BRAND STRATEGY

Splio acquisisce Gowento e integra i Mobile Wallet nella sua piattaforma

- # # # # # # #

Splio - Gowento

Splio annuncia l’acquisizione della startup tech francese Gowento, piattaforma di Mobile Customer Engagement. Alla base della scelta di acquisire questa startup ad alta crescita, la volontà di diventare un importante player nell’ambito del mobile CRM e aprire la strada alla creazione di una relazione più moderna tra brand e consumatori.

Fortemente ispirata dalla profonda conoscenza del mercato cinese e di WeChat, Splio persegue la sua strategia di sviluppo del prodotto, che vede nella Neo-fidelizzazione il fulcro, integrando i Mobile Wallet nella sua piattaforma di omnichannel marketing.

L’expertise di Splio

Splio combina marketing automation e loyalty marketing, fornendo una piattaforma per gestire campagne marketing e nuovi programmi loyalty, sia online sia offline. Questa acquisizione consentirà ai clienti di digitalizzare la carta Fedeltà, inviare notifiche push dal Wallet e attivare notifiche geolocalizzate e personalizzate in prossimità di tutti i punti vendita.

“Con questa prima acquisizione, Splio intende dare una svolta al panorama di settore e invia un messaggio chiaro al mercato europeo. Mentre Cina e Stati Uniti hanno fatto enormi progressi in ambito di Mobile Wallet, in Europa oggi Splio si distingue per l’integrazione della tecnologia di Gowento. I brand sono ora in grado di porre il mobile al centro della loro strategia di Neo- fidelizzazione e modernizzare la relazione con il cliente senza una terza parte e senza la necessità di scaricare un’app”, dichiara Mireille Messine, Chief Executive Officer di Splio. “Siamo molto felici di dare il benvenuto al talentuoso e visionario team di Gowento con il quale condividiamo valori ed obiettivi”.

La startup Gowento

Fondata a Parigi nel 2015 da Rabye Marouene, Sébastien Alexandre e Loris Guignard, Gowento è una startup che ha saputo costruire il suo prodotto attorno al potenziale, ancora sottovalutato, dei Mobile Wallet e delle app pre-installate, disegnando funzionalità che vanno ben oltre il mero pagamento mobile. In meno di 3 anni, 50 brand si sono affidati a Gowento, tra cui Fnac, L’Occitane e Nicolas, e la soluzione è stata distribuita in oltre 60 paesi.

“Lo smartphone è il canale di interazione principale tra il brand e i suoi consumatori e in particolare i suoi clienti. Con oltre 2,5 milioni di app disponibili sul mercato di cui solo la media di una dozzina per utente viene utilizzata regolarmente, lo smartphone è diventato una priorità assoluta nella strategia CRM dei brand. Abbiamo creato Gowento per rispondere a questa sfida, utilizzando applicazioni già installate sugli smartphone, come Apple Wallet, Google Pay o Google Chrome e Samsung Internet “, spiega Rabye Marouene, CEO e co-fondatore di Gowento. “Combinando la nostra soluzione con la piattaforma Splio e l’expertise del suo team di esperti di marketing in tutto il mondo, abbiamo ora i mezzi per andare ancora più veloci e concretizzare le nostre ambizioni comuni”.

articoli correlati

AZIENDE

Sempre più marketing automation e machine learning per Contactlab

- # # #

contactlab machine learning

La piattaforma di Contactlab, indispensabile strumento in cloud per fare engagement marketing, si amplia con due nuove funzionalità: la marketing automation per la creazione ed esecuzione di journey automatizzati in grado di reagire rapidamente alle azioni compiute dall’utente seguendo il percorso di ognuno con il brand, e uno strumento di machine learning e analitiche predittive, per arricchire con nuove informazioni il profilo dei propri utenti e migliorare la qualità delle campagne personalizzate.

Oggi i consumatori hanno comportamenti e preferenze di contatto diverse. Gestirli singolarmente secondo le loro abitudini e su molteplici canali è complesso. Creare journey ad hoc manualmente, quasi impossibile. Il nuovo modulo dedicato all’automation consente alle aziende, decise le strategie di marketing, di definire il percorso più adatto a ciascun cliente e monitorare le performance di ogni step. L’automazione può essere applicata a diversi scenari come dare il benvenuto ai nuovi utenti, creare occasioni di upselling, gestire il carrello abbandonato o creare promozioni ad hoc per specifiche tipologie di acquisto, per interagire in modo personalizzato ma automatico con ciascun utente, su tutti i canali e in tempo reale, rispettando e assecondando il journey di ognuno.

