MEDIA

Online il nuovo ebook di MailUp “Tecniche e strategie di profilazione”

- # # #

mailup

MailUp lancia Tecniche e strategie di profilazione, l’ebook dedicato alle operazioni di profilazione per l’Email Marketing: una guida per comprendere come raccogliere i dati, personalizzare le email in base al singolo destinatario e ottimizzare il ROI del canale.

Partendo dal presupposto per cui è la rilevanza, oggi, il principale fattore di successo per una campagna, l’ebook si inoltra tra strategie e funzioni che consentono di recapitare email in linea con interessi, abitudini, esigenze e caratteristiche del singolo utente. Un percorso per apprendere come creare comunicazioni personalizzate che, secondo uno studio di Marketing Land, hanno tassi di conversione sei volte più alti e tassi di clic unici superiori del 41% rispetto ai messaggi non personalizzati.

Tra tecniche e strumenti, l’ebook prende le mosse dalle operazioni di raccolta dei dati, utili a costruire il profilo di ciascun destinatario; dopo un capitolo dedicato alla segmentazione degli invii tramite i filtri, l’ebook si inoltra tra le funzioni di personalizzazione – campi, immagini e contenuti dinamici –, per poi esplorare il mondo della Marketing Automation, in grado di combinare rilevanza e tempestività di recapito. In chiusura, un’appendice dedicata al GDPR, per comprendere come il nuovo Regolamento sulla protezione dei dati personali – pienamente operativo dal 25 maggio 2018 – impatta sulla profilazione.

L’ebook Tecniche e strategie di profilazione è gratuito; per scaricarlo è sufficiente compilare il form all’indirizzo dedicato.

Stefano Branduardi​, Marketing Director di MailUp, commenta: “Fare Email Marketing è sempre più una questione di qualità, e non di quantità. La pratica di lanciare campagne massive, indistinte, con contenuti unici per tutti i destinatari, è ormai al tramonto. L’approccio inverso, rilevante e one to one, passa per la profilazione, l’attività in grado di convertire i dati in messaggi calibrati sul singolo destinatario. Con questo nuovo ebook vogliamo accompagnare i brand in un territorio che è meno arduo di quanto si pensi, perché a farsi carico di gran parte delle operazioni è la tecnologia. Quello che i marketer devono maturare è dimestichezza in tecniche e strumenti che agiscono in una doppia direzione: quella preliminare della raccolta dei dati e quella conseguente della creazione delle campagne”.

articoli correlati

COMMERCE

Big data, app e profilazione i temi caldi emersi all’evento Bou-tek di Milano sul “Connected retail”

- # # # # # # # # # #

Si è tenuto ieri sera a Milano, in via Gonzaga, l’evento che ha presentato al pubblico gli spazi di Bou-tek, marchio del Gruppo Mauden, e che ha coinvolto i partecipanti in un’interessante dibattito sulla profilazione degli utenti e sulle nuove tecnologie.

Big Data, App, sistemi di sensori e interazioni con i social network oggi consentono di estrarre informazioni, profilare utenti, monitorare comportamenti, offrire comunicazioni personalizzate e tarate sulle esigenze dei consumatori. In ultima analisi, permettono di influenzare i comportamenti d’acquisto migliorando la shopping experience. Due quindi le esigenze che hanno spinto Mauden SpA a farsi promotrice dell’evento odierno: da un lato, grazie al momento di confronto offerto dalla tavola rotonda, fare il punto sul grado di evoluzione tecnologica del retail in Italia e delle nuove opportunità di promozione e relazione offerte al comporto dalle più recenti soluzioni digitali; dall’altro, raccontare filosofia e offerta di Bou-tek: un progetto concepito in ambito aziendale proprio per rispondere in maniera propositiva e innovativa all’incalzante mutamento di scenario e linguaggi del marketing

