MEDIA

Madvertise lancia MDF: nuovo sistema di monetizzazione degli spazi su mobile per i publisher

- # # # # # # #

madvertise

La concessionaria mobile madvertise, inaugura il “Madvertise Developer Fund” (MDF), nuovo sistema di monetizzazione per gli editori. Aderendo a MDF giovani editori e sviluppatori di app potranno avere accesso a un budget dedicato a loro, facendo fruttare i loro spazi pubblicitari su mobile. L’iniziativa fa sì che tutti i ricavi generati dagli annunci rimangano all’editore, garantendo infatti revenue share competitivi su campagne in programmatic e reservation e il 100% di revenue share sulla mediation, previa l’implementazione dell’SDK Madvertise.

“In Italia le realtà ambiziose, di qualità, che garantiscano ambienti brand safe non mancano, ma molte di queste sono ancora in fase di sviluppo per quel che riguarda la distibuzione della loro inventory mobile”, afferma Francois Roloff, COO di Madvertise.

“Il mercato è sempre più frammentato in termini di nuovi editori”, aggiunge Tommaso Rossi, Managing Director di Madvertise Italia. “Il nostro obiettivo è avviare una collaborazione con i candidati più promettenti. Il Madvertise Developer Fund si propone appunto di far integrare l’SDK Madvertise a tutte le testate con grande potenziale, ma ancora in fase di crescita, invitiamo dunque tutti gli editori con contenuti di qualità, una struttura già avviata per gli spazi pubblicitari e almeno 20.000 utenti attivi al mese ad aderire al programma.”

Per i publisher che aderiranno al fondo sarà sufficiente implementare l’SDK una tantum, per godere immediatamente dei vantaggi offerti dal programma. Il pioniere dell’Adtech si fa insomma da apripista per tutti quei budget pubblicitari a cui le testate più verticali spesso non riuscono ad avere accesso.

“Abbiamo avuto un’esperienza molto positiva nella collaborazione con GoalAlert, app che fornisce risultati calcistici in real-time“, spiega Roloff. “Da quando abbiamo iniziato a lavorare insieme nel 2015 l’app ha registrato 1 milione di utenti unici. È stato il risultato di strategie basate sull’attenzione a monetizzazione e rispetto della user experience, aspetti di cui un publisher deve necessariamente tener conto per affermarsi sul mercato”. Allo stesso modo sono cresciute con Madvertise, per diventare le più importanti app del network, realtà come FantaMaster, Squid e Cinetrailer.

Madvertise è integrata con le principali SSPs, il che permette a tutti i partner di lavorare con brand di valore in ambienti di alta qualità.

 

articoli correlati

AZIENDE

Brand Safety: Madvertise entra a far parte del CAAF – Coalition Against Ad Fraud

- # # # #

Madvertise - CAAF

Madvertise annunica la sua adesione al CAAF (Coalition Against Ad Fraud). Si tratta di un’iniziativa promossa da Adjust a cui hanno aderito i leader del settore performance mobile marketing che uniscono le forze e il loro know how per contrastare frontalmente le frodi pubblicitarie.

La coalizione ha l’obiettivo di garantire sicurezza e certificazione di qualità per gli advertiser, attraverso la creazione di appositi tool tecnologici. Durante eventi e riunioni dedicate, CAAF si occuperà inoltre di analizzare l’attuale situazione del mercato a livello mondiale. A oggi sono già stati realizzati incontri a Tokyo, Berlino e San Francisco e altre iniziative verranno realizzate durante tutto il 2018.

Hanno aderito e sono membri della coalizione società del calibro di IronSource, Adcolony, Applift e molte altre che si uniranno nei mesi a venire.

Quello della performance è un mondo che garantisce ancora poca trasparenza. Madvertise grazie alla tecnologia proprietaria Appsfire (società acquisita dal gruppo nel 2015), al suo sistema antifrode e, da oggi, alla certificazione CAAF, è il partner ideale per campagne cost per download con garanzie di brand safety.

