BRAND STRATEGY

Adverteam sviluppa per GROHE, un articolato progetto alla Milano Design Week 2018

- # # # #

GROHE - Adverteam

20 anni di esperienza nell’organizzazione di eventi, creatività e capacità di dar vita a inedite brand experience: questo il mix messo in campo da Adverteam che ha vinto la gara indetta da GROHE, leader globale nel settore idrosanitario, per un articolato progetto da svilupparsi in occasione della Milano Design Week 2018 e non solo.

L’agenzia milanese, nota per l’abilità di creare esperienze immersive nella marca, è stata scelta da GROHE per ideare un’installazione di forte impatto in occasione della presentazione della nuova linea ATRIO. Tra le più coinvolgenti e scenografiche del Fuori Salone, l’installazione ingegnerizzata da Adverteam in concerto con il Design Team di GROHE ha offerto un’esperienza emozionale ai visitatori del nuovo showroom GROHE Italia, prestigiosa location nel cuore di Milano completamente rinnovata per diventare punto di riferimento dell’azienda nel mondo.

Durante la MDW, il nuovo flagship ha ospitato un fitto calendario di eventi organizzati e gestiti da Adverteam, ideati per offrire ai diversi ospiti (architetti, designer, installatori, professionisti e stampa nazionale e internazionale) un momento esperienziale presentando i nuovi prodotti attraverso un’installazione unica ad alto contenuto di arte, design e tecnologia, il tutto con la cornice di ricercate attività di animazione.

L’installazione “ATRIO Experience Cube” racconta il DNA della nuova collezione, che può essere definito da due parole: elegance per il design e precision per la componente tecnologica.

“Abbiamo raccontato questa dicotomia attraverso uno spettacolo di musica e acqua da cui prende vita un gioco di riflessi: il prodotto affiora da una vasca di 30 mq illuminata da un grande schermo Led che riproduce un effetto specchio quando la luce è chiara e diventa trasparente quando la luce è scura”, spiega Alberto Damiani, socio di Adverteam. “Il video racconto multimediale è stato ideato con l’ambizione di far percepire le due anime del prodotto, quella più estetica e quella più tecnologica, riconducili ai due colori: il bianco che permette di apprezzarne la forma e il nero che ne enfatizza le peculiarità ingegneristiche”.

Ma se la MDW cala il sipario, continua l’attività organizzata da Adverteam per GROHE. Il Salone del Mobile, infatti, è stato per l’azienda l’occasione per ritrovarsi a Milano, organizzando con il supporto logistico dell’agenzia, una serie di riunioni e workshop che proseguiranno fino al 26 aprile. A cura di Adverteam, accoglienza di ospiti provenienti da tutto il mondo, transfer, rooming, gestione dei meeting e tour della città con tappa allo showroom di Via Crocefisso per vivere l’esperienza interattiva dell’installazione che rimarrà attiva fino a fine mese.

“Per sviluppare un progetto così articolato abbiamo collaborato a stretto contatto con il team di GROHE per 6 mesi”, racconta Damiani. “Una collaborazione sinergica che è andata ben al di là del semplice evento, sviluppando un progetto poliedrico dalla duplice valenza: comunicazione esterna e kick off aziendale”.

Il team di Adverteam
Alberto Damiani – Direzione Creativa; Allegra Calbi – Project Leader; Sara Radaelli – Account Executive.

Gli incarichi di Adverteam
Concept, Direzione Creativa, Organizzazione eventi, Selezione Location, Transfer, Accomodation, Entertainment, Coordinamento Generale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

E3 realizza per Peugeot Scooters il Temporary Barber & Make-up Shop

- # # # # # #

E3

In occasione della Milano Design Week Peugeot Scooters ha affidato a E3 – l’agenzia parte del Gruppo DigiTouch  la realizzazione di un progetto di Unconventional Marketing per la promozione di Django, lo scooter dallo spirito vintage che unisce lo stile anni 50 alla tecnologia moderna.

Con il duplice obiettivo di promuovere Peugeot Django e raccogliere contatti di un pubblico sensibile a design e trend, quale quello della Design Week, E3 ha ideato e allestito nel cuore del Distretto 5 Vie il Peugeot Scooters Temporary Barber & Make-up Shop.

A tutti coloro che, direttamente in loco, si registrano lasciando i propri dati, Peugeot Scooters offre l’opportunità di vivere una seduta personalizzata di trucco e parrucco, a opera di una make-up artist e di un professionista di Barberino’s Barber Shop, per realizzare il proprio #DjangoLook e rivivere le emozionanti atmosfere dei tempi dello Swing e del Boogie Woogie.

Dal 7 aprile E3 ha attivato una campagna adv online per promuovere questa iniziativa e fornire tutti i dettagli sul sito web di Peugeot.

Durante l’intera durata della Milano Design Week E3 ha previsto lo svolgersi di un’attività di digital PR mirata, volta a creare awareness e generare sentiment positivo sul prodotto. Ad alimentare questo flusso positivo contribuiscono anche gli stessi partecipanti all’iniziativa o i passanti che postano in tempo reale post e foto, utilizzando l’hashtag #DjangoLook, in una logica di user generated content, che a sua volta contribuisce al word of mouth.

