MEDIA 4 GOOD

I desideri fantastici dei bambini meno fortunati nel nuovo spot di Progetto Arca e Aragorn

- # # #

progetto arca spot

Comprare un drago sputafuoco, il top player della Juventus Dybala, i superpoteri di Hulk, ma anche una fattoria, un motoscafo o un diamante. Cosa si può fare con 2 euro? Fondazione Progetto Arca l’ha chiesto a diversi bambini dai 3 ai 7 anni, e queste sono solo alcune delle fantasiose risposte.

L’idea, documentata in un breve spot girato dal regista Fabio Martina, realizzato e diffuso in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Aragorn, nasce per promuovere la nuova campagna della Fondazione con numero solidale 45543, attiva dal 14 gennaio al 3 febbraio 2018. L’obiettivo è sostenere i servizi che la onlus garantisce quotidianamente alle persone senza dimora in tutta Italia. Inviando un SMS è possibile, infatti, donare 2 euro e fare cose fantastiche non solo nell’immaginazione dei bambini ma anche nella realtà. Tanti SMS da 2 euro possono dare un pasto e un letto al caldo a chi è povero e solo. Cose semplici e insieme straordinarie, da moltiplicare per le 2.000 persone che la Fondazione accoglie ogni giorno e che nelle sue strutture trovano un riparo e un’opportunità per tornare ad immaginare e costruire il proprio futuro.

Grazie al sostegno dei suoi donatori, infatti, Progetto Arca nell’ultimo anno ha assistito 80 mila persone in difficoltà, distribuito 2 milioni di pasti e offerto 600 mila notti al riparo. Con soli 2 euro si può contribuire a realizzare tutto questo. Insomma, basta poco per tendere davvero la mano a chi non ha più niente e fare cose fantastiche, ogni giorno.

 

 

Alberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca: “Per strada, nei centri e negli appartamenti che mettiamo a disposizione i nostri operatori e volontari sono presenti ogni giorno e ogni notte per dare un aiuto concreto a chi si trova in difficoltà. Questo non significa solamente offrire un riparo dal freddo e garantire un pasto caldo, vuol dire soprattutto iniziare una relazione di fiducia con persone che vivono emarginate e che ora hanno bisogno di essere accompagnate nel loro percorso di reinserimento nella comunità”.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

“Desideri all’asta”: personaggi della musica e dell’arte insieme per Progetto Arca onlus

- # # #

Progetto Arca

Desideri all’asta” è l’iniziativa benefica iniziata il 21 novembre e attiva fino al 19 dicembre che permette di aggiudicarsi su eBay.it un oggetto speciale donato dal proprio artista preferito o un’occasione per incontrarlo. L’iniziativa è a favore di Progetto Arca onlus, da oltre 20 anni al fianco delle persone senza dimora.

Tra le proposte dell’edizione 2017, prendere un aperitivo insieme a Piero Pelù, aggiudicarsi un incontro dietro le quinte con Giovanni Allevi più 2 biglietti per il suo concerto del 9 aprile a Milano o la felpa di Fedez autografata e indossata nel video di Tutto il contrario o ancora l’album di Noemi Cuore d’artista con dedica personalizzata. E poi: andare a lezione di cucina da Roberto Valbuzzi, chef de La Prova del Cuoco, o aggiudicarsi l’agenda di redazione di Diabolik, ricca di curiosità, anticipazioni e schizzi originali dei disegnatori della Casa Editrice Astorina, con copertina illustrata da Giuseppe Palumbo. Ma anche conquistare l’illustrazione autografata Empire State Building dell’artista di fama internazionale Emiliano Ponzi, un’opera dell’illustratore Francesco Poroli o ancora una litografia a edizione limitata di Riccardo Guasco.

L’asta è organizzata in quattro lotti di premi, ciascuno disponibile per una settimana. Per partecipare è sufficiente iscriversi al sito www.ebay.it e rilanciare sul prezzo di partenza, che per tutti i lotti è di 1 euro. Tra i personaggi che hanno già aderito: Vasco Rossi, J-Ax, Ambra Angiolini, Paola Turci, Caparezza e Claudia Gerini.

