BRAND STRATEGY

A Torino operazione di marketing outdoor per RE/MAX. Firma Serviceplan

- # # # #

re/max

RE/MAX, gruppo Immobiliare in franchising, inizia il nuovo anno alla grande con una imponente operazione di marketing outdoor a Torino: il centro città e la provincia (Bruino, Collegno, Moncalieri) sono invase per due settimane (da lunedì 7 gennaio al 20 gennaio) da oltre 100 spazi di arredo urbano per l’informazione, pensiline, stendardi, fermate del bus e fiancate dei tram con messaggi molto accattivanti. A parlare sono proprio gli agenti RE/MAX: “qualunque sia lo spazio di cui hai bisogno noi possiamo trovarlo. Mettici alla prova!“.

Uno spazio media e uno spazio in vendita hanno molto in comune, soprattutto la posizione e i metri quadri. Da questa intuizione è nata la nuova campagna RE/MAX. La forza della campagna è la sua adattabilità a qualsiasi territorio e media grazie al fatto che vengono scelti titoli che comunicano con lo spazio circostante usando i codici linguistici dei nostri agenti immobiliari.

La campagna di Torino segue infatti quella di Milano in Piazza Missori e San Babila di ottobre-novembre 2018 e l’obiettivo è proprio quello di portare la figura dell’agente RE/MAX, il suo linguaggio, la nostra mongolfiera e il format grafico, in ogni città d’Italia, partendo proprio dai capoluoghi milanese e piemontese.

La campagna è stata interamente realizzata dall’agenzia creativa Serviceplan Italia, sotto la direzione di Oliver Palmer. Client Creative Director: Luca Iannucci e Pasquale Frezza. Copywriter: Massimo Mazzucca. Art Director: Usa Limsithong, mentre la pianificazione è gestita dall’agenzia media InMediaTo, entrambe partner della Casa della Comunicazione con sede a Milano.

articoli correlati

MEDIA

Haribo sceglie Clear Channel per comunicare le nuove gelée nei principali mall italiani

- # # # #

Haribo - Clear Channel

All’insegna dello storico claim “Haribo è la bontà che si gusta ad ogni età”, il gruppo Haribo sta promuovendo, in questi giorni, una nuova linea di prodotto ai “frutti rossi” e ai “frutti gialli” insieme a una piacevole novità che, grazie a una grafica improntata sul natural, vede esposto, sulla confezione, il logo Vegan per accontentare anche i golosi vegani e vegetariani.

Dopo anni di crescita significativa all’interno del mercato delle caramelle gommose e liquirizia di cui è leader mondiale, Haribo vuole trasferire tutto il suo portato di “happiness”, colore ed alta qualità di prodotto anche all’interno del segmento delle gelée.

Per vincere questa nuova sfida, Haribo ha dunque deciso di rendere più completo il suo piano di comunicazione “below the line” andando ad aggiungere, per la prima volta, un’attività Outdoor sui principali mall italiani trovando in Clear Channel, media company e leader di mercato dell’Out of Home, il partner perfetto per realizzare, in esclusiva, un’attività efficace e ben strutturata.

Anche altre motivazioni hanno spinto Haribo a scegliere Clear Channel e il suo asset dei Mall, formato da 30 centri commerciali, considerati le nuove piazze che raccolgono la popolazione attiva nel tempo libero e nello shopping e che coprono in modo capillare il territorio nazionale, un network destinato a breve a ingrandirsi con l’acquisizione di ulteriori venti centri commerciali:

  • Right place – Right moment – Right message: un asset dove i Retailer sono in grado di raggiungere i consumatori con il giusto messaggio pubblicitario, proprio nel momento e nel luogo in cui stanno prendendo le loro decisioni di acquisto. Questo grazie anche alla distribuzione capillare degli impianti digitali all’interno dei centri.
  • Hyperlocal: grazie al fattore “hyperlocal”, la “consumer experience” può realizzarsi in modo molto concreto e questo consente l’OOH di non essere posizionato solo all’inizio (branding), ma di fatto anche nella fase in cui il consumatore passa all’azione e decide di effettuare l’acquisto.
  • Proximity: con Clear Channel, Haribo ha potuto realizzare una campagna di vero proximity marketing nei punti desiderati dove sono vendita i prodotti Haribo.
  • Drive-to-store: con questa pianificazione è stata ulteriormente arricchita la customer experience che ha portato il consumatore a sviluppare un’attività di drive-to-store, ulteriormente incentivata dalla messa in onda della creatività Haribo su tutti gli impianti digitali posizionati nell’ “avancassa” dei supermercati dell’asset.

