BRAND STRATEGY

Findus in campagna per il nuovo Minestrone 100% Italiano. Creatività di Grey

- # # # #

nuovo minestrone

Findus parte con una nuova campagna per promuovere il nuovo Minestrone Findus 100% Italiano, preparato con 15 verdure coltivate in modo responsabile, di cui tre a marchio DOP ed IGP: il Basilico Genovese DOP, la Patata del Fiumicino IGP, la Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP.

Lo spot del nuovo Minestrone 100% italiano è una celebrazione del lavoro degli agricoltori italiani nei campi. Le verdure Findus, come sottolinea lo spot, sono tutte coltivate in pieno campo secondo la loro naturale stagionalità per garantire tutto il gusto della verdura nel suo periodo di massima maturazione. Surgelate in un tempo brevissimo perché possano preservare le qualità organolettiche e nutrizionali, arrivano sulle tavole di milioni di famiglie italiane, che in ogni piatto di minestrone ritrovano la qualità delle migliori verdure italiane accuratamente selezionate dagli agronomi Findus.

La creatività dello spot è a cura di Grey, la creatività digitale è di Network Comunicazione e la pianificazione media è a cura di Zenith.

Ma qualità per Findus non può prescindere dalla sostenibilità, per questo attraverso la web serie Findus Green Camp l’azienda racconta il proprio impegno per coltivare in modo responsabile, attraverso le avventure di Fabrizio Fontana, Responsabile degli Agronomi Findus, e del suo team di giovani esploratori. La web serie, a puntate, si svolge tra i campi Findus di Abruzzo e Agro Pontino. L’Agronomo guiderà il suo team alla scoperta delle coltivazioni di zucca, carote, patate, porri, sedano e spinaci. Ecco allora che in compagnia di App, l’esperta di tecnologia, Vinci lo sportivo, Chicco il goloso, Verde l’amante della natura e degli animali, sarà possibile addentrarsi nei campi per conoscere tutti gli aspetti dell’agricoltura sostenibile.

“Lo scopo del nostro progetto” spiega Fabrizio Fontana, Responsabile degli Agronomi Findus, “è educare i più piccoli alla sostenibilità ambientale e alla conoscenza delle proprietà dei vegetali che compongono i nostri prodotti, in particolare il minestrone. Nel corso delle varie puntate racconteremo il nostro modo di fare agricoltura, le misure che adottiamo per il risparmio dell’acqua e la pratica della rotazione delle colture per mantenere i terreni fertili, fino all’importanza delle relazioni umane e dei rapporti tra azienda e agricoltori. Nell’Agro Pontino, ad esempio, il periodo medio di collaborazione con le aziende agricole e Findus è di circa 20 anni, a dimostrazione del forte legame con il territorio”.

 

articoli correlati

AZIENDE

SpotX espande il proprio network editoriale grazie alla partnership con Evolution Adv

- # # # # #

spotx

SpotX, la principale piattaforma di video advertising e monetizzazione per operatori media, annuncia la partnership con Evolution ADV, agenzia specializzata in programmatic advertising, che andrà a rafforzare ulteriormente l’inventory di SpotX con nuovi siti focalizzati sulle aree donna, sport, economia, news ed entertainment.

A seguito dell’acquisizione avvenuta lo scorso luglio di B4U, realtà dedicata alla gestione di formati pubblicitari video, da parte di Evolution ADV, SpotX, partner di B4U, ha potuto incrementare il proprio network di editori potenziando ulteriormente la propria offerta sul mercato. La nuova collaborazione prevede il coinvolgimento di SpotX come partner tecnologico per la gestione video di Evolution ADV.

Evolution ADV, con oltre 100 siti in gestione e oltre 200 milioni di pagine viste su base mensile, si propone come apripista di un nuovo modello di partner di monetizzazione per i publisher digitali, occupandosi degli aspetti tecnologici e commerciali sul lato dell’offerta e garantendo selezione e qualità dell’inventory sul lato della domanda.

Grazie a questa implementazione, SpotX consentirà agli inserzionisti di entrare in contatto con la propria audience attraverso i diversi device, raggiungendola ovunque con contenuti coinvolgenti e garantendo una pianificazione sempre più precisa, con una minore dispersione e una maggiore efficienza delle campagne video, ottenendo infine un’ottimizzazione efficace degli investimenti pubblicitari.

“Siamo orgogliosi di annunciare l’arricchimento del nostro network di editori grazie all’ingresso di Evolution ADV che annovera una serie di siti web tra i più importanti in Italia, ricoprendo le più ampie tematiche: dall’intrattenimento, allo sport, dal lifestyle all’economia e finanza”, dichiara Giuseppe Bronzino (nella foto), Managing Director SpotX Italia. “Grazie a questo ampliamento saremo in grado di offrire agli inserzionisti una gamma allargata di inventory raggiungendo un target ancora più mirato nei settori donna, sport ed economia”.