Questa 17esima edizione di “Desideri all’asta” è dedicata a Fondazione Progetto Arca onlus che da oltre 20 anni porta un aiuto concreto a coloro che si trovano in stato di grave povertà ed emarginazione. Progetto Arca opera in tutta Italia e nell’ultimo anno ha assistito 80.000 persone, distribuito oltre 2 milioni di pasti e offerto più di 600.000 notti al riparo. In particolare, i fondi raccolti serviranno a sostenere l’impegno della Fondazione al fianco delle persone senza dimora durante il periodo invernale. Si tratta infatti di un momento dell’anno particolarmente critico in cui è necessario intensificare i servizi di prima assistenza e potenziare i progetti di reinserimento sociale perché solo attraverso l’inclusione è possibile immaginare un nuovo percorso di vita.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Zuppa della Bontà: Progetto Arca onlus e Eataly insieme per i senzatetto

- # # # #

zuppa della bontà

Partirà il prossimo 30 settembre e durerà per tutto il “piano freddo”, fino al 31 marzo 2018, l’alleanza tra Fondazione Progetto Arca onlus, da oltre di vent’anni a fianco delle persone più povere, e Eataly. L’obiettivo è supportare le persone senza dimora durante il periodo dell’anno in cui le temperature diventano sempre più rigide e mettono a dura prova la vita di chi vive per strada. La collaborazione nasce in occasione della zuppa della Bontà, manifestazione a favore dei senzatetto e delle persone in grave stato di indigenza che il prossimo fine settimana, sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, coinvolgerà contemporaneamente circa 70 piazze in tutta Italia.

I volontari di Progetto Arca saranno nei principali luoghi di passaggio delle città per offrire a chi le desidera, a fronte di una piccola donazione, tre gustosi tipi di zuppe di legumi e cereali secchi (minestrone alla veneta, zuppa d’orzo e minestrone alla montanara) prodotte dall’azienda Pedon. Le confezioni di zuppa della Bontà saranno disponibili anche presso Eataly, negli store di Milano, Roma e Torino, per tutto il piano freddo, fino al 31 marzo.

Quest’anno l’iniziativa può contare anche sul sostegno di foodora: le confezioni di zuppa si potranno ordinare direttamente tramite app o su www.foodora.it o acquistare in alcuni ristoranti partner selezionati a Milano, Roma e Torino.

I fondi raccolti grazie alla zuppa della Bontà sosterranno Progetto Arca nel suo quotidiano impegno a favore delle persone e delle famiglie in difficoltà. Solo nell’ultimo anno la onlus ha assistito circa 80.000 persone all’interno dei centri di accoglienza, negli appartamenti per l’integrazione e durante unità di strada, distribuendo complessivamente 2 milioni di pasti.

Sabato 30 settembre a Milano, in particolare, proprio vicino a Eataly Smeraldo, in una cucina a cielo aperto allestita in piazza XXV Aprile, dalle 10.30 si sfideranno i finalisti del Contest della Bontà, concorso di cucina organizzato da Progetto Arca per festeggiare questa terza edizione della manifestazione. Le ricette migliori, rigorosamente a base di legumi e cereali, sono state selezionate da Roberto Valbuzzi, chef de La Prova del Cuoco e ambasciatore della zuppa della Bontà. I cuochi finalisti cucineranno il proprio piatto in piazza insieme a una squadra di amici e familiari con l’aiuto di Valbuzzi.

A decretare il vincitore sarà il pubblico, che degusterà le zuppe e sceglierà a chi assegnare il proprio voto con un sistema di gettoni blu e rossi distribuiti dai volontari di Progetto Arca. In palio per la prima squadra classificata una cena degustazione per tre persone presso il Ristorante di Roberto Valbuzzi Crotto Valtellina. Per la seconda un incontro degustazione e due LAB Experience presso Eataly.

 

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Diventa virale l’iniziativa #mettoilcappello di Progetto Arca

- # #

#mettoilcappello di Progetto Arca

L’onlus Progetto Arca ha lanciato sui canali social l’iniziativa #mettoilcappello: si tratta di  un vero e proprio invito a tutti gli utenti della rete a postare una foto o un minivideo, indossando un cappello di lana e recitando la call to action con il numero solidale e il suo obiettivo. Una strada innovativa per dare visibilità alla classica raccolta fondi con numero solidale.

#mettoilcappello (8 – 29 gennaio), ha coinvolto tre canali social: Facebook, dove si è registrata la maggiore partecipazione da parte degli utenti, Twitter e Instagram. Complessivamente la campagna ha prodotto oltre 11.500 interazioni e sfiorato le 185.000 visualizzazioni video.

Tra i partecipanti all’iniziativa, infatti, sono stati coinvolti numerosi personaggi del mondo dello spettacolo, influencer e blogger della rete che hanno risposto all’appello con entusiasmo e simpatia, invitando a loro volta altri utenti ad aderire, innescando così un meccanismo virale, di cui la campagna di Progetto Arca ha beneficiato in termini di visibilità.

