COMMERCE

ePRICE sceglie la DSP di MainAd per incrementare le vendite e raggiungere nuovi clienti

- # # # # #

ePrice

ePRICE, lo store online leader in Italia nel settore dell’elettronica e dei grandi elettrodomestici, ha registrato un aumento nelle vendite e nelle conversioni sulle attività di retargeting scegliendo come partner tecnologico e media MainAd, azienda italiana specializzata in campagne display e retargeting.

ePRICE ha infatti scelto LOGICO, la tecnologia (DSP) proprietaria di MainAd, per incrementare i volumi di vendita e di conversione in un mercato altamente competitivo. In termini di creatività, le strategie adottate hanno previsto banner dinamici, contenuti personalizzati e iniziative promozionali.

La partnership con MainAd si è rivelata determinante per raggiungere gli obiettivi principali di ePRICE , ponendo attenzione a mantenere la redditività dei prodotti e l’efficienza degli investimenti. La strategia di MainAd si è focalizzata sull’ottimizzazione delle campagne di Programmatic Advertising tramite LOGICO, la DSP proprietaria. È stata data priorità alla crescita dei nuovi buyer, coloro i quali visitano il sito ma non acquistano, e al rinforzo della loyalty tramite il riacquisto da parte dei clienti già acquisiti.

Giorgio Guardigli, Chief Marketing Officer di ePRICE, ha commentato: “L’utilizzo della tecnologia di MainAd ci ha permesso di aumentare la customer base, sostenendo al tempo stesso gli ordini generati dai clienti. Grazie a LOGICO abbiamo realizzato campagne pubblicitarie efficienti in un mercato estremamente competitivo ”.

“La creazione di campagne su misura per ePRICE ci ha riempito di soddisfazione perché ha risposto esattamente alle esigenze di ePRICE. Abbiamo sviluppato strategie specifiche all’interno di Logico, grazie alla collaborazione con il reparto marketing di ePRICE. MainAd si impegna con passione nelle collaborazioni con i clienti per centrare obiettivi specifici, adattando e sviluppando costantemente Logico al fine di massimizzare il successo delle campagne. I top brand internazionali con cui lavoriamo sono in costante crescita, e fra questi ePRICE rappresenta di certo un caso di eccellenza”, ha affermato Michele Marzan, Chief Strategy Officer di MainAd.

La tecnologia LOGICO

La tecnologia LOGICO è sviluppata sulla piattaforma di Google Cloud ed è integrata in tutte le principali SSP (supply side platforms) del mercato. Grazie alle soluzioni personalizzate offerte da MainAd, ePRICE ha registrato sulle attività stesse di LOGICO:
● +26% di aumento della percentuale di click sulle impression;
● +20% di aumento del conversion rate riferito alle piattaforme di retargeting.

LOGICO, la tecnologia proprietaria di MainAd, combina data-driven technology a modelli di apprendimento automatico per produrre analisi predittive, il così detto machine learning. Estraendo informazioni da un mole di dati di svariati PetaByte, Logico identifica in tempo reale correlazioni in modo preciso ed è in grado di prevedere i comportamenti e le abitudini dei consumatori, elaborando i dati in tempo reale per orientare le scelte di consumo e coinvolgere gli utenti.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Gioco online e Decreto Dignità: LOGiCO propone un tavolo di lavoro congiunto

- # # # #

LOGiCO

LOGiCO, associazione che riunisce le principali aziende operanti nell’online gaming in Italia mediante Concessione Statale, esprime la propria perplessità in merito all’introduzione del divieto di ogni forma di pubblicità di giochi con vincite in denaro contenuta nel “Decreto Dignità”.

Pur condividendo totalmente la preoccupazione delle Istituzioni per i fenomeni di gioco problematico, LOGiCO non ritiene che tale bando possa produrre effetti positivi in termini di tutela del giocatore né ridurre, e non certo azzerare, i rischi derivanti da una pratica non controllata del gioco stesso.

Dal momento della sua regolamentazione, l’online gaming italiano è diventato un modello di intrattenimento sicuro, sostenuto da una struttura regolatoria senza pari in Europa. La crescita del numero dei giocatori sui canali digitali non è, infatti, dovuta ad un “boom” di nuovi giocatori, ma è il risultato dello sforzo congiunto di operatori, Regolatore e Istituzioni per canalizzare la domanda di gioco – pre-esistente e svincolata dalla tipologia di gioco – verso il circuito legale che è severamente normato e controllato.

