MEDIA 4 GOOD

Mareblu e Legambiente insieme per la salvaguardia delle tartarughe marine

- # # # # # #

Mareblu

Mareblu con il suo Nuovo Tonno all’Olio di Oliva con meno olio (rispetto ad una lattina standard da 80g), creato in partnership con Legambiente, si schiera in difesa delle tartarughe marine.

Scegliendo di acquistare il Nuovo Tonno all’Olio di Oliva Mareblu con grafica dedicata, il consumatore potrà contribuire simbolicamente alle spese necessarie per curare le tartarughe ferite e sostenere l’associazione nelle sue numerose attività, supportando quindi in modo concreto l’impegno di Legambiente a beneficio del territorio e della biodiversità.

Il concorso TartaLove

Inoltre, dal 1 settembre 2018 al 15 aprile 2019, acquistando una di queste confezioni, sarà possibile partecipare a un fantastico concorso. Una volta effettuato l’acquisto di almeno una delle confezioni coinvolte, basterà visitare il sito dell’iniziativa, mareblupertartalove.it e digitare il codice riportato all’interno della confezione.

A ogni vincitore verranno inviati un kit virtuale – che include un certificato di adozione simbolica e una fotografia della tartaruga scelta – e un’agenda del Mare 2019. Inoltre sul sito dedicato al progetto sarà possibile conoscere la storia di ciascuna delle tartarughe coinvolte nel progetto di Legambiente: ognuna ha la sua storia da raccontare e un piccolo gesto può contribuire alla tutela e alla cura di esemplari meravigliosi e affascinanti, per far sì che la loro vita possa essere quanto più lunga e felice possibile.

Il progetto SeaChange

Il nuovo Tonno all’Olio di Oliva di Mareblu  rientra nel progetto SeaChange, il piano di Thai Union che garantisce il rispetto dei mari, la sicurezza dei lavoratori e la legalità per l’industria ittica. La confezione – realizzata con carta certificata PEFC, garanzia di provenienza da foreste gestite in modo sostenibile e da fonti controllate – riporta il logo di Legambiente, sostenitore e partner del progetto.

articoli correlati

AZIENDE

#UnMareDaSalvare: Sky e Integer “Ocean Hero” sulla spiaggia di Genova insieme a Legambiente

- # # # # #

Sky - Integer

Integer e Sky puliranno la spiaggia di Genova dai rifiuti abbandonati. L’obiettivo è duplice: sensibilizzare e coinvolgere le persone sul tema dei rifiuti in mare, invitandoli a trasformarsi in “Ocean Hero” – ambasciatori a difesa degli ecosistemi del mondo – e migliorare concretamente l’ambiente in cui viviamo partendo da piccole azioni quotidiane.

Sky propone infatti ai suoi clienti di diventare “Ocean Hero” partecipando così alla iniziativa di Legambiente promossa per il 25, 26 e 27 maggio sulle spiagge italiane oltre che farsi portavoce della campagna anche sui social condividendo l’avatar “Ocean Hero” (solo per i clienti Sky Extra) e l’hashtag #UnMareDaSalvare e #OceanHero. Dipendenti di Sky il 26 saranno presenti anche a Cagliari e a Castel Fusano, sul litorale romano a partire dalle 10 del mattino.

Questa iniziativa rientra nell’attività di sostenibilità di Sky che ha lanciato la campagna “Un mare da salvare” per sensibilizzare l’opinione pubblica a fare la differenza con piccole azioni quotidiane, riducendo l’eccessivo utilizzo di plastica usa e getta per proteggere gli oceani dall’inquinamento.

