NUMBER

Performics e Northwestern University: la query rivela insight sull’acquisto

- # # # #

alessio angiolillo performics

Performics e Northwestern University, in collaborazione con Bing Search Network, hanno pubblicato un nuovo studio che mostra come, analizzando il linguaggio utilizzato nelle query di ricerca, sia possibile individuare in quale fase del percorso d’acquisto si trovi il consumatore. Sul tema, l’Intent Lab ha collaborato con Microsoft sul network Bing Search. Lo studio ha incluso una revisione completa delle query di ricerca, degli ad e uno studio sui dati effettivi di click-through rate (CTR).

“Il nostro studio ha evidenziato che il modo in cui una persona scrive la frase di ricerca può indicare la sua distanza psicologica da un’azione o da un obiettivo, come ad esempio l’acquisto di un prodotto/servizio”, ha dichiarato Ashlee Humphreys, Associate Professor al Northwestern Medill. “Abbiamo verificato che le query di ricerca contenenti meno parole concrete e più parole astratte, come ad esempio ‘perchè, indicano una mentalità astratta, che caratterizza solitamente la fase iniziale del percorso d’acquisto. Le query concrete, come ad esempio ‘acquisto” o “negozio più vicino”, indicano invece un momento più vicino all’azione finale di acquisto. I partecipanti allo studio che avevano come obiettivo l’acquisto hanno utilizzato query di ricerca il 15% più concrete, dunque meno astratte, rispetto a chi semplicemente navigava online”.

Lo studio ha rivelato inoltre una stretta correlazione tra l’intento di ricerca e la probabilità di cliccare su un annuncio pubblicitario. I partecipanti con obiettivi di semplice navigazione hanno avuto il 20% di probabilità in più di cliccare sui risultati di ricerca che enfatizzavano la parola “best” (parola astratta), mentre i partecipanti con obiettivi di acquisto si sono dimostrati il 180% più propensi a cliccare sui risultati di ricerca che sottolineavano la parola “shop” (parola concreta).
I partecipanti che hanno utilizzato parole concrete nelle query di ricerca, infine,  anno avuto il 135% di probabilità in più di cliccare sui risultati di ricerca strettamente legati al retailer, con possibilità di portare a termine l’acquisto (rispetto a risultati dove non è possibile acquistare immediatamente).

“La search non è solo un canale di marketing per i brand. Essa permette di ottenere degli insight sul comportamento del consumatore. Il linguaggio utilizzato nelle query di ricerca rivela infatti informazioni importanti sui consumatori, utili per la pianificazione e l’ottimizzazione nell’ambito del search marketing e non solo,” ha commentato Esteban Ribero, SVP Planning & Insights di Performics. “Il nostro studio dimostra come i marketer che sono in grado di identificare il mindset dei consumatori attraverso le query di ricerca utilizzate e, in base ad esse, abbinare nel modo più efficace gli annunci pubblicitari e le esperienze, ottimizzeranno la loro performance”.

Sempre nell’ambito di questa ricerca, Performics ha testato on air tre campagne pubblicitarie live afferenti alla categoria prodotti di bellezza, basate sull’utilizzo di parole chiave con vari livelli di concretezza: “how” (più astratto), “best” (astratto) e “buy” (concreto). Lo studio ha mostrato un aumento del 17% della probabilità di ottenere un click quando le keyword di ricerca concrete/astratte sono abbinate in modo efficace al messaggio pubblicitario.

A coronamento dello studio, Performics ha sviluppato un Intent Scoring Algorithm che codifica ogni keyword di ricerca presente nell’account dell’inserzionista in base al livello di concretezza/astrattezza e utilizza questo indicatore per individuare il posizionamento del consumatore all’interno del suo processo d’acquisto. L’allineamento delle keyword alla fase del percorso d’acquisto in cui il consumatore si trovava ha permesso la realizzazione di copy, offerte e landing page experience personalizzate, che hanno spinto le conversioni e aumentato l’efficienza.

