BRAND STRATEGY

Masi affida a FutureBrand il rebranding di Campofiorin

- # # # #

Masi restyling

Masi per celebrare l’importante anniversario e guardare al futuro ha affidato a FutureBrand il compito di elaborare l’immagine di Campofiorin e della Campofiorin Family, una famiglia di vini che si ispira a interpretazioni originali della sua stessa tecnica.

L’intervento ha mirato a valorizzare le equity visive della marca produttrice di vini, un’icona del mercato, rispettandone l’originalità e la riconoscibilità. La capacità innovativa di Campofiorin, infatti, si legge anche nella sua identità di marca, caratterizzata dalla “cornucopia”, la cornice decorativa dell’etichetta, adottata anche da altri produttori come indicatore di appartenenza alla categoria.

L’intervento di restyling si è ispirato alle origini del brand, riproponendo la tipografia del logo Campofiorin degli anni ’60 con le lettere C ed F più grandi sotto cui è stato posizionato centralmente il logo celebrativo 50 in oro, numero che compare anche sulla capsula rosso scuro.

Arrivato con l’annata 2014 a festeggiare i suoi 50 anni, Campofiorin è espressione a tutto tondo dello stile e della creatività del Bel Paese: precursore riconosciuto di un’intera categoria di vini veneti ispirati alla tecnica dell’appassimento con cui si produce il famoso Amarone e frutto perfetto di una “ingenious technique”, come l’ha definita Hugh Johnson, uno dei massimi giornalisti enologici al mondo.

FutureBrand, oltre a realizzare l’etichetta celebrativa del Campofiorin nel formato 0.75 litri, ha ideato la versione serigrafata nel formato magnum da 1.5 litri in edizione limitata di 1964 bottiglie (a ricordare l’anno della sua creazione). L’evoluzione è stata declinata poi all’identità dell’intera famiglia Campofiorin: il celebre Brolo Campofiorin Oro caratterizzato dalla rara uva Oseleta, il Grandarella trionfo del Refosco, come la versione in rosa del Rosa dei Masi e quella in bianco del Masianco blend di Pinot Grigio e Verduzzo appassito e la recente versione spumantizzata del Moxxé.

“Un onore poter intervenire sull’etichetta del vino icona di Masi, così riconoscibile e amato in tutto il mondo e scoprire la sua lunga storia attraverso i segni che hanno contribuito a farne un successo internazionale di così lunga durata”, ha spiegato Lorenzo Corengia, Associate Account Director di FutureBrand.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Fuori Expo Day: domani si svelano le opportunità per imprese e location

- # # # #

Si terrà 19 giugno, all’AC Hotel Milano by Marriott, il Fuori Expo Day, convegno organizzato da Fuori Expo Milano per fare il punto sulle opportunità che attendono imprese e location all’esterno del sito espositivo, nelle settimane in cui sull’area metropolitana milanese si riverseranno 20 milioni di visitatori internazionali.

Dalle 14 alle 18, sul palco della convention si alterneranno sei relatori. Introdurrà i lavori Diego Masi, ora presidente di Lattanzio Communication che ha acquisito il marchio Fuori Expo Milano, che traccerà le linee guida del progetto Fuori Expo.  A seguire Marco Valsecchi, web editor della testata giornalistica Expo 2015 Contact, illustrerà quello che sta accadendo all’interno dell’esposizione universale dal punto di vista dei lavori e degli accordi internazionali stipulati. Federico Giuliano, CEO di Madeindreams, parlerà del ruolo centrale delle location cittadine durante il grande evento e degli eventi che le aziende potranno realizzare. Luigi Gioni, cofondatore e CEO di Plannify, si concentrerà quindi sul lato eventi.  Mentre Alessandro Malnati, CEO di BnB Genius, si occuperà di accoglienza, ospitalità e di come i privati cittadini potranno mettere stanze e appartamenti a disposizione dei turisti in modo profittevole. In conclusione, Pietro Sansone di LiveXtension di Digital Magics porterà alcuni esempi di come le nuove tecnologie possano mettersi al servizio del marketing nell’organizzazione di eventi promozionali legati ai temi della manifestazione.

Il Fuori Expo Day arriva a meno di due settimane dalla pubblicazione dei risultati di Expo in Città, il calendario eventi promosso dal Comune di Milano e dalla Camera di Commercio a maggio per testare un possibile “programma  off” dell’esposizione. In 31 giorni hanno visto la luce 138 iniziative in 504 luoghi diversi, per un totale di 1.170 appuntamenti e oltre 4 mila ore di intrattenimento. Il tutto sotto gli occhi di un pubblico non ancora “Expo-oriented” ma già numeroso: le presenze, nel complesso, hanno infatti superato il milione. Un successo pare confermare le stime proposte dal team di analisti economici guidati dal prof. Alberto dell’Acqua di Sda Bocconi. Secondo le loro ricerche, l’anno prossimo l’impatto del Fuori Expo potrebbe essere di 2 miliardi di euro e 20 mila posti di lavoro per l’area metropolitana milanese. Una crescita evidente soprattutto nei settori del turismo e della ristorazione, che beneficeranno di 1,6 miliardi di produzione aggiuntiva e 18.300 nuovi occupati. Ma anche il commercio, nel 2015, potrà contare su un ritorno importante: quasi mezzo miliardo di produzione aggiuntiva e 700 unità di lavoro. Tutto questo, naturalmente, a patto che imprenditori e commercianti comincino a prendere l’iniziativa.

articoli correlati

AGENZIE

All’asta da Sotheby’s le idee di Now Available. Per far studiare i bimbi africani

- # # # # # # #

Le buone idee meritano sempre una seconda chance. Tanto più quando possono alimentare un’iniziativa benefica, come quella ideata e organizzata dall’agenzia pubblicitaria Now Available per il prossimo 26 giugno, presso la sede di Milano della storica casa d’aste Sotheby’s.

Per la prima volta, all’interno degli spazi di Palazzo Broggi, non saranno esposte al pubblico e battute all’asta collezioni d’arte, gioielli o oggetti di antiquariato, bensì una selezione di 25 idee creative, ancora non utilizzate in comunicazione, che l’agenzia Now Available ha realizzato nei suoi primi 5 anni di attività in occasione di gare e consultazioni creative per importanti marchi e aziende italiane.

“Nel nostro lavoro capita sempre più spesso – spiega Emanuele Nenna, CEO e socio fondatore di Now Available – che per un’idea che vede la luce ce ne siano tante altre che vengono abbandonate, scartate, dimenticate. Nelle agenzie pubblicitarie i cassetti e i cestini sono pieni di intuizioni e creatività, frutto di ore di lavoro, energia, passione, che maritano veramente una seconda chance. Si parla tanto di lotta agli sprechi: come creativi abbiamo voluto inventarci un modo intelligente per non buttare via le idee, perché possano tornare a essere utili. Utili per chi le acquisterà a prezzi simbolici. Utili perché il ricavato dell’asta permetterà a 25 ragazzi africani di continuare a studiare e a coltivare ancora nuove idee”.

Banditore d’eccezione della “prima asta che rimette in circolo le buone idee” sarà Filippo Lotti, amministratore delegato di Sotheby’s Italia, e le donazioni che verranno raccolte durante la serata contribuiranno a finanziare il progetto “Alice Campus” di “Alice for Children”, programma di borse di studio a favore dei bambini rimasti orfani negli slum di Nairobi (Kenya) della onlus Twins International presieduta da Diego Masi.

articoli correlati