SpotX e smartclip hanno unito le loro attività commerciali creando, per broadcaster e aziende media di tutto il mondo, la proposta Total Video: un’offerta che fa leva sulla tecnologia per la gestione e la monetizzazione dell’advertising. Più del 40% del business congiunto delle due aziende è oggi generato al di fuori degli Stati Uniti grazie al lavoro di 220 persone distribuite in Europa.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Torna il Double Down, anche nella versione Zinger. Campagna di Simple Agency e Isobar

- # # # # #

zinger

“Ma perché lo avete tolto?” si chiedeva la community social di KFC. E il Double Down, il geniale panino senza pane del Colonnello Sanders, fa di nuovo scalpore tornando nei ristoranti KFC e raddoppiando il gusto. Insieme alla versione Original Recipe, già nota ai fan, da oggi si può gustare anche nella proposta piccante Zinger che incendia i palati.

Il Double Down iconico di KFC al posto del pane ha due filetti di pollo fritto, preparati secondo la ricetta originale del Colonnello Sanders, e all’interno è farcito con bacon, formaggio Monterey Jack, maionese e salsa barbecue. La nuova variante Zinger è super piccante grazie ai due filetti Zinger preparati secondo la ricetta Hot&Spicy e alla salsa Supercharger.

“Il grande successo del Double Down che abbiamo lanciato a gennaio 2018 ci ha convinti a proporre ora la nuova declinazione piccante, che fa parte della famiglia Zinger dedicata ai palati che amano le sfide”, spiega Nicoletta Pirro Ruggiero, Head of Marketing and Communication di KFC Italia. “La comunicazione ideata per il nuovo prodotto dà continuità alla strategia che avevamo individuato per il lancio di gennaio e racconta un modo di fare tutto italiano: parlare con i gesti. Ma come il prodotto, anche la campagna di comunicazione ha una nuova declinazione. Abbiamo infatti coinvolto direttamente la fan base del Double Down per renderla protagonista: alcuni degli assaggiatori del Double Down Original Recipe e Zinger che compaiono nella campagna sono infatti stati reclutati tra i fan più sfegatati di KFC”.

La prova dell’assaggio è il cuore della creatività della comunicazione ideata da Isobar, l’agenzia creativa di Dentsu Aegis Network. Un video mostra in split screen gli utenti che celebrano il ritorno del Double Down e la novità, e vengono travolti dalle fiamme dello Zinger. Il ritorno con raddoppio è rappresentato da uno strappo che percorre il logo di KFC e del Double Down, strappo che diventa l’elemento ironico di raccordo dello split screen, delle Stories e del k-visual della comunicazione sul punto vendita.

Protagonisti della campagna sono alcuni fan reclutati su Facebook e un cameo da scoprire, per veri intenditori.
Ma è sempre il Colonnello Sanders a tenere le fila delle conversazioni social: recluta gli assaggiatori, risponde in prima persona su Facebook, con tutto un vocabolario di gesti tipicamente italiani che ha finalmente imparato, e si inserisce nei contenuti prodotti spontaneamente dagli utenti su Instagram grazie ad alcuni gif e sticker su Giphy che lo vedono protagonista.

Da oggi al 24 ottobre il video Double Down sarà online con diversi formati su Youtube, Facebook e Instagram Stories, grazie alla pianificazione di Simple Agency, Gruppo Dentsu Aegis Network Italia.
Il Colonnello Sander è protagonista anche del menu board dei ristoranti, con un’incursione sorprendente: davanti ai clienti intenti a ordinare, il braccio del Colonnello spunta improvvisamente nel menù dei panini, lo strappa e mostra il ritorno con novità del Double Down!

Credits
Agenzia: Isobar, Gruppo Dentsu Aegis Network Italia
Direzione creativa esecutiva: Lavinia Garulli
Art director: Nicola Basile
Copywriter: Lia Paganini
Strategic planner: Silvia Garagnani
Social Strategy: Sergio Fimiani
Community management: Matteo Bordoni, Linda Andreozzi
Account director: Chiara Caccia
Project manager: Ilaria Perrone
Production company: Tapeless Film
Director: Enrico Cremagnani
Photo Shooting: Carlo Facchini per Studio Ros
Home economist: Iviano Ravasio
Pianificazione media: Simple Agency, Gruppo Dentsu Aegis Network Italia

articoli correlati

AZIENDE

We Are Social apre il dodicesimo ufficio del network. A Madrid

- # # # #

we are social

We Are Social annuncia oggi l’inaugurazione della nuova sede di Madrid, dodicesimo ufficio del network globale.

Alberto Pachano, Managing Director, sarà responsabile dell’ufficio locale, mentre Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava (nella foto) co-founder e CEO di We Are Social Milano, assumono il ruolo di CEO Italia e Spagna. Il nuovo team lavorerà con brand rilevanti a livello locale e internazionale, che includono – tra gli altri – Bic e Lavazza.