“La campagna è stata costruita secondo 3 principali metriche per rendere efficace la comunicazione in termini di: i) Reach, andando a copertura dell’area di interesse, ii) Fame, favorendo la notorietà del brand e iii) Activation, ingaggiando i consumatori”, commenta Andrea Belli, Media Sales Director di Clear Channel Italia. “La pianificazione del nostro asset, grazie alla distribuzione capillare dei suoi impianti digitali, ha garantito ad Haribo una sicura e forte visibilità del marchio e del suo prodotto andando a intercettare all’interno del centro commerciale, un target dinamico ed evoluto con una forte propensione all’acquisto, soprattutto ai nuovi prodotti. Puntiamo a creare esperienze geolocalizzate attraverso contenuti mirati agli utenti presenti in un determinato momento di fronte a uno specifico impianto. In situazioni, come quelle dei centri commerciali dove il tempo di permanenza è elevato, le piattaforme di cui ci avvaliamo raccolgono importanti insight e valutazioni puntuali che ci consentono di profilare in modo approfondito il target e di migliorare costantemente i contenuti rivolti ai consumatori. Così la misurabilità diventa un tool di planning estremamente strategico in termini di efficacia della pianificazione, sia in modalità predittiva che post-campagna”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Salomon lancia sul web una campagna di recruiting di influencer

- # # # # # #

Salomon

Salomon rappresenta uno straordinario universo multi-sportivo nelle discipline Outdoor come il Trail Running, il Road Running, lo Sci e gli Sport Invernali ed è storicamente orientato dalla mission di arricchire la vita degli sportivi permettendogli di sperimentare, mettersi alla prova e progredire.

E proprio questo obiettivo è all’origine della nuova campagna di recruiting di influencers che partirà a settembre 2018. Salomon sa che non si impara a giocare da soli. Spesso è la smisurata passione dei più esperti, degli influencers, che permette agli altri di crescere e divertirsi. Perché lo sport è innanzitutto un gioco, prima con se stessi e poi con gli altri. E per questo che il brand vuole dare terreno fertile a chi ha l’entusiasmo di coinvolgere la propria community o di generarne di nuove.

Cercasi influencer

Salomon intende offrire la possibilità di vivere un’esperienza unica e autentica nel tempo facendo diventare l’appassionato un vero e proprio partner “coinvolgendolo in tutti quei momenti in cui il brand è a contatto con i propri clienti, per esempio durante gli eventi oppure sui canali digitali.

Il gruppo selezionato avrà con sé gli strumenti più efficaci e interessanti per alimentare la propria passione e poterla trasmettere agli altri, dando così il personale contributo alla crescita del proprio sport preferito.

I nuovi membri della famiglia Salomon saranno dunque il volto del marchio nelle comunità sportive rilevanti. Potranno condividere con i rispettivi followers la propria passione sportiva attraverso i social network, attivando e ispirando inoltre i “clienti” nelle comunità locali e nei momenti sportivi competitivi, oltre a fornire feedback su tutto quello che Salomon mette in campo, compresi i prodotti, aiutando così il Brand a migliorare ulteriormente.

Come candidarsi

Salomon ha predisposto una specifica piattaforma Web  attraverso la quale gli interessati possono iscriversi compilando l’apposito modulo online. A chiusura della campagna i professionisti del Brand selezioneranno i migliori candidati… e con loro inizierà un nuovo ed entusiasmante percorso in pieno spirito #TimeToPlay.

articoli correlati

MEDIA

“Il verde che ci unisce”: al via la nuova campagna outdoor di D’Amico. Firma Arkè

- # # #

D'Amico campagna outdoor

“Il verde che ci unisce”: è questo il nuovo claim con cui D’Amico ha scelto di tornare in comunicazione. Dal 16 giugno, infatti, D’Amico sarà protagonista di una campagna di megaposter e maxi impianti di arredo urbani, ubicati nei punti strategici di maggior traffico delle principali città italiane.

