MEDIA

Arriva Ligatus Motion, per video programmatici più coinvolgenti e mirati

- # # # #

ligatus motion

Ligatus, il principale fornitore europeo di soluzioni di Native Advertising, amplia la propria offerta di programmatic native utilizzando Ligatus  Motion, un promettente formato video più coinvolgente, basato sull’informazione e profondamente mirato. Questa estensione dell’offerta di prodotti Ligatus segna il passaggio a formati pubblicitari nativi personalizzati, più accattivanti e non intrusivi.

Ligatus Motion, infatti, presenta un approccio alternativo per gli inserzionisti che utilizzano il video, creato appositamente per il coinvolgimento tramite contenuti in forma breve. Il video inizia solo quando il lettore è in view, e si ferma se l’utente prosegue con lo scrolling pagina, attivandosi solo quando è veramente visto, non falsificando così le statistiche di reporting. La funzionalità short-form è ideale per aumentare la notorietà del marchio, catturare l’attenzione dei potenziali clienti (in particolare sul cellulare) e ha un tasso di completamento più elevato per garantire che i brand condividano il loro messaggio completo con gli utenti. L’audio accompagna il video solo su scelta dell’utente. Dopo il completamento, il player si chiude automaticamente o può essere chiuso in qualsiasi momento.

Il nuovo formato è integrato in tutto il premium marketplace Ligatus – per citarne alcuni: Le Monde, Il Sole 24 Ore, RTL.fr, Il Fatto Quotidiano, PNP.de, Gala.de, LaSexta.com, Wetter.de, ChefKoch.de, Stern.de, ViaMichelin.de, Cumhuriyet.com.tr, Huffingtonpost.fr, Mopo.de, Antena3.es, EsDiario.com – e le campagne sono disponibili attraverso un servizio gestito o programmaticamente tramite la DSP preferita.

“Ligatus Motion è il riflesso della nostra missione di offrire esperienze pubblicitarie positive per tutte le parti interessate”, commenta Andreas Van de Ven (nella foto), Chief Product Officer di Ligatus. “Sappiamo che i video nativi funzionano, ma che solo con il giusto approccio possono raggiungere il loro pieno potenziale. Abbiamo unito le ultime tecnologie con insights sui consumatori per sviluppare un formato che sia accattivante, ma che lasci il controllo all’utente, evitando così ogni forma di irritazione”.

 

 

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus cresce del 51 per cento nel secondo trimestre 2018. Appuntamento al Dmexco

- # # # # #

Ligatus

Primo semestre di segno positivo per Ligatus, fornitore in Europa di soluzioni di Native Advertising per editori e enserzionisti, che si avvia alle attività autunnali forte di una crescita significativa nel secondo trimestre dell’anno con +51% di fatturato lordo e un programma di iniziative di ampio respiro su scala nazionale e internazionale.

I risultati 2018

“Siamo lieti di poter annunciare oggi i risultati del secondo trimestre 2018 che segnano ancora una volta positivamente il percorso di Ligatus nel mercato italiano” dichiara Sebastiano Cappa, Country Manager di Ligatus Italia. “La prima parte di quest’anno ci ha visti fortemente impegnati nella ottimizzazione del livello di servizio erogato dai nostri team Sales e di Accounting, anch’essi cresciuti in termini qualitativi e quantitativi – siamo oggi un totale di 17 risorse a Milano dedicate al mercato italiano – e nella finalizzazione di nuove tecnologie dedicate ai formati Native che andremo a presentare a giorni in occasione dell’evento di riferimento su scala europea, Dmexco”.

La filiale italiana del Premium Native Network ha assistito a un incremento pari a +51% in ricavi lordi rispetto allo stesso periodo del 2017; un dato che testimonia da un lato l’incremento costante della propensione da parte delle aziende di ricorrere a formati nativi per le loro campagne di digital advertising, e dall’altro la preferenza accordata da queste a Ligatus in forza della sua promessa sempre mantenuta di garantire qualità, trasparenza e brand safety a quanti vi si sono affidati e vi si affidano per la conduzione e pianificazione di campagne pubblicitarie online in totale sicurezza.

La presenza a Dmexco

In occasione di Dmexco, in programma a Colonia il 12 e 13 settembre, Ligatus tratterà nel più grande stand dell’evento (Padiglione 8, Stand A021 C028) le peculiarità del Native Advertising, a cominciare dalla qualità degli annunci alla brand safety, fino ad aspetti quali l’esperienza degli utenti, viewability, monetizzazione, che insieme consentono al principale fornitore di soluzioni native d’Europa di garantire a Editori e Inserzionisti un network sicuro e libero da frodi.

“Nel corso della nostra attività decennale, in 10 Paesi, abbiamo assistito a un cambiamento importante negli investitori dell’online, che hanno nel tempo sviluppato una consapevolezza, oggi giunta pressoché ovunque a maturità, dell’importanza di operare nel rispetto degli standard di settore e di adottare tecnologie e soluzioni in grado di tutelare realmente i loro brand e valori, oltre a rispettarne le esigenze di monetizzazione rispetto agli investimenti”, afferma Cappa. “È per noi un piacere aver visto riconfermata nella prima parte d’anno la fiducia da parte di operatori, Editori e Inserzionisti nel nostro approccio distintivo che, lato utenti, attraverso il Native Advertising consente loro di essere coinvolti esclusivamente tramite formati online non intrusivi e pertinenti, lato agenzie e centri media di operare agilmente grazie ad esempio al ricorso alla modalità in Programmatic e, infine, lato aziende ed Editori di ottimizzare i loro investimenti digitali”.