“La Spagna ha un fortissimo potenziale nel marketing e nella comunicazione da un punto di vista creativo, social e digital. La preparazione di questo lancio è stata un’opportunità per conoscere molti talenti in diversi ambiti del nostro settore e di scoprire un panorama dinamico e in evoluzione. Abbiamo avuto la fortuna di incontrare un professionista come Alberto, dal background internazionale e con un approccio estremamente vicino ai valori di We Are Social”, commentano Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, CEO We Are Social Italia e Spagna. “Il suo progetto per lo sviluppo dell’ufficio di Madrid si basa su una conoscenza profonda del mercato e una visione consapevole del ruolo che We Are Social può avere in Spagna. Il team, già al lavoro su diversi progetti locali e internazionali, rappresenterà per il nostro network un nuovo, ulteriore punto di vista privilegiato per comprendere la cultura, individuare i trend e le dinamiche evolutive del nostro settore, e per mettere il nostro approccio a disposizione del mercato spagnolo.”

Madrid si unisce agli uffici di Milano, New York, Londra, Parigi, Monaco, Berlino, Dubai, Singapore, Shanghai, Pechino e Sydney, un network di oltre 700 persone che sviluppano ideas powered by people in 10 paesi del mondo

articoli correlati

AGENZIE

Daniele Cobianchi è il nuovo CEO di McCann Worldgroup Italy

- # # #

cobianchi - mccann worldgroup

McCann Worldgroup ha annunciato oggi che Daniele Cobianchi è stato nominato CEO di McCann Worldgroup Italia. Cobianchi, già CEO di McCann (Advertising), estenderà il suo mandato alla supervisione di MRM//McCann (CRM & Digital), Momentum (Eventi) e CRAFT (Produzione), lavorando a stretto contatto con i leader di ciascuna di queste agenzie.

Cobianchi ha cominciato la sua attività in McCann nel febbraio 2014 dopo oltre 15 anni di esperienza maturata in network globali di comunicazione (Dentsu, BBDO, Lowe, Havas, Ogilvy). Ha ricoperto il ruolo di CEO McCann, e successivamente quelli ulteriori di Vice Presidente e Chief Growth Officer di McCann Worldgroup.

“In questi anni d’agenzia Daniele ha contribuito in modo significativo allo sviluppo e al consolidamento delle aree chiave del nostro business, spingendo la crescita del gruppo attraverso il new business, la valorizzazione del prodotto strategico-creativo e favorendo l’integrazione delle discipline. McCann Worldgroup Italia ha recentemente ottenuto importanti riconoscimenti come Agenzia Creativa dell’anno dal Golden Drum ed è presenza ormai costante tra vincitori del Cannes Lions. Siamo certi che con la leadership di Daniele, l’agenzia potrà avanzare con successo in una nuova era di crescita e trasformazione”, ha dichiarato Pablo Walker, Presidente McCann Worldgroup Europe.

“Sono onorato che un network straordinario come McCann Worldgroup mi abbia proposto questo nuova e ambiziosa sfida. In un momento di grande trasformazione del nostro settore, questa è una fantastica opportunità per far crescere davvero le nostre capacità in tutte le discipline, interpretare il cambiamento e offrire servizi migliori ai nostri clienti. Grazie al contributo dei nostri team locali e del nostro network globale, continueremo ad aiutare brands e clienti ad avere un ruolo meaningful nella vita delle persone con idee innovative, tecnologia e passione”, ha commentato Daniele Cobianchi.

articoli correlati

MEDIA

Fox Italia sceglie Sky Media come nuova concessionaria per l’online

- # # # # #

sky media foxlife

Fox Networks Group Italy sceglie Sky Media. La concessionaria già responsabile della raccolta dei canali tv del gruppo, dal mese di luglio si occuperà anche delle properties digital di Fox. Una scelta che mira a sottolineare e valorizzare la crossmedialità dell’offerta di Fox Italia, capace di proporre ai clienti opportunità a 360 gradi, che si sviluppano dai canali televisivi, ai portali web e i social media passando per gli eventi sul territorio. L’obiettivo è proporre ai clienti progetti che offrano una sempre più proficua e pervasiva integrazione tra tutti i media Fox e che raggiungano una audience finemente profilata aumentando i punti di contatto con il pubblico.

L’ultimo anno ha visto una importante crescita per tutto l’ecosistema digital di Fox Italia: 76 milioni di visitatori unici totali (+116% rispetto allo scorso anno), 335 milioni di page views (+52%) e 106,5 mln di video views (+97%).
Ottimi anche i risultati relativi alle properties social di Fox Networks Group Italy che raggiungono 76 milioni di interazioni con un tasso di engagement di oltre il 10%. In totale il gruppo vanta 6,5 milioni di fan su Facebook e oltre 111 milioni di video views organiche.

Ad un anno dal suo lancio, il portale FoxLife.it registra risultati importanti con 84 mln di page views, quasi 20 mln di visitatori unici e 29 mln di video views. Foxlife.it rappresenta anche lo spazio per contenuti esclusivi di grande richiamo come la webserie Grey’s Anatomy B-Team spin off della serie firmata da Shonda Rhimes, oltre a rappresentare uno spazio ideale per progetti di branded content come ha dimostrato Anna. Quella che (non) sei, la miniserie tv prodotta da FoxLab in collaborazione con Mercedes-Benz.

