BRAND STRATEGY

Toyota rivoluziona le city car, Saatchi & Saatchi firma lo spot

- # # # # # # #

Toyota

È on air la campagna di comunicazione ideata da Saatchi & Saatchi che ha come protagoniste Yaris e AYGO, le due city car al cui motore 3 cilindri benzina Toyota ha applicato la tecnologia ibrida. Saranno loro ad attraversare piazze, strade e tunnel urbani, nei quali un movimento di street artists sta lasciando traccia del suo passaggio.

Illuminate dalle luci della città, Yaris e AYGO sfilano, scandendo le opere con le quali gli street artists chiedono più rispetto per l’ambiente, un futuro che arrivi subito, la diminuzione dei consumi e degli sprechi.

Sono questi gli obiettivi con i quali Toyota ha concepito il motore delle sue city car, una vera e propria rivoluzione che oggi tutti possono guidare. La gamma city car Toyota è la protagonista del cambiamento, di un nuovo modo di muoversi in città, una rivoluzione che, come racconta lo spot, accelera sempre di più.

La campagna TV, pianificata sulle maggiori reti in chiaro e satellitari, vive anche su stampa, affissioni e con un radiocomunicato.

CREDITS
Direttore Creativo Esecutivo: Agostino Toscana
Direttore Creativo Cliente – Art: Nico Marchesi
Direttore Creativo Cliente – Copy: Riccardo Catagnano
Team Account: Monica Cassano, Ilaria Lorenzetti, Massimo Mancini
Head of TV Production: Erica Lora Lamia
Producer: Sabrina Sanfratello
Casa di Produzione: Akita Films
Regia: Abstract Groove
D.O.P: Luca Esposito
Post Produzione: Xchanges
Color Grading: Corte 11
Audio: Mach 2 Azione
Musica: 30″, Massimiliano Pelan

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

On air la campagna di AIRETT onlus con Nicola Savino. Aragorn firma la creatività

- # # # # # #

È una malattia poco conosciuta all’opinione pubblica, eppure è la seconda causa di ritardo mentale nelle bambine, con un’incidenza stimata di circa 1 su 10.000 nati femmina. È la Sindrome di Rett, una patologia progressiva dello sviluppo neurologico che colpisce le bambine, durante i primi anni di vita e dopo un periodo di apparente normalità, privandole poco a poco di tutto: della possibilità di parlare, di usare la mani, di camminare.

Con l’obiettivo di promuovere e finanziare la ricerca genetica e la ricerca clinico-riabilitativa per far fronte a questa malattia, nel 1990 è nata AIRETT, l’Associazione Italiana Sindrome di Rett Onlus, costituita da genitori di bambine e ragazze affette da tale patologia.

Per sostenere le sue attività, fino al 5 ottobre AIRETT lancia una campagna di raccolta fondi tramite SMS solidale al 45504. La campagna realizzata per l’occasione non usa la leva del pietismo facile, non sbatte la disabilità in prima pagina. Attraverso le parole del testimonial Nicola Savino, che offre gratuitamente il proprio sostegno e aiuto, si viene portati a guardare gli occhi di queste bambine: i loro occhi belli, l’unica cosa in loro ancora in grado di parlare e di chiedere aiuto.

Il resto “non voglio mostrarvelo”, dice la voce di Savino, che fa leva così sul senso di vicinanza e complicità delle persone sensibili, non sul più facile richiamo della pietà.

La campagna, ideata dalla Divisione Creativa di Aragorn (Copy e Art: Roberto Caselli ed Elisa Roncoroni), è declinata in stampa, TV, radio e banner. La regia del film è di Claudio Casiraghi. La CdP è Mach 2 Azione. La fotografia è di Jacqueline Roberts.

Aragorn ha inoltre affiancato AIRETT nel percorso di assegnazione dell’SMS solidale da parte delle compagnie telefoniche e si è occupata della veicolazione della campagna a livello nazionale attraverso la ricerca di spazi gratuiti presso concessionarie e l’attività di ufficio stampa su diversi media.

articoli correlati