La campagna è stata concepita con l’obiettivo di comunicare la vicinanza del brand nei confronti del target: qualunque sia la sua età, le sue preferenze di gusto e di momento di consumo è il verde D’Amico ad unirlo, andando incontro ad un trend in forte crescita che vede sempre più protagonisti i consum-attori, consapevoli delle proprie scelte alimentari. Con i suoi prodotti, infatti, D’Amico unisce tutti i gusti, da quelli più tradizionali a quelli più innovativi.

Il verde, colore che identifica il brand, diventa protagonista della nuova campagna pubblicitaria con il claim “Il verde che ci unisce”, colore che raggruppa, come in una grande famiglia, chi mangia bio, vegano o tradizionale. Creatività e design sono di Arkè.

articoli correlati

MEDIA

Cannes Lions 2017: Clear Channel Outdoor mostra il potenziale creativo del Digital OOH

- # # # #

clear channel outdoor

Nel corso del Festival di quest’anno, Clear Channel Outdoor, una delle società di esterna più importanti al mondo, mostrerà le potenzialità dell’advertising Digital Out-Of-Home (DOOH) in termini di creatività, flessibilità e immediatezza.
Clear Channel Outdoor utilizzerà uno dei cartelloni pubblicitari digitali più grandi e più smart del mondo, oltre ad altri schermi di piccolo formato, per ospitare iniziative digital out-of-home. Dopo il felice debutto nel 2015, il gigantesco cartellone pubblicitario, soprannominato “Le Grand Screen”, sarà collocato sopra l’iconico Grand Hotel e potrà essere visibile dal pubblico di Cannes lungo tutta la baia. Invece, situato nei giardini dell’hotel, si troverà il Playground, lo spazio esperienziale di CCO, dedicato all’accoglienza, che presenterà anche campagne di comunicazione DOOH prodotte da advertiser, agenzie creative, agenzie di comunicazione, partner aziendali nel settore digitale e della produzione, oltre ad ospitare un programma mirato di leadership nell’arco dell’intera settimana.
Il programma DOOH di CCO sarà ricco di attività interattive dinamiche a cura di partner tra cui: Biborg, Black Swan, Buzz Radar, Haymarket, Quividi e Kirk&Kirk, LivePoster e Diageo, Ogilvy e Samsung, Stink Studios, Twitter e WCRS. I concetti creativi comprendono contenuti conditional-triggered, mobile gamification, contenuti generati dagli utenti, Intelligenza Artificiale (AI), rilevanza contestuale ‘hyper-local’, come anche aggregazione, integrazione e visualizzazione di dati.
“La creatività è davvero l’anima di questo Festival e grazie alle potenzialità tech-fuelled del Digital Out Of Home, insieme all’intrinseca capacità dell’Outdoor di raggiungere le “mass audiences”, a tutt’oggi rendono sicuramente questo mezzo di comunicazione uno dei più creativ”, commenta William Eccleshare, Presidente e CEO di Clear Channel International. “Abbiamo raggiunto per l’Out of Home un punto di svolta digitale attraverso importanti network che sono presenti nelle principali città del mondo e che consentono agli advertiser di ingaggiare le proprie audience con messaggi “data-driven”, in tempo reale e contestualmente rilevanti. Dato che stiamo ancora “graffiando” la superficie di ciò che è creativamente possibile fare, ci siamo avvalsi della collaborazione di partner che hanno realizzato, ad hoc per l’evento e per l’eccezionale pubblico di Cannes, numerose attività dinamiche e interattive con l’obiettivo di stimolare e ispirare tutto il settore dell’Advertising Globale sulle potenzialità creative dell’Out of Home”.