Bou-tek è un marchio del Gruppo Mauden e rappresenta un articolato progetto B2B2C con cui Mauden Spa (affermato system integrator informatico presente da quasi 30 anni nel mercato ICT italiano) si propone come il partner tecnologico e consulenziale ideale per traghettare nel futuro le aziende che desiderano fare del digitale una nuova leva di crescita per il retail, per la comunicazione commerciale e, in senso più ampio, per la condivisione di informazioni ed esperienze. In tale progetto si distinguono due anime: Bou-tek Space, il primo showroom digitale aperto al pubblico, inaugurato lo scorso gennaio nel centro di Milano, nel quale le aziende clienti hanno l’opportunità di dar vita a shopping experiences digitali innovative e immersive e testare nuovi format promozionali; e Bou-tek4You, cioè un’ampia offerta consulenziale e progettuale che indirizza l’innovazione digitale “a casa” del cliente – nei suoi negozi, nei suoi uffici, nelle diverse filiali della sua attività.

articoli correlati

MEDIA

Negli USA gli utenti Facebook possono gestire da soli la visualizzazione della pubblicità

- # # # # #

Facebook annuncia oggi alcuni miglioramenti nella gestione della pubblicità online, selezionabile dai singoli utenti in base ai propri reali interessi, garantendo al contempo di livelli superiori di controllo e trasparenza delle informazioni condivise in rete. per il momento questi cambiamenti riguardano solamente gli Stati Uniti, anche se l’obiettivo è quello di un lancio globale nei prossimi mesi. Le novità riguardano il ricorso alla pubblicità basata sugli interessi (Interest-Based advertising) e lo strumento Ad Preferences, che permettono rispettivamente di ricevere pubblicità più rilevanti in base ai propri interessi e di controllare e gestire in modo ancora più informato e consapevole i criteri che determinano la visualizzazione di uno specifico annuncio. Cliccando su qualsiasi annuncio pubblicitario su Facebook, infatti, si può vedere perché sia stato visualizzato, oltre a consultare le categorie di interessi associate al proprio profilo, aggiungerne di nuove o rimuoverne altre con lo scopo di vedere gli annunci che realmente sono di interesse

La seconda novità consiste nell’utilizzo di informazioni relative alle visite ai siti web, ai like alle pagine e all’utilizzo di applicazioni mobili per mostrare annunci pubblicitari profilati. Da oggi Facebook inizierà a informare le persone che utilizzano il social network negli Stati Uniti sulla raccolta di questo tipo di informazioni e su come queste consentiranno di mostrare loro annunci più rilevanti. Nello sviluppare questo strumento Facebook ha posto come sempre la tutela della privacy al primo posto. Innanzitutto sarà possibile disattivare totalmente questo tipo di pubblicità utilizzando lo strumento messo a disposizione dalla Digital Advertising Alliance, il cosiddetto “opt-out tool“, o utilizzando gli strumenti forniti attraverso il proprio device Android o iOS. Le persone che invece decideranno di consentire la pubblicità basata sugli interessi potranno verificare e gestire le categorie di interessi associate al loro profilo attraverso lo strumento di pubblicità Ad Preferences.

Cliccando sull’angolo in altro a destra di ogni annuncio sarà possibile scoprire la propria appartenenza a una categoria di interesse sulla base di tre tipologie di informazioni – demografica, geografica e interessi – e si potrà stabilire cosa continuare a vedere all’interno del proprio Diario, rimuovendo categorie di interesse e i corrispondenti annunci in caso non siano rilevanti.

articoli correlati

NUMBER

Nielsen Online Campaign Ratings approda in Italia

- # # # # # # # #

Nielsen, azienda leader globale nelle misurazioni e analisi relative ad acquisti e consumi, a utilizzo e modalità di esposizione ai media, ha presentato oggi nell’ambito de Linkontro, Nielsen Online Campaign Ratings (OCR), la soluzione che consente di misurare l’efficacia della pubblicità online con le stesse metriche utilizzate per le campagne TV, rendendo così sempre più efficienti la comunicazione e gli strumenti di marketing.

