AZIENDE

M-Cube punta alla produzione di contenuti audio e video in-store e acquisisce PushPull

- # # # # # #

M-Cube ha annunciato l’acquisizione di PushPull, player italiano di produzione di contenuti e programmi audio e video.

L’acquisizione di PushPull è il risultato di una partnership consolidata, avviata dal 2007, e si iscrive nella strategia di M-Cube di crescita verticale volta a rafforzare i propri servizi di audio e video in-store, una delle aree chiave dell’offerta aziendale. La comunicazione all’interno del punto vendita o in filiale sta acquisendo un valore sempre più rilevante. E’ una delle leve del trade-marketing a maggiore forza, sia per garantire agli utenti un’esperienza d’acquisto sempre più unica e motivante, ma anche un importante strumento di informazione e formazione interna. È questa un’area ancora poco esplorata, ma ad ampio margine di crescita. PushPull contribuirà a sviluppare questo aspetto data anche la profonda esperienza maturata con l’ideazione di una serie di programmi quotidiani in onda su Radio Intesa Sanpaolo, un’emittente dedicata ai clienti ma anche ai dipendenti, con un palinsesto specifico e conduttori presi da importanti Network Radiofonici italiani.

L’introduzione di PushPull all’interno di M-Cube non solo potenzia e amplia la gamma di servizi offerti, con un forte focus sulla creatività e i contenuti, ma amplia anche l’organico e la struttura aziendale, che conta oggi più di una cinquantina di dipendenti dislocati nelle tre sedi italiane di Trieste, Milano e Padova con 5 sale di produzione audio e 3 strutture di post produzione video.

“Questa acquisizione ha un valore strategico molto importante in quanto ci permette di integrare in maniera perfetta la capacità tecnologica e consulenziale di M-Cube, alla straordinaria componente creativa di PushPull” afferma Manlio Romanelli, CEO di M-Cube. “Il mercato dell’in-store radio sta giungendo alla sua fase di maturità, soprattutto per quanto riguarda la comunicazione verso gli utenti. Poter contare sull’esperienza di PushPull ci permette di assicurare soluzioni altamente competitive in grado di rispondere alle attuali esigenze del mercato, sempre più alla ricerca di strumenti efficaci che pongono al centro il consumatore. Sul fronte della comunicazione interna, siamo certi che il know-how di PushPull ci aiuterà a far crescere e consolidare questo mercato dalle forti potenzialità” prosegue Romanelli.

“Oggi M-Cube e PushPull insieme, rappresentano una struttura unica nel suo genere in Italia che può contare su un know-how riconosciuto in ambito tecnologico e creativo per poter offrire servizi e produzioni audio e video di qualità, non soltanto in Italia ma in tutto il mondo. Questo è il risultato di anni di collaborazione su importanti progetti con clienti italiani e stranieri che hanno, da subito, raccolto numerosi consensi. Oggi siamo una vera struttura consolidata, pronta ad accogliere le nuove sfide del mercato” dichiara Marcello Pozza, Responsabile Direzione Creativa.

articoli correlati

AZIENDE

M-Cube si espande su scala internazionale puntando all’America e all’Asia

- # # # #

M-Cube, azienda attiva nella realizzazione di soluzioni audio-visive digitali per il marketing in store, sarà presente quest’anno al NRF Big Show di New York, l’evento più rilevante su scala internazionale, un altro importante traguardo per M-Cube, eccellenza italiana che comprova il suo riconoscimento a livello internazionale.

L’azienda, attiva nello sviluppo e ricerca per soluzioni all’avanguardia per la diffusione di contenuti multimediali a distanza sia per quanto riguarda il digital signage che la radio in-store oltre a soluzioni di marketing analitycs, ha appena chiuso un 2014 pieno di grandi risultati. I dodici mesi appena trascorsi hanno infatti registrato un forte incremento del business, con un fatturato complessivo di oltre 8 milioni di euro. Una crescita importante rispetto ai 4,6 milioni di euro del 2013 che ha portato all’investimento in R&D per lo sviluppo di sempre nuove soluzioni per rispondere puntualmente alle esigenze del mercato, ma anche ad azioni strategiche in termini di acquisizioni ed espansione territoriale.

Il 2014 ha segnato, infatti, un passo importante per l’azienda che nel corso dell’anno ha annunciato la propria espansione su scala internazionale con l’apertura di uffici a New York e Shangai.