“Non a caso siamo arrivati a questa evoluzione: nell’ultimi sei mesi abbiamo testato questo approccio su diverse campagne e diversi settori, in quanto sempre più il Search marketing si è trasformato in un canale che rivela, se opportunamente analizzato, un potenziale enorme nella comprenzione del vero intento dell’utente”, conclude Alessio Angiolillo Managing Director di Performics Italia. “Questo approccio ci permette di utilizzare l’Intent based planning come strumento strategico in tutta la nostra offerta e rendere le strategie di search marketing sempre più efficienti ed efficaci per i nostri clienti”.

articoli correlati

AGENZIE

Ferrarelle affida a Performics la strategia SEO di Acqua Vitasnella e Fonte Essenziale

- # # # # # #

Performics

Performics Italia, agenzia di performance marketing appartenente al gruppo Publicis Media, gestisce le attività di Search Engine Opyimization (SEO) per i brand di acque minerali Vitasnella e Fonte Essenziale, di proprietà di Ferrarelle SpA, con l’obiettivo di incrementare la visibilità organica e il traffico dei siti web dei due brand.

Il lavoro si concentra sulla costruzione di una strategia data-driven orientata all’ottimizzazione tecnica e allo sviluppo dei contenuti user-demanded e seo-friendly per migliorare la visibilità e la performance delle property con un particolare focus sulla qualità della user experience. Le attività di comunicazione proposte per i due brand sono personalizzate sulla base delle caratteristiche uniche dei prodotti interessati e del target di riferimento. Benessere e alimentazione, temi chiave per Vitasnella e Fonte Essenziale, sono le macro-aree di interesse per l’attività SEO di Performics.

Nello svolgimento dell’attività, Performics lavora a stretto contatto con altre agenzie del Gruppo Publicis nell’ottica di fornire un servizio totalmente integrato; all’interno del Gruppo, infatti, Arc si occupa della creatività dei siti, BCube gestisce la parte social dei brand mentre Saatchi & Saatchi è l’agenzia creativa.

“Siamo molto contenti e soddisfatti di questo incarico; siamo sicuri che la nostra specializzazione in Search marketing e la preparazione del team SEO & Performance Content potranno dare un contributo significativo ai risultati dibusiness del cliente. Questo incarico ci dà ulteriore conferma che la nostra organizzazione si sta ormai affermando come una delle primissime search engine marketing agency nel mondo e in Italia, come certificato dall’ultima wave di Forrester”, ha commentato Alessio Angiolillo, Managing Director di Performics Italy e Performance Lead di Publicis Media Italy.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Performics lancia Caiman, piattaforma per rendere più efficaci le campagne su Amazon

- # # #

Caiman - Performics

Performics, uno dei maggiori player nel performance marketing, ha rilasciato “Caiman”, marketing platform proprietaria che supporta l’estrazione di nuovi insight per coloro che pianificano campagne search su Amazon. Caiman fornisce un’analisi giornaliera a livello di keyword, estratta direttamente dal data feed di Amazon. Caiman permette al team Performics di estrarre dati per velocizzare l’optimization frequency su offerta, budget e targeting con l’obiettivo di incrementare le vendite dei brand.

David Gould, Global Brand President di Performics, dichiara: “Brand discovery e comportamenti di acquisto si sono fortemente evoluti rispetto ai “tradizionali” motori di ricerca, Amazon ne è il primo esempio. Questo scenario richiede un nuovo approccio da parte dei professionisti del marketing, un approccio che include strategia e tecnologia per persuadere i consumatori ad avvalersi dei marketplaces come Amazon. La tecnologia Caiman di Performics permette agli investimenti dei clienti su Amazon si essere più efficaci ed efficienti abilitando un algoritmo di ottimizzazione delle campagne Amazon e avvalendosi di aggiornamenti giornalieri sugli utenti”.

Oltre ai dati granulari di Caiman, la piattaforma velocizza la tempistica rispetto ai report manuali, permettendo ai team di dedicarsi ai test su nuovi marketplace (es. Walmart, Pinterest) e formati adv (es. Local Inventory ads di Google), aumentando la possibilità di una migliore performance degli investimenti dei clienti.

Performics pianifica e ottimizza ads su Amazon marketplace per più di 50 clienti a livello globale e locale. È la prima agenzia partner di Amazon, che andrà a popolare Caiman con i dati a disposizione ricevendo un feedback diretto da Amazon.