Lanciato lo scorso anno negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, Nielsen Online Campaign Ratings arriva in Italia in un momento in cui internet è l’unico mezzo che ha chiuso il primo trimestre del 2013 con segno positivo in termini di investimenti pubblicitari (+2,1%) e dopo una fase di test che ha misurato 11 campagne di brand di settori quali l’automotive, i servizi bancari, i prodotti di bellezza. Grazie a Nielsen Online Campaign Ratings, chi investe in pubblicità su internet è ora in grado di ottenere informazioni fondamentali – copertura, frequenza, gross rating point (GRP), nonché dati demografici quali età e sesso dell’audience – e osservare giorno per giorno l’evolversi delle performance della campagna.

“Nielsen Online Campaign Ratings offre una straordinaria opportunità sia a chi investe, sia a chi raccoglie pubblicità online”, ha dichiarato Luca Bordin, General Manager Media Sales & Solutions Nielsen Italia. “In maniera semplice e con un alto livello di affidabilità, gli inserzionisti e i centri media sono in grado di analizzare i dati in tempo reale per incrementare l’efficacia della campagna, mentre gli editori hanno la possibilità di garantire la qualità della propria offerta e meglio valorizzare così il proprio bacino pubblicitario. I test effettuati sul mercato inglese e su quello americano hanno rilevato che il tasso di dispersione degli investimenti di marketing nel digitale è molto elevato e hanno confermato l’utilità di questa soluzione che ottimizza gli investimenti, misurando se e come il messaggio pubblicitario ha raggiunto il proprio target”.

Nielsen Online Campaign Ratings utilizza un processo esclusivo in grado di incrociare i dati dei panel tradizionali con informazioni demografiche fornite, in forma anonima e aggregata, da data provider qualificati, fra i quali Facebook. Nella creatività online viene inserito un tag, gestito direttamente da Nielsen, che permette di capire se un contenuto è stato effettivamente scaricato da un browser di navigazione (e di conseguenza visto da un utente) e di effettuare la rilevazione censuaria delle impression della campagna. Questi dati vengono integrati con quelli dei data provider e dei panel Nielsen; un sistema di calibrazione combina le informazioni provenienti dalle diverse fonti e genera un’accurata misurazione dell’audience effettivamente esposta alla campagna. I risultati con le relative informazioni demografiche, quotidianamente aggiornati e accessibili attraverso un’interfaccia online, rendono possibile intervenire a campagna in corso per ottimizzare il raggiungimento degli obiettivi. La profilazione dell’audience è molto precisa, grazie alla collaborazione globale con Facebook, che in Italia ha circa 23 milioni di utenti; l’ampiezza di tale panel rende possibile il monitoraggio puntuale di campagne di qualsiasi tipologia o dimensione, in termini di impression e di durata, mentre le metriche rilevate (copertura, frequenza, GRP) sono direttamente comparabili con quelle degli altri mezzi.

Fra i vantaggi offerti da Nielsen Online Campaign Ratings vi è la possibilità di valutare il contributo di ogni sito ai risultati della campagna e di intervenire tempestivamente per modificare in corso d’opera la pianificazione, come dimostra un esempio dagli Stati Uniti: nella campagna di un brand di beauty care diretta alle donne fra i 18 e i 34 anni, Nielsen Online Campaign Ratings ha evidenziato che solo il 33% delle impression aveva raggiunto il target desiderato, mentre il 40% dei contatti era costituito da un pubblico maschile, e la pianificazione è stata rimodulata in tempo reale.

“In controtendenza con gli investimenti pubblicitari sui principali media, quelli su internet continuano a crescere: nel primo trimestre 2013 la quota degli investimenti sull’online in Italia rappresenta il 16,4% del totale ed è destinata ad aumentare, a testimonianza delle elevate potenzialità di sviluppo dell’online advertising”, ha dichiarato Roberto Pedretti, Amministratore Delegato Nielsen Italia (nella foto). “Le esperienze del mercato statunitense e di quello inglese, dove Nielsen Online Campaign Ratings è presente già da un anno, dimostrano che questo strumento ha accresciuto la consapevolezza degli investitori sul raggiungimento del proprio target nelle campagne online, e confermano il ruolo strategico e il valore aggiunto che Nielsen offre ai propri clienti nei processi decisionali”.

articoli correlati