“Per realizzare questo progetto abbiamo messo a frutto tutta la nostra expertise, creando un funnel che dallo story telling porta alla lead generation, attraverso l’ideazione di un concept creativo accattivante, l’implementazione di una efficace strategia di digital PR e di engagement online e on-site e l’attivazione di una campagna di adv online su target mirato. Siamo convinti che la creazione di sinergie tra il digital e l’ambient possano portare valore e contribuire significativamente all’efficacia di un’iniziativa di marketing”, spiega Fabio Racchini, co-Founder di E3.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

LOGOTEL presenta “ POETRY – 21 words for… ”

- # # # #

poetry

Dal 12 al 17 aprile la service design company Logotel realizza presso i suoi spazi in via Ventura 15, nel cuore del Ventura Lambrate District, una mostra con 21 designer internazionali che rappresenta una riflessione sulla “poetica” del design. Il progetto POETRY – 21 words for… si interroga su temi quali: che cosa accade quando la poesia incontra il design? Si può interrogare il futuro attraverso le emozioni? Ci sono progetti che portano con sé la leggerezza di un Haiku? E la forza straniante di un détournement?

A fronte della complessità del contemporaneo, il design tende a circondarci di sicurezza e comfort. Produce uniformità rassicurante e aspettative stabili. Paesaggi, ambienti, comportamenti, oggetti democratici e funzionali che alimentano il desiderio ma non sempre ci sorprendono, in termini di emozione.

Poetry – 21 words for…, con la curatela scientifica di Susanna Legrenzi e Stefano Maffei, e Cristina Favini, Strategist e Manager of Design di Logotel, in qualità di Project & Content Manager, è una raccolta di progetti che portano con sé l’intensità della poesia. Poesia, dal greco ποίησις, poiesis, alla lettera “creazione”, come percezione e manifestazione del sensibile, che nasce prima della scrittura per diventare, con le sue licenze poetiche, alta o popolare, epigramma, favola, canzone, burla, sonetto, ballata…

Dalla “A” di Ambient alla “Z” di Zeitgeist la POETRY – 21 words for…, organizzata come un nuovo sillabario, è un invito a vedere, parlare, costruire, agire a partire dall’emozione. Tutti i progetti selezionati, realizzati da 21 designer provenienti da ogni parte del mondo, aprono nuovi scenari di riflessione, tra espressioni casuali e non casuali, spiazzamenti simbolici o materiali, versi liberi e accapo, a seconda della presenza/assenza di metro. Tutti i progetti raccolti indicano come senza poesia non esista progetto in grado di usare o provocare spiazzamento, détournement.

Di seguito, gli abstract di alcuni dei progetti in mostra (e in allegato la Gallery delle opere esposte).

MINUTED, di Gijs van Bon, è un’installazione performativa sulla scrittura poetica. Una piccola macchina, in cui il getto d’inchiostro scrive poesie su un nastro ricoperto di sabbia che gira molto lentamente. Al termine del nastro, la sabbia cade, formando una pila di polvere. In un’immagine: un omaggio alla materializzazione del pensiero, del tempo e della poesia.

THE LAND OF GIANTS, dello studio Choi+Shine Architects, trasforma piloni elettrici in giganti alti 30 metri che popolano il paesaggio, aggiungendo alla dimensione strutturale dei tralicci una componente estetica potente e spiazzante. Il progetto, dopo aver vinto numerosi premi internazionali, verrà realizzato in Islanda, a partire dal 2017.

CHIMERA, di Shai Langen, è un lavoro di ricerca sui confini materici del corpo umano, visto come entità in continuo mutamento. Grazie alla combinazione di lattice liquido con una emulsione di acqua e nitrato di calcio, Shai Langen crea tessuti che ricordano strutture cellulari, muffe e funghi. Ovvero materiali ibridi che crescono sulla pelle di chi li indossa, andando a confondere i confini tra ciò che consideriamo organico, dunque vita, e ciò che consideriamo sintetico o artificio
BAMBOO, di Samy Rio, è una ricerca che mette in relazione natura e design, attraverso la progettazione di un nuovo sistema di lavorazione di un materiale eco-sostenibile come il bambù che permette di sostituire componenti plastiche o metalliche di oggetti d’uso quotidiano. Un gesto semplice che entra all’interno dei processi di lavorazione industriale, cambiando le regole del gioco.

FOLDING BOAT, di Max Frommeld & Arno Mathies, nasce da un’analisi delle nuove possibilità produttive rese possibili da tecniche speciali di piegatura della carta per creare oggetti 3D utilizzando materiali 2D. Il risultato è puro escapismo: una barca, in grado di navigare in acque calme come canali e laghi, facilmente trasportabile e riponibile in un angolo.

DIG INTO NATURE, di Michiel Martens riavvicina le percezioni umane all’ambiente circostante, alla natura. Attraverso il suo enorme “orecchio di legno”, è possibile percepire suoni che normalmente sfuggirebbero, vivendo così una nuova esperienza immersiva: un potenziamento sensoriale in modalità low-tech.

faBrick, progetto del dipartimento MArch Architectural Design (AD) della Bartlett School of Architecture di Londra, mette in mostra il risultato di una ricerca su un nuovo materiale composito in feltro e resina, in grado di essere impiegato, senza cuciture, nella realizzazione di elementi di design o piccole architetture costituite, in modo sorprendente, da solo tessuto.