“Sentirsi migliori fa bene, e aiutare gli altri è un ottimo modo per sentirsi migliori. Anche io #mettoilcappello e sostengo Fondazione Progetto Arca Onlus” è il messaggio del comico e conduttore tv Paolo Ruffini, che ha totalizzato 32.000 visualizzazioni con il suo video su Facebook.

Tra i sostenitori noti c’è anche il gruppo a cappella più famoso d’Italia, i Neri per Caso, con 10.000 visualizzazioni su Facebook e il calciatore Marco Di Vaio, con 4.500 su Instagram.

“Immaginate cosa significhi vivere per terra, in mezzo a una strada, soli e soprattutto con questo freddo. I ragazzi della Fondazione Progetto Arca Onlus di Milano sono davvero in gamba. Stanno facendo una bellissima campagna per aiutare i senzatetto. Per aiutarli anche voi, fate una donazione di due euro mandando un sms vuoto al numero 45529. Li conosco bene. Sono soldi ben spesi! #mettoilcappello” l’autore televisivo e giornalista Pablo Trincia commenta così la sua foto con il cappello postata su Facebook.

“Grazie per aver detto insieme a noi #mettoilcappello a sostegno delle persone senza dimora. Questo è un primo passo per rendere virale non solo un video ma anche un aiuto concreto”, ha commentato il presidente di Progetto Arca, Alberto Sinigallia.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Progetto Arca sostiene i senza tetto con il primo video a 360 gradi prodotto da Bedeschifilm

- # # #

video per progetto Arca

È stato realizzato il primo video a 360 gradi di comunicazione sociale una storia che mostra l’attività compiuta dalla Onlus Progetto Arca a favore dei senza fissa dimora di Milano e di molte altre città italiane. Il video è stato realizzato dalla casa di produzione del regista e produttore Giovanni Bedeschi.

I volontari di Progetto Arca assistono ogni giorno persone con problematiche di dipendenza, famiglie e adulti indigenti, anziani in difficoltà, profughi e richiedenti asilo con un obiettivo ben preciso, aiutare ogni persona a raggiungere l’autonomia. In questo periodo, caratterizzato da temperature rigide, la loro azione è decisiva.

 

I video realizzato da Bedeschifilm offre uno spaccato di questa realtà attraverso una storia concreta che permette all’utente di muoversi con il mouse in tutte le direzioni durante la visualizzazione con la possibilità di vedere ogni lato della ripresa, come se fosse lì in prima persona. Nel filmato si vedono alcune fasi fondamentali dell’assistenza offerta dalla Fondazione, dal primo soccorso in strada, alla mensa fino al dormitorio di via Mambretti a Milano, nel quale i senza fissa dimora possono trovare un  letto pulito, doccia calda, servizio gratuito di lavatrice, cena e prima colazione. E anche uno sportello di ascolto aperto ad assecondare il desiderio di cambiamento di ogni persona. La storia protagonista di questo video è quella di Mauro, un attore diventato ospite del centro, che si è messo in gioco per riuscire a trasmettere agli spettatori tutte le emozioni di questo complicato percorso di vita.

Da anni attenta al mondo del volontariato e coinvolta in prima fila nella comunicazione sociale, Bedeschifilm ha già collaborato con Progetto Arca in occasione delle riprese del lungometraggio sui clochard di Milano, Pane dal cielo, con la regia di Giovanni Bedeschi e a cui la casa di produzione sta lavorando per portare la pellicola nelle principali sale d’essai italiane.

Il video per Progetto Arca è stato girato e prodotto dal gruppo di lavoro interno guidato da Giovanni Bedeschi, formato da giovani registi.

Il video 3D è inoltre visibile da metà gennaio presso alcuni stand, situati in numerose piazze di Milano e altre città italiane come Torino, Roma, Bologna  che Progetto Arca allestisce durante l’anno con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sulle attività e sugli aiuti che si possono dare alle persone meno fortunate.

Una delle campagne di sensibilizzazione e raccolta fondi attiva in questo momento recita “un pasto caldo e un letto: una vita può ricominciare così”: fino al 29 gennaio, infatti, inviando un sms o chiamando da rete fissa il numero solidale 45529, si possono donare 2 o 5 euro per offrire pasti, notti al riparo, ma anche supporto e integrazione alle persone senza dimora di cui Progetto Arca si prende cura ogni giorno.

Credits:
Regia: Andalib Amir, Claudio Gallinella
Montaggio: Tommaso Bedeschi
Aiuto regia: Giacomo Tabone

articoli correlati