Ottimi risultati anche per Mondofox.it, il portale dedicato all’universo delle serie tv, al cinema e ai videogames: diventato un punto di riferimento per tutti gli appassionati del genere, raggiunge oltre 94 mln di page views, 25 mln di visitatori unici.
FoxSports.it, invece, ha saputo conquistare in poco tempo l’attenzione degli appassionati di sport. diventando inoltre il punto di riferimento per gli amanti degli sport emergenti come le arti marziali miste, il wrestling e la boxe che sempre più stanno conquistando il pubblico italiano. Con informazioni, aggiornamenti e approfondimenti Foxsports.it ha saputo raggiungere nell’ultimo anno 95,6 mln di page views, 23,5 mln di visitatori unici e oltre 31 mln di video views.
A dimostrare il successo del portale sportivo è anche la crescita esponenziale della sua community social, che vanta un tasso di engagement su Facebook pari al 15%,

 

articoli correlati

AZIENDE

Debutta SIAchain, per lo sviluppo di soluzioni DLT nel finance, corporate, e PA

- # # # #

siachain sia

SIAchain è la nuova piattaforma proposta da SIA alla istituzioni finanziarie, corporate e Pubbliche Amministrazioni, per supportarle nell’implementazione, in modalità sicura e protetta, di applicazioni innovative basate su tecnologia blockchain.

Un comparto che ha vista una rapida crescita dell’interesse: il fenomeno disruptive delle blockchain, basato sulla condivisione di conoscenze e competenze tecnologiche, garantisce infatti il miglioramento e la semplificazione dei processi, e l’ottimizzazione dei costi di gestione e degli investimenti infrastrutturali.

Non sorprende quindi che il World Economic Forum (WEF), con un suo paper recente, abbia stimato in 1,4 miliardi di dollari l’investimento globale in questa tecnologia da parte di aziende ed enti nel corso degli ultimi 3 anni.

Grazie all’infrastruttura privata SIAchain, che potrà avvalersi dei circa 580 nodi di rete in Europa di SIAnet (il network in fibra ottica ad alta velocità e bassa latenza lungo oltre 170.000 chilometri) verranno avviate e rese disponibili una serie di applicazioni di business dove la distributed ledger technology (DLT) rappresenta un’innovazione emergente per soddisfare le esigenze di specifiche community di membri registrati e approvati. SIA garantisce, inoltre, l’organizzazione di tali community in un contesto di trasparenza, riservatezza e sicurezza.

SIAchain potrà essere impiegata in diversi ambiti come, ad esempio, per la verifica automatizzata di accordi e contratti (i cosiddetti “smart contracts”), la gestione di servizi bancari, finanziari e assicurativi (nel caso di mutui, polizze o analisi dei rischi di credito), la gestione di identità digitali (controllo e rilevazione degli accessi autorizzati a sistemi ed applicazioni), la tracciabilità di proprietà di beni ed immobili (“smart property”), la gestione e registrazione di dati governativi, sanitari e
amministrativi, etc.

“SIA prosegue il suo tradizionale percorso di innovazione attraverso lo sviluppo di un’infrastruttura tecnologica in grado di supportare comunità di diversi settori merceologici nella realizzazione di applicazioni secondo logiche organizzative aperte”, ha commentato Massimo Arrighetti, Amministratore Delegato di SIA (nella foto). “La nuova architettura, per le sue peculiarità tecnologiche esclusive, rappresenta inoltre uno strumento avanzato con elevate caratteristiche di performance e sicurezza”.

articoli correlati

MEDIA

Michela Bellini assume il ruolo di Managing Director di Isobar Italia

- # # # #

Proseguono le nuove nomine all’interno di Dentsu Aegis Network: Michela Bellini assume il ruolo di Managing Director di Isobar Italia, l’agenzia creativa del network. Forte di curriculum ventennale nella comunicazione digitalem che parte nel 1998 con una dotcom del fondo Kiwi di Elserino Piol, per proseguire in E-tree di Riccardo Donadon, Dada, Zodiak e TheBlogTV, Michela bellini vanta un’esperienza consulenziale in tutte le industry b2c e b2b avendo lavorato per clienti come Ferrero, DeAgostini, Seat Pagine Gialle, Fastweb, Huawei e Yamamay.
Entrata in Dentsu Aegis Network nel 2013, ha riorganizzato Isobar Italia portandola ad assumere il ruolo di agenzia creativa del Gruppo in sinergia con il posizionamento di lsobar Global. Oggi Isobar è costituita da un network presente in oltre 70 Paesi e si posiziona come global, full service digital agency. Creatività, tecnologia, persone ed innovazione sono al centro dell’approccio strategico. Sono di pochi giorni fa le dichiarazioni di Jean Lin, CEO Global di Isobar, in occasione del Cannes Lions in cui afferma la centralità della creatività nell’economia, nella società e nella cultura in un’epoca invasa dalla tecnologia digitale.
“Amo sempre ricordare al team che nessuno è creativo in agenzia perché tutti siamo creativi, altrimenti non faremmo ciò che facciamo con la passione e la tenacia di ogni giorno” aggiunge Michela Bellini (nella foto), “Credo fermamente nella forza democratica delle idee e nella multidisciplinarietà dei ruoli di questa squadra di professionisti solida e compatta, capace di offrire un approccio unico sul mercato, che i nostri Clienti ci riconoscono ogni giorno. Completeremo a breve il nostro processo organizzativo, che prevede un ulteriore rafforzamento della parte creativa di Isobar Italia”.