In aggiunta al nuovo modulo, che farà parte della full suite, Contactlab lancia la nuova funzionalità di Data Enrichment. La feature consente di applicare all’intero set di dati anagrafici e comportamentali degli strumenti di machine learning, algoritmi e analitiche predittive, declinati sulle industry, per scoprire nuove caratteristiche dei propri utenti, creare cluster automatici sulla base dei pattern di comportamento, predire il potenziale di spesa o il rischio di abbandono.

“La capacità di interessare ciascun cliente genera aumento di risultati”, spiega Paolo Santori, Head of Product di Contactlab (nella foto). Per arrivarci bisogna conoscere, analizzare e elaborare la molteplicità di dati generati dall’utente nei molteplici canali paralleli su cui è attivo contemporaneamente, facendolo sentire unico. Per farlo serve una comunicazione personale, in tempo reale e guidata da una nuova intelligenza. Le nuove funzionalità di marketing automation e di data enrichment aiutano i nostri clienti a declinare le loro strategie, automatizzare le campagne, prevedere i comportamenti degli utenti e reagire rapidamente ad essi, ossia contribuiscono a generare valore migliorando la qualità della personalizzazione”.

articoli correlati

AZIENDE

La Marketing Automation per il no-profit: Diennea MagNews al Fundraising Day con UNHCR

- # # # # #

Diennea MagNews - UNHCR

Diennea MagNews, azienda specializzata da oltre 20 anni nel multichannel marketing, sarà sponsor del Fundraising Day, l’appuntamento dedicato al no profit e all’impatto che il digital sta avendo su questo settore, che avrà luogo sabato 21 ottobre al Campus Universitario di Forlì, dalle ore 9:00 alle 17:00.

Una giornata di formazione che vedrà la partecipazione di 600 fundraiser e sarà ricca di molte sessioni parallele che tratteranno dall’Email Marketing al Crowdfunding, passando per i Social e il Web Copywriting, tutto orientato alla raccolta fondi.

Diennea MagNews terrà un workshop di approfondimento sul fundraising online, dalle ore 14:30 alle 15:30 (Aula 2), intitolato “Valorizzare ogni fase del Donor Journey con la Marketing Automation: il caso UNHCR”, durante il quale Delia Bruno, Business Consultant del leader nel digital direct marketing, spiegherà i vantaggi della Marketing Automation per il no profit, con il supporto di Diego Ciccone, Marketing Specialist di UNHCR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Attraverso il racconto della case study UNHCR, sviluppata in collaborazione con Diennea MagNews, il workshop offrirà insight e best practice per disegnare il “Donor Journey” e coltivare un rapporto duraturo con i donatori, ottimizzando così le performance dell’attività di fundraising.

Conoscere, coinvolgere e fidelizzare i propri sostenitori sono i fattori chiave di una strategia “donor-centrica”, finalizzata alla raccolta delle donazioni, e sono realizzabili attraverso la Marketing Automation che consente di automatizzare e personalizzare i flussi di comunicazioni e le azioni verso gli utenti, migliorando performance e risultati.

Si tratta di un cambio di paradigma che ha permesso a UNHCR di invertire l’approccio classico della comunicazione: dall’invio di email massive alla politica dell’ascolto e della profilazione, alla base della strategia. L’obiettivo è rafforzare il legame dei donatori con UNHCR e migliorare l’esperienza della donazione, mandando comunicazioni mirate a seconda degli interessi.

