AZIENDE

Poker online: firmato l’accordo su liquidità condivisa tra Italia, Spagna, Francia e Portogallo

- # # # # # #

poker online

Ieri è stata posta la firma per l’avvio della liquidità condivisa per il Poker online: a sottoscrivere l’accordo sono state Italia, Spagna, Francia e Portogallo. La firma è avvenuta a Roma, dettaglio importante in quanto proprio l’autorità italiana è stata tra i principali promotori dell’iniziativa.

Ma che cos’è realmente la liquidità condivisa? Precisamente si intende la possibilità di poter unire giocatori di nazioni diverse su un’unica piattaforma di gioco. Al momento un giocatore italiano è autorizzato a giocare a Poker esclusivamente sui siti dei concessionari di gioco italiani; con la liquidità condivisa invece il giocatore italiano potrà sfidare su una piattaforma “.eu” utenti spagnoli, francesi e portoghesi.

Una novità che porterà un impulso positivo all’ecosistema del Poker, in difficoltà dopo l’effetto moda del triennio 2008-2011 e rinvigorito solo ultimamente grazie all’introduzione dei tornei a montepremi variabile.

L’effetto dell’accordo non è però immediato, ci vorranno almeno 6 mesi prima che la liquidità condivisa diventi realtà. Nel frattempo le autorità firmatarie dovranno lavorare alla definizione di standard comuni e alla risoluzione degli aspetti tecnici/amministrativi per far sì che la liquidità condivisa sia una reale opportunità di estensione del mercato per tutti i concessionari di gioco e per garantire una corretta fruizione delle piattaforme.

La questione cruciale per l’applicazione della liquidità condivisa riguarda lo schema tassativo. I singoli Paesi, infatti, hanno una struttura normativa con proprie aliquote fiscali. E di conseguenza un impatto differente sui costi, e quindi sui margini, dei concessionari di gioco.

Con l’accordo sottoscritto, le diverse tassazioni inerenti al Poker rimarranno effettive generando alla base un problema di gestione delle vincite (payout) e delle commissioni (rake) per i giocatori.

Al fine di garantire equità nella redistribuzione dei margini degli operatori di gioco, concessionari e autorità stanno lavorando a un sistema per gestire efficacemente la rake. Una soluzione individuata è quella dell’applicazione di una rake differente a seconda della nazionalità del giocatore. In questo modo l’effetto della differente imposizione fiscale per i concessionari di gioco verrebbe annullato e al giocatore verrebbe garantita la stessa commissione applicata nei confini nazionali. La soluzione potrebbe però essere temporanea, in quanto l’obiettivo reale è un’armonizzazione dello schema tassativo a livello comunitario.

Tecnicismi a parte, l’intesa è un avvenimento importante per il settore del gioco online: è il primo passo verso un mercato comunitario. Nel prossimo futuro l’accordo potrebbe essere esteso ad altri stati membri e/o potrebbe essere allargato ad altre tipologie di gioco P2P (ad esempio il Betting Exchange) o in cui è previsto un jackpot (ad esempio Casinò Games e Bingo), così come avvenuto in passato per il SuperEnalotto.

articoli correlati

AZIENDE

Portugal Ventures lancia il primo bando “+Patrimonio+Turismo” per le startup

- # # # #

Promozione Portogallo Bando Startup

Promuovere l’attrattività della destinazione portoghese nel mondo. A questo mira il bando lanciato da Portugal Ventures, Venture Capital & Private Equity investments, che concentra i suoi investimenti sul settore tecnologico e turistico, con il supporto del Turismo de Portugal. In palio, finanziamenti fino a 500 mila euro, per un valore complessivo di 10 milioni di euro; le candidature possono essere inviate entro il 31 luglio.

Alla sua prima edizione, la call for entries “+Patrimonio+Turismo” è stata lanciata con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di attività turistiche legate alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale del Portogallo e accoglierà tutte le proposte – più o meno tecnologiche, ma pur sempre innovative – che dai diversi Paesi avranno come focus la promozione della regione lusitana e i suoi punti di distinzione.

Per un importo complessivo dell’ordine di 10 milioni di euro, il finanziamento sosterrà lo sviluppo di prodotti e servizi turistici innovatiti (su scala globale, nazionale o regionale), che coinvolgono turismo e valorizzazione del patrimonio culturale e naturale del Paese, offrendo un’esperienza della destinazione a tutto tondo che includa aspetti quali storia, arte, architettura, patrimonio religioso, enoturismo e gastronomia, sport e geoturismo.
“Il nostro Paese si sta sempre più affermando come sede elettiva dei giovani imprenditori che hanno un grande sogno ma piedi ben saldi a terra”, afferma Marcelo Rebanda, dell’Ufficio Turistico del Portogallo in Italia. “Basti pensare alla vivace e dinamica atmosfera che si respira nella multietnica Lisbona, nuova patria del Web Summit mondiale. Questo bando è un’ulteriore testimonianza del costante impegno del Portogallo nei confronti dell’innovazione. Speriamo di ricevere tante candidature da un Paese fervido di giovani intraprendenti come l’Italia”, aggiunge.

