probabilmente dislessici e con difficoltà specifiche di apprendimento, nella lettura, scrittura o nel calcolo che coltivano con gioia e serenità le proprie passioni. Lasciando che il riferimento ai “dislessici famosi” sia solo un riferimento indiretto e creativo.

Lo spot è stato ideato, realizzato e diretto da LL&L/Life, Longari & Loman, partner strategico della comunicazione multimediale di AID che ha accettato di affiancare l’Associazione pro bono, anche grazie alla propria pluriennale esperienza nella comunicazione sociale e alla sua storica collaborazione con Fondazione Pubblicità Progresso in precedenti campagne sociali. La campagna sarà prossimamente declinata su radio, stampa e web e pianificata sui mezzi che accetteranno di darne visibilità gratuitamente in quanto campagna sociale con il Patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso.

articoli correlati

AZIENDE

Gli eroi di Bonelli testimonial per AIDO con Pubblicità Progresso

- # # # # # # # #

Selezionata tra le migliori del mondo, per il progetto Creative For Good del World Economic Forum, sviluppato e sostenuto in primis dall’Advertising Council Americano, la campagna per la donazione di organi e tessuti “Tu puoi dare la vita” di Pubblicità Progresso, nella sua seconda fase ha affiancato ai testimonial (da Lorenzo Sassoli de Bianchi a Claudia Gerini, da Diego della Valle a Caterina Caselli, da Irene Ferri a Luisa Todini) prestatisi nel primo flight, dei protagonisti insoliti: gli eroi dell’Editore Bonelli. Dylan Dog, Martin Mystère, Tex Willer, Nathan Never e Zagor invitano infatti i loro appassionati lettori a diventare donatori di organi. “La scelta del WEF”, commenta Alberto Contri, Presidente di Pubblicità Progresso, ‟premia il lavoro gratuito di oltre 40 tra professionisti e tecnici, tra cui i Condirettori Creativi Andrea Concato e Roberto Fiamenghi, i fotografi Chris Broadbent e Gerald Bruneau, le case di produzione Bedeschi Film, BB productions e Postatomic, Matteo Righi e tutta Banzai, Pacifico e Sugar, Giuseppe Minoia e Paolo Anselmi di GFK Eurisko, tutti i consiglieri di Pubblicità Progresso e molti altri”.

articoli correlati