BRAND STRATEGY

Il Consorzio del Parmigiano Reggiano investe sul Prodotto di Montagna

- # # # # #

montagna

Il Consorzio del Parmigiano Reggiano investirà 200.000 euro in una nuova campagna stampa nazionale per promuovere il Prodotto di Montagna. L’obiettivo è aumentare quota di mercato e brand awareness di un prodotto già molto apprezzato dai consumatori: basti pensare che, nel 2017, la produzione in zone di Montagna ha rappresentato il 20% del totale della DOP, ossia ben 724.000 forme.

L’investimento stampa costituisce la seconda fase del piano strategico “Prodotto di Montagna – progetto Qualità” per sostenere il valore aggiunto del formaggio prodotto in montagna. Il Consorzio, dopo aver raccolto le adesioni al progetto da quasi 40 caseifici delle zone di Montagna, punta ora a far conoscere al consumatore le distintività del Parmigiano Reggiano prodotto nei Caseifici certificati, sparsi nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna.

La campagna stampa, che inizia oggi e terminerà a gennaio 2019, avrà come target specifico l’audience di dieci testate nazionali tra quotidiani e periodici. Protagonista sulle pagine dei giornali sarà l’impresa dell’astronauta Maurizio Cheli che lo scorso 17 maggio ha raggiunto la vetta dell’Everest in compagnia del Re dei Formaggi.

“Il Parmigiano Reggiano mi ha accompagnato nel luogo della Terra più vicino allo spazio. Ero all’ultimo campo base, a 8.000 metri – ha commentato Maurizio Cheli – avevo bisogno di energia extra, ho guardato bene e nella Haul Bag avevo ancora tre monoporzioni di Parmigiano Reggiano che si sono rivelate indispensabili per arrivare in vetta!”.
Il claim della nuova campagna non poteva che essere quindi “La forma più alta d’amore”, con il duplice riferimento alle alture dove è prodotto il Parmigiano Reggiano di Montagna e poi alla vetta più alta del mondo raggiunta da Cheli.

Il Parmigiano Reggiano certificato “Prodotto di Montagna – progetto Qualità Consorzio” si caratterizza per un colore paglierino intenso dovuto ai fieni, ai prati e alle essenze presenti in montagna, da odori e aromi di frutta fresca, spezie e brodo di carne, da un equilibrio perfetto tra i cinque sapori (acido, salato, dolce, amaro e umami) e da una buona granulosità e solubilità.
Tutte queste caratteristiche sono frutto di rigoroso processo produttivo, tutelato dal Consorzio proprio per dare maggiore sostenibilità allo sviluppo della montagna e offrire ai consumatori garanzie aggiuntive legate, oltre all’origine, anche alla qualità del formaggio.

articoli correlati

MEDIA

Meridiani Montagne e Montagna.tv lanciano la webserie “Video Tutorial”

- # # # # #

Meridiani Montagne e Montagna.tv presentano "Video Tutorial", la prima webserie "montanare"

Meridiani Montagne – periodico di Editoriale Domus – e Montagna.tv presentano “Video Tutorial”, la prima webserie dedicata alle attività outdoor di montagna.

Oggetto dei primi cinque episodi – ciascuno della durata di 4/5 minuti – visibili e da gennaio sul sito di montagna.tv è la disciplina dello scialpinismo di base: accompagnati da Lorenzo Scandroglio – giornalista curatore di Montagne Outdoor – e Michele Cucchi – guida alpina di Alagna Valsesia – la webserie intende illustrare la tecnica, la sicurezza, la prevenzione, i materiali e le attrezzatture necessarie per praticare l’attività. L’obiettivo è quello di presentare l’essenza di ogni sport outdoor sia esso invernale o estivo, coinvolgendo tutti gli appassionati, stimolando la curiosità ma anche l’attenzione dei neofiti che possono poi approfondire ogni aspetto direttamente sul campo attraverso i corsi organizzati dalle figure autorizzate dalla legge italiana.

Il format, inedito per il settore outdoor, si rivolge a un pubblico italiano ma trattando tematiche di forte respiro internazionale e di grande appeal turistico è interamente sottotitolato in lingua inglese. Alla prima webserie hanno collaborato i brand Ortovox, Europ Assistance, La Sportiva e Alagna Freeride Paradise.