articoli correlati

AZIENDE

Accenture apre a Milano il suo più ampio hub dedicato a retail, moda e beni di consumo

- # # # # #

acin accenture customer

Inaugato alla presenza del sindaco Beppe Sala e situato proprio nel cuore del quartiere storico di Porta Nuova diventato simbolo della capacità di innovazione della città, in Piazza Gae Aulenti 8, l’ACIN (Accenture Customer Innovation Network) milanese va a integrare la rete globale di Accenture, che comprende anche i poli di Bangalore, Chicago, Manila e Singapore.

Il nuovo ACIN di Milano offre un ambiente dove è possibile immaginare, esplorare, scoprire e sviluppare la frontiera dei nuovi servizi digitali, un luogo quindi in cui risolvere le grandi sfide che attendono le aziende: dall’utilizzo dei social media alla nuova ondata di applicazioni nel campo dell’intelligenza artificiale.

In ACIN le aziende vivono un innovation journey, un percorso di innovazione in cui ripensare gli attuali modelli di business e l’esperienza del consumatore, sviluppando una roadmap concreta e sostenibile. L’ACIN può quindi aiutare le organizzazioni a lanciare prodotti e servizi disruptive sul mercato in modo più rapido rispetto al passato.

 

“Le tecnologie digitali sono sempre più convergenti, i consumatori sempre più esigenti, e quindi gli operatori sono costantemente sotto pressione per non farsi surclassare dai competitor”. Questo il commento di Sander van ’t Noordende, Group Chief Executive Accenture Products. “Le aziende che si interfacciano con i consumatori hanno necessità di innovarsi continuamente per garantire flessibilità e agilità per ogni funzione aziendale. Il nostro nuovo Centro milanese è parte integrante dell’Accenture Innovation Architecture, che riunisce le competenze di tutta l’azienda, da quelle rivolte alla ricerca, alle acquisizioni, i laboratori, a quelle relative agli studi e ai centri di innovazione passando per i delivery center per aiutare i clienti a sviluppare, scalare e offrire a innovazioni disruptive”.

Oltre ad ACIN, Accenture ha stabilito altri importanti Centri di Innovazione e di Delivery, quali il Liquid Studio di Milano, il Digital Acceleration Center e il Centro di Eccellenza in ambito Life Science, entrambi a Roma, o ancora l’Automotive Industry Solution Center di Torino e i Technology Delivery Center di Napoli e Cagliari.

articoli correlati

AZIENDE

Ad Age: Accenture Interactive è il “digital network più grande al mondo”

- # # # # #

Accenture AdAge

AdAge ha nominato Accenture Interactive “digital network più grande al mondo” per il secondo anno consecutivo. La ricerca annuale “Agency Report” si basa sulla valutazione di oltre 700 agenzie, network e società e le classifica in base al fatturato raggiunto nel 2016 a livello mondiale. Tra le reti di agenzie digitali, Accenture Interactive ha registrato il fatturato maggiore a livello globale, pari a 4,4 miliardi di dollari per l’esercizio 2016 (chiusura al 31 agosto), che corrisponde a una crescita del 50,9% rispetto all’anno precedente. Accenture Interactive è inoltre balzata al primo posto tra i maggiori network consolidati a livello mondiale, risalendo dal 4° posto dell’anno scorso.

Accenture Interactive si è classificata a livello mondiale come segue: 1° posto – tra i 15 maggiori digital agency network, reti di agenzie digitali; 1° posto – tra i 25 maggiori network consolidati, reti di agenzie che operano sotto un unico brand; 6° posto – tra le 25 maggiori agenzie. Queste posizioni rispecchiano un anno straordinario per Accenture Interactive e dimostrano quanto il mercato apprezzi i suoi servizi differenziati nell’ambito della customer experience, servizi che abbinano marketing, tecnologia e brand. “Oggi i brand sono il frutto di una serie di esperienze interconnesse che le persone vivono con un’azienda, attraverso diversi canali, sempre più digitali”, ha affermato Alessandro Diana, Responsabile di Accenture Interactive Italia. “La customer experience digitale richiede un nuovo livello di connessione tra l’azienda, il marketing e la tecnologia: i clienti si rivolgono a noi, quindi, alla ricerca di un equilibrio ideale tra questi tre fattori. L’ottimo posizionamento ottenuto nella classifica di Ad Age ci dimostra ancora una volta quanto il nostro modello di business sia vincente nel mercato odierno: unendo le nostre tre “anime” – agenzia creativa, società di consulenza aziendale e leader tecnologico – siamo in grado di offrire un servizio unico, e di dare vita alla migliore customer experience al mondo per i nostri clienti”.

