MEDIA 4 GOOD

Kellogg e Croce Rossa: due nuovi Breakfast Club a Torino e a Casal di Principe

- # #

Kellogg

Kellogg intensifica l’impegno verso le famiglie indigenti e, grazie alla consolidata collaborazione con Croce Rossa, apre due nuovi Breakfast Club a Torino e a Casal di Principe (Caserta), in aggiunta a quello già esistente di Milano. Con questa iniziativa, volta a offrire la colazione a quei bambini che non possono averla a casa, Kellogg allarga a livello nazionale un servizio unico e coinvolgente per aiutare i bambini in difficoltà, e al tempo stesso promuovere le basi di una corretta conoscenza alimentare a partire dalla prima colazione.

Il primo Breakfast Club è stato avviato con un progetto pilota a inizio 2017 a Milano, in una scuola elementare nella periferia sud est della città. Un servizio gestito dai volontari di Croce Rossa, che ha visto la partecipazione di circa 50 bambini, che hanno avuto la possibilità di assumere ogni mattina una colazione varia ed equilibrata. E non solo: anche un’occasione per parlare e confrontarsi sull’importanza della prima colazione, di quali gruppi di cibi non dovrebbero mai mancare (carboidrati, frutta, fonti di proteine) per acquisire maggiore consapevolezza su cosa mangiare e come non sprecare il cibo e anche per favorire una maggiore integrazione tra i bambini coinvolti, provenienti da diversi paesi e culture.

Lo stesso modello verrà applicato nel Breakfast Club di Torino, che coinvolgerà circa 50 alunni, e a Casal di Principe, dove i bambini partecipanti saranno 80. Circa 180 piccoli alunni, oltre a cominciare in modo nutrizionalmente corretto la giornata, potranno quindi vivere un’esperienza già consolidata, grazie all’impegno Kellogg, in altri paesi in tutto il mondo.

“Da sempre svolgiamo ricerche per capire meglio le necessità dei mercati in cui operiamo e sul tema delle difficoltà economiche legate all’alimentazione vediamo un trend persistente negli ultimi anni, basti pensare che in Italia ci sono tanti bambini che riescono ad avere un solo pasto garantito al giorno, quello nella mensa scolastica. Ed è proprio per rispondere a queste necessità che abbiamo voluto aprire i Breakfast Club anche in Italia, in quanto combinano in maniera efficace numerosi elementi: donazione di colazioni a chi ne ha più bisogno, informazioni nutrizionali, coinvolgimento e integrazione culturale tra bambini di origini diverse, i quali vivono l’esperienza della colazione insieme come un bel momento di divertimento, da raccontare a casa”, ha dichiarato Sara Faravelli, Corporate Communications e Pr Manager, Kellogg Italia.

Ed è proprio sulla base delle evidenze emerse da una recente indagine svolta per conto di Kellogg da YouGov a livello Europeo, che i Kellogg Breakfast Club possono ricoprire un ruolo importante nell’aiutare le famiglie maggiormente in difficoltà.

Sebbene un’abbondante maggioranza (72%) degli italiani intervistati riconosca l’importanza della prima colazione e dichiari di conoscere gli elementi che compongono una dieta equilibrata (85%), a una verifica più puntuale però – di fronte a una lista degli alimenti e delle porzioni che costituiscono una dieta equilibrata – solo il 16% dichiara di applicare questa dieta quotidianamente e a ogni pasto. E nonostante l’elevata consapevolezza e conoscenza, il 47% dichiara di non adottare in modo regolare una dieta varia ed equilibrata.

Le difficoltà ad alimentarsi sono infatti molteplici: il 31% degli intervistati dichiara di fare fatica a permettersi economicamente il tipo di cibo che vorrebbe dare alla propria famiglia, mentre il 36% dichiara di aspirare a una dieta più equilibrata ma di non riuscire a realizzare questo desiderio, sempre per ragioni legate alle disponibilità economiche. Fino ad arrivare a un quarto del campione che dichiara di dover ricorrere ad aiuti esterni, come i banchi alimentari, per arrivare a fine mese, in particolare nei mesi estivi.

“Siamo felici di proseguire e potenziare la collaborazione con Kellogg che si pone nel solco dell’impegno della Croce Rossa Italiana a favore di chiunque si trovi in difficoltà e per la tutela della salute. I dati emersi dall’indagine di YouGov dipingono una realtà con cui anche i nostri comitati sul territorio e i nostri volontari entrano quotidianamente in contatto. Il mondo della scuola, dunque, rappresenta l’occasione per attivare iniziative che abbiano una ricaduta diretta sulla salute psico-fisica e sulle abitudini alimentari dei bambini, andando contemporaneamente a supportare le tante famiglie che vivono il dramma dell’indigenza”, ha spiegato il Vice Presidente CRI Gabriele Bellocchi.

