BRAND STRATEGY

Mapei compie 80 anni e si racconta in 18 brevi storie con Jack Blutharsky

- # # # # #

Mapei

Jack Blutharsky ha realizzato il cofanetto celebrativo dell’ottantesimo anno di Mapei: un linguaggio ironico e non convenzionale per narrare i prodotti di eccellenza dell’azienda.

Mapei, gigante mondiale nel settore dei materiali per l’edilizia e l’industria è nata nel 1937 dall’iniziativa imprenditoriale di Rodolfo Squinzi e ora guidata dal figlio Giorgio. Per ricordare al meglio l’importante traguardo l’azienda ha realizzato una monografia che ripercorre la storia di una delle principali realtà industriali italiane, affidandone la realizzazione all’agenzia Jack Blutharsky di Bologna.

Nel cofanetto celebrativo, dedicato a tutti i partner e stakeholders di Mapei, è inserito il volume “1937-2017 – Una lunga storia in 18 brevi racconti” in cui l’agenzia bolognese ripropone il linguaggio ironico, divertente e non convenzionale che ha già contraddistinto su radio, web e quotidiani l’ultima campagna del prodotto Mapelastic, capostipite della famiglia Mapei negli impermeabilizzanti cementizi.

Sono 18 storie, scritte da Fabio Longhi – CEO di Jack Blutharsky – e illustrate dall’artista Carlo Stanga, per raccontare le soluzioni e il contributo che Mapei ha fornito a realizzazioni e grandi progetti in Italia e nel mondo. Le storie attraversano otto decenni e di volta in volta edifici storici, importanti opere infrastrutturali, personaggi famosi, testimoni occasionali e i prodotti stessi, sono chiamati a descrivere qualità e caratteristiche che rendono uniche le realizzazioni rese possibili da Mapei. Emergono così, per mezzo di brevi storie di fantasia, fatti e avvenimenti reali che raccontano, da inedite prospettive, tappe e successi dell’azienda.

Testi e illustrazioni dei racconti sono stati inoltre un tratto distintivo del layout dello stand Mapei all’ultima edizione del Cersaie, il Salone della ceramica che si è svolto a fine settembre alla fiera di Bologna. Inoltre, sul sito web di Mapei è stata creata un’apposita sezione dedicata agli 80 anni da cui è possibile, tra le altre cose, leggere e scaricare la monografia e i 18 racconti.

“Accanto al volume che racconta il cammino di Mapei dalla sua nascita ad oggi, e che illustra il meglio delle nostre conoscenze e competenze, abbiamo voluto fare un piccolo regalo, leggero e ironico, che contribuisce a svelare curiosità e aspetti poco conosciuti della nostra attività e produzione”, afferma Adriana Spazzoli, Direttore marketing e comunicazione di Mapei. “Ancora una volta abbiamo deciso di affidarci al linguaggio che ci ha proposto l’agenzia Jack Blutharsky, che permette di dare personalità, carattere e simpatia a prodotti fondamentali nelle realizzazioni edilizie e nelle grandi opere ma le cui caratteristiche non sono di semplice comunicazione ai non addetti ai lavori”.

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Volvo Trucks lancia un “reality road” con la cantante Mapei

- # # #

Dopo il successo dell'”Epica spaccata” con Van Damme, Volvo Trucks lancia un reality in 8 puntate precedute dal trailer pubblicato sul canale YouTube del brand. Un vero e proprio viaggio di nove giorni lungo le strade d’Europa in cui l’artista statunitense girerà un video musicale diretto da Liza Minou Morberg. Al volante Jens Karlsson, uno dei migliori autisti del mondo, per la serie “Reality Road”
Protagonista del reality è la cantante statunitense di origini svedesi Mapei, che ha raggiunto la fama internazionale nel 2007 con il brano “Video Vixens”.

Il viaggio attraverserà Svezia, Polonia, Germania, Francia, Svizzera e Italia per un totale di oltre 4 mila chilometri, per registrare il video musicale per il nuovo singolo «Million Ways to Live». In una parte del video, un camion viene guidato su due ruote sullo sfondo, mentre Mapei canta.

“Con Reality Road dimostriamo quanto sia valida la nostra offerta di servizi – dichiara Per Nilsson, Director Public Relations Volvo Trucks – Desideravamo creare un prodotto di intrattenimento televisivo, in grado di attirare un pubblico più ampio. Per quanto ne so, nessun’altra azienda ha proposto una serie televisiva a scopi di marketing».

articoli correlati