Integer è stata promotrice insieme a Sky della giornata collettiva e ha ideato il simbolo che accomuna gli “Ocean Hero”: un’onda blu, un gesto semplice che ricorda il movimento naturale del mare ma che è anche una dichiarazione di intenti, che rappresenta la battaglia da intraprendere. Il visual della campagna mostra dipendenti Integer e Sky fotografati con l’onda dipinta sul volto, a significare quanto le due aziende si impegnino in questa iniziativa, “mettendoci la faccia” e invitando tutti i colleghi ad aderire. L’onda viene riportata nei materiali di comunicazione interna utilizzati per supportare l’iniziativa, i volti dei dipendenti vengono ripresi sul portale dedicato agli utenti Sky Extra e in tutte le attività social di Sky e Integer-TBWA\Italia. L’agenzia infatti supporta e si coordina con Sky anche per l’attività social prevista a sostegno.

CREDITS

Client: Sky Italia
Agenzia: Integer
Project: #UnMareDaSalvare #OceanHero
Sky Responsible Business Specialist: Cristina Fenzi
Group Creative Executive Directors: Gina Ridenti e Hugo Gallardo
Integer Creative Director: Rossana Tocchi
Art Director: Anna Taschini, Fabio Marini
Copywriter: Manuel Bonardi
Client Service Director: Gianluca Cappiello
Account Manager: Elisa Schneider
Account Intern: Fabiana Lo Schiavo
Head of Events & Production: Barbara Trivella
Event Producer: Sabrina Salvini

articoli correlati

AZIENDE

Oleificio Zucchi al fianco di Legambiente con l’iniziativa “Puliamo il mondo”

- # # # #

Legambiente

Oleificio Zucchi rinnova il proprio impegno a tutela dell’ambiente affiancando Legambiente nell’iniziativa “Puliamo il mondo”, che vedrà la partecipazione attiva di scuole e volontari per liberare dai rifiuti e dall’incuria i parchi, i giardini, le strade e le piazze adiacenti agli istituti scolastici in molte località su tutto il territorio nazionale.

Il progetto è partito il 7 settembre con una votazione online sulla pagina Facebook e sul sito dell’azienda dove saranno caricate le foto delle 35 località candidate a “ripulire il mondo”. Il 22 settembre, grazie al supporto di Zucchi, gli studenti delle scuole delle prime 20 località che avranno ricevuto più like scenderanno in campo armati di guanti, scope e cestini, pronti a recuperare la bellezza del loro territorio.

Puliamo il Mondo è l’edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Portata in Italia nel 1993 da Legambiente, che ne ha assunto il ruolo di comitato organizzatore, è presente su tutto il territorio nazionale grazie all’instancabile lavoro di oltre 1.000 gruppi di “volontari dell’ambiente”, che organizzano l’iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, aziende, comitati e amministrazioni cittadine.

Oleificio Zucchi, da tempo vicino a Legambiente nell’impegno per la sostenibilità, anche con una linea dedicata di prodotti “consigliati da Legambiente”, ha deciso di sostenere quest’iniziativa per dare il proprio contributo concreto al territorio e promuovere una cultura di rispetto dell’ambiente e senso civico, sottolineando l’importanza dei gesti quotidiani per un mondo più vivibile e salutare anche per le future generazioni.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Adacto sostiene la campagna social #spiaggepulite lanciata da Sammontana e Legambiente

- # # # #

campagna social spiagge pulite di Sammontana

Adacto ha realizzato la campagna di promozione per l’iniziativa Spiagge Pulite indetta da Legambiente e Sammontana attraverso un social contest che ha visto protagonisti i fan del gelato all’italiana.
Gli utenti sono stati invitati a votare sulla pagina Facebook di Sammontana la propria spiaggia preferita tra le 45 individuate da Legambiente. I 20 litorali più votati sono passati alla fase finale dell’iniziativa: un flash mob di pulizia sponsorizzato da Sammontana.

In soli 10 giorni la campagna ha raggiunto 3,5 mln di persone, per un totale di 253.00 click e 88.600 voti. Un grande successo che dimostra le notevoli opportunità del marketing socio-territoriale, curato per l’occasione da Comart e integrato da Adacto con strategie digital orientate all’engagement e alla creazione di esperienze di marca cross-canale.