articoli correlati

MEDIA

DMAX lancia il programma tv “Il più forte”, Leo Burnett cura la campagna outdoor

- # # # # #

DMAX lancia il programma tv "Il più forte", Leo Burnett cura la campagna outdoor

Dal 25 ottobre arriva “Il più forte”, il nuovo programma Tv itinerante di DMAX, un viaggio tra tutte le regioni d’Italia che ha come missione quella di scovare l’uomo più forte del Paese. Alla conduzione, due volti inediti per una trasmissione televisiva: il grande rugbista Martin Castrogiovanni, e Alessio Sakara, atleta di arti marziali miste e primo italiano a competere nell’organizzazione statunitense Ultimate Fighting Championship.
E’ chiaro che per un programma così forte, non poteva bastare una normale pubblicità. Per questo Leo Burnett ha ideato l’outdoor più forte di sempre, un’affissione interattiva nella Stazione di Porta Garibaldi a Milano in cui Sakara e Castrogiovanni, nascosti dietro a un mega cartellone di 8 metri per 3 da cui uscivano solo le loro braccia, e hanno sfidato a braccio di ferro centinaia di passanti.
Un’iniziativa di grande impatto quella ideata dall’agenzia guidata da Giorgio Brenna e con la direzione creativa esecutiva di Francesco Bozza che ha dato vita anche a un video postato sulle pagine social di DMAX.

Agenzia: Leo Burnett
Direttori Creativi Esecutivi: Francesco Bozza, Alessandro Antonini
Direttore Creativo: Marco Viganò
Art Director: Luca Ghilino
Copywriter: Giuseppe Pavone
Account Supervisor: Claudio Mapelli
Account Manager: Federica Giacomotti
Producer: Federica Manera
Casa di produzione: Us Up

articoli correlati

MEDIA

Clear Channel è ADV Partner del Future Vintage Festival

- # # #

Clear Channel

Da oggi fino all’11 settembre, ha inizio a Padova la settima edizione del Future Vintage Festival, manifestazione leader sulla cultura dell’immagine e sulla ricerca di stile in chiave contemporary retrò. Saranno tre giorni di eventi legati alla comunicazione per la proposta di tendenze e impulsi nell’ambito della moda, del lifestyle e del design arricchiti da lecture, workshop, esposizioni artistiche e nightlife.

Future Vintage Festival, che l’anno scorso ha registrato un’affluenza di visitatori che ha superato le 50 mila presenze, è organizzato da Vintage Factory in collaborazione con Superfly Lab e si avvale del patrocinio della Regione Veneto, del Comune di Padova e della collaborazione dell’Assessorato al Commercio e alle Politiche giovanili dell’Amministrazione Comunale.

Classico Contemporaneo è il claim della manifestazione che si prefigge di portare in scena un dialogo creativo tra presente e passato. Il mood è esplicitato già dall’immagine scelta per la campagna ufficiale: uno scatto che rappresenta in chiave rock, ironica e irriverente un “selfie-dipinto” in stile “Nuovo Rinascimento”.

In seguito ai risultati positivi della scorsa edizione, la kermesse è sostenuta da Radio Deejay, Media Partner Ufficiale, che per la prima volta ha deciso di valorizzare un evento del Nord Est condividendo contenuti culturali, artisti e visioni su scala nazionale.

Future Vintage Festival propone un palinsesto ricco di appuntamenti gratuiti con grandi protagonisti come: Duilio Giammaria, Giampiero Mughini, Linus, Ambra Angiolini, Mauro Corona, Tiromancino, La Pina e Diego, Luca Mercalli, Ivan Zazzaroni, Rocco Siffredi, Tony Esposito, Justine Mattera, Maccio Capatonda, Leonardo Di Carlo; moderatore ufficiale di alcuni incontri sarà Andrea Vianello, direttore e giornalista Rai.

Clear Channel ha deciso quest’anno di partecipare all’evento in qualità di ADV Partner per contribuire ad amplificare la cassa di risonanza del Future Vintage Festival grazie a un’articolata campagna Outdoor che ha incluso, oltre ai tradizionali cartelloni pubblicitari e all’arredo urbano, i centralissimi schermi digitali di Milano e quelli dei suoi maggiori centri commerciali, aumentando così l’impatto della manifestazione, non solo a livello locale, ma anche extraterritoriale.

Paolo Dosi, CEO di Clear Channel Italia così commenta la partnership: “Siamo contenti che l’Associazione Vintage Factory ci abbia coinvolto in questo stimolante piano di comunicazione, finalizzato a conferire maggiore visibilità all’evento. Abbiamo cercato di incarnare lo spirito del Festival coniugando mezzi pubblicitari “vintage” con i nuovi e innovativi schermi digitali che rappresentano sicuramente il nostro “Future”. Questa operazione non vuole essere per noi solo un’avventura isolata, ma conferma e consolida la linea adottata da Clear Channel sempre attenta e pronta nello sposare progetti così singolari”.

articoli correlati

AGENZIE

JCDecaux: sempre più digitale e innovazione con JCDecaux Dynamic

- # # # # # # #

jcdecaux dynamic

JCDecaux, azienda leader globale nella comunicazione esterna, apre il proprio hub londinese dedicato alla creazione digitale, JCDecaux Dynamic, nominandone al vertice Alex Matthews e di Rick Burgess, dell’agenzia BBH, rispettivamente in qualità di Direttore Generale e di CTO.