È proprio operando con un’attenzione sempre alta nei confronti della qualità dei contenuti, dell’affidabilità dei canali di pubblicazione e delle corrette modalità di erogazione delle campagne pubblicitarie che Ligatus prosegue senza sosta nel perfezionamento dei suoi formati così come nello sviluppo di nuove soluzioni, che il Premium Native Network renderà note al pubblico internazionale del Dmexco, a cui dà appuntamento insieme a Grunher+Jahr e al Gruppo Bertelsmann, cui appartiene.

I prossimi appuntamenti

“Sono diversi gli appuntamenti che Ligatus ha in agenda di qui ai prossimi mesi: per l’Italia abbiamo annunciato prima dell’estate un programma di incontri informali, denominati Ligatus Native Cocktail Days, che nascono per favorire la condivisione frequente tra i vari protagonisti del settore di informazioni, dati e trend sul Native Advertising. A questi, che proseguiranno fino a fine ottobre, si aggiunge l’appuntamento europeo al Dmexco di Colonia e la nostra festa aziendale di ottobre fino a giungere, in ambito business, all’immancabile vetrina di IAB Forum di novembre”, conclude Cappa.

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus integra Forensiq by Impact per un’inventory di qualità e senza frodi

- # # # # # #

Ligatus - Forensiq

Ligatus ha annunciato la sua nuova integrazione con Forensiq by Impact. Una partnership che nasce per ovviare a un marketing costoso e inefficace, offrendo così agli inserzionisti di Ligatus l’ulteriore garanzia che la loro inventory è priva di frodi e brand safe.

Con una ad fraud giunta al punto più alto mai raggiunto finora, la fiducia tra chi acquista e chi vende viene messa alla prova, e in tutti i mercati EMEA è elevata la pressione affinché venga erogata una percentuale ridotta di traffico fraudolento.

Per raggiungere l’obiettivo di meno dell’1,50% di frodi nella propria inventory, e per erogare solo traffico di qualità, Ligatus ha iniziato a collaborare con Forensiq nel febbraio di quest’anno. Nel luglio 2018, Ligatus ha annunciato un totale di appena l’1,17% di traffico sospetto – molto al di sotto della media del 3% ritenuta da molte agenzie un livello accettabile di tolleranza dalle frodi.

Forensiq, acquisita da Impact nel 2016, è la società leader nel rilevamento delle frodi pubblicitarie che utilizza metodi innovativi di machine learning e di rilevamento avanzato per identificare attori indesiderati e attività dannose. Con l’aiuto di Forensiq, gli inserzionisti e gli editori del network Ligatus continueranno a disporre di una piattaforma affidabile per gestire un traffico di qualità superiore, mantenere l’inventory in un ambiente brand-safe e accedere a report il più trasparenti possibile.

“Grazie alla collaborazione con Forensiq, Ligatus ha mantenuto la propria promessa di fornire a inserzionisti ed editori il mercato trasparente e sicuro che desiderano”, afferma Victor Charpin, VP Publisher Development di Ligatus. “Siamo il fornitore leader di soluzioni di Native Advertising e vogliamo fornire prove di fatto di uno dei nostri valori chiave: la qualità. Vogliamo eliminare le sfide più critiche che gli Editori si trovano ad affrontare e contribuire a creare un’esperienza pubblicitaria migliore per ogni soggetto coinvolto. Fornendo il software di rilevamento Forensiq all’interno della piattaforma SSP di Ligatus, tutti i partner possono evitare impression non autorizzate. Ancora più importante, facendo leva su Forensiq quale principale strumento di prevenzione dalle frodi, stiamo facendo la nostra parte nella lotta contro le frodi pubblicitarie e, al contempo, stiamo rafforzando la credibilità stessa dei nostri clienti”.

“Il traffico non-umano è causa di grave preoccupazione per il settore. In definitiva, se un annuncio non raggiunge una persona reale, allora c’è valore zero per quell’investimento marketing. Forensiq collabora con partner come Ligatus per ridurre drasticamente le frodi sulle loro piattaforme e siamo molto lieti dei risultati già ottenuti”, afferma l’Amministratore Delegato di Impact EMEA, Florian Gramshammer (nella foto).

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus chiude il primo semestre 2018 a +51% e lancia i Native Cocktail Days

- # # # # # #

ligatus

Ligatus annuncia l’avvio di un programma di appuntamenti di formazione e networking a tema Native Advertising all’insegna del comfort e del content-sharing.

I Ligatus Native Cocktail Days sono aperitivi a base di DSP e Content Promotion, accompagnati da finger food di Native Video e stuzzichini di Widget per accontentare ogni gusto: un format ideato e promosso dal Premium Native Network leader in Europa che dà appuntamento ogni giovedì, dal 19 luglio e fino al 4 ottobre, per confrontarsi sui contenuti specifici del Native advertising e dei suoi trend e sulle opportunità di visibilità offerte in ambito digital da una delle più rilevanti ed efficaci modalità di pianificazione digitale di oggi.

Team di account e sales di Concessionarie e Centri Media così come Parters ed Editori avranno occasione di incontrarsi nella cornice suggestiva del chiostro Shuster, in via Sant’Antonio 5 – sede di Ligatus – dove con cadenza settimanale, a partire dalle ore 19, potranno approfondire in pieno agio i contenuti Native, gustando Cocktails ideati “nativamente” da Ligatus.