Sostenere il gioco legale significa mettere in atto: competenze ed esperienze decennali nella lotta al gioco minorile, impegno contro le ludopatie, lavoro congiunto per architetture di protezione dei giocatori, rilievo istantaneo di eventuali comportamenti problematici e ostacolo a player non trasparenti e rischiosi.

La pubblicità, regolamentata e riservata esclusivamente a operatori titolari di concessione, è indubbiamente un veicolo di comunicazione commerciale ma, ed è questo il punto fondamentale, contribuisce in modo determinante a segnare un varco profondo fra legalità e illegalità. Ad avviso di LOGiCO sarebbe opportuno normare ulteriormente, senza cancellare, questa modalità di comunicazione, con l’introduzione un ente preposto al controllo e alla verifica obbligatoria delle pubblicità veicolate.

In assenza di pubblicità, la domanda di gioco verrebbe rivolta a operatori illegali aggravando le conseguenze negative sul piano sociale ed economico del gioco – in particolare di quello patologico – in quanto il giocatore si troverebbe ad essere meno garantito e tutelato, incorrendo in un maggiore rischio di frode. In tale contesto, rifiorirebbero infatti piattaforme che non pongono vincoli alla registrazione (col rischio di aprire le porte al gioco minorile), non tracciano i fondi (con seri rischi a livello di antiriciclaggio), operano con software truccati e non tutelano in alcun modo i giocatori. Risulterebbe inoltre difficile monitorare in modo attendibile la diffusione stessa del gioco, vanificando così le efficaci politiche di contrasto alla ludopatia.

Gli operatori che negli anni hanno investito con l’acquisto di una licenza vedrebbero inoltre venir meno un elemento fondamentale per distinguerli da operatori fuori norma e decidere, quindi, di uscire completamente dal mercato.

Per scongiurare tale scenario negativo per il Paese, LOGiCO propone l’apertura di un tavolo di lavoro congiunto con Regolatore e Istituzioni, per discutere e adottare quanto prima misure e norme ancora più efficaci per tutelare libertà, salute e qualità della vita degli italiani.

Come associazione di categoria LOGiCO ha proposte concrete da sottoporre all’attenzione del Governo: solo da uno sforzo condiviso con gli operatori che da lungo tempo operano nell’online gaming è possibile raggiungere risultati efficaci e rapidi in termini di gioco responsabile e sicuro.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

LOGiCO lancia la prima campagna a sostegno del gioco sicuro. Creatività di Leagas Delaney, regia di Alessio Fava per K48

- # # # # # #

logico

Per la prima volta in Italia, in occasione dei Mondiali di Calcio – Russia 2018 è on air una campagna tv per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del gioco online sicuro e regolamentato. Lo spot è stato presentato questa mattina a Milano da LOGiCO (Lega Operatori di Gioco su Canale Online), l’associazione che riunisce le principali aziende operanti nell’online gaming in Italia mediante Concessione Statale.

Nata per promuovere un gioco non solo divertente e sicuro ma anche rispettoso delle norme di compliance e trasparenza, l’associazione fa oggi un ulteriore passo in avanti nel suo impegno, lanciando una campagna il cui claim – “Il gioco è bello finché è un gioco” – diventa promessa che giocare online sulle piattaforme legali è e deve essere un intrattenimento piacevole e totalmente sicuro, grazie anche ai sistemi di garanzia che gli operatori hanno messo in atto a favore dei giocatori italiani. Le immagini dello spot fanno riferimento infatti all’accesso monitorato previa registrazione con un documento di identità e alla possibilità di autolimitazione della puntata, esempi di come l’esperienza del gioco online possa essere una fonte di divertimento sicuro.

 

 

“LOGiCO crede che l’online gaming abbia pieno titolo per proporsi come esperienza di gioco divertente, totalmente sicura e trasparente per il giocatore italiano – commenta Moreno Marasco, Presidente di LOGiCO. Proprio da questa ferma convinzione e dalla necessità di promuovere il gioco responsabile è nata l’Associazione che per expertise e valori condivisi, quali quelli di trasparenza, responsabilità e rispetto delle regole, si pone come l’interlocutore più competente e di rilievo per tutti gli stakeholder del settore dell’online gaming. Siamo per questo a disposizione del nuovo esecutivo, in particolare del Ministro allo Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, e del Ministro all’Economia e Finanze, Giovanni Tria, per illustrare nuove proposte all’avanguardia per aumentare ulteriormente la sicurezza dei giocatori italiani e rafforzare il ruolo del gioco legale”.