La digital strategy progettata dall’agenzia sfrutta tre leve: un sito snello e accessibile da qualunque device, integrato con un sistema di voto semplice e collegato alla pagina Facebook di Sammontana; un piano di contenuti social ad hoc che ha supportato ogni fase dell’iniziativa; una pianificazione di advertising digital e social per creare awareness e facilitare il word of mouth.

Con questo progetto Adacto continua la sua relazione con Sammontana come digital partner per tutte le properties, dai siti ai profili social, e dà il via a una nuova stagione di sole, gusto e tanto divertimento.

articoli correlati

AZIENDE

Mareblu al fianco di Legambiente per la campagna Spiagge e Fondali Puliti

- # # #

Mareblu Spiagge e Fondali Puliti

Per il sesto anno consecutivo Mareblu conferma il suo supporto a Spiagge e Fondali Puliti – Clean up the Med, l’iniziativa di volontariato promossa in Italia da Legambiente e diffusa in 21 Paesi del Mediterraneo allo scopo di ripulire spiagge e fondali dai rifiuti abbandonati e chiedere maggiore rispetto e tutela per il mare.

La campagna, giunta alla ventiduesima edizione, consiste anche quest’anno in operazioni di pulizia straordinaria e raccolta differenziata su arenili, lungomare e siti naturali, con il coinvolgimento diretto dei cittadini. D’altra parte, la necessità di interventi di questo tipo emerge drammaticamente dai dati sullo stato di salute delle spiagge italiane contenuti nell’indagine “Beach Litter 2017”, condotta tra aprile e maggio 2017 da Legambiente in collaborazione con Mareblu, La Filippa, Ciai, Novamont e Virosac. Su 62 spiagge italiane monitorate, pari a una superficie di oltre 200.000 mq., sono stati trovati in media 670 rifiuti per metro lineare.

Negli ultimi cinque anni l’adesione di Mareblu al progetto Spiagge e Fondali Puliti è cresciuta in modo costante, assumendo i connotati di una collaborazione attiva, come conferma il coinvolgimento spontaneo di larga parte del personale aziendale nelle iniziative locali. La partecipazione a progetti di corporate volontariato fa parte del resto di un più ampio percorso intrapreso da Mareblu con la consulenza di Legambiente per diffondere all’interno dell’azienda la cultura della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente.

Quest’anno l’appuntamento è stato ieri 7 giugno, a Ameglia (La Spezia), estremo lembo di Liguria al confine con la Toscana, dove il personale di Mareblu ha contribuito alla pulizia della spiaggia di Fiumaretta insieme ad altri volontari. La data della mobilitazione è particolarmente significativa per l’azienda conserviera italiana, cadendo immediatamente a ridosso della Giornata mondiale degli Oceani (8 giugno), istituita dall’ONU nel 1992 in occasione del vertice sull’ambiente di Rio de Janeiro.

Per Mareblu, che da anni ha scelto di lavorare il tonno direttamente sui luoghi di pesca, la salute degli oceani, così come la salvaguardia degli stock di pesce, è di vitale importanza.

“Noi di Mareblu siamo orgogliosi di collaborare con Legambiente a un progetto di grande rilevanza come Spiagge e Fondali Puliti. Anche quest’anno abbiamo scelto di invitare tutto il personale aziendale a prendere parte a una giornata dedicata alla pulizia di spiagge e litorali, perché crediamo che la condivisione di pratiche concrete come questa sia il modo migliore per diffondere sempre più la cultura della sostenibilità e fare in modo che diventi parte integrante della nostra vita di tutti i giorni”, ha sottolineato Matteo Scarpis, Direttore Generale Mareblu.