“Ci piace ritenere che essere Native sia un concetto in grado di trascendere l’ambiente web per concretizzarsi anche nella vita di tutti i giorni. I Ligatus Native Cocktail Days nascono dunque per consentire un incontro personale, in real life, tra chi opera quotidianamente con tecnologie e modalità di erogazione delle campagne correlate al Native e al Programmatic, e favorire il dialogo in un contesto rilassante e confortevole”, dichiara Simone Pepino, Sales Director di Ligatus Italia.

Ligatus si fa promotore dell’iniziativa a chiusura di un semestre di successo, in cui la filiale italiana ha raggiunto un incremento dei ricavi lordi di +51% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Sebastiano Cappa, Country Manager italiano (nella foto) commenta: “La peculiare scelta di Ligatus di puntare su qualità e trasparenza è un asset che vogliamo fare percepire come concretamente realizzabile, incentivando il contatto diretto tra i vari protagonisti che a vario titolo vivono e alimentano il comparto digitale italiano. La stessa partecipazione ai Ligatus Native Cocktail Days è non intrusiva, proprio come i nostri formati Native, giacché lasciata alla libera adesione dei differenti team di ospiti (fino a un massimo di 15) che andremo a invitare e che potranno anche prenotarsi contattando i nostri uffici di Milano, sulla base di un programma che si articolerà da giovedì 19 luglio per il prossimo trimestre, fino ad arrivare alla data del 4 ottobre che precede la nostra festa aziendale, che abbiamo il piacere di rinnovare anche quest’anno e che dettaglieremo nei prossimi mesi”.

Per maggiori informazioni sui Ligatus Native Cocktail Days o per prenotare il giorno desiderato, è possibile contattare Ligatus al numero 02.8496 6288.

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus: partnership in esclusiva con Le Monde per fornire Native Adv di qualità e brand safe

- # # #

Le Monde

Gruppo Le Monde ha siglato una partnership globale con Ligatus, il principale fornitore di soluzioni di Native advertising, per offrire un servizio di contenuti sponsorizzati più trasparente ai propri utenti su una varietà di piattaforme. A seguito del continuo consolidamento delle esigenze pubblicitarie, Gruppo Le Monde utilizzerà i formati pubblicitari nativi di Ligatus sui propri premium media, tra cui Le Monde, L’Obs, Huff Post (solo in Francia), Télérama, Courrier International e La Vie.

Con una previsione di spesa in native di 13 miliardi di euro in tutta l’Europa occidentale entro il 2020, l’Editore premium Le Monde ha selezionato il fornitore leader di soluzioni di Native advertising Ligatus per la sua offerta di qualità. Grazie a formati pubblicitari innovativi e non intrusivi e a un’attenta loro collocazione, Ligatus offre pubblicità su misura e contestuale ai contenuti degli Editori, garantendo al contempo la brand safety. Ligatus ha inoltre costruito un network di Editori di fascia alta grazie all’efficienza della sua tecnologia innovativa e all’integrità del suo portfolio pubblicitario, che da tempo vieta le fake news e forme di clickbait advertising.

Con l’aumentato focus sull’offrire un’esperienza utente trasparente e coinvolgente, Ligatus e Le Monde sono concordi nell’impegnarsi reciprocamente nella chiara identificazione della pubblicità.

Julien Laroche Joubert, Direttore Digital di Gruppo Le Monde (nella foto) spiega: “Siamo lieti di lavorare con Ligatus, che è un partner eccellente e condivide i nostri valori quale Editore premium. Unendoci a un fornitore impegnato nell’offrire pubblicità di alta qualità, il Decodex – uno strumento sviluppato dal team editoriale di Le Monde – sarà agevolato nell’allinearsi con i player che sostengono i più alti standard. In aggiunta, il servizio offerto da Ligatus si distinguerà dagli altri contenuti che Le Monde consiglia in posizioni in-feed e a fondo articolo, con un brand a sè e con una chiara etichetta di “contenuto sponsorizzato” e “pubblicità”. Siamo soddisfatti di questo accordo, che ci sembra equilibrato e rispettoso dei valori del Gruppo Le Monde”.

Véronique Pican, Direttore Generale di Ligatus Francia commenta: “Ligatus lavora da tempo per uno sviluppo pubblicitario sostenibile. Siamo lieti di essere associati al più grande gruppo francese di news media fornendogli con le nostre tecnologie proprietarie un network premium, trasparente e selezionato. Insieme, rispettiamo l’importanza di elevare gli standard del settore attraverso iniziative come la Coalition for Better Ads. Collegando contenuti editoriali premium e una migliore user-experience, in particolare su dispositivi mobili, creeremo un rapporto migliorato tra brand e consumatore. I brand non devono più scegliere tra il potere rivendicato dalle piattaforme social e un contesto di qualità. Con questa partnership, Ligatus ha ribadito ancora una volta la sua posizione di protagonista dell’advertising online”.

articoli correlati

MEDIA

Nasce revenee, nuovo native network per la pubblicità in self-service di Ligatus

- # # #

Ligatus revenee

Ligatus ha annunciato oggi il lancio di revenee, un nuovo network autonomo in self-service per il native advertising che soddisfa allo stesso tempo le esigenze e il budget di ogni genere di inserzionista ed editore.

