BRAND STRATEGY

MEC Wavemaker lancia House of Cards 5 durante le Elezioni Amministrative 2017

- # # # # # # #

house of cards

House of Cards torna su Now TV con la quinta, attesissima stagione: il carismatico Presidente degli Stati Uniti Frank Underwood deve consolidare il proprio potere e confermare il mandato alla Casa Bianca. Questa volta non può contare solo sugli intrighi, ma deve passare dalle elezioni. Essendo tempo di voto anche in Italia, MEC Wavemaker – agenzia social di Now TV – ha legato la strategia creativa del lancio di House of Cards 5 proprio alle Amministrative 2017. Le elezioni, che hanno coinvolto molte città italiane, sono diventate il perfetto palcoscenico attraverso il quale stimolare il passaparola intorno alla serie e a Now TV, sia sul fronte digitale ma anche offline.

Per tutto il periodo precedente al lancio della nuova stagione, sui social di Now TV, Underwood si è sovrapposto al reale leader degli Stati Uniti. Durante i giorni della visita di stato di Trump, un inedito Now TG ha seguito live, con post, gif e video prodotti in real-time, il viaggio in Italia di quello che per i fan di Now TV è l’unico e vero Presidente USA: dall’arrivo di Frank a Fiumicino, alla porchetta servita al posto delle sue amate costolette. La campagna elettorale è poi entrata nel vivo: alla vigilia delle elezioni i cittadini di Genova e Monza hanno trovato il volto di Underwood tra quello dei veri candidati della loro città. Le affissioni, che propongono il sorriso beffardo di Frank accompagnato non da promesse elettorali, ma dalle sue citazioni più ciniche, sono state ideate in una campagna multisoggetto declinata nei diversi colori POP del brand Now TV.

E non solo poster: i cittadini di Genova e Monza sono stati anche coinvolti nelle strade del centro dal comitato di Frank attraverso la distribuzione di volantini e soprattutto, nella più tipica tradizione italiana, di santini elettorali dedicati al celebre candidato, ai suoi scagnozzi e – per par condicio – anche ai suoi avversari. La guerrilla elettorale, che ha coinvolto anche Milano, ha generato un notevole buzz trasferendosi dal digital al territorio e, subito dopo, trasformando l’operazione on field in una vera e propria attività di social amplification, grazie all’utilizzo degli hashtag #NowTv e #HouseOfCards5.

 

Credits
Content & Innovation Director: Alessandro Pastore
Content Strategy Leader: Giada Divisato
Content and Social Media Manager: Valeria Sesia
Content Editor: Stefano Panini
Art Director: Silvia Giacomazzi e Ann Jennifer Tiamzon
Cliente: NOW TV

articoli correlati

AZIENDE

Andrea Boni è il nuovo presidente di ANES, l’Associazione degli Editori di Settore

- # # #

Andrea Boni è il nuovo presidente di ANES

Andrea Boni è il nuovo Presidente scelto dall’Assemblea Generale dei soci ANES. Il CEO di Editrice Industriale, classe 1969, editore di seconda generazione, ha ricoperto la carica di Membro di Giunta dal 2014, di Consigliere dal 2015 e siede nel Consiglio del Gruppo Media, Comunicazione e Spettacolo di Assolombarda dal 2012.
Durante il discorso di insediamento, Andrea Boni ha ringraziato il Presidente uscente, Antonio Greco, per l’eccellente lavoro svolto e si è detto onorato della fiducia e dell’apprezzamento ricevuti dai soci e consapevole di assumere la guida dell’Associazione in un momento ancora molto delicato per l’intero comparto editoriale.

“Noi editori di settore siamo un asset fondamentale dell’Italia sono i nostri articoli a creare i trend topics nelle nostre filiere, la nostra capacità di relazionarci con le categorie di riferimento garantisce la qualità dei nostri prodotti editoriali, e questo i nostri investitori lo sanno”, ha dichiarato Boni.

