MEDIA

Con IGPDecaux Innovate e Iodosan Doloaction i milanesi si scaldano alle fermate ATM

- # # # # # # # # # #

Termina in questi giorni la campagna di comunicazione di Iodosan Doloaction sulle pensiline IGPDecaux a Milano.
Con questa campagna GSK Consumer Healthcare annuncia il suo ingresso nel mercato del dolore topico, grazie a nuovissimi cerotti ad azione riscaldante localizzata per alleviare il dolore muscolare.

IGPDecaux Innovate, attenta a cogliere i tratti salienti dei prodotti in comunicazione, completando l’esperienza per il consumatore passeggero del mezzo pubblico, ha sviluppato un sistema termico localizzato che permette agli utenti in sosta sotto le pensiline di fare provare subito i  plus dei nuovi cerotti Iodosan.
Al centro del manifesto, la cui creatività è stata sviluppato dall’agenzia Grey Milano, una freccia  e la scritta prova il calore, invitano le persone ad appoggiare le mani sul manifesto sentendo un piacevole caldino.

articoli correlati

AGENZIE

Kinetic presenta K Video, un “canale televisivo fuori casa”

- # # #

Kinetic ha creato K Video, un pacchetto di videocomunicazione che raccoglie il meglio dell’offerta presente sul mercato per creare un vero e proprio “canale televisivo fuori casa”.

 

Una proposta che nasce dalle analisi condotte da Kinetic sui prodotti che necessitano di un sostegno costante, come quelli di largo consumo, che hanno dimostrato che la videocomunicazione è un media performante che può arrivare ad avere un ROI quasi doppio rispetto alla tv. Un risultato che parte proprio dalla sinergia con il piccolo schermo che porta ad un aumento dell’efficacia sulle vendite fino al 20%. Un incremento che si va a sommare alla modularità a livello locale, insita nell’OOH. A fronte di budget contenuti e basso CPG, la videocomunicazione consente di coprire gran parte del territorio nazionale fornendo un contributo incrementale al sell-out rispetto a quello già generato dalla TV.
Il presidio degli ambienti ad alto traffico quali stazioni, aeroporti, metropolitana, autobus, autostrade, centri città, può inoltre aggiungere fino a 6 punti di copertura incrementale, a seconda del planning, rispetto a quella televisiva.
“Kinetic produce costantemente per i propri clienti analisi quali-quantitative a supporto dell’OOH distinguendosi sul mercato e creando informazione – dichiara Maria Luisa Scialoia (nella foto) Responsabile Strategica di Kinetic Italia – Ormai da tempo valutiamo in pre-campagna l’efficacia dei layout creativi ed in post misuriamo l’impatto sull’awareness e sul sell-out, dimostrando che l’OOH contribuisce in maniera efficace ed efficiente al business del cliente”.

articoli correlati

MEDIA

Clear Channel presenta a Milano i nuovi CityWeb Network

- # # # # #

“È arrivato il momento per l’esterna di fare il passo che hanno fatto tutti gli altri mezzi rendendosi conto della sua grande capacità di ingaggio attraverso le tecnologie web e mobile”, esordisce Paolo Casti Strategic & Marketing Director Clear Channel, introducendo le performance dei nuovi “CityWeb Network” durante l’evento organizzato al Circolo Filologico di Milano. “Per la strada, nelle nostre città, ci sono migliaia di touch point in grado di comunicare a tutti coloro che si muovono e dei quali, grazie ad AudiOutdoor, a Sinottica e a MatchOut – il software che li fonde georeferenziando gli stili di vita degli italiani – conosciamo tutto, da quello che fanno in termini di attività e di consumi alle loro aspirazioni, sappiamo anche se in tasca hanno un telefonino, un tablet, qualsiasi device che può entrare nella rete”.

Il nuovo approccio presentato da Clear Channel con i nuovi CityWeb Network propone di sfruttare le migliori caratteristiche dell’OOH e del MobileWeb cancellando i rispettivi minus: la scarsa profondità di contenuti del primo e le limitate potenzialità d’ingaggio del secondo. Il tutto attraverso due innovativi hardware virtuali, MediaMixer® (nella foto) e PlayNumbers®.

“Fare innovazione in questo settore non significa semplicemente mettere un QR code su un manifesto e chiedere alle persone di fotografarlo”, prosegue Casti. “Significa creare attorno a quell’immagine una serie di contenuti virtuali personalizzati ed essere in grado di inviarli in tempo reale, attraverso la rete, agli utenti. In questo modo informazioni, intrattenimento, promozioni, giochi, divertimento e interazione potranno raggiungere obiettivi precisi e misurabili con parametri associabili a quelli degli altri mezzi di comunicazione”.

Clear Channel ha analizzato il profilo di coloro che accedono al web in mobilità definendo un target di giovani, lavoratori con un reddito e status medio-alti e alti e che vivono la cultura e l’ambiente esterno in maniera privilegiata. Sono bassi fruitori del mezzo televisivo  – a eccezione dei canali satellitari – e vivono costantemente collegati a internet e ai social network. E proprio a questi “WebMobilers”, soprattutto giovani tra i 25 e i 34 anni –  è rivolta l’offerta altamente performante e innovativa dei CityWeb Networks di Clear Channel, frutto della comunicazione integrata dell’OOH con il web.

Clear Channel è presente nelle 5 città principali d’Italia con 2.446 spazi (534 Milano, 240 Torino, 638 Treviso-Padova-Venezia-Verona, 770 Roma, 264 Napoli) a garanzia di 2.450 Grp, con il 56% di copertura e 484 secondi di tempo di esposizione, andando a intercettare circa 30 milioni di persone che gravitano nelle aree metropolitane.

articoli correlati