“La digitalizzazione, che ormai impatta tutti gli ambiti della nostra vita, sta sostanzialmente cambiando il modo in cui i brand attraggono e coinvolgono i consumatori. Nello scenario odierno, le aziende ricercano un partner con solide competenze tecnologiche, che contribuisca a reinventare ogni aspetto della customer experience e della user experience”, ha dichiarato Roxanne Taylor, Chief marketing & communications officer di Accenture. “I CMO desiderano collaborare con un partner in grado di dare un nuovo impulso all’innovazione, aiutandoli ad alimentare una cultura orientata all’evoluzione continua e alla sperimentazione. Siamo fieri che Ad Age abbia riconosciuto il ruolo di Accenture Interactive nell’offrire al mercato qualcosa di unico ed innovativo”. Secondo lo studio Agency Report, il digitale rappresenta già negli Stati Uniti il 46,6% del fatturato delle agenzie, in crescita dell’8% rispetto all’anno precedente. Lo studio sottolinea anche come a livello globale il panorama delle agenzie sia in continua evoluzione e come le società di consulenza stiano crescendo rapidamente “entrando sempre di più negli uffici marketing e consolidando relazioni di fiducia con i Chief Marketing Office (CMO), grazie a un’ampia gamma di soluzioni strategiche e di data analytics in grado di rispondere alle sfide odierne”. Il 73° Agency Report di Advertising Age, pubblicato ogni anno a partire dal 1945, riporta la classifica delle maggiori agenzie in base al fatturato dell’anno precedente.

articoli correlati

AZIENDE

Il network spagnolo Adglow entra far parte del Pinterest Marketing Program

- # # # # # #

Maurizio Boneschi, Sales Director Adglow

Adglow ha annunciato di essere ufficialmente diventato Pinterest Marketing Partner (PMP), ampliando così le opportunità di advertising offerte ai propri clienti alla ricerca di nuove modalità per raggiungere la propria audience. La nomina di Adglow come Partner di Pinterest incrementa ulteriormente il portfolio delle partnership già acquisite con i maggiori social network. Adglow infatti potrà offrire campagne di advertising su Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest e Snapchat. Il Network attualmente presente in 14 paesi tra Europa, USA, LATAM, Asia e Africa collabora con i più importanti player del mercato per incrementare il rendimento delle campagne di social advertising grazie alla piattaforma ADAM, la sua tecnologia proprietaria.

“Siamo entusiasti di questa nomina che ci permette di poter aggiungere i Promoted Pins di Pinterest alla nostra offerta advertising per clienti diretti e agenzie. I primi test Pinterest effettuati in ambito ecommerce e retail hanno portato ad ottime performance e siamo molto contenti di integrare le Pinterest Advertising API alla nostra piattaforma ADAM” afferma Damian Routley, Partner di Adglow. Pinterest permette agli utenti di scoprire nuove idee e tendenze in vari settori come Food& Beverage, Style, Fashion e Travel. Ogni mese più di 150 milioni di persone in tutto il mondo lo utilizzano e, secondo recenti studi, il 93% di questi utenti usa Pinterest per pianificare o effettuare acquisti (Fonte – Millward Brown Study). Il team di specialisti di Adglow basato in Italia è pronto sin da subito nell’integrare Pinterest all’interno della strategia di marketing dei propri clienti in modo da offrire un panorama sempre più completo per soddisfare le loro esigenze di comunicazione e advertising.

articoli correlati

NUMBER

Il fashion ai tempi dei social: Facebook e Doxa svelano i dati relativi all’ultima MFW

- # # # # # # #

Fashion

La moda abita sui social network, di questi tempi. Da un lato, Facebook ospita uno spaccato di qualsiasi panorama e business di oggi; dall’altro, c’è Instagram con la sua innata capacità, grazie alle foto, di puntare forte sulla moda e sul luxury, “due degli ambiti in cui l’Italia è tra le migliori al mondo”. A sottolinearlo è stato, questa mattina, Sylvain Quernè, Head of Marketing di Facebook Italia, che insieme a Valerio Perego, Sales Manager del social, e Andrea Manusardi, research manager presso Doxa, durante una conferenza negli uffici Facebook di Milano, nella centralissima piazza Missori. Nell’occasione le due aziende hanno presentato due ricerche complementari, una interna a Facebook e una svolta da Doxa su dati esterni (raccontata qui su MyMarketing.Net), sui dati relativi alla prestigiosa cornice della Milano Fashion Week, il più importante evento italiano dedicato al settore.

“Rispetto al report raccontato l’anno scorso e relativo al 2015, quello dedicato alla Milano Fashion Week di settembre ha visto raddoppiate le conversazione sulla settimana della moda milanese, condite da un +5% di foto e da un +23% di video dedicate all’evento. L’83% di questi contenuti è stato addirittura caricato da mobile”. Il manager di Facebook prosegue raccontando le principali aree tematiche coinvolte nel buzz: “la prima in assoluto sono le riviste specializzate, con quindi l’utente medio che commentava la parola degli esperti sui principali trend emersi; in questo caso, i tre quarti del buzz proveniva da donne. La seconda area tematiche ha visto protagonisti i vestiti, mentre la terza ha riguardato le sfilate, che riesce ad ottenere una quasi parità nella partizione tra uomini e donne. I social si rivelano quindi tra i principali media per parlare di moda nel contesto delle sfilate e degli eventi mondani della settimana milanese; come mostrano le principali keywork emerse, tra cui #moda è l’unica italiane in mezzo a un mare magnun di termini presi in prestito dall’inglese, simbolo dell’utente che vuole darsi capire in tutto il mondo”.