Il neo Presidente ha presentato il suo programma di lavoro per il triennio 2017-2019 che vede al primo posto l’ambizioso obiettivo di affermare il marchio ANES quale segno distintivo di qualità nella nuova arena competitiva in cui l’editore di oggi opera, attraverso la valorizzazione degli importanti asset che già oggi ANES possiede. Grande attenzione sarà dedicata all’espansione della rappresentatività dell’Associazione e alla visibilità delle aziende e dei prodotti associati, ma anche allo sviluppo di nuovi servizi, momenti di coinvolgimento e opportunità di networking a favore degli Editori che di ANES fanno parte.

Affiancheranno Andrea Boni nella guida di ANES i Vice Presidenti Marcello Miradoli di Wolters Kluver Italia (già Presidente della sezione ANES Digital), Ivo Alfonso Nardella di Tecniche Nuove, Claudio Rossi di Faenza Group, oltre al Past President Antonio Greco.
L’Assemblea è proseguita in seduta pubblica con la presentazione dei risultati della survey che ANES ha condotto in collaborazione con Pepe Research per sondare la percezione del mercato dei prospect rispetto alla propria offerta di servizi ma anche alle aspettative degli editori in un’associazione ideale; un’interessante analisi che ha fatto emergere, tra l’altro, l’elevato grado di notorietà di ANES, che si posiziona tra le associazioni più conosciute nel settore editoria-comunicazione.

La parte conclusiva del pomeriggio ha invece dato spazio alla puntuale analisi associativa annuale sui trend del digitale nell’Editoria di Settore, con la presentazione dell’Osservatorio 2017 ANES Digital Outlook; ulteriormente arricchita di approfondimenti, l’indagine – illustrata da Paolo Cionti (Edisport Editoriale), Coordinatore del Centro Studi ANES e da Marcello Miradoli (Wolters Kluver Italia), in veste di Presidente di ANES Digital – ha messo in evidenza le tendenze emergenti degli Editori di Settore nella scelta degli strumenti digitali per fare business.

Traendo origine dal patrimonio di informazioni e dati raccolti dall’Osservatorio, l’Associazione ha inoltre annunciato in anteprima la nascita di un nuovo servizio per i propri Soci: si tratta di uno strumento di assessment personalizzato in grado di rilevare il posizionamento di un’azienda editoriale confrontato con la media dei soci ANES e con il “best in class” per le seguenti aree: “offerta editoriale”, “adozione tecnologica” e “capacità di monetizzazione”.
I contenuti dell’Osservatorio 2017 ANES Digital Outlook sono disponibili al pubblico su www.anes.it e www.anesdigital.it.

articoli correlati

AZIENDE

Pier Luigi Celli è il nuovo Presidente di Sensemakers

- # # # # #

sensemakers

Pier Luigi Celli è il nuovo Presidente di Sensemakers, realtà che rappresenta in esclusiva per l’Italia comScore, azienda leader nella misurazione cross-piattaforma dell’audience e della pubblicità, in grado di combinare informazioni provenienti da digitale, TV e film con ampi dettagli demografici in grado di quantificare il comportamento “multiscreen” dei consumatori su vasta scala.
“Siamo molto felici di annunciare la nomina di Pier Luigi Celli” dichiara Fabrizio Angelini, CEO di Sensemakers “Una figura di riferimento con uno straordinario bagaglio di competenze e esperienza nel mondo dei media. Il supporto di Pier Luigi sarà fondamentale per interpretare correttamente i radicali cambiamenti in atto nel settore”.
Celli, classe 1942 e laureato in Sociologia all’Università di Trento, ha iniziato a maturare esperienza di alta direzione in grandi gruppi quali Eni, Rai, Omnitel, Olivetti ed Enel.
Il comprovato successo nella gestione di grandi strutture con business complessi e diversificati lo hanno riportato in Rai nel 1998 come Direttore Generale.
Ha ricoperto ruoli fondamentali nella fase di start up per le compagnie di telefonia mobile Wind e Omnitel – a inizio anni 2000 – e lavorato ad Unicredito Italiano (oggi Unicredit) come Responsabile della Direzione Corporate Identity. In seguito è passato nel 2005 all’Università LUISS Guido Carli come Direttore Generale.
Nel 2013 è stato nominato Senior Advisor Corporate Identity – Comunicazione e Relazioni Istituzionali di Unipol. Nel 2014 ha lavorato come Senior Advisor dell’Amministratore Delegato in Poste Italiane.
“È evidente a tutti che il sistema dei media stia evolvendo con un tasso di innovazione e trasformazione tecnologica mai sperimentato prima”, dichiara Pier Luigi Celli- “Credo sia fondamentale gestire la crescente complessità armonizzando i principi fondamentali della comunicazione con le evoluzioni organizzative e manageriali. Assumo il nuovo incarico con grande interesse: i media sono un settore di vitale importanza per il Paese e la progressiva integrazione tra i mezzi di comunicazione all’interno della società deve essere osservato e misurato. L’impegno di un operatore leader come comScore al lavoro con Sensemakers aumenterà il grado di efficienza dell’ecosistema in generale”.
“Siamo davvero lieti che Pier Luigi sia stato nominato Presidente di Sensemakers con cui comScore mantiene una collaborazione solidissima e ormai pluriennale” , conclude Gian Fulgoni, CEO di comScore. “La grande esperienza nei media e la sua profonda conoscenza delle dinamiche economiche e sociali del Paese ci aiuteranno a sviluppare la presenza di comScore in Italia, uno dei nostri mercati chiave strategici a livello globale”.