“Caiman è una soluzione che stiamo adottando per i clienti del gruppo già da alcuni mesi”, ha detto Alessio Angiolillo, Managing Director di Performics Italy e Performance Lead Publicis Media Italy). Ne stiamo apprezzando la precisione e soprattutto l’automazione dei processi di analisi che ci permette di migliorare la strategia di bidding. Come partner preferenziali di Amazon, in US prima e poi in Europa e in Italia, abbiamo accesso a un know how esclusivo che ci permette di essere dei Premium partner per i nostri clienti. Stiamo ancora una volta anticipando il mercato e proponendo soluzioni in grado di portare reali risultati di business ai nostri clienti”.

articoli correlati

MEDIA

Publicis Media contro l’adfraud: accordo con Google e intervento diretto per la brand safety

- # # # # # # # #

publicis media

Alla luce degli eventi di questi giorni che hanno visto casi di erogazione di banner di investitori pubblicitari su Youtube e Google Display Network (GDN) in presenza di contenuti inopportuni, in primis legati al terrorismo internazionale, Publicis Media, insieme alle agenzie parte del Gruppo (Zenith, Starcom, Blue 449, Mediavest|Spark e Performics) si sono attivate con Google perché quest’ultimo metta in atto azioni concrete al fine di garantire la brand safety degli advertiser.
Sono arrivati i primi risultati: Google ha implementato con effetto immediato alcune azioni, assumendo una
posizione più rigida riguardo ai contenuti dispregiativi e offensivi, attraverso l’applicazione di una serie di filtri che preverranno la visione degli ads affiancata a contenuti che possano essere offensivi, riguardanti età, religione, razza, orientamento sessuale, identità e nazionalità.
Google ha garantito di continuare nella propria azione, aumentando il livello di servizio e gli strumenti a tutela degli investitori utilizzando algoritmi di machine learning per migliorare la targetizzazione dei video, oltre a impegnarsi a rimuovere questi ultimi entro 2 ore dal reporting nel caso vengano associati a contenuti inappropriati.
Publicis Media mantiene quindi aperto il dialogo con Google, attendendosi piena collaborazione.
Nel frattempo, per garantire maggiormente gli investitori pubblicitari, Publicis Media ha deciso di lanciare un’operazione su larga scala a favore della brand safety e contro l’adfraud.
Tutte le agenzie del Gruppo attiveranno per i propri clienti un servizio brand safety e anti adfraud, sviluppato in partnership con alcune piattaforme tecnologiche, su tutte le campagne gestite.
Il servizio in questione non solo attiverà funzioni di brand safety sfruttando il blacklisting, ma aggiungerà un servizio di keyword sensitive e di controllo semantico con aggiornamento giornaliero dei topic ritenuti unsafe.
A questo si unisce il controllo di tutto il traffico non umano, per combattere i fenomeni di adfraud, e il non in-geo traffic. Non da ultimo, il servizio includerà di default il tracking della viewability, con l’obiettivo di garantire erogazioni di qualità.
“La trasparenza ed un uso corretto delle tecnologie permettono di massimizzare l’efficacia del digitale, controllando eventuali problemi ed evitando rischi” dichiara Andrea Di Fonzo, CEO di Blue 449.
“La sicurezza e la protezione del brand sono priorità assolute in ogni forma di comunicazione, non solo digital” continua Luca Cavalli, CEO di Zenith. “La soluzione che proponiamo testimonia il nostro impegno a garantire ai nostri clienti il massimo livello di servizio a tutela e valorizzazione dei loro brand”.
“La nostra responsabilità come Gruppo è quella di lavorare con tutti i player del settore, Google incluso”, conclude Vita Piccinini, CEO di Starcom, “per garantire livelli di safety sempre maggiori, e i nostri clienti devono ricevere da noi un servizio che vada oltre e che in maniera neutrale e trasparente garantisca investimenti sicuri”.

articoli correlati

AZIENDE

ZenithOptimedia annuncia l’acquisizione dell’agenzia di performance marketing Frubis

- # # # # #

ZenithOptimedia, parte di Publicis Groupe , ha acquisito Frubis, una delle principali agenzie di performance marketing in America latina. Un nuovo passo quindi nel programma di investimenti in performance marketing da parte del gruppo già iniziato con la recente acquisizione di FirstClick in Australia.
Frubis entrerà a far parte di Performics, il performance marketing network globale di ZenithOptimedia. L’agenzia sarà guidata Germán Rinaldi, attuale Managing Director di Frubis, e dal team dirigenziale di Santiago Lombardi, Joaquín Muro, Agustín Rinaldi e Mauricio Heck.