 

Con la crescente richiesta al native di offrire un’esperienza utente migliore attraverso formati adv personalizzati e meno intrusivi, sono molti i player piccoli e medi a ritenere che per loro sia talvolta complicato e difficile accedervi. Se da un lato Ligatus continua a offrire il proprio network premium e di alta qualità, dall’altro lato revenee viene lanciato come un’opportunità per editori e inserzionisti di vario genere e dimensione di accedere in maniera semplice a fare pubblicità nativa con il loro budget.

 

Il nuovo network pubblicitario (attualmente in sperimentazione in Italia da cui sarà poi reso disponibile a livello globale) si rivolge a inserzionisti ed editori che hanno esigenze e obiettivi diversi rispetto a quelli che vengono già soddisfatti da Ligatus. Poichè con revenee non sussistono requisiti minimi sul volume di traffico, gli Editori possono iniziare a monetizzare il proprio sito immediatamente, con widget personalizzabili e facili da implementare, e accedere a report analitici completi che consentono di controllare e ottimizzare facilmente le performance.

 

Revenee è disponibile per tutti i tipi di inserzionisti, compresi quelli che attualmente non risultano conformi alle linee guida di qualità pubblicitaria richieste da Ligatus. La piattaforma self-service aiuterà gli inserzionisti a mantenere il controllo del budget e a gestire le campagne in tempo reale. La piattaforma consente inoltre loro di creare campagne in soli cinque minuti con funzionalità di targeting multi-device e avanzate, come la posizione e la lingua, per aiutare a scalare e raggiungere il pubblico di destinazione e ottenere i risultati delle loro prestazioni.

 

Julien Mosse, Chief Operating Officer di Ligatus, commenta: “Dopo aver ascoltato il feedback dei clienti, revenee si propone di garantire un distinguo netto tra editori e inserzionisti di livello inferiore. Con l’aumentare dell’adozione di formati nativi, questa nuova offerta soddisferà meglio le esigenze e il budget di tutte le diverse tipologie di inserzionisti ed editori, che a loro volta miglioreranno la user-experience grazie ad annunci personalizzati, contestuali e meno intrusivi”.

articoli correlati

AZIENDE

Quando il Native incontra il Video: è il tema del workshop di Ligatus e MyVisto allo IAB Forum

- # # # # #

Ligatus - MyVisto

Ligatus sarà protagonista il 29 novembre insieme all’innovativa piattaforma di VideoContent MyVisto del workshop dedicato a presentare i successi che l’unione di Native advertising e Video porta alle campagne advertising online.

Ad attendere i molti ospiti dell’edizione 2017 di IAB Forum “Born Digital”, alle 15 in sala Yellow, il management di Ligatus e i fondatori di MyVisto – Paolo Tenna, CEO & Founder, e Luca Argentero, Attore e Co-Founder – che si confronteranno nella tavola rotonda intitolata “The importance of creativity when Video meets Native” sulle sfide che l’incontro di queste due tecnologie consente di vincere. E non solo. L’attenzione sarà anche posta sulle molte opportunità occupazionali che esistono e si verranno a creare in questo ambito, a cominciare da quella legata alla creatività per il video digital advertising.

“Siamo lieti di presentare nell’autorevole cornice di IAB Forum, punto di riferimento annuale sulla comunicazione digitale in Italia, le possibilità e potenzialità che sono nate dall’incontro della nostra proposta tecnologica con quella di MyVisto, iniziato proprio quest’anno”, dichiara Sebastiano Cappa, Country Manager di Ligatus Italia. “Se da un lato il formato video costituisce una grande opportunità per i brand e gli inserzionisti di trasferire i loro contenuti unici attivando un coinvolgimento immediato dei loro pubblici target, dall’altro, il Native si pone grazie alla sua connotazione naturale non intrusiva e rispettosa dei reali interesse degli utenti quale strumento di massimizzazione di questo coinvolgimento, che avviene con ancora maggiore spontaneità da parte degli utenti”.

“Quella con Paolo Tenna e Luca Argentero di MyVisto è una conoscenza di lunga data. Quando, circa un anno fa, mi hanno parlato per la prima volta di questo progetto ne sono subito rimasto affascinato, riscontrando diverse sinergie con quello che facciamo in Ligatus. Nella mia visione, il loro è un talent estremamente innovativo che produce contenuti video virali di qualità, che hanno però bisogno di venire promossi per trovare una rapida ed incisiva diffusione in termini di reach. Quale modo migliore di farlo se non attraverso un network premium come quello di Ligatus?”, commenta a caldo Simone Pepino, Sales Director di Ligatus Italia.

Paolo Tenna, Ceo & Fondatore di MyVisto dichiara: “Siamo onorati di essere tra i protagonisti di questa edizione di IAB Forum. Questa opportunità ci permette di raccontare al pubblico specializzato l’innovativa realtà di MyVisto, la partnership che ci lega a Ligatus nonché le potenzialità che deriveranno dalla nostra sinergia”.

L’appuntamento con Ligatus è a IAB Forum, mercoledì 29 e giovedì 30 novembre 2017 presso Fiera Milano Congressi. Il workshop “The importance of creativity when Video meets Native” è in programma il 29 novembre alle 15:00 in sala Yellow.

articoli correlati

AZIENDE

L’autunno solare di Ligatus: + 43% a settembre sul 2016. Nuove risorse arricchiscono il team

- # # #

Ligatus

Ligatus, il principale fornitore in Europa di soluzioni di Native Advertising per Editori e Inserzionisti, annuncia una ripresa autunnale di segno positivo che attesta una crescita senza sosta sia in ambito Native sia nel Programmatic in forza per quest’ultimo delle consolidate collaborazioni istituite negli ultimi due anni.