La mission della nuova struttura è quella di concentrarsi sull’aspetto creativo dei contenuti digitali e sull’innovazione tecnica in materia di comunicazione esterna, al fine di offrire ai clienti di JCDecaux delle strategie innovative e creative, adattate all’ambiente del consumatore.

La multinazionale francese specialista della comunicazione esterna, che gestisce 49.300 schermi digitali in 30 paesi, ha unito le proprie forze alle qualità creative e alla professionalità tecnica di tali persone di talento, già dell’agenzia BBH, al fine di promuovere un’offerta digitale in grado di proporre ai brand delle nuove soluzioni per attrarre il loro pubblico.

 

Alex Matthews e Rick Burgess entreranno in carica il 1° febbraio. Rick Burgess riferirà ad Alex Matthews, il quale a sua volta riferirà al Presidente del Direttorio e Co-direttore Generale di JCDecaux, Jean-François Decaux, che dichiara: “Il lancio del nostro nuovo hub londinese dedicato alla creazione digitale, JCDecaux Dynamic, fa seguito all’assegnazione, nel 2015, da parte di Tfl, del più importante contratto al mondo relativo a pensiline pubblicitarie. L’installazione di 1.000 nuovi schermi digitali sulle pensiline londinesi, che si aggiungono agli schermi già presenti nelle stazioni, nei centri commerciali, nei supermercati, lungo le strade e negli aeroporti, unita alla creazione di JCDecaux Dynamic, avrà l’effetto di accrescere in modo significativo la nostra offerta digitale. Stimiamo che il digitale, entro il 2017, giungerà a costituire il 50% del nostro fatturato pubblicitario nel Regno Unito. Alex e Rick hanno entrambi un enorme talento, e non vedo l’ora di scoprire le tecnologie innovative e le strategie creative che svilupperanno per JCDecaux”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Lions 2015: ancora un Grand Prix a Volvo. 4 Leoni di Bronzo per l’Italia

- # # # # # # #

Ai Cannes Lions prosegue la collezione di Grand Prix degli autocarri Volvo. Dopo quello per il Direct di lunedì, la Casa svedese conquista la categoria Creative Effectiveness, dedicata alla campagna premiata da un Leone l’anno prima che ha prodotto i maggiori ritorni. A primeggiare è stata la serie di spot/video raccolta sotto il nome di “Live test Series“, firmata dall’agenzia Forsman & Bodenfors, tra i quali la celebre “spaccata epica” di Jean Claude Van Damme.
“Un vero regalo all’industria della comunicazione”, ha spiegato il presidente della giuria Wendy Clark, President Sparkling Brands & Strategic Marketing di Coca-Cola North America, “che dà prova di quanto il coraggio creativo possa condurre a risultati strabilianti”.

Nessun italiano tra i premiati, così come nell’Outdoor, in cui svetta Apple con la sua “World Gallery” realizzata da TBWA / Media ArtsLab di Los Angeles per il lancio dell’iPhone6. “Una scelta facile”, ha commentato il presidente della giuria Juan Carlos Ortiz, President & CEO di DDB, “un riuscitissimo mix di innovazione forte e pensiero lineare. Non gli abbiamo assegnato il GP, se lo sono conquistati da solo”.