Frubis ha a Buenos Aires i propri quartieri generali, nei quali lavorano più di 60 specialisti del performance marketing, espandendosi poi nel 2012 in Colombia, dove ha aperto una sede a Bogotá. Frubis offre ai brand un ampio ventaglio di servizi di performance marketing, fra cui display advertising, social media, ottimizzazione per i motori di ricerca, search engine marketing, programmatic buying, analytics, gestione dati e pianificazione. Frubis lavora con numerosi clienti di rilievo in America Latina quali, ad esempio, AIG, BBVA, Falabella, Direct TV, Merck Sharpe & Dohme, MetLife e Sodimac.

Germán Rinaldi, CEO di Frubis, ha dichiarato: “Frubis ha goduto di una notevole crescita fin dal suo lancio ed è con grande piacere che adesso raggiungiamo lo stadio successivo nello sviluppo dell’agenzia entrando in Performics Worldwide. Diventando parte di un tale network globale di tutto rispetto e con una squadra notevole di specialisti potremo accedere agli strumenti e alle competenze di Performics, come anche porteremo beneficio ai nostri clienti riapplicando le best practice internazionali del network.”

Michael Kahn, CEO di Performics Worldwide, ha commentato: “Frubis si è costruita una reputazione invidiabile in America Latina grazie alla sua considerevole esperienza sulle piattaforme digitali e alla sua gamma di soluzioni per il digital marketing. L’Argentina è un mercato chiave per il nostro gruppo di agenzie e siamo entusiasti di aver reso Frubis parte del network globale Performics, che si sta continuando ad espandere sia attraverso la crescita organica, sia attraverso acquisizioni fondamentali in tutto il mondo.”

L’America Latina, infatti, è uno dei mercati pubblicitari a più alta crescita in tutto il mondo ed è una regione chiave per la crescita di ZenithOptimedia Group, il quale prevede che gli investimenti pubblicitari in America Latina cresceranno dell’8,5% nel 2016, ben oltre il tasso di crescita globale (5,0%) e due volte il tasso dell’America del Nord. Seppur meno avanzato rispetto ad alcuni mercati già sviluppati, inoltre, il digital advertising sta crescendo rapidamente in America Latina, con una previsione di spesa pubblicitaria digitale in crescita del 27,2% per il 2016, al di sopra del 15,2% del totale mondo.

articoli correlati

AGENZIE

Performics diventa agenzia di riferimento in Europa per il digital marketing di Staples

- # # # # #

 

Performics si è aggiudicata la gestione di tutte le attività paid search e digital display advertising per Staples in Europa in seguito a una gara.
Staples, la più grande azienda al mondo di prodotti per ufficio e il terzo più grande rivenditore su Internet, era alla ricerca del miglior partner possibile per comprendere i bisogni dei consumatori nello shopping online e per evolvere a un livello superiore nella propria espansione digitale.

“I mezzi digitali hanno cambiato il modo in cui i nostri clienti effettuano acquisti e vogliamo assicurarci di avere una forte presenza là dove i nostri acquirenti ricercano e navigano”, commenta Rikke Wivel, Direttore e Head of Digital Marketing di Staples Europe. “Siamo impazienti di fare squadra con Performics per rafforzare la presenza digitale di Staples in Europa”.