Valerio Perego pone invece l’accento sui numeri delle piattaforme proprietarie di Facebook e sulle possibilità di business per i brand. “Ecco l’ultimo aggiornamento disponibile sui nostri numeri: Facebook registra oggi 1,86 miliardi di utenti unici ogni mese, Whatsapp tocca gli 1,2 miliardi, Messenger 1 miliardo e Instagram 600 milioni; in Italia, gli utenti unici mensili sono 29 milioni, 24 milioni quelli giornalieri, e, sempre giornalmente, 22 milioni accedono da mobile. Su Instagram ogni giorno accedono 460 milioni di utenti, con 95 milioni di condivisioni di contenuti, con una media di 23 accessi giornalieri effettuati dai fashion lover. In Italia abbiamo circa 9 milioni di users ogni mese. Secondo quanto sottolineato da Net-A-Porter, Instagram è un ottimo amplificatore per il mondo fashion, in cui l’appassionato accede ogni giorno, più volte al giorno per i suoi contenuti preferiti, visto che segue circa 353 account. In questo senso il 70% degli instagrammers segue almeno un account business, e di questi il 45% appartiene al mondo moda e fashion. I risultati di social marketing in questo senso sono molto positivi: il 70% delle campagne ha fatto ottenere un aumento nei numeri dell’azienda, il 78% ha guidato all’installazione di una mobile app, mentre il 58% delle campagne dedicato ha fatto aumentare le vendite all’ecommerce del gruppo.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

BiciinCittà lancia la campagna “Do you bike?”

- # # #

do you bike

BicinCittà, il più esteso network Italiano di bike sharing, presente in più di 100 comuni italiani, è on air con la campagna “Do You Bike?”, volta a incrementare il numero dei propri bikers puntando su formule di abbonamento promozionali. Oltre al classico abbonamento da 25€ e valido per un anno intero , BicinCittà promuove le card 2DAYS e 1DAY, proposte rispettivamente a 13€ e 8€.

Questo non solo per avvicinare quanti più cittadini possibili, ma anche per favorire gli spostamenti all’interno delle nostre città di tutte le persone che le visitano. Infatti sono sempre di più i turisti che, per brevi spostamenti durante i soggiorni nel nostro paese, richiedono forme di sharing mobility. Le biciclette sono in cima a questa lista.

La campagna, la cui creatività è incentrata su un modo di vedere le città dagli occhi di chi pedala, sarà on air dal 16 maggio fino a settembre. Prima tappa della campagna è Torino, dove dal 2010 è attivo [TO]Bike, uno dei servizi di bike sharing più estesi in Italia e anche in Europa, con oltre 25.000 iscritti e più di 1.000 biciclette gialle circolanti. La campagna vivrà all’interno di una pianificazione che prevede manifesti su impianti [MU]Street 120×180, dieci stazioni bike sharing interamente brandizzate, tra cui le suggestive Piazza San Carlo, Piazza Solferino e Via Montebello (a ridosso della Mole Antonelliana) e la personalizzazione di oltre 50 bici circolanti. Dopo Torino, la campagna “Do You Bike?” sarà on air anche a Padova, Treviso e La Spezia, comuni serviti dal network BicinCittà.

articoli correlati

MEDIA

Nasce Local Planet, nuovo network media globale. Media Italia tra le agenzie fondatrici

- # # #

Local Planet

Le principali agenzie media indipendenti del mondo uniscono le forze per il lancio di Local Planet, nuovo network media globale.

Local Planet è operativo in oltre 40 mercati in tutto il mondo e tra le agenzie fondatrici ci sono Horizon Media negli USA, the7stars in UK, Zertem Communication Group in Spagna, Media Italia in Italia, pilot in Germania, CoSpirit MediaTrack in Francia, Tre Kronor in Svezia e Percept Media in India.

Local Planet sarà un network snello, agile, al servizio dei clienti, in grado di fornire loro sia soluzioni media sul territorio sia strategie globali, insieme a valore, trasparenza, tecnologia e talenti.

Global CEO di Local Planet è Martyn Rattle, già Global CEO di Vizeum e Global Chief Client Officer di Aegis Media, mentre Bill Koenigsberg, Fondatore e CEO di Horizon Media, agenzia media indipendente più grande e in più rapida crescita del mondo, assume la carica di Presidente.

Il Board di Local Planet è costituito dai leader delle agenzie azioniste fondatrici, garantendo in questo modo l’esperienza e il talento di alcuni dei nomi di spicco del mercato media internazionale.