A riscaldare i cuori della filiale italiana del native network più grande d’Europa – che a oggi genera più di 37 miliardi di impressions al mese su oltre 1.400 siti partner Premium in 9 Paesi – è in particolare il dato che attesta a una percentuale del +43% la crescita dei risultati del mese di settembre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Sebastiano Cappa, Country Manager di Ligatus in Italia commenta: “Gli investimenti fatti negli ultimi tempi in innovazione tecnologica e non solo – basti pensare ai formati in-feed e all’ampliamento dell’offerta con i private deal – ci stanno oggi premiando, riconoscendo come la proposizione di Ligatus incontri le reali esigenze del mercato digital, in continua evoluzione. Siamo lieti di evidenziare poi come questa percentuale sia il risultato di un’attività condotta in modalità sinergica su due fronti distinti, quello del Native, che è il nostro core-business e che ancora ci contraddistingue in termini di qualità e di performance, e quello di più recente introduzione del Programmatic, in cui risultiamo vincenti grazie ai nostri partner tecnologici selezionati”.

Simone Pepino, Sales Director di Ligatus Italia precisa come “Nei nostri obiettivi, il 2017 era l’anno del consolidamento dei formati Native in Italia, oltre che dello sviluppo incrementale del Programmatic Native. Questo risultato è la conferma che le azioni intraprese nel corso degli scorsi mesi sono state correttamente indirizzate e ci fa guardare positivamente a quanto ci resta ancora da fare di qui alla fine dell’anno dove andremo ad annunciare due importanti novità, lato prodotto, in vista del 2018”.

A questo segnale se ne aggiunge di conseguenza quello delle risorse preposte a sostenerlo. In questa ripresa autunnale, sono due le nuove risorse che si sono venute a inserire nel team di publisher e account di Ligatus in Italia.

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus si espande in UK e nomina Alex Mcllvenny nuovo Country Manager dell’azienda

- # # # #

Ligatus nomina Alex Mcllvenny Country Manager

Ligatus, annuncia l’espansione nel Regno Unito con l’apertura di una nuova sede operativa a Londra e la nomina di Alex McIIvenny a Country Manager.

Ligatus, che ha sede centrale in Germania e una presenza consolidata in 10 Paesi nel mondo, offre soluzioni per Editori, Inserzionisti e programmatic buyers. L’investimento nel Regno Unito rappresenta un passo strategico per la società e rispecchia le crescenti esigenze degli inserzionisti nazionali e internazionali aventi sede a Londra di fruire di soluzioni pubblicitarie native avanzate.

Nel suo ruolo di Country Manager UK, McIlvenny si concentrerà sull’ampliamento dell’attuale presenza di Ligatus nell’hub internazionale di agenzie, trading desks e DSP nel Regno Unito e sullo sviluppo di stretti rapporti con gli editori locali per costruire un network Ligatus in UK entro la fine dell’anno.

“Il nostro ingresso sul mercato UK rappresenta un’altra pietra miliare nel nostro sviluppo commerciale internazionale. C’è una necessità fondamentale per molti inserzionisti nazionali e internazionali con sede a Londra di utilizzare l’offerta unica che Ligatus porterà all’industria. Dopo molti anni di successi e partnership in altri importanti mercati europei, Ligatus UK sarà indubbiamente un ulteriore enorme successo e permetterà agli inserzionisti e ai brand di accedere in programmatic a nuove opportunità sul mercato”, ha commentato Julien Mosse, Chief Operating Officer di Ligatus.

“Ligatus ha già avuto un successo fenomenale nella creazione di partnership con molti dei principali player di questo settore, tra cui AppNexus, Criteo e The Trade Desk, e il mio obiettivo è sviluppare ulteriormente questi rapporti e crearne di altri nel mercato britannico. Abbiamo anche l’ambizione di sviluppare nuovi ed esistenti rapporti con i publisher al fine di creare per loro un network capace di portare i vantaggi della pubblicità native in modalità programmatic”, ha spiegato Alex McIlvenny, Country Manager Ligatus UK.

Prima di entrare a far parte di Ligatus, McIlvenny è stato Managing Director e Group Sales Director in Mozoo, dove è stato responsabile della crescita della presenza, della quota di mercato e delle entrate della società in tutto il Regno Unito e in Francia. Prima di Mozoo, Alex è stato il primo Head of Sales per Widespace UK, trascorrendo oltre due anni a fare divenire questo business una delle tecnologie di mobile advertising più riconoscibili del Regno Unito ad esser scelta dalle agenzie media. Alex ha anche operato cinque anni in qualità di Head of International Media in Haymarket Publishing.

articoli correlati

COMMERCE

IL PROGRAMMATIC NATIVE ADVERTISING DI LIGATUS PER LA DIGITAL TRANSFORMATION

- # # # #

ligatus native advertising

La trasformazione digitale, tema di costante interesse per le aziende, le agenzie e in generale per gli operatori attivi nel settore delle vendite online, sarà anche quest’anno oggetto di approfondimento e indagine alla XII edizione di Netcomm eCommerce Forum, la manifestazione di riferimento in Italia dedicata al commercio elettronico e alla digital transformation. La due giorni dedicata al business, alla formazione e al networking in programma presso il MiCo/Milano Congressi i prossimi mercoledì 10 e giovedì 11 maggio vedrà la rinnovata partecipazione di Ligatus, il principale fornitore in Europa di soluzioni di Native Advertising per editori e inserzionisti, il cui network conta oggi più di 37 miliardi di impression al mese su oltre 1.400 siti partner Premium.