In onda a partire da oggi il 3° episodio dedicato alla sicurezza. Seguiranno il 30 gennaio l’episodio sulla discesa e il 6 febbraio il quinto dedicato ai “trucchi del mestiere”.

articoli correlati

MEDIA

La Gazzetta dello Sport celebra lo sci e la Coppa del Mondo maschile con il magazine “G Neve”

- # # # # #

Nasce G Neve, nuovo magazine della Gazzetta dello Sport

Nasce “G Neve”, il nuovo magazine della Gazzetta dello Sport, in regalo con la rosea giovedì 15 dicembre, che celebra il grande sport e le emozioni uniche della Coppa del mondo di sci maschile nelle tappe italiane di Val Gardena, Alta badia e Madonna di Campiglio.
Gli atleti, le discese, i tracciati, l’emozione particolare vengono narrate attraverso tantissime testimonianze, dei protagonisti prima di tutto con i preziosi racconti dei campioni Aksel Lund Svindal, Kristian Ghedina, Gustavo Thoeni, Alberto Tomba e Lindsey Vonn; delle firme della rosea e di tifosi speciali come Mauro Covacich e Giorgio Pasotti in un racconto corale che restituisce i dettagli tecnici, gli aneddoti, ma anche l’eccitazione e la suggestione di quei giorni.
In copertina Christof Innerhofer, protagonista insieme a Dominik Paris e Peter Fill di una squadra di uomini jet che negli ultimi anni ha ridato vigore allo sci maschile azzurro. E ancora nel numero un excursus, nel cinquantesimo anno della Coppa del mondo, tra tutti i campioni che la resero grande negli anni, e le interviste ai protagonisti: Ingemar Stenmark, il ct della Valanga azzurra Mario Cotelli e Giorgio Rocca.
Lo sci è però anche stile: nel Magazine della Gazzetta dello Sport trovano spazio le novità in fatto di materiali e attrezzatura e le  ultime tendenze della moda. Chiude il numero un particolare oroscopo di Antonio Capitani “Sotto il segno della neve” .

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Shame or Glory”: La Montagna e Septa Unella del Trono di Spade protagonisti del nuovo video Sodastream

- # # # # #

La nuova campagna digital Sodastream

SodaStream International Ltd. svela il suo nuovo video decisamente “disruptive” dal titolo Shame or Glory, che vede la partecipazione di due personaggi iconici serie della HBO Game of Thrones: Thor Bjornsson, che interpreta Ser Gregor Clegane, AKA “The Mountain“, e Hannah Waddingham, che interpreta Septa Unella, aguzzino della regina Cersei della scorsa stagione. Si uniscono a questo notevole duo il comico britannico Ross Hatt e il CEO SodaStream Daniel Birnbaum.
Nel video SodaStream promuove l’uso di acqua fresca del rubinetto per produrre acqua frizzante a casa anziché l’uso deplorevole di bottiglie monouso di plastica inquinanti che non fanno altro che contaminare il pianeta. Il video Shame or Glory è un’idea creativa che si basa sull’iconica scena dell’espiazione della “Walk of Shame” dalla quinta stagione di Game of Thrones. Nel video Ross Hatt veste i panni dell’assistente di produzione in missione per comprare acqua frizzante al supermercato locale. Lungo il suo percorso è seguito da Hannah Waddingham ovvero Septa Unella, che suona la campana della vergogna e grida ripetutamente “vergogna!” all’assistente scioccato. Quando l’assistente finalmente raggiunge il set, Thor Bjornsson spiega gentilmente i vantaggi di utilizzare una macchina SodaStream e l’acqua del rubinetto di casa a discapito della deplorevole abitudine di usare e gettare via bottiglie di plastica.

“Il nuovo video Shame or Glory usa l’umorismo e la sorpresa per sfidare l’uso diffuso di bottiglie monouso di plastica, che stanno inquinando la Terra. Più di un miliardo di bottiglie per bevande sono utilizzate ogni giorno in tutto il mondo, la stragrande maggioranza di questa plastica finisce nelle nostre discariche, nei parchi e negli oceani. Questo è un crimine, per lo più incontrastato”, spiega Daniel Birnbaum, CEO di SodaStream. “Questo problema tocca molto la mia sensibilità personale ed è per questo che ho scelto di partecipare a questo video. Ma la buona notizia è che abbiamo fresca acqua potabile in molte parti del mondo ed è facile ed economico godere di acqua buona, oltre che produrre acqua frizzante a casa, senza dover inquinare il pianeta. Milioni di persone stanno già utilizzando SodaStream facendo la loro parte per ridurre i rifiuti di plastica che stanno uccidendo gli oceani – per questo siamo il più grande brand di acqua frizzante al mondo – e speriamo che molti altri seguiranno il loro esempio. L’uso di bottiglie di plastica usa e getta è un’abitudine vergognosa che appartiene al passato”.
Thor Bjornsson ha aggiunto: “L’acqua del rubinetto fresca e di alta qualità è la mia bevanda preferita. Uso SodaStream per creare acqua frizzante a casa da quando ero un bambino, e incoraggio tutti a fare lo stesso. Con SodaStream si può approfittare di questa straordinaria risorsa naturale, che ci dona la nostra Madre Terra, e fermare così l’uso deplorevole di inquinanti bottiglie di plastica”.
Hannah Waddingham ha commentato: “Sono molto orgogliosa di lavorare con SodaStream perché consente a tutti di fare scelte migliori e promuove uno stile di vita più sano e sostenibile”. La campagna viene lanciata oggi 15 novembre a livello globale attraverso le pagine Facebook e YouTube e il minisito dedicato.
A livello locale, ogni Paese declinerà la campagna digital attraverso contenuti ispirati al video Shame or Glory. In Italia, in particolare, la campagna si svilupperà attraverso Facebook e YouTube e sarà supportata per due settimane con investimenti digitali su Facebook, per incoraggiare la viralità dei video, ed è stata preceduta da una fase teaser attraverso l’ingaggio di digital influencer, che continueranno a collaborare con SodaStream Italia per la viralizzazione della campagna.
Inoltre, Thor Bjornsson si farà promotore della campagna attraverso la sua pagina Facebook e sarà protagonista di un tour in alcune città europee che partirà da Parigi e passerà per Monaco e Vienna per concludersi poi a Tel Aviv

