MEDIA

La pubblicità del futuro: la rivoluzione si chiama RTB e Programmatic

- # # # # # # #

È stato presentato ieri, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, il libro La pubblicità del futuro edito da Hoepli e dedicato all’ultima frontiera della pianificazione dell’advertising online: il Programmatic Buying e il Real Time Bidding.
Il libro, firmato da Antonio de Nardis, Alessandro Sisti e Layla Pavone, si incentra sulla descrizione del sistema del Programmatic Buying e del Real Time Bidding, delle piattaforme che li supportano e delle possibilità di implementazione nella strategia aziendale. Inoltre sono presenti interviste ad operatori del settore con una elevata competenza realizzate dagli studenti del master in Digital Communications Specialist che forniscono non solo insight sullo stato attuale, ma anche rilanci e suggerimenti tecnici e strategici per il futuro.
Qui le videointerviste

“Oggi è possibile utilizzare anche per la pianificazione dell’advertising online avanzatissime piattaforme tecnologiche in grado di intercettare in maniera precisa i target di riferimento basandosi sul tracciamento, il monitoraggio, la misurazione e l’analisi costante dei loro comportamenti online”, ha sottolineato Antonio de Nardis.
“Si parla molto di “big data”, ha aggiunto Alessandro Sisti aggiunge che . La crescita delle fonti informative disponibili e della relativa mole di dati prodotti, affiancata dalla disponibilità di tecnologia di elaborazione in tempi rapidissimi ed archiviazione dei dati stessi a costi sempre più marginali rappresenta una grande opportunità per le aziende”
“Real Time Bidding e Programmatic Buying”, ha precisato Layla Pavone, “sono modalità di pianificazione ed acquisto degli spazi, banner, video, rich media, che viene gestita e transata attraverso piattaforme tecnologiche che consentono di lavorare in tempo reale, raggiungendo le audience con estrema precisione, su basi non solo socio-demografiche ma soprattutto comportamentali da parte degli utenti, evitando al massimo la dispersione degli investimenti. Questa rivoluzione del punto di vista della pianificazione degli investimenti ci aspettiamo che nel prossimo futuro coinvolgerà anche altri media, come ad esempio la “connected TV” e tutto il mondo della videocomunicazione out of home”.

Nel corso della presentazione del testo, Nicoletta Vittadini, responsabile della ricerca svolta dagli studenti del master in Digital Communications Specialist (e condirettore del master con Layla Pavone) ha presentato i risultati delle interviste a una serie di testimoni privilegiati operatori del settore che hanno delineato il presente e il futuro del Programmatic Buying e del Real Time Bidding.
“Gli intervistati”, ha commentato Nicoletta Vittadini, “ci hanno chiaramente illustrato come l’introduzione del Programmatic Buying e del Real Time Bidding sia un’innovazione cruciale del settore, la cui portata viene paragonata a quella dell’introduzione del Search Advertising.
Si tratta di una rivoluzione inevitabile legata al nuovo scenario dei consumi digitali in cui la centralità dell’utente e delle sue pratiche cross-platform sembra ormai impossibile da sottovalutare. Ma è anche una rivoluzione pesante poiché investe tutti i livelli della industry: i processi di compravendita degli spazi, le relazioni tra gli operatori, le figure professionali, le dinamiche economiche e che vede emergere nuovi intermediari rappresentati dai technology provider e dai gestori dei marketplace”.
“Il mercato del digital advertising italiano”, ha concluso Michele Marzan, Vice-presidente Iab Italia, “ha raggiunto oggi una completezza in merito ai mezzi utilizzati dagli operatori; si dimostra dinamico e volenteroso di crescere, superando nel 2015 i 2 miliardi di € di investimenti. L’aspetto della formazione e ancor prima della divulgazione informativa e scientifica diventa oggi ancora più fondamentale, perchè saper scegliere e soprattutto governare correttamente le soluzioni che sono in continua trasformazione è ormai un fattore vitale. La pubblicità del futuro è quindi un progetto che copre perfettamente i bisogni del mercato, e come IAB Italia sosteniamo il progetto con l’auspicio che la pubblicità del futuro sia sempre più comprensa e comprensibile”
Il libro è patrocinato da Assocom, l’Associazione delle agenzie di comunicazione, e dallo IAB, l’Interactive Advertising Bureau Italia, che rappresenta tutta l’industry della comunicazione online.

articoli correlati

AGENZIE

Assocom: Girelli e Nenna vicepresidenti, Pavone al Centro Studi, Bona ad Assap Servizi