“Attualmente lavoriamo con i tutti i principali sistemi di tracking internazionali (Adjust, Appsflyer, Kochava, MAT) e da questo mese siamo integrati con Firebase, il nuovo sistema di tracking creato da google. Dopo aver ricevuto già in passato la certificazione Nielsen della nostra inventory ed esserci adeguati ai requisiti GDPR, Coalition for Better Ads, continua il nostro impegno nello sviluppo di soluzioni moderne a vantaggio degli inserzionisti, con l’obiettivo di evolvere e migliorare sempre di più il nostro prodotto mantenendo sicurezza e trasparenza come asset principali”, dicono dall’azienda.

articoli correlati

AZIENDE

madvertise lancia il nuovo brand globale e la nuova divisione dedicata al performance

- # # # #

madvertise

madvertise mobile advertising, la concessionaria di marketing mobile basata a Milano, insieme con la holding francese Mobile Group Network, con sede in Francia e nel Regno Unito, stanno lanciando il marchio globale “madvertise” per tutti i mercati di riferimento.

“Leader nella pubblicità mobile indipendente in Francia, e ora in Germania, madvertise è presente anche in Italia, Austria, Svizzera e nel Regno Unito dove realizziamo circa un terzo del nostro fatturato. Vogliamo accelerare il nostro sviluppo tecnologico e creativo per soddisfare le esigenze degli inserzionisti. Ecco perché è sembrato ovvio per noi stabilire la coerenza tra i nostri marchi e l’offerte”, ha dichiarato Paul Amsellem, Presidente di madvertise.

Il marchio globale comprende il lancio di “madvertise performance” un’offerta complementare per l’attuale prodotto di branding mobile. Questa divisione appena nata specializzata in campagne pubblicitarie mobile basate sul performance punta alla fidelizzazione dei clienti e retargeting, estendendo la qualità dei deal display mobile e consolidando il suo posizionamento come esperto mobile e promotore esclusivo.

madvertise sta inoltre ulteriormente sviluppando l’SDK proprietario, “una soluzione innovativa per i publisher in app che potranno avere un tool tecnologico che permetterà loro di ricevere campagne premium con eCPM superiori alle medie di mercato e allo stesso tempo un pannello di mediazione gestito da un algoritmo che organizza la waterfall in tempo reale garantendo sempre il CPM migliore e che inserisce automaticamente l’open market inserendo regole di pricing in base ai bid degli inserzionisti”, dichiara Tommaso Rossi, Managing Director di madvertise (nella foto). L’SDK propietario è già connesso con i più importanti Ad Network al mondo (Facebook, Google, Flurry, Amazon…) e sono in fase di sviluppo la tecnologia beacon e l’audience targeting attraverso i device ID. L’obiettivo è di fornire una tecnologia full service ai publisher in app più importanti al mondo.

articoli correlati

MEDIA

CineTrailer sceglie in esclusiva madvertise per la raccolta pubblicitaria

- # # # #

CineTrailer

madvertise, concessionaria premium di advertising mobile, annuncia l’inizio di una partnership esclusiva con DDM/CineTrailer per il mercato italiano e internazionale. madvertise amplia in questo modo il proprio network aggiungendo un prezioso asset al suo interno e rafforzando il canale Lifestyle legandosi a una testata riconosciuta a livello internazionale come leader di settore nel mondo del cinema.

Con quasi 5 milioni di download su tutte le piattaforme, infatti, CineTrailer è l’app di cinema n.1 in Italia dedicata a tutti gli appassionati del grande schermo. Al suo interno si possono trovare le schede dei film da cui consultare trama, cast e guardare il Trailer in vari formati, HQ inclusa. Accanto alle schede, il “Trova Cinema”, con la programmazione aggiornata e geo localizzata in tempo reale di tutte le sale cinematografiche d’Italia, sta diventando sempre più un tool fondamentale nella ricerca del film preferito.

Dalla nuova collaborazione nasce un prodotto innovativo sia per le case di distribuzione sia per clienti extra settore articolato su 3 offerte: il Cost per Visit, soluzione performance all’interno di un publisher premium, con l’obiettivo di generare e portare traffico alle schede dei film; la Domination, formato impattante di tipo branding, pianificabile settimanalmente con obiettivi di brand awareness; Native adv, dedicato a tutti a quei clienti extra settore che vogliono dare visibilità al proprio brand/prodotto nelle varie sezioni presenti nell’app CineTrailer.

DDM ha inoltre affidato a madvertise la raccolta pubblicitaria Worldwide dei formati Display e Rich Media. Grazie ad MNG ADS, tecnologia proprietaria, madvertise riuscirà a garantire la monetizzazione di tutta l’inventory internazionale, assicurando ecpm superiori alla media, un team dedicato di supporto e una soluzione “chiavi in mano” per il publisher.