I Breakfast Club sono la concretizzazione dell’impegno di Kellogg sul fronte della responsabilità sociale e sono parte del programma Breakfasts for Better DaysTM, di cui sono stati recentemente rinnovati gli obiettivi, primo tra tutti creare entro il 2025 3 miliardi di “giorni migliori” per le persone nel mondo. Questo sarà possibile attraverso donazioni di cibo alle persone bisognose, espansione dei programmi per la prima colazione (Breakfast Club), sostegno ai produttori di cereali, aumento delle ore di volontariato da parte dei dipendenti e coinvolgimento diretto da parte dei consumatori.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Kellogg sceglie Trilud Group: attività editoriali, social e advertising per la promozione del film Emoji. Pianifica Dentsu

- # # # # # #

Kellogg

Fino al 24 settembre 2017, Trilud Group racconta con attività editoriali, social e advertising l’iniziativa di Kellogg – in partnership con Sony Pictures – per la promozione del film Emoji, che prevede la vincita di materiali scolastici. Il progetto, coordinato della unit Brand Partnership con la collaborazione della digital advisory agency BrandMade, vede il coinvolgimento di tre testate in target del Gruppo e delle relative pagine Facebook. La pianificazione è a cura di Dentsu.

Simpatiche e colorate emoticon e icone invadono le confezioni di cereali Kellogg aderenti all’iniziativa, per vincere materiali scolastici firmati Emoji. Un’attività voluta da Kellogg per coinvolgere sempre di più i propri consumatori, aiutare i ragazzi a iniziare al meglio la giornata e rendere il ritorno sui banchi di scuola il più divertente e spensierato possibile.

Coniugando scuola e divertimento, questa promozione consentirà di vincere tutto quello che serve per tornare sui banchi con il sorriso: dalle gomme per cancellare alla borsa per la merenda, righello, matita e blocchetto per gli appunti. Il tutto, ovviamente, coloratissimo e originale, ispirato al film Emoji.

Per partecipare è sufficiente acquistare una confezione di cereali Kellogg tra quelli aderenti alla promozione, visitare il sito dedicato e digitare l’esclusivo codice di 10 cifre stampato all’interno della scatola, per provare a conquistare uno dei 12 bellissimi premi in palio ogni giorno.

Coinvolta nel progetto anche la showgirl e influencer Maddalena Corvaglia, protagonista con sua figlia di un contenuto video condiviso sui suoi canali social e di un articolo pubblicato sul suo sito www.maddyctive.it.

Nello specifico, la parte editoriale dell’attività è declinata da Trilud Group per mettere in evidenza in modo efficace le caratteristiche dei prodotti Kellogg, attraverso native content su PourFemme, DonnaClick e Nanopress Donna con contenuti e linguaggi specifici per ciascuna testata.

L’attività advertising, con formati realizzati ad hoc da BrandMade, prevede rotazioni skin e native box di approfondimento sulle sezioni dedicate a mamme e bambini nei siti coinvolti, online per tutta la durata del progetto e ideati per generare engagement fra le mamme e permettere loro di interagire con i contenuti proposti.

Per ottimizzare la visibilità, ogni contenuto editoriale sarà poi oggetto di attività social sulle pagine Facebook delle testate coinvolte nel progetto attraverso social seeding e video pinned post.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Al via la promozione della nuova linea Kellogg’s Barrette. Firma In Action

- # # # # #

promozione Kellogg's

In Action ha sviluppato per Kellogg un’attività per promuovere un’importante novità recentemente lanciata sul mercato: Kellogg Barrette.

In questa promozione sono coinvolte tutte e tre le varietà della nuova linea di Kellogg’s Barrette: Mandorle e cioccolato, Mandorle e frutta, Mandorle, miele e semi, che si caratterizzano per una varietà di ingredienti selezionati come mandorle, arachidi, mirtilli rossi, cioccolato e semi e rappresentano una buona fonte di fibre.

La meccanica della promozione è semplice: per partecipare è sufficiente acquistare 2 prodotti a scelta in un unico scontrino dal 13 febbraio al 13 aprile 2017 e inviando un sms con i dati dello scontrino, sarà possibile scoprire subito (meccanica instant win) se si ha vinto uno dei fantastici premi messi in palio ogni giorno: una bici elettrica Masciaghi.