Procter & Gamble, che porta a casa il Grand Prix nelle PR con “Always #LikeAGirlrealizzata da Msl Group NY/Leo Burnett Toronto: “una campagna che sposa la promessa del brand con gli obiettivi anche commerciali”, ha sottolineato la presidente di giuria Lynne Anne Davis, President & Senior Partner Asia Pacific di FleishmanHillard. “Non conta solo il numero di presone raggiunte, ma raggiungere quelle che contano davvero”.
In questa categoria sono tre i Leoni di Bronzo conquistati dall’Italia. Uno è andato al “Giuramento di castità di Rocco Siffredi“, (che promise pubblicamente astinenza fin tanto che la Nazionale Italiana fosse rimasta in corsa ai Mondiali di calcio) firmata da Havas PR per Durex di Reckitt Benkiser. Il secondo a “Dacia Sponsor Day” di Publicis Consultant, campagna che aveva già conquistato il Bronzo anche in Promo & Activation. Il terzo Leone è stato quello M&C Saatchi e Isobar per “Downloaded with #Fastweb“, per l’omonima azienda telefonica.
Nel Media, infine, il Grand Prix è stato conquistato da “Vodafone Red Light Application / Between Us” di Mindshare, con la creatività dello Y&R Team Red di Istanbul. “Un’attività che abbina il meglio di una campagna corporate con l’originalità della proposta di una ONG”, ha raccontato Nick Emery, Global CEO di Mindshare, “utilizzando un approccio media flessibile e personalizzato sul target, rappresentato dalle donne turche.
Questa categoria vede FCB Milano conquistare per l’Italia l’ultimo Bronzo della giornata con “Own Board magazine“, la rivista inflight della compagnia aerea brasiliana TAM personalizzata grazie a un uso intelligente dei dati “social” dei passeggeri, realizzata in occasione dell’ottavo anniversario della relazione diretta tra Milano e San Paolo.

articoli correlati

MEDIA

Rai Pubblicità per la prima volta Out of Home in occasione di Expo 2015

- # # # # #

Rai Pubblicità realizza un’iniziativa speciale di Out Of Home diventando concessionaria degli spazi pubblicitari outdoor di Expo 2015. Grazie all’accordo siglato tra Expo 2015 e Rai Com infatti, la concessionaria, che solitamente non opera nel segmento OOH, ha ottenuto in gestione la vendita degli spazi outdoor di Expo 2015.

Il progetto, già solidamente avviato, si struttura su attività di near digital marketing (app e beacon) e di videocomunicazione e si integra in maniera coerente all’interno dell’offerta commerciale di Rai Pubblicità. Sul fronte della videocomunicazione, il progetto prevede l’installazione di 44 totem doppio schermo e di 18 e-wall. I totem, presenti lungo le due direttrici principali dell’area espositiva di Expo, sono composti da un doppio schermo di cui uno ospita contenuti editoriali interattivi per i visitatori e l’altro, nella parte più alta, trasmette immagini, animazioni e video dei brand. Gli e-wall, della dimensione di 6×3 metri, sono invece suddivisi in tre parti. La sezione centrale accoglie app di contenuto informativo e ludico realizzate da Expo, mentre le sezioni laterali ospitano messaggi pubblicitari dei brand in forma di banner o video in stile manchette. Nel corso dei sei mesi di manifestazione, gli e-wall saranno uno strumento di comunicazione particolarmente rilevante poichè ospiteranno la diretta dei grandi eventi live in onda sui canali Rai come per esempio la visita del Presidente degli Stati Uniti. In queste occasioni gli e-wall catalizzeranno l’attenzione dei visitatori con cui le aziende potranno comunicare affiancando il proprio brand alla diretta dell’evento: metà della superficie degli schermi trasmetterà in diretta il maxi-evento mentre l’altra metà ospiterà i messaggi pubblicitari delle aziende.

Rai Pubblicità ha integrato entrambe le iniziative di OOH all’interno della propria offerta commerciale creando degli abbinamenti ad hoc anche con altri mezzi di cui è concessionaria come la televisione e la radio. La durata dei flight su e-wall e totem, per esempio, è stata calibrata sulla durata media di un flight pubblicitario in televisione e radio (15 giorni). Inoltre il pubblico di radio e televisione potrà facilmente identificare gli spot dei brand che sono presenti con la comunicazione anche a Expo grazie a cornici grafiche e sonore a tema create ad hoc da Rai Pubblicità.