“Siamo lieti di rinnovare la nostra presenza in questo evento di riferimento per il comparto. Vi portiamo il contributo delle nostre soluzioni proprietarie di Native Advertising e la gamma di servizi in ambito Programmatic creati per consentire agli inserzionisti che scelgono di rivolgere anche all’online il proprio impegno commerciale e di awareness risposte concrete e affidabili, oltre che massimizzare i propri investimenti nel web”, afferma Simone Pepino, direttore commerciale di Ligatus in Italia, paese dove Ligatus contiua il suo sviluppo anno su anno. Come testimoniano i dati dello stesso Consorzio Netcomm, sono in aumento sia il numero degli acquirenti (+26% dal 2014 al 2016) che la frequenza e lo scontrino medio. “In Ligatus siamo consapevoli dell’importanza di raggiungere gli utenti in base ai loro reali interessi, e questo eCommerce forum 2017 ci consente di confermare come il nostro modello di business sia in grado di coinvolgerli in un engagement naturale grazie a formati non intrusivi da un lato e, dall’altro, in forza di strategie di branding che mantengono un’attenzione costante nei confronti delle aziende che desiderano instaurare un dialogo trasparente, fatto di contenuti veritieri e affidabili, con il proprio pubblico”, aggiunge Pepino.

“L’e-commerce ha richiesto un cambio di mentalità significativo e un tempo di naturale metabolizzazione – precisa Francesca Romagnoli, Head of Operations di Ligatus Italia. “Riteniamo che oggi sia finalmente percepito dalle insegne italiane quale opportunità reale per creare esperienze personalizzate online e portare gli utenti a una conoscenza più approfondita dei contenuti aziendali. Lato utenti, le aziende sono state in grado ad esempio tramite i formati Native di mostrarsi rispettose dei loro gusti, abitudini di acquisto o ancora di portarli a realizzare i loro desideri e questo senso di sicurezza li ha certamente avvicinati a questa nuova modalità di interazione, superando lo scetticismo di qualche anno fa”.
L’e-commerce è oggi riconosciuto anche quale l’ambito naturale di applicazione delle molte potenzialità che la tecnologia sottostante ha da offrire. Il Programmatic Native, in primis, rappresenta un importante fattore abilitante alla distribuzione dei contenuti di brand e alla loro corrispondente fruizione da parte degli utenti. Grazie a questa modalità e ad adeguate strategie di targeting, è possibile coinvolgerli in base alle loro preferenze e nel pieno rispetto della loro unicità di interessi attraverso geografie e culture diversificate.

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus porta allo IAB Seminar il suo paradigma per la Content Strategy: la qualità

- # # # #

Ligatus

Ligatus, il principale fornitore in Europa di soluzioni di Native Advertising per Editori e Inserzionisti, sarà protagonista al prossimo IAB Seminar sul Content Strategy con un intervento intitolato “Native revolution: the paradigm of quality for the Content Strategy”.

Il prossimo 7 Aprile, sarà la nuova Head of Operations di Ligatus, Francesca Romagnoli (nella foto), a presentare alle 12:25 quello che per Ligatus è il paradigma di riferimento per la rivoluzione del digital marketing in ottica Native, ovvero la qualità. La platea di ospiti avrà l’occasione di conoscere i casi di successo di aziende che hanno raggiunto i propri obiettivi, sia di brand awareness sia di lead generation, grazie all’adozione di un approccio native votato alla gestione e selezione qualitativa dei contenuti e dell’eccellenza del network di loro pubblicazione. Sul palco, insieme a lei, ci sarà anche Jean-Philippe Congnet, Global Head of Digital di MSC Cruises.

In questo 2017, che si propone di essere l’anno del consolidamento per Ligatus, in particolare per i suoi formati native, Francesca Romagnoli commenta: “Siamo molto lieti di partecipare a questo IAB Seminar dedicato al Contenuto e alla definizione e pianificazione di strategie specifiche a suo riguardo. In Ligatus sosteniamo sin dai nostri esordi la centralità dei contenuti e delle attività di content management che i brand, le loro agenzie e i molti professionisti che collaborano a vario titolo alla loro creazione e articolazione sono chiamati ad affrontare quotidianamente. Il fattore qualitativo è cruciale per Ligatus, in particolare inteso in termini di genuinità dei messaggi e della loro capacità di risultare adeguati a soddisfare la domanda di utenti sempre più alla ricerca di trasparenza e veridicità. Intravediamo in questo aspetto il migliore modo di creare vero engagement e di incontrare i reali interessi dei lettori”.

Secondo una ricerca di MarketingLand, il 60% degli utenti web preferisce annunci profilati su quanto di loro interesse o attinente alle loro attività professionali o personali. Un conferma del fatto che sono ben disposti ai formati pubblicitari, purchè incontrino i loro reali interessi.