Il premio dell’attività vuole evidenziare l’importanza di una dieta varia ed equilibrata unita ad uno stile di vita sano, in cui fare movimento è di fondamentale importanza. In Action si è occupata di tutti gli aspetti della promozione: l’ideazione della meccanica la progettazione grafica degli strumenti di comunicazione, fornendo a Kellogg un progetto “chiavi in mano”. Con questa attività In Action dimostra ancora una volta come sia fondamentale condividere valori che in ottica di co-marketing rendono il messaggio più forte e persuasivo.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Kellogg ancora insieme a Banco Alimentare con il progetto Breakfasts for Better Days

- # # # #

Kellogg e Banco Alimentare

Kellogg ancora insieme a Banco Alimentare con il progetto Breakfasts for Better Days™ per aiutare i bambini in stato di povertà in Italia a fare colazione ogni giorno

In Italia meno della metà del totale dei 6,3 milioni di bambini tra i 3 e i 13 anni fa tutti i giorni una colazione che prevede alimenti e bevande. 2,6 milioni di bambini la fanno qualche volta e 1,2 milioni non la fanno quasi mai. Qualcosa cambia durante il week end quando il numero di bambini che fa colazione sale a 4,1 milioni (65% del totale). Rimangono comunque 3,5 mio di bambini che non mangiano o non bevono a colazione.

La conferma arriva da una nuova ricerca di GfK che ha analizzato la relazione tra i bambini e il momento della prima colazione, riconosciuta oggi come il pasto più importante nella giornata. Le famiglie italiane dichiarano di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata e sono consapevoli che questa debba includere una colazione varia e bilanciata, ovvero che contenga: carboidrati (cereali, pane, biscotti, ecc), proteine (latte e derivati), vitamine e minerali (frutta).

Tuttavia secondo quanto rilevato da GfK la situazione reale dei bambini italiani evidenzia come gli attuali ritmi di vita frenetici delle famiglie rischino di incidere anche sulla prima colazione e sulle sue modalità di consumo. La fretta è il grande ospite indesiderato. Sono infatti sempre meno le famiglie che riescono a dedicare tempo di qualità per la colazione, a cui oggi si concede poco più di 8 minuti.

Come poi evidenziato da una recente indagine qualitativa condotta da Kellogg su gruppi di bambini dai 6 ai 14 anni, la maggior parte delle colazioni dei bambini è fatta in solitudine. La domenica lo scenario cambia in meglio: il 44% dei bambini (2,8 milioni) mangia e beve a colazione insieme alla famiglia.

In Italia tanti bambini non fanno una colazione sana e bilanciata a causa di abitudini alimentari non corrette, ma molti altri non possono farla per indigenza. Infatti nel nostro Paese oltre 4,1 milioni di persone si trovano in uno stato di povertà assoluta e di queste oltre 1 milione sono minori.

Oltre a diventare sempre di più un momento solo funzionale e sempre meno relazionale per i bambini, saltarle la colazione o non introdurre una adeguata quantità di nutrienti ha inoltre un forte impatto sul rendimento scolastico: gli insegnanti infatti dichiarano che i bambini che arrivano affamati a scuola sono meno performanti, fanno più fatica a concentrarsi e non riescono a contribuire al lavoro di classe.

“Una colazione varia e bilanciata aiuta un bambino ad assumere la giusta quantità di carboidrati, proteine, vitamine e minerali per cominciare bene la giornata”, ha dichiarato Kati Kaskeala Corporate Communications and Sustainability Director Kellogg Southern Europe. “In Kellogg crediamo nel valore e nel diritto alla prima colazione e con il nostro programma di responsabilità sociale “Breakfasts for Better Days™” da circa 20 anni continuiamo ad aiutare i bambini e le famiglie più bisognose in tutto il mondo. In Italia, insieme a Banco Alimentare abbiamo pensato ad una collaborazione efficace e duratura che possa veramente aiutare i bambini in stato di necessità in tutta Italia”.

Dopo la donazione di 6 milioni di porzioni di cereali e snacks per la prima colazione alle 21 sedi di Banco Alimentare nel corso del 2015, nel 2016 Kellogg donerà 200.000 euro per aiutare i 135.000 bambini assistiti dalle strutture caritative convenzionate con la Rete Banco Alimentare a ricevere una prima colazione nutriente.

“Siamo lieti di rinnovare la collaborazione con Kellogg anche nel 2016”, ha dichiarato Andrea Giussani, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus. “Il sostegno concreto e continuativo di aziende come Kellogg rappresenta uno dei nostri punti di forza per aiutare quotidianamente famiglie e bambini in difficoltà. Quest’anno continueremo insieme a Kellogg il nostro lavoro di supporto alle strutture caritative con noi convenzionate: attraverso un’accurata pianificazione logistica legata a quantità e tempistiche di approvvigionamento, saremo in grado di distribuire prodotti per la colazione in maniera estremamente precisa e mirata in una logica di copertura del reale fabbisogno”.