“Il progetto che abbiamo sviluppato insieme a UNHCR ci ha permesso di estendere anche al no profit i vantaggi strategici della Marketing Automation, già testati con successo su altri modelli di business. In questo caso, l’utente prende il nome di donatore e il ciclo di vita “donor journey”: cambia la forma, ma non la sostanza dei progetti che si possono costruire. Si parte sempre dagli obiettivi per disegnare la strategia a seconda della fasi del Donor Journey e dei touchpoint più rilevanti. Vedremo, ad esempio, che il piano di Welcome racchiude un mondo di opportunità non solo per consolidare il rapporto appena avviato, ma anche per acquisire importanti informazioni di profilazione sugli utenti”, commenta Delia Bruno di Diennea MagNews.

articoli correlati

COMMERCE

MagNews presenta la sua nuova immagine al #NetcommForum 2017

- # # # #

MagNews

MagNews si presenta al Netcomm Forum 2017 con un’immagine rinnovata. Un percorso iniziato nel 2016 per festeggiare i primi 20 anni di attività della corporate, Diennea, che oggi viene completato con il restyling del suo brand di punta: MagNews.

Da pochi giorni, l’azienda ha lanciato il nuovo sito web che rappresenta e valorizza l’intera value proposition di MagNews: un partner completo che, oltre a fornire una delle piattaforme più avanzate sul mercato per la comunicazione multicanale, affianca il cliente in tutte le fasi strategiche di gestione del contatto, grazie a un team di professionisti del digital: dall’acquisizione all’engagement, fino alla sua valorizzazione tramite campagne di Marketing Automation.

Al Netcomm Forum, MagNews sarà presente con uno stand (D22), dove i partecipanti avranno l’opportunità di conoscere dal vivo le novità dell’azienda, e proporrà due workshop di approfondimento. Il primo, intitolato “Da audience a clienti fidelizzati: come integrare strategia online e offline per aumentare le vendite. Il caso Stroili” si terrà mercoledì 10 maggio alle ore 12:30 e vedrà come relatori Claudia Temeroli, Marketing Manager di Diennea – MagNews, e Monica Cacitti, eCommerce Manager di Stroili, che presenteranno il piano di comunicazione cross-canale realizzato da MagNews per il brand italiano leader nel settore gioielli.

Lo stesso giorno, alle 14:00, Claudia Temeroli e Monica Cacitti prenderanno parte alla tavola rotonda organizzata da Netcomm: “Le nuove frontiere per il marketing dell’eCommerce”.

Giovedì 11 alle ore 11:30, avrà luogo il secondo workshop: “Aumenta le vendite del tuo eCommerce con la Marketing Automation: esempi pratici da mettere in azione”, con Andrea Girelli, Digital Performance Manager di Diennea – MagNews, che illustrerà alcuni esempi pratici di email automatiche per l’eCommerce (welcome, carrello abbandonato, win back, etc.) disegnate su veri e propri workflow costruiti sul Customer Journey dell’utente.

“Il Netcomm Forum si conferma l’evento di riferimento in Italia per l’eCommerce in quanto, oltre a fornire nuovi trend, è una vetrina molto importante per gli operatori del settore perché permette di incrociare domanda e offerta. Questo è il settimo anno consecutivo che prendiamo parte all’iniziativa, possiamo dire che l’abbiamo vista crescere, così come l’eCommerce nel nostro Paese. Proprio l’anno scorso, abbiamo presentato al Forum la nostra nuova suite di Marketing Automation, su cui continueremo a investire e che è già stata attivata da oltre 50 clienti. Quest’anno presenteremo un piano realizzato insieme a Stroili, che MagNews ha integrato con il suo eCommerce, con Facebook e, tramite il loyalty program del brand, anche con il canale di vendita fisico. Un progetto di automation a 360 gradi che sta consentendo a Stroili di fidelizzare gli utenti e dare un forte impulso agli acquisti”, afferma Florida Farruku, General Manager Diennea-MagNews.

“Grazie alla presenza capillare sul territorio da più di vent’anni, oggi Stroili è leader nel mondo dei gioielli. Con il lancio del nuovo eCommerce, il nostro obiettivo era quello di avvicinare ancora di più gli utenti al brand facendo vivere loro un’esperienza unica. L’email è un canale fondamentale di fidelizzazione che ci ha permesso di aprire nuovi scenari e opportunità di integrazione tra il mondo retail e il nostro e-shop. L’automation lavora sui touch point più importanti del journey dell’utente che, per definizione, è multicanale nelle modalità di iterazione e acquisto, ma per noi è sempre la stessa persona. Riuscire a fare questo match non è banale, ma l’integrazione dei dati e la strategia che stiamo realizzando va proprio in questa direzione”, commenta Maurizio Merenda, CEO Stroili.