Performics, parte di ZenithOptimedia Group e vincitrice del titolo di Migliore Agenzia agli European Search Awards nel 2012 e nel 2014, è stata scelta per la sua visione strategica e per la capacità di comprendere a fondo le sfide su più mercati.
“Mettendo i dati al centro della nostra strategia, in Performics investiamo fortemente su strumenti leader nel mercato e sulla tecnologia proprietaria, così che riusciamo a comprendere pienamente i percorsi del consumatore, di canale in canale e di dispositivo in dispositivo”, spiega Frederic Joseph, CEO di Performics EMEA (nella foto). “Vincere un brand straordinario come Staples su più mercati prova l’esperienza del network Performics in Europa”.

articoli correlati

AGENZIE

ZenithOptimedia si aggiudica il budget Eurobet. Oggi al via la nuova campagna pubblicitaria

- # # # # #

Dopo un percorso di consultazione che ha visto coinvolte diverse agenzie media, Eurobet ha deciso di affidare il proprio budget di comunicazione a Zenithoptimedia Group. La società guidata da Vittorio Bonori (nella foto) si è aggiudicata il pitch e ha già iniziato a lavorare con il cliente tramite la sede romana del network.

La campagna, realizzata dall’agenzia Bcube, sarà on air su tutte le principali emittenti televisive nazionali (TV Generalista, Mediaset Premium, SKY, e i canali Discovery)  e Tv locali. Parallelamente avrà luogo il lancio sul Web, con pubblicità specifiche su siti strategici, e sui tabelloni bordocampo  all’interno degli stadi di calcio di sei squadre di Serie A (ACF Fiorentina, Parma FC, AC Cesena, Cagliari, Empoli FC, AC Chievo Verona) e tre di Serie B (Pescara, Brescia, Livorno).

“Eurobet – Chi ama il calcio ci scommette”, questo il concept della campagna pubblicitaria e dell’intera strategia comunicativa che si pone l’obiettivo di rafforzare l’asset principale della compagnia: le scommesse sportive. All’interno della nuova strategia orientata a gestire il consumer funnel in modo decisamente evoluto, Performics giocherà un ruolo centrale nel supporto ad Eurobet, grazie alle sue tecnologie proprietarie in ambito di performance marketing.

articoli correlati

AGENZIE

Performics lancia il suo primo “Volunteer Event” su scala globale

- # # # # # #

Performics, agenzia di performance marketing facente parte di Publicis Groupe, “sguinzaglierà” i suoi quasi mille dipendenti in tutto il mondo per dar vita un evento globale, della durata di 24 ore, finalizzato alla realizzazione di iniziative di sostegno di comunità locali attraverso attività di volontariato.

A New York, ad esempio, gli impiegati della sede cittadina di Performics si dedicheranno all’organizzazione, alla verniciatura e alla pulizia del lungo fiume di Brooklyn per preparare una “sentiero verde” dedicato ai pedoni e ai ciclisti, insieme alla Brooklyn Greenway Initiative.
In India, invece, gli addetti di Performics aiuteranno i bambini a dipingere murali sulle pareti dell’edificio sede di un’organizzazione dedicata alla diffusione dell’espressione artistica nei più piccoli.
Performics Italia, infine, avrà il piacere di dare il proprio contributo aiutando i volontari della mensa dei poveri dell’Opera San Francesco di Viale Piave a Milano. Un piccolo gesto che si traduce in un grande contributo. La mensa di Viale Piave serve quotidianamente oltre 2.500 pasti gratuiti a chi, meno fortunato, non può permettersi un sostentamento.
“Il nostro impegno da volontari a favore delle realtà sociali del posto inizierà con il levarsi del sole in Asia”, spiega Daina Middleton, Global CEO di Performics, “e i lavori proseguiranno via via in tutto il mondo, costruendo così un intero giorno “della restituzione”. Noi in Performics siamo da sempre sensibili al concetto di “rendere” alla società parte di ciò che da essa riceviamo: questo avviene in tutti i nostri 35 uffici in 26 paesi diversi, a conferma della nostra attenzione ai temi della CSR”.
Benché quella di quest’anno sia la prima iniziativa globale, negli Stati Uniti non è una novità: nel 2012, oltre 200 volntari delle sedi di Atlanta, Chicago, Los Angeles e New York si sono dedicati ad attività benefiche quali fornire cibo ai più poveri, ridipengere gli edifici scolastici pubblici, aggiustare parchi giochi o dedicarsi alla aree verdi.

articoli correlati