In Italia, Mareblu collabora con Legambiente a numerosi progetti a favore della sostenibilità, del consumo responsabile e della difesa dell’ambiente. Oltre a Spiagge e Fondali Puliti, infatti, l’azienda sostiene le attività del Centro Recupero Tartarughe di Manfredonia (FG) per la cura e la riabilitazione di esemplari feriti, la ricerca “Marine Litter” sull’inquinamento dei mari e dei bacini lacustri italiani e le iniziative didattiche del Museo Vivo del Mare di Pollica (SA).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Sammontana al fianco di Legambiente con la campagna di sostenibilità ambientale

- # # # #

Sammontana campagna di sostenibilità ambientale

Sammontana nel corso del 2016 ha avviato un percorso di sostenibilità ambientale, cominciando dal Barattolino Sammontana.

Sammontana è infatti al fianco di Legambiente e della campagna Spiagge e Fondali Puliti attraverso il modello di Marketing Socio-Territoriale di Comart con l’iniziativa “Sammontana, Pulisce la Spiaggia vicino a casa tua”.

Sarà facile e immediato per tutti prendere parte alla campagna. La pagina Facebook di Sammontana ospiterà a partire dal 5 maggio un contest, dove tutti i consumatori e semplici curiosi, potranno indicare la propria spiaggia preferita, tra le 45 selezionate da Legambiente, da destinare all’operazione di pulizia.

I 17 litorali più votati passeranno dunque alla fase finale di pulizia che avrà luogo nel weekend del 26-27-28 maggio.
“Armati” di rastrello, cestino, paletta, senso civico e tanta buona volontà, tutti gli interessati sono invitati a partecipare all’iniziativa di pulizia collettiva delle spiagge premiate dal contest di Sammontana.

L’iconico Barattolino sarà quindi il primo gelato sul mercato italiano a compensare le emissioni di CO2eq con la garanzia del rigoroso protocollo del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Sarà un gesto concreto, alla portata di tutti, per invitare le nuove generazioni alle buone pratiche per la tutela dell’ambiente e per contribuire a rendere più vivibile e pulito il litorale italiano, troppo spesso vittima di incurie e inciviltà.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Mareblu lancia sul web la campagna di crowdfunding “Dalla parte del blu”

- # # # # #

Mareblu: dalla parte del blu

Al via Dalla parte del blu, campagna di crowdfunding che chiama i consumatori a scegliere come saranno ripartiti i 50.000 euro che l’Azienda conserviera mette a disposizione di Legambiente per sostenere quattro importanti progetti a difesa del mare: la pulizia dei litorali e dei fondali marini della campagna Spiagge e Fondali Puliti, le attività del Centro Recupero Tartarughe di Manfredonia (FG) per la cura e la riabilitazione di esemplari feriti, la ricerca SOS Marine Litter sull’inquinamento dei mari italiani, le iniziative didattiche del MuSea – Museo Vivo del Mare e della dieta mediterranea di Pollica (SA).

Gli utenti sceglieranno online a che progetto destinare i fondi messi a disposizione da Mareblu. Con Dalla parte del blu, la seconda azienda italiana nel mercato delle conserve ittiche si rivolge ai consumatori, facendone i protagonisti assoluti di un’innovativa campagna di sensibilizzazione ambientale capace di coinvolgere il grande pubblico e sviluppata in collaborazione con Legambiente e la piattaforma di CSR 1ClickDonation di CrowdM.

Collegandosi al sito, infatti, gli utenti hanno la possibilità di informarsi sui quattro progetti di Legambiente a salvaguardia dell’ecosistema marino e scegliere quello a cui “donare un click”. Questo gesto di preferenza semplice e gratuito, inoltre, potrà essere condiviso dagli utenti sui principali social network. A conclusione della campagna, che proseguirà fino al 22 maggio, Mareblu regalerà a Legambiente 50.000 euro: 25.000 euro saranno distribuiti in parti uguali fra i quattro progetti, mentre i restanti 25.000 saranno suddivisi in base al numero di click ricevuti da ciascuna iniziativa. Una partnership per la sostenibilità che si evolve Dalla parte del blu rappresenta una significativa evoluzione e integrazione nella partnership che Mareblu ha stretto dal 2012 con Legambiente nell’ambito del suo percorso di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Mareblu, infatti, ha individuato e condiviso con la più importante associazione ambientalista italiana iniziative e progetti finalizzati al consumo responsabile, alla riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti nel loro ciclo di vita e alla difesa dell’ambiente. Thai Union, la multinazionale thailandese di cui fa parte Mareblu, si è infatti impegnata per far sì che tutto il suo tonno branded sia sostenibile e che entro il 2020 almeno il 75% del tonno branded sia certificato dal Marine Stewardship Council (MSC), uno dei programmi di etichettatura e certificazione più autorevoli al mondo per la pesca sostenibile, o proveniente da pescherecci che hanno intrapreso un percorso di miglioramento della pesca (FIP – Fishery Improvement Project) secondo i principi MSC al fine di ottenere la certificazione.

Il primo passo di questo impegno è stato il lancio, nel 2016, della prima referenza di tonno skipjack certificata MSC sul mercato italiano, cui faranno seguito, già a partire dal 2017, altri prodotti con il marchio blu MSC Pesca Sostenibile.

“Mareblu collabora con Legambiente già da qualche anno sostenendo 4 progetti e studi ambientali in Italia. Quest’anno con “Dalla Parte del Blu” abbiamo deciso insieme a Legambiente, di chiedere direttamente ai nostri consumatori di decidere come preferiscono allocare il 50% del contributo che Mareblu ha destinerà a questi 4 progetti. Questa collaborazione in Italia si inserisce in un più ampio e ambizioso piano strategico di sostenibilità del gruppo Thai Union, di cui Mareblu fa parte, chiamato SeaChange. Questo programma è articolato in 4 aree principali: l’Approvvigionamento Responsabile, i Processi di produzione sostenibile, la Legalità e sicurezza sul lavoro e l’attenzione per le Persone e le Comunità in cui Thai Union opera”, ha dichiarato Matteo Scarpis, Direttore Generale Mareblu.

“Dalla parte del blu è una campagna di sensibilizzazione innovativa che promuove e valorizza i principali progetti della nostra associazione a difesa del mare italiano. La partnership con Mareblu prosegue su un percorso di confronto e collaborazione fecondo per noi e per l’azienda, che in questi anni ha sviluppato un approccio alla sostenibilità sempre più proattivo, concreto e virtuoso anche per il suo business. Il lavoro messo in campo per migliorare le prestazioni ambientali della filiera produttiva di Mareblu è il risultato concreto e tangibile di questo lavoro comune”, ha commentato Stefano Ciafani, Direttore Generale di Legambiente.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Ogilvy Change e Legambiente lanciano la campagna di sensibilizzazione #giuilrubinetto, contro lo spreco idrico

- # # # # #

Ogilvy Change

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (22 marzo) Ogilvy Change e Legambiente lanciano #giuilrubinetto, una nuova campagna no profit di sensibilizzazione sullo spreco idrico e di educazione all’uso responsabile dell’acqua di rete rivolta ai bambini delle scuole elementari. La campagna coinvolgerà circa 10.000 bambini con l’obiettivo di portare i bambini ad abbandonare l’abitudine di lasciare scorrere l’acqua mentre si lavano i denti.

Lo scopo della nuova campagna sociale è stimolare il cambiamento spontaneo e permanente di abitudini in un piccolo gesto quotidiano d’igiene personale che, tuttavia, può contribuire ad arginare un problema di portata globale come lo spreco di acqua dolce: risorsa ambientale limitata e sempre più preziosa. Si pensi, infatti, che lasciare aperto il rubinetto per due minuti mentre ci si lava i denti comporta in media lo spreco di 32 litri d’acqua potabile al giorno.

Per questo motivo Ogilvy Change ha scelto di rivolgersi ai bambini delle scuole elementari e di veicolare il messaggio educativo attraverso la distribuzione di un nudge, una sorta di “spinta gentile al cambiamento” composta dal simpatico bracciale elastico Aqualoop e da un dépliant informativo sullo spreco d’acqua scritto con un linguaggio semplice e illustrato in modo vivace e coinvolgente.

Il bracciale Aqualoop svolgerà il ruolo di strumento ludico e didattico. I bambini coinvolti, infatti, saranno invitati a indossarlo e ad avvolgerlo intorno alla leva del rubinetto quando si laveranno i denti. In questo modo ogni volta che la leva verrà alzata per aprire l’acqua, l’elasticità del bracciale la riabbasserà interrompendo il flusso. Con il tempo, inoltre, Aqualoop passerà dalla sfera del gioco a quella di promemoria del comportamento da tenere. Dopo circa un mese la nuova abitudine dovrebbe essersi consolidata: quando il bambino si laverà i denti assocerà il rubinetto al bracciale e, automaticamente, penserà a chiudere il primo senza sfilarsi il secondo dal polso.

La collaborazione con Legambiente consentirà a #giuilrubinetto di entrare a contatto diretto con le scolaresche di molte scuole elementari, attuare iniziative pubbliche nelle piazze italiane e di essere presente sul Treno Verde, la campagna itinerante organizzata da Legambiente e dal gruppo Ferrovie dello Stato che anche quest’anno sosta in alcune delle maggiori città del Paese per sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche quali l’energia da fonti rinnovabili, l’inquinamento, il degrado urbano e lo sviluppo sostenibile. Nelle tappe di Foligno, Bologna, Vicenza, Asti e Milano, a bordo del Treno Verde sarà presente un corner dedicato a #giuilrubinetto che fornirà maggiori informazioni sulla campagna e sullo spreco idrico, oltre a provvedere alla distribuzione ai bambini dei bracciali e dei dépliant.

#giuilrubinetto avrà una sua dimensione online su internet e sui social network studiata per approfondire gli argomenti espressi con semplicità sul depliant e per raggiungere un pubblico più vasto e adulto: in primo luogo quello delle famiglie. Ogilvy Change ha curato la realizzazione di un sito composto da una landing page che presenta nel dettaglio il progetto, fornendo informazioni sullo spreco d’acqua e su soluzioni didattiche alternative per sfruttare il braccialetto coinvolgendo i bambini in attività che promuovano la formazione di una corretta abitudine. Allo stesso tempo, sarà messo in rete sui canali social di Legambiente Scuola e Formazione (@legambiente scuolaformazione) un video che “racconterà” lo spreco quotidiano di acqua e la soluzione che Ogilvy Change e la più importante associazione ambientalista in Italia propongono per arginare il problema.

“Legambiente è da sempre in prima linea nelle campagne e nelle iniziative didattiche che sensibilizzino a un uso consapevole delle risorse del pianeta e dell’acqua in particolare. Per questo abbiamo accolto con piacere la proposta di Ogilvy Change, che introduce un approccio nuovo, originale ed efficace a un’emergenza che, complici i mutamenti climatici, ormai interessa stabilmente anche larga parte del nostro Paese”, ha dichiarato Stefano Ciafani, Direttore Generale di Legambiente.

“#giuilrubinetto è un ottimo esempio di come i piccoli gesti quotidiani possano contribuire alla soluzione di problemi su scala planetaria come la disponibilità di acqua dolce”, ha commentato Guerino Delfino, Chairman e CEO di Ogilvy & Mather. “Nel contempo questo progetto e il coinvolgimento di un partner autorevole come Legambiente testimoniano l’enorme potenziale dell’approccio di Ogilvy Change, basato sulla combinazione di creatività e conoscenza delle dinamiche psicologiche e motivazionali che guidano le scelte degli individui, allo scopo di orientare queste ultime senza limitarne l’autonomia o imporre un percorso definito.”

Per un elenco dettagliato delle attività consultare il sito

CREDITS

Ogilvy & Mather Italia
Chief Creative Officers: Paolo Iabichino e Giuseppe Mastromatteo
Client Creative Director: Matteo Pelo
Senior Copywriter: Alberto Crignola
Junior Digital Art Director: Andera Colombo, Carlo Colombo, Enrico Discolo
Head of Planning: Filippo Ferraro
Choice Architect: Emanuela Lovotti
Design Director: Marco Pelà
Senior Front end developer: Paolo Drovetti
Graphic Artworker: Mario Colombo
Account Director: Simone Zanelli
Account Executive: Gianpaolo Volpe Pasini
Illustrazioni di Daniele Morganti
Per Ogilvy: TV Producer: Francesca D’Agostino
Realizzazione video:
CDP: Collateral Films
Director and DOP: Edoardo Catania
Executive Producer: Guido Cella
Producer: Maria Borgognoni
Assistant Producer: Stefania Villa

 

articoli correlati

AZIENDE

“Stai col Sughero e col Pianeta”, svolta social per la campagna insieme a Legambiente

- # # #

Si fa sempre più social la Campagna di promozione del sughero e, in collaborazione con Legambiente, lancia la nuova iniziativa “Stai col Sughero e col Pianeta” per coinvolgere gli utenti Facebook ambientalisti e non.
Infatt, visitando la sezione dedicata del sito www.ilsughero.org e utilizzando Facebook Connect, si potrà condividere con la propria rete di amici l’impegno a difesa del pianeta, diffondendo così la forte connotazione ambientale di un materiale naturale come il sughero. A ricordo del proprio coinvolgimento, sarà possibile accedere a una sezione riservata dove scaricare una delle sei vignette limited edition, realizzate appositamente per la campagna dal fumettista Davide Besana.

Davide Besana, milanese doc e grande appassionato del mangiar bene, disegna fumetti dai tempi del liceo. Ha realizzato diversi libri dedicati al mondo della vela (Capitani Disastrosi, La vela fa schifo, Un mare di Cazzate, Navigare, Come si vince la Giraglia) e raccolte di fumetti misti (Diario 2012, Diario 2013)

“Questa iniziativa con Legambiente vuole sottolineare ancora una volta porre l’accento sull’importanza del sughero per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, coinvolgendo gli oltre 50mila fan della pagina Io Sto Col Sughero, ma non solo” commenta Mauro Ganau, Consigliere Incaricato Gruppo Sughero di Assoimballagi di FederlegnoArredo per la campagna di promozione del sughero Intercork II “L’autore è stato scelto per il suo tratto ironico e sempre originale ed ha saputo reinterpretare in maniera coinvolgente i messaggi fondamentali per l’ambiente e per il sughero”

La Campagna di Promozione del Sughero e Legambiente hanno già collaborato in precedenza impegnandosi per il pianeta con l’iniziativa “Spiagge e Fondali Puliti”.

articoli correlati

AZIENDE

Timberland e Legambiente di nuovo insieme per l’ambiente

- # # #

Timberland e Legambiente Lombardia Onlus con la collaborazione del Comune di Osio Sopra hanno piantato le basi per dare vita ad un nuovo bosco naturale autoctono, piantumando 1500 alberi, 600 dei quali piantati grazie agli altrettanti alberi virtuali fatti crescere digitalmente lo scorso ottobre 2012 dai follower del progetto multimediale Earthkeepers On The Road e dell’App Mr. Tree.

 

“Earthkeepers On The Road. Storie di gente fuori” è stato un progetto multimediale lanciato da Timberland lo scorso ottobre, il primo progetto multimediale d’interazione con i consumatori collegando in un circuito completo adv off-line e on-line punto vendita ed esperienze di vita sul territorio. 

 

Da diversi anni la collaborazione con le amministrazioni locali rende possibile la creazione di boschi naturali, nuove aree verdi, che diventano occasione di miglioramento del paesaggio e della qualità della vita. L’iniziativa nasce da un progetto di responsabilità d’impresa che vede Timberland impegnata già da otto anni in progetti di riqualifica del verde pubblico.

Questi i Boschi di Timberland oggi, frutto della collaborazione tra l’azienda e Legambiente: Seveso (2007) Oasi del Fosso del Ronchetto oggi parte del Parco delle Groane. Casei Gerola (2008) Bosco all’Oasi delle Folaghe, il primo ettaro di bosco autoctono con la piantumazione di 2000 alberi. Rho (2009) nel Parco Agricolo Sud Milano nasce un bosco che unisce due Fontanili. Melegnano (2010) nuovo bosco sulle sue sulle sponde del fiume Lambro, ripulito dai rifiuti. Bergamo (2011-2012) 4 ettari di bosco, la più importante area verde e la più estesa della città, grazie alla piantumazione di circa 4000 alberi.

 

Serv-a-Palooza è un’attività che rientra nel programma di volontariato Timberland Path of Service™ che l’azienda prevede per tutti i suoi dipendenti a livello internazionale, nello specifico un programma che permette ad ogni dipendente di disporre di 40 ore annuali retribuite da dedicare ad azioni di volontariato a livello locale. Anche quest’anno Timberland rinnova il proprio impegno a favore della salvaguardia del Pianeta in occasione del Serv-A-Palooza 2013, uno degli appuntamenti annuali del brand per la tutela ambientale.

 

articoli correlati

AGENZIE

Mareblu conferma l’incarico a Binario Comunicazione nell’ottica della sostenibilità

- # # # # # # #

Binario Comunicazione ha scelto la comunicazione della responsabilità sociale di impresa come percorso di crescita per le aziende nella loro relazione con i cittadini e i consumatori. Un esempio è Mareblu, uno dei principali player in Italia nel mercato delle conserve ittiche, che ha adottato da tempo una strategia improntata alla responsabilità ambientale d’impresa. L’azienda nel 2011 ha scelto Binario Comunicazione – tramite gara –  con l’obiettivo di accrescere la relazione con il consumatore in termini di credibilità e di trasparenza e oggi ripete la scelta. Alla base della riconferma dell’incarico all’agenzia, l’esperienza positiva di questi due anni e i primi risultati concreti nello sviluppo e nella valorizzazione delle “best practice” aziendali, che sono state tradotte in attività sinergiche di comunicazione sia di PR che di digital PR.

Mareblu, attraverso il Gruppo MWBrands, ha adottato un modello di organizzazione e gestione “verticale” unico al mondo per il comparto di riferimento che prevede il controllo diretto su tutte le fasi produttive, dalla pesca all’inscatolamento negli stabilimenti di proprietà, nel pieno rispetto di norme e moratorie internazionali. Partendo da questa peculiarità distintiva, l’agenzia in questi anni ha affiancato Mareblu nella sensibilizzazione degli opinion maker più influenti sul tema della sostenibilità ambientale e del consumo responsabile; ha inoltre supportato l’azienda nella ricerca delle occasioni più strategiche e dei canali più idonei per la comunicazione e la valorizzazione delle azioni di sostenibilità intraprese.

La collaborazione ha portato a individuare in Legambiente il miglior partner nazionale con cui sviluppare i temi più rilevanti e la comunicazione a supporto. La partnership con Legambiente, siglata nel 2012, è strutturata su più anni e ha già determinato i primi risultati attesi: dalla messa in commercio di una nuova referenza di tonno Mareblu 100% sostenibile ad un programma articolato per la riduzione delle catture accessorie che coinvolgono la presenza di osservatori specializzati a bordo dei pescherecci, dall’impegno nella riduzione dell’impatto negativo dell’uso di FADs al dialogo costruttivo con la GDO.

Il lavoro per la comunicazione dei temi della sostenibilità, sicurezza e fiducia tra l’azienda ed il consumatore (che coinvolge anche la GDO) è ancora lungo: Binario e Mareblu sono ancora insieme nella ricerca e nella costruzione di nuove relazioni che mirano a un concreto cambiamento nelle dinamiche mercato.

articoli correlati