In coordinamento con madvertise, è stata confermata a Franco Conta la gestione dei rapporti diretti con l’editore per tutte le realtà sprovviste di centro media.

Marco Dufour e Camillo Morganti, owner di CineTrailer hanno dichiarato: “l’accordo di esclusiva con madvertise è il punto di arrivo di una relazione che era già iniziata qualche tempo fa. Abbiamo deciso di intensificare la nostra relazione con questa concessionaria perché ci siamo sempre trovati bene con loro e crediamo molto sia nel team, che nel lavoro che sta facendo. Nel nostro settore la velocità di reazione, l’aggiornamento professionale e la capacità di essere sempre in focus sono fondamentali e i ragazzi di madvertise hanno dimostrato di possedere tutte queste doti. Siamo convinti che siano le persone giuste a cui affidare il nostro prodotto”.

Tommaso Rossi, Managing Director di madvertise afferma: “CineTrailer è da sempre il riferimento del cinema su Mobile. Lavorare con persone come Marco e Camillo, innamorate del proprio prodotto e del cinema è uno stimolo molto importante. Quello che abbiamo costruito insieme è un prodotto adv forte che esce dagli schemi classici della tabellare e può portare un importante valore aggiunto di comunicazione sia alle società di distribuzione cinematografica che a tutte quelle società che da sempre trovano nel “moviegoer” un target di riferimento”.

Nella foto Marco Dufour – Founder CineTrailer, Tommaso Rossi – Managing Director madvertise e Camillo Morganti – Founder CineTrailer.

articoli correlati

AGENZIE

madvertise amplia il proprio network publisher con cucina, moda, sport e informazione

- # # # # # #

madvertise, concessionaria premium di mobile advertising facente parte di Mobile Network Group, amplia il proprio network editori con la chiusura di accordi in esclusiva per la vendita degli spazi pubblicitari delle applicazioni dedicate alla cucina: Gustissimo, Ricettaidea e Petitchef, alla moda: Fashionfreax e Theeyesfashion, ai risultati sportivi in diretta: Sportytrader e Calcio in Diretta, e all’informazione: IGiornali. Siglata inoltre una partnership con le app specializzate sui campionati europei, sviluppate da Pocketwidget: Calciolive, Bundesligalive, Premierlive, Ligalive.
L’obiettivo di madvertise è di ampliare il proprio portfolio di editori in esclusiva, al fine di garantire un approccio di trasparenza e flessibilità totali con chi pianifica l’advertising mobile, dando la possibilità di pianificare per canali tematici o anche per singola app.
“L’ingresso di queste applicazioni nel network ha l’obiettivo di rispondere alle esigenze di verticalità e di qualità degli spazi pubblicitari offerti sul mercato da madvertise, – commenta Tommaso Rossi, Country Manager Italia di madvertise – e di rafforzare l’intenzione di valorizzare il nostro network. In questo modo offriamo ai nostri clienti la massima trasparenza, la possibilità di pianificare sulle testate più in linea con il proprio target, e di realizzare progetti speciali ad hoc”.

articoli correlati

MEDIA

News Republic sceglie madvertise per la raccolta pubblicitaria per le sue applicazioni

- # # # # # #

madvertise, concessionaria premium di pubblicità mobile, annuncia l’inizio di una partnership esclusiva con News Republic per il mercato italiano. News Republic è un’azienda del mondo mobile e media che mira a fornire informazioni e notizie rilevanti a cittadini impegnati. Lo realizza in più di 42 Paesi e in 7 lingue.

In Italia, News Republic ha affidato a madvertise la raccolta pubblicitaria per le sue applicazioni News Republic, Appy Geek e Appy Gamer, rispettivamente dedicate all’informazione a 360 gradi, alle news tecnologiche e agli appassionati di gaming.

Attraverso News Republic, Appy Geek e Appy Gamer l’utente compone personalmente la propria homepage scegliendo tra più di 1 milione di temi. Le tre applicazioni sono tutte caratterizzate da un design semplice e chiaro per assicurare la migliore esperienza di lettura possibile. Con oltre 50.000 articoli al giorno, provenienti da più di 1.000 fonti di informazione accreditate, News Republic occupa una posizione leader tra le fonti indipendenti di informazione mobile.