Il progetto prevede anche il naming cioè l’attività di associazione del nome di un brand a una location dell’Expo attraverso l’installazione di una targa personalizzabile con il logo, i colori o il claim del brand. Inoltre l’offerta si completa con soluzioni di near digital marketing: grazie alla tecnologia ibeacon infatti le aziende che optano per questa soluzione potranno inviare messaggi pubblicitari ai visitatori che hanno scaricato l’app di Expo quando questi sono nei pressi della location brandizzata. Infine il naming ha anche una declinazione che riguarda le mappe cartacee dell’area espositiva che potranno essere brandizzate in lotti da un milione e mezzo di copie – per un totale di 13,5 milioni di copie stampate nel corso dei sei mesi, un’opportunità di visibilità unica -.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

La collezione P/E di Bosideng va su stampa e outdoor con De Primera

- # # # # # #

È on air da gennaio e coprirà l’intero primo semestre 2015 la campagna per la collezione P/E di Bosideng, pianificata su impianti outdoor, nei punti strategici delle grandi metropoli e in particolare a Milano, dove si terrà Expo 2015 nell’ambito della quale Bosideng è Golden Sponsor CCUP (China Corporate United Pavilion). In parallelo, la creatività sarà veicolata sulle maggiori testate moda nazionali ed internazionali.

Studiati dal fotografo Yuma Migliaccio, gli scatti vedono in primo piano, su un fondale di metropoli e grattacieli, immersi in un’oscurità intrigante, i nuovi capi della collezione del brand di outwear.

Lo sguardo diretto all’obiettivo dei due modelli Viktoriia Gubareva e Tommy Marr completa l’immagine generando un forte impatto che non può che catturare lo sguardo dell’osservatore.
La campagna è stata curata dall’agenzia De Primera, che si occupa del marketing e della comunicazione del brand.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

D’Amico, due nuove campagne di comunicazione outdoor firmate Arkè

- # # # # #

D’Amico si appresta a presentare due importanti campagne di comunicazione outdoor create dall’agenzia di comunicazione e design Arkè.
Nel periodo più gustoso dell’anno, dal 15 dicembre al 15 gennaio con il claim ‘Esperienze di gusto’, D’Amico presenta il suo nuovo packaging attraverso una campagna di affissioni ramificata su tutto il territorio nazionale.
Protagonista indiscusso della campagna sarà il nuovo pack D’Amico, raffigurato accanto ad una donna bendata mentre sperimenta le gustose Melanzane che, insieme ai Carciofi, sono già distribuiti nella nuova confezione.
La campagna è stata concepita con l’obiettivo di comunicare il gusto esperienziale che si prova quando si mangia un prodotto D’Amico. La fiducia nei confronti del brand è così forte che il consumatore può mangiare qualsiasi suo prodotto anche ad occhi chiusi. L’attimo immortalato rappresenta non solo un momento di nutrimento e gusto, ma una vera e propria esperienza inebriante che coinvolge tutti i sensi.
La campagna sarà diffusa capillarmente nei punti strategici di tutte le grandi città italiane: da Torino a Milano, da Roma a Palermo, passando per Napoli. Elemento distintivo, oltre al prodotto, sarà il verde D’Amico: filo conduttore di tutte le referenze del brand, permette facilmente di distinguerli dai competitor ed è diventato ormai il colore guida dell’azienda, simbolo della sua immagine.
Ma le novità non finiscono qui. Seconda, non di certo per importanza, è la campagna di comunicazione che parte nello stesso periodo su tutto il territorio del Trivenento per la linea Logrò. Il claim ‘Il gusto di sempre’ rende protagonisti i Funghi Trifolati: il messaggio alla base della campagna è la capacità dei funghi Logrò di creare un insieme di sensazioni di piacere e appetibilità senza la necessità di utilizzare il glutammato, restituendo così ai trifolati Logrò il sapore di una volta.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Cannes Lions #4/ Il giorno degli outsider. Nessun Leone all’Italia

- # # # # # #

Al Palais du Festival di Cannes sono stati assegnati ieri sera i Leoni per la categorie Mobile, Media e Outdoor. Dopo la messe di riconoscimenti raccolta nella giornata precedente, nessun Premio è andato ai lavori italiani. Difficile definire questo risultato una sorpresa, considerando l’assenza dell’Italia da due delle tre shortlist. Meno prevedibili, forse, i Grand Prix, che sono andati a paesi non “ospiti fissi” dei vertici delle classifiche di Cannes. Nel Mobile, infatti, il responso della giuria presieduta da Jaime Robinson, Executive Creative Director, Pereira & O’Dell San Francisco ha premiato il Brasile, per la campagna “Protection Ad” realizzata da FCB Brasil San Paolo per Nivea: annunci stampa da cui si poteva staccare un braccialetto, metterlo al polso dei propri bambini e scaricare un’app per seguire i loro spostamenti sulla spiaggia e assicurarsi che non vadano troppo lontano.