“I mercati americano e cinese sono estremamente interessanti. Poter esportare il nostro know-how Made in Italy è per noi motivo di orgoglio. Partecipare a un evento come il Retail Big Show è un grande risultato, ma vuole essere il primo di tanti passi in questa direzione che guarda, sempre con maggiore interesse, ai mercati internazionali” ha dichiarato Manlio Romanelli, CEO di M-Cube. “Stiamo assistendo a una fase di profondo mutamento del settore retail dove l’investimento sulle nuove tecnologie diventa fondamentale. Poter guidare l’evoluzione di questo mercato e offrire soluzioni sempre più competitive e innovative è l’obiettivo principale che guida tutta la nostra strategia”.

Le aperture delle sedi internazionali assieme alla politica di acquisizioni ha portato anche a un incremento dell’organico che conta oggi un team complessivo di 50 professionisti.

“Il 2014 è stato un anno pieno di successi e guardiamo al 2015 con estrema positività. Continueremo a sviluppare soluzioni innovative focalizzandoci su alcuni mercati per noi di primario interesse come il settore del fashion & luxury, il retail banking oltre al più esteso segmento retail, spaziando quindi dagli ipermercati alle catene commerciali dove l’interesse a soluzioni tecnologiche, come quelle offerte da M-Cube, stanno diventando sempre più rilevanti” ha concluso Romanelli.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Despar Nordest sceglie il digital signage di M-Cube per “dialogare” con i clienti

- # # # # # #

La concessionaria Despar per il Nordest, Aspiag Service, ha scelto la tecnologia di M-Cube per avviare un processo di comunicazione del tutto nuovo con il cliente. introduzione del Digital Signage in svariati esercizi commerciali con diversi formati grafici e contenuti.

Un ruolo cruciale in questo progetto è stato giocato dai contenuti, cuore di tutta la nuova strategia di comunicazione nonché elemento fortemente distintivo di Despar Nordest verso la sua clientela. A parte le promozioni e le offerte commerciali, che rappresentano il 40% di tutte le comunicazioni display, Despar Nordest ha voluto dare ampio spazio anche ad iniziative speciali per informare la sua clientela. Nella fattispecie il 20% delle comunicazioni veicolate negli store fanno riferimento al catalogo, prodotto editoriale del gruppo che ogni mese propone le offerte su un determinato tema centrale; un ulteriore 30% rappresenta la comunicazione di responsabilità sociale (CSR) con indicazioni rilevanti sull’educazione alimentare mentre il restante 10% è riservato alle promozioni locali, che contraddistinguono quindi ogni singolo punto vendita. Tutto questo ha reso possibile una decisa modernizzazione dei punti vendita nonché una avvicinamento del consumatore ai prodotti e all’offerta Despar oltre a poter garantire un’esperienza di acquisto più interattiva, divertente e consapevole.

“Poter rappresentare una leva decisiva di business grazie alle nostre tecnologie, contenuti e know-how”,  dichiara Leonardo Comelli, Direttore Commerciale di M-Cube (nella foto), “è la chiave di volta che ci spinge a fornire, giorno dopo giorno, risposte sempre concrete e in linea con le più attuali esigenze di mercato. Ora guardiamo al mobile con deciso interesse e a tutte le sue declinazioni in tema di multicanalità e nuove tecnologie, non ultima iBeacon che permette di offrire al consumatore messaggi altamente mirati e targetizzati, costituendo un nuovo paradigma della comunicazione commerciale”.

Quanto fatto finora rappresenta solo il punto di partenza. Obiettivo di Despar Nordest è infatti proseguire in maniera decisa sul cammino di digitalizzazione che ha intrapreso che prevede l’implementazione di una comunicazione sempre più integrata e fluida attorno al digital signage. A breve verranno, infatti, realizzate delle campagne “call to action” che integreranno delle comunicazioni pubblicitarie ai contenuti dei monitor oltre alla sincronizzazione con la radio in-store, mentre la strada verso il futuro guarda all’integrazione mobile.

“Abbiamo riscontrato un deciso interesse dei nostri clienti verso le soluzioni interattive e guardiamo alla rivoluzione mobile come il prossimo progetto da realizzare” conferma Marco Marchetti, Responsabile new media di Aspiag Service srl. “Le tecnologie e la consulenza di M-Cube sono state per noi fondamentali per realizzare tutto questo e saranno necessarie anche per affrontare nuovi argomenti come i dispositivi Beacon e molto altro”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Athletes World sceglie la tecnologia M-Cube per la customer experience negli AW LAB

- # # #

Athletes World ha scelto la tecnologia M-Cube per supportare la nascita del nuovo marchio AW LAB e realizzare una nuova generazione di negozi concepiti come laboratori di tendenza legati allo “urban sport style”.

 

La strategia di AW LAB è quella di proporre un’ampia offerta di prodotti esclusivi delle più importanti aziende internazionali di sportswear, sneakers e abbigliamento sportivo di tendenza, accompagnato da un team di vendita esperto ed informato sulle proposte di stile.