Logotel e il suo team multisciplinare hanno una lunga frequentazione della Milano Design Week, con un percorso collaborativo che esplora i nuovi orizzonti del design con il supporto e la curatela scientifica di Susanna Legrenzi e Stefano Maffei e i contributi di oltre 70 designer e ospiti internazionali. Nel corso delle passate edizioni sono stati esplorati i temi della collaborazione con “Making Together” (2012), dell’invisibile con “(In)visible Design” (2013), spaziando poi su una riflessione progettuale intorno all’argomento del tempo con la mostra-evento “Timescapes” (2014) – con la quale Logotel ha conquistato il premio Milano Design Award nella categoria “Best Tech” – e sul tema dei bisogni con “Need, when design empowers human potential” nel 2015.

articoli correlati

AGENZIE

Teads e Samsung svelano il futuro del video online alla Milano Design Week

- # # # # #

Continua l’impegno di Teads per garantire che un annuncio pubblicitario sia correttamente visualizzato, attraverso la promozione di formati fuori dallo stream di altri video, così da tutelare anche la navigazione dell’utente. Il futuro del video online va in scena alla Milano Design Week, nell’ambito del FuoriSalone con due partner di prestigio su tutti Samsung, che da sempre sposa i valori d’innovazione, soprattutto, negli ambienti dei media digitali. Due bike tecnologiche si aggireranno tra le strade di Milano per invitare il pubblico a immergersi in una esperienza più unica che rara. S’inizia oggi alla Tortona Design Week, si continua domani al Brera Design District, ultimo appuntamento il 19 aprile a Ventura Lambrate.

“Secondo eMarketer, si prevede che la spesa in video adv (in US) raggiungerà 9,59 miliardi di dollari entro la fine del 2016, mentre si prospetta che nel 2017 il 74% del traffico totale su Internet si riferirà al segmento del video (fonte Invesp). A partire da questi trend, dobbiamo capire come calibrare e orientare le strategie in maniera efficace. La nostra risposta più concreta alla Viewability e all’Outstream è l’inRead un formato di video advertising rivoluzionario che oggi porta i brand nel cuore dei contenuti editoriali, creando nuove inventory per i publisher. Stiamo “pedalando” per innovare. Parallelamente agli eventi del FuoriSalone, avvolti dalla brillante atmosfera della Design Week, inviteremo il pubblico a scoprire il futuro della pubblicità video online che è sempre più vicino al concetto d’arte, tanto per citare McLuhan. Si sente spesso parlare di “native advertising”, l’inRead è la risposta più concreta che stiamo proponendo – con grandissimi successi mondiali – da oltre due anni grazie a partner di prestigio come: Reuters, Forbes, The Washington Post, La Razón, Die Welt, II Messaggero, The Guardian, The Telegraph, O Globo e TF1 e molti altri” spiega Antonella La Carpia Marketing & Communications Director Teads Italia

articoli correlati

AZIENDE

La mostra NEED di Logotel esplora al Fuori Salone il bisogno di nutrizione del pianeta

- # # # # # # #

I designer e le alternative alimentari sono di scena alla mostra che Logotel presenta alla Milano Design Week 2015. Ecologici, abbondanti e nutrienti, gli insetti commestibili saranno il cibo del futuro? E le innovazioni introdotte dalle tecnologie all’avanguardia cambieranno il nostro modo di nutrirci?

I Critter Bitters sono dei cocktail artigianali a base di grilli tostati. Sono quattro gli aromi della gamma: grilli alla vaniglia, grilli al cacao, grilli alla mandorla tostata e, per i più audaci, grilli puri. Critter Bitters, progetto di Julia Plevin e Lucy Knops, parte dalla considerazione che le persone sono più aperte e desiderose di sperimentare e innovare attraverso l’alcol. Critter Bitters è uno dei 19 progetti realizzati da designer italiani e internazionali che la service design company Logotel ha riunito in una mostra chiamata NEED, when design empowers human potential”. La mostra evento, che dal 14 al 19 aprile si terrà nello spazio Logotel di via Ventura 15 a Milano (Lambrate) è probabilmente uno degli appuntamenti più originali della Milano Design Week. Con NEED Logotel propone un percorso di esplorazione dei “bisogni”, uno sguardo non convenzionale sul futuro che mette al centro della scena il design come strumento per riscrivere e riprogettare i bisogni individuali e collettivi. Tra questi spicca il tema cruciale di nutrire il pianeta, che come sappiamo sarà anche il cuore di Expo 2015. NEED dedica al tema delle alternative alimentari ben tre progetti.

Se con Critter Bitters, Knops e Plevin hanno trovato un modo per introdurre gli insetti nella cultura americana, con il progetto Èntomo, Lara Hanlon punta a incoraggiare le persone a scoprire gli insetti come “gustosa” alternativa nutrizionale alla carne di uso comune come quella bovina o suina. In realtà attraverso il suo progetto grafico che applica il food design agli insetti, Lara Hanlon, vuole proporci uno stile di vita più intelligente e socialmente sostenibile. Certo, in Occidente prima di assaggiare un piatto insect-based sarà necessario superare il “fattore disgusto”, e non sarà facile. Lo scorso anno al Salone del Gusto e Terra Madre di Torino, Irad Santacruz Arciniega, cuoco messicano e fiduciario della condotta Slow Food Tlaxcalam, ha mostrato al pubblico larve, uova e insetti che in Messico vengono normalmente utilizzati. L’abitudine di mangiare insetti, inoltre, è frequente in molti paesi come Africa, America Latina e Asia. A livello mondiale si stima che siano 2 miliardi le persone che si nutrono di insetti e quasi 2000 le specie commestibili.