I progetti che si aggiudicheranno il bando potranno:
• Beneficiare di un finanziamento di fino a 500 mila euro;
• Contare sul supporto di un partner esperto e dedicato e affidarsi alla supervisione degli esperti di Portugal Ventures;
• Essere inseriti in una comunità che crede nel potere dell’innovazione e del networking;
• Avere la possibilità di essere selezionati e incubati in hub internazionali.
Il programma “+Patrimonio+Turismo” è inquadrato nella strategia nazionale per l’imprenditoria Start UP Portugal, piano quadriennale che mira a supportare l’imprenditoria stimolando l’emergere di startup innovative e valorizzare le aziende esistenti.

articoli correlati

COMMERCE

Kelkoo annuncia l’ingresso in altri cinque passi europei. Sarà presente in 19 stati

- # # # # #

Kelkoo, tra le maggiori piattaforme di online advertising per l’ecommerce a livello globale, annuncia il suo ingresso in cinque nuovi paesi europei: Polonia, Portogallo e Svizzera (i cui siti sono già operativi) cui seguiranno Irlanda (nei prossimi giorni) e Repubblica Ceca, a partire da Settembre.
Sommandosi ad Austria, Belgio (Belgio FR e Belgio NL), Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Russia, Spagna, e Svezia, i cinque paesi consetono all’azienda di definirsi “l’unica realtà del settore dell’online advertising per l’ecommerce in grado di operare in 19 paesi nel mondo con un network di 6000 negozi online, 19 siti proprietari, e con oltre 2.500 editori diretti che indirizzano il proprio traffico verso gli online retailer, clienti di Kelkoo”.
Kelkoo, in costante crescita e in continua evoluzione, oggi offre una piattaforma completamente rinnovata e tecnologicamente all’avanguardia: un nuovo motore di re-targeting e l’integrazione di innovative tecnologie di machine learning, hanno permesso lo sviluppo di un algoritmo capace di interpretare i dati delle intenzioni di acquisto dei consumatori (shopping intent data) e di poter offrire, quindi, targeted ads per gli online shopper e pianificazioni mirate per l’ottimizzazione degli investimenti per i merchant.
“Dopo 15 anni di attività, Kelkoo si conferma una delle più longeve società dello shopping online”, commenta Pierpaolo Zollo, Commercial Director Europe & International di Kelkoo (nella foto). “Non solo ha saputo seguire le evoluzioni del mercato, ma, come in questo caso, ha saputo anticiparle dando vita ad un network che propone 70 milioni di offerte per quasi ogni genere di prodotto, e che nell’ultimo anno ha generato 280 milioni di click e 4.4 miliardi di euro di vendite post-click per i propri clienti” .
Per celebrare questo prolungato successo, Kelkoo quest’anno parteciperà al DMEXCO di Colonia il prossimo 16 e 17 settembre, hall 6.1 – stand nr. C060.
“Abbiamo deciso di prendere parte a questo importante appuntamento per il mercato digitale con uno spazio espositivo: siamo pronti ad accogliere tutti coloro che desiderano conoscere in modo dettagliato il nuovo corso tecnologico dell’azienda e le persone che lo stanno rendendo possibile” conclude Zollo.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Al via la campagna TV europea per rafforzare l’immagine di Lisbona

- # # #

Associação Turismo de Lisboa – ATL affida la promozione della capitale portoghese a una campagna televisiva in 14 paesi europei: Lisbon, Unique City. Lisbon, City of Light and Sea è il pay-off dello spot che sottolinea gli aspetti di modernità e tradizione di una delle città più belle del mondo. Lo spot televisivo che presenta Lisbona in 15 secondi sarà trasmesso in Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Russia, Francia, Belgio, Svizzera, Italia, Regno Unito, Svezia, Danimarca, Norvegia e Paesi Bassi fino al 15 gennaio 2014.

“E’ importante rafforzare l’immagine di Lisbona come destinazione turistica di eccellenza nei mercati consolidati e solleticare la curiosità in quelli ad alto potenziale di crescita, come Russia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria”, dichiara Paula Oliveira, Executive Director di ATL. “L’iniziativa ha l’obiettivo di rafforzare la posizione della città tra le mete più interessa nti nella lista dei desideri del viaggiatore e renderla un must tra le capitali europee da visitare”.

Nel 2013, tra gennaio e settembre, Lisbona ha accolto oltre 8.000.000 di room – nights. Spagna, Francia, Germania, Regno Unito e Italia sono tra i principali mercati, si aggiungano inoltre i visitatori d’oltreoceano provenienti da Brasile e Stati Uniti. La popolarità di Lisbona come destinazione turistica è stata inoltre celebrata attraverso vari premi da parte delle istituzioni più prestigiose del settore a livello internazionale. Alcuni tra i più importanti riconoscimenti sono Best European Destination for City Break e Best European Destinations for Cruise entrambi conferiti da World Travel Awards e Best City Break Destinations on a Budget da parte di Amadeus & World Travel Market.

articoli correlati