Nella categoria Outdoor, invece, il presidente della giuria Jose Miguel Sokoloff di Lowe Global Creative Council e CCO Lowe SSP3 Colombia, tra le 5660 campagna iscritte ha consegnato il Grand Prix all’australiana Whybin\TBWA Group Melbourne per la campagna “ANZ GayTMs”, creata per ANZ, una banca che ha trasfomarto i propri bancomat di Sidney in coloratissimi testimonial contro l’omofobia durante i festeggiamenti del “Mardì Gras”, donando al contempo le spese di incasso dei prelevamenti di contante dagli stessi all’associazione Twenty10, che difende i diritti di giovani e famiglie alla prese con problemi legati all’identità di genere.

Ma la vera sorpresa è stata il Grand Prix assegnato, per la prima volta nella storia del Festival, al Perù, nella categoria Media. Il presidente della giuria Matt Seiler, Global CEO di IPG Mediabrands ha infatti nominato al massimo riconoscimento l’agenzia McCann Lima, che ha firmato la campagna “Happy ID” per The Coca-Cola Company, mirata a rendere il Perù “la nazione più felice della Terra”, incoraggiando tutti i cittadini a sorridere nelle foto realizzate per i propri documenti di identità.

articoli correlati

MOBILE

The Gone On My Catwalk, l’app per allontanarsi dal computer di Helly Hansen

- # # # #

È disponibile sui vari store la nuova applicazione targata Helly Hansen, “The Gone on My Catwalk”, che premia chi la usa incentivando a spendere più tempo all’aria aperta e meno tempo davanti ai monitor. L’app infatti documenta quanto tempo gli appassionati di outdoor passano facendo attività all’aria aperta e li premia.

“Le collezioni Helly Hansen sono sempre state pensate per coloro che vogliono godersi la vita all’aria aperta”. dice Erik Burbank, Vice President Global Marketing Helly Hansen. L’applicazione The Gone on My Catwalk è un modo divertente per dare un ulteriore incentivo a stare all’aperto e incoraggia chi la usa a condividere con gli altri la propria esperienza con entusiasmo. E’ chiaro che lo scopo è di interagire e cercare di convincere sempre più persone a godersi la vita all’aria aperta e a farlo sempre più spesso, lasciando la scrivania e il computer per immergersi nella natura”.

Ogni settimana la giuria di Helly Hansen visionerà le foto delle “catwalk” mandate dagli utenti e premierà la foto migliore con un dono. Numerose altre sfide saranno organizzate localmente, sia in Nord America che in Europa, così come verrà premiato chi raggiungerà le 20 ore all’aperto. Dopo che gli utenti avranno raggiunto questo traguardo, l’App continuerà a documentare il tempo speso all’aria aperta e a mandare messaggi di incoraggiamento ogni volta che sta per iniziare una nuova competizione in cui si deve raggiungere una certa distanza o superare un record personale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Superga presidia il cuore di Milano e Roma con Strategy & Media Group e Noodles

- # # # # # # #

Superga, marchio storico dello sportswear tricolore, parte del gruppo BasicNet, torna in comunicazione Outdoor dal 7 Maggio per un mese, con la collezione Spring/Summer dello storico modello 2750: un classico senza tempo, dallo stile deciso, semplice e impeccabile.
Il concept creativo fresco e contemporaneo, opera dell’agenzia Noodles Comunicazione di Marco Prunotto, si muove tra italianità e multicolor per ritrarre un’icona del nostro Paese. Non a caso il claim sottolinea “La Superga ha carattere, proprio come gli italiani”.
Protagoniste della campagna outdoor sono le città capitali della Moda e del Made in Italy: maxi impianti di prestigio e dal forte impatto emozionale nel cuore di Milano e Roma con due speciali circuiti HOO a copertura delle vie dello shopping: decordinamica Eurotram e dinamica urbana.
La scelta della pianificazione è a cura di Strategy & Media Group, agenzia di comunicazione di Ludovica Vanni.

articoli correlati