 

Il restyling dei punti vendita AW LAB si  punta sull’implementazione della tecnologia digital signage nei negozi e sull’introduzione della radio in-store. Il punto vendita viene, infatti, completamente ridisegnato e la customer experience in-store è concepita come digital shopping experience. Per raggiungere questo obiettivo sono stati incorporati nel layout di 75 negozi monitor digital signage posizionati sia in vetrina (2 monitor che formano un banner verticale) che dietro la cassa (2 monitor che formano un banner orizzontale). I palinsesti, infatti, vengono aggiornati settimanalmente in tutti i negozi e i contenuti variano dai video di prodotto, agli spot pubblicitari fino ai video lifestyle e quelli più istituzionali a supporto delle campagne realizzate nel punto vendita.

A questo si aggiunge l’introduzione della radio in-store grazie alla quale il marketing di prossimità sul punto vendita diventa ancora più coinvolgente. Oltre ad accompagnare i clienti durante la loro permanenza in negozio migliorando la shopping experience, la radio in-store offre la possibilità di comunicare in modo innovativo attraverso un palinsesto dedicato ed uniforme su tutto il network. Grazie, infatti, alla possibilità di organizzare e variare i messaggi in base all’orario e all’utenza, è possibile arricchire l’esperienza in-store. M-Cube si è occupata di gestire centralmente l’intera implementazione attraverso la sua divisione M-Cube Radio: la diffusione dei contenuti sul punto vendita avviene attraverso M-Cube player, un dispositivo per la riproduzione dei palinsesti audio sviluppato da M-Cube. Anche la scelta musicale viene concepita ad hoc e le programmazioni giornaliere sono studiate dai Music Designers di M-Cube che, su indicazione di AW LAB, creano le playlist musicali e organizzano la trasmissione di comunicati e spot pubblicitari del gruppo ad orari precisi della giornata.

N
“Il digital signage ha permesso di potenziare il marketing mix integrando il materiale di comunicazione in-store con contenuti multimediali molto attraenti ed impattanti agli occhi dei nostri clienti diventando un elemento distintivo di AW LAB. La radio in-store rende il marketing di prossimità ancora più coinvolgente fornendo un’identità sonora omogenea al nostro network e ci permette di avere un palinsesto dedicato, composto da musica e comunicazione commerciale” afferma Rocco Carena, AW LAB Marketing Manager.

“Aver giocato un ruolo cruciale nella fase di transizione di un brand e averne visto i risultati ottenuti in poco tempo ci riempie di orgoglio. Poter supportare importanti eccellenze nel mondo retail come AW LAB attraverso la nostra tecnologia ci dimostra che M-Cube ha sviluppato un know-how importante che si ritrova poi nelle nostre soluzioni” ha dichiarato Leonardo Comelli, Direttore Commerciale di M-Cube. “L’esperienza maturata con AW LAB è stata estremamente positiva e contiamo di completare il restyling di tutti i punti vendita entro il 2014” conclude Comelli.

articoli correlati

AGENZIE

Il digital signage a fianco delle banche: la proposta di M-Cube

- # # # #

Per far rifiorire la fiducia nel sistema bancario M-Cube propone di puntare sulle nuove tecnologie digitali, sempre più indispensabili alleate nel rapporto tra filiale e consumatore che richiede sempre più chiarezza e informazioni facilmente fruibili e comprensibili.

La comunicazione integrata diventa il focus delle strategie di comunicazione e marketing e il digital signage si contraddistingue come leva fortemente strategica e competitiva per questo settore.

 

“Il digital signage ha dato risultati molto soddisfacenti in questo settore e, sulla scia dell’esperienza anglosassone, stiamo mutuando questo approccio anche nel nostro Paese. La comunicazione con il risparmiatore è fondamentale, non va assolutamente sottovalutata” prosegue Comelli. “Questo è solo un primo passo, ci aspettiamo grandi evoluzioni nel banking per il digital signage”  dichiara Leonardo Comelli, Direttore Commerciale di M-Cube che aggiunge che “l’applicazione al banking sta dando risultati sorprendenti”.

“La flessibilità della piattaforma e la sua straordinaria capacità di adattamento ai software esistenti, gestionali, alle tecnologie mobili e agli eventuali sistemi esterni all’organizzazione, sono le risposte chiave ai bisogni attuali delle banche in tema di comunicazione, sia a livello informativo che commerciale” aggiunge Comelli.

 

Molteplici le applicazioni del formato all’interno degli istituti bancari: dai display in vetrina ai videowall nelle aree di attesa, dai display dislocati in filiale con finalità di comunicazione mirata in base all’audience presente ai chioschi interattivi.

aggiunge Comelli.

articoli correlati