“La missione di Ligatus è proprio quella di sviluppare soluzioni in grado di creare esperienze pubblicitarie positive”, dichiara Simone Pepino, Sales Director di Ligatus. “Attività quali lo storytelling assumono in questo contesto una rilevanza particolare per tutti quei brand desiderosi di instaurare una relazione di valore e di fiducia con i propri lettori. Soluzioni tecnologiche come le nostre si pongono a loro volta al fianco degli inserzionisti andando ad ottimizzare il bacino di utenti raggiunti o raggiungibili e a incrementare la visibilità e le occasioni di coinvolgimento e di fidelizzazione con loro. Agli Editori consentono al contempo di manifestare l’unicità delle loro vetrine online e di fornire un servizio informativo integrato e completo, frutto di una convivenza virtuosa tra contenuti redazionali e pubblicitari rispettosa delle esigenze conoscitive degli utenti”.

articoli correlati

AZIENDE

Nuova organizzazione commerciale: Ligatus armonizza le attività di vendita in Europa

- # # # # # #

Julien, Mosse

Negli ultimi dieci anni, Ligatus – #1 Native e Performance Network in Europa, controllato al 100% da Gruner + Jahr -ha esteso con successo la propria attività in nove paesi europei: Francia, Germania, Italia, Spagna, Olanda, Belgio, Turchia, Austria e Svizzera. Al fine di soddisfare ancor meglio i requisiti nazionali e internazionali dei clienti, Julien Mosse (nella foto) è stato nominato Chief Operating Office (COO) di Ligatus a settembre 2016.

“Con la nomina di Julien Mosse a COO abbiamo concentrato tutte le nostre attività commerciali a livello centrale per accrescere il nostro impatto sul mercato”, spiega Klaus Ludemann, CEO di Ligatus. “La centralizzazione permette di armonizzare gli sforzi dei nove paesi, includendo anche il coordinamento delle nostre attività sul network e il nostro approccio ai clienti. In particolare, il numero crescente di partner internazionali per la nostra piattaforma di Programmatic Native richiede una direzione centrale in capo a tutte le nostre attività di vendita consentendoci di diventare maggiormente attraenti per clienti e campagne internazionali”.

A Julien Mosse riportano tutti gli Amministratori Delegati e i Country Managers di Ligatus. La sua precedente posizione di Managing Director per la Francia è ora assunta da Veronique Pican, nominata Country Manager di Ligatus Francia nel novembre 2016.
Nel suo nuovo ruolo di COO, Mosse ha istituito anche due nuove funzioni internazionali nominando, a partire dal 1 gennaio 2017, Victor Charpin a VP Publisher Development e Michel Hoekstra a VP Sales & Operations, al fine di sostenere il processo di armonizzazione a livello europeo dell’attività commerciale. Particolare attenzione sarà dedicata a tutti gli interventi di sviluppo della nuova Piattaforma di Programmatic Native di Ligatus. Con AppNexus, Adform, Criteo, Sociomantic, Zebestof e altri, Ligatus ha già guadagnato importanti attori internazionali come partner DSP, mentre i negoziati con altri leader internazionali sono tuttora in corso. In futuro, crescerà l’interesse anche per mercati il Regno Unito, dove Ligatus non è ancora attivo.

“Negli ultimi anni, abbiamo assistito a una crescita della domanda di Programmatic Native lato desktop e ancor più su mobile”, conclude Mosse. “In tempi di maggiore ricorso agli ad blockers, i formati nativi possono costruire per gli utenti esperienze pubblicitarie migliori consentendo così relazioni di significato. Anche recenti previsioni attestano questa crescente importanza dei formati nativi, che si prevede forniranno il 25 percento dei ricavi pubblicitari in tutto il mondo entro il 2018*. Altre ricerche indicano che il 2016 è stato il primo anno in cui il programmatic ha raccolto la maggior parte della spesa digitale globale**. Grazie all’accorpamento centralizzato delle nostre attività commerciali siamo in grado di sostenere e spingere ancora meglio il posizionamento di Ligatus come #1 Native e Performance Network d’Europa – soprattutto perché Michel Hoekstra e Victor Charpin hanno estrema familiarità con Ligatus e con le esigenze dei nostri partner di mercato”.

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus sul palco di IAB Forum 2016 con il top management italiano e un nuovo workshop

- # # #

Francesca Romagnoli, Head of Operations di Ligatus Italia

Ligatus conferma la partecipazione all’edizione 2016 di IAB Forum ‘Limitless Possibilities’, dove porterà testimonianza dei successi conseguiti in questo anno presentando il nuovo profilo del top management italiano che da fine estate si compone delle figure di Francesca Romagnoli, Head of Operations, e Simone Pepino, Sales Director per l’Italia.
Nella due giorni di manifestazione, i prossimi 29 e 30 novembre, il gruppo presenterà in particolare a Partner, Editori e ai numerosi visitatori attesi il suo Network Premium e trasparente e le soluzioni di Native e Programmatic marketing per campagne a performance di successo.  All’appuntamento di riferimento per l’intera industry, Ligatus si presenta con un intento chiaro e deciso: quello di portare sul palco del MiCo di Milano dati e previsioni sullo scenario del Native Programmatic advertising con un focus specifico sulla Brand Safety e sul valore di un Network Premium a tutela dei brand e dei loro contenuti online.
Con una crescita costante mese su mese, il primo Native Network europeo illustrerà in Agorà per voce del Sales Director, Simone Pepino, i contenuti della sua offerta unica nel panorama italiano del digital advertising: l’unica a contraddistinguersi per una piattaforma ad-server full-stack completa e per le soluzioni di Programmatic Native advertising integrate al servizio di Inserzionisti, Editori, agenzie e utenti web. “Il 2016 è stato l’anno della crescita per Ligatus in Italia, che mantiene prioritaria l’interpretazione dell’evoluzione del mercato digitale e delle tecnologie che a questo sottendono fornendo soluzioni e risposte pertinenti in tema di AdBlock, Brand Safety, trasparenza, engagement e strategie di lead generation” afferma Simone Pepino, Sales Director di Ligatus Italia.
La Sala Blu ospiterà infatti alle 14:15 il Workshop VIP dal titolo “Native e Programmatic: dati, trend ed evoluzione” che vedrà alternarsi le testimonianze e i contributi di Daniele Costenaro di Adform, Fabrizio Angelini di ComScore, Carlo de Lieto Vollaro di ConTe.it (Admiral Group), Monica Belgeri de Il Fatto Quotidiano e Andrea Marcolin di Media Italia.
Francesca Romagnoli, Head of Operations di Ligatus, e moderatrice della Tavola Rotonda, commenta “Siamo lieti per le adesioni che la nostra proposta di workshop ha ricevuto da parte di esponenti di così rilievo per il mercato. Siamo certi che il loro contributo darà un vero valore aggiunto a tutti gli operatori per far fronte alle evoluzioni del mercato pubblicitario online e per identificare la strada migliore da percorrere in vista del 2017”.
Appuntamento il 29-30 novembre 2016 al MiCo Ala Nord a Milano, Gate 14 – Via Gattamelata 5.