articoli correlati

AGENZIE

Audimovie: Gian Nicola Vessia riconfermato Presidente

- # # #

audimovie

Si è tenuta l’Assemblea dei soci di Audimovie srl, società specializzata nella rilevazione delle presenze nelle sale cinematografiche italiane. All’Ordine del Giorno l’approvazione del bilancio 2015 e il rinnovo del Consiglio di Amministrazione, in scadenza di mandato. Gian Nicola Vessia, giunto al secondo mandato, è stato confermato Presidente.
L’Assemblea di Audimovie ha anche ratificato l’ingresso nel Consiglio di Amministrazione di quattro nuovi consiglieri: Federico Bagnoli Rossi (Anem), Stefano Del Frate (AssoCom), Massimiliano Langs (Rai Pubblicità), Massimo Martellini (Presidente FCP).
Il CdA per il triennio 2016/2018 risulta quindi così composto: Presidente, Gian Nicola Vessia; Consiglieri: Claudio Noziglia; ANEM, ANEC, ACEC: Federico Bagnoli Rossi, Walter Vacchino; AssAP Servizi: Eugenio Bona, Stefano Del Frate; FCP: Massimiliano Langs, Massimo Martellini, Fabrizio Menichella, Vittorio Perina, Fabio Poli; Unicom: Luciano Tolomei; UPA: Alberto Coperchini, Giovanna Maggioni, Raffaele Pastore.

articoli correlati

MEDIA

Audipress: Costa riconfermato presidente all’unanimità

- # # #

audipress

L’Assemblea dei soci di Audipress Srl, riunitasi oggi, ha riconfermato all’unanimità Maurizio Costa (nella foto) nell’incarico di Presidente della Società, nominando anche il Consiglio di Amministrazione per il biennio 2016/2017.

Audipress è l’indagine ufficiale di riferimento per la lettura della stampa quotidiana e periodica in Italia. Fornisce i dati di lettura dei quotidiani, dei supplementi di quotidiani, dei settimanali e dei mensili, oltre alle informazioni socio-demografiche dei lettori, per 125 testate attualmente in rilevazione. Dal 2014 l’indagine rileva la lettura complessiva delle testate nelle diverse versioni, carta e/o digitale.

Oltre che dal presidente Costa, il nuovo CdA è quindi composto dai seguenti consiglieri:

FIEG
Marco Arduini
Alessandro Bompieri
Francesco Dini
Uberto Fornara
Massimo Ghedini
Carlo Mandelli
Pierluigi Masini
Davide Mondo
Ivan Ranza
Maurizio Scanavino
Luigi Vanetti
Raimondo Zanaboni

UPA
Valerio Di Natale
Leonardo Lambertini
Giuseppe Lavazza
Giovanna Maggioni
Carlo Motto
Raffaele Pastore
Carlotta Ventura

ASSAP
Eugenio Bona
Stefano Del Frate
Sandra Grifoni
Graziana Pasqualotta

nell’incarico di 
Gianluca Bovoli
Federico Rossi

 

articoli correlati

AGENZIE

Muraglia eletto presidente Audiweb

- # # # #

marco muraglia audiweb

L’Assemblea di Audiweb, riunitasi stamattina, ha eletto all’unanimità Marco Muraglia (nella foto) nuovo Presidente. Confermato fino al prossimo aprile, come da statuto, il CdA.