“Abbiamo aderito da subito al progetto Local Planet, e siamo entusiasti di averlo fatto, perché rispecchia in pieno la filosofia che Media Italia porta avanti da anni. La forte esperienza sul campo e un grande rapporto di vicinanza con i clienti sono alla base del nostro lavoro di tutti i giorni, aggiungendo una visione oggettiva dei mercati ed un forte investimento sui migliori talenti si ottiene un’ offerta diversa da un mercato completamente omologato. Il nostro obiettivo è far capire alle aziende che anche se molti prodotti sono globali , i loro consumatori ed il mercato dei media sono assolutamente locali. Oltre l’85% degli investimenti fa riferimento a media Nazionali ed anche player come Google o Facebook fanno i conti con questa realtà. Ne deriva che le strategie media implementate a New York, Seul o Tokio spesso perdono di vista la realtà delle cose, ed in molti se ne stanno rendendo conto”, il commento di Valentino Cagnetta, CEO di Media Italia e membro del Board Local Planet

Aggiunge Martyn Rattle, Global CEO di Local Planet “Molti responsabili marketing internazionali sono alla ricerca di alternative al modello di holding, di soluzioni più agili e orientate al servizio e costruite intorno alle loro esigenze specifiche. Fattore importante per Local Planet è la condivisione dell’esperienza di ogni partner nel creare agenzie indipendenti di successo. Ognuna delle agenzie di Local Planet ha cominciato, è cresciuta ed ha avuto successo lottando in nome e per conto dei propri clienti. Ora stiamo portando quello spirito indipendente e di start-up nel nostro network globale. Siamo impazienti di lavorare con i clienti internazionali nel perseguimento del successo comune”.

Attraverso le proprie partnership locali e internazionali il modello Local Planet permette di offrire ai clienti soluzioni e tecnologie personalizzate e su misura, invece di un approccio standard uguale per tutti. Le agenzie del network attualmente lavorano con alcuni dei brand più conosciuti al mondo, tra cui Geico, Capital One, Nike, IKEA, Viacom, Pfizer, H&M e Kayak.

articoli correlati

AZIENDE

Clear Channel Italia chiude il primo trimestre del 2016 in crescita

- # # #

Clear Channel

Clear Channel Italia continua a collezionare successi straordinari. Reduce da un 2015 estremamente performante, la business unit italiana chiude il primo trimestre 2016 in crescita (+7%), un risultato destinato a ripetersi nei prossimi quarter grazie ad alcuni progetti importanti di imminente “messa a terra” come:

  • il primo network nazionale digitale aeroportuale (oltre 62 milioni di passeggeri) che si completa con la recente acquisizione della commercializzazione degli Aeroporti di Puglia* (totale 7 aeroporti italiani: Fiumicino, Venezia, Bologna, Ciampino, Treviso, Bari e Brindisi);
  • la realizzazione della fase conclusiva delle installazioni del primo circuito digitale in esterna, sempre nel cuore di Milano (i digitotem sono arrivati ad oggi a quasi 110 facce);
  • l’attivazione di ulteriori 18 Premium Malls, nei prossimi 4 mesi, di cui 12 vinti in una gara realizzata da Klepierre, con l’obiettivo di realizzare, anche in questo caso, il primo circuito digitale nazionale nei Centri Commerciali Premium.

Clear Channel Italia, sempre in questo primo trimestre del 2016, ha continuato a investire per offrire un servizio sempre più innovativo e di qualità ai propri clienti. Pensiamo, ad esempio, il primo live streaming su impianti digitali in Outdoor, una novità a livello mondiale di cui è stata protagonista Clear Channel Italia lo scorso primo Aprile.

Paolo Dosi, Presidente e AD di Clear Channel Italia così ci racconta questa entusiasmante esperienza: “…abbiamo realizzato il primo live streaming su impianti digitali in Outdoor trasmettendo in diretta l’evento di apertura della XXI Mostra Internazionale della Triennale di Milano. È stata una sfida che abbiamo voluto cogliere perché Milano, dopo l’Expo, continui a essere al centro d’Europa. Gli schermi LCD 72 pollici, 15 nel cuore di Milano, hanno quindi trasmesso in diretta audio/video l’evento, che era visibile anche su cellulari e tablet tramite un engagement via QRCODE. Tutto questo è stato possibile realizzarlo, in soli 10 giorni, grazie a una forte collaborazione tra il nostro Digital team, i nostri partner tecnologici, Imecon e Fabbrica Digitale, e la Triennale. Quanto fatto, non vale tanto in sé, ma fornisce un esempio tangibile delle reali potenzialità del digital che si esprimono attraverso la flessibilità e l’immediatezza. Sono orgoglioso di questo successo, anche come italiano, perché non ci risultano altri esempi a livello mondiale”.

* a Clear Channel Italia è stata affidata, a marzo 2016, la commercializzazione pubblicitaria in esclusiva dei tre scali aeroportuali Bari, Brindisi e Grottaglie, gestiti in regime di concessione da Aeroporti di Puglia. Questa attività di commercializzazione rientra in un progetto ambizioso che nasce da un’ATI la cui azienda capogruppo è IMECON, partner tecnologico di Clear Channel.

articoli correlati