articoli correlati

NUMBER

2015, sarà un Capodanno casalingo: la ricerca Privalia sulle vacanze invernali italiane

- # # # # #

Manca poco alle prossime festività invernali. E se da un lato, come da tradizione, il Natale si passerà a casa, propria o dei parenti, per i classici pranzi e cenoni, la crisi farà scendere la percentuale di partenti in occasione di Capodanno. Lo rivela una ricerca Privalia, che ha analizzato i programmi degli italiani in occasione della notte di San Silvestro.
Secondo quanto emerso dalla survey di Privalia, quest’anno 3 Italiani su 4 passeranno la notte di San Silvestro nella loro città (72%).  Chi partirà avrà comunque come meta principale la montagna (13% che sale al 16%, se andiamo ad analizzare i dati solo del nord Italia). Complice la crisi, solo il 7% ha in programma di trascorrere il Capodanno in una città straniera. Gli italiani, soprattutto gli abitanti del nord e del sud, dimostrano di avere un forte senso della famiglia: il 52% degli intervistati, infatti, dichiara che trascorrerà il Capodanno in famiglia, il 32% con il partner e il 30% in compagnia di amici. I più romantici? Al centro, dove il capodanno in coppia vince su famiglia e amici.
Quanto alle tendenze per il cenone, soprattutto al nord e al sud, gli italiani preferiscono la tranquillità e il calore di casa propria o degli amici (80%); solo al centro c’è più propensione ad uscire (24% vs 60%). Per chi cenerà a casa, sulla tavola non potranno mancare i piatti tipici della tradizione italiana come cotechino e lenticchie ma, a grande sorpresa compaiono anche piatti decisamente più esotici come il sushi (oltre il 4%). C’è anche chi non rinuncia ad un cenone interamente vegetariano o chi si coccola accompagnando alla cena una selezione di vini di qualità. Sulle tavole degli italiani non mancheranno elementi decorativi, essenziali per dare colore alla festa, come tovaglie a tema (34%) e candele (35%). Al nord e al sud non si rinuncerà ai classici fuochi d’artificio (52%), mentre al centro il 53% non li acquisterà.  Quanto alla spesa, gli italiani sembrano essere allineati al budget dello scorso anno: il 74% spenderà fino a 100€ a testa e un buon 24% tra i 100 e i 500€.
Il look giusto per i festeggiamenti? Come vuole la tradizione, sembra proprio che le italiane non rinunceranno ad un grande classico per questa notte come l’intimo rosso, scelto dal 54% delle intervistate. I colori più gettonati? Nero per il 66%, sorprende invece che il classico rosso verrà scelto solo dal 18% delle italiane, mentre tra le new entry, il blu elettrico sorpassa altri colori tipici di capodanno come oro e argento. Le italiane sceglieranno un abito corto che abbineranno a tacchi alti (30%), sicuramente più divertente e pratico rispetto all’abito lungo che lasceranno volentieri nell’armadio. Il 14% completerà il look delle feste con un make-up oro o argento. Anche per la scelta dell’abito si nota una tendenza al risparmio e così il 60% indosserà abiti che già possiede.
Whatsapp sarà la modalità più utilizzata in assoluto per quanto riguarda la modalità degli auguri, scelta dal 57% degli italiani. Gli auguri ‘di carta’ risultano piuttosto obsoleti e verranno utilizzati solo dal 3%. Poco usate anche le e-mail (7%) mentre non mancheranno le più classiche telefonate (53%) e SMS (32%). Il 22% augurerà buon anno attraverso i social media come Facebook, Twitter e Instagram. Un’ultima e romantica curiosità emersa dal sondaggio: ben il 59% degli italiani sceglierà di baciarsi sotto al tradizionale vischio per accogliere al meglio l’arrivo del nuovo anno.

articoli correlati