Il bisogno di considerare gli insetti come una valida alternativa alimentare per il futuro del pianeta è stata al centro del rapporto 2013 della FAO. Secondo il rapporto, nel 2030 dovranno essere nutrite più di 9 miliardi di persone, assieme ai miliardi di animali. Visto che fenomeni come l’inquinamento di acque e di terreni causato dalla produzione intensiva di bestiame e la deforestazione provocata dal pascolo eccessivo contribuiranno ai cambiamenti climatici e ad altri impatti distruttivi sull’ambiente, uno dei modi per affrontare il problema della sicurezza alimentare e dei mangimi passa attraverso l’allevamento di insetti, nutrienti, con alti contenuti di proteine, grassi e minerali.

NEED, inoltre, ospita anche Bioplastic Fantastic, il progetto di Johanna Schmeer  che studiando nuovi tipi di prodotti e interazioni scaturiti da innovazioni materiali nella biotecnologia e nanotecnologia ha creato sette “dispositivi biologici” che producono tutto il cibo e l’energia che serve all’essere umano per sopravvivere (proteine, grassi, acqua, fibre, zuccheri, vitamine e minerali), semplicemente esponendosi alla luce (attraverso la fotosintesi artificiale). I dispositivi sono stati progettati come parte di uno spazio domestico influenzato biologicamente e somigliano a quella di macchine o laboratori al fine di sottolinearne la natura di oggetti di uso domestico e le possibilità di design derivanti. Il progetto nasce per porre interrogativi e generare discussioni sulle tipologie di applicazioni di biotecnologia e nanotecnologia che in futuro non tanto lontano diventeranno parte integrante della nostra vita quotidiana.

articoli correlati

AZIENDE

Fidenza Village partner di Tortona Design agli eventi del Fuorisalone di Milano

- # # # # #

In occasione della 54a edizione del Salone del Mobile, che quest’anno si tiene dal 14 al 19 aprile, Fidenza Village porta a Milano la propria esperienza di shopping esclusivo.
I visitatori di Zona Tortona che passeranno da Superstudio Più potranno ammirare le opere di Flavio Lucchini, artista che ha influenzato profondamente il mondo della cultura e dell’arte così come della grafica e dell’editoria, promuovendo la moda e il design italiano a livello internazionale, tanto da essere considerato il vero inventore del Made in Italy. In particolare, Fidenza Village nella window gallery di Superstudio “Art Box”presenterà un’istallazione dell’artista con le sculture “Dolls”. Dal 14 al 19 aprile tutti coloro che visiteranno Zona Tortona riceveranno un invito per ritirare una VIP card entro il 2 giugno 2015 e un biglietto gratuito per i giorni del Salone del Mobile A/R per il servizio pullman Shopping Express da Milano a Fidenza.
Fidenza Village, partner di Superstudio, porterà anche un po’ di “design week” presso il Villaggio, contribuendo così a creare la caratteristica atmosfera della settimana milanese dedicata al design. Dall’11 aprile al 14 maggio, si potranno infatti ammirare le opere di Flavio Lucchini, fondatore di Superstudio Group, una vera e propria istituzione a Milano per gli eventi legati alla moda e al design, che esporrà un’installazione con altre 4 “Dolls”. Le Dolls di Flavio Lucchini sono un divertito omaggio alla femminilità: bambole e bimbe, figurette ironiche o ingenue che sottolineano la freschezza di ogni giovane donna. Coloratissime, brillanti di colore fluo oppure bianche candide, tutte “puffe”, come le definisce affettuosamente l’artista. Grazie alla partnership con Superstudio Group e con la Design Week, uno degli eventi più autorevoli e imperdibili nel settore a livello internazionale che attrae ogni anno oltre 300 mila visitatori provenienti da oltre 160 Paesi, Fidenza Village conferma il proprio impegno nel mondo dell’arte e del design e la propria vocazione per rendere la visita al Villaggio, non soltanto un’esperienza di shopping di altissimo livello, ma un vero e proprio percorso culturale e multisensoriale.

articoli correlati

AZIENDE

La guida targata DesignMag per seguire il Salone e il Fuorisalone di Milano

- # # # # #

Da lunedì 13 aprile 2015 DesignMag segue con uno speciale editoriale tutta la Milano Design Week, l’evento clou dell’anno per gli amanti del settore e non solo: news in tempo reale, calendari degli appuntamenti, focus, contenuti e reportage video e fotografici, diffusi anche attraverso i canali social delle testate Trilud; un racconto dettagliato e attento di ogni aspetto del Salone del Mobile e del Fuorisalone per catturare subito le nuove tendenze e le esclusive novità presentate dai brand.
Per orientarsi al meglio in una settimana ricca di eventi e iniziative, DesignMag mette a disposizione online e scaricabile anche in PDF una speciale mappa di Milano con un focus sui 10 oggetti e monumenti che diSegnano il capoluogo lombardo, fra originalità e unicità, fra passato e presente, fra sacro e profano: dalla celebre scultura L.O.V.E. di Maurizio Cattelan in Piazza Affari al corrimano della metropolitana disegnato da Franco Albini e Franca Helg, dall’iconico panettone di Enzo Mari all’insegna colorata del Plastic; per gli amanti delle curiosità, un “vademecum” serio e ironico al contempo, che ben illustra quanto Milano sia unica per il suo presente ma anche per la sua storia. Grazie alla preziosa collaborazione di Paolo Bocchi, architetto, giornalista e autore televisivo (Deejay TV, Abitare, Inventario, Ventiquattro, Kult…), in questa guida virtuale a portata di smartphone vengono segnalati inoltre gli appuntamenti e le location più “in” della città.
Partner di DesignMag per il Salone 2015 è Peugeot, che per questo evento presenta un pianoforte a coda realizzato quasi interamente in carbonio, nato dalla collaborazione tra Peugeot Design Lab e la maison francese Pleyel, unendo tecnologie all’avanguardia e tradizione secolare.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Al Salone Internazionale del Mobile Gnammo lancia il suo #SocialEating

- # # # # #

Gnammo, community italiana di #SocialEating, durante il Salone Internazionale del Mobile offrirà all’interno del Design Center ex Ansaldo due momenti di #SocialEating giornalieri gratuiti. Alle 11.00 lo Gnammo Fresh Break dedicato alla cucina crudista, alle 16.30 il momento Gnammo Tea in collaborazione con Narratè.