“Collaboriamo con News Republic da oltre due anni, e in un’ottica di riposizionamento sul mercato come concessionaria mobile premium, l’opportunità di un accordo in esclusiva ha da subito suscitato il nostro interesse. È una realtà mobile di altissima qualità, requisito fondamentale degli spazi che proponiamo ai nostri clienti, e che offre anche soluzioni pubblicitarie innovative come il Native Advertising”, dichiara Tommaso Rossi, Country Manager di madvertise Italia . La collaborazione in esclusiva con NewsRepublic ci permetterà di fornire un’eccellente visibilità ai brand che investono sul nostro Network”.

Sébastien Sagols, VP Media Sales di News Republic commenta “Siamo lieti di andare oltre nella nostra partnership con madvertise rafforzando allo stesso tempo la nostra collaborazione a lungo termine con Mobile Network Group. News Republic è costantemente focalizzata sull’innovazione e sulla qualità sia nello sviluppo del prodotto che in quello di soluzioni pubblicitarie. Condividiamo con madvertise molti punti di vista. Grazie alla loro competenza svilupperemo insieme nuove esperienze in-app per gli inserzionisti, esclusive e positive”.

articoli correlati

MOBILE

In cerca di un formato comune per gli sviluppatori del mobile advertising

- # # # # #

Cresce a ritmo sostenuto il peso del mobile all’interno del marketing mix, anche grazie a nuovi strumenti capaci di analizzare la mole dei dati degli utenti, sempre più connessi in mobilità. Già oggi su Facebook 2 utenti su 3 – secondo il Boston Consulting Group – accedono al social network dai loro dispositivi mobili, e lo stesso avviene per il 60% degli utenti di Twitter, Instagram lo scorso anno è balzato da 886mila a oltre 7,3 milioni di utenti in mobilità. Un mercato letteralmente esploso a cui i marketer guardano con sempre più interesse. Per i beni di consumo, secondo l’ultimo madreport pubblicato da Madvertise, la spesa per i beni di consumo è cresciuta verticalmente del 235% tra il 2011 e il 2012.

Il nuovo corso punta soprattutto a incrementare il peso del Real Time Bidding, attraverso un’accurata fase di monitoraggio dei download attraverso le nuove Data Management Platforms, molto più performanti dei semplici cookies. La spinosa questione della privacy degli utenti è destinata a risolversi con i Private Market Place di nuova generazione, superando i rischi delle cessioni delle inventory di dati, soprattutto quelli delle compagnie telefoniche.

Analizzando nello specifico il mercato del Regno Unito, emergono alcune tendenze di fondo che trovano conferma anche nei dati diffusi dallo Iab insieme a Pwc, in UK il mobile adv vale già 526 milioni di sterline e per ogni 10 sterline di investimento, una sterlina è destinata a questo settore. Occhi puntati soprattutto sui nuovi formati, scalabili e performanti, frutto dell’innovazione dei Rich Media Advertising che offrono un ulteriore livello di interattività all’interno del formato stesso. Sulla base dello Studio realizzato da IAB / PWC sulla spesa in advertising digitale nel 2012, il 21 % dei 131,6 milioni di sterline spesi su schermi di dispositivi mobili sono stati spesi proprio per i formati Rich Media. Anche se non rappresentano ancora la maggioranza, i rich media hanno realmente aiutato le agenzie e i clienti ad essere coinvolti nelle innumerevoli opportunità che il mobile advertising offre.

Un ulteriore passo avanti è costituito dal nuovo formato inaugurato dallo Iab statunitense, il Mobile Rich Media Ad Interace Definitions, sintetizzato nella sigla MRAID che utilizza un API comune da utilizzare per sviluppare le creatività delle app mobili a partire da comandi standardizzati, superando la giungla di linguaggi diversi che al momento obbligano a riscrivere il codice per passare da un app all’altra. Sviluppare un solo API che diversi fornitori di SDK possano supportare è l’obiettivo di MRAID. Parola d’ordine è compatibilità per accelerare i tempi di sviluppo e rilascio delle nuove app, alleggerendo la spesa degli sviluppatori e degli editori.

Il 2013 secondo le stime della First Partner dovrebbe chiudersi con una spesa complessiva di 854 milioni di sterline nel 2013 in mobile advertising, cifra destinata a crescere sino ai 2 miliardi di sterline nel 2017. Ma quasi la metà dei siti della top 100 inglese non è ancora ottimizzato per i nuovi device. Urgono interventi strutturali per non perdere il treno dello sviluppo.

articoli correlati