Attuale Presidente di Starcom Mediavest Group Italia (Gruppo Publicis), Muraglia vanta una lunga esperienza nel settore della comunicazione e una profonda conoscenza dei mezzi digitali che, sempre più, influenzano le abitudini dei consumatori e i trend del mercato.

“Sono molto felice per questo nuovo incarico e lieto di potermi mettere a disposizione nel dare continuità e slancio al grande progetto di Audiweb. Affronterò con massima dedizione gli impegni e il lavoro da svolgere, occupandomi fin da subito di tutti i progetti e le attività aperte”, ha dichiarato dichiara neo-Presidente all’atto dell’assunzione dell’incarico, succedendo a Enrico Gasperini, in carica dal 2007 fino alla sua recente scomparsa, che ha contribuito con passione alla fondazione e all’affermazione del sistema di rilevazione di Audiweb e, quindi, alla valorizzazione del comparto digitale.

Sotto la Presidenza di Muraglia, il Consiglio di Amministrazione, definirà le linee guida strategiche che garantiranno lo sviluppo ulteriore della società, dando seguito al progetto Audiweb 2.0 lanciato da Gasperini.

articoli correlati

AZIENDE

Ignazio Paternò nuovo Presidente di Lidl Italia: un cambiamento nel segno della continuità

- # # #

Lidl Italia, multinazionale leader nella grande distribuzione organizzata da 23 anni presente nel nostro paese, ha nominato Ignazio Paternò come nuovo Presidente, in sostituzione di Daniel Marasch, che – dopo i significativi risultati conseguiti negli ultimi cinque anni – andrà a ricoprire la carica di Presidente di Lidl Germania.

Ignazio Paternò fino ad oggi ha ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato Acquisti di Lidl Italia. Negli ultimi anni ha lavorato al rinnovamento dell’intero assortimento dell’Insegna in Italia, dando una forte impronta votata all’italianità e alla regionalità dei prodotti, contribuendo in modo significativo al successo della catena e al suo costante sviluppo sul territorio italiano. Tale rinnovamento ha fornito inoltre una forte spinta all’esportazione del “Made in Italy” nei 26 Paesi europei in cui il Gruppo Lidl opera.

Ignazio Paternò, 35 anni, da 11 anni in Azienda, è il primo Presidente italiano dell’Insegna.

articoli correlati

AGENZIE

Cambio al vertice di Y&R Italia: Gitto presidente e Maggini AD

- # # # # # # #

Young & Rubicam Italia, società del Gruppo WPP, ha annunciato oggi la nomina di Vicky Gitto a Presidente e di Simona Maggini ad Amministratore Delegato.

La loro nomina premia una carriera che negli ultimi anni si è sviluppata all’interno della società e testimonia la qualità del lavoro svolto: infatti Gitto e Maggini erano rispettivamente EVP – Chief Creative Officer (carica che mantiene) e Direttore Generale.

Y&R è una delle più importanti società di comunicazione italiane: ha uffici a Milano e Roma, vi lavorano 160 persone, serve aziende leader a livello locale e internazionale nei più diversi settori, dal food & beverage alle TLC, dal retail ai servizi.

Numerosi gli attestati del valore riconosciuti al lavoro dei nuovi vertici di Y&R negli ultimi anni: tra questi è significativa la prima posizione nel ranking del new business 2014, a pari merito con un’altra struttura, secondo una ricerca svolta da TBS Italy.

Gitto e Maggini sono anche stati i fautori della crescita all’interno di Y&R di VML, business unit di comunicazione digitale, che negli ultimi due anni, sotto la loro guida, ha raddoppiato le proprie dimensioni.