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus e Sociomantic annunciano la collaborazione nel Programmatic Native reach

- # # #

Ligatus , partner di Sociomantic

Ligatus, tra i leader in Europa nel Native Performance Marketing  e Sociomantic,  società di dunnhumby che fornisce soluzioni di display advertising personalizzate per raggiungere le persone online, sul mobile web e in-app,  hanno annunciato oggi una collaborazione nel Programmatic Native reach. Sociomantic  si è integrato alla piattaforma SSP di Ligatus per rispondere alla crescente domanda di Programmatic Native da parte di inserzionisti ed editori a livello internazionale.
I clienti di Sociomantic avranno accesso all’inventory completo del Network Ligatus che copre nove mercati europei – Germania, Austria, Svizzera, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Spagna, Italia e Turchia – tramite l’acquisto in programmatic.  Questa partnership sosterrà gli inserzionisti europei desiderosi di favorire un dialogo più efficace con i consumatori in un contesto in cui la banner-blindness e gli ad blockers sono in ascesa.
Alexander Reinhold, Head of Solutions in Sociomantic: “Ligatus è una delle fonti di traffico di Programmatic Native più rinomate e importanti d’Europa. Con il Programmatic Native, sempre più vicino al suo punto di svolta nel mercato, questa partnership ci offre l’opportunità unica di acquistare impression di una qualità ancora più elevata su Editori Super Premium. Fare crescere la suite di Programmatic Native del nostro business aiuterà a guidare la standardizzazione dei formati pubblicitari nativi nel settore”.

Klaus Ludemann, CEO di Ligatus afferma: “Siamo lieti di vedere player globali come Sociomantic collaborare con noi. Grazie a questa collaborazione stiamo massimizzando la domanda per il nostro inventory e di conseguenza la monetizzazione per i nostri publisher – in particolare perchè campagne pubblicitarie personalizzate di alta qualità di solito mostrano un monetizzazione superiore alla media. Il numero crescente di nostri partner DSP sottolinea l’importanza degli acquisti programmatici come un ulteriore canale di acquisto rilevante in aggiunta alle tradizionali reservations“.

Con la sua piattaforma programmatica full-stack, lanciata nel mese di aprile 2016, Ligatus rende il proprio inventory accessibile per un nuovo segmento di clientela che comprende più di 20 trading desks, retargeters e DSP mobili.

 

articoli correlati

AZIENDE

Ligatus punta alla market share verticale con gli eventi d’autunno

- # # #

ligatus, dmexco

Ligatus, il #1 Native Performance Network d’Europa, investe in una stagione autunnale di eventi e fiere estendendo il market-share verticale.
Il programma stagionale comincia con l’edizione 2016 di Dmexco, a cui Ligatus ha partecipato insieme a Bertelsmann – una delle principali media company al mondo a cui fanno capo RTL Group e SportX e lo stesso editore Gruner+Jahr – per rispondere alle esigenze del pubblico di operatori del settore Marketing e Digital alla luce anche delle partnership recenti in ambito Programmatic.
Nell’arena internazionale più prestigiosa per il settore del Digital Business, Ligatus è stato protagonista nella seconda giornata del 15 settembre scorso con un intervento allo Speaker’s Corner dal titolo “Beyond the buzzword, why is Native so trendy?“, a voce di Victor Charpin VP Publishers Development di Ligatus.

In Italia, la società sarà poi presente a vario titolo ad eventi trade per portare a mercati verticali il contributo delle proprie soluzioni native per l’advertising online a supporto delle esigenze di promozione e visibilità per comparti che si stanno sempre più aprendo al digital marketing e al web quale ambito privilegiato di investimento.
Tra i primi appuntamenti in calendario, il 9° Forum Banca del 28 settembre e l’evento organizzato dall’OPA Europe per un confronto con gli operatori sui big data nell’editoria digitale, in programma a Pisa il 6 e 7 ottobre prossimi, per chiudere con lo IAB Forum del 29 e 30 novembre a Milano.
Secondo Sebastiano Cappa, Country Manager di Ligatus Italia (nella foto): “Investire in ricerca e sviluppo di tecnologie è di fondamentale importanza per una realtà come quella di Ligatus. Al suo fianco riteniamo debba esserci parallelamente la condivisione di soluzioni, strategie e case studies con quanti desiderano soddisfare i propri bisogni di performance, content marketing e riconoscibilità per crescere nei propri mercati di riferimento con consapevolezza e sana competitività”.

articoli correlati