Lo spot TV, pianificato in tagli a 30’’ e a 15’’, è attualmente on air e trasmesso su reti Mediaset, Sky e sul canale Sportitalia. Al centro uno smartphone che fugge dalle mani del suo proprietario, tutelandolo dalla classica “giocata di troppo”, a sottolineare in modo visivamente impattante il messaggio “Il gioco è bello finché è un gioco”, claim della campagna. La creatività dello spot è firmata dall’agenzia Leagas Delaney, che si è recentemente aggiudicata la consultazione, la regia dello spot è di Alessio Fava, la produzione è curata da K48.

“A trattare messaggi importanti con ironia c’è il rischio di buttare tutto sul gioco e fare cose “stupide”, commenta il regista Alessio Fava. “In realtà il tema è serio e la conversazione doveva essere memorabile e allo stesso tempo delicata. Per questo era importante che anche gli attori mantenessero un certo realismo, anche in presenza di situazioni “assurde” come, in questo caso, il telefono che scappa. Ecco: messaggio reale, sorriso sulle labbra e pensiero profondo sono gli ingredienti fondamentali di questo spot”.

“Non si tratta di una comunicazione commerciale”, ha concluso Moreno Marasco. “Lo spot è autoprodotto e finanziato direttamente dai broadcaster che hanno creduto nel nostro messaggio”.

GLI OBIETTIVI DELL’ASSOCIAZIONE

Nata nel 2016 come associazione di categoria LOGiCO è indipendente e apartitica e promuove la cultura del gioco digitale “legale” e responsabile, contrastando in ogni modo il gioco illegale e il match fixing. Contribuisce alla tutela del giocatore promuovendo occasioni di confronto e di approfondimento con tutti gli stakeholder del settore. Inoltre è associata a IAP, l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria.

LOGiCO riunisce i principali player internazionali del gioco online. Attualmente fanno parte di LOGiCO: bet365, betfair, bwin, Kambi, LeoVegas, SKS365, The Stars Group, Sky Bet, StarCasinò, Tombola, Unibet, William Hill.

IL GIOCO ONLINE

Il gioco online in Italia nasce con le scommesse ippiche e sportive, cui sono seguiti altri giochi (lotterie istantanee, skill game, bingo, etc). La tecnologia e la collaborazione con i regolatori nei vari Paesi, Italia in primis, ha permesso di migliorare tutti gli aspetti legati alla sicurezza del giocatore e al controllo dei flussi finanziari, in continua evoluzione. Il regolatore italiano è l’Agenzia delle Dogane e dei  Monopoli (ADM), che gestisce il gioco online attraverso i propri Concessionari.

Il settore del gioco online rappresenta “solo” il 7% del totale del gioco. La crescita del settore, dai più percepita come un “boom di giocatori” è in realtà da attribuire alla naturale tendenza alla digitalizzazione del gioco e alla canalizzazione della domanda di gioco su circuito legale.

Il mercato italiano è maturo e il più avanzato sia tecnologicamente, sia dal punto di vista normativo. In termini di numeri il mercato più ricco in assoluto è quello britannico (UK), mentre la Danimarca vanta il primato della giocata pro capite.

I NUMERI DELL’ONLINE GAMING IN ITALIA

Il valore del mercato dei giochi online regolamentati con vincita in denaro nel 2017 è stato pari a 1,38 miliardi di €, in crescita del 34% rispetto al 2016, con un’incidenza del 7,2% rispetto al valore complessivo del settore gioco (offline + online). Gli italiani che nell’ultimo anno hanno giocato almeno 1 volta online sono stati 2,2 milioni. In media un giocatore online spende 52 euro al mese.

Nel 2017 lo Stato italiano ha trattenuto, in forma di tassa diretta, quasi 320 milioni di euro – ossia circa un quarto della Spesa – in crescita del 29% rispetto al 2016. Rispetto all’intero gettito erariale diretto del settore Gioco (offline + online), il comparto online incide per il 3,2% circa, in aumento rispetto all’incidenza del 2,5% del 2016.

I dati sono quelli dell’Osservatorio Gioco Online del politecnico di Milano, promosso congiuntamente da ADM e da Sogei, la società in house ICT del Ministero dell’Economia e delle Finanze, con il contributo di LOGiCo.