Entrambi hanno anche esperienze internazionali nel network Y&R: Gitto fa parte del Global Creative Board di Y&R, mentre Maggini ha lavorato in Russia e Austria, coordinando le attività di team internazionali.

articoli correlati

AGENZIE

Sassoli de Bianchi riconfermato presidente UPA. “Nel 2015 mercato crescerà dell’1-2%”

- # # #

Il Consiglio Direttivo dell’UPA (Unione Pubblicitari Associati), recentemente eletto, ha riconfermato all’unanimità Lorenzo Sassoli de Bianchi quale Presidente dell’Associazione per il triennio 2015-2017.

“Stiamo uscendo dalla crisi”, ha dichiarato il Presidente dell’UPA, a margine del Consiglio direttivo che ha decretato la sua nomina, “i primi segnali vengono proprio dalla pubblicità: stimiamo infatti che quest’anno finalmente tornerà a crescere di uno o due punti. Il 2015 sarà dunque l’anno di svolta e l’UPA accompagnerà questa ripresa come istituzione di riferimento nel sistema della comunicazione. L’UPA è in buona salute, tanto che negli ultimi anni si sono associate oltre 60 imprese che hanno riconosciuto l’associazione come il riferimento fondamentale per operare in uno scenario di radicali cambiamenti”.

Il Presidente, come primo atto, ha lanciato la prossima Assemblea pubblica con il titolo “Prepararsi allo stupore”, che si terrà il 1 luglio, alle 14:30, a Milano presso il Teatro Strehler.

articoli correlati

AGENZIE

Greco confermato presidente Anes: “Siamo alla svolta. Ripenderà anche la carta”.

- # # # #

Nel corso dell’assemblea annuale di Anes, tenutasi ieri pomeriggio a Milano, sono stati riconfermati per il nuovo biennio (fino al marzo 2017) gli attuali vertici dell’associazione: il presidente Antonio Greco, CEO di Fiera Milano Media, e i vicepresidenti Ivo Alfonso Nardella di Tecniche Nuove e Roberto Pissimiglia di Edizioni Esav. Il nome di Greco è emerso praticamente all’unanimità al termine di una consultazione effettuata tra 38 associati, past president e attuali vicepresidenti. Prima di esporre il proprio programma il presidente ha brevemente spiegato perché, contrariamente a quanto annunciato all’atto dell’insediamento, ha accettato il secondo mandato: “Due anni, la decisione di non ripresentare la propria candidatura dell’allora presidente Alessandro Cederle aveva trovato Anes nel messo di un difficle passaggio. La mia accettazione dell’incarico, all’epoca, era stata fatta soprattutto per spirito di servizio. Questa volta, invece, prevale la volontà di continuare lungo un costruttivo percorso di rilancio e di coinvolgimento degli operatori del settore”.

Dopo aver indicato i macro obiettivi del biennio, tra i quali spiccano le definizione dei nuovi modelli di business basati su servizi e performance, la formazione continua e l’elaborazione di un sistema di certificazione unitario carta+web, Greco ha espresso un moderato ma convinto ottimismo: “Siamo a un punto di svolta. Nei prossimi anni le stime dicono che , in parallelo con i ricavi dal digitale, anche quelli dalla carta torneranno a crescere”. In questo concordando con l’affermazione di Chris Llewellyn, presidente e CEO della FIPP: “Print is dead will be dead”, presto sarà “morta” non la carta, ma l’affermazione che lo sia.