Gli appuntamenti sono pensati per gli Gnammers, i cuochi e tutti i curiosi che vogliano avvicinarsi al social eating e provare live una food experience i cui ingredienti fondamentali sono condivisione, passione per la cucina e divertimento.

Venerdì 17 aprile presso InKitchen Loft a Milano si terrà l’evento di chiusura della rassegna Food raising #100cene, realizzata in partnership con Emercency. La cena vedrà ai fornelli Stefania Corrado, la primissima cuoca della storia di Gnammo, con i prodotti offerti da Pastificio dei Campi, Food Genius Academy, Riso Zaccaria, 7Gr., Tartuflanghe, Consorzio Latterie Virgilio. I vini saranno forniti dall’Azienda Agricola Padroggi Luigi e figli – Cantina La Piotta. Stefania e la location offriranno la propria professionalità gratuitamente e il ricavato verrà interamente devoluto al Programma Italia di Emergency.

“Dall’estate 2012 a oggi, oltre 40.000 persone in tutta Italia si sono iscritte al portale gnammo.com e in quasi 4.000 hanno già provato l’esperienza di accomodarsi a una delle tavole social. Il grande successo è dovuto alla capacità di Gnammo di permettere a chiunque di condividere la propria passione per il cibo e la cucina, organizzando eventi culinari social, in casa propria”, racconta Walter Dabbicco, cofounder e CMO di Gnammo. “La crescita del nostro brand, sia sotto il profilo dell’offerta sia in termini di investimento, ha comportato diverse scelte strategiche, tra le quali una maggiore attenzione alla comunicazione. Per questo abbiamo deciso di farci supportare dalla MARRONECATTELAN, in tutte le nostre attività”.

articoli correlati

AZIENDE

eBay lancia il Giardino Mobile, un’oasy green su ruote dedicata all’universo Casa e Giardino

- # # # # #

eBay, uno dei marketplace più grandi al mondo, torna alla Milan Design Week con Giardino Mobile, un progetto inedito che trasporterà il visitatore nel suo infinito mondo di prodotti e idee per la casa e per il giardinaggio. Per tutta la settimana, questa scenografica installazione percorrerà i luoghi più importanti della Design Week e sosterà in alcuni punti strategici della città.

Un concept esclusivo ed innovativo, in cui le parole chiave sono già prontamente racchiuse nel nome dell’iniziativa: “Mobile” e “Giardino”. Mobile come complemento d’arredo, Mobile come Salone del Mobile e non solo. In inglese Mobile significa “in movimento”, ma fa riferimento anche ai dispositivi hi-tech, come smartphone e tablet, prodotti in grande ascesa su eBay.it. E infine “Mobile” perché su eBay una transazione su due passa tramite mobile device. Giardino perché gli italiani hanno riscoperto la passione per la natura: la categoria Giardino e Arredamento da esterni registra un oggetto venduto ogni 35 secondi e una crescita pari al 36% nel 2014. E se rivolgiamo lo sguardo all’intera categoria Casa e Giardino, gli acquisti avvengono ogni 7 secondi.

Così un sorprendente Airstream, icona americana di avventure on the road, diventa Il Giardino Mobile di eBay e si trasforma in una vera e propria oasi green su ruote. Simbolo di libertà che supera i confini fisici, l’installazione invita metaforicamente il pubblico ad entrare nell’infinito, variegato e multiforme “garden-place” eBay: qui, qualunque sia lo spazio da valorizzare, sia esso un giardino o una terrazza, la soluzione perfetta è a portata di mano.

Ma il Giardino Mobile non è solo una vetrina per raccontare l’enorme varietà dell’offerta design disponibile su eBay.it, è anche l’occasione per veicolare, attraverso gli oggetti, il messaggio universale di “design democratico” che rappresenta un elemento di unicità al centro della visione di eBay. Al suo interno, infatti, tre distinte situazioni lifestyle abitative esclusivamente dedicate all’ambiente giardino sono state ideate con oggetti acquistati nel marketplace e secondo differenti fasce di prezzo (€400 – €700 – €1.000) per ribadire la versatilità e la dinamicità di eBay, grande piazza d’incontro virtuale tra chi vende e chi compra, capace di capace di connettere le persone con gli oggetti che più desiderano e amano, in qualunque momento, in qualsiasi luogo e con qualunque dispositivo. La nuova mobile shopping experience sarà fruibile presso il Giardino Mobile.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il design come vera esperienza di luce e colori: 3M Design alla Milano Design Week

- # # # # # #

Milano è pronta per la Design Week: all’interno del Materials Village 3M Design presenterà applicazioni creative del materiale Scotchlite, celebrando la magica unione della tecnologia con il design, capace di rendere sorprendenti anche semplici momenti di vita quotidiana.

Il Villaggio sarà aperto dalle 10 alle 21, dal 14 al 19 aprile (la domenica dalle 10 alle 18). Si tratta di un progetto firmato da Materials Connexion, il più grande centro internazionale di consulenza sui materiali innovativi e sostenibili.
I visitatori che entreranno all’interno dello spazio di 3M Design avranno l’impressione di trovarsi in una stanza buia e vuota, ma facendo una foto con i propri smartphone, scopriranno improvvisamente le applicazioni illuminanti realizzate grazie a Scotchlite™.
Sviluppato originariamente per migliorare la visibilità nel mondo della sicurezza personale e stradale, Scotchlite™ si è fatto strada nelle aree dell’innovazione, del design e della moda. Nello spazio di 3M Design sarà inoltre possibile vedere dei prototipi di abiti, maschili e femminili, che testimoniano l’unione della tecnologia riflettente con i tessuti, nel campo della moda.

“Milano attrae ogni anno una vivace comunità di design” ha dichiarato Eric Quint, Chief Design Officer di 3M. “Per questo abbiamo scelto di essere qui per celebrare la creatività che nasce quando le idee, la tecnologia e il design si fondono in modo stimolante e interessante. Questa è la Scienza 3M. Applicata alla Vita. In appuntamenti come la Milano Design Week, esploriamo le nuove tendenze del design e cerchiamo di tradurle in nuove opportunità di mercato per i nostri materiali e le nostre tecnologie”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Arriva a Milano per la Milano Design week Le Bistrot du Lion, il foodtruck firmato Peugeot

- # # # # #

A Parigi, al Carreau du Temple, il famoso mercatino del quartiere del Marais, il 2 aprile Peugeot ha svelato in anteprima mondiale la sua interpretazione del Foodtruck, sintesi innovativa delle nuove esperienze al servizio della qualità nella ristorazione veloce e in movimento. Ideato e progettato da Peugeot Design Lab, il Foodtruck Peugeot, battezzato Le Bistrot du Lion, sarà presente dal 14 aprile alla Milano Design Week 2015 per poi trasferirsi al Padiglione della Francia all’EXPO.

Il Bistrot du Lion si compone di zone riservate alla preparazione dei cibi e alla ristorazione e di uno spazio dedicato alla musica, collegato alla piattaforma digitale Peugeot Music, che propone web radio e playlist esclusive. Il foodtruck ha a bordo tutto il necessario per permettere a più di 30 persone di pranzare  all’aperto con coperti, piatti, piani, tavolini da appoggio e tendoni. Per consentire ai gourmet di vedere gli chef all’opera, il Bistrot du Lion è provvisto, inoltre, di uno schermo da 46 pollici e di un sistema Focal con 8 Medium e 32 Tweeter suddivisi tra il furgone e il suo rimorchio.

“Sin dalle origini, Peugeot ha disegnato e prodotto migliaia di oggetti domestici al servizio della mobilità, che sono altrettante dimostrazioni del nostro sfaccettato know-how industriale, come della nostra capacità di realizzare nuove forme al servizio di una funzione. Il Foodtruck Peugeot scaturisce da quest’eredità: un oggetto mobile, veicolo in movimento che, una volta fermo, si trasforma in uno spazio di ristorazione viaggiante caratterizzato da forme inedite per un veicolo-ristorante. Il nostro obiettivo è sollecitare al massimo i sensi: la vista, il gusto, l’olfatto, l’udito, il tatto, con una modernità e un’armonia tipiche di Peugeot” racconta Gilles Vidal, direttore del design Peugeot.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

PepsiCo alla Milano Design Week apre le porte di “Mix It Up”, esposizione all’insegna del design

- # # # # # # #

In occasione della Milano Design Week, martedì 14 aprile 2015, PepsiCo apre le porte di “Mix It Up”, uno spazio espositivo dove poter ammirare le creazioni realizzate in collaborazione con designer di fama mondiale.
PepsiCo ha infatti collaborato con Nicola Formichetti, Stefano Giovannoni, Italia Independent e Lapo Elkann, Kravitz Design, Fabio Novembre, Alex Ott, Design Group Italia, Karim Rashid, e Vogue Talents per dare vita a un’esposizione interattiva e coinvolgente, dove design, moda, musica e gusto si incontrano in un’esperienza unica e inaspettata.
“In PepsiCo crediamo che il design sia un linguaggio universale, senza confini” afferma Mauro Porcini, Senior Vice President e Chief Design Officer di PepsiCo. “In un mondo in continua evoluzione, oggi il design gioca un ruolo molto importante nel trovare punti di contatto e nel connettere tra loro brand e prodotti differenti in un’unica e significativa esperienza per gli utenti e i consumatori. Qui alla Milano Design Week, con la presentazione di #MixItUp, stiamo comunicando l’energia e il valore di PepsiCo e dei nostri brand attraverso collaborazioni con alcuni dei più noti designer a livello mondiale, che hanno dato vita alla nostra visione, ai nostri prodotti e alle nostre innovazioni in modo nuovo e non convenzionale”.
“La Milano Design Week ci offre un’opportunità unica di mostrare le nostre innovazioni di prodotto su un palcoscenico globale. La nostra partnership con PepsiCo ci permette di creare insieme progetti innovativi che vanno incontro alle necessità dei consumatori sia oggi sia in futuro; forgiare nuovi legami e rafforzare quelli esistenti con i consumatori rende PepsiCo un partner dal valore inestimabile nell’industria dei servizi alimentari” ha affermato Roberto Rios, Senior Vice Presidente e Chief Marketing Officer di PepsiCo Foodservice.
Lo spazio “Mix It Up”, concepito da Design Group Italia, mostra le recenti novità di PepsiCo Design attraverso i suoi principali brand di snack e bevande, dall’immagine al packaging del prodotto, dal materiale alle esperienze.

Lo spazio vedrà protagonisti:
Il Kola Bar & Lounge, progettato da Kravitz Design Inc. PepsiCo Design e Kravitz Design Inc. con la figura di Lenny Kravitz, si sono uniti per creare il Kola Bar & Lounge, uno spazio dal tocco sofisticato e dai dettagli ricercati, che invita i visitatori a rilassarsi e socializzare, per celebrare il mondo della Cola e della mixology, l’abilità nel preparare cocktail. Kravitz Design Inc. è specializzata nell’interior design di residenze e spazi commerciali, e nello sviluppo e valorizzazione dei prodotti. Il team di professionisti che la costituisce, a fianco di PepsiCo Design, ha ideato diversi spazi a Dubai e ora anche a Milano, che dialogano non solo con le menti eclettiche di designer, ma anche con il consumatore finale.
La Kola Station, progettata da Design Group Italia Vi siete mai chiesti cosa ci sia dietro il gusto e la freschezza della noce di cola oltre la cola stessa? Incontrate Alex Ott, maestro alchimista e nutrizionista, per scoprirlo. Dietro al bancone del Kola Bar, infatti, svelerà la magia che si cela dietro al frutto della cola, creando cocktail che stimoleranno i sensi con un’esplosione di gusto che sorprenderà le papille gustative.
Pepsi Spire 2.0 Experience Spaces, disegnate da Fabio Novembre e Stefano Giovannoni Diventa tu stesso un mixologist con l’innovativa Pepsi Spire™, progettata da PepsiCo. La Pepsi Spire è la prima spina digitale che permette al consumatore di personalizzare la scelta della propria bevanda rinfrescante con l’ampia varietà delle bevande PepsiCo.
Pepsi Spire Food Truck, disegnato da Karim Rashid, uno dei più prolifici designer della sua generazione, con più di 3000 opere di design in produzione e oltre 300 riconoscimenti che certificano il suo talento in questo campo. Per lui la funzionalità è essenziale, ma al tempo stesso desidera stupire le persone. Questa filosofia si riflette nelle sua creazione del Pepsi Spire Food Truck, una novità assoluta parzialmente riprodotta nello spazio di “Mix It Up” dove saranno distribuiti snack e bevande straordinarie del gruppo PepsiCo.
Esposizioni di moda con Vogue Talents e Masha Reva: dopo la presentazione di successo alla Vogue Fashion Dubai Experience del 2014, Pepsi porta la sua collaborazione nell’ambito della moda con Vogue a Milano. La collezione “The Pulse of New Talent” cattura l’essenza dell’entusiasmo, dell’energia e dell’espressione di se stessi tipici della gioventù attraverso lo sguardo di 14 personalità selezionate in sei paesi diversi, volti a rappresentare una visione internazionale. Una presentazione esclusiva curata dall’ucraina Masha Reva – vincitrice del contest presentato a Dubai lo scorso ottobre – mostra i suoi più recenti lavori ispirati dalle strade del suo paese natale.

articoli correlati

AGENZIE

Logotel in mostra alla Design Week con “NEED, When Design Empowers Human Potential”

- # # # # #

Quali sono i bisogni del futuro? Di cosa ha bisogno il futuro? Ha senso progettare e lavorare su esigenze non più attuali? Per rispondere a queste domande, ma soprattutto per capire come il design adesso e nel futuro possa essere centrale per riscrivere e riprogettare i bisogni, la service design company Logotel presenta “NEED, When Design Empowers Human Potential” che si terrà durante la Design Week di Milano nello Spazio Logotel di via Ventura 15 dal 14 al 19 aprile.

Un percorso di esplorazione dei “bisogni” attraverso una moltitudine di progetti, realizzati da 19 designer italiani e internazionali, in grado di mettere in relazione diversi punti di vista meta-progettuali che indichino e mostrino alcune dimensioni del cambiamento che sono state attivate reinterpretando o riattualizzando alcune categorie di bisogni: individuali e collettivi, in micro e macro scala, umani o artificiali, materiali e immateriali, presenti e futuri. In questa chiave di lettura del presente, diventa sempre più centrale infatti allargare lo sguardo e avventurarsi sul terreno dell’ascolto: sia perché riemergono bisogni basici ed elementari, sia per anticipare quelli futuri.

La mostra indaga progetti e ricerche impegnati a disegnare servizi, artefatti, utilities o scenari con l’obiettivo di trasformare e migliorare individuo, società, ambiente per testimoniare un un orizzonte grande e possibile della trasformazione.
Project & Content Management di “Need” è Cristina Favini, Strategist e Manager of Design di logotel, con la direzione scientifica di Susanna Legrenzi, curatrice di mostre di design e di progetti di comunicazione online e offline e Stefano Maffei, Professore Associato alla Scuola del Design del Politecnico di Milano.

Ecco alcuni dei lavori presenti in questo percorso di esplorazione dei “bisogni”.
Ebola Ppe For Healthcare della Johns University e Critter Bitters di Julia Plevin e Lucy Knops, sono i progetti di “maggiore impatto”. Il primo è il prototipo di una tuta per aumentare la protezioni degli operatori sanitari che hanno a che fare con il virus Ebola ed esplora la dimensione del #Care mettendo in mostra una mescolanza unica di design funzionale, bioingegneria e conoscenza di come si possano controllare le malattie infettive. Il secondo, Critters Bitters, rivoluziona il modo in cui gli americani pensano le bevande. Questi nuovi Cocktails sono infatti Insect-Based. Lavorati attraverso processi di distillazione e fermentazione, gli insetti, o meglio i grilli, diventano dei prodotti commestibili miscelati con quattro sapori: vaniglia, cacao, mandorle tostate e – per i più avventurosi – il grillo puro nella sua essenza. Il progetto esplora il bisogno di superare il fattore di disgusto da parte della società occidentale di consumare gli insetti con più “voglia”.
Altri lavori presenti: da Fragile di Mireia Gordi i Vila che usando le proprietà di una membrana elastica, incastra oggetti di diverse forme e dimensioni in un packaging su misura, riutilizzabile, lavabile, riparabile, modulare ecc… a Reporter di Nicholas Felton, un’app che partendo dall’idea che “less is more”, aiuta a tenere traccia del tempo passato e delle attività compiute durante la giornata, misurando alcuni aspetti della giornata ad intervalli random e aggregando il tutto con grafici riassuntivi e statistiche. Il progetto NASCO/STO di Maurizio Montalti di Officina Corpuscoli consiste in un bastone da passeggio in vetro che viene rivisitato in chiave contemporanea e simbolica: da un lato la sua funzione di supporto e/o ausilio, dall’altro strumento fragile allegorico che invita a riflettere sulla necessità di un cambiamento nel campo della disciplina del progetto.

E’ ispirata invece ai progressi nel campo delle biotecnologie, Johanna Schmeer con il progetto Bioplastic Fantastic, getta le basi per il cibo del futuro, sette diversi prodotti che, combinati, potrebbero fornire tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno per vivere: proteine, grassi, acqua, fibre, zuccheri, vitamine e minerali. Mentre con Ambio, una lampada alimentata da batteri bioluminescenti costituita da un tubo di vetro riempito con batteri bioluminescenti in una soluzione di acqua salata, Teresa van Dongen sfrutta il matrimonio tra arte, biologia e tecnologia. Il libro Autistic Lanhiages di Lynn Schammel nasce dall’incontro del social designer con 3 adulti affetti da autismo con i quail Schammel ha trascorso un anno, per conoscere meglio sia loro che il loro modo di comunicare; mentre Ginger Krieg Dosier con Biobrik ha messo a punto un mattone che non deve essere cotto, bensì coltivato. Con il suo impiego su larga scala sarà possibile abbattere sensibilmente le emissioni di CO2. Dalla collaborazione della Ong Water is Life con scienziati e ingegneri americani, nasce Drinkable Book, il libro potabile, le cui pagine contengono due filtri in grado di fornire acqua pulita per 30 giorni oltre a essere rivestite di nanoparticelle di argento i cui ioni uccidono germi e batteri responsabili di malattie come colera, tifo ed escherichia.

Orari di apertura al pubblico:
Mar 14, Ven 17, Sab 18 10 am- 8 pm
Merc 15 10 am – 10 pm
Gio 16 10 am – 1 pm
Dom 19 10 am – 6 pm

articoli correlati

AGENZIE

Va ad Adverteam l’incarico per il placement delle senapi premium di Maille

- # # # # # # #

Adverteam vince la gara indetta da Eurofood per il placement delle senapi francesi premium Maille con un progetto articolato su una sinergia di azioni: co-marketing in partnership con Tramezzino.it per la creazione e vendita di due special edition Maille e attività di proximity marketing e instant shop durante la settimana milanese del design. Adverteam firma studio e sviluppo del concept, selezione e gestione degli accordi con il co-marketer.

Per tutto il mese di aprile le senapi Maille saranno l’ingrediente speciale di due proposte ricettate ad hoc da Tramezzino.it, la cui scelta, da parte di Advertteam punta a rafforzare il posizionamento di Maille quale marchio di prodotti rivolti a un target attento, curioso, orientato alla sperimentazione di sapori nuovi e ricercati. Le due special edition arriveranno mediante delivery direttamente sulle tavole degli acquirenti o potranno essere acquistate nei punti vendita Tramezzino.it dislocati in luoghi a elevata affluenza, come gli aeroporti. Per veicolare i valori di qualità e ricercatezza delle senapi francesi, i tramezzini verranno consegnati in box personalizzate Maille, complete di istruzioni su come utilizzare il particolare ingrediente.

Durante il periodo della promo, sia il sito web che i punti vendita selezionati di Tramezzino.it saranno personalizzati con elementi grafici Maille e materiali POP brandizzati. Il co-marketing verrà comunicato anche attraverso newsletter a mailing di clienti Tramezzino.it, con tutti i dettagli relativi all’iniziativa. Il marchio Maille sarà, inoltre, specificatamente indicato tra gli ingredienti delle proposte culinarie in menù.

Il progetto messo a punto da Adverteam si completa con attività di proximity marketing. Dal 9 al 14 aprile, durante la Milano Design Week, un’Ape Car co-brandizzata Maille/Tramezzino.it farà tappa in punti nevralgici, offrendo al pubblico del Fuorisalone momenti gourmet a base di senape. E dalla degustazione sarà facile passare alla vendita. L’Ape Car, infatti, è anche un instant shop dove l’esperienza d’acquisto giungerà a compimento.

Credits: Guido Cerretani (Supervisor), Sara Cislaghi (Senior Account), Federica Uboldi (Producer).

articoli correlati