L’IMPORTANZA DELLA PUBBLICITA’

Il settore del gaming online investe in Italia circa 200 milioni ogni anno nel media mix di comunicazione (tv, sponsorizzazioni, pubblicità online, etc). I player “puri online” non hanno altri strumenti per differenziarsi dagli operatori privi di concessione rispetto ai competitor dotati di rete fisica. Inoltre, la maggior parte delle aziende internazionali adotta dei team di marketing in Italia per gestire al meglio la localizzazione. Proprio grazie alla possibilità per le aziende di pubblicizzare i propri servizi è emerso il fenomeno del “mercato grigio”, illegale e pericoloso.

Nell’attuale normativa le pubblicità sui giochi è proibita dalle 7 alle 22 di ogni giorno nelle trasmissioni televisive generaliste, vale a dire quelle in onda sui canali da 1 a 9 del telecomando. Proibite anche le trasmissioni indirizzate prevalentemente a un pubblico di minori. L’orario limitato non si applica ai programmi di Mediaset Premium e Sky. Esclusi anche i canali tematici a pagamento, le tv locali e le radio, nazionali e locali.

LE PROPOSTE DI LOGiCO

L’Associazione vuole attivare un dialogo con le istituzioni che sia privo di preconcetti per presentare proposte che favoriscano la conoscenza del gioco online colmando le evidenti lacune di comunicazione e mettendo sempre al centro il cittadino. Per fare questo occorre istituire un tavolo tecnico con tutti i principali stakeholder.

Credits

Agenzia: Leagas Delaney
Direttori Creativi Esecutivi: Stefano Campora e Stefano Rosselli
Direttore Creativo Associato Art Director: Eustachio Ruggieri
Direttore Creativo Associato Copywiter: Matteo Lazzarini
Head of TV: Maria Chiara Muglia
TV Producer: Elisabetta Carli

Casa di Produzione: K48
Regia: Alessio Fava
DOP: Alessandro Dominici
Ex. Producer: Barbara Guieu
Producer: Guglielmo Fava
Casa di produzione audio: Gigasound

Monica Gianotti

articoli correlati

TECH & INNOVATION

MainAd con Logico al Google Cloud Summit di Milano, il 24 Maggio

- # # # # #

MainAd

MainAd, l’advertising technology company specializzata in campagne di retargeting e programmatic advertising, sarà presente al prossimo Google Cloud Summit di Milano del 24 Maggio, per presentare gli ultimi avanzamenti delle tecnologie proprietarie basate sul cloud computing e sul reinforcement learning.

L’evento vedrà la partecipazione di Michele Marzan, Chief Strategy Officer di MainAd (nella foto), in qualità di speaker in un intervento dedicato alle diverse soluzioni di database nel cloud a supporto dei modelli di reinforcement learning che rappresentano il motore dell’ottimizzazione delle campagne di Logico.

La partecipazione al Google Cloud Summit di Milano si inserisce in un road show internazionale che MainAd ha intrapreso nel 2018: la Digital Communication Conference di Mosca, l’Ad:tech di New Delhi, l’eCommerce Money Africa Conference di Città del Capo, e di recente lo IAB Seminar Digital Power ed il Google Cound Onboard di Milano.

“MainAd si presenta al sesto evento nel 2018 con un prodotto, Logico, giovane ma già solido perché frutto di tre anni di sviluppo dove sono state combinate le risorse interne di R&D basate in India, quelle strategiche basate in Italia e quelle di data scientist presenti nelle Filippine unitamente a un team di consulenti e di engineering di Google Cloud,” afferma Marzan, “laddove la strategia di lancio e di sviluppo di mercato di Logico è del tutto internazionale perché solo con una approccio così globale si può garantire uno sviluppo di risultati in linea con le esigenze degli investimenti e delle tecnologie stesse che fanno dell’analisi predittiva di petabyte il cuore pulsante della soluzione”.