articoli correlati

AGENZIE

Franco Turcati eletto Presidente AICI per il biennio 2014-2016

- # # #

Eletto presidente di AICI –Albo delle Imprese di Comunicazione Indipendenti per il biennio 2014-2016,  Franco Turcati (nella foto) preannuncia un programma intenso e serrato, finalizzato ad aprire l’AICI ai giovani facendoli diventare interlocutori privilegiati per formarli alla professione, trasmettendo loro la cultura storica della comunicazione,proiettata per propria natura nel futuro. Tale obiettivo avrà l’apporto di altri membri del consiglio direttivo (i cui membri sono stati riconfermati all’unanimità) che già svolgono attività di insegnamento pratico, con l’istituzione di corsi appositi promossi da AICI.
Altro punto programmatico è quello di coinvolgere in AICI i manager che si occupano in azienda di comunicazione per trovare con loro una simbiosi che possa fondere le reciproche capacità e professionalità trovando soluzioni creative che corrispondano alle esigenze dei mercati nell’attuale scenario economico.
La mission iniziale per cui AICI era sorta e cioè la difesa della commissione di agenzia, che vige in USA e molti paesi del mondo per favorire i rapporti tra i media ed i committenti con l’intervento professionale delle strutture di comunicazione, oggi si evolve, anche in considerazione dell’affermazione del web, nella tutela del diritto d’autore per le strategie e la creatività rifacendosi alla legge in materia che può essere migliorata e resa più incisiva per l’Italia a garanzia di coloro che svolgono l’attività di comunicatori.
Questi propositi programmatici comportano un dialogo con le altre associazioni di comunicazione, manageriali, delle imprese includendo anche quelle dei consumatori, per creare un sistema di collaborazione, pur nel rispetto delle reciproche autonomie, per affrontare e trovare sbocchi intelligenti in un momento così critico precorrendo i cambiamenti sostanziali che si stanno verificando ma che potrebbero sviluppare la creatività nelle ricerca di nuove modalità e strumenti per adottare messaggi opportuni.

AICI – Cariche Sociali 2014-2016
Direttivo: Luca Zanotti, Gianfranco Strangis, Giuseppe Lamarca, Luca Rendina, Gianni Fiocca, Franco Turcati
Presidente Franco Turcati
VicePresidente: Luca Zanotti (Past President)
Delegati Regionali: Luca Rendina per la Lombardia; Giuseppe Lamarca per il Piemonte, Luca Zanotti per il Triveneto
Segreteria e tesoriere: Augusta Pasquero

articoli correlati

AGENZIE

Carlo Noseda (M&C Saatchi) è il nuovo presidente di Iab Italia

- # # # # #

Ieri sera il Consiglio Direttivo di IAB Italia, rinnovato nella sua quasi totalità dalle elezioni dello scorso 20 Febbraio, ha indicato all’unanimità in Carlo Noseda, co-founder e Managing Partner di M&C Saatchi, il nuovo Presidente di IAB Italia per il triennio 2014-2016.
Lo affiancheranno Michele Marzan, Regional Director Southern Europe di Zanox, in qualità di Vicepresidente, e Aldo Agostinelli, Digital Director di SKY Italia, che assume la carica di Tesoriere.
“Ho sempre creduto nella straordinaria efficacia di digitale e creatività, insieme”, ha dichiarato il neo-Presidente, dopo i rituali ringraziamenti al Consiglio. “Se ben utilizzati e organizzati, tali elementi possono creare grande valore per la Società nel suo insieme e per le imprese. L’Associazione ha svolto un grande lavoro in questi anni. Serve continuità, chiarezza di intenti ed efficienza. IAB Italia è l’Associazione in grado di coordinare e promuovere questo impulso per tutto il comparto, con l’obiettivo di rappresentarne le istanze verso le Istituzioni e tutti gli stakeholder nazionali e internazionali a diverso titolo coinvolti nel futuro del settore. Diffusione della cultura digitale, internazionalizzazione e sempre maggior affermazione dell’etica nel comparto sono alcuni dei punti su cui concentreremo il nostro impegno”
Il Consiglio Direttivo di Iab, che si è riunito ieri per la prima volta e resterà in carica fino al 2016. è formato –  oltre che dai già citati Carlo Noseda, Michele Marzan e Aldo Agostinelli – da Raffaele Cirullo di Enel, Gabriele Mirra di Italiaonline, Virginia Pallavicini di Nielsen, Paolo Portioli di Seat PG, Stefano Portu di DoveConviene e Roberto Silva Coronel di Performedia.

articoli correlati

AGENZIE

Rinnovato il Consiglio Direttivo di IAB Italia. Il 25 febbraio l’elezione del presidente