Infine MagNews presenterà al Netcomm Forum anche la nuova app MagNews Leads, che permette alle aziende di registrare contatti offline, in occasione di eventi o attività in-store, e di iniziare con loro un rapporto one-to-one tramite l’invio di messaggi email o sms.

articoli correlati

AGENZIE

PubMatic lancia la soluzione wrapper tag per i publisher

- # # # #

PubMatic

PubMatic, società di software specializzata in marketing automation per publisher, ha lanciato la prima soluzione per wrapper di livello aziendale per i publisher che risolve le inefficienze attualmente presenti nella gestione e nella misurazione dei tag degli header. Questa soluzione è disponibile per i publisher a titolo gratuito ed è corredata da un servizio completo di assistenza tecnica e analytics.

Diversamente da altre soluzioni, la soluzione wrapper tag di PubMatic consente la gestione integrata di tutti i partner partecipanti al processo di header bidding e offre un quadro trasparente e in tempo reale dei parametri utili per la misurazione delle attività e del volume delle offerte, latenza e monetizzazione.

PubMatic collabora con più di dodici publisher in Nord America e in Europa per questa nuova soluzione.

Attualmente, le soluzioni che fanno uso di wrapper tag sono complicate e la loro integrazione richiede notevoli risorse. Rispetto ad altri wrapper proposti dai competitor, la soluzione PubMatic riduce i tempi di integrazione fino all’80%, aspetto di importanza critica per i publisher con risorse tecniche limitate. Fino ad oggi, infatti, per la gestione dei tag e la loro integrazione, i publisher dovevano affidarsi esclusivamente a team di specialisti. Ora, i publisher possono facilmente configurare e misurare tutti i loro header bidder grazie a un’interfaccia utente potente e intuitiva. La soluzione PubMatic permette ai publisher di concentrarsi sul business lasciando il lavoro tattico a un partner tecnologico esperto.

La wrapper tag solution di PubMatic risolve le tipiche inefficienze legate alla visualizzazione degli annunci, favorisce una monetizzazione sostenibile e permette ai publisher di prendere decisioni migliori.

Integrazione semplificata: I publisher possono gestire i tag dei loro header bidding in modo semplice ed efficace, eliminando le operazioni di integrazione più complicate, riducendo così la necessità di implementare ogni tag separatamente. Gli Ad Operation Team possono riprendere il controllo del processo decisionale senza dover necessariamente affidarsi a specialisti per la realizzazione di integrazioni lunghe e difficili che richiedono una considerevole mole di lavoro manuale.

Interfaccia Utente potente e intuitiva: La ricca interfaccia utente consente agli editori di andare oltre le attività che oggi vengono fatte in back-end e gli espedienti presenti nelle soluzioni oggi disponibili. L’interfaccia utente PubMatic garantisce un controllo maggiore delle demand sources per i publisher. Grazie ai controlli dettagliati disponibili, i publisher possono bloccare i partner con alti tempi di latenza e basse prestazioni e impedirgli di presentare offerte, massimizzando così i ricavi per ogni impression. Inoltre, i publisher possono facilmente implementare le impostazioni personalizzate di latenza a livello di pagina in base alle aspettative dei consumatori.

Analytics a livello aziendale: Le piattaforma di analytics e reporting in real-time permette di avere una visione olistica dei partner di header bidding integrati, con un’analisi dettagliata delle metriche relative ai volumi, alla latenza e alla monetizzazione, fra cui i tassi di offerta, le win ratio, e i CPM medi, in una dashboard che consente agevolmente di effettuare test e ottimizzazion. Grazie a questi dati, i publisher possono identificare i loro header tag più forti in base alle performance.

“Attualmente, i publisher si trovano ad affrontare integrazioni complicate non necessarie che non forniscono tutti gli strumenti necessari per gestire e capire le performance dei loro partner di header bidding”, dice Evan Simeone, Vice Presidente, Product Management presso PubMatic. “Il nostro wrapper – invece di un semplice tag – dà ai publisher una visione unificata della loro domanda programmatic, mettendola sullo stesso piano delle loro vendite dirette”.