- # # # # # #

Riunitosi nel pomeriggio di oggi per la prima volta, il nuovo Consiglio Direttivo di AssoCom ha eletto i nuovi due Vicepresidenti, nonché i Presidenti del Centro Studi e di Assap Servizi. Alle vicepresidenze sono stati indicati Marco Girelli, Ceo di OMD, ed Emanuele Nenna, managing director di Now Available (nella foto). “Ritengo che la mia nomina come vicepresidente di Assocom sia un segnale forte che sancisce il ruolo sempre più importante che il media e le realtà inerenti giocano nel mondo della comunicazione”, ha commentato Girelli. “Molti sono i temi cruciali che ci riguardano tutti e che dovremo affrontare nei prossimi mesi.”
“Al di là della personale soddisfazione e del ringraziamento che va al Presidente e ai consiglieri per la fiducia che mi è stata accordata, credo che la mia nomina rappresenti verso l’esterno un ulteriore segnale di rinnovamento dell’associazione, che ha voglia di ripartire con slancio dall’ottimo lavoro di traghettamento fatto dal consiglio precedente”, ha quindi aggiunto Nenna.”Ora mi sento ancora più responsabile e in prima linea nel dovere dare un contributo perché Assocom torni ad essere un brand attivo, visibile, moderno e quindi sexy. Inizieremo da subito a dialogare più da vicino con quegli interlocutori che possono aiutarci nella battaglia per ridare alla pubblicità e alla creatività senso e valore. E sono molto contento che l’altro vice presidente, Marco Girelli, sia espressione del media e delle multinazionali, perché in questo modo Assocom è ancora più credibile nel dichiarare di volere (e potere) rappresentare tutte le anime delle imprese di comunicazione di qualità”. Il Consiglio ha poi infine nominato come Presidente del Centro Studi AssoCom Layla Pavone, managing director di Isobar, mentre Eugenio Bona, presidente di Media Italia è nominato Presidente di Assap Servizi.

articoli correlati

AGENZIE

A “Comunicare Domani” i nuovi modelli di business. Rinnovata la struttura di AssoCom

- # # # # # # # # #

Integrazione, digitalizzazione, apertura al dialogo: sono queste le parole chiave per le imprese di comunicazione del futuro e gli elementi portanti di un nuovo modello di business, necessario per uscire dalla crisi. AssoCom, Associazione Aziende di Comunicazione, ne discute a Comunicare Domani, il 26 giugno alle 10, nel Salone d’onore della Triennale di Milano, viale Alemagna 6.

“L’integrazione di competenze, a cominciare dal digital, è un elemento fondamentale per vincere le sfide di un mercato che è profondamente cambiato – afferma Stefano Del Frate, direttore generale di AssoCom – Per questo è necessario che anche le imprese della comunicazione cambino approccio, lavorando in sinergia, facendo networking, ponendosi come interlocutori solidi ed autorevoli di fronte ai loro stakeholder istituzionali, in Italia e in Europa. Un cambiamento di cui AssoCom si fa motore a cominciare dalla sua organizzazione interna, con importanti modifiche alla governance mutuate da esperienze europee di successo e sulle quali l’assemblea dei soci sarà chiamata ad esprimersi nel pomeriggio del 26 giugno”.
AssoCom invita a Comunicare Domani tutte le imprese, dalle agenzie alla committenza, per confrontarsi a partire dagli stimoli offerti da importanti esperti e da testimonial di casi di successo. Roberto Binaghi, Presidente del Centro Studi AssoCom, presenterà i dati di investimento e il sentiment del mercato pubblicitario e, per la prima volta, una stima sugli investimenti delle aziende in comunicazione al di fuori del media a pagamento (costruzione di siti, presenza sui Social Network, attività di SEM eccetera). Giuliano Noci, ordinario di Marketing e Prorettore del Polo territoriale cinese del Politecnico di Milano, inquadrerà il Sistema Italia nel mercato globalizzato della comunicazione e analizzerà i nuovi comportamenti d’acquisto del consumatore e i cambiamenti necessari dal punto di vista dell’offerta. Una tavola rotonda condotta da Mario Abis, Fondatore e Presidente di Makno, Docente di statistica e ricerche di mercato IULM Milano, dibatterà sulle attese della committenza nei confronti di un nuovo modello di agenzia attraverso gli interventi di Vittoria Cristofaro, Global Brand Communication Manager Vodafone Group, Emanuele Nenna, Managing Director Now Available, Layla Pavone, Managing Director Isobar Communications – Gruppo Aegis, Andrea Stillacci, Fondatore e Presidente Herezie Parigi.

articoli correlati