“Siamo molto orgogliosi che Google Cloud includa MainAd come customer case study nei suoi eventi, questa è la terza volta negli ultimi dodici mesi”, continua Marzan. “L’utilizzo estensivo che MainAd fa della Google Cloud Platfom ci permette di sviluppare con velocità e scalabilità. Logico si pone oggi come una soluzione, disponibile sia per campagne a CPA che a CPM, flessibile per i clienti perché ogni campagna può prevedere un setting dedicato. Il posizionamento è nel settore del retargeting sofisticato e del prospecting, dove viene posta particolare attenzione alla gestione della frequenza grazie a un sistema proprietario di Ranking degli utenti e del loro user journey. Questo permette a Logico di gestire l’acquisto di spazi pubblicitari a CPM dinamici anche molto elevati, spesso basati su deal diretti con i publisher, introducendo così elementi di forte valore aggiunto per tutti seppure in un contesto di performance marketing che, troppo spesso, schiaccia verso il basso le revenues per i publishers. Con una filosofia di Supply Path Optimization, che difende la ridondanza dell’inventory e sostiene la trasparenza dei bid value e delle fees, Logico è oggi direttamente integrato nelle principali SSP di mercato qualo AdEx, OpenX, Pubmatic, Rubicon e altri a venire. Siamo l’unico player della demand side che dà trasparenza in merito alle aste vinte o rifiutate e ai relativi bid in merito ad ogni impression gestita da Logico, unitamente alle ad-tech fees. Nella nuova piattaforma Logico3C è infatti presente la sezione “Clarity” che indica i dettagli a riguardo”.

articoli correlati

AZIENDE

MainAd lancia Logico, il machine learning che ottimizza il programmatic

- # # # #

mainad

MainAd, specializzata in campagne display e di retargeting, ha lanciato oggi la tecnologia proprietaria “Logico“, che attraverso l’uso machine learning punta a ottimizzare il ROI delle proprie campagna, estendendo i vantaggi del programmatic oltre il semplice retargeting.

“Questa soluzione”, spiega il CSO Michele Marzan, “consente di lavorare su gruppi meglio delineati grazie alle funzioni predictive”. “Noi acquistiamo a CPM e vendiamo a CPA”, aggiunge il co-founder e general manager Marino Gualano. “Tutto quello che aumenta l’efficienza di conversione ci consente di crescere insieme ai nostri clienti”.
Logico di MainAd unisce le pratiche basate su dati e modelli automatici per fornire analisi, estraendo informazioni dai set di dati per determinare i modelli e prevedere i comportamenti del cliente. Non esiste più l’annuncio basato su gruppi di pubblico più ampio, i brand possono ora elaborare i dati in tempo reale per influenzare l’offerta e utilizzare questa comprensione per coinvolgere le persone.

“La nostra è una società che ha la testa in Italia”, ribadisce Marino, “ed è ancora interamente controllata da di tre founder (Marco Cotumaccio e Piero Pavone, oltre a Marino. nda – nella foto). “Attualmente, oltre alle sedi italiane (a Pescare (HQ) e a Milano, abbiamo le altre basi a Londra, Santiago del Cile, Trivandum e Bangalore (in India), a Istabul e nelle Filippine, dove vengono svolte tutte le operations, H24. Finora ci siamo sviluppati con per acquisizioni e crescita organica, ma non escludiamo che questo sia l’anno giusto per fare spazio a capitali esternei, magari di un fondo di investimento, ma sempre a condizione di manterìnere il controllo dell’azienda”.

La proposta di Logico è basata sull’API di Google Open Bidder (beta) e utilizza il motore di calcolo di Google, consentendo a MainAd di creare soluzioni personalizzate in tempo reale (RTB) basate sulle esigenze di ogni singolo cliente.
“MainAd si impegna a fornire il meglio per i brand e il lancio di Logico ci permette di portare la precisione dell’intelligenza artificiale (AI) alla pianificazione della pubblicità, applicando un metodo per consentire il processo decisionale basato sui dati,” commenta Piero Pavone, COO & Co-fondatore di MainAd. “I dati sono al centro di ogni attività e la nostra possibilità di estrarli e di utilizzarli attraverso le capacità di apprendimento automatico fornirà una solida base per creare campagne pubblicitarie di successo”.

“Abbiamo scelto di appoggiarci a Google perché ci garantisce le migliori risposte in termini di tempo, ben al di sotto dei 100 ms considerati lo standard del settore”, precisa Marzan. “Partendo dall’analisi del dato per arrivare alla formulazione dell’offerta siamo in torno ai 20/30 ms. E Logico diventa sempre più efficiente man mano che lo si utilizza”.
Pavone continua: “L’automatismo, forse ingiustamente, è stato al centro di recenti problemi nell’industria pubblicitaria. Per affrontare questo problema, dobbiamo garantire ai clienti l’utilizzo di un approccio su misura per la pubblicazione degli annunci, consentendo di prendere decisioni micro su dati macro, sulla scala petabyte. In MainAd siamo orgogliosi del nostro approccio personalizzato alla gestione delle campagne e questo sviluppo rafforza semplicemente la nostra offerta”.

articoli correlati