PubMatic si prefigge l’obiettivo di promuovere l’innovazione e la monetizzazione nel segmento publisher premium. La sua soluzione wrapper rappresenta un passo avanti nell’evoluzione del processo di ad-decisioning, in quanto si avvicina a una piattaforma per la monetizzazione integrata, che include funzioni di inventory management, analytics in real-time e funzionalità di ad serving. La società sta creando la prossima generazione di prodotti di marketing automation per un futuro sempre più digitale.

articoli correlati

AZIENDE

Nasce a Milano il primo HubSpot User Group italiano

- # # # # # # #

Dalla collaborazione tra PantaRhei, partner certificato di HubSpot e l’agenzia di comunicazione Threesixty di Gabriella Braidotti nasce il primo HUG (HubSpot User Group) italiano.

Milan.hubspotusergroups.com raggruppa un network di aziende che hanno deciso di rinnovare la propria area marketing e comunicazione seguendo il metodo ideato a Boston nel 2006 da Brian Halligan e Dharmesh Shah.

HubSpot è un aggregatore di strumenti e software che aiuta le aziende a generare flussi di visite qualificate verso il proprio sito, trasformando i visitatori in nuovi clienti. Il web diventa così in questo caso il centro di tutte le attività di comunicazione e promozione, per intercettare esigenze reali e trasformare i visitatori in futuri clienti.

Tra le attività dell’HUG milanese di HubSpot incontri formativi sull’utilizzo della piattaforma e delle più effiaci strategie di coinvolgimento dei pubblici in attesa del grande forum Inbound che dall’8 all’11 Settembre riunirà a Boston i massimi esperti mondiali di marketing automation.

articoli correlati

AZIENDE

CampDigital: al via il 30 marzo il corso di Marketing Automation. Sconto agli iscritti entro il 20 marzo

- # # # # # # #

Inizierà il prossimo 30 marzo il primo corso online di CampDigital, dedicato alla Marketing Automation e rivolto a chi vuole generare maggiori contatti commerciali per il proprio sito, a chi desidera incrementare le transazioni sulla propria piattaforme di ecommerce e anche a chi, investendo in progetti editoriali, desidera aumentare i ricavi attraverso l’advertising online.

Il corso, della durata di 15 ore dal 30 marzo al 17 aprile, affronta temi quali Customer Journey, Lead Nurturing, Content marketing, Social Automation, Mail Marketing e Programmatic Advertising, andando a definire un metodo di lavoro molto pratico e orientato a essere subito messo in pratica.

I docenti sono Alessio Semoli, Marketing Director di Softec spa, esperto di Digital Marketing, autore di Libri e docente presso le più importanti Università; Andrea Boscaro, Fondatore di The Vortex e formatore legato ai temi dell’e-business, dei social media e dell’editoria digitale, e Luca Benini, imprenditore digitale di base a Londra con esperienza dirigenziale a livello pan-europeo presso Salesforce, Socialbakers, Comscore e Yahoo!.

Il costo di 340 euro, Iva inclusa, è scontato a 289 euro per chi si registra entro il 20 marzo.

Il programma include 12 ore di formazione real time con modalità webinar, due ore real time con modalità screencast dove il docente passa dalla teoria alla pratica e un’ora di question time conclusivo con partecipazione degli utenti. Video how to do, infine, permetteranno di approfondire il funzionamento di alcuni strumenti, programmi e servizi attraverso video guide.

CampDigital, business unit di Consulmarketing SpA, società che opera dal 1989 sul mercato nazionale ed internazionale nei servizi di marketing e consulenza aziendale connessi all’Industria e al Trade, è una realtà di formazione che nasce dall’esperienza pluriennale di professionisti della comunicazione e del marketing digitale. Forte di un team di docenti altamente qualificati ed esponenti della business community, esperti, competenti, appassionati e dinamici, CampDigital si pone l’obiettivo di condividere conoscenza e diffondere una nuova cultura di formazione in un mondo che è in continuo mutamento, attraverso corsi innovativi ed in costante aggiornamento, contribuendo allo sviluppo ed alla crescita dei professionisti.