All’interno di questa ampia collaborazione, Kellogg affiancherà Banco Alimentare anche in un’attività di sensibilizzazione sul territorio, a livello regionale e provinciale, che coinvolgerà agenzie educative quali ASL, Assessorati alla salute e al Welfare e Scuole. Sarà quindi sviluppato un programma di incontri educativi intorno a temi che riguardano l’alimentazione dei bambini e la colazione.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Andrea Pirlo scende in campo con Kellogg per sostenere Dottor Sorriso

- # # # #

Dopo il grande successo della campagna 2013 “C’è più gioia a donare un sorriso”, Kellogg continua anche nel 2014 a sostenere Dottor Sorriso, la Onlus che, con la clownterapia, porta il sorriso a migliaia di piccoli pazienti nei reparti di pediatria degli ospedali italiani. La campagna 2014 si avvale dell’aiuto speciale del campione Andrea Pirlo che, indossando il naso rosso, scende personalmente in campo per giocare insieme a Kellogg una grande e bella “partita” di solidarietà.

Andrea Pirlo contribuirà attivamente alla campagna e comparirà sulla confezione di numerosi prodotti Kellogg, così da coinvolgere un numero sempre più grande di consumatori di cereali: Kellogg’s Coco Pops, Kellogg’s Corn Flakes, Kellogg’s Nice Morning, Kellogg’s Miel Pops, Kellogg’s Frosties, Kellogg’s Rice Krispies ed anche gli snack Kellogg’s Coco Pops.

Le 1.000 giornate di clownterapia donate nel 2013 da Kellogg’s hanno garantito non solo la cura del sorriso a migliaia di piccoli pazienti in Italia, ma hanno anche permesso alle squadre di clowndottori di poter operare in quattro nuove strutture ospedaliere: l’Ospedale Nuovo di Vimercate, l’Ospedale Buzzi di Milano, il Policlinico di Modena e l’Ospedale Federico II di Napoli.

articoli correlati

AZIENDE

Kelloggs cerca sorrisi con il naso rosso per donare nuove giornate di clownterapia

- # # #

 Kellogg invita gli italiani a raccogliere in video (e foto) 30.000 sorrisi accompagnati da un naso rosso per donare nuove giornate di clownterapia all’associazione Dottor Sorriso e permettere ai clown dottori di portare l’allegria nelle corsie degli ospedali pediatrici.

 

Il clou dell’iniziativa sarà sabato 23 novembre, giorno in cui mondo reale e digitale si incontreranno in un inedito collegamento live dalle 16 alle 19 tra YouTube e la Stazione Centrale di Milano. Tutte le persone che avranno voglia di partecipare dovranno indossare il naso rosso di Dottor Sorriso e dovranno semplicemente sorridere.

 

L’obiettivo è ambizioso: superare i 30.000 sorrisi con il naso rosso in video (e foto): più sorrisi si raccolgono, più Kellogg contribuirà in giornate di clownterapia. Da alcuni mesi infatti Kellogg sostiene la causa della Onlus Dottor Sorriso e ha già regalato oltre 500 giornate di clownterapia per i reparti di pediatria di diversi ospedali italiani.

 

Il percorso per chi si collegherà via YouTube è molto facile: in home page un masthead dinamico dedicato all’iniziativa, inviterà gli utenti ad attivare una webcam, indossare il naso rosso virtuale e portare il proprio sorriso in Stazione di Milano con un video di 5 secondi. I maxi-schermi del circuito Grandi Stazioni ospiteranno quindi i video in diretta di una selezione di persone sorridenti e con il naso rosso. Anche le persone in Stazione Centrale a Milano potranno contribuire alla raccolta donando il proprio sorriso, infatti alcuni clown di Dottor Sorriso distribuiranno i nasi rossi, e anche in Centrale sarà allestita una postazione per riprendere sorrisi in video. Il presidio della Stazione Centrale di Milano da parte di Kellogg e Dottor Sorriso sarà attivo dal 18 al 24 novembre: le immagini di volti sorridenti con il naso rosso accompagneranno i viaggiatori sugli schermi non solo di Milano, ma anche di Roma, Napoli e Torino.

 

Dopo il 23 novembre la raccolta di sorrisi con il naso rosso continuerà sulla pagina Facebook di Dottor Sorriso (www.facebook.com/DottorSorrisoOnlus), fino al raggiungimento del traguardo dei 30.000 sorrisi. L’intera operazione (digital, video, interactive wall, schermi in Grandi Stazioni ed evento) è stata ideata e sviluppata dal team di Publicis Modem. La partnership di Kellogg con Dottor Sorriso ha trovato ampia visibilità anche sugli scaffali della distribuzione moderna. Dottor Sorriso e la clownterapia sono infatti entrati nel packaging di numerosi prodotti Kellogg, contribuendo a costruire conoscenza e consapevolezza sul valore e contributo del sorriso nella cura e nell’assistenza dei bambini ospedalizzati.

 

Kellogg con il marchio Coco Pops ha inoltre lanciato un concorso instant win che mette in palio una festa di compleanno per bambini insieme a un clown di Dottor Sorriso.

articoli correlati