- # # # #

L’Assemblea dei soci di Iab Italia ha eletto stamattina i nuovi membri del consiglio direttivo, secondo le nuove regole di governance approvate lo scorso novembre, che prevedono la suddivisione dei soci in cinque categorie, ciascuna delle quali elegge i propri rappresentanti. Dallo scrutinio  sono emersi Virginia Pallavicini di Nielsen per la categoria Service; Stefano Portu di DoveConviene e Michele Marzan di Zanox per Offerta Small; Raffaele Cirullo di Enel e Roberto Silva Coronel di Performedia per Domanda Small. Gabriele Mirra di Italiaonline e Paolo Portioli di Seat PG (per la categoria Offerta Big); così come Carlo Noseda di M&C Saatchi e Aldo Agostinelli di Sky (per Domanda Big) sono stati e eletti “d’ufficio” in quanto unici candidati per le due coppie di poltrone disponibili. Il consiglio direttivo, rinnovato per otto dei nove componenti (il solo Marzan era presente in quello precedente) si riunirà per la prima volta il prossimo 25 febbraio per eleggere il nuovo presidente, il vice presidente e il tesoriere.

 

Nel corso dell’assemblea annuale che ha preceduto l’elezione, in sede di approvazione del bilancio – tornato in attivo per la prima volta dal 2008 – il presidente uscente Simona Zanette, dopo i ringraziamenti di rito, ha ricordato alcuni dei temi “caldi” su cui IAB Italia è impegnato, tra i quali spiccano le modalità attuative degli emendamenti introdotti nella cosiddetta Web Tax (tracciabilità dei pagamenti per gli acquisti digitali e obbligo di partita Iva) e la definizione di una normativa nazionale in termini di privacy “digitale”. Al riguardo è in programma il 28 febbraio un incontro con  AGCom per arrivare a colmare questa lacuna, che affianca l’Italia solo alla Grecia tra tutti i paesi dell’Unione. In merito infine alla propria non-candidatura, Zanette ha esplicitamente rimarcato che è stata una scelta dettata da ragioni aziendali: “Quest’anno AlFemminile.com (di cui la stessa Zanette è Country Manager e AD, ndr) sarà oggetto di un piano importante di sviluppo, e dall’HQ mi è stato richiesto di concentrarmi totalmente su questo impegnativo progetto”. A latere dell’assemblea, Simona Zanette ha poi fornito maggiori dettagli: “Oltre a una notevole espansione del sito esistente, abbiamo in previsione il lancio di una nuova iniziativa in ambito food. Procederemo inoltre a una parziale internalizzazione della rete di vendita, per ora limitata ai progetti speciali, che rappresentano circa il 20% dei nostre ricavi. Sulla base dei risultati di questa decisione, valuteremo i passi ulteriori”. “Nel 2013”, ha concluso Zanette, “la raccolta ha superato i 5 milioni, in crescita dell’8% sull’anno precedente. Quest’anno, anche grazie alle novità in programma, contiamo di crescere ancora”.

articoli correlati

AGENZIE

Presidenza AssoCom: Marco Testa eletto all’unanimità. Sei associati ritirano le dimissioni

- # # # #

“La notizia bomba di oggi è che AssoCom esce dall’euro. Ma non torna alla lira, bensì al Marco!”. Basta questa battura del direttore generale di AssoCom Stefano del Frate a dare il “tono” dell’atmosfera che si respirava nella sala dell’Hotel dei Cavalieri di Milano dopo la doppia elezione – prima il Consiglio Direttivo, poi il Presidente – tenutesi oggi pomeriggio. La scelta di Marco Testa, presidente e amministratore delegato del Gruppo Armando Testa, come presidente dell’Associazione per i prossimi tre anni (dopo il precedente mandato nel 2006/2008) è stata vissuta come un traguardo raggiunto da tutti i presenti. Non per nulla Testa è risultato non solo eletto all’unanimità dal Consiglio, ma è stato anche il più votato tra i nove consiglieri. Insieme a lui, vanno a costituire il rinnovato Consiglio direttivo – in ordine decrescente di voti raccolti –  Enrico Gasperini, fondatore e consigliere delegato di Livextension, Emanuele Nenna, managing director di Now Available, Marco Girelli, CEO di OMD, Giorgio Bonifazi Razzanti, presidente di Pan Comunicazione, Layla Pavone, managing director di Isobar, Alessandra Lanza, responsabile business innovation di Filmaster Events, Marco Gualdi, amministratore delegato di Inventa CPM e Marzia Curone, amministratore delegato di Relata. “È la seconda volta che vengo chiamato a questo compito”,  ha dichiarato il neopresidente. “Questa volta con una maggiore complessità del mercato e nuovi player, dal media al digital. Credo nel talento e nell’orgoglio imprenditoriale italiano e so di poter contare sull’entusiasmo e sulla capacità di tanti. Lo dicevo prima e lo ripeto anche ora: non ci sono formule magiche, serve l’impegno di tutti”. Un auspicio che ha trovato immediato riscontro nelle dimissione ritirate da parte di sei associati – di cui Testa ha preferito non fare i nomi – che erano in uscita a fine anno. Hanno partecipato alla votazione 62 associati (inclusi alcuni dimissionari) sui 90 aventi diritto: sono state infatti sospese da tale diritto le strutture che risultano al momento non avere ancora assolto agli obblighi di pagamento delle quote sociali. “Il momento è difficile per tutti”, ha comunque sottolineato del Frate, “è logico di fronte agli impegni finanziari si facciano scale di priorità, ma siamo certi che col tempo anche queste posizioni debitorie verranno sanate”, ricordando poi che AssoCom ha già preso atto di tale realtà nel momento in cui ha deciso una riduzione delle quote, che oggi vanno da 1.000 a 15.000 Euro/anno. “Il compito che abbiamo davanti deve essere affrontato senza indugi”, ha poi concluso Marco Testa, indicando nella seconda metà di gennaio la data in cui tenere la prima riunione “operativa” del Consiglio, che dovrà mandare un ulteriore segnale unitario al comparto e occuparsi delle questioni associative, quali la definizione del budget, la nomina dei Vice Presidenti e l’indicazione del Direttore del Centro Studi,  del Presidente di AssAP Servizi e delle cariche di rappresentanza verso gli organismi partecipati, come le varie Audi.

articoli correlati

AGENZIE

Nasce ANES Digital. Carlo Latorre eletto presidente

- # # # # # #

Come aveva anticipato il presidente di ANES, Antonio Greco, nel suo discorso programmatico, all’atto dell’assunzione della carica associativa lo scorso 22 marzo, oggi ha preso vita ANES Digital, la sezione dedicata sia agli editori che abbiamo nel loro portafoglio-prodotti almeno una testata digitale, sia ai pure player – imprese e/o persone giuridiche – che pubblichino, in modalità esclusivamente digitale, prodotti editoriali “con contenuto specializzato, tecnico-professionale, scientifico e culturale. I contenuti editati devono essere autoprodotti”, come recita il regolamento di ANES Digital, approvato all’unanimità dall’assemblea fondativa convocata questa mattina alla Blend Tower di Milano.

“La mission di ANES Digital”, ha spiegato il presidente Greco presentando l’iniziativa, “è favorire la diffusione della cultura editoriale digitale B2B, anche attraverso l’analisi delle best practise internazionali, stimolare lo scambio di know-how tra editori tradizionali e digitali, nonché attrarre le nuove realtà “all digital” a cui offrire servizi e rappresentatività.
Sempre oggi, l’assemblea ha eletto il primo presidente di ANES Digital, nella persona di Carlo Latorre, fondatore e direttore di Cronoart, che sarà affiancato, nei suoi compiti di indirizzo e gestione, da uno Steering Committee.
“Nel biennio di durata del mio incarico”, ha commentato Latorre, “gli obiettivi su cui ci concentreremo saranno, oltre allo sviluppo di una cultura editoriale digitale che includa anche “laboratori” e studi sui modelli di business, la promozione di una formazione mirata e specifica, il rafforzamento delle certificazioni per il mercato online, e la messa a disposizione degli associati di servizi di consulenza, che spazino dai problemi tecnici e di sicurezza alle questioni legali, quali il diritto d’autore”.
Faranno parte dello Steering Committee, oltre al presidente della sezione, cinque rappresentanti dei soci effettivi (editori) e due dei soci aggregati (fornitori). Per il primo gruppo sono stati eletti Mauro Bellini (Il Sole24Ore Business Media), Paolo Cionti (Edisport); Roberto Frassinelli (LSWR), Armando Garosci (Editoriale Largo Consumo) e Paolo Sciacca (Sanitanova), mentre a rappresentare i secondi saranno Carlo Emanuele Bona (Promedia) e Marco Marlia (Nextre Engineering).

articoli correlati