La didattica prevede una verifica costante e puntuale delle competenze acquisite, momenti di approfondimento e prove pratiche riservate alla community degli iscritti.
La formazione real time con modalità webinar ha costi decisamente più contenuti rispetto ai corsi in aula, ha inoltre il vantaggio di non prevedere spostamenti con conseguente risparmio di denaro e di tempo.

articoli correlati

AZIENDE

Teradata eCircle diventa Teradata: un unico brand, un’unica organizzazione

- # # # # #

Teradata Corporation ha annunciato che non utilizzerà più il nome “eCircle” per i propri prodotti di digital messaging e marketing automation a livello europeo nè nel proprio lessico istituzionale. In questa direzione, il brand “Teradata eCircle”, temporaneamente introdotto e utilizzato in Europa dopo l’acquisizione – nel giugno 2012 – da parte di Teradata di eCircle, azienda con sede a Monaco, si trasformerà semplicemente in “Teradata”.

A livello di soluzioni, il prodotto “eCircle” – precedentemente noto come eC-messenger e ora parte integrante della piattaforma di Digital Messaging di Teradata – si chiamerà “Teradata Digital Messaging Center”, nome già in uso nel resto del mondo.

Teradata Digital Messaging è una delle tre principali linee di prodotto che compongono il portafoglio IMM (Integrated Marketing Management) di Teradata. Questa soluzione cloud completa comprende i prodotti Teradata Marketing Operations, Teradata Campaign Management e Teradata Digital Messaging. Le soluzioni IMM di Teradata per il marketing data-driven coprono l’intera catena del valore di marketing e includono anche una serie di applicazioni analitiche per la gestione dei dati aziendali. Complessivamente, queste soluzioni garantiscono il business data-driven in modalità on-demand oppure on-premise.

Oltre a questi cambiamenti a livello organizzativo e di prodotto, i “Media Services” di Teradata eCircle prenderanno il nome di “Teradata Interactive”. Si tratta infatti di una soluzione di marketing online full-service che fa parte dell’ampia gamma di servizi business di Teradata. I clienti possono trarre beneficio dalla ricca esperienza di Teradata in ambito digital marketing nella gestione di campagne marketing tramite tutti i canali digitali, soprattutto nelle operazioni di lead generation, search e affiliate marketing, display, social e mobile advertising. Inoltre, Teradata Interactive offre ulteriori servizi tra cui l’analisi e l’ottimizzazione dei dati, la gestione del ciclo di vita dei clienti, il media planning e la progettazione creativa. La soluzione di Teradata supporta le aziende non solo ad acquisire nuovi clienti, ma anche a fidelizzare quelli esistenti oltre che aumentare la user engagement, capace quest’ultima di generare un aumento in termini di vendite e di crescita aziendale.

“Grazie a un solo brand e a un’unica organizzazione globale, Teradata migliora la propria offerta di soluzioni di eccellenza nel mercato di Integrated Marketing Management (IMM) per aiutare le aziende ad aumentare il valore dei propri dati e le relazioni con i clienti”, ha dichiarato Maurizio Alberti (nella foto), Managing Director, Italia, Marketing Applications di Teradata. “Le soluzioni IMM e i prodotti Analytical Applications di Teradata sono distribuiti a livello globale, in modalità cloud o on-premise, sotto forma di prodotti singoli “best in class” oppure di una piattaforma IMM completa, leader di settore. In ogni caso, le soluzioni di Teradata ora come in passato permettono ai marketer di gestire più efficacemente le attività, le campagne e le analisi multi-canale, con un conseguente aumento dei risultati in termine di efficacia ed efficienza e un maggiore ritorno sugli investimenti di marketing (ROMI)”.

Dopo l’acquisizione, avvenuta nel giugno 2012, Teradata ha avviato un processo di progressiva integrazione delle soluzioni eCircle con l’obiettivo di realizzare la propria visione di mercato  nel settore IMM. I clienti di Teradata hanno così la possibilità di sfruttare i vantaggi offerti da una gamma di prodotti e di servizi fortemente integrati, tra i quali la suite di prodotto Campaign Management in combinazione con le soluzioni di Digital Messaging, di email e mobile marketing per l’esecuzione delle campagne multicanale.

Teradata mantiene il suo headquarter europeo a Monaco con uffici in tutta la regione EMEA, tra cui